RVC. ALLEANZA SOROS-GESUITI. SARÀ FELICE AUGUSTE COMTE….

16 Settembre 2020 Pubblicato da

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, Romana Vulneratus Curia (RVC, per tutti noi) ha letto questo articolo di Pietro De Feo sui finanziamenti di George Soros ai gesuiti, di cui, come vi ricorderete, ha parlato anche Stilum Curiae qualche giorno fa. La sua opinione? Certamente, come al solito, stimolante e controcorrente. Con radici profonde nella storia della Filosofia…Buona lettura. 

§§§

 

RVC a Tosatti.

Caro Tosatti, il buon Pietro De Feo su Libero quotidiano commenta una notizia di qualche giorno fa, ma con alcune considerazioni che non ho trovato pertinenti.

Se Soros finanzia attività sociali dei Gesuiti e poi finanzia anche strutture pro-aborto non credo che si debbano trarre conclusioni sulle intenzioni comuni dei beneficiari delle stesse donazioni.

Io era tra l’altro convinto che fossero i Gesuiti a finanziare Soros… per non esporsi direttamente. In passato per sostenere in modo discreto la campagna elettorale di Obama e Clinton. E oggi quella di Biden contro Trump….

Soros finanzia tutto ciò che secondo lui può sovvertire l’ordine naturale. Ma aver dato ai gesuiti poco più di 400mila dollari all’anno cioè 1 milione e 700mila dollari in quattro anni è veramente una miseria; mi meraviglia perché è molto poco.

Probabilmente non si fida di loro, che taccagno!

Soros dava molto di più ogni anno al partito radicale di Pannella-Bonino, di cui si fidava invece.

Trovo invece più significativo il comune odio verso il sovranismo. Soros è antisovranista e odia Salvini esattamente come lo disprezza Papa Bergoglio; questo sì merita un commento.

Il maestro di Soros è Popper, che vide nel sovranismo-nazionalismo la difesa della identità di un popolo nazione. Il sovranismo è stato visto quale grande ostacolo al processo di omogeneizzazione ed integrazione di una forma utopistica e superata di globalismo. Quella che ha fallito in tutto: economicamente, culturalmente, socialmente, politicamente, moralmente.

Che Soros continui ad odiare il sovranismo è comprensibile perché teme, dopo tutte queste crisi, un ritorno alla protezione delle proprie identità culturali-politiche che permetterebbe la più facile e rapida soluzione di tutti i problemi che ci angosciano.

Che Bergoglio mostrasse disprezzo per i sovranisti, all’inizio del suo pontificato mi sorprese un po’ di più; il cattolicesimo è una religione universale che non ha confini.

Ora no. La religione ambientalista mixata alla fratellanza universale, che verrà di fatto trattata nella prossima Enciclica, non può tollerare sovranismi.

E li probabilmente si è formata l’alleanza Soros-Gesuiti. Quella che aveva ben elaborato e progettato Augusto Comte quando propose al Generale dei Gesuiti di prepararsi a fare il Papa per raggruppare una sola chiesa positivista,gnostica, panteista, deista, ecc.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

28 commenti

  • Nicola Buono ha detto:

    Per Daniel 15:04 del 16 settembre. Caro amico, il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Infatti oggi nella prima pagina di AVVENIRE, merito sopratitolo , c’è scritto tra parentesi che IL DELITTO È FORSE PREMEDITATO. Eh già infatti l’omicida tunisino fatto passare immediatamente per persona fuori di testa ( ma ai carabinieri non consta che fosse seguito per malattie psichiche….) AVEVA COMPRATO TEMPO PRIMA IL COLTELLACCIO CON CUI HA UCCISO DON ROBERTO. È QUI QUINDI CASCA L’ASINO ED ANCHE LA BALLA CHE FOSSE UN MALATO MENTALE ED ABBIAMO BELLA EVIDENTE LA PREMEDITAZIONE.

