Cristina, Denise, e l’Ingiustizia. E il Silenzio del Ministro Elena Bonetti.

8 Giugno 2021 Pubblicato da 24 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, mentre la follia gender trabocca ovunque nel mondo occidentale, e spinge con il DDL liberticida Zan per irrompere anche in questo sventurato Paese, ci sembra interessante riportare la storia narrata su Facebook dal sen. Pillon. Una vicenda esemplare, testimonianza ulteriore di come quello sciagurato progetto sia in realtà contro le donne. Ma quelle de sinistra non se ne accorgono…un po’ come nel caso della ragazza pakistana. Buona lettura.

§§§

Buongiorno amici. Oggi parliamo di cosa è successo in Italia in questi giorni a Cristina Sanulli e Denise Neumann. Si tratta di due atlete che hanno saputo costruirsi, a prezzo di duri sacrifici, un percorso di eccellenza sportiva nel panorama dell’atletica leggera, riuscendo a conciliare il loro lavoro e gli impegni familiari con il costante allenamento settimanale.

Erano imbattibili. Erano.

A fine 2020 tuttavia Cristina e Denise sono state costrette a lasciare la medaglia d’oro a Valentina Petrillo, atleta transgender uomo che si percepisce donna.

Sentiamo le loro parole: “L’altezza, la larghezza di spalle e bacino, il livello muscolare erano diversi dai nostri. A livello internazionale capita di incontrare avversarie – soprattutto tra le americane – grandi e potenti, ma con Valentina l’impressione è stata un’altra. Come detto, ho giocato a lungo a calcio, incrociando i tacchetti con atlete anche molto mascoline. Ma mi sentivo alla pari, sensazione che non ho mai percepito quando, in campo, giocavamo contro uomini che, per quanto scarsi, hanno una stazza e una potenza superiori. Sensazione che non ho percepito nemmeno ad Arezzo, contro Valentina”. “Condivido – aggiunge Sanulli –: non mi sono sentita di avere gareggiato alla pari. Era la mia gara, l’obiettivo della stagione. La preparavo da tempo, volevo vincere. È innegabile: l’amarezza c’è”.

In questi giorni, secondo quanto riportato dalla stampa on line, Cristina Sanulli, Denise Neumann e altre atlete hanno presentato ricorso e chiesto l’intervento del monistro Bonetti, che tuttavia fino ad ora ha rifiutato ogni risposta.

Mi chiedo se col ddl Zan le legittime pretese di parità e di lealtà delle competizioni sportive femminili non rischierebbero di esser processate e punite come transfobiche.

Eppure basta uno sguardo alla fotografia del podio per capire…

Massimo rispetto per tutti, ma i maschi gareggino coi maschi, e le femmine con le femmine.

E questa non è transfobia, ma autentico buon senso..

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

24 commenti

  • Sherden ha detto:

    Mi spiace per le (vere) atlete, ma sorridere prima davanti al fotografo e lagnarsi poi a telecamere spente, non mi pare una gran gesto di coerenza. Al loro posto, alla cerimonia di premiazione, mi sarei girato di spalle.

  • paolo ha detto:

    Condivido : le donne si rifiutino di gareggiare, appoggiate ovviamente anche dai loro allenatori. Sarebbe un atto eccezionale e ripreso (spererei) da tutte le testate giornalistiche e sportive…. sfiderei i trans e tutti i sinistroidi a dire che le donne sono omofobe !!!

  • monica ha detto:

    Ma se la medaglia d oro domani si sente una bambina di 5 anni la facciamo entrare in materna ?

  • Milli ha detto:

    Ci ho pensato bene, facciamo le transolimpiadi.
    Con gli uomini non possono gareggiare, con le donne neppure, facciano allora una loro categoria.
    Dopo le paralimpiadi, ecco le transolimpiadi.
    E che cavolo.

  • Adriana 1 ha detto:

    Non tutti/e i/le trans sono vigliacche. L’icona USA Catylin Jenner ( ex campione olimpico) si è pronunciata contro le trans nelle competizioni sportive femminili. Se ne deduce che da noi le evolute signore sportive hanno ancora bisogno della voce del padrone maschio per ottenere i propri diritti, anche se si tratti di un maschio artefatto.

  • Donna ha detto:

    Tutte le donne atlete dovrebbero ribellarsi e rifiutarsi di gareggiare, perché la’ dove la società ormai nega l’evidenza la natura mostra ineluttabilmente che le differenze sul piano fisico (muscoli,potenza, resistenza ecc.)ci sono e permangono, e ciò si vede semplicemente anche guardando la foto, ma tant’è …..
    E comunque mi chiedo che gusto vi sia a vincere facile,….

