SUPER EX: ZUPPI È IL CANDIDATO PAPA CHE PIACE AI MASSONI.

13 Ottobre 2020 Pubblicato da 42 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi amici e nemici di Stilum Curiae, si parla sempre più spesso di quello che accadrà quando – fra cento anni – papa Bergoglio lascerà il posto a un successore. Super Ex ci ha mandato una breve riflessione su uno dei nomi che circolano con particolare frequenza. Fra l’altro, un amico cardinale mi diceva qualche tempo fa che esponenti di Sant’Egidio in tutta discrezione facevano sapere di avere già ventisette voti di un futuro Conclave a favore dell’arcivescovo di Bologna…buona lettura. 

§§§

Cardinal Zuppi, il papa che piacerebbe ai massoni?

Cecilia Marogna, ribattezzata dai media la “dama di Becciu”, appartiene al movimento massonico Roosevelt fondato da Gioele Magaldi, Gran Maestro del Grande Oriente Democratico. Divulgatore brillante, vicino ad ambienti 5Stelle, ma, da buon massone, aperto a qualsiasi frequentazione importante, Magaldi, secondo la biografia ufficiale,  ” viene iniziato Libero Muratore nella Loggia “Har Tzion/Monte Sion” n°705 all’Oriente di Roma, all’Obbedienza del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Qui, in una delle officine massoniche più prestigiose del GOI (specializzata, tra le altre cose, nella ricerca esoterica tout-court e negli studi ermetico-kabbalisti in particolare), percorre tutto il cursus honorum, sino a diventarne Maestro Venerabile nel 2005 (anno in cui consegue anche l’iniziazione al 30°grado del Rito Scozzese Antico ed Accettato).

Nel 2004 è fra i coordinatori della campagna elettorale che porterà alla storica rielezione del Gran Maestro Gustavo Raffi”, noto per il suo radicale laicismo fondato sull’ idea di una fratellanza universale in cui Cristo è, di fatto,  la pietra di inciampo.

Oggi Magaldi gioca in un’altra campionato massonico, e, come si diceva, può contare tra i suoi giocatori la signora Marogna, ma non il cardinal Becciu, che afferma di non conoscere: “Conosco però il mondo Vaticano e tra i cardinali quello che stimo di più è Matteo Zuppi, che tra l’altro mi ha sposato. Sarebbe un ottimo Papa”.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

42 commenti

  • Lucky ha detto:

    In un post ho scambiato carboni con ortolani. Il primo ha ammesso di conoscere la fama di Becciu. Secondo me i massoni non si potevano sposare in chiesa, nemmeno i deviati. I materassai si. (Andreotti). 😄

    https://m.espresso.repubblica.it/attualita/2020/07/24/news/esclusivo-strage-bologna-carte-segrete-licio-gelli-1.351225

    • Lucky ha detto:

      DAMA NON FAMA!!! Ma di non conoscere Becciu ma altri ecclesiastici. (Intervista reperibile online)

    • don Egizio ha detto:

      Sa che ORTOLANI era assai amico del cardinale sinistrorso-dossettiano di Bologna LERCARO, che finanziava abbondantemente? E sa che gli fece erigere (vivente!!) una statua in San Petronio? E che in San Petronio si celebrarono i funerali dei morti della strage di Bologna del 1980? E che Ortolani fu condannato come depistatore delle indagini sulla stage? (poi fu prosciolto; fu condannato invece per l’Ambrosiano, giro Marcinkus; pensi che in quella faccenda Andreatta, dossettiano, diede assai contro il Vaticano, Ortolani e &: quindi , per semplificare, il dossettiano Andreatta contro Ortolani amico del dossettiano Lercaro: vede che la realtà è più complessa dei pregiudizi?).
      Ieri LERCARO, ora BECCIU. Però Carboni è sardo, conoscerà forse Becciu, chi lo sa? Certo non tramite la signora. Però Carboni è stato più sveglio di Becciu: alla signora manco ha risposto (ci sono le registrazioni), invece Becciu sì e le ha dato 500.000 (che con le decine di milioni che ha perso in speculazioni sceme sono bruscolini). Sto Becciu: un gran capo in Vaticano, ma per altri versi mica troppo preparato.

