DDL ZAN: VESCOVI SOTTOMESSI E INERTI. SGOMENTO DI UN PRETE.

26 Luglio 2020 Pubblicato da

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, un amico del blog ci ha inviato un commento che ci è parso molto giusto e interessante, di un sacerdote, Antonello Iapicca, sul Disegno di Legge liberticida Zan-Scalfarotto-Boldrini sull’omofobia. La fonte di questo commento, che ci pare giusto rilanciare, è il blog di Sabino Paciolla. Veramente ci sembra vergognoso, ma da un punto di vista laico, non religioso, che la Conferenza Episcopale Italiana, e i vescovi, così sensibili e attenti a tante questioni del vivere civile e incivile, compresa la tratta dei clandestini, così impegnati nella vita della società italiana, si limitino per contrastare un provvedimento che attacca la libertà di pensiero, opinione ed espressione a un comunicato. Senza tornare sull’argomento, senza sensibilizzare i fedeli, che, grazie a Dio, e grazie alla Ragione, si mobilitano per conto proprio. Di chi e che cosa hanno paura- salvo alcuni casi tanto più meritevoli di lode quanto isolati? Quali legami impediscono la loro libertà di movimento? Buona lettura. 

§§§

A parte alcune eccezioni, a nessuno, anche in ambito ecclesiale, sembra importare un granché del Zan. Sgomenta che non ci si renda conto del cambiamento epocale che, come uno tsunami, sta per abbattersi sull’Italia. Il Coronavirus è nulla al confronto. Tutti a dire che niente sarà più come prima, ma sbaglia evento. Il Coronavirus ha solo evidenziato l’epidemia del peccato e della paura della morte che infetta il cuore di ogni uomo. Il virus prima o poi passerà, e sarà tutto come prima, solo qualche angoscia in più, alle quali corrisponderanno più alienazioni.

Mentre con il Ddl Zan convertito in legge davvero nulla sarebbe più come prima. Più grave addirittura dell’aborto. E non solo perché si tratterebbe di una legge liberticida. È molto di più, e l’omotransfobia è solo un grimaldello, l’attacco aereo che prepara l’invasione delle forze di terra.

Una eventuale Legge Zan decreterebbe la fine di un qualsiasi residuo di Legge Naturale, oggettiva, alla quale tutti debbono rispetto e obbedienza. Il diritto di cittadinanza legislativo (con tutti gli abomini e i reati che ne conseguiranno) di qualsiasi percezione e sentire circa il proprio genere sessuale è solo il candelotto di dinamite con cui sventrare la porta oltre la quale non esiste più alcun limite alla carne, alle sue concupiscenze, alle sue voglie e desideri, il tutto tradotto satanicamente in diritti che tutti devono accettare. Una Legge Zan cancellerebbe la Verità e obbligherebbe a non parlarne, a non insegnarla ai nostri figli, nelle nostre chiese, nelle case. Dopo questa Legge tutto sarà possibile perché, per legge, non potendo più nessuno opporsi alla barbarie del relativismo etico, non vi sarannonargini alle perversioni. Pochissimo tempo e la pedofilia sarà legge, e sarà raccomandata. Una Legge Zan non passerebbe più, radicherebbe nel tessuto sociale e culturale il diritto alla.menzogna, alla mistificazione per giustificare tutto.

Una Legge Zan non solo imbavaglierebbe le voci dissenzienti circa le menzogne, ma creerebbe i presupposti per l’irruzione e il dominio incontrastato di una perfida, iniqua e perversa anarchia morale. Altro che Legge Zan, Legge Caligola dovrebbe chiamarsi. Dalla sua eventuale approvazione alla realizzazione postuma dei sogni deliranti di Caligola basterebbe un attimo.

Svegliamoci, che il Coronavirus è di un momento, una Legge Zan sarebbe per tanto, tantissimo tempo, cambierebbe definitivamente la nostra società, avremo una battaglia difficilissima per difendere i nostri figli dall’ambiente infettante e pervasivo, per trasmettere loro la fede. Dobbiamo pregare, e fare di tutto perché questo abominio non divenga Legge. Nella certezza che comunque il demonio e Caligola non prevarranno. Sempre vi sarà un piccolo resto a stendere le braccia e ripetere con Cristo, Padre perdonali perché non sanno quello che fanno.

Ma dobbiamo aprire gli occhi, essere uniti a Cristo, per non confondere la nostra missione di testimoni e martiri della Verità con una marmellata buonista che finirebbe con il fagocitare anche i cristiani, senza che se ne accorgano. Con Satana non sindialoga, si prega e si sta sulla Croce annunciando la Verità per esorcizzarlo.

*Padre Antonello Iapicca*

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

78 commenti

  • Carlo Delfino AGOSTO ha detto:

    A.M.
    Lo sgomento di questo sacerdote missionario- Padre Antonello Iapicca – è condiviso da moltissimi fedeli che si chiedono dove e cosa facciano i Vescovi che dovrebbero difendere i loro greggi, con tutta la forza e l’energia possibile.