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    Dr. Tosatti, lunedí 14 sett. u.s., il blog argentino https://caminante-wanderer.blogspot.com/ ha pubblicato un interessante articolo dal titolo “E’ arrivata la benedizione di Papa Francesco”.
    Paradossale titolo, paradossale la sua tesi:
    “Il pontificato di papa Francesco ha sollevato il tappeto e ha mostrato crudelmente la spazzatura che si accumulava sotto. Uno spettacolo triste e crudele e impensabile. Perché la perdita della fede è molto più diffusa di quanto si pensi, è molto più profonda e riguarda la stragrande maggioranza del collegio episcopale, quindi le possibilità di restaurazione sono minime.”

    “La gravissima situazione che la Chiesa stava attraversando era mascherata da una monumentale perdita di fede, con ondate di folle che cantavano al messaggero della pace e, più recentemente, con la fastosità del pontificato di papa Benedetto.”

    “Francesco ha messo nero su bianco. Ci ha mostrato la realtà, ci è piaccia o no. E questa è già una grande benedizione. Nessuno può essere curato se vive nella fantasia di essere sano. Ora conosciamo la gravità della malattia, e sono in molti a rendersene conto e ad agire di conseguenza.”
    ——–

    Ma non volevo segnalare questa “tesi”.
    Per soddisfazione del suo gran lavoro e per scorno dei suoi nemici voglio segnalare e riportare quanto Wanderer dice di lei:
    “Marco Tosatti non è mai stato un tradizionalista o un critico della chiesa. Noto vaticanista, era molto vicino a Giovanni Paolo II e lo onorerei integrandolo nel gruppo neoconservatore. Tuttavia, la scorsa settimana ha pubblicato sul suo blog (che conta più di 18 milioni di lettori) un’intervista con lui negli Stati Uniti in cui, tra le altre cose, afferma…”
    e qui riporta – in spagnolo – brani della sua recente intervista a Beatrice Silenzi.
    E’ proprio il caso di dire: “benedetta globalizzazione”!!!

  • Luca Antonio ha detto:

    Comte era ateo, era uno scientista assoluto e considerava i dati sperimentali, le crude cifre, come gli unici elementi da selezionare per prendere le decisioni di questo mondo. Considerava lo stadio teologico, quello della fede in Dio, dell’uomo come lo stadio infantile della societa’ ;
    quello della filosofia metafisica come lo stadio adolescenziale e identificava lo stadio scientifico – quello in cui non ci si interroga piu’ sul “perche'” e sul “fine” delle cose , ma solo sul “come” funzionano le cose – come l’eta’ finalmente adulta e realizzata dell’uomo, il suo apice evolutivo.
    La somiglianza con la lettura in chiave esclusivamente antropologica della nostra parabola storico/ esistenziale di Feuerbach e’ impressionante e non lascia dubbi sull’ateismo del Nostro e i suoi scritti sono quanto di piu’ velenoso – per l’anima- sia stato scritto (parlo per esperienza) ….quasi al livello di Renan, proprio perche’ disseminati , Enrico, di frasette ambigue e apparentemente tranquilizzanti.

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      Proprio quello di poter dire solo il come e non il perchè del funzionamento delle cose è il limite che declassa la scienza a livello di semplice attività umana, ancorchè di altissimo livello.
      Il perché solo il Creatore lo conosce. Forse è questo che San Paolo ha voluto dirci in 1Corinzi 2, 9-12 ?
      [9] Sta scritto infatti:
      Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì,
      né mai entrarono in cuore di uomo,
      queste ha preparato Dio per coloro che lo amano.

      [10] Ma a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito; lo Spirito infatti scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio.

      [11] Chi conosce i segreti dell’uomo se non lo spirito dell’uomo che è in lui? Così anche i segreti di Dio nessuno li ha mai potuti conoscere se non lo Spirito di Dio.

      [12] Ora, noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere tutto ciò che Dio ci ha donato.

