PG: FRATELLI TUTTI? NON È UN’ENCICLICA, È UNO SPOT PUBBLICITARIO.

4 Ottobre 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, Pezzo Grosso ha letto “Fratelli tutti”. Secondo me non gli è piaciuta. Secondo voi? Leggete e date un’opinione…

§§§

SAN FRANCESCO SFIDO’ IL SULTANO AL MARTIRIO NEL FUOCO PER CONVERTIRLO.

PAPA FRANCESCO DEDICA UNA ENCICLICA AL SULTANO IMAM DI ABU DHABI...

Caro Tosatti, un cenno al manifesto di Bergoglio titolato “Fratelli tutti”. Mi rifiuto di definirla Enciclica.

Lo chiamerò, spiegando perché, “Spot Pubblicitario” con tanto di testimonial, per dividere ancor più il sempre più diviso mondo piccolo cattolico.

Già è stata definita Enciclica del migrante, Enciclica statalista, l’Enciclica di Bill Gates, ecc.

Invece questa è (lo dico provocatoriamente) l’Enciclica della fine della civiltà cristiana e della Chiesa cattolica apostolica romana.

Scritta da varie persone (molti stili diversi) di infimo livello, intorno a Santa Marta,ma con una arroganza mai vista, perfino oltraggiante l‘intelligenza dei cattolici rimasti.

Basta evidenziare nella premessa del documento la manifesta volontà di ignorare la verità su san Francesco che andò nel 1219 in Terrasanta esclusivamante per convertire i musulmani, anche a costo del martirio,tanto che sfidò il sultano a a convertirsi dopo la sua famosa prova del fuoco (si suggerisca al papa quando andrà ad Assisi di dare un’occhiata all’affresco di Giotto).

Questo documento è destinato ad accrescere il conflitto nel mondo cattolico, a dividere più che mai con la scusa di una verità (la fratellanza) che si presta a troppe interpretazioni contraddittorie.

Papa Francesco dichiara che gli è stata ispirata dall’Imam Ahmad Al Tayyeb ad Abu Dabi.

Non aveva niente di meglio per trarre ispirazione per una Enciclica cattolica?

O si tratta di sottomissione ecumenica pura e semplice in un documento di Magistero?

E’ proprio vero che l’ecumenismo sarà l’eresia del XXI secolo.

La dichiara anche ispirata da quattro personaggi: sanFrancesco, Martin Luther King, Desmond Tutu e Gandhi. A parte san Francesco (che il papa continua ad interpretare sempre arbitrariamente) gli altri tre son personaggi di grande prestigio, attivisti per i diritti umani.

Tanto simbolici da esser utilizzati spesso persino per campagne pubblicitarie: ricordate lo spot di Telecom con Gandhi testimonial? (comunicare, via telefono, la pace).

Ricordate lo spot Fiat-Chrysler con Martin Luther King testimonial con il famoso sermone di Atlanta?

Oggi il papa li usa come testimonial per comunicare la fratellanza? Quale?

Papa Francesco in questo documento comunica in modo contraddittorio ed ambiguo, senza mai spiegere il perché, che c’è diritto di emigrare e di esser integrati, ma bisognerebbe permetter al migrante di stare a casa sua…

Ma noi abbiamo il dovere di integrare, garantendo però loro libertà culturale e religiosa. Sai che dibattiti confondenti e divisori genererà questo concetto ambiguo e fumoso…

Comunica anche che il sovranismo è cattivo (senza spiegare perchè), creando un dibattito politico conflittuale e divisorio…

Comunica che la proprietà privata, capitalismo, finanza, vanno cambiati (sempre senza sapere il perché e spiegarlo), ma soprattutto non ci dice come.

A meno che non stia pensando a qualche forma utopistica di solidarietà predistributiva e antimeritocratica. Forse ce lo spiegheranno al Convegno di Assisi sull’Economy of Francesco.

Anche se è evidente che proporranno Stato, più Stato, statalismo che controlli tutto, stabilisca le regole del gioco e ridimensioni il privato, avido, egoista, rapinatore, che “oltraggia la natura e produce la sua vendetta: il Covid 19″. (L’ho sentito nell’omelia alla santa messa di oggi)

Comunica però anche un qualcosa a cui alcuni cattolici sono ancora sensibili.

Comunica che al papa del peccato originale, dei Comandamenti, della Genesi divina,non frega più nulla.

Ecco perchè questo spot pubblicitario mi rifiuto di chiamarlo enciclica.

Questo non è Magistero, è uno spot pubblicitario.

PG

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

116 commenti

  • Luca Antonio ha detto:

    “Una cosa è la cooperazione alla pace e a dei valori universali, altro è il sincretismo religioso.”
    Ma Lei ha visto i massacri degli ultimi 200 anni , dalla rivoluzione francese in poi, senza la centralita’ di Cristo ?.
    I piu’ grandi e assurdi della storia.
    E vede le sofferenze spirituali senza pari di oggi e il disfacimento di ogni cosa?.
    E questo tipo , con 138 pagine di nulla vorrebbe emendare, con un libro dei sogni, la legge voluta da Dio , che ” senza di me non potete fare nulla”, che la vita e’ un’aspra prova e che il tempo presente, pur dominato dei suoi elettori massoni, racconta tutta un’altra storia rispetto alle colorate idiozie delle fiction televisive da cui lui trae l’ispirazione per le sue
    ” encicliche” ?.

    • Luca Antonio ha detto:

      Per BOANERGHES l’intervento di cui sopra.
      P.s. : e’ un caso che siamo solo noi cattolici ha fare ecumenismo, rinunciando anche alla Verita’,
      o e’ voluto?.

  • Boanerghes ha detto:

    Fratellanza universale non deve essere un’associazione di religioni o enti, cui confluisce ad esempio il gruppo estremista dei fratelli musulmani, tanto per fare un esempio.
    Una cosa è la cooperazione alla pace e a dei valori universali, altro è il sincretismo religioso.
    Che poi, si sa, siamo solo noi cattolici a fare ecumenismo, agli altri non importa nulla e non rinunciano a niente.

    • Carlo Bonelli ha detto:

      Mi sembra che non ricordiamo o abbiamo sentito di sfuggita il Vangelo. Ho letto l’enciclica e non comprendo affatto le critiche di subalternità o sottomissione all’Islam o ad altri. Conoscendo il Corano e la mentalità islamica, non trovo nulla di paragonabile. Il Papa ci ricorda che Cristo ci ha detto di amarci ntutti a prescindere dalle specifiche connotazioni senza riserve e di testimoniarlo con l’esempio senza preoccuparvi di conseguenze o implicazioni di sorta.
      È difficile, ma siamo chiamati a farlo, per questi chi ci riesce vive eroicamente la Parola ed è santo. Commi nostri limiti proviamoci.
      Chi critica tirando fuori argomenti terreni, mi sembra che sia guidato da e teso a fini diversi dall’amore di Cristo.

  • renato brandolese ha detto:

    El gaucho in ta matura per una sua crisi esitenziale di cui non sappiamo i dettagli, si rivolse per trovare una qualche forma di rientro in sè alla psicanalisi espletata nei suoi confronti da una psicanalista di dottrina freudiaana. rammento come il nostro fosse prete da tempo e deve aver ascolatato in qualche momento della sua vita la parola di Dio risuonare dentro di sè ad illuminazione della sua fede. No ora si rivolge alla psicanalisi atea e totalizzante ascientifica che mai ebbe a guarire alcunche e nessuno fin da quando inizio freud nelle sue eliucugrazioni più o meno copite da charcot. Ma questa è un ‘ altra storia . Ma el gaucho nella sua formazione si incuriorisce della teoria marxista che da furba serena lo ha avvinto ed incantato sino ai giorni nostri. Un papa marxista, ateo sotanzialmente, poco dotato intelettualmente , autoritario con stigmate di pauperismo, croce di ferro mal portat a sul petto e scarpe che noi in veneto compriamo da Pittarello dove trovi calzature a pochi euro. Ma c’è differenza aristotelica tra forma e sostanza.