    Aveva ben ragione il Venerabile Arciv. Fultn Sheen che aveva predetto che la nostra Chiesa sarebbe stata salvata da noi laici !…

  • Nicola Buono ha detto:

    Fuori Tema ma è l’ennesima riprova di ciò che le risorse extracomunitarie sono dannose per l’Europa.

    https://www.repubblica.it/esteri/2020/07/26/news/nantes_volontario_confessa_incendio_cattedrale-262905268/

  • Catholicus ha detto:

    Signor parroco,
    credo ci sa un errore nello smistamento della posta.
    Ho ricevuto infatti tre bollettini parrocchiali con titoli come “Rispettiamo la natura”, “Il problema dell’acqua”, “Perdita della biodiversità”. Si tratta certo di uno scambio involontario con i bollettini dell’ETRA (*) . E sono altrettanto certo che i “veri” bollettini parrocchiali titolavano invece “Rispettiamo Dio”, Il problema della fede”, “Perdita della purezza”. Le sarei grato se volesse controllare.
    SLGC
    Franco Damiani

    (*) Etra : Energia Territorio Risorse Ambientali è una multiutility a totale proprietà pubblica, cioè una società soggetta alla direzione e al coordinamento dei Comuni soci in base all’art. 30 del TUEL (Conferenza dei Servizi), che svolge una serie di servizi di rilevanza pubblica

    Quando i preti non fanno i preti, disquisiscono su tutto, tranne che fare il loro mestiere, cioè adoperarsi per la salvezza delle anime. Preferiscono seguire il mondo, i miti della massoneria luciferina, menzognera e bugiarda, piuttosto che predicare i Novissimi. Il bello (o meglio, il brutto) è poi che non ci capiscono un’acca su ciò in cui vogliono cimentarsi, limitandosi a seguire l’onda dei bugiardi matricolati, i massoni ed i loro burattini. La prova ce la fornisce questo ambientalista pentito; altro che Greta e le bugie di Bergoglio e della sua Laudato Sì (come pure della sua Amoris Laetitia), tutti depistaggi per ingannare i poveri fedeli, beoti e vittime della falsa obbedienza a falsi pastori, in realtà lupi rapaci portatori di un falso Vangelo, di una falsa immagine di Cristo, di una falsa “chiesa”, gnostica e massonica :
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV3653_Faverzani_ambientalisti_pentiti.html

  • Memento audere semper ha detto:

    MARCO TOSATTI
    26 Luglio 2020 alle 18:58
    Caro Borghese, tutt’altro. Io sono un liberale, democratico, che crede nella democrazia rappresentativa, nel voto popolare e nella libertà, di pensiero, opinione ed espressione. Anche di quelle più estreme, e che hanno provocato disastri, come il comunismo. Odio i reati di opinione e tutto ciò che ad essi assomiglia; anche se vanno contro i miei avversari. Chiaro?

    Caro Tosatti, apprezzo molto il suo coraggioso outing. Adesso però ci deve spiegare che ci azzecca lei con tradizionalisti, lefebvriani, viganisti e compagnia bella.
    Non per essere pedante, ma i suoi amici hanno idee diametralmente opposte e – detto per inciso – di fronte a una dichiarazione del genere griderebbero al Vatican secondismo bergoglian massonico pluto giudaico.
    Non scherzo: così è capitato a me.

    • Marco Tosatti ha detto:

      Sì ch’a te fia bello averti fatto parte per te stesso. Io faccio le battaglie che ritengo giuste. Sea altri le ritengono tali, ben vengano.

      • alessio ha detto:

        Mia figlia è Noa a onore di Zelofcad ,
        lapidato perchè raccoglieva legna
        in giorno di Sabato.
        A quel tempo le donne non avevano
        eredità.
        Chiese Noa a Mosè se la poteva
        avere.
        Mosè chiese al Signore ed egli
        gliela concesse.

      • alessio ha detto:

        Saluto il mio amico Saba di Santa
        Brigida .

    • Enrico ha detto:

      Mi permetto di intervenire facendo mie le parole di Ferdinand Louis Céline, ovviamente un altro reietto agli occhi dei pacifisti sedicenti democratici che lo vedrebbero “liberamente” dimenticato insieme ai suoi simili:

      “Sappiate aver torto, il mondo è pieno di gente che ha ragione. È per questo che marcisce”.

      Ecco quello che ci frega a tutti: la convinzione di aver ragione. Con una particolarità tragicomica: ci sono quelli , e sono tanti, belli e buoni, con il cuore aperto verso l’umanità, che oltre a ritenere di avere ragione vorrebbero chiudere la bocca a quelli che, secondo loro, hanno torto e sono brutti e cattivi.

      I tanti belli e buoni che hanno “la coscienza a posto” e lanciano strali avvelenati verso i brutti e i cattivi che, neanche a dirlo, hanno una coscienza nera come l’inferno.

      E intanto il mondo continua a marcire.

      Dio ci scampi dai belli e buoni con la coscienza a posto!

      • Iginio ha detto:

        Si riferiva a sé stesso (e alla congrega lefebvriana), ovviamente.
        Un piccolo passo avanti verso la consapevolezza di sé.

    • alessio ha detto:

      Sansone , accecato fu legato dagli
      idolatri nel tempio a Gaza ,per
      essere sacrificato agli idoli ,
      legato alle due colonne e accecato ,
      chiese al Signore : dammi la
      forza un’ultima volta.
      Allora disse : muooa Sansone
      con tutti i Filistei .
      E ne uccise più in un giorno
      che in tutta la sua vita.
      Sansone era un giudice.
      A Gesù è piaciuto assomigliargli
      in tutto , anche nei capelli.

