Mascarucci. Gli Eroi di Azov, come Costruire una Fake News. Consigli a Forza Nuova…

11 Maggio 2022 Pubblicato da 11 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, Americo Mascarucci ci offre questa riflessione spassionata su come i mass media main stream, in un esempio di cinismo gigantesco,  riescano a rendere commestibile ogni pietanza, anche quelle di fronte a cui fino a ieri avrebbero storto il nasino. Buona lettura.

§§§

 

Gli eroi di Azov, come costruire una fake news

Da giorni sta circolando sulle reti Mediaset un mega spot contro le fake news con esempi che hanno a che fare con la propaganda anti vaccinista e teorie definite complottiste perché sgradite al mainstream. Invece l’esempio migliore di fake news ce lo ha fornito proprio oggi Stilum Curiae proponendo l’articolo di Barbara Spinelli sul battaglione Azov. Leggi la Spinelli e capisci perfettamente perché l’Italia è scesa al 58esimo posto nei Paesi dove è garantita la libertà di stampa.

La fake news sta nel raffigurare mediaticamente come eroi e patrioti, addirittura assimilabili ai partigiani italiani, persone che si richiamano espressamente all’ideologia nazista nei loro simboli e nei loro proclami; che da quando sono liberi di spadroneggiare in Ucraina hanno distrutto monumenti dell’Armata Rossa che ricordano la liberazione dal nazismo; che nei loro cortei e raduni inneggiano ad ex ufficiali ucraini delle SS definiti eroi e simboli nazionali che hanno collaborato alla deportazione e allo sterminio degli ebrei; e che, dulcis in fundo, secondo specifiche denunce presentate in sede Onu sono stati accusati di crimini efferati contro i russi del Donbass dove sono stati inviati in “missione speciale” dal Ministero degli Interni proprio per soffocare ogni rigurgito separatista.

La Spinelli ha giustamente denunciato come i media abbiano modificato il linguaggio nei loro confronti, facendo sparire la parolina magica, “nazisti, da ogni servizio loro dedicato e raffigurandoli come patrioti che, barricati nelle acciaierie di Mariupol, con la loro resistenza stanno impedendo ai russi di prendere il controllo della città portuale.

Sera fa veniva quasi da ridere vedendo un telegiornale che, dopo aver mandato in onda un servizio celebrativo sugli eroi dell’Azov che sono pronti ad immolarsi per il bene della patria, denunciava con toni allarmistici e da resistenza democratica un pericoloso raduno di nostalgici fascisti a Dongo per onorare Benito Mussolini proprio laddove è stato fucilato, con braccia alzate, saluti romani e gli immancabili “onore al Duce”.

Quindi basta stare dalla parte dell’America e della Nato perché il nazismo non sia più un pericolo, anzi diventi quasi una benedizione in uno scenario di guerra in cui tutti gli schemi sono saltati e in cui è Putin ad essere oggi definito il “nuovo Hitler”; nonostante uno dei motivi che hanno provocato l’invasione russa in Ucraina è determinato proprio dalle violenze perpetrate dai nazisti di Azov contro i russi delle repubbliche separatiste del Donbass (la cosiddetta opera di de-nazificazione evocata da Putin).

Ma va detto che di fake news in questi giorni se ne potrebbero elencare tante altre. Il segretario della Nato ha dichiarato che mai e poi mai sarà riconosciuta alla Russia l’annessione della Crimea perché significherebbe legittimare un’operazione avvenuta in violazione dei trattati internazionali e dunque illegalmente. Giusto, ma allora perché con altrettanta determinazione la Nato non pretende il ritiro dei turchi dalla parte settentrionale di Cipro che occupano illegalmente dal 1974? Perché non pretende il ritiro dell’esercito israeliano dalle alture del Golan visto che l’Onu ha riconosciuto che quel territorio appartiene alla Siria e che Israele lo ha occupato con la forza? E perché non va a difendere le popolazioni sciite dello Yemen da anni oggetto della violenta repressione dell’Arabia Saudita storico alleato dell’Occidente?

