Katalin Novák: la Sinistra Vuole Distruggere Famiglia, Stato, Identità.

28 Gennaio 2021 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, ci sembra interessante rilanciare, nella nostra traduzione, l’intervista che il portale portoghese Dies Irae ha realizzato con il ministro ungherese Katalin Novák in tema di famiglia, Europa, demografia, valori cristiani e libertà. Buona lettura. 

§§§

Signora Ministro, cominciamo col ringraziarla per averci concesso questa intervista molto importante e speriamo che questo nuovo anno possa essere pieno delle benedizioni di Dio e di Santo Stefano per l’Ungheria, per il governo ungherese e, naturalmente, per lei. Speriamo, presto, di poterla ricevere nel nostro Paese. Brevemente, qual è il suo bilancio del 2020, anno segnato da COVID-19, a livello nazionale e internazionale?

Abbiamo assistito a un anno come nessun altro. È la prima volta in più di un secolo che una pandemia ha messo in ginocchio il mondo. Ha costretto i chi decide, i leader politici ed economici, così come i cittadini a rivalutare le loro priorità e a pensare a ciò che conta davvero. Possiamo anche concludere che tra gli effetti negativi della globalizzazione non possiamo parlare solo del cambiamento climatico o della migrazione illegale, ma dobbiamo rivolgere la nostra attenzione anche ai rischi legati alla salute pubblica. Ogni crisi internazionale ha dimostrato che gli stati nazionali rimangono gli attori più capaci e potenti per difendere gli interessi dei loro cittadini. Questo era vero dopo la crisi economica del 2008, anche dopo la crisi migratoria del 2015 ed è vero anche ora. Indipendentemente dal potenziale delle organizzazioni internazionali nell’aiutare i paesi a coordinare e mitigare gli effetti delle crisi, esse non sono state in grado di prevedere, preparare e consigliare i governi nazionali. I governi nazionali sono stati in grado di prendere decisioni e rischi responsabili e hanno agito quando si è trattato di limitare i viaggi, salvare i settori, limitare la libera circolazione, acquisire attrezzature mediche e protettive urgenti mesi prima dell’UE o di altri. Infatti, devo tristemente notare che nel caso dell’Ungheria, le organizzazioni internazionali e gli oppositori politici hanno cercato di ostacolare i nostri sforzi di protezione etichettando la nostra legge d’emergenza approvata questa primavera come un regresso autoritario – hanno persino mentito sul Parlamento dicendo che non era in seduta, mentre lo era.

Lei è ministro delle famiglie, nel governo di Viktor Orbán, dall’ottobre 2020. Tuttavia, lei conosce la politica ungherese da molti anni. Inoltre, lei è sposata e ha tre figli. Cosa l’ha portata a difendere con tanta forza il nono emendamento alla Costituzione ungherese, approvato il 15 dicembre da un’ampia maggioranza parlamentare?

Proprio come ha detto lei, in primo luogo sono la moglie di mio marito e la madre dei nostri tre figli. Prima della mia nomina, sono stata per anni responsabile della politica familiare ungherese. Con la modifica della nostra legge fondamentale abbiamo registrato cose che sono ovvie per il popolo ungherese. C’è una tendenza allarmante in cui le verità di base che l’umanità riteneva ovvie e indiscutibili vengono ora contestate. L’ideologia politica sembra prevalere sulla scienza e sulla ragione. Questa tendenza non è ancora presente in Ungheria, la gente crede ancora che gli uomini sono uomini e le donne sono donne e non si può cambiare il proprio DNA o fingere che sia possibile. Abbiamo approvato una legislazione per chiudere le scappatoie legali e per determinare chi lo stato riconosce come uomo o donna, sulla base della biologia e della scienza e non dell’ideologia sociale e politica. A dicembre abbiamo aggiunto alla Costituzione che un padre è un uomo, una madre è una donna. Anche se questo è ovvio per noi, oggi è contestato. Vogliamo difendere i nostri bambini e lasciarli essere bambini senza usarli per nessuna base ideologica. Parte centrale del pensiero del governo ungherese, è che l’interesse e il benessere del bambino sono prioritari.