  • alessio ha detto:

    Saluto Padre Maria Purissima
    lefevriano credo, che ospitai a casa
    nostra e mi fece buttar via libri
    schifosi , mi fece vedere messaggi
    sublimimali della disney ,io
    ne ho trovati altri ,ne ho trovati
    anche in indiana jones e l’arca
    perduta.
    Chiudete disney e netflix.

    • alessio ha detto:

      Agostino ex ufficiale della guardia di
      Finanza in pensione suicidato nel garage
      di casa. Penso abbia visto le cose che
      vedevo io.Tanti pazzi che vedono le
      cose muoiono in fretta specialmente
      a villa Falcucci.
      In urss i cristiani finivano al manicomio.

      • alessio ha detto:

        ma non devono intervenire gli esorcisti
        in casi di schizofrenia gravi a carattere
        religioso?

        • alessio ha detto:

          pietro ha maledetto Giuda e lo ha
          tradire poi lo ha fatto impiccare.
          Non siate duri con i suicidi per
          disperazione , belfagor gode
          della morte e fa suicidare.

          • alessio ha detto:

            È meglio rattristare i propri genitori
            piuttosto che il Signore ,perchè il
            Signore ci ha plasmati e salvati,
            mentre i genitori spesso portano
            alla perdizione e consegnano al castigo
            quelli che amano.
            Giovanni Climaco
            la scala del Paradiso
            terzo gradino.

          • alessio ha detto:

            Maestro , Mosè ci ha ordinato di
            lapidare donne come questa.
            Rispose Gesù: chi di voi è senza
            peccato scagli contro di essa la prima
            pietra , scrivendo nella sabbia il
            nome del loro padrone.
            E tutti uno dopo l’altra la fecero
            cadere in terra.

      • alessio ha detto:

        nella Sinagoga Gesù disse:
        Chi non mangia la mia carne e non beve
        il mio Sangue non avrà la Vita Eterna.
        Gli risposero i discepoli : questo
        discorsio è duro. Chi può intenderlo?
        E se ne andarono.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

    Il Vangelo di questa domenica (cfr Mt 13,44-52) corrisponde agli ultimi versetti del capitolo che Matteo dedica alle parabole del Regno dei cieli. Il brano comprende tre parabole appena abbozzate e brevissime: quella del tesoro nascosto, quella della perla preziosa e quella della rete gettata in mare.

    Mi soffermo sulle prime due nelle quali il Regno dei cieli viene assimilato a due diverse realtà «preziose», ossia il tesoro nascosto nel campo e la perla di grande valore. La reazione di colui che trova la perla o il tesoro è praticamente uguale: l’uomo e il mercante vendono tutto per acquistare ciò che ormai sta loro più a cuore. Con queste due similitudini, Gesù si propone di coinvolgerci nella costruzione del Regno dei cieli, presentando una caratteristica essenziale della vita cristiana, della vita del Regno dei cieli: aderiscono pienamente al Regno coloro che sono disposti a giocarsi tutto, che sono coraggiosi. Infatti, sia l’uomo sia il mercante delle due parabole vendono tutto quello che hanno, abbandonando così le loro sicurezze materiali. Da ciò si capisce che la costruzione del Regno esige non solo la grazia di Dio, ma anche la disponibilità attiva dell’uomo. Tutto fa la grazia, tutto! Da parte nostra soltanto la disponibilità a riceverla, non la resistenza alla grazia: la grazia fa tutto ma ci vuole la “mia” responsabilità, la “mia” disponibilità.

    I gesti di quell’uomo e del mercante che vanno in cerca, privandosi dei propri beni, per comprare realtà più preziose, sono gesti decisi, sono gesti radicali, direi soltanto di andata, non di andata e ritorno: sono gesti di andata. E, per di più, compiuti con gioia perché entrambi hanno trovato il tesoro. Siamo chiamati ad assumere l’atteggiamento di questi due personaggi evangelici, diventando anche noi cercatori sanamente inquieti del Regno dei cieli. Si tratta di abbandonare il fardello pesante delle nostre sicurezze mondane che ci impediscono la ricerca e la costruzione del Regno: la bramosia di possedere, la sete di guadagno e di potere, il pensare solo a noi stessi.

    Ai nostri giorni, tutti lo sappiamo, la vita di alcuni può risultare mediocre e spenta perché probabilmente non sono andati alla ricerca di un vero tesoro: si sono accontentati di cose attraenti ma effimere, di bagliori luccicanti ma illusori perché lasciano poi al buio. Invece la luce del Regno non è un fuoco di artificio, è luce: il fuoco di artificio dura soltanto un istante, la luce del Regno ci accompagna per tutta la vita.

    Il Regno dei cieli è il contrario delle cose superflue che offre il mondo, è il contrario di una vita banale: esso è un tesoro che rinnova la vita tutti i giorni e la dilata verso orizzonti più vasti. Infatti, chi ha trovato questo tesoro ha un cuore creativo e cercatore, che non ripete ma inventa, tracciando e percorrendo strade nuove, che ci portano ad amare Dio, ad amare gli altri, ad amare veramente noi stessi. Il segno di coloro che camminano su questa strada del Regno è la creatività, sempre cercando di più. E la creatività è quella che prende la vita e dà la vita, e dà, e dà, e dà… Sempre cerca tanti modi diversi di dare la vita.

