Rischi, Pericoli e Inutilità del DDL Zan Illustrati Graficamente. Da Diffondere.

15 Giugno 2021 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, fra le tante sciagure di questo sciagurato Paese continua a incombere la minaccia di un Disegno di Legge liberticida, inutile e dannoso, il DDL Zan. Dal sito Facebook di “Nelle Note”, sempre attento e attivo su questo tema, vi proponiamo quanto segue. Una carrellata esplicativa estremamente chiara e facile da capire e diffondere. Buona lettura. 

§§§

#DDLZAN: PERCHÉ NON VA
Il Centro Studi Rosario Livatino ha preparato delle diapositive che sintetizzano il libro di Alfredo Mantovano di critica puntuale al DDL #Zan sulla cosiddetta “omo-lesbo-bi-transfobia”.
Noi ne abbiamo fatto una rielaborazione grafica che vi presentiamo qui immagine per immagine e che potete invece scaricare dal nostro blog come presentazione ppt.

§§§

 

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

6 commenti

  • Chiara De Lorenzi ha detto:

    Ma se un uomo si percepisce donna e questa sua PERCEZIONE deve assumere per me valenza normativa, cioè diventa legge, perché non può valere il contrario? Posso io PERCEPIRE un trans come uomo camuffato da donna e comportarmi di conseguenza?

  • Chiara De Lorenzi ha detto:

    Ma se quello che conta è la PERCEZIONE DI SE’, per cui diventa norma riconosciuta, il dato per cui tutti devono adeguarsi ai desiderata dei cosiddetti LGBT, non dovrebbe valere anche per tutti? Se io mi trovo davanti un uomo che si percepisce donna perché’ vale solo la SUA percezione e non la mia che lo percepisco come maschio camuffato da femmina?

  • Non solo ha detto:

    Non solo offese agli omosessuali. Almeno non credo. La legge, se ho capito bene, dovrebbe condannare tutti coloro che si oppongono alle diversità. Cioè omofobia e antislamismo sarebbero ugualmente condannate da questa legge.
    Se vi interessa sapere cosa accade in paesi in cui l’islam è più radicato di quanto non sia da noi potete leggere la recensione di Giulio Meotti al libro di Mila sulla prima pagina del Foglio di oggi.
    Leggibile anche su informazionecorretta.com

  • Anonimo verace ha detto:

    Perdonatemi se ribadisco che coloro che sostengono questo disegno di legge non debbono pensare di essere dentro l’insegnamento della dottrina cristiana.
    Semplicemente sostenendolo si pongono al di fuori della dottrina stessa.
    Noi cristiani dimentichiamo facilmente l’esistenza dello Spirito Santo . O meglio seguiamo superficialmente le sue festività ecclesiastiche, ma ci dimentichiamo velocemente della sua esistenza nella vita di tutti i giorni, quando avremmo veramente bisogno del suo aiuto.
    Preghiamo affinché i nostri legislatori siano illuminati dalla luce dello Spirito Santo e capiscano che l’approvazione di questo disegno di legge ci porterebbe ancora più lontano da una possibile civiltà cristiana.
    IMBAŔBARIMENTO è lo scopo dei promotori di questa proposta assurda.

  • Libertà di insegnamento ? ha detto:

    Se venisse approvato il disegno di legge Zan sarebbe solo la ciliegina sulla torta , ovvero la conclusione di un lungo percorso teso ad eliminare la libertà di insegnamento nelle nostre scuole ed iniziato più di 50 anni fa con la riforma in senso riduttivo dell’esame di maturità. Le tappe successive sono state la riduzione della serietà degli studi nelle scuole secondarie superiori, l’introduzione nella scuola di consigli di classe e di istituto (siamo alla primavera del 1975), la successiva contestazione dei professori scomodi o meglio non allineati alle imposizioni ideologiche che i partiti volevano introdurre nella scuola.
    Devo continuare ?