 

In tutto il mondo, in particolare in Europa, vediamo un rifiuto della cultura cristiana come garante dell’unità e della coesione degli Stati. Invece, l’Ungheria, attraverso il suo governo, sceglie di sottolineare e rafforzare questa importanza del cristianesimo come un valore essenziale per la conservazione dell’identità ungherese. Cosa muove il governo?

La statualità ungherese è profondamente intrecciata con il cristianesimo. Le tribù ungheresi arrivarono in Europa nell’VIII secolo e i leader ungheresi furono accettati dai leader europei quando ci convertimmo al cristianesimo e il Papa mandò una corona al nostro primo re. Nel corso dei secoli, il re Santo Stefano I d’Ungheria e altri re ungheresi sono stati canonizzati. L’Ungheria ha combattuto molte guerre per difendere il cristianesimo ungherese ed europeo. Siamo al confine tra il cristianesimo orientale e quello occidentale, siamo stati per secoli al confine tra il mondo cristiano e quello musulmano e siamo stati al confine della guerra fredda, purtroppo sul lato orientale dove l’impero sovietico ha cercato di sradicare il cristianesimo. La nostra storia è una storia di sopravvivenza degli ungheresi ma anche una storia di sopravvivenza del cristianesimo. Anche gli ungheresi che non credono in Dio capiscono e riconoscono la profonda connessione tra identità cristiana, identità ungherese e statualità ungherese.

Sempre seguendo la domanda precedente, ma affrontando il tema della Famiglia naturale, cioè composta da un uomo, una donna ed eventuali figli, quale le sembra la centralità che la Famiglia deve avere in una società? È perché?

Le famiglie sono le unità di base di qualsiasi società, la comunità più piccola e più vicina di tutte le comunità. Sono il tessuto della nostra società, se disfiamo questo tessuto, le nostre società nel loro insieme andranno in pezzi. È dove i bambini sperimentano e imparano l’amore, la solidarietà, ma anche la responsabilità e il valore della comunità. Non tutti i bambini hanno la fortuna di crescere in una famiglia felice, ma è interesse della società e quindi dovere dello Stato aiutare e difendere le famiglie. Una società in cui la gente non vuole avere figli, non crede che valga la pena riprodursi, è condannata a morte. Il fatto che il tasso di fertilità in tutti i paesi europei non raggiunga la fertilità di sostituzione la dice lunga sui nostri valori e sul nostro modello socio-economico. Per qualche ragione, i leader europei non vogliono riconoscere questa situazione. Ci preoccupiamo del cambiamento climatico e del futuro del nostro pianeta, ma non ci preoccupiamo del fatto che ci devono essere nuove generazioni a cui dare il nostro pianeta. Per questo vogliamo dare l’opportunità agli ungheresi di avere tutti i figli che vogliono.

 

Nel 2017, un partito portoghese di estrema sinistra, che attualmente sostiene il governo, ha sostenuto che i minorenni, a partire dai 16 anni, dovrebbero poter fare causa ai loro genitori se questi non concedono loro il permesso di cambiare sesso. Il governo, contro un parere tecnico ed etico, ha approvato la possibilità di cambiare sesso a partire dai 16 anni, anche con l’autorizzazione dei rappresentanti legali dei minori. Così, stiamo assistendo a una decostruzione dell’identità con cui ognuno nasce e a un completo rifiuto e banalizzazione del potere di influenza che la Famiglia, giustamente, può e deve esercitare sui propri figli, soprattutto quando sono minorenni. Quali commenti meritano misure come queste? C’è qualcuno che le propone anche in Ungheria?