    Gesù, lui che è il tesoro nascosto e la perla di grande valore, non può che suscitare la gioia, tutta la gioia del mondo: la gioia di scoprire un senso per la propria vita, la gioia di sentirla impegnata nell’avventura della santità.

    La Vergine Santa ci aiuti a ricercare ogni giorno il tesoro del Regno dei cieli, affinché nelle nostre parole e nei nostri gesti si manifesti l’amore che Dio ci ha donato mediante Gesù.

    Ma siamo sicuri che le cose stiano proprio così, se “TUTTO FA LA GRAZIA, TUTTO!”, …che bisogno c’è di convertirsi o di pregare?

    “Il regno dei cieli è simile anche a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva e poi, sedutisi, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.” (Mt. 13,47-50)

    Di una cosa sono sicuro: che un “Dio cattolico” esiste, su un “Papa cattolico” … non ci scommetterei!

    PARLASSE UNA VOLTA DI COMVERSIONE O DI PREGHIERA, FIGURARSI DELL’INFERNO … MAI! SOLO AMMORE E …CREATIVITÀ!

    • Marco Matteucci ha detto:

      “Mi meraviglio che così in fretta da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo passiate ad un altro vangelo. In realtà, però, non ce n’è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! L’abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema! Infatti, è forse il favore degli uomini che intendo guadagnarmi, o non piuttosto quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più servitore di Cristo!” (Gl. 1,6-10)

    • Marco Matteucci ha detto:

      Perché citare un testo sacro, se poi lo si epura da quelle verità scomode che intende rivelare?

    • Marco Matteucci ha detto:

      NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA – REGINA DELLA PACE
      Messaggio N. 4.997 | Sabato 25 Luglio 2020

      “Cari figli, avanti lungo il cammino che vi ho indicato. Non dimenticate: in tutto Dio sempre al primo posto. Non permettere che le cose del mondo vi allontanino da Mio figlio Gesù. Cercate sempre i tesori di Dio. Solo in Gesù potete trovare la piena felicità. Io vengo dal Cielo per portarvi in Paradiso. Datemi le vostre mani e Io vi condurrò lungo la strada della santità. Ritornate, pentiti, a Colui che vi ama e vi conosce per nome. Non tiratevi indietro davanti alle vostre difficoltà. Quando avvertite il peso delle prove, invocate Gesù. Siate felici, perché i vostri nomi sono già iscritti in Cielo. Sappiate che ciò che il Signore ha preparato per i giusti gli occhi umani non l’hanno mai visto. Avrete ancora lunghi anni di dure prove, ma coloro che rimarranno fedeli fino alla fine riceveranno una grande ricompensa dal Signore. Non allontanatevi dalla preghiera, perché solo attraverso la preghiera potete capire i Miei Appelli”…

      Se vuoi leggere tutto:
      https://reginadelcielo.wordpress.com/2020/07/26/nostra-signora-di-anguera-regina-della-pace-103/

  • Petrus ha detto:

    Quando fu approvata la legge sulle unioni civili sotto il governo Renzi io dissi che avremmo dovuto aspettarci il castigo di Dio sull’Italia. .. dopo poco di più due mesi venne il terremoto in centro Italia… nel cuore drll’Italia… se passasse questo ancor più vergognoso ddl… cosa dovremmo aspettarci? Quali tremendi castighi Dio permetterà che cadino sul ns. Sventurato paese vittima dei massoni e dei sinistri traditori del ns. Ex Bel Paese? Preghiamo la Madonna di Fatima e delle Tre Fontane che ci sostenga in questi anni di tremenda prova della Fede e di persecuzione dei veri cristiani…. fiduciosi delle Sue parole “Ma alla fine il mio Cuore Immacolato Trionferà” Traditori della Fede sono anche tutti i cattolici che guardano e votano a sinistra perché la Madonna aveva avvertito che il comunismo russo avrebbe esteso i suoi errori nel mondo… il comunismo non è finito con il muro di Berlino perché i suoi errori principali sono l”ateismo e il cambiamento della società da cristiana ad anticristiana che gli eredi del comunismo e massoneria continuano nel loro intento secondo il volere del loro capo…. il principe di questo mondo.
    Vergine Santa pregate per noi che a Voi ricorriamo…. Donaci la Fortezza di testimoniare sempre la Verità anche fino al martirio.

  • alessio ha detto:

    Al sindaco bergamo che cambia il nome alle cose:cambia nome a città e squadra
    che fanno schifo tutt’e due.
    Alode del passo del brennero ,
    dedicato al re dei Galli Brenno a
    cui gli etruschi hanno fatto schifo
    pure a lui.
    A quelli che scavano nelle tombe ,
    ricopritele , che al Padre Buono
    Celeste , è piaciuto fare strage ,
    dopo che a cerveteri che
    significa coere, grande sacrificio ,
    migliaia di sacrifici umani e ha
    fatto l’aurelia , che significa
    vale dell’inferno , di cui
    parla platone , atlantide , al di là
    del mare . Per fermare tutto
    ciò hanno provato con
    l’aruspicina ma non gli è
    servito a nulla.
    La Santa Casa non è un caso
    che prima di venire in
    italia si è fermata in Croazia
    da cui proviene la Fist Lady
    americana e si è messa nel
    mezzo tra jesus jesi ,e
    lauretum che come
    aurelia significa valle
    dell’ inferno .
    Che partendo dalle dolomiti
    ha colpito bergamo ,monte morello ,
    fiesole ,monte amiata ,
    colline metallifere ,
    vesuvio e etna.