      • Rafael Brotero ha detto:

        Proprio per questo Comte voleva l’alleanza coi gesuiti, quelli veri, cattolici, di prima dell’invenzione del registratore. Sapeva che la Chiesa aveva qualcosa che la scienza positiva da sola non potrebbe offrire. Donde l’ immenso sforzo per creare la Chiesa positivista, per combattere la corruzione morale, intellettuale, insomma, per evitare che il crollo della fede portasse con sé tutto l’edificio sociale. Cioè, proprio per evitare che si arrivasse al nostro caro mentecatto apostata,Jorge Bergoglio.

        • stilumcuriale emerito ha detto:

          Se l’etichettare Bergoglio mentecatto, schizofrenico, paranoico, maniaco-depressivo, pigro, remissivo, ingiustamente aggressivo, idiota, zotico, maleducato , ignorante,insolente,vendicatico,servisse a qualcosa forse ad una soluzione dei problemi della chiesa si potrebbe aspirare. Ma lui ha l’arma vincente: l’infallibilità garantita dallo Spirito Santo. Per cui lui è come il DUCE: il popolo non conta nulla,per lui conta uno solo e quest’uno ha sempre ragione. Il DUCE ha sempre ragione , Firmato: Mussolini.Oggi potrebbe essere Firmato :Papa Francesco.

          • MARIO ha detto:

            S.E.,
            io penso che lei camperà ancora molto,
            perché Dio, con quelli che ama, ha molta pazienza
            e aspetta che siano pronti per la grande avventura.
            Coraggio, perché la strada mi sembra ancora lunga…

        • Luca Antonio ha detto:

          Mi rimane arduo capire come un tizio che considera Gesu’ Cristo un “avventuriero religioso”, un “ciarlatano”, un “falso fondatore” che nulla ha apportato al progresso umano- cfr. Catechismo positivista, 1852-,
          possa essere da Lei considerato come uno che cercava di salvare il salvabile nella chiesa e nella societa’ ….. nell’ottica di chi ancora, come me, ingenuo infante teologico , da’ fede a frasi del tipo
          ” ..senza di me non potete fare nulla” .

          • stilumcuriale emerito ha detto:

            Scrivo qui ma sto rispondendo a Mario.
            Dopo aver letto il suo commento ho capito perchè abbiamo un Papa Emerito di 94 anni e uno non emerito di 84. Specialmente il secondo ne ha ancora tanta di strada da fare.
            E Lei, Mario, quanta ne ha ancora da fare?

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Così come ogni azienda ha un conto economico bifronte consistente in “Profitti” e “Perdite” ogni ideologia presenta aspetti positivi e aspetti negativi.
    Volendo mettere a confronto due aziende si devono mettere a confronto i rispettivi bilanci completi; sarebbe assurdo mettere a confronto i profitti di una con le perdite dell’altra.
    Mettendo a confronto due ideologie, invece, questo errore viene fatto sistematicamente. I sovranisti parlano solo degli aspetti positivi del sovranismo e degli aspetti negativi del globalismo; i globalisti fanno esattamente il contrario.
    Ora io vorrei fare un’umile richiesta a chi conosce molto più a fondo di me la materia: qualcuno potrebbe fare due bei prospetti indipendenti, uno con aspetti positivi e negativi del populismo e uno con aspetti positivi e negativi del globalismo? Grazie!

  • Fuori tema ? ha detto:

    Nei telegiornali si notano degli atteggiamenti “nuovi” dei vescovi nei confronti dei loro fedeli.
    Si è visto il Vescovo di Torino Nosiglia, partecipare ad una riunione con dei sindacalisti, non seduto in prima fila, ma dietro ai microfoni, in piedi sul palco.
    A Genova, l’Arcivescovo, Marco Tasca, ha messo a disposizione Piazza san Lorenzo (cioè il sagrato della cattedrale) per un confronto con alcuni dei partecipanti alla competizione elettorale di domenica prossima. 5 i presenti. Lo sfidante principale, Ferruccio Sansa, due signore, fuoriuscite dal movimento 5 stelle Marica Cassimatis, ed Alice Salvatore, ed un paio di comprimari di minore importanza. Bella la scenografia. I 5 partecipanti con alle spalle la scalinata della cattedrale, tutte le sedie nella piazza, con il regolare distanziamento, ed in prima fila l’Arcivescovo, Marco Tasca. Sembra che abbia commentato che era bello incontrare tante persone preoccupate del bene comune.
    Assente il governatore uscente Giovanni Toti.

