OMOTRANSFOBIA: ANCHE RUINI CRITICA L’AMBIGUITÀ DI AVVENIRE.

3 Luglio 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, ieri sera, come vi avevamo annunciato, su @ilpensierocattolico si è svolto un dibattito a cui hanno partecipato oltre a mons. Nicola Bux il cardinale Camillo Ruini e il senatore Gaetano Quagliariello. Vi consigliamo di andare su questo collegamento per seguire il dibattito, veramente appassionante. Ci sembra interessante però estrapolare due brani relativi al Disegno di Legge Zan sull’omotransfobia – qualunque cosa essa possa essere – del senatore Quagliariello e del card. Ruini. Buona lettura. 

§§§

Quagliariello: Penso che su questo tema sarebbe importante organizzare una battaglia. A diversi livelli: giuridico, in Parlamento e anche con momenti di mobilitazione. Credo che quel DDl abbia a che fare con il tema della verità e del politicamente corretto. Non si ha il coraggio, da parte dello stesso estensore, di ammettere ciò che quel disegno di legge contiene. Non si tratta di colpire chi fa uso di violenza, sia pure violenza verbale. Quel disegno di legge prevede un reato di opinione. Determinate opinioni possono essere punite penalmente. Sotto questo aspetto alcuni contenuti di quel disegno di legge avrebbero potuto essere ospitate dal Codice Rocco, espressione di regimi autoritari, se non totalitari, passati ai raggi X del politicamente corretto. Ma sempre reati di opinione rimangono. Su questo dovremmo impostare la nostra opposizione al DDL, e su questo si può suscitare sdegno.Quello che è veramente grave è che chi esprime un’opinione senza usare violenza on offendere può essere incriminato. E avere anche in teoria una condanna a molti anni.

***

Ruini: Questo è un tipico esempio di dittatura del relativismo. Cioè, in nome di alcune idee si ritiene non solo di poterle affermare, ma di criminalizzare idee diverse. E quindi un relativismo che diventa in realtà un assolutismo. E qui noi dobbiamo difendere la libertà di espressione, guai se cediamo su questo. E devo dire che in questo caso la CEI i è espressa in maniera tempestiva e chiara; però che cosa è accaduto? Che i giornali cattolici continuano a essere piuttosto ambigui, a dire, sì, è così, sotto un certo aspetto, però ci sono anche altre interpretazioni possibili. E non si dice invece come ha detto giustamente il prof. Quagliariello che se concediamo questa possibilità di censurare giuridicamente penalmente non delle offese, non delle istigazioni a colpire, ma semplicemente delle valutazioni di ordine antropologico e morale, allora veramente la libertà è in pericolo. E su questo credo anch’io che si possano ottenere vastissimi consensi; è ridicolo che la differenza fra uomo e donna possa venire alla fine criminalizzata.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

28 commenti

  • I gay non sono normali? ha detto:

    Così sembra da questa nota vaticana. “Incapaci di rapportarsi correttamente con uomini e donne”. Quindi o rinchiusi o in comunita’ con accompagnamento? Mi stupisce che nessun gay abbia mai notato questa sentenza che va ben al di la’ del sacerdozio ma colpisce le persone, pure aree. Tra l altro in contrasto con il dsm dove gli anormali son proprio i gay praticanti (lo sanno che sono pericolosi?) cioè omosessuali EGODISTONICI.

    DSM: “BIBBIA” PSICHIATRICA

    http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/ccatheduc/documents/rc_con_ccatheduc_doc_20051104_istruzione_it.html

  • Marcolino ha detto:

    Concordo con Ruini. Non e’ relativismo e’ assolutismo. Relativismo sarebbe poter dire le unioni gay non sono nel piano divino. Verrebbe da dire “chi di spada ferisce, di spada perisce”?
    Ma bisogna perdonare

    Tipo quella nota sul sacerdozio “chi ha tendenze gay non e’ in grado di rapportarsi correttamente con uomini e donne”

    Quando si sarebbe potuto scrivere

    “Chi ha tendenze gay e’ INCOMPATIBILE CON IL SACERDOZIO”

    Perché scritto come la prima si colpisce tutti i gay (o i tendenti), creandone handicappati mentali, senza pensione, però.

    Vedo che il cardinale e’ ancora in gamba. Mi fa piacere. Si parla di mafia di San Gallo, lui era dell’ altro partito “il sale della terra”.
    Però su BERGOGLIO tace pure lui?