  • Nicola Buono ha detto:

    Per Giorgio Rapanelli 00:54@ la mia risposta al suo interrogativo delle ultime 2 righe è SI. Mi sono sempre domandato infatti come mai avessimo piaghe come il COVID o altre anche se diverse dal covid , SOLO ogni 15 o 20 anni. Perché le condizioni perché ce ne siano 3 o 4 o 5 all’anno ci sono tutte visto ciò che l’uomo produce o nei laboratori o crea come inquinamento o crea come infezioni con il contatto con gli animali a cui distrugge l’habitat. Ebbene il noto giornalista inglese che 15 anni fa ha previsto questa pandemia nel suo libro SPILLOVER , intervistato da Fabio Fazio ha dichiarato sotto gli occhi sbigottiti del conduttore tv che lui non riesce ancora a capacitarsi del fatto che non ci siano dieci pandemie all’anno nel mondo. Ha fatto cioè lo stesso mio ragionamento. Ovvero con tutto lo schifo che noi umani produciamo , abbiamo SOLO una pandemia ogni 15 anni ? Ed ecco qui la risposta cristiana e Cattolica: È perché il Signore non lo permette. E quindi questo virus io lo chiamo CASTIGO per l’apostasia dal Vangelo e dalla Chiesa di noi cattolici. Saluti.

    • PG ha detto:

      Esatto ! Condivido in toto e mi compiaccio per l’intuito. PG

    • Boanerghes ha detto:

      Non so se sia perché il Signore lo permette oppure no.
      Perché si tratta di una manipolazione di laboratorio.
      Ora noi nemmeno immaginiamo di quali armi tossiche siano forniti gli arsenali delle superpotenze.
      Questa pandemia è a mio avviso ancora e pur sempre una piccola cosa.
      Ma anche un avvertimento.

  • renato brandolese ha detto:

    Paolo III farnese, noto per sua stessa ammissione di aver fornicato ad ampia fantasia prima di essere eletto papa con il nome di paolo III , eresse una linea maginot a contrasto della riforma indotta da lutero , convocando il concilio di trento che pur con i suoi liniti storicamente inquadrbili impedi che la devastazione teologca dottrinale del frate inondasenla chiesa cattolica romana , conosciuta come chiesa post tridentinba. La saga- paglicciata della messa luterana continua anche ai giorni nostri ma poco o nulla ha inciso sulla liturgia romano apostolica.. Lottò Paolo III per mantenere l’ edificio di una chiesa cristocentica divenuta ora alla mercè di questo perito chimico che ha l’ ibris della distruzione relegando la missione dell’ ecclesia ad una mera diafana fotografia di un mondo secolarizzato e globalistico indifferentemente e sostanzialmente ateo. Lazzaretti il Cristo dell’ amiata parlava di dio di una fede costruita all’ antico : el gaucho da bravo perito chimico pensa che sia un problema di metaforici alambicchi. Deve essere ridotto al silenzio ; ma sono troppi gli incipriati cardinali che per loro squallido tornaconto tacciono o si adeguano alla mo di biancolani che trasforma una chiesa in un malleodorante dormitorio per migranti.

  • Raffaella ha detto:

    È un papa divisivo, ateo e politicizzato che allontana i fedeli cattolici e piace solo ai cattocomunisti.
    Conosco persone che, riavvicinatesi alla Chiesa grazie al Magistero lucido di BXVI, se ne sono allontanate con le sparate bergogliane.
    Ne risponderà davanti a Nostro Signore.
    Viva il vero Papa, BXVI.

  • renato brandolese ha detto:

    Fidel castro comunista alla sovietica maniera ripeteva con ossessione in seno alle domande postegli ” revolucion ” un refrain che parte da circuiti cerebrali poveramente ideativi. Il gaucho , gesuita dall adiamantino curriculum da perito chimico , imposto alla cattedra di pietro non certo dallo Spirito Santo continua il suo flatus vocis di ” i poveri i poveri, gli immigrati e simili ossessioni di una povera diafana mente intellettiva e teologica. Le sue encicliche , probabilmente imposte da altri, non appaiono altro ce dello spessore di un foglio A 4, la sua attenzione nei confronti del corpo mistico della chiesa apostolica di cui dovrebbe essere inclito eipiscopo e pastore, è rivolta all’ esterno con riferimenti continui all’ islam soprattutto. Non un parola delle migliaia di cristiani tormentati ed eliminati per solamante la loro professione di fede cristiana. Non voglio adentrarmi sulla sua ignoranza teologica ed interpretativa di fatti storici (san francesco dal sultano). Che venga allontanato per indegnita antiscristica

  • Rafael Brotero ha detto:

    Invece questa è (lo dico provocatoriamente) l’Enciclica della fine della civiltà cristiana e della Chiesa cattolica apostolica romana.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Non è una Enciclica, è uno spot. Non è la fine della Chiesa Cattolica.
      Perché no?
      Sicuramente lo sarebbe se il suo autore fosse papa.
      Non è. Deo gratias.
      È solo l’ennesimo antipapa nella lunga storia della Chiesa. E non il più brillante. Anzi.
      La Chiesa non finirà mai. Cristo non mente. Papi eretici sono una contraddizione nei termini.
      Viva Papa Benedetto XVI!

  • Francesco ha detto:

    La spiegazione essenziale di quello che fa e scrive bergoglio credo sia questa: umanamente parlando, E’ UN FALLITO. Ha vissuto una vita tacciandosi per prete, quando, invece, non aveva (o aveva ormai perso) la fede propria di un prete. Essere un fallito proprio questo significa: fingere per una vita di essere una certa cosa, quando in realtà si è qualcosa d’altro. Immancabilmente, chi è fallito finisce con il far nascere dentro di sé la rabbia della frustrazione, e precisamente, la rabbia contro ciò che avrebbe causato quel fallimento: nel caso di bergoglio, la rabbia contro la religione cattolica e tutto quel che essa è e rappresenta.
    Questo spiega tutto di lui, riguardo a lui, e riguardo poi ai tantissimi preti, vescovi e cardinali che tacciono vilmente di fronte al suo sfrontato tradimento di Cristo.

  • Boanerghes ha detto:

    Sinceramente, con tutto il rispetto, ho viva nostalgia delle encicliche di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI.
    Si respirava profondamente la presenza di Dio, la difesa della Tradizione, della dottrina e della morale cattolica.
    Parlare di fratellanza universale può essere doveroso.
    Ma osservare cosa accade nel mondo e intorno a noi, porta a pensare alla necessità della conversione. Conversione al Cristo Signore.
    Sempre e continuamente, portando ogni giorno la propria croce.
    Come può nascere un cambiamento e trasformazione del cuore degli uomini, se non ci si affida a Dio mediante una vita di penitenza e sacramentale?
    La pace non viene mai per un trattato o accordo di pace.
    Auspico un’enciclica dove si parli diffusamente del Signore.
    Parlare di migranti come di un dogma, di riforma dell’ONU, del nuovo dogma dell’ecologia, dell’economia sostenibile, è più un materiale di un capo politico, non di un Papa.
    Preghiamo per la nostra amata chiesa di Cristo.

    • Zuzz ha detto:

      Infatti l’enciclica è stata pubblicata proprio a poche settimane dall’elezione del nuovo presidente degli stati uniti d’America.
      È un sostegno esplicito ai movimenti rivoluzionari che hanno insanguinato la terra americana in questi ultimi mesi.
      I migranti non sono solo coloro che approdano a Lampedusa, ma i latinos che premono alla frontiera sud degli USA.

      • Geo ha detto:

        Io credo che questo Spot Pubblicitario possa anche , accortamante, servire a contrastare Biden a favore di Trump. Sia per i riferimenti alle migrazioni ,ma soprattutto per il riferimento ANTI PROPRIETA’ PRIVATA .Provi a metterla in discussione negli USA…

        • Zuzz ha detto:

          Pensavo che i movimenti come quelli che hanno messo a ferro e fuoco l’America fossero contrari alla proprietà privata.
          Se sono in errore io, forse lo è anche Bergoglio.