      • Egidio ha detto:

        PANORAMA uscito ieri, a firma di Carlo Cambi, a proposito della Sora Cecilia afferma:
        《È amica di Flavio Carboni e di Francesco Pazienza, due calibri da novanta dell’affarismo e con ottimi contatti nei servizi, è protetta dal capo massone del Grande Oriente democratico Gioiele Magaldi.. ecc.ecc 》
        Presumo che un giornalista debba verificare con cura le sue fonti, prima di pubblicare su un settimanale presente in tutte le edicole del paese.
        Inoltre i villaggi che hanno visto nascere Becciu e Carboni distano solo una manciata di chilometri. Faranno parte della stessa diocesi di Ozieri ?

      • Lucky ha detto:

        La verita’ non e’ complessa e’ terribile.
        E chi cerca la verita’, come Borsellino muore e viene fatto un depistaggio di 20 anni, dallo stato. Che come diceva un gladiatore non e’ la patria.

  • don Egizio ha detto:

    Questa signora dichiara di avere molti contatti (cardinali, servizi segreti e molto di più), ma chi ha (e usa) questi contatti non li dichiara (alcuni, ormai “pensionati” e messi da parte – ma non è il caso della signora – questi contatti li raccontano pateticamente nelle interviste e nei libri di memorie, e allora vuol dire che non contano più nulla, e vendono i loro gloriosi trascorsi per una pagnotta), Mi pare che un signore sardo che di contatti ne aveva manco le rispondesse al telefono. E per conoscere qualcuno inviava mail.
    Ma di concreto, oltre al mezzo milioncino pagato dal Vaticano via Becciu, non risulta che abbia fatto nulla.
    A forza di intrufolarsi ha convinto Becciu; avrà tentato di contattare S. Egidio, per la loro diplomazia in Africa, e Zuppi l’avrà sposata, come avrà sposato migliaia di persone; anche Magaldi l’avrà cercato lei, ed è entrata in una sua associazione (mica in una loggia), mi pare che lui la conosca appena.
    Per quel che guarda la curia, questa signora, oltre a rovinare l’immagine già rovinata di Becciu (in questo caso quello turlupinato è lui) , e della curia stessa, non mi pare abbia altra importanza. Colore.
    Insomma distinguiamo tra complotti e gomplotti immaginari.
    Per il papa è presto, ognuno si sta posizionando: Zuppi, Parolin, Tagle, tre continuatori/consolidatori del “francescanesimo”, che poi dovranno mettersi d’accordo, riparando i danni e rimettendo un po’ di ordine, visto che ormai curia e chiesa sono nel caos più completo. Ognuno fa il “francescano” a modo suo, cercando di non beccare un fulmine francescano e cercando i colleghi francescani.
    Che S. Egidio cresce lo sanno anche i sampietrini, come sanno che invece i dossettiani & amici, alla Bianchi & Melloni (che credevano di accreditarsi come “migliori amici” del papa e di orientarlo), sono out, sono finiti per sempre (ai “francescani” del Vaticano II, della conciliarità, dei cattolici adulti, della “fine del papato” per riunirsi agli ortodossi, non importa nulla, anzi Francesco ricorda più Peron che Dossetti…).
    d. E.

    • IMMATURO IRRESPONSIBLE ha detto:

      Tuttavia. don Egizio, non crede che il conciliarismo sia ottima salute, nonostante le attuali scarse fortune di quello “alla bolognese” ? Penso alla potentissima versione “alla tedesca”, ufficialmente fermata da Roma; ma per quanto?

    • Egidio ha detto:

      Gentilissimo don Egizio, ho l’impressione che lei sottovaluti la fraternità oserei dire di campanile. Nel sud, si ode spesso dire “è mio paesano” per attribuire una priorità nell’amicizia. E nello scambio di favori. Non si parla forse di clientele e clientelismo quando si parla delle elezioni nel Sud Italia ?
      I sardi forse lo enunciano di meno, ma sono altrettanto campanilisti. Le ipotesi che lei fa sulla signora potrebbero essere vere, ma forse anche no. In pratica lei la descrive come un’intrigante, ma un uomo capace e avveduto come l’ex cardinale Becciu si sarebbe potuto fidare solo di una intrigante signora ? Non dimentichiamo che era stato nominato, scusate la terminologia errata, assistente ecclesiastico del Sovrano Militare ordine di Malta. Tra tutte le nobili dame non avrebbe potuto trovare qualcuna pronta ad adoperarsi, da dama di gran nobiltà , per intavolate trattative diplomatiche o semidiplomatiche, nella riservatezza più assoluta e mettendo a disposizione, gratuitamente i saloni dell’avito palazzo ? Pardon, forse il singolare è restrittivo. Ad esempio l’ex premier Gentiloni, sembra che, lassù, nelle Marche avite di castelli ne avesse almeno 7. E che la moglie, architetto, fosse addetta alla conservazione manutenzione degli stessi.
      Vuole forse farci credere che l’ex cardinale fosse uno sprovveduto ? Se si, chi vuole difendere ?

      • don Egizio ha detto:

        Io sto ai fatti, si figuri se difendo Becciu. Tra le cose che risultano (registrate) è che sia stata la signora a cercare Carboni e Carboni non abbia nemmeno risposto; che sia stata lei a contattare Becciu con una mail lo ammette; lo stesso con Magaldi, che l’ha solo messa in un’associazione. Non risulta che sia laureata, che abbia mai operato sul campo; la sua società slovena non ha attività. Risulta che abbia preso 500.000 euro da Becciu ma non risulta che li abbia utilizzati per operazioni, ma per shopping, tanto che è stata arrestata “solo” per peculato.
        Se la signora ha ottenuto i favori di Becciu perché sarda, “paesana”, non depone a favore della furbizia di Becciu (il quale lavora pro domo sua; la curia vaticana è molto più scalcinata di quanto si pensi, pure del governo italiano, solo ancor più infida, pettegola, invidiosa, piena di gente che è lì non certo per meriti, non mi faccia dire.. non sanno nemmeno quanto entra e quanto esce;); Carboni, pure lui sardo, non l’ha considerata.
        è lei che vuole accreditare l’immagine di spia internazionale, ma proprio non c’è nessuna risultanza. Se indovino (come credo) ha cercato pure Zuppi per infilarsi nella diplomazia parallela di S. Egidio. Ma se Zuppi l’ha sposata, e se lei conosce (per averlo cercato) Magaldi, non è un sillogismo, ma un paralogismo affermare che per questo i massoni conoscono e favoriscono Zuppi. E se fosse, non sarebbe per questo contatto. Ma ha visto gli affaroni che ha fatto Becciu (con soldi della Chiesa)? Non ne ha azzeccata una, si è fatto fregare decine di milioni da finanzieri che solo a vederli, da me non avrebbero neanche i soldi del monopoli. Sarà abile e furbo a far carriera tra le invidie curiali, ma fuori di lì, mi lasci dire, non è che brilli.
        Guardi, prevedo 2 cose e vedrà se sbaglio: 1) di concreto di questa signora non uscirà nulla (mezzo milioncino senza fatture a parte, al massimo qualche altro bonifico); 2) più sarà evidente che non è nessuno, più lei sparerà alto citando personaggi, intrighi, ci manca solo Ali Agca e Emanuela Orlandi.
        Dunque sputtanamenti (scusate il gergo clericale..) e paginate sui giornali, finti scandali, interviste, ma niente carne.
        I cavalieri di Malta ora hanno pure loro qualche problemino, tra faide e interventi vaticani.

    • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

      Tuttavia, don Egizio, non crede che il conciliarismo, nonostante le alterne fortune della sua versione “alla bolognese”, goda di buona salute? Penso alla potentissima versione “alla tedesca”, per ora fermata (rallentata?) da Roma; ma, fino a quando?

      • don Egizio ha detto:

        In Germania è in corso una protestantizzazione che conosco da vicino.
        I conciliaristi nostrani (fatto fuori Bianchi, che pure non ha mai cavato un ragno dal buco, se non per la propria popolarità) non contano nulla. Hanno qualche base a Reggio-Modena (Castagnetti), a Roma tra consulta e apparati del Quirinale, e basta (tra l’altro gente ormai vecchia). In Vaticano non hanno più nessuno. Basti dire che il gran prof. ecc.mo ecc. ecc. Melloni è consigliere della ministra Azzolina e membro del comitato tecnico per l’apertura delle scuole post covid (che ne sa lui?) ed è detto tutto.
        d E.