C’è un detto in Ungheria per qualcuno che è completamente perso: Non sa nemmeno se è un ragazzo o è una ragazza. Ne risulta anche che per un bambino, uno dei principali punti di sicurezza è il suo sesso.  Non ci sono proposte simili in Ungheria come in Portogallo, ma questa tendenza è esattamente il motivo per cui abbiamo approvato certe leggi in Ungheria. Lo sviluppo mentale e fisico dei bambini è una cosa molto fragile. Gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili alle influenze – tutti i genitori possono esserne testimoni. Abbiamo leggi che rendono i genitori responsabili delle azioni e dello sviluppo dei bambini per una ragione. I bambini hanno una responsabilità limitata per le loro azioni per un motivo. Non possono bere alcolici, guidare una macchina o votare alle elezioni sotto una certa età per una ragione. Lo stato e la società hanno l’obbligo di difenderli e anche di proteggere il loro interesse. Prendiamo ad esempio le norme sull’istruzione obbligatoria. Non ho seguito questo dibattito in Portogallo, ma probabilmente la società portoghese è passata attraverso gli stessi dibattiti e argomenti. Se questo è ciò che la maggioranza ha sostenuto, dobbiamo rispettarlo. Se l’opinione della maggioranza cambia, sarà possibile cambiare questo regolamento. Credo che questo  sia una buona lotta e una lotta che vale la pena combattere, ma ogni società deve assumersi le proprie responsabilità per il proprio futuro e per quello dei propri figli.

 

Alla luce dell’attuale quadro politico europeo, i continui attacchi all’Ungheria, un po’ come alla Polonia, possono essere visti come una conferma che sono sulla strada giusta?

Se siamo attaccati dalla sinistra deve significare che non stiamo perseguendo ideologie di sinistra ma valori conservatori. Questo è ciò per cui siamo stati eletti. Alcuni anni fa un comunista portoghese ha guidato questo sforzo nel Parlamento europeo contro l’Ungheria. Da allora siamo stati rieletti due volte. Queste sono questioni che ogni popolo deve decidere da solo. L’Ungheria è stata testimone di quattro decenni di imposizione del modello comunista e socialista. Le persone che hanno vissuto in un paese socialista non capiscono mai perché il socialismo può essere ancora un sogno romantico per molti in Europa occidentale. In Ungheria i governi socialisti hanno distrutto il paese con conseguenze durature nel 1919, 1989 e 2009. Sentiamo l’effetto e soffriamo le conseguenze di tutti e tre fino ad oggi.

 

In Portogallo, abbiamo seguito con grande interesse tutta l’azione del governo Orbán, soprattutto nelle questioni che riguardano la libertà religiosa, la famiglia e l’immigrazione. L’invasione musulmana dell’Europa, con le sue migliaia di immigrati clandestini, è uno dei fattori che, secondo lei, hanno portato all’adozione di politiche familiari e matrimoniali assolutamente antinaturali? Quale risposta ha dato l’Ungheria di fronte a tale scenario? E, in particolare, il suo Ministero?

La sinistra non crede nel ruolo della nazione e degli stati nazionali né nell’identità. Vogliono sostituire i valori e l’identità tradizionali con una nuova identità, spogliata del patrimonio. Abbiamo visto diversi tentativi in questo senso nella storia.