    • alessio ha detto:

      All’amico Vittorio Messori ,
      hanno fatto prigioniero don Barsotti ,
      i figli di Dio sono sacerdoti di
      Mercurio, sono tutti corrotti
      specialmente alla Madonna del
      Sasso , a Romena è piaciuto
      scavare e prendere oggetti da
      ciò che era considerato la bocca
      dell’inferno.
      enzo bianchi dichiarò sul
      corriere di voler essere sepolto
      a Montesenario tana di serpenti,
      hanno chiuso anche la
      cappella della Madonna.

      • alessio ha detto:

        avevo demunciato abusi alla confessione
        a Valerio Mauro cappuccino della diocesi
        di Firenze , a che punto è l’inchiesta?
        mi disse di custodire il silenzio.

        • alessio ha detto:

          Vaticano era il colle fuori da Roma ,
          significa vaticinio , si riunivano lì
          streghe e stregoni etruschi per
          i loro malefici.
          Prima la sede dei Papi era
          San Giovanni in Laterano.

          • alessio ha detto:

            Nel 1978 la rai fece il programma
            strix ,strega, dove si esibivano
            cantanti vi ballava Barbara D’Urso.
            Successero polemiche perchè
            atlas ufo Robot potesse
            pervertire i bambini ; si perchè
            parlava di uno venuto dal cielo
            a salvare tutta la terra e dice
            dove hanno sede i diavoli .
            Lo stesso di Ken il guerriero
            e di Devilman.

  • Enrico ha detto:

    https://www.youtube.com/watch?v=Z9mY8GKlI3w

    Se è vero siamo messi male.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Oggi come oggi nessuno impedisce di andare a Gesù come i Vescovi (non tutti, naturalmente!).
    Nessuno scandalizza i piccoli, ostacolandoli ad aderire all’amore di Dio, come fanno i Vescovi.
    Più che i Vescovi guerrieri e donnaioli, infatti, scandalizzano i Vescovi che coprono i pedofili, che non prendono posizione sull’omosessualità e che inciuciano (forse in tutti i sensi) con la lobby LGBT e i politici che la appoggiano.
    Una cosa che a livello morale ripugna la ragione come i piercing e i tatuaggi che ricoprono tutto il corpo, perfino il viso, ripugnano alla vista.
    La fede è davvero un dono di Dio per i fedeli che continuano a credere con convinzione in questa Chiesa che MORALMENTE appare come la corte dei miracoli che, nel Gobbo di Notre Dame, popolava i bassifondi di Parigi e se, a livello MORALE, certi Pastori appaiono come Quasimodo, il re dei folli.
    Meglio i Papi delle crociate che il Papa che ha protetto, difeso e occultato i crimini di McCarrick, che per decenni ha celebrato Messe sacrileghe. E meglio crimini come una rapina, che crimini come la pedofilia.
    Comincio a pensare che i Vescovi massoni non sono una esigua minoranza, ma un buon numero, soprattutto tra quelli che contano.
    E comincio a pensare che anche il Papa possa essere massone.

  • Dino Brighenti ha detto:

    La chiesa bergogliana tace ed acconsente, più chiaro di così, chi siede in Cattedra se non satana che ride e pensa di avere vinto la sfida a Gesù, noi cattolici sappiamo chi vincerà alla fine, ma che Calvario ci aspetta…..

  • alessio ha detto:

    Fu Elia dalla Costa Arcivescovo di Firenze che nella conferenza episcopale toscana 1944
    ordinò ai preti di stare con la popolazione
    ad ogni costo.
    Don Eligio Bortolotti fu denunciato dal potestà perché ospitava rifugiati in
    parrocchia. Vorrei avere informazioni
    su Cesare Bianchi maresciallo dei
    carabinieri a Sesto Fiorentino in quegli anni a quanto per ora mi risulta essere l’altro nonno
    ma non sono sicuro
    nemmeno della mia data di
    nascita.

  • Iginio ha detto:

    Un parroco della diocesi di Cefalù – diocesi impegnata in un “cammino sinodale”, qualunque cosa voglia dire ciò – ha sentenziato che il sacro non è qualcosa che esclude, perché Dio si è svuotato facendosi uomo, e la cultura non si identifica coi libri che interessano a pochi.
    Che ne dite? Bella questa catechesi, no? E da preti così che cosa ci si può aspettare di fronte alle sfide del nostro tempo?

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    OT – Solo per comunicare che sono ancora vivo.
    Auguri di buon onomastico a tutte le Anne e ai nonni di ferro sopravissuti al Coronavirus, al concilio Vaticano II, ai troll di Stilum Curiae, agli acker finanziati dal Vaticano, agli spioni di tutti i generi che imperversano nel WEB.

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      Ps : ho dimenticato i rompiscatole…… benchè siano tanti. Sarà l’età …..