  • Antonella ha detto:

    Penso a Silvana De Mari e a quello che sta affrontando per avere difeso la libertà di scienza prima ancora della libertà di fede, una lotta coraggiosa intrapresa nel rispetto della persona e indipendentemente dalle categorie che si vogliono far valere attraverso la solita scontata propaganda di girotondi politici.
    Non mi risulta che abbia avuto un sostegno dai palazzi vaticani o dai giornali che finanziano, sicuramente tanta solidarietà da parte di quel fronte cattolico che non si vergogna di marciare per la vita, che soprattutto non intende anestetizzare la propria memoria e coscienza barattando le verità di fede con surrogati ideologici miscelati di cristianesimo, chimere fatte ad arte per incantare nel vuoto desolante di oggi, illudendo che tutto possa integrarsi nel beneficio di tutti. Come in una indifferenziata le posizioni e visioni si equivalgono e perciò si riciclano per diventare altro e altro ancora nei liquami maleodoranti di cicli ininterrotti, destinati ad omogenizzarsi in quel sistema perverso che vuole precludere ogni identità ma che allo stesso tempo entra inconsapevolmente a far parte degli stessi ingranaggi che decideranno anche la sua di estinzione.
    Il gay pride non rinunciò a sfilare davanti al Santuario di Pompei offendendo l’immagine di Cristo, della Madonna e dei suoi Santi, potevano imbrattare con le strade anche il cielo, bambini ridotti a maschere, trascinati come animali nel corteo carnevalesco a tema sadomaso.
    Un quadro dissacrante che non ha pagato nulla per le offese, la profanazione, l’infanzia violata….
    Dopo qualche giorno giornalisti seri non mancarono di far sentire il richiamo della denuncia, dai pulpiti invece scese un silenzio raccapricciante.
    Ora vogliono impadronirsi della scuola, imponendo lo stereotipo della libellula ibernata in un mondo che dovrebbe invece insegnare a mettere le ali, sperimentando in piena libertà le proprie lezioni di volo!
    Penso al ribrezzo del Gabbiano Jonathan Livingstone…..
    Ha ragione Ruini quando parla di dittatura, ora però dobbiamo sapere cosa sarà fatto di concreto in difesa di coloro che dovranno esporsi sul serio a tutela della vita, una sola libera parola potrebbe essere considerata discriminante!
    La Chiesa Cattolica mai come adesso dovrà decidersi sul da fare, il compromesso ha già fatto troppi danni ed il tempo non fa sconti.

  • Iginio ha detto:

    Premesso che fobia significa paura, non odio, proviamo a immaginare una legge che dica: tutti coloro che odiano o parlano male del cattolicesimo e dei cattolici saranno condannati a pene detentive, pecuniarie e rieducative (presso confraternite, chiese e conventi). Scandalo, vero? Non si fa, ci mancherebbe. Ecco: invece è esattamente quello che, in forme diverse, si vorrebbe fare a chi osasse parlare male di omosessualità e derivati. Lascio poi da parte il fatto che da decenni la giurisprudenza ha sentenziato che invece l’incitamento alla lotta di classe – autentica istigazione all’odio – non è più reato e va annoverato come libertà di opinione. Se parlo male dei cattolici o dei “ricchi” o dei “borghesi” va benissimo. Se parlo male delle sinistre o dell’omosessualità, sono un odiatore cattivo che va punito e addirittura rieducato. Alla faccia dell’uguaglianza. Tra parentesi: in Italia l’omosessualità non è mai stata reato. Sarebbe grottesco rendere reato il criticarla.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Ancora una volta i cattolici vogliono combattere i ragazzi con le loro armi. La disfatta è certa.
    Libertà di espressione non è mai stata e non può essere un’ ideale cristiano, ma tipicamente ragazziano.
    Finché non si combatta con le proprie armi, verità e fede, la Chiesa non può vincere.

    • DON ETTORE BARBIERI ha detto:

      Mi scusi, perché li chiama “ragazzi”?
      Ne conosco tanti che lo sono davvero (se con questo termine intende degli adolescenti), che sono molto meglio di quelli di cui stiamo parlando..

    • Marcolino ha detto:

      Ho una domanda sulla VERITA’.
      Un uomo muore quando si ferma il cuore o quando l’elettroencefalogramma e’ piatto?

      • Marcolino ha detto:

        E do’ la (mia) risposta. La verita’ e’ Dio che e’ Amore. Conoscendo Lui diventiamo liberi.