Il rifiuto dei valori della famiglia e la promozione dell’immigrazione vanno di pari passo. Se la famiglia, la procreazione e il patrimonio comune non hanno valore, allora gli immigrati illegali non rappresentano alcun rischio e l’immigrazione di massa è solo una questione di numeri richiesti sul mercato del lavoro.  Le famiglie sane non sono più necessarie perché la riproduzione non ha importanza e l’immigrazione può risolvere la demografia. È una visione molto materialista e noi non la condividiamo. Se le famiglie e la riproduzione non sono più collegate, allora la famiglia, il matrimonio e la sessualità possono essere qualsiasi cosa si voglia e sono solo una questione di moda e ideologia. In Ungheria, crediamo che la nostra cultura e il nostro patrimonio siano degni di essere protetti e trasmessi alle generazioni future, quindi ci concentriamo sulla costruzione di una società dove il matrimonio è definito come un’unione tra un uomo e una donna, dove le famiglie sono definite dal matrimonio o dal rapporto genitori-figli, e la società valorizza i bambini e premia la procreazione. È per questo che dal 2010 stiamo costruendo un paese favorevole alla famiglia. L’obiettivo è quello di permettere alle giovani coppie di realizzare i loro obiettivi familiari da un lato, e dall’altro, di rafforzare le famiglie che stanno già crescendo i bambini. Abbiamo costruito il sistema di sussidi familiari più esteso del mondo occidentale. Il budget centrale destinato al sostegno delle famiglie è due volte e mezzo superiore a quello del 2010 e ammonta al 5% del PIL totale. Abbiamo un sistema fiscale favorevole alla famiglia, il che significa che più figli hai, meno tasse sul reddito personale devi pagare. Le madri con almeno quattro figli sono esentate dal pagamento dell’imposta sul reddito personale per il resto della loro vita. Stiamo costruendo nuovi asili nido per facilitare l’equilibrio tra lavoro e vita privata, aiutiamo le famiglie con sussidi per la casa e garantiamo la libertà di scelta delle donne. In Ungheria, le madri o i padri possono scegliere di rimanere a casa e ricevere un sussidio fino a quando il bambino raggiunge i 3 anni di età. Riceveranno il sussidio anche se torneranno sul mercato del lavoro. Grazie a una nuova legge, le donne guadagneranno presto più del loro reddito netto dopo il parto. La buona notizia è che i risultati sono incoraggianti: il tasso di fertilità è aumentato di più del 20%, il numero di matrimoni è al massimo da 40 anni, il numero di divorzi è al minimo da 6 decenni.

 

Sentiamo comunemente, dai leader europei, che l’Ungheria, adottando misure come quelle già menzionate, non rispetta lo “stato di diritto”. Che risposta merita un’Europa che, a poco a poco, è diventato ostaggio delle lobby che difendono le concezioni più abiette dello Stato, del diritto, della famiglia e della libertà?

L’Europa si sta lentamente risvegliando all’idea che la loro visione della demografia, delle famiglie e dell’immigrazione è sbagliata. Nel 2019, per la prima volta è stato nominato un commissario europeo per la demografia. La crisi dell’immigrazione del 2015 ha evidenziato le tensioni sociali e il costo sociale dell’immigrazione. Gli attacchi terroristici e i giovani che partono per la Siria per combattere per l’ISIS hanno dimostrato i fallimenti dell’integrazione. Le politiche a livello europeo cambieranno se gli elettori chiederanno un cambiamento a livello nazionale. Nel frattempo, difenderemo i nostri valori e i nostri interessi. Siamo stati scelti dagli ungheresi per farlo per un terzo mandato consecutivo al governo.

 

Infine, vorremmo chiederle di lasciare un messaggio ai portoghesi, soprattutto a quelli che, attraverso diversi mezzi, lottano per la difesa della Famiglia naturale, per l’inviolabilità della Vita dal concepimento alla morte naturale, per la conservazione dell’identità nazionale e per l’approfondimento di sane relazioni tra i diversi Stati, senza che questo interferisca nella vita interna di ogni Paese, cosa che l’attuale Unione Europea, purtroppo, non sa, anzi, non vuole fare.

Il mio messaggio è che dovete difendere la verità e questa è una battaglia che vale la pena di combattere. Nessun altro lo farà per voi. Abbiamo combattuto questa battaglia per 10 anni. È stato molto duro ma anche gratificante. Siamo pronti a condividere le nostre esperienze su ciò che funziona e ciò che non funziona. Ma alla fine della giornata ogni persona e ogni paese è il padrone del proprio destino. I nostri figli plasmeranno il futuro. La domanda è di chi saranno i nostri figli.