    • Mamalifed ha detto:

      grazie di essersi rifatto vivo, ero sinceramente preoccupato e dispiaciuto della sua prolungata assenza, così come lo sono per il protratto silenzio del nostro caro sacerdote venezuelano, che il Signore lo assista e lo protegga…

  • Iginio ha detto:

    Don Antonello Iapicca è neocatecumenale.
    Tanto per la cronaca e per quelli che si scandalizzano dei neocatecumenali a ogni pié sospinto.
    P.s. Non sono neocatecumenale, astenersi perditempo.

    • Alda ha detto:

      É il caro p. Ariel che è inferocito con i neocatecumenali
      Ma non so dire se a torto o a ragione..

    • Mamalifed ha detto:

      don Antonello è, al netto delle categorie, uno che CI CREDE, un “pazzo di Dio”, provate ad ascoltare le sue omelie in rete…

  • alessio ha detto:

    Complimenti alla collegialità degli atti
    degli apostoli che fa ammazzare a
    pietro Saphira ed Anania che non
    hanno dato tutti i soldi.

    • alessio ha detto:

      Se San Paolo è fuori dalle mura ci
      sarà un motivo.
      Voglio ricordare agli amici di Roma
      l’amata Nennolina ricordata alla
      Basilica di Santa Croce in
      Gerusalemme.
      Saluto Pietro Orlandi e il suo
      avvocato , non vedo l’ora
      di farli interrogare .

  • alessio ha detto:

    Nerone era sposo di Agrippina
    parente di Tiberio incinta e
    con un calcio uccise Madre e
    bambino.
    Quando sposò un uomo
    chiese a Seneca cosa ne
    pensasse.
    Gli rispose: peccato non
    l’abbia fatto tua madre.

  • Enrico ha detto:

    Robert Brasillach, Samurai e Poeta.

    Imprigionato e assassinato dallo stato giacobino-democratico francese non per crimini di guerra ma per le proprie idee. Il seme putrescente della dittatura democratica èil medesimo da cui nasce la mala pianta del DDL Zan.

    Pura Poesia profetica nata dalla durezza concreta del carcere, minaccia non del tutto escludibile per coloro che dovessero ardire di mettersi contro il Pensiero Unico Lgpt, che però ha fatto i conti senza l’Oste.

    «L’opera dei malvagi è caduca,
    Gli idoli d’oro che hanno innalzato
    Un giorno crolleranno sulla loro base di sabbia
    E il buio cadrà sulle loro forme sognate.

    O Signore, noi che siamo stati rinchiusi dietro queste porte,
    E che siamo stati sbarrati con mille catenacci,
    Noi per i quali i soldati di questa fortezza
    Fanno risuonare i loro passi nel chiuso dei corridoi,

    O Signore, Voi sapete che sdraiati sulla paglia
    O sul duro cemento delle prigioni senza finestre
    Abbiamo saputo trovare in noi stessi, sia quel che sia,
    La speranza incrollabile dei tempi migliori.

    Abbiamo ricordato gli antichi affetti
    Abbiamo disegnato sul gesso dei muri
    Le affascinanti immagini della nostra santa giovinezza
    E i nostri Cuori senza rimorsi sanno che resteranno puri.

    Fuori la stoltezza si bagna di rosso sangue,
    E il nemico già si crede immortale
    Ma egli solo spera nel lungo avvenire del suo potere.
    E le sbarre, O Signore, non riescono a nasconderci il cielo».

    I poemi di Fresnes, Salmo I

    Versi stupendi dallo stupendo finale: E LE SBARRE, O SIGNORE, NON RIESCONO A NASCONDERCI IL CIELO.

    Mi auguro non ci sia nessuno che verrà fuori con occhi sbarrati e scandalizzati, toccato nella sua democratica dignità, e che magari per stasera ha prenotato il ristorante con aria condizionata e vino raffinato.

    • K ha detto:

      Uhm…che l’abbiano ucciso per delle idee ho qualche dubbio. Mi pare che la sua rivista fosse molto solerte a pubblicare nomi di ebrei da rastrellare, ma forse mi sbaglio.
      Ad ogni modo, molto meglio Pierre Drieu La Rochelle: primo perché non aveva la faccia da sfigato, secondo perché ha fatto il sacrificio supremo come il samurai Mishima. Che ne dici?

      • Enrico ha detto:

        Cito a memoria Drieu la Rochelle: “L’uomo esiste nella lotta, l’uomo vive solo se rischia la morte.” Mi sembrano parole samuraiche oggi del tutto inconcepibili.

        Con la scusa del dialogo democratico le “battaglie” sono diventate esclusivamente verbali e con la pelle ben al sicuro (“battaglie”: parola spudoratamente abusata dai democratici moderni, che, chiedo scusa per la volgarità, sono dei senza palle).

        Però il Samurai non è soltanto colui che si sacrifica suicidandosi.

        Non mi sento di confermare la “faccia da sfigato” di Brasillach che ha pagato con la massima durezza (carcere e fucilazione) per le sue idee, e che, almeno per me, merita il massimo rispetto.

        Qualche spara sentenze, grosso intenditore della Bellezza 😂 e con il dente avvelenato verso i lefebvriani, nell’esprimere il proprio squinternato pensiero si lascia andare ad osservazioni scontate tipo: “non c’è Bellezza solo nei versi ma anche nella realtà”, dimostrando di essere un prevenuto di prim’ordine verso personaggi con le palle (chiedo scusa di nuovo) che non rientrano nella categoria dell’uguaglianza fra democratici cristiani (ancora!.