  • Adriana 1 ha detto:

    Chi si intende ,anche solo un poco, di geometria e di costruzioni sa che iniziare col disegnare un angolo errato anche di pochi gradi porta a una figura geometrica-o ad un edificio – completamente sballati .
    La stessa cosa, nel campo “pastorale “, accade con questa enciclica fondata su un macroscopico e intenzionale errore nel presentare la figura di S.Francesco . Ne risulta una scenografia da incubo ,(- una strana chiesa -), che fa concorrenza al ” Gabinetto del dottor Calligari ” ,dove impera la pazzia , il relativismo e la distruzione degli individui ,sia degli accolti ,sia degli accoglitori .

    • Boanerghes ha detto:

      Si potrebbe iniziare dallo stesso nome scelto, Francesco.
      È vero che si parla del poverello di Assisi, ma la sua vita è stata interamente votata al Cristo povero e crocifisso, e la scelta della povertà come mezzo di imitazione del Cristo, non per mero assistenzialismo, anche se doveroso e necessario.
      Francesco non ha passato la vita ad assistere i poveri ed i lebbrosi. Anche.
      E non bisogna dimenticare la severità del Santo verso i frati detrattori e non cattolici.
      L’attuale decadenza degli ordini mendicanti rattrista molto.
      Ma ancora ci sono figure di grande santità, come ad. esempio P. Guglielmo di Faenza, la cui causa di santità è ormai alla conclusione.

  • Francesco ha detto:

    I Gesuiti è bene inizino a separare la loro causa da quella del papa sciroccato. Loro sono intelligenti, in nome di Ignazio abbandonatelo o sarà troppo tardi come nel 1774. Il Generale padre Kolvenbach non voleva che Bergoglio fosse ordinato vescovo ma il santo subito lo nominò vescovo. Le colpe non sono tutte del papa attuale ma di chi ce lo ha messo, vescovo crucchi e altri. Tutti sapevano dei suoi limiti. Benedizioni papali per Maciel e Bergoglio. Il clan woytiliano fortissimamente volle beato il loro idolo e spinsero l acceleratore su Benedetto, bypassando iin modo scandaloso la lettura di dicumenti che avrebbero acclarato la verità, proclamarlo beato per autoassolversi dai loro crimini, ottenuto l assenso non han saputo che farsene di Ratzinger e l hanno licenziato costringendolo a dimettersi.

    • Boanerghes ha detto:

      Può citare la fonte così minuziosa e particolareggiata di tali affermazioni?
      Sono con evidenza un falso

    • Daniele ha detto:

      Si poteva anche intitolarla: La via aperta verso la pace e la prosperità universale”. Così la caricatura profetizzata da Soloviev sarebbe stata completa.

      • Capitan trinchetto... ha detto:

        Attenzione a citare Soloviev : sembra che le sue visioni abbiano la stessa origine del cosiddetto arcangelo Gabriele che dettò il corano a Maometto…

    • Francesco ha detto:

      Sono assolutamente d’accordo con il mio omonimo! Bergoglio non è caduto dal cielo come un meteorite. Qualcuno l’ha fatto arrivare fin lì. E lo stesso dicasi per i vari Carlo Maria Martini, Kasper, Marx e “varia umanità” (ma avrei preferito usare un’altra espressione …) del genere …

      • Enrico Nippo ha detto:

        Questo fa sorgere la solita domanda: ma insomma, nel Conclave c’è l’assistenza dello Spirito Santo o no?

        • Michele ha detto:

          L’assistenza dello Spirito Santo c’è sempre, ma c’è sempre anche l’assoluto rispetto del nostro libero arbitrio da parte di Dio.
          Se alcuni cardinali erano malintenzionati, Dio ha rispettato e permesso la loro libera volontà di agire per il male della Chiesa.
          Di sicuro la Provvidenza Divina ha le Sue vie diverse sia dalle vie dei malintenzionati sia da quelle, umanamente limitate, dei benintenzionati.
          La permissione divina è imperscrutabile. Ricordiamoci delle tante profezie (da Leone XIII alle apparizioni mariane di Fatima…) sulla terribile prova che Dio ha permesso per purificare la Chiesa a causa dei peccati dell’umanità.
          NON PRAEVALEBUNT.

          • Enrico Nippo ha detto:

            “La permissione divina è imperscrutabile” vuol dire che è al di sopra di qualsiasi possibilità umana di spiegazione sia in caso di buona intenzione che di cattiva intenzione.

            Stando così la faccenda, non dovrebbe cadere ogni critica umana poiché impossibilitata a cogliere con certezza la volontà/permissione di Dio, che, certamente, vuole/permette SEMPRE ciò che è meglio per l’uomo?

          • Boanerghes ha detto:

            Dio ha lasciato liberi i nostri progenitori nella prova dell’albero del bene e del male.
            Ma hanno mangiato.
            Così è di ogni azione dell’uomo.
            L’uomo coopera ed accoglie la Grazia, ma se non vuole…ha già ricevuto la sua ricompensa.

  • Doris ha detto:

    Caro Tossati,
    Se il mio contributo le sembra interessante, e la mia incapacità di parlare e scrivere nella bella lingua italiana non è un’aggressione ai lettori, vorrei richiamare l’attenzione su un rapporto che alcuni giornali brasiliani hanno pubblicato oggi
    evidenziando citazione di una canzone brasiliana, scritta da Vinicius de Morais. Questa è una traduzione automatica del rapporto originale;

    “Analisi: Papa Francesco porta un terreiro samba in Vaticano

    La più grande dimostrazione del religioso della pratica della diversità culturale citata nella sua enciclica è nel suo atteggiamento: ha citato una canzone di Vinícius de Moraes e Baden Powell che chiede la benedizione a madre Oxum.
    Papa Francesco ha fatto riferimento a Samba da Bênção durante il suo discorso questa domenica a Roma. “La vita è l’arte dell’incontro, anche se nella vita c’è così tanta discrepanza”, ha ripetuto la frase fatta da Vinicius de Moraes per la samba di Baden Powell, pubblicata sull’album del poeta del 1967, mentre leggeva una forte enciclica chiamata “Fratelli Tutti”.

    il rapporto può essere letto e la musica ascoltata al seguente link

    https://gauchazh.clicrbs.com.br/cultura-e-lazer/musica/noticia/2020/10/analise-papa-francisco-leva-um-samba-de-terreiro-ao-vaticano-ckfvjh7uk01hl01cnmpxw30gy.html

    Certamente il vanitoso autore della citazione della canzone ha passato l’informazione al giornalista.

    • Ops.. ha detto:

      Anche se siamo lontani dal Brasile, anche noi abbiamo sentito parlare del candomble’.
      Ovvero della religione che mescola divinità cristiane e divinità pagane, originarie dell’Africa.
      Cosa erano, in origine, queste divinità ?
      Santi cristiani dei primi secoli, sopravvissuti alle invasioni islamiche o forse divinità pagane ?
      Bisogna analizzare la situazione prima di inserirle in una enciclica.

      • Michele ha detto:

        Gli idoli sono sempre e soltanto diavoli (San Paolo); basti vedere i vari riti che gli si rivolgono: culti della fertilità di terra, animali e uomini con orgie e prostitute sacre; sacrifici animali e umani offerti con crudeltà che solo chi è omicida sin dal principio può desiderare.

        Anche alla pachamama si offrivano sacrifici umani sostituiti di recente dall’offerta di feti di lama (mi sembra in Perù; i minatori offrono tali sacrifici per essere protetti nelle miniere: rivolgersi all’intercessione di Santa Barbara no? Sacramenti e sacramentali? Roba medievale).
        È interessante rileggere le ambigue acrobazie verbali di taluni religiosi brasiliani che, dopo l’ammissione di tali riti ( demoniaci) nel loro sito (forse il sito della conferenza episcopale brasiliana) in concomitanza con l’abominevole adorazione vaticana dell’idolo, si arrampicavano sugli specchi per minimizzare e giustificare tali abomini.
        Certo ai tempi di San Paolo non c’era il registratore…si deve relativizzare e contestualizzare.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Vinícius de Moraes era um poeta cattolico, che poi si è convertito al satanismo. Habitava in un bordello.
      La somiglianza col caso Bergoglio è impressionante.