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti

Su Gab c’è:

@marcotos




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

17 commenti

  • Mattia Claudio Santacroce ha detto:

    Interessanti le parole di Sua Eccellenza il Signor Ministro Segretario di Stato alle Politiche Familiari del Governo della Repubblica Ungherese. Vi sono cose che condivido in pieno, altre che come Cattolico e perciò Discepolo di Nostro Signore non posso assolutamente accettare. I catto-nazionalismi sono una plateale contraddizione con il radicale Universalismo Cristiano. L’Ungheria dopo la fine della tirannide rossa è diventata il regno della prostituzione e della pornografia. C’è poco da vantarsi come paese ” Cattolico”. Mi interesserebbe poi sapere quale è la positività del governo ungherese nei confronti della massoneria, dell’ideologia transumanista e scientista di un Bill Gates, di.quei veri ” sacramenti di Satana ” che sono i vaccini anti-SARS-CoV-2, che contengono materiale prelevato dal.corpicino di migliaia di bimbi ammazzati dai numerosi ” angeli della morte” in camice bianco e materiale genetico. Mi interesserebbe conoscere la posizione del governo della Repubblica di Ungheria nei confronti del gravissimo problema giudaico, il problema dei problemi. Che ruolo hanno i Deicidi nella società ungherese? Quale posizione ricoprono nella società magiara? Perché un governo non dirò Cattolico, ma ispirato a principi di Diritto Naturale e del Magistero Ecclesiastico Tradizionale, non può che contrastare anche con estrema durezza ogni influenza diretta o indiretta della satanica stirpe dei Perfidi Giudei. Si parla di un ” problema islamico” sulla cui reale gravità ho molti dubbi. Mentre del drammatico.problema del potere e della fortissima influenza degli Assassini di Gesù Nostro Signore sulla gente, sul mondo della ” cultura “, sulla tirannide terapeutica che tiene in catene almeno metà dei popoli del mondo da quasi 12 mesi, sul fatto che il Marxismo-leninismo-stalinismo è stato opera di perfidissimi giudei come lo stesso Karl Marx da Treviri, vi è un inquietante silenzio, che non va per niente a favore della sincerità del governo di Budapest e di altri Governi che si dicono ispirati ai principi basilari della Vera Dottrina Sociale Cattolica, come da Leone XIII a Pio XI. Quindi fino a che questi Problemi non saranno risolti, nessun governo può definirsi fondato, nella sua legislazione e nella applicazione di quest’ultima, al Diritto Naturale e al Magistero Ecclesiastico Tradizionale.

    • Ali ha detto:

      A Mattia Claudio Santacroce.

      Lei è antisemita, cioè diffonde odio contro gli ebrei e falsità sul loro conto. E questo è gravissimo.
      Ma lei altera anche l’interpretazione del Vangelo e il senso della morte di Nostro Signore Gesù Cristo.
      Non soltanto. In un momento così delicato della lotta tra il Bene e il Male, quella vera, lei con questi commenti getta discredito sul cattolicesimo, sul cattolicesimo tradizionale, sui valori tradizionali che ho trovato espressi da questo sito.
      Ho detto “valori tradizionali”, cioè princìpi che hanno valore; non gravissimi errori cristiani e cattolici del passato, da non commettere mai più, come l’antiebraismo cristiano e le persecuzioni cristiane e cattoliche del passato contro gli ebrei.
      Non riesco a capire cosa c’entri una simile serie di affermazioni come le sue con le nobili battaglie sulle quali leggo tanti articoli e tanti commenti in questo sito.
      Non capisco, non capisco proprio come possa accadere.
      Ovviamente mi dissocio completamente da tutto quello che lei ha scritto sugli ebrei.
      Su questi argomenti, ho scritto due commenti esaurienti in risposta ai commenti di alcuni lettori, sotto l’articolo di “Osservatore marziano” del 23 gennaio su Emanuele Filiberto di Savoia.
      Rimango allibita e dolorosamente meravigliata.

  • giovanni ha detto:

    Finalmente ho sentito parole normali da una persona normale. Certamente bisogna battersi fino all’ultimo per non far passsare le idee sataniche che vengono veicolate attaverso il circo Italiano, con qualche eccezione. Sappiamo bene che la ue e’ la madre di tutto questo e qui’ ha trovato un paggiame che per denaro e privilegi quando non animati da fini peggiori , stanno distruggendo l’ordine naturale. La rabbia maggiore e’ che nel mezzo vi e’ una enorme platea di ignavi a tempo pieno e lobotomizzati cronici le cui speranze di rinsavire sono direttamente collegate ad un intervento Divino. Preghiamo e speriamo nell’ intervento Divino perche’ per il rinsavimento tout court la vedo piuttosto dura.