    • Lucky ha detto:

      Ortolani li ha confermati in un intervista. Comunque la massoneria non e’ divsinistra ne di destra,repubblicana o monarchica. E i club service, serbatoio della massoneria?

  • Iginio ha detto:

    Zuppi è un nipote del cardinal Confalonieri.
    Più che altro è un buonista. Ultimamente fa l’amicone con Valter Veltroni, il quale a sua volta da bravo ipocrita finge di essere un ammiratore di Giovanni Paolo II.

    • Borghese pasciuto ha detto:

      Un ennesimo punto a sfavore di Veltroni (per non parlare del pessimo Polacco, ovviamente).
      Non che ce ne fosse bisogno.

      • alta portineria ha detto:

        Illustre Iginio, mi conferma nell’ipotesi che i membri di Sant’Egidio fossero stati reclutati tra i parenti dei sacerdoti.
        Ma l’essere parente di qualche sacerdote, non significa, di per sé, che i membri di questa felice società cattolica, non possano avere inclinazioni progressiste.
        Stanno crescendo, è vero, ma non è certo un bene per la verità cristiana. Sembra che la loro meta sia, non solo la pace tra i popoli, il che sarebbe una cosa buona, ma la costruzione proprio di quella nuova religione unificatrice , che è tutto, meno che l’Evangelo di Cristo.

      • Alessandro2 ha detto:

        Sta parlando di un Santo. Si risciacqui la bocca col sapone. Poi la tenga chiusa.

    • Addolorata ha detto:

      La congrega para massonica Santegidina ha cucinato la Zuppa di nonna Riccarda per servirla al prossimo conclave. Speriamo gli vada per traverso.
      Scherzi a parte, ma lo avete mai sentito parlare Zuppi!? Imbarazzante, non sa articolare una frase di senso compiuto…può giusto andare suonare il bongo in Mozambico!

  • Tua ha detto:

    Sono d’accordo con Paoletta, dobbiamo pregare di più e affidare tutto alla Vergine: preghiere, digiuni e adorazioni.
    La Volontà Divina venga a regnare sulla terra come regna nel Cielo, proprio come diciamo ogni giorno nella preghiera del Padre nostro. “Sia fatta la Tua Volontà come in Cielo così in terra”
    “Vieni o Volere Supremo a regnare sulla terra, investi tutte le generazioni, vinci e conquista tutti”

  • Crisbiagio ha detto:

    In accordo con la beata Katarina Emmerich,il sogno della nave si Don Bosco ela profezia di San Malachia io credo che abbiamo difronte a noi l’epopea del papa vestito di rosso e fra poco.e mi vien da dire che dopo questo sfacelo nella Chiesa e l’attacco fonale alla famiglia che sara alla fine come dice la Madonna a Ghiaie solo un Papa che sia Pietro di nome e di fatto possa portare la barca in porto.I maledetti facciano le loro trame.Lui li sconfiggera’con la bocca dei bimbi e dei lattanti.Non perdetevi in queste boiate.zuppi di fagioli e becciu,vane parolin e pezzi di sodano o bassetti come i materassi.Dio E’la storia e li sta per schiantare.tutti.

  • Arthur e i massoni ha detto:

    Stavo pensando da quanto tempo “i massoni” sono nelle finanze vaticane. Minimo dal dopoguerra, ma pure prima ho dubbi. Poi cosa voglia dire massoni, comunisti cinesi (che hanno un liberismo sfrenato) ecc., OGGI, e’ tutto da capire.

    Io continuo a pensare a chiedere a Tosatti, UN RICORDO dell” avvocato Ambrosoli. Martire, MONARCHICO (piacerebbe a Enrico Nippo); che come diceva il pio Andreotti: se l’ando’ a cercare. Capisco che in vaticano non aprano processi di beatificazione per quel martire, dato che mons. Marcinkus era intimo di Sindona (mandante assassinio) e della finanza bianca. Non capisco pero’ perche’ nei blog cattolici nessuno RICORDI.