  • XYZ ha detto:

    Copio con cura, ma senza citare i riferimenti qualche frase del Vangelo :
    Io sono la via… nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Io sono la porta delle pecore. Venite a me voi tutti che siete stanchi e oppressi e io vi darò ristoro.
    E a queste parole di Cristo l’uomo può rispondere con queste parole dei Salmi :
    Mostrami Signore la tua via, perché nella tua verità io cammini ; Secondo la tua parola dirigi i miei passi.

  • Pietro ha detto:

    I commenti o meglio gli insulti che qui ho letto, tra l’altro evidenze di una scarsissima conoscenza del Vangelo, mi hanno convinto che questa è sicuramente una buon enciclica. Grazie Santo Padre per il coraggio, Dio Padre le renderà merito.

    • Sherden ha detto:

      Perdinci, addirittura “scarsissima conoscenza del Vangelo”.
      Orsù, dunque, ci illumini per benino ché siamo tutti curiosi…

      • Maria Cristina ha detto:

        Buona lettura dell’Enciclica signor Pietro’, ma si guardi dai falsi profeti e dal travestitismo dei lupi che si presentano in veste di agnelli perche’ i vogliono convincere le pecore ingenue che siamo “tutti fratelli” per poi papparsele meglio.
        Come in Cina.

    • Paoletta ha detto:

      caro Pietro, mi accontenterei che il tuo idolo spiegasse la provenienza dei 20 milioni di sterline nel suo conto privato. O forse vuoi spiegarcela tu?

      • Ugo ha detto:

        Paoletta ,Pietro è un filosofo sofista della controdeduzione analogica antisillogistica , condita con un pizzico di demenza senile…

  • giorgio rapanelli ha detto:

    Poichè sono sovranista in casa mia e populista nella mia città, non riesco a capire molto di questa enciclica, salvo che questa è stata scritta per fare felice i cattocomunisti, le logge angloamericane che governano il pianeta e nel contempo fa allontanare altri cattolici e e una perdita ulteriore dell’otto per mille. Mia moglie dice che il Papa è ispirato da Dio e che non bisogna discuterlo. In linea di principio ha ragione. Se poi ci si cala nella realtà delle cose della vita temporale ci si accorge che i pensieri pii possono non trovare un accordo con la realtà. Non credo che Pamela, sacrificata in un rituale satanico a Macerata dal noto Oseghale, un nigeriano fuggito da guerre e carestie, abbia pensato al suo (ce n’erano forse altri?) assassino come ad un fratello a cui sacrificarsi… Ho letto recentemente sulla documentazione saveriana le testimonianze dei missionari saveriani in Congo durante gli eccidi del ribelli Simba. Io ero laggiù e certe testimonianze sulle sofferenze causate dai cannibali Simba le avevo già ascoltate. Ma leggerle oggi da chi se l’era cavata grazie alle armi dei mercenari del 5 Commando anglosassone fa stare male. Io sono convinto che quelle suore, quei missionari e quei civili liberati dopo giorni di umiliazioni e torture abbiano tirato un respiro di sollievo per la liberazione costata decine e centinaia di fratelli Simba ammazzati. Temo che dietro le belle parole dell’enciclica non ci sia alcuna comprensione per le vittime di questa “fratellanza”. Dobbiamo giustamente lavorare per la pace, per dare un futuro alle popolazioni africane, sfruttate dai neocolonialisti grazie a governi africani corrotti, eccetera, compresa una politica verso la Cina che non aggravi la persecuzione verso i cattolici cinesi… Ma non ci si può per il quieto vivere calarsi le braghe di fronte alla realtà dei fatti. Se mia moglie è convinta che il Papa faccia la volontà suggerita da Dio, io nel contempo comincio a credere che la reazione contro questo papato e casi emblematici come quello Becciu siano una conseguenza della politica papale. Io credo ciò che è scritto “se semini vento raccogli tempesta”. Se il Papa sta seminando vento raccoglierà tempesta. Già STILUM CURIAE è una piccola tempesta conseguente al grande vento che la Chiesa con la testa sotto la sabbia ha creato. E siamo solo all’inizio. Se Dio non manda il male, ha però messo nella creazione meccanismi che ripagano il male con il male. Posso pensare che il Covid è una conseguenza al male commesso, primo tra tutti l’aborto su larga scala che da decenni avviene?

  • renato brandolese ha detto:

    La chiesa con bergoglio e’ diventata un ingrediente per una focaccia in cui i vari sapori costitutivi perdono la loro specificità e singolarità ma la chiesa perde ben di più perché la sua essenza viene da se stessa ripudiata in nome di una religione diventata secolarizzata come organizzazione non governativa
    Bergoglio sappiamo colora L immigrazione con un succedaneo religioso per cui identifica L immigrato con il volto di dio e legittima quello che organizzazioni laiche per definizione , vanno creando in omogenizzati nuovi modi di intendere L uomo
    Non ci e nessuna voce dissenziente equilibratice a compensazione a questa devianza epocale , nella chiesa non affiora alcuna mente che contrasti o limi il global compact o una ideologia totalizzante con il risultato che essa chiesa diverrà marginale a se stessa .

  • Luca Antonio ha detto:

    Bergoglio ha una chiara insufficenza intellettiva e dottrinale ma e’ solo il passacarte dei massoni che l’hanno messo li’ … per cui attenzione a tutto il discorso…scrive anche che i migranti hanno diritto ad emigrare.
    Lette insieme le due cose fanno pensare : diritto per loro a venire a casa nostra , non diritto per noi ad avere casa.
    C’e’ da aver paura?.
    Lo chiedo, in particolare al gent.mo e informato generale La Porta.
    Ho il sospetto che pompata emergenza coronavirus, ecologismo, migrazionismo, vaccini , abolizione del contante e crisi economica – voluta- siano un tutt’uno in vista del grande reset – leggi saccheggio e depopolazione e forse – Dio non voglia- guerra….in vista dell’ anticristo.

  • renato brandolese ha detto:

    Anselmo d’ Aosta faro della filosofia scolastica diceva ” dice lo stolto in cuor suo Dio non c’è ” : in ottica personale questa frase esprime un a ridicolizzazione di chi pensa di controllare le verita trascendenti , negandole . Cosa direbbe ora l arcivescovo di Canterbury di questo perito chimico che siede in usurpazione sul soglio pontificio che si comporta come se Dio non ci fosse ?

  • renato brandolese ha detto:

    Questa sottospecie di enciclica si attaglia perfettamente ad un dialogo tra un edicolante e un passante qualunque due figure che non hanno alcuna specifica competenza se non quella inquadrabile in un’ osteria

  • renato brandolese ha detto:

    Paolo VI parlava di fumus entrato da un certo tipo di fessure lasciate più o menio intenzionalmente aperte ; ora il fumus è diventato vento portato da un paese lontano da un uomo che sta facendo di tutto per guastare la vigna del Signore passando lo per una riforma della chiesa che abbraccia un coacervo di modernità , di secolarismo, di protestantesimo , di teologia delle farc , di un marxismo interpretato come ” teologia del popolo”. Si sa come questo pperito chimico nulla sappia di teologia dogmatica e nulla gli interessa della traditio e della scritturistica lui che dialoga con il cardinal scalfari e cita la bonino nota abortista. iNSOMMA UN CALDERONE DELLA PEGGIOR SPECIE CON COSTUI CHE DICE CHE ” Gesù ha fatto lo scemo ” nell’ episodio dell ‘ adultera (sic) e stupidate ecologiche degne della manovrata adolescente svedese Dove sia la Ecclesia di Cristo non è dato di vedere

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      Tanto per rasserenarci un po’ mi sono inventato questo dialogo immaginario fra Padre Guerrero (Prefetto della Segreteria per l’Economia) che presenta i risultati relativi al 2019 e il Santo Padre.
      Guerrero: -Santità abbiamo accumulato 11 milioni di deficit nel 2019-
      Santo Padre : 11 milioni? Una bella cifra. Diamola subito ai poveri.