  • Gene ha detto:

    Che sia Soros a voler eliminare confini, differenze ed altro ci può stare, siamo in democrazia🤔🤔🤔🤔, quello che mi preoccupa è mortifica molti cattolici, è il ruolo del BerOrgoglio, a cui non interessa il cattolicesimo ma l’accoglienza di migliaia di musulmani.
    I quali di omologarsi al pensiero unico di Soros, di Bergoglio…non ci pensano proprio, perché continueranno a professare l’islam e se potranno a sottomettere i miscredenti, con la loro integrazione.. Vedi l’uccisione del prete, scusate però è incapace di intendere e di volere😨😨😨😨, oltre ad essere intolleranti, sono anche matti per convenienza 😭😭😭😭

    • daniel ha detto:

      Non mi sembra che gli inquirenti abbiano detto che l’omicida del sacerdote sia incapace di intendere e di volere. L’ha detto Bergoglio all’udienza generale. Poichè le indagini sono in corso, non avrà prevaricato sui giudici ?

      • Sherden ha detto:

        No, il pachamamico pampero ha semplicemente ripetuto a pappardella la solita vulgata secondo la quale se chi compie atti delittuosi è:
        a) un immigrato clandestino non avente diritto di permanere nel suolo italiano;
        b) destinatario di vari decreti di espulsione, mai realizzati;
        c) condannato per vari reati;
        d) musulmano
        allora è incontestabilmente “malato di testa”.
        Con codazzo di lacrime di coccodrillo.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Non credo che Auguste Comte sarebbe felice con un’alleanza con l’antipapa. Littré si, Comte no. Il Comte che propose l’alleanza con i gesuiti era il teorico reazionario nemico della rivoluzione, maestro di Maurras e tramite lui di tutta la destra pensante in Francia, dai giovani Maritain e Bernanos a Philippe Ariès e Pierre Boutang. Cioè, Comte era molto più cattolico di Bergoglio e sicuramente non vorrebbe nessuna alleanza con il mentecatto apostata, servo di Soros. Vade retro!

    • MARIO ha detto:

      Ripeto: “mentecatto” lo dica a qualche suo parente stretto!
      E se non ce l’ha, lo dica al suo gatto.
      E se non ce l’ha, lo dica al virus del Covid. Qualcuno ne trova ancora.
      Ma glielo dica sottovoce, perché quello magari si vendica…

  • Enrico Nippo ha detto:

    Premetto che non sono un conoscitore di Comte.

    Cercando le sue frasi su internet mi sono imbattuto in queste due:

    “Vivere per gli altri, non è soltanto la legge del dovere, ma anche la legge della felicità.”

    “Vedere per prevedere, prevedere per provvedere.”

    Non mi sembrano così scandalose, anzi.

    Ma, ripeto, non sono un conoscitore di Comte (non Conte, l’avvocato degli Italiani, quello lo si conosce fintroppo bene 😂)

    • furio ha detto:

      io facendo una ricerca su intenet su Napoleone mi sono imbattuto in questa sua dichiarazione : ” viva la trippa au poivre ” cosa dovrei pensare ? che è un buongustaio ? Come Carlin Petrini

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    Nel prologo al libro “Para un conocimiento de la paz” (Editrice Vaticana), Francesco domanda con metodo retorico:
    “Perché, in un mondo in cui la globalizzazione ha abbattuto così tante frontiere, dove tutti noi -si dice- siamo interconnessi, pratichiamo ancora la violenza nei rapporti tra individui e comunità?”.
    Nell’attesa che la sua teologia globalista-integrale e i suoi collaboratori diano la risposta alle sue ANGOSCE, nella città di El Paso (Usa) nella Cattedrale di San Patrizio lunedì è stata distrutta la statua del Sacro Cuore di Gesú posta dietro l’altare principale.
    Tre domande “retoriche” al Santo Padre:
    1) Il profanatore è SOVRANISTA?
    2) Manderà un suo telegramma di “consuelo” al parroco?
    3) Ritirerà le “felicitazioni” inviate al vescovo Mark Seitz che in una foto abbiamo visto inginocchiato con un cartello dei Black Lives Matters?
    4) Chiederà lumi al suo amico Biden?