Di fronte a tutte queste contraddizioni perché dunque meravigliarsi se mentre si celebrano le giornate della memoria, si va in processione nei memoriali della Shoah, si mettono al bando le formazioni neo naziste in tutta Europa, si fanno leggi per impedire il negazionismo dell’olocausto, in Ucraina si sostengono le formazioni paramilitari naziste eredi dei militanti delle SS che scelsero di collaborare con i nazisti per liberare l’Ucraina dal dominio sovietico e si resero complici delle loro atrocità?

Un copione analogo andò in scena durante la guerra dei Balcani, quando gli Stati Uniti nel dichiarare guerra alla Serbia cancellarono di colpo l’Uck, il gruppo paramilitare albanese per la liberazione del Kosovo e della Macedonia, dalla lista delle organizzazioni terroristiche. Lo fecero perché, come oggi i nazisti dell’Azov, erano utili alla causa della Nato, ovvero abbattere il regime serbo che si opponeva allo smembramento dell’ex Jugoslavia e all’allargamento dell’influenza occidentale nell’area balcanica. E i media subito si allinearono come oggi alla narrazione di guerra, raccontando degli orrori compiuti dai serbi e descrivendo invece eroicamente le azioni dell’Uck. Che per finanziarsi fra le altre cose trafficava pure in stupefacenti. Soltanto a guerra finita e ad obiettivo raggiunto si denunciarono le devastazioni delle milizie albanesi contro villaggi serbi e santuari ortodossi.

Così va il mondo, basta stare dalla parte giusta, quella dell’Occidente per essere riabilitati, ripuliti, resi degni persino di essere nazisti.

Un consiglio ai leader di Forza Nuova nostrani; la prossima volta invece di assaltare la sede della Cgil, assaltate l’ambasciata russa, devastatela e issate sul balcone la bandiera a stelle e strisce. Amnistia assicurata e magari ci scappa pure una cittadinanza onoraria per meriti civili, con tanto di medaglietta appuntata al collo dal presidente Mattarella, presente il premier Draghi e in video conferenza Biden dalla Casa Bianca a complimentarsi per l’eroica impresa.

Americo Mascarucci

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:

IT79N0200805319000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae



viganò, tosatti,

Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Categoria:

11 commenti

  • MARIO ha detto:

    Premetto che sono il solito Mario e non quello del commento sotto.
    Ma guarda guarda questo Mascarucci, che conosce personalmente Roberto Fiore, e improvvisamente indossa gli abiti di Lotta Continua…
    Ma perché questi destrorsi filo-russi e filo-putiniani non ricordano mai cosa fu Holodomor per gli ucraini (genocidio con 3 milioni di morti per fame, voluto da Stalin)?
    Come mai difendono la Serbia, che fu la maggior responsabile della guerra fratricida nella ex Iugoslavia e delle stragi nella Bosnia-Erzegovina?

  • FANTASMA DI FLAMBEAU ha detto:

    Prima pagina de “La Voce della Libertà”. Ancora per poco nelle vostre edicole e case.
    https://www.agi.it/estero/news/2022-04-23/ue-nuove-regole-contro-fake-news-contenuti-illegali-16478804/
    11 maggio 2022, Anno III E.C.

    Titolone cubico: “L’Asse Roma-Washington”.
    Sommario: “Una sola volontà all’unisono con l’alleato germanic…” (refuso della prima edizione).
    https://www.corriere.it/esteri/22_maggio_10/draghi-biden-vertice-casa-bianca-90e2f424-d087-11ec-ae98-deceb48b9302.shtml
    «Le nostre nazioni sono sempre state unite in modo forte e la guerra in Ucraina ha rafforzato questa unione».
    Editoriale: “La guerra è amicizia”, di Lino Linguetta (uno a caso; al 99% non si sbaglia).