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    A proposito di proprietà e di impresa, anche queste sono parole di Papa Francesco:

    DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
    ALL’UNIONE CRISTIANA IMPRENDITORI DIRIGENTI (UCID)
    Aula Paolo VI
    Sabato, 31 ottobre 2015

    L’impresa è un bene di interesse comune. Per quanto essa sia un bene di proprietà e a gestione privata, per il semplice fatto che persegue obiettivi di interesse e di rilievo generale, quali ad esempio lo sviluppo economico, l’innovazione e l’occupazione, andrebbe tutelata in quanto bene in sé. A questa opera di tutela sono chiamate in primo luogo le istituzioni, ma anche gli imprenditori, gli economisti, le agenzie finanziarie e bancarie e tutti i soggetti coinvolti non devono mancare di agire con competenza, onestà e senso di responsabilità. L’economia e l’impresa hanno bisogno dell’etica per il loro corretto funzionamento; non di un’etica qualsiasi, bensì di un’etica che ponga al centro la persona e la comunità. Oggi rinnovo a voi il mandato di impegnarvi insieme per questa finalità; e porterete frutti nella misura in cui il Vangelo sarà vivo e presente nei vostri cuori, nella vostra mente e nelle vostre azioni.

  • Michel Berthoud ha detto:

    Il Sig. Bergoglio non ha nessun titolo ne competenze in politica, scienze economiche, in antropologia sociale, in cambiamenti climatici e continue altre sparate che ci propina da ben 7 anni. Non ha nessuna credibilità. Ogni volta che apre bocca è un manuale di stupidità e di ipocrisia. Con questo “Spot Pubblicitario” come lo definisce giustamente Pezzo Grosso, Bergoglio dimostra una povertà teologica abissale. Domandina semplice, semplice, ci parla sempre di fratellanza, ma perché solo noi dobbiamo considerare fratelli i mussulmani e loro no ?

  • Gian ha detto:

    Un altro minestrone indigesto sulla falsariga dei due precedenti componimenti letterari, perfettamente attribuibili al singolare gesuita, piazzato sul Soglio di Pietro, con suo evidente spasso, per portare lo sconquasso che oramai dovrebbe essere avvertibile anche dai meno svegli.

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Ha contribuito, ieri, a rendere un po’ pepata la pubblicazione dell’Enciclica la supposta violazione da parte di qualche informatore dell’embargo stabilito. “Uno sgarbo”, è stato il coro unanime.
    Vera, veritiera, verosimile la ricostruzione che se ne fa nell’articolo al link seguente? Tutto potrebbe essere.
    Per chi fosse interessato o alla ricerca del “colpevole” un indizio da prendere in considerazione.
    https://www.huffingtonpost.it/entry/papa-francesco-ad-assisi-firma-la-terza-enciclica-fratelli-tutti_it_5f7883adc5b64b480aae76a5?2zh&utm_hp_ref=it-homepage

  • Nicola Buono ha detto:

    ” Fratelli Tutti ” = Todos Caballeros

  • Maroun ha detto:

    Io vorrei umilmente sapere una cosa? Chi se ne frega della fratellanza umana senza la paternita` Divina? Ma e` possibile che questa ( chiesa moderna ) non vuole piu` parlare e dire che noi non siamo figli di Dio per generazione naturale, invece siamo figli di Dio per rigenerazione soprannaturale come giustamente diceva sant`Agostino… Nessuno nasce come figlio di Dio, invece solo attraverso il battesimo si rinasce dall`alto e si diventa figlio di Dio per adozione… Come mai nessuno o quasi dei nostri vescovi o preti insegna piu` queste verita` Cristiane?

  • contatore ha detto:

    Ho letto. Poi ho usato la funzione ctrl+f per la ricerca ed il conteggio delle parole.
    Fratello e fratelli ci sono 26 volte ciascuno, sorella 6 e sorelle 4.
    Padre c’è 12 volte, note comprese: 2 volte per il Santo Padre Francesco, 2 volte per San Francesco, 1 per un frate e 1 come padre di famiglia (in una citazione di Matteo); 6 per un certo Padre comune, celeste, vostro, nostro, di tutti, dell’umanità. Però non si dice mai Padre di Gesù o Padre di Cristo e nemmeno Dio Padre.
    Inoltre manca del tutto l’espressione Figlio di Dio, come pure figli di Dio.
    Mi chiedo: perché fratelli tutti? Perché lo dice lui?

    • Virro ha detto:

      Contatore
      perché per la religione islamica affermare che Dio è Padre, è Figlio corrisponde a bestemmia, mentre oggi va diffondendosi, la leggenda, che Maometto è lo Spirito Santo – questa è la bestemmia delle bestemmie.
      Da questo vertice così bugiardo, possiamo aspettarci qualche verità evangelica e/o sociale?
      Come è trattato nostro Signore!!!

    • Grog ha detto:

      Scommetto qualcosina che non ricorre nemmeno il nome “Madonna”. Ho vinto?

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    Fratelli e consanguinei.

    L’ALTRISMO è la tecnica consumata per sviare l’attenzione. Francesco ne è maestro. Parla e scrive di Altro (ecologia, immigrazione…) per camuffare la sua “povertà” in teologia, in storia, in economia e scienze umane.
    Oggi – con piatti, tamburi e fiati – pubblica un’enciclica ragnatela dove cadono le mosche post-conciliari per distrarle da notizie su occulti conti “personali” e sui traffici di “servitori” usa-e-getta. Poveri parroci di periferia! Arrampicarsi sugli specchi senza ventose!
    Ma ci sono calabroni con occhi di calabroni che non ci cascano e per giunta sfondano la ragnatela stessa.
    Traduco e riporto dal sito-calabrone https://gloria.tv/post/JRikcUcMiYMX6PdNTwwQSvr79
    “Fratelli tutti: Perché essere cristiani? L’amore di Dio per coloro che lo ignorano è “lo stesso”. “L’amore di Dio è lo stesso per tutti gli uomini, indipendentemente dalla religione”, e se “questa persona è atea, l’amore è lo stesso”, divaga Francesco nella sua enciclica “Tutti i fratelli” (n. 281), che è stata resa nota sul sito InfoVaticana.com un giorno prima della sua pubblicazione. L’enciclica cita questa insensatezza tratta dal documentario “Papa Francesco: un uomo di parola”, che Francesco ha prodotto nel 2018 con il multimilionario tedesco Wim Wenders.”

    Poi, il calabrone sfondatore richiama il suo vecchio post (ottobre 2018) in cui dipinge questo Wim Wenders amico-ammiratore di Francesco:
    “Il regista tedesco Wim Wenders, 73 anni, divenuto famoso per il suo documentario del 2018 su Papa Francesco, il 26 settembre ha detto ad Avvenire che, come Francesco, pensa “abbiamo bisogno di una Chiesa povera”. Il miliardario – che si definisce un “profondo ammiratore” di Francesco – crede addirittura che la Chiesa abbia bisogno di “più povertà” [più di quella predicata da Francesco].

    Wenders è un cattolico non praticante che si è convertito al protestantesimo e che ora sta di fatto vivendo il suo quinto matrimonio. È un multimilionario. “ (Testo originale su https://gloria.tv/post/9ckgkjZ4MCvx6YzPVJmkKM2RE – ottobre 2018).

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    Presenza di parole chiave:
    Gesù, 31 volte prevalentemente come narratore di parabole
    Maria ovvero Madonna: zero citazioni
    Chiesa Cattolica: 1 citazione in nota, alcune citazioni solo come Chiesa
    salvezza: zero citazioni, alcune forme del verbo salvarsi sempre senza alcun riferimento spirituale
    peccato: una citazione
    Continuate voi

  • Enrico Nippo ha detto:

    Riguardo a “Fratelli tutti”, cito Mario che ha scritto:

    “possibile che si faccia ancora confusione fra questo tipo di figliolanza (e fratellanza) naturale e la figliolanza di adozione conferita con il Battesimo?
    Quasi che il privilegio e la grazia (immeritata) di essere figli adottivi di Dio, invece di aiutarci a capire meglio il significato vero di questo immenso mistero che è la fratellanza universale, possa invece diventare motivo di discriminazione nei confronti degli altri esseri umani.Maggior responsabilità e amore verso gli alti, altro che discriminazione… E lo dico innanzitutto a me stesso”.

    Sennonché, una volta rilevata la confusione, non si capisce quale sia la VERA differenza tra fratelli naturali e fratelli di adozione (divina). I fratelli di adozione sarebbero in qualche modo superiori a i fratelli naturali?