        In quanto al caso in oggetto. Non son medico pero’ e’ la “classica” domanda…dato che per alcuni finché il cuore batte c e vita, gli espianti a cuore battente sarebbero omicidi. D altronde la chiesa era contro la donazione degli organi: una volta.

        E così sugli embrioni crioconservati, sull eutanasia ecc.

        Una volta non c era la tecnica. Oggi non sappiamo dove inizi e finisca la vita.

  • VALERIO ha detto:

    BUONGIORNO SIG. TOSATTI . LE VORREI CHIEDERE UN CONSIGLIO PER LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2020 . LA PREGO NON PENSI MALE DELLA MIA RICHIESTA , NON VOGLIO METTERLA IN IMBARAZZO NE’ OBBLIGARLA A SCEGLIERE PER ME , MA SONO NEL DUBBIO . DARE ANCORA
    L’8 PER MILLE ALLA CHIESA CATTOLICA IN CUI NON MI RICONOSCO PIU’ NEI VERTICI . LA TENTAZIONE E’ DARE 8 X MILLE ALLA SACRA ARCIDIOCESI ORTODOSSA D’ ITALIA , MA PRIVARE DEL SOSTEGNO I POVERI PARROCI E LE DIOCESI BISOGNOSE E’ GIUSTO ? MA D’ ALTRONDE VISTI GLI ULTIMI SCANDALI COME FIDARSI CHE I SOLDI ANDRANNO EFFETTIVAMENTE ALLE NOSTRE PARROCCHIE BISOGNOSE ? COME VEDE SONO PIENO DI MA E DI DUBBI ,SE PUO’ MI DIA UN CONSIGLIO.
    COMUNQUE GRAZIE PER QUALSIASI SUA SCELTA DI RISPONDERMI O NO .
    LAUDETUR JESUS CHRISTUS

    • newman ha detto:

      @ Valerio Il Suo non é un dilemma. Dia semplicemente la somma che dovrebbe dare con l’8 per mille alla chiesa cattolica bergogliana a qualche buon sacerdote in stato di necessitá. Mi sembra ci sia addirittura un’associazione che sostiene finanziariamente tali sacerdoti, spesso vittime di discriminazione e persecuzione per la loro ortodossia cattolica.

      • Corrado Bassanese ha detto:

        Comunque l’8 per mille, se non segnato, va ripartito tra le varie “religioni” in base al seguito che hanno.
        Il mio otto lo assegno allo stato, nella sottocategoria di sovvenzione alla scuola.
        Il precetto di sostenere la Chiesa, lo assolvo nel donare alla mia parrocchia ed a qualche congregazione ancora “libera”.
        A proposito, qualcuno mi saprebbe dare delle indicazioni sui custodi del Santo Sepolcro?

    • Antonio Cafazzo ha detto:

      Scrupoli ?

      Ri-sovvenzionare la voragine di Avvenire, Famiglia Cristiana, la pletora di sterili uffici “pastorali” delle 3000 diocesi della terra?
      I lorsignori hanno lo scrupolo di acquistare edifici londinesi con milioncini quando parroci di periferia tirano la carretta?
      Io “alimento” direttamente il parroco anche perché non mi stufa con un’ipocrita teologia terzomondista e collette “solidarie”.

      Tentazione di sostenere la Chiesa ortodossa?
      Non so. So solo che ieri Putin che è appoggiatissimo dalla Chiesa Ortodossa Russa ha stravinto (77,9 %).
      La sua nuova Costituzione:
      1) definisce il matrimonio come “un’unione tra un uomo e una donna” e pertanto ciao, ciao ai matrimoni dei sodomiti (gay);
      2) menziona la “fede in Dio”.

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    “Libertà di espressione”e coerenza: favole. Desideri.
    Nella chiesa moderna la REALTA’ ha altre sostanze che i dibattiti possono solo consolare un po’ ma NON cambiare. Ahi noi.
    Due FATTI freschi di giornata (fra i tanti) molti eloquenti della cloaca vigente.

    – Il vescovo di Lafayette-in-Indiana Timothy Doherty ha sospeso padre Theodore Rothrock di S. Elisabetta Seton per aver chiamato “vermi e parassiti” gli organizzatori di Black Lives Matter, quell’organizzazione finanziata da Soros che distrugge anche le statue di santi negli Stati Uniti. Vescovo pusillanime, codardo, vile con i BLM ma forzuto e vigoroso con un sacerdote. (https://infovaticana.com/2020/07/03/suspenden-a-un-sacerdote-en-ee-uu-por-llamar-gusanos-y-parasitos-a-blm/)

    – CLOACA MASSIMA. Un certo padre Rick Walsh, paulista, nella sua chiesa di St. Paul a New York, in un’omelia assicura che “Cristo è lesbico, gay, bisessuale, transgender e checca”.