    Per cui io dico con Qoelet non scandalo senza precedenti ma: “NIENTE DI NUOVO SOTTO IL SOLE”.

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/10/08/in-alcuni-ambiti-si-toccano-soldi-e-ci-si-sporca-di-sangue-la-denuncia-del-papa-durante-lispezione-dellantiriciclaggio-ue-in-vaticano/5959120/

    • Iginio ha detto:

      Non credo che Enrico Palla (perché proprio lui?) approverebbe il povero Ambrosoli monarchico, dato che Palla dichiara di condannare i Savoia, come altri che intervengono qui e sentenziano su tutto senza conoscere la Storia, ignorando per esempio la differenza tra una monarchia assoluta e una monarchia costituzionale.
      Semmai c’è da dire che Ambrosoli, come altri, faceva parte di quel mondo che poi è stato travolto e fagocitato dalle sinistre, sicché ora viene sbandierato come eroe dalle sinistre a cui egli non appartenne affatto. Lo slittamento della borghesia verso il radicalismo liberal mischiato col socialcomunismo è uno dei punti oscuri della storia d’Italia su cui gli storici seri dovrebbero indagare. Ma gli storici seri in Italia latitano.

      • Lucky l'americano ha detto:

        E secondo lei una loggia come la p2…difendeva interessi atlantici o sovietici. E Sindona era un massone comunista? 😁

        Poi che i sovietici usassero i cecchini di destra turchi penso lo intuiscono in molti (ali agca), non si sta certificando i metodi da kgb,che si vedono pure oggi. In quanto ad Andreotti ha detto la verita”. Mettersi contro Sindona non era in suo potere. Come non fu in suo potere impedire l omocidio Mattarella. Bontade il capo dei capi lo prese a schiaffi in Sicilia (lo stato illegale, caselli lo forte), questo dicono le sentenze!
        Quindi Ambrosoli che cercava di non far addossare suo risparmiatori italiani il crack di Sindona aveva toccato il vero Pitere italiano. Con cui conviveva non solo Andreotti ma molti nel dopoguerra.

      • Enrico Nippo ha detto:

        Al posto del pomo d’Adamo Iginio ha una Palla.
        Ce l’ha proprio sul gozzo! Con pericolo di soffocamento.😜

    • Enrico Nippo ha detto:

      Sì, mi piace Ambrosoli. Uno spirito indomito, direi quasi samuraico, vincitore della paura della morte, che poi, infine, è ciò che conta. Ambrosoli era uno con le palle e questo, ad un ossessionato dalle palle come Iginio, confonde le idee. Lo fa sbroccare facendolo rinchiudere nel suo bunker pieno zeppo e olezzante di “storia”, di “cultura” e di … grammatica che lo fanno salire in cattedra per ammannire la sua luce a-pallica, ai poveri ignoranti (pensa lui).

      • Lucky ha detto:

        Pure Borsellino era di destra. E continuava a essere praticante, nonostante sapesse….
        Ambrosoli non riusciva ..accompagnava i figli a messa e usciva “a fumare”.

      • Iginio ha detto:

        Qui di ossessionato dalle palle ci sei solo tu, caro ripetente saccente uscito da una caserma di terz’ordine (da cui la tua ossessione di accusare gli altri di essere “senza palle”).
        E hai fifa di crepare, a quanto pare.
        Fai così: come quel mio prof laicista il quale lodava Gioacchino Murat perché prima di venire fucilato rifiutò i sacramenti: secondo il prof, in questo modo Murat “muore bene”.
        Segui il suo esempio. Sempre che tu sappia chi era Murat (ne dubito).
        Ti saluto con quello che hanno fatto i tuoi amici samurai:
        https://it.wikipedia.org/wiki/Massacro_di_Nanchino

        https://it.wikipedia.org/wiki/Donne_di_conforto

        • Enrico Nippo ha detto:

          Non è un’accusa, è una constatazione. E’ molto diverso.

          Il minestrone che hai nella testa, condito con abbondante acido isterico, tracima sempre di più.

          Invece che a Nanchino pensa alle stragi che hanno fatto i bersaglieri. Dei due link che ho trasmesso non hai osato dire una parola, da buon alleato dei Savoia e dei massoni risorgimentali qual sei.