    Da quello che dice Mario sembrerebbe di no, poiché egli parla dell’“immenso mistero della fratellanza universale”, e quindi sarebbe la fratellanza universale che, per così dire, ingloba la fratellanza di adozione e non viceversa, cioè tramite la conversione del fratello naturale in fratello d’adozione.

    Insomma la fratellanza universale sarebbe più importante della fratellanza cristiana.

    E così andrebbe a farsi friggere l’assoluta necessità del Battesimo (e degli altri Sacramenti).

    Bell’impiccio!

    • MARIO ha detto:

      Enrico,
      non ti basta l’espressione “il PRIVILEGIO e la GRAZIA (immeritata) di essere figli adottivi di Dio”, per capire il grado di importanza oggettivo (e coincidente, purtroppo per te, anche con il mio soggettivo) dei due livelli di figliolanza e fratellanza?

      Riguardo all’ “immenso MISTERO della fratellanza universale”, mi sto convincendo che è davvero un mistero immenso, visto che tanti non l’hanno ancora capito.

      E per quelli che non credono alla Verità cattolica circa principio di fratellanza universale naturale, cito Benedetto XVI (anche se per te è un eretico, anzi proprio per questo, perché il tuo parere negativo è come un sigillo di autenticità):
      “Il Dio in cui noi cristiani crediamo è il Creatore e Padre di tutti gli uomini, a partire dal quale tutte le persone sono tra loro fratelli e sorelle e costituiscono un’unica famiglia.”

      • Enrico Nippo ha detto:

        A parte che, limitandoti a ribadire il “mistero” che tu hai compreso e molti no, non mi hai aiutato a rispondere alla domanda: la fratellanza universale (massonica?) sarebbe più importante della fratellanza cristiana?, trovo l’affermazione di Bendetto XVI, che tu mi proponi come una sorta di “rivelazione”, di una scontatezza quasi sconcertante.

        In un’ “unica famiglia” non ci sono familiari di serie A (i figli di adozione) e di serie B (i figli naturali), poiché questa sarebbe un’assai poco misericordiosa discriminazione. Quindi non può bastarmi, come risposta, il “privilegio e la grazia di essere figli adottivi di Dio”.

        Allora me lo dici, tu che hai compreso il “mistero”, se ciò che conta di più è la fratellanza universale o quella cristiana?

        Dalla tua risposta dipende il fatto che io possa continuare a citare i miei fratelli zen, samurai, pagani, ortodossi, e, perché no? protestanti.

        • MARIO ha detto:

          Enrico,
          chi ha orecchi per NON intendere, NON intende:

          1) Riguardo alla scala di valori, quando si parla di fratellanza (naturale=universale e di adozione=cristiana), non riesci a capire da solo il “grado di importanza” che io attribuisco loro?

          2) Perché mai la “fratellanza universale naturale” (Volontà e Dono di Dio, Padre di tutti gli uomini) dovrebbe coincidere con la “fratellanza universale massonica”? Solo per un malsano prurito istintivo, provocato da mere assonanze verbali?

          3) Riguardo ai tuoi “fratelli zen, samurai, ecc. …”, sembrerebbe che tu, più che “fratelli naturali”, li consideri dei “fratelli di elezione”.
          Probabilmente perché, amandoli così tanto, il solo sospetto che essi possano essere unicamente tuoi “fratelli naturali” e quindi (secondo il tuo MODESTO parere) appartenenti automaticamente alla stirpe massonica, ti getterebbe nel panico più assoluto e la notte non ci dormiresti più del tutto…
          Anche qui (a mio MODESTO parere) è semplicemente questione di priorità, di scala di valori, senza nulla togliere alle altre culture.

          Fai il bravo…

          • Enrico Nippo ha detto:

            Veramente ho scritto “massonica?” col punto interrogativo, quindi c’è chi ha orecchi e non intende ma c’è pure chi ha occhi e non vede.

            In ogni caso, è indubbio che ci stiamo di nuovo imbarcando in un polemos inutile che potrebbe di nuovo provocare un intervento del signor Marco.

            Allora la finisco qui citando Platone:

            “Ogni problema ha tre soluzioni: la mia soluzione, la tua soluzione e la soluzione giusta.”

          • MARIO ha detto:

            Enrico,
            troppo facile, per tirarti fuori dall’imbarazzo (o più precisamente dall’ingorgo dei tuoi pensieri confusi), aggrapparsi al bastone castigatore (o meglio alla bici spericolata) del dott. Tosatti, perché rischi di far cadere anche lui. Povero vecchietto… :-))
            Amen.

          • Enrico Nippo ha detto:

            Inutile fare a corsa con la lepre.

    • Boanerghes ha detto:

      La fratellanza universale è una cosa, poiché siamo tutti figli di Dio.
      Scendendo nel particolare, la rivelazione cristiana è l’unica e perfetta, ed in virtù dell’alleanza nuova ed eterna in Cristo Signore, ci rende figli adottivi.
      Il problema nasce se, con una lunga enciclica molto scarsa di concetti teologici e dottrinali, la Chiesa cattolica con la sua Sacra Tradizione confluisce in un calderone unico dove ci sono anche le altre forme religiose.
      Il primo comandamento dice: Non avrai altro Dio all’infuori di Me.
      Se si contravviene, subdolamente, a ciò, oltre ad essere molto grave il peccato, occorre ricordare che Dio è un Dio geloso.
      Quindi non lamentiamoci se poi il Signore abbandona l’uomo alla sua iniquità, permettendo una purificazione sul tipo di quelle che hanno contraddistinto la storia del popolo ebraico nell’ antico testamento.

      • Enrico Nippo ha detto:

        Ma il “Dio all’in fuori di Me” non è il Padre di TUTTI gli uomini?

        • Boanerghes ha detto:

          Il Creatore è uno solo.
          Non ci sono altre dei.
          Tutti fasulli.

        • Cangiano Gennaro ha detto:

          … è il creatore di tutti gli uomini, ma il figlio è “unigenito”. La definizione di figli di Dio dei cristiani si avvalora in maniera direttamente proporzionale a quanto essi si conformino all’unico Figlio Gesù Cristo… fino a dire con san Paolo: “non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me”.

  • Josephine ha detto:

    Conoscendo un pò le persone , in questa Enciclica leggo il pensiero di Zamagni e Becchetti.. Zamagni è presidente della Pontificia Accademia delle scienze , cattocomunista prodiano e melloniano. un ex professore universitario di Bologna , una nullità. Becchetti è professore da qualche parte , comunistacattolico , ma è intelligente ,capace. e molto ambizioso . Poi intravedo il pensiero di mons.Toso , attualmente vescovo di Faenza . Altro cattoprogressitacomunista. Incapace assoluto. Infiltrato in poche righe intuisco la presenza anche del prof Luigino Bruni. cattolico, focolarino.Bravissima persona , buona e anche un buon studioso dell’economia francescana medievale. Ma disoccupato.
    Questi temo siano gli estensori della cosiddetta ” Enciclica della Disperazione” . Disperazione naturalmente di quei cattolici che hanno capito cosa sta succedendo e si disperano. Si disperano e si consolano dicendo che tanto non prevalebunt. Aumentando la disperazione di quei cattolici che ritengono necessario invece agire ,Magari ognuno con le sue risorse , anche una lettera ai blog .

    • Zoe ha detto:

      Sono troppo ignorante per conoscere i personaggi o meglio gli studiosi citati. Sembra però che orbitino tutti nell’area dell’Alma Mater bolognese. Immagino quale sia la fatica, per persone di così alta levatura nel vedersi costretti a scrivere un saggio che fosse comprensibile, secondo le istruzioni papali, anche dagli abitanti illetterati delle Villa miserias.
      Ma, purtroppo non hanno tenuto conto di coloro, come noi, che amano la parola del Signore e che hanno una certa capacità di ragionamento critico.