  • Telegiornale regionale Piemonte ha detto:

    Telegiornale regionale piemontese di qualche giorno fa.
    Nel 2006 si producevano a Torino più di 200.000 automobili. Nel 2019 se ne sono prodotte poco più di 8.000. Si dice che stabilimenti Fiat siano in funzione in Polonia e in Serbia. Ma i torinesi che un tempo lavoravano in Fiat di cosa devono vivere ?

    • Briciola ha detto:

      La stessa saponetta acquistata in negozio costa più del doppio di quella acquistata al mercato.
      Stessa marca , ma quella del mercato è prodotta in Turchia.
      I capi di biancheria intima hanno viaggiato in un un’andirivieni frenetico tra Italia e Romania.
      Possibile che non si sia in grado di produrre un paio di mutande in Italia?
      Per molti globalizzazione vuol dire miseria .

  • Enrico Nippo ha detto:

    “… per raggruppare una sola chiesa positivista,gnostica, panteista, deista, ecc.”.

    Ora,l’ABBATTIMENTO DEL SACRO, iniziato scientemente e subdolamente grazie al cavallo di troia del vaticano II, e perpetrato con sulfurea continuità per 60 anni, è staro ed è il presupposto dell’insorgere e del consolidarsi, ormai quasi ultimato, della “chiesa positivista, gnostica, panteista, deista etc” e, possiamo aggiungere, neo-umanista.

  • Paolo Giuseppe ha detto:

    Sono un villico rotolato a valle dall’Appennino emiliano e come tale ragiono.
    Dio ci ha fatti diversi in tutto: nel fisico, nell’intelligenza, nella volontà, nei gusti, nel carattere. Per questo si sono formate le nazioni e, con esse, gli Stati all’interno dei quali esiste una faticosa e approssimativa coesione che forma un popolo. Allo stesso modo però ogni nazione è portatrice di diversità più o meno accentuate.
    E’ ovvio che chi aspira a dominare il mondo tende ad eliminare le differenze perchè se io la voglio cotta e i miei amici francesi la vogliono, cruda chi aspira al dominio non sa se cucinarla cotta o cruda e sbaglia in ogni modo. Se invece TUTTI sono uniformati ad un solo modello di vita, il dominio mondiale al Soros di turno è assicurato.
    Circa la Chiesa, ha un compito molto semplice: deve evangelizzare cioè proclamare la parola, ma il nostro Capo vero dice che il suo regno non è di questo mondo e allora per quale motivo Cechino si affanna e scende a compromessi con tutto il mondo?

  • domanda ha detto:

    “Che Bergoglio mostrasse disprezzo per i sovranisti, all’inizio del suo pontificato mi sorprese un po’ di più; il cattolicesimo è una religione universale che non ha confini”.

    Questa, confesso, non l’ho capita. Proprio perché non ha confini, il Cattolicesimo dovrebbe avere il compito di valutare con prudenza le forme di sovranismo/nazionalismo che vengono di volta in volta proposte.

  • Sono solo canzonette ha detto:

    Io penso positivo perché son vivo…ecc.
    Per me la canzone di Jovanotti finiva qui. Era cioè composta dal solo ritornello.
    L’ho sentita tutta di recente e mi sono , ahimé, reso conto che è una (brutta) versione musicale del progetto di una sola religione universale, come proposto da Augusto Comte, stando alle vostre parole.
    Ma come si può mettere insieme che Guevara e Madre Teresa ? Assurdo, semplicemente assurdo. Ma se è 20 anni che questa cantilena rompe i timpani italici, quanto il concetto fondamentale, ovvero quello di una sola religione, sarà stato assimilato dai nostri ragazzi ?