          Ti consiglio un po’ di colestiramina per combattere gli acidi biliari che ti mandano fuori giri.

          Signor Professore dei miei stivali! 😍

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Rituali non certo insoliti per un pre-conclave e nemmeno per un periodo più o meno lungo che lo preceda; ma che, alla luce di quanto lo scenario da fine impero sta disvelando, concorrono a rendere ancor più ingarbugliata, se mai fosse possibile, una matassa già difficile da dipanare. Una conferma della scelta sciagurata di “riposar nell’errore”.
    Se poi guardiamo alle fonti da cui provengono referenze e candidature proposte, caldeggiate e supportate, viene immediato chiuderla con il “Ma mi faccia il piacere!” e affidarsi, facendo i dovuti scongiuri, alla fondata speranza del proverbio: chi entra papa nel conclave, ne esce cardinale, e soprattutto allo Spirito Santo… il Suo soffio non sempre si lascia deviare.

  • Alberto ha detto:

    Il prescelto dal pontefice regnante, per la successione, dovrebbe essere Tagle, una personalità più conosciuta a livello internazionale,capace di catalizzare i voti degli americani e dei cardinali del terzo mondo,la candidatura di Zuppi è solo di facciata.

    • Briciola ha detto:

      Si dice che Tagle, avendo la mamma cinese, sia gradito all’establishment cinese. Una domanda facile facile : potrebbe essere gradito alla massoneria un papa filo cinese ?

    • Natan ha detto:

      Il delfino è ancora nascosto. Presto lo farà cardinale. Lo si deve cercare dove fioriscono i limoni

      • don Egizio ha detto:

        Lorefice? no è un ex parroco dossettiano di basso livello, non se lo fila nessuno.
        Tagle piace alla gente che piace, ma Zuppi e Parolin hanno basi molto concrete. I tedeschi no, troppo polarizzati.
        d.E.

        • Alberto ha detto:

          In vista di un futuro conclave non credo nella candidatura di Parolin soprattutto dopo gli ultimi scandali in segreteria di stato;qualcuno pensa al cardinale vicentino per un pontificato di restaurazione e pacificazione,io non credo che in un collegio cardinalizio a maggioranza francescana si senta l’esigenza di archiviare il pontificato bergogliano in negativo.

          • don Egizio ha detto:

            ” archiviare il pontificato bergogliano in NEGATIVO” no, ma con il caos che ha seminato Bergoglio in curia e nella Chiesa (e ancora non abbiamo visto il meglio…), cercheranno di ” archiviare il pontificato bergogliano in POSITIVO” , ossia consolidarne i (peggiori) risultati. Continuità consolidante..
            E giustamente (per lui) Parolin ci prova: e infatti da qualche giorno è “scappato” dalla commissione sullo IOR, deve evitare di farsi infangare dalla faccenda Becciu e dalle altre porcherie finanziarie (porcherie per la chiesa, veramente, perché hanno buttato cifre enormi in investimenti idioti: sono più incompetenti che ladri). Sono della stessa parte, ma di “bande” diverse. Uno o l’altro.. Si accorderanno su chi mette insieme più voti.

          • Addolorata ha detto:

            Concordo! Ma con Sant’Egidio in auge, salvo imprevisti, Zuppi ha ottime chance, pur essendo un inetto e pressoché incapace.

  • Adriana 1 ha detto:

    Da come scrive parrebbe che Zuppi si sia sposato con Magaldi . Con Zuppi tutto può darsi : ci sono più cose tra le stelle del soffitto del Tempio e i quadroni del suo pavimento di quante ne immagini la tua filosofia…

  • Sherden ha detto:

    Ma i massoni non erano scomunicati? Come ha fatto a sposarsi in chiesa, visto che la sua appartenenza alla loggia credo che fosse di pubblico dominio?

  • Federico ha detto:

    Però facendone il nome, in qualche modo lo “brucia”. Forse perché il vero candidato è un altro. Non pensate?

  • Paoletta ha detto:

    Ci aveva provato Benedetto a contenere la deriva degli alti vertici ecclesiali, ma dava fastidio e ha dovuto togliersi.
    Ora assiste all’apparente trionfo di questi qui, ma non prevalebunt! Preghiamo per lui.

Lascia un commento