    • cosimo de matteis - Sito "IL BENE VINCERÀ" ha detto:

      Gentile signora Josephine,

      la invito a non sottovalutare Zamagni. Che è, come lei dice correttamente, “presidente della Pontificia Accademia delle scienze [sociali]”. Poi aggiunge: “cattocomunista prodiano e melloniano. un ex professore universitario di Bologna , una nullità”.
      Starei attento a definirlo “nullità”. Intanto costui, piazzato lassù da Bergoglio, ha varato proprio oggi, in coincidenza con la “Libero Tutti” un Partito.
      Poi, un dossettiano –emblema non solo del cattocomunismo progressista ma del modernismo (che è una eresia)- non è uno stupido.
      Questo partito –“insieme” si chiama, con tanto di logo della massonica UE- racimolerà consensi anche grazie alla tambureggiante azione persuasiva di TV2000.
      Perché verrà presentato come il “partito cattolico”. E soprattutto la rete diocesana-parrocchiale farà il resto alle prossime elezioni.
      Vi ricordo che Zamagni –altro che nullità- è da almeno tre o quattro anni che gira tutte le Diocesi italiane (coi soldi dell’otto per mille, ma questo è veramente un dettaglio) palmo a palmo.
      Ne riparliamo fra qualche mese. Quando il Goi darà il benservito a Giuseppi ed a Palazzo Chigi ci andrò quel demonio di Draghi (senza elezioni probabilmente ma come ordine di scuderia dei figli della vedova).
      E’ pur vero che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi (ed infatti verrà il trionfo del Cuore Immacolato) ma intanto questi demoni ci faranno soffrire assai.
      Ripeto: non sottovalutate il partito appena nato.

  • Agostino Nobile ha detto:

    Ho letto soltanto i passi dell’Enciclica riportati da Tosatti, ma penso siano sufficienti per concordare con PG. Attraverso i suoi scritti e le sue parole Bergoglio conferma la sua ignoranza storica e la considerazione davvero bassa che ha per il cattolico. La superficialità di certi suoi commenti lascia basiti. Se non si trattasse di argomenti estremamente seri e vitali, dovremmo compatirlo. Purtroppo così non è.

  • Raffaella ha detto:

    Nella mia piccolezza domando: a che spetta dichiararlo eretico, apostata o semplicemente confuso?
    Chi può dirgli in faccia:”questa specie di enciclica fa schifo?”
    Ma dobbiamo sempre subire e tacere? Assistere alla sfacelo della Chiesa di Cristo senza fiatare?

    • Maria Cristina ha detto:

      Cara Raffaella credo che di questa enciclica si parlera’,due o tre giorni, massimo una settimana . Poi cadrà”nel dimenticatoio dov cadono tutti i documenti noiosi e retorici.
      E fra cinquanta anni nessuno piu’se ne ricordera’ .Come delle musiche mediocri del ‘700 ,rispetto agli spartiti di Mozart o Bach
      Non dobbiamo prendere sul serio Sua Insignificanza, il grande Fratello Bergoglio.

  • Enrico Nippo ha detto:

    “Questo documento è destinato ad accrescere il conflitto nel mondo cattolico, a dividere più che mai con la scusa di una verità (la fratellanza) che si presta a troppe interpretazioni contraddittorie”.

    Conflittualità e contraddizione: è la caratteristica del pensiero. Non ci può fare nulla.

  • PIERO LAPORTA ha detto:

    Un pubblicitario serio non sarebbe stato così grossolano né così malaccorto.
    «La tradizione cristiana non ha mai riconosciuto come assoluto o intoccabile il diritto alla proprietà privata, e ha messo in risalto la funzione sociale di qualunque forma di proprietà privata» è la frase fra le più rilanciate da Assisi. Non è affatto una novità, anzi è una delle perle della nostra tradizione e della nostra civiltà. I giornalisti da guardia di Bergoglio fanno così velo al fatto conclamato: da uno dei conti personali di Bergoglio hanno prelevato 20milioni. In altri termini, 20milioni di immigrati potrebbero vivere da milionari con una parte di quanto Bergoglio ha inquattato nei suoi conti personali. Fratellanza? Povertà? Nuova solidarietà? Non leggerò questo pessimo spot pubblicitario, redatto da un manipolo di pubblicitari improvvisati.
    Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi; in questo caso non ci sono neppure i manici.
    Il male divora se stesso, disse san GPII. Difficile dargli torto mentre Bergoglio, Becciu e i loro cortigiani impazzano.

    • moretto ha detto:

      beh , generale, non direi che Becciu ” impazzi “, semmai sta impazzendo , proprio perchè il suo male lo ha già divorato . L’altro , è un discorso diverso. Quando presto cadrà farà un tonfo tale che persino al centro della terra lo sentiranno e si prepareranno ad accoglierlo .

      • PIERO LAPORTA ha detto:

        Se la vedrà lui con Nostro Signore. Non mi va di dedicargli neppure un’altra sillaba.

  • Raffaella ha detto:

    Non è un’enciclica, non è magistero quindi speriamo che faccia presto la fine che merita: nel WC.

  • nipass39 ha detto:

    Ma non era “tutti fratelli in Gesù Cristo”? O no?

  • Nicola Buono ha detto:

    No non lo dividerà sempre di più il piccolo mondo cattolico, questo documento. Nel senso che ormai le posizioni sono da molto tempo chiare e cristallizzate. E cioè abbiamo da una parte un piccolo gregge più o meno colto ed istruito legato al vero Vangelo e Magistero della Chiesa di 2000 anni che rifiuta i cambiamenti dottrinali e le novità ecumeniche che mettono il cattolicesimo alla pari delle altre religioni, piccolo gregge di religiosi e laici mortificati e perseguitati per le loro ferme posizioni. Poi abbiamo i cattocomunisti laici e religiosi ben lieti di tutte queste deviazioni Che trasformano la Chiesa di Cristo in una Ong mondialista ed eliminano così ” finalmente” la Chiesa ed il Vangelo ” rigidi ” di 2000 anni. E poi ci sono gli indifferenti di sempre che non hanno mai creduto e non hanno mai aderito alla Chiesa e che sono ben lieti di queste “trasformazioni” del Magistero perche cosi basta( per salvarsi ed avere la coscienza a posto) fare un po’ di elemosina e qualche opera di carità senza credere al Vangelo e senza rinunciare ai peccati che tanto piacciono (specie quelli della carne). Le posizioni ormai sono queste da un pezzo e non cambieranno finché non arriveremo al Redde Rationem preannunciato da tanti Santi , Beati, Venerabili e Mistici cattolici e da tante Apparizioni Mariane.

  • Elena ha detto:

    Alla redazione
    Se ho inviato due volte mi scuso per l’errore. Grazie.

  • Elena ha detto:

    Non ho letto l’enciclica e mi guardo bene dal farlo a causa della mia incompetenza ma concordo e accetto in toto il giudizio di PG. In quanto alla cura ipotizzata da Stilum Curiaele mi permetto di suggerire una sola efficacissima: CAMBIARE MESTIERE.

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      Visto che mi cita, le rispondo.
      Oggi tutti parlano di una “società malata”, Ma la società non può nè essere sana nè essere malata. La realtà è che “nella società” ci sono “persone” “malate” che la influenzano, come questo gesuita italo-sudamericano che non è cosciente dei suoi limiti ed ha accettato (anzi, promosso) la sua nomina a Sommo Pontefice della Chiesa Cattolica, senza esserne all’altezza.

    • alice ha detto:

      anch’io non ce la faccio a leggerla. Ma concordo con il giudizio di pezzo grosso che afferma che l’ecumenismo è l’eresia del XXI secolo. O meglio, l’ecumenismo è la paneresia, che compendia , inglobandole, tutte le eresie precedenti.

  • XXX ha detto:

    “Basta evidenziare nella premessa del documento la manifesta volontà di ignorare la verità su san Francesco che andò nel 1219 in Terrasanta esclusivamante per convertire i musulmani, anche a costo del martirio,tanto che sfidò il sultano a a convertirsi dopo la sua famosa prova del fuoco (si suggerisca al papa quando andrà ad Assisi di dare un’occhiata all’affresco di Giotto)”.

    Credo che non se tratta di ignorare la verità su san Francesco ma veramente di falsificarla per dare un “fondamento santo” alle loro ideologie. Il problema è che chi fondamenta le cose nella menzogna è Lucifero. Inoltre a questo se vede chiaramente un revisionismo che porta ad una falsa tradizione (tradizione luciferiana?). Lo stesso che hanno fatto con San Francesco hanno fatto con Lutero che oggi è quase un Santo.