    Taglio Alto-altissimo: “Il cappellano del battaglione”.
    https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2022/05/11/il-papa-incontra-mogli-dei-combattenti-del-battaglione-azov_0a37c633-cfa4-463c-85cc-eee8aa087456.html
    «Le giovani mogli dei militari di Azov hanno scritto nei giorni scorsi al Pontefice e a sorpresa è arrivato loro ieri l’invito per l’odierno incontro in udienza».

    Trafiletto storico. In caratteri “Times New Cortigian”.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Incendio_della_Casa_dei_sindacati_di_Odessa
    E in “Old Journalism”.
    https://www.agi.it/estero/news/2022-05-02/storia-strage-odessa-2-maggio-2014-16585305/

    Taglio Medio, come “Morti di serie B”. (Notare basi dei noti portatori di pace.)
    https://www.limesonline.com/yemen-hadi-al-alimi-tregua-riyad-emirati-huthi/127575
    «Il paese è infatti martoriato da un conflitto armato (scoppiato formalmente nel 2015, con un bilancio di circa 400 mila morti) e attanagliato da quella che l’Onu ha definito una delle peggiori catastrofi umanitarie del pianeta».

    Taglio Basso, che più giù si esce di layout e si comincia a scavare.
    https://www.avvenire.it/papa/pagine/papa-incontra-le-mogli-di-due-ufficiali-del-battaglione-azov
    «Le mogli dei soldati sono state accompagnate da Pyotr Verzilov, dissidente russo fondatore delle Pussy Riot, la rockband femminile che Putin ha fatto arrestare e condannare».

    Civetta (termine tecnico). Blasfema (vetero-cattolico/ante-bergogliano).
    https://it.wikipedia.org/wiki/Pussy_Riot#Protesta_anti-Putin_nella_Cattedrale_di_Cristo_Salvatore
    (salvate, prima che qualche povero disgraziato di Winston Smith ci metta mano)

    Pubblicità a pagamento. Vedremo di che entità (in ambedue i sensi).
    https://www.open.online/2022/05/11/eurovision-2022-el-mundo-vs-blanco-mahmood-coppia-omoerotica/
    https://www.byoblu.com/2022/04/28/tutorial-come-diventare-cantanti-famosi-e-di-successo-oggi/
    https://www.lastampa.it/vatican-insider/it/2022/04/17/news/brividi_in_vaticano_blanco_canta_dal_papa_sa_interpretare_le_inquietudini_dei_giovani_-3123278/

  • Maria B. ha detto:

    Non solo le reti Mediaset ma anche la rai si dà un gran da fare con diversi spot contro la disinformazione.

  • alessio ha detto:

    Alla parata di Mosca del
    9maggio , ho visto sfilare
    le bandiere rosse comuniste con
    falce e martello , evidentemente tirate fuori
    dalle cantine ; ci sono
    rimasto male , pensando
    che fossero retaggio di
    un passato crudele.
    Questo mi insegna che
    dobbiamo avere un
    severo giudizio distaccato
    su una guerra che non
    ci riguarda sebbene il
    feroce drago/draghi rosso
    dichiari il contrario .
    #giù le mani dai condizionatori.

  • Mimma ha detto:

    ” Perché si va in processione ai luoghi della Shoa” , mentre si dimenticano tutti gli altri genocidi del nostro tempo?
    Perché i nazisti ucraini sono addirittura istituzionalizzati
    e quindi possono passare per forze armate nazionaliste democratiche?
    Perché le occupazioni abusive di territori di altri stati non sono viste dall’Onu?…
    Già. Perché?
    Perché i padroni del discorso e delle vite di tutti gli abitanti della terra sono anticristici. Hanno come fine innanzitutto la cancellazione del Cristianesimo e dei suoi seguaci.
    Poi anche quello delle altre religioni. Se nel frattempo spariscono fisicamente gli abitanti del pianeta, l’operazione si semplifica. A ciò servono l’intruglio covidico e quello che seguirà.
    A costo di farmi dire che tutti i miei commenti si concludono sempre come i salmi col gloria, ripeto questo concetto.
    Costoro sono i precursori dell’Anticristo.
    Sappiamo a quali circoli appartengono, quali sono le loro origini sociali e religiose, la loro ideologia e persino i loro cognomi. Tutte queste conoscenze in nostro possesso bastano per rispondere ai quesiti di Mascarucci e a tante altre domande inespresse che conserviamo nel cuore.
    Preghiamo per tutti e per tutto, affinché otteniamo il dono della Fortezza, che ci sorregga quando giungerà il buio fitto di mezzanotte.

    • Guglielmo ha detto:

      Sapesse quanti ce ne sono di quegli anticristi alla FSSPX e in altri ambienti detti cattolici, almeno il 30%.
      C’è una sola spiegazione possibile quando si viene presi a pesci in faccia fin dal primo giorno in questi posti: non si è tra cristiani.
      Meno male che ci sono le mascherine, così quando andiamo a messa non ci identificano… come cristiani.

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Beh Mediaset che mette in onda megaspot contro fake news… risulta francamente come insulto alla decenza…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Mario ha detto:

    Articolo condivisibile nel contenuto generale ma pressapochista nella sua conclusione. L’euiparazione forzata tra il movimento Forza Nuova e Azov, in primis, l’uso della narrazione mainstream “assalto alla cgil” per il quale sono tutt’altro che accertate sia la ongruitá dei termini che le responsabilitá reali, a seguire. Le intenzioni (forse) erano buone, ma alla fine ha prevalso il politicamente corretto.

  • Giuseppe Provenzale ha detto:

    Capisco e apprezzo il paradosso, ma non riesco a riderne, mi creda, sa perché? Perché, pur non essendosi verificati alcun assalto né alcuna devastazione, così come adesso anche il dibattimento in corso sta dimostrando (ecco perché i media non parlano più della cosa) troppe persone (una madre e molti padri di famiglia) hanno fatto un minimo di 7 mesi di carcere prima del processo ed altri in carcere stanno tuttora. Inoltre, non essendo “nazisti”, pure l’accostamento ad Azov risulta oltremodo offensivo, molte le querele vinte su simili attribuzioni di ideologie a noi estranee. Conlcludo:
    dispiace constatare che il mainstream condizioni anche chi abita fuori da esso.
    Buona giornata

    Giuseppe Provenzale, portavoce nazionale Forza Nuova.

    • americo mascarucci ha detto:

      Giuseppe Provenzale, mi scuiso per l’accostamento che può essere risultato offensivo, ma la mia come ha ben compreso voleva essere una provocazione. So benissimo che voi non siete nazisti, conosco per altro Roberto Fiore anche personalmente e ho avuto modo di intervistarlo varie volte, Ma sa benissimo che in Italia c’è chi vorrebbe lo scioglimento della vostra formazione accusandosi di essere nazi-fascisti. La sinistra tira fuori il problema ad ogni campagna elettorale. Da qui la provocazione finale. Diventate filo atlantisti, anti-russi, e così la smetteranno di chiedere il vostro scioglimento. Tutto qui…spero di aver chiarito

      • Giuseppe Provenzale ha detto:

        In parte, è importante sottolineare che non c’è stato alcun assalto alla Cgil. Per comodità sua e dei lettori del Blog, le incollo il link di quanto scritto a questo proposito da uno dei nostri legali che offre qui un’efficace sintesi di quanto emerso nel corso dell’udienza del 6 maggio u.s,

        Grazie per l’attenzione e per la sua cortese precisazione.
        Giuseppe Provenzale

        https://vk.com/wall-157118084_3192

Lascia un commento