    Nel seguente video potete apprezzare la performance.

    • Adriana ha detto:

      Antonio Cafazzo ,
      di modo che quando si pastrugna con i pornhub poliamorosi , può sempre dire che sta pregando…devotamente .

  • anna ha detto:

    “… allora veramente la libertà è in pericolo”.

  • oikhf ha detto:

    Io penso che il problema della maggioranza dei “pastori” di oggi, a partire dai gradi più alti, sia in gran parte l’ignoranza.

    Come si può infatti ammettere l’omosessualità se si conosce San Paolo?
    Come si può dire “Gesù non ha mai parlato di omosessualità” se si sa cosa dice la Tradizione e che essa costituisce la Parola di Dio, insieme alla Scrittura?

    Ma molti preti, per sentirsi moderni e “up-to-date”, oltre che per pigrizia e comodità, si orientano sulle varie questioni più ascoltando la tv che guardando la Rivelazione.

    • newman ha detto:

      @ OIKHF
      Ma allora non é ignoranza bensí malafede, se non di peggio.

      • OIKHF ha detto:

        Secondo me a volte proprio non sanno, o non sanno più, perché dopo l’ordinazione non studiano (e non pregano) più.

    • DON ETTORE BARBIERI ha detto:

      Non è ignoranza, è ideologia. Anziché prendere come riferimento Scrittura e Tradizione si rifanno agli schemi progressisti del “sì, ma anche”, che è il modo migliore per eludere la verità e accettare qualunque cosa in nome dell’inclusione, come dice molto bene Antonella.

  • Rafael Brotero ha detto:

    I ragazzi sono grandi difensori della “libertà di espressione”, figura mitologica mai esistita.
    Vogliono soltanto distruggere il Cristianesimo e mettere al suo posto il bergoglismo.

  • Marco Matteucci ha detto:

    A Sua Santità Benedetto XVI
    Papa emerito

    Lei ha avuto la delicatezza di comunicarmi per primo la notizia del decesso del suo amato fratello Mons. Georg. Desidero rinnovarLe l’espressione del mio più sentito cordoglio e della spirituale vicinanza in questo momento di dolore.
    Assicuro la mia preghiera di suffragio per il compianto defunto, affinché il Signore della vita, nella sua bontà misericordiosa, lo introduca nella patria del cielo e gli conceda il premio preparato per i fedeli servitori del Vangelo.
    E prego anche per Lei, Santità, invocando dal Padre, per intercessione della Beata Vergine Maria, il sostegno della speranza cristiana e la tenera consolazione divina.
    Sempre uniti nell’adesione al Cristo risorto, sorgente di speranza e di pace.

    Filialmente e fraternamente
    Dal Vaticano, 2 Luglio 2020

    Francesco

    SE ANCHE BERGOGLIO RICONOSCE CHE BENEDETTO XVI È IL PAPA. LA NOSTRA È GRAVE!
    SI CHIAMA CONNIVENZA ED È IMPUTABILE A TUTTI COLORO CHE CONTINUANO A DAR FINTA DI NULLA, NESSUNO ESCLUSO. …NEMMENO COLORO CHE ORA FANNO I MISTICI!

  • Enrico ha detto:

    Intanto il “cardinale” Matteo Maria Zuppi presenzierà alla festa dell’Unità di Bologna.

    Cattocomunismo stomachevole.

  • Raffaella ha detto:

    Bei tempi quelli del Card. Ruini, di tutt’altra pasta rispetto ai Bassetti, ai Delpini per non parlare di Zuppi…

  • Valentina ha detto:

    Pronto, Bergoglio?

    • Sherden ha detto:

      Non risponde: è andato in gran segreto in amazzonia a riportargli la pachamama (che fra l’altro non è neanche la loro) e al ritorno prevede una capatina da Marx, Kasper e allegra combriccola sinodal-teutonica per mettere a punto la nuova enciclica “il mondo è gaio” (a chi gli faceva notare che ci sono questioni urgenti in vatikano, pare abbia risposto: “non tiratemi per la Zanchetta”)…