    • bastian contrario ha detto:

      Ricondurre ogni tipo di menzogna a Lucifero ? Siamo certi che questo non sia un modo di fargli pubblicità ?
      Ho conosciuto, molti anni fa un sacerdote che, prima di fare una predica, non leggeva il vangelo che avrebbe dovuto commentare, ma chiedeva a coloro che gli stavano intorno : cosa diciamo stasera ai nostri amici ? e di fronte alle proposte a commento del vangelo di quella sera, affermava : ma questo non si può dire, perché altrimenti non vengono più.

      • XXX ha detto:

        Bastian, se tratta di un tipo di menzogna in una Lettera Enciclica papale. Se questo tipo di menzogna non è riconducibile a Lucifero, quale sarà?

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Non ho letto il documento se non per gli stralci pubblicati, senza interessarmi alle analisi giornalistiche.
    Con l’aria avvelenata che si respira la sola parola “fratellanza” mi suona provocatoria.

  • IM ha detto:

    Nel loro incontro Bergoglio disse che Gesu’ non e’ cattolico. I fratelli sono accomunati dalle stesse vedute. E allora perche’ l’imam non disse che Maometto non e’ mussulmano?

    • zuzz ha detto:

      Giusta osservazione. Lo scopo di questa enciclica, non sarà, come ho letto nei commenti a cui ho dato un’occhiata, la sottomissione del Vaticano all’islam ?
      Per farsi un’idea di come vengono viste le cose in un paese confinante potreste dare un’occhiata al sito :
      https://www.confessioni-elvetiche.ch/
      sopratutto agli articoli postati negli ultimi giorni.

      • fonzi ha detto:

        Se si sottomettesse all’Islam sarei quasi sollevato. Anche per l’Islam, infatti, c’è inferno e paradiso e per guadagnare il secondo non bisogna peccare. E’ vero, ci sono delle grosse differenze tra noi e loro, ma entrambi CREDIAMO. Insomma, il Nemico non prega Allah, ma semplicemente NON PREGA. Un po’ di sano islamismo, quindi, farebbe bene alla nostra società agnostica e a questa chiesa che invece vuole imporre il globalismo ateo e massonico.

        • Elisa ha detto:

          Fonzi stai scherzando vero? La tua è una battuta vero? Perchè tu sai molto bene che Allah islamico è un dio pagano, e sono convinta che tu sai che Allah islamico non è il Dio giudaico cristiano. Non è Yahweh. Lo sai vero.? Lo sai vero che Maometto era convinto che fosse il diavolo a dargli la rivelazione del corano e l’Angelo Gabriele sembrava satanato. Quindi non era il vero Arcangelo Gabriele, ma era lucifero, l’Angelo vestito di luce che gli dava le sure coraniche. Hai letto vero la biografia di Maometto.? Perchè paragonare Allah islamico al nostro Dio è blasfemia, lo sai vero? È molto grave quello che dici. Io rispetto le opinioni altrui, ma no quando mi si paragona il mio Dio con un baal o dio pagano. In questo sono intrasigente.

  • Michel Berthoud ha detto:

    Dottor Tosatti, oggi un articolo molto interessante di Francesco Boezi sul quotidiano IlGiornale.it attinente all’enciclica “Fratelli tutti” dove si parla di Stilum Curiae e la sintesi fatta da lei. Complimenti.
    https://bit.ly/33tqT7u

    • zuzz ha detto:

      intanto prima di leggere l’articolo, bisogna arrivarci. Sono incappato nella richiesta di capolavori artistici da parte della mela Marlene, che sono riuscito a rispedire al mittente. Poi dopo le prime righe dell’articolo, la foto di Bergoglio con sopra la pubblicità della polizza Unipol Sai, quella a cui fa pubblicità in tv alessandro Gassman. Sembrava che lo sguardo del nostro fosse fisso sopra detta pubblicità. Una risata, finalmente.
      In fondo i commenti : credevo che gli stilumcuriali fossero irati contro l’occupatore abusivo della cattedra di san Pietro, ma non avevo preso in esame l’arrabbiatura feroce dei commentatori del giornale… veramente interessante.

  • Adriana 1 ha detto:

    Uno spot pubblicitario ,certamente e… sponsorizzato
    da chi ?
    Mons.Viganò dà un’interessante risposta ,
    https://www.aldomariavalli.it/2020/10/04/ecco-fratelli-tutti-manifesto-sociale-di-francesco-con-un-commento-di-monsignor-vigano/

  • Alessandro mirabelli ha detto:

    Standing ovation per pezzo grosso.

  • Francesco ha detto:

    Il Grande Eresiarca apostata!

  • agostino nobile ha detto:

    Mi associo a PG, aggiungendo che Bergy dimostra per l’ennima volta due particolari: possiede un IQ limitato e come tale considera i cattolici limitati come lui. Una persona minimamente scafata non scriverebbe contraddizioni storiche e banalità del genere senza provare imbarazzo. Se poi è un papa che esige rispetto siamo alle comiche.

    • anonimo verace ha detto:

      Ho resistito ieri alla replica del documentario trasmesso dalla 7 sul nostro (occupante abusivo della cattedra di San Pietro).
      Han fatto vedere le villas miserias di Buenos Aires.
      E’ chiaro che sono in pratica autentiche baraccopoli.
      Se si pensa a questi, chiamamoli così, agglomerati urbani, è chiaro che si procederebbe immediatamente alla distruzione delle proprietà private dei ricchi per dare, a queste persone, un qualcosa che fosse una casa vera.
      Ma bergoglio non sa, o finge di non sapere che le nostre case ce le siamo sudate e guadagnate con fatica, non certo truffando il prossimo. Lui vede delle città diverse, che non somigliano alle villas miserias di Buenos Ayres e non si sente in grado di dire la verità : lavorate con precisione e con costanza, e vedrete che riuscirete a costruirvi anche voi una casa decente.
      Mi domando : dove saranno finiti i denari rubati da Maradiaga alla vedova dell’Ambasciatore dell’Honduras ?

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      E che ci possiamo fare ? Lui ha solo 6 anni meno di me e studi certamente inferiori ai miei, ma io sono un semplice pensionato da 30 anni mentre lui non solo è papa ma è anche un araldo del futuro. 🙂

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    PG la paragona ad uno spot pubblicitario. Io la paragono ad un referto medico assolutamente fasullo. Pieno di radiografie, TAC, risonanze magnetiche, ma con una diagnosi incompleta, senza una prognosi e con proposte terapeutiche generiche e indefinite.

    • donZ ha detto:

      Condivido. Mia impressione è quella di un documento forzatamante imposto , con una infinità di argomenti fra loro difformi , di cui l’estensore non ha alcuna competenza , perciò crediblità. Soprattutto la valutazione “morale ” delle proposte fatte nell’Enciclica è altamente negativa , Farei una considerazione evidente : chi ha scritto questa enciclica non sa nulla, non ha capito nulla, non sa proporre nulla. Ma parla di tutto quello che un certo mondo gnostico vorrebbe imporre . Questa considerazione mi ha sconcertato e preoccupato . Sembrerebbe un testamento fatto da chi è stanco e sente di essere senza più risorse e capacità, che prova a proporre ancora una volta frettolosamente utopistici progetti irrealizzabili : Sembrerebbe esser il canto del cigno di una autorità morale senza più autorità e credibilità. Ad uso però di altri che suppongo utilizzeranno dette proposte per ben altri fini. Questo trovo preoccupante. DonZ

      • fonzi ha detto:

        Come a dire, speriamo che senta che sta per finire la sua epoca e spara tutte le cartucce alla rinfusa, quindi. Speriamo. E speriamo che abbia esaurito gli argomenti e non segua un’altra enciclica nella quale magari si mette a dire che uccidere un fascista non è reato. O che l’aborto è opera di apostolato. O addirittura che Dio è un’invenzione delle classi dominanti per controllare il popolo. Dov’è la linea rossa che non deve oltrepassare per essere considerato eretico?