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Forse avrò uno scotoma, che mi impedisce di avere una visione totale della sessualità. A me son sempre piaciute le donne, anche soltanto come amiche e niente più, come del resto ho avuto molti amici maschi, ma l’idea di fare sesso con un uomo è una cosa impensabile. Sarò anormale?

  • giorgio rapanelli ha detto:

    Una intervista illuminante sulla situazione ungherese. Quindi un “grazie” a STILUM CURIAE, che sta facendo “rete” pure con altre realtà… Però l’Ungheria è diversa dall’Italia, dove, per il carattere classico e superficiale dell’Italiano che corre sempre in soccorso del vincitore e “o Franza, o Spagna, purché se magna”, noi, pur patria del Cristianesimo, siamo in piena confusione. La gioventù della mia epoca, quando non esistevano i social e avevamo le sedi dei partiti in cui si dibatteva la politica, era diversa da quella di oggi, con i social per comunicare e senza sedi dei partiti in cui guardarsi negli occhi, con delle imposizioni per l’”apparire”, tipo i tatuaggi, e senza più vincoli di famiglia, di istituzioni e di chiesa. Salvo eccezioni, la gioventù è completamente bruciata. Avranno un tragico risveglio, quando i genitori e nonni foraggianti non ci saranno più, insieme alla stato sociale. Saranno un popolo di schiavi, senza la classe intermedia, sacrificati sull’altare del potere mondiale. Come lo furono i Russi col bolscevismo e il comunismo.
    Ricordo che i Compagni erano quasi tutti credenti, seppure critici con i preti sostenitori della DC e nemici del PCI. Si sposavano in chiesa, andavano a volte alla messa, facevano battezzare i figli, Prima Comunione, Cresima. Quando ancora ero un “non credente” andai allo “sbattezzo” di Rimini. Lì trovai la Compagna Joyce Lussu, vedova di Emilio Lussu. Era stata un Maggiore militare della Resistenza. Poetessa, scrittrice, viaggiatrice nel mondo, giornalista presso i fronti di liberazione delle colonie portoghesi, bellissima ad ottanta anni d’età. Stavo pranzando vicino a lei insieme a circa trecento commensali . Durante il pranzo altro non fece che parlare di ateismo e della necessità di convincere i Compagni comunisti che la base su cui poggiava il Partito era l’ateismo. Ad un certo momento, obiettai: “Compagna, che c’importa se i Compagni fanno battezzare i figli, fanno fare loro la Prima Comunione, si sposano in chiesa e ci si fanno portare da morti… L’importante è che votino per il PCI”. Joyce saltò su come una furia. “Se un gran testa di…” – urlò, inviperita e rossa in volto. Era bellissima! Tutti i presenti si girarono verso il nostro tavolo. Io rimasi impassibile e calmo, in quanto avevo dato un fattore di realtà politico… Joyce si sedette di nuovo, calma, ed io portai il discorso sui fronti guerriglieri di Angola e Mozambico, dove intendevo andare… Invece, tempo dopo andai in Sud Sudan, dove nella notte del 20 novembre 1970, pur non credente, chiesi allo Spirito Santo di indicarmi una via…
    Chiedendo sempre aiuto allo Spirito Santo, eccetera, in Italia non dobbiamo perdere tempo a convincere gli altri partiti laici ed atei, o i “catto-satanisti”: le loro menti sono occluse… Quindi è inutile. Rivolgiamoci alla gente… Chiediamo ai genitori se vogliono essere “genitore uno e genitore due”, se vogliono la mente dei figli e dei nipoti manipolata dal Gender nelle scuole, se vogliono l’aborto al nono mese, se vogliono avere la libertà di pensiero e di parola, e così via… Poi, parliamo di lavoro e di stato sociale… E spingiamo i politici di centrodestra a fare una battaglia nei luoghi istituzionali, magari con ordini del giorno da votare, su questi comprensibili argomenti e non su Europa sì, Europa no… Ossia, “comunicare con affinità sulla REALTA’ della gente”, non con la nostra Realtà. Mi sono accorto che appena accenno in modo negativo, o critico, sul papa Francesco, vedo che erge il più delle volte una barriera tra me e gli interlocutori. Perché papa Francesco è per la maggior parte dei fedeli un “DATO STABILE”, senza il quale la Chiesa crolla loro addosso. Finché il papa e gli stessi sacerdoti eretici celebrano l’eucaristia secondo la liturgia con le parole “chiave” e fanno scendere il Cristo nel pianeta tramite il loro “canale”, va tutto bene e siamo salvi.
    Questa intervista mi è stata di aiuto per avere conoscenza una “realtà” diversa dalla nostra. Sosteniamo il governo e il popolo ungherese con la preghiera e col sostegno alla loro libertà religiosa. Con ciò si mettono in moto meccanismi invisibili che ci ritornano favorevolmente indietro. Qui in Italia dobbiamo ritornare nella stanza dei bottoni ad ogni costo per fare da barriera all’Anticristo. Prima che distrugga vite e libertà naturali.