  • GINO ha detto:

    Alla sordina l’Italia è già discesa agli inferi? accusavamo Biden e qui in Italia era già tutto compiuto?
    L’unica cosa è unificare le gare tra maschi e femmine, così quei vili finiranno di essere spavaldi con le donne.

  • : ha detto:

    Massimo rispetto? No! Posso avere compassione, ma non rispetto.

  • Nicola Buono ha detto:

    Dovevano fare come è stato fatto con Vladimiro Luxuria che, non mi ricordo più in che ambito , è stato cacciato da alcune donne dal bagno delle donne.

  • Enrico Nippo ha detto:

    https://youtu.be/JXJ-a_1qKo0

    🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

    • Adriana 1 ha detto:

      Come far coincidere il discorso con la dedicatio. :-))

      • Enrico Nippo ha detto:

        Sono profondamente convinto che non valga la pena guastarsi il sangue per lo squallore e la demenzialità dilaganti. Fanno parte del gioco e dobbiamo starci, ovviamente distaccandocene ma, è questo il punto importante, con un certo spirito goliardico, un spirito da Matti che rifugge dal “Gesù , Gesù!!! Oddio!!!”, dal mettersi le mani nei capelli perché il Diavolo fa il suo mestiere.

        Lui, il Diavolo, fa il suo mestiere e noi facciamo il nostro, e meglio lo facciamo e più il Cornuto rimane scontento.

        Al riguardo, scompisciamoci davanti al genio malefico, ebete ma anche buffo di Michela Murgia, vero e proprio disonore per le donne (vere), la quale, apprendo stamani, nei suoi articoli (scialbi) usa lo schwa, il segno del genere neutro “ə”, in linea con il gender fluid che va tanto di moda.

        Povera Michela! Almeno avesse un briciolino di sexy appeal!

        Una volta i pagliacci (persone serie) facevano ridere nel circo, oggi i buffoni (cripto esseri solfurei) ce li ritroviamo in mezzo alle scatole. 😂😂😂

  • Nicola Buono ha detto:

    A proposito di follia gender lgbt, ecco un video delle proteste a Parigi contro il progetto di fecondazione eterologa.

    https://youtu.be/nu32CXWxCuw

  • Domanda ha detto:

    Non ci si può opporre legalmente all’iscrizione di maschi nelle gare riservate alle donne ?
    Se uno non ha fatto operazioni varie può dire di essere qualsiasi cosa ma non lo è .

  • Elettore Perplesso ha detto:

    Però di queste faccende bisognerebbe parlarne di più nelle campagne elettorali. In queste settimane, per esempio, Lega e Forza Italia stanno trattando alleanze o addirittura una fusione; gli elettori di centro-destra hanno diritto di conoscere, senza furbate, la posizione di FI (devo essere sincero, io non la voterò mai, comunque) su questi temi, così come su animalismo ec.
    Per quanto riguarda le femministe, beh per quanto combattive restano tuttavia femmine; questi travestiti hanno ben altra aggressività e determinazione. Detto ciò, continuo a provare per loro una gran pena, anche perché sarà sempre più difficile, anzi forse impossibile, offrir loro una possibilità di “riconversione”; forse solo qualche chiesa evangelica fondamentalista avrà l’ audacia di farlo (progetto “Coraggio”). In ambito cattolico….

  • G. ha detto:

    Dato che posso ancora dirlo, lo dico forte: che schifo!!!

  • Marco Bertino ha detto:

    A passi distesi e veloci verso la Fine

  • Maria Luisa ha detto:

    Ma te pareva che il ministro intervenisse e tanto meno si degnasse di rispondere! Poveri noi come siamo messi male! Speriamo che cambi qualcosa molto presto: Auguriamocelo.

  • Grog ha detto:

    Basterebbe che le donne vere si rifiutassero di gareggiare con quelle finte e il problema si risolverebbe fa solo.
    Voglio proprio vedere a chi interesserebbero i cimenti di travestiti!

    • Aurelio ha detto:

      Sarebbe un’ottima soluzione, senonché lo sport ad alti livelli è frutto di anni e anni di esercizio, allenamenti, fatiche, spese, insomma di una gran mole di sacrifici. Mica facile, a quel punto, rinunciare per testimoniare ciò che il semplice buon senso imporrebbe.
      Per le atlete donne “vere” è una situazione che, in inglese, si definisce lose-lose.

    • Milli ha detto:

      Oppure potrebbero evitare di posare nelle foto sorridenti, come niente fosse. Vabbè, si rischia di essere bollati come omofobi, ma questi trans sono misogini, altroché!

Lascia un commento