    • Marco Tosatti ha detto:

      Grazie, Giorgio. Nel nostro piccolo si fa quel che si può. E tanti ruscelli creano i fiumi….

    • Enrico Nippo ha detto:

      Joyce Lussu vedeva giusto. L’ateismo non è conciliabile con la religione: sembra di scoprire l’acqua calda, e invece ci ritroviamo con lo straripare del cattocomunismo, bubbone post-conciliare per cauterizzare il quale servirebbe un’organizzazione mediatica potente come quella del Pensiero Unico. E non sembra che ce ne siano almeno i prodromi (ma mi auguro di sbagliarmi).

      • stilumcuriale emerito ha detto:

        Ma per fortuna non tutti sono cattocomunisti. Pensa che anche un bue di ingegnere come me, che ha l’ossessione maniacale per i numeri, sa che il marxismo è e non può essere che ateo perchè Marx era ateo. Mi pare che le sue teorie filosofiche le chiamano anche materialismo storico. O mi sbaglio? Nel caso perdonami, sai io sono solo un povero idiota che ha studiato da ingegnere.
        NB. Messaggio totalmente rimesso, senza eventuali risentimenti, al giudizio del Moderatore.

        • Enrico Nippo ha detto:

          Mi sfugge (ma è una mia pecca) l’umorismo del tuo intervento.

          Certamente non tutti sono cattocomunisti ma questi non tutti sono un gruppo sparuto che non ha la minima voce in capitolo, vedi questo blog, uno dei tanti (davvero “tanti”?) che conduce una tenzone tanto ammirevole quanto inoffensiva nei confronti del Moloc imperversante.

  • Enrico Nippo ha detto:

    Intervista dal contenuto ineccepibile. Complimenti.

    Che però non mi sembra abbia trovato spazio nel pluralismo democratico dell’informazione pubblica.

    Così, tanto per farsi una risata: sarebbe interessante un “confronto democratico” 🤣🤣🤣 fra la signora Katalin Novák e la squallidgender Monica Cirinnà (la quale chissà se avrà deciso se è uomo o donna).

  • Verona ha detto:

    Quanto mi piacerebbe che queste idee una volta tradizionali anche da noi fossero sposate anche dal popolo italiano . Ho avuto da poco una discussione durante la cena con la famiglia di mia figlia che ha due figlie maggiorenni sul valore del fatto di essere padre e madre e ho capito che per loro queste parole possono essere sostituite senza dolore ” per rispetto degli orfani”. Il loro modo di pensare mi ha addolorata perché questo significa il mio fallimento come madre. Spero ancora che si sveglino prima della distruzione totale del nostro tessuto sociale così tanto compromesso.