        Spara sentenze che oltre tutto ammannisce una castroneria macrocosmica visto che la democrazia pretende che gli uomini siano uguali tra di loro e non davanti a Dio, tra le due cose correndo un abisso, anche perché, evidentissimamente, alla democrazia di Dio non gliene cale un fico secco.

    • Iginio ha detto:

      E allora?
      Siccome Omero ha scritto versi bellissimi, dobbiamo essere tutti politeisti?
      Mi sa che Mishima sarebbe d’accordo.
      Semmai il problema è di quelli come Brasillach, che non capiscono che la Bellezza è unica: non c’è Bellezza solo nei versi ma anche nella realtà.
      Bellezza estetica e bellezza morale vanno insieme o non esistono.
      Scrivere articoli incitanti a estirpare gli ebrei, definiti “fermenti nocivi”, e indicanti persino i loro recapiti per farli prendere dai tedeschi, si commenta da sé. E non c’è bellezza in questo. Solo molta tristezza.
      Che poi tra i lefebvriani siano finiti molti nostalgici di questa mentalità, non è una novità. Ma è un problema loro e dei francesi, non della Chiesa.
      P.S.: Fingendo che lo Stato francese del 1945 fosse giacobino: che vuol dire, che quindi facevano bene i suoi oppositori a rastrellare e far ammazzare gli ebrei? O che tutti coloro che erano contro Vichy erano sporchi comunisti senzadio?
      Eh, che guaio quando si sputano sentenze senza conoscere la storia…

      • Borghese pasciuto ha detto:

        Per una volta concordo con lei, ma aggiungo, mutatis mutandis: che dire di quelli che inneggiano a cristianissimi dittatori in quanto cristianissimi (chissà cosa ne penserebbe Gesù…), dimenticando, per l’appunto, che sono stati spregevoli dittatori fascisti?
        E che dire di chi pubblica sul proprio blog siffatti commenti (il che, in astratto, ci può stare) senza dire nemmeno una parola per smarcarsi (il che rende partecipi del senso dei commenti, il che forse non ci sta)?

        • Marco Tosatti ha detto:

          Borghese, talvolta pubblico anche lei, lodatore delle ideologie che hanno commesso – e stanno commettendo – crimini inenarrabili in quantità e qualità…E non dovrei pubblicare anche commenti fuori della narrazione ideologica a lei cara? Vede, già il fatto che io li pubblichi mi rende sospetto ai suoi occhi ideologici di complicità…Che brutta malattia l’inquisizione “laica”….Suvvia….

          • Borghese pasciuto ha detto:

            Bene.
            Possiamo quindi concludere che io sono comunista e lei fascista?
            Io confermo la mia parte.
            E lei?

          • Marco Tosatti ha detto:

            Caro Borghese, tutt’altro. Io sono un liberale, democratico, che crede nella democrazia rappresentativa, nel voto popolare e nella libertà, di pensiero, opinione ed espressione. Anche di quelle più estreme, e che hanno provocato disastri, come il comunismo. Odio i reati di opinione e tutto ciò che ad essi assomiglia; anche se vanno contro i miei avversari. Chiaro?

          • Enrico ha detto:

            Mi sa che Borghese Pasciuto stravede per il DDL Zan.

            E poi, riguardo a “chissà che cosa ne penserebbe Gesù”, siccome nessuno può saperlo sarebbe bene astenersi dal domandarselo, con la subliminale intenzione di far passare che Gesù la penserebbe come … Borghese Pasciuto.

            Di Gesù è stato detto sfrontatamente di tutto, anche che era socialista. Ora Borghese vorrebbe insinuare che era antifascista. Siamo nel delirio.

    • Iginio ha detto:

      “Ma davvero per essere buoni Cristiani bisogna perdersi in un oceano di parole e di “cultura”?”
      Citazione da brano a firma Enrico di qualche giorno fa.

      Ovvero: dell’importanza di fare pace col proprio cervello.

      P.S. La democrazia è la forma di governo più cristiana, se pensiamo che tutti siamo uguali davanti a Dio. I monasteri benedettini sono democratici. Non vi vige il culto del samurai o del superuomo.

      • EquesFidus ha detto:

        Veramente, mi duole informarLa che la forma di governo più cristiana, stando al pensiero tomista, è la monarchia, tanto che la Chiesa stessa (al netto di disastrosi tentativi in corso che vorrebbero mutarla dalla monarchia elettiva qual è in una sorta di pseudo-democrazia), modello della società ideale, lo è. Detto questo, io non capisco queste discussioni (ed ossessioni) per samurai o meno: a me, a parte Shimabara no Ran, dei samurai non interessa se non per interessi storico-culturali, che non vedo cosa riguardino Cristo o la Chiesa (a cui la grande maggioranza dei samurai, essendo pagani, sicuramente non appartenevano). Da noi, da sempre (o quantomeno da quando, nell’VIII secolo, iniziarono ad evolversi dall’essere semplici guerrieri a cavallo) sono esistiti i cavalieri, i quali erano (e, in certa misura, ancora oggi sono) cristiani. a differenza dei guerrieri orientali.
        Posto questo, secondo San Tommaso la democrazia è il sistema di governo preferibile in una società in cui tutti sono santi e, quindi, votati a Dio ed al bene del prossimo e di sé stessi, mentre in un mondo reale e non utopico lo è la monarchia. Questo, al netto del fatto che 1) anche la monarchia può essere elettiva (elezione del regnante in un consesso tra pari, esattamente come tra i cardinali di Santa Romana Chiesa), non necessariamente legata alla legge salica o ad altre regole di successione dinastica; 2) la monarchia può comunque presentare una forma di rappresentazione popolare (vedasi la Camera dei Comuni, per esempio, del Parlamento inglese); 3) possono esistere regole che escludono dalla successione (o dall’elezione) personaggi folli o criminali, e la monarchia stessa può essere regolata da una Costituzione (le monarchie assolute, peraltro, sono un’invenzione Sei-Settecentesca e non medievale, tanto che neppure le monarchie pre- Magna Carta possono essere qualificate come assolute, pur non essendo costituzionali). Detto questo, si ponga a mente che, in democrazia, spesso chi viene eletto cerca il potere ed il consenso popolare prima del bene del Paese, mentre in monarchia, poiché si parla di privilegio di nascita comunque, non è così. Questo, al netto di tutte le eccezioni (siamo comunque feriti dal peccato originale, ed un monarca può, ovviamente, peccare). Tutto qui; io credo che il dibattito “monarchia vs democrazia” debba comunque prescindere dai peggiori esempi per entrambi, riconoscendo che, comunque, Cristo ha sempre detto di sé di essere “re” e non “presidente” o “senatore” o carica equivalente.

        • : ha detto:

          In effetti già Platone considerava la Monarchia il migliore dei regimi politici e la democrazia il peggiore. E se ci riferiamo alla realtà non aveva torto.
          Da sottolineare che i regimi totalitari del secolo scorso sono nati dalla… Democrazia. E il regime che sta vigendo in Italia da circa mezzo anno, che ha praticamente bloccato le attività del Parlamento a botte di DPCM, anticostituzionali anche a detta di illustri costituzionalisti, tranne ultimamente essendo in procinto di far approvare la legge perversa; questa, come la chiamiamo? Democrazia? Certo, è una sua conseguenza, evidentemente, una sua “logica” conseguenza.

          La Democrazia come è esercitata oggi non va bene, per i seguenti motivi.
          1) – In teoria il popolo sceglie i suoi rappresentanti, che poi agiscono in Parlamento secondo le direttive da esso popolo ricevute. E qui c’è già un inganno: perché non è il popolo (cioè quella parte di popolo che ha una certa visione in comune) che dà delle direttive al suo futuro rappresentante (cosa impossibile); bensì il contrario: è il candidato che espone un certo programma amministrativo, e quelli del popolo che più o meno lo condividono dànno la loro adesione. Si coglie subito come tra l’eletto e i suoi elettori ci sia un distacco abissale, nessun legame reale: il primo non conosce affatto i secondi, e questi pongono una labilissima fiducia nei confronti di chi ha esposto solo delle chiacchiere.
          2) – E questo distacco diventa illimitato dopo l’elezione, in cui l’eletto si sente in diritto di negare tutte le promesse fatte in campagna elettorale; di passare da un partito a quello opposto ecc., senza che chi lo ha eletto abbia la possibilità di revocargli il mandato per palese tradimento delle promesse fatte prima dell’elezione.

          A mio avviso la democrazia va bene in Stati, o meglio comunità, molto piccole, in cui tutti o quasi tutti si conoscano ed abbiano la possibilità di rapportarsi durante il mandato ricevuto dall’eletto; ci sono meno possibilità da parte di costui di farsi sviare in comportamenti fuori del mandato ricevuto.

          • Boanerghes ha detto:

            E comunque sti discorsi sui samurai hanno stufato.
            Il cristiano è un soldato di Cristo, la sua spada a doppio taglio la Parola di Dio, la mitezza e l’umiltà il suo aspetto, il martirio la sua forza e amore per il Signore.

          • Enrico ha detto:

            I discorsi sui samurai sono appena cominciati! 🤪

          • : ha detto:

            Ovviamente, Boanerghes ed Enrico, non vi riferite a ciò che ho scritto io…

        • Iginio ha detto:

          Premesso che le teorie di san Tommaso sulla monarchia le conoscevo già e quindi non avevo bisogno di esserne informato da lei, mi spiace a mia volta informarla dei seguenti fatti:
          1. le opinioni di san Tommaso sulla monarchia sono opinioni filosofiche, non di fede;
          2. la monarchia secondo san Tommaso non c’entra niente con quella secondo Plinio;
          3. a parlare della democraticità dei monasteri benedettini è stato nientemeno che Messori, solitamente qui laudato come esperto infallibile;
          4. l’Italia ha anche una tradizione di governi comunali che caratterizzano il suo Medioevo cristiano e la sua identità.
          Conclusione: evitiamo gli slogan e le rifritture e studiamo la storia.
          P.S. Io non ho niente contro la monarchia in sé.

  • alessio ha detto:

    San Pio V voleva far strage di fiorentini ,
    bianchi fatevi da parte sempre forza
    Azzurri.

    • alessio ha detto:

      Napolitano era di casa al pci di Calenzano ,
      vorrei sapere dall’amico Putin chi
      voleva governare del pci dopo la guerra
      tattica nucleare in italia .
      Certamente Pasolini era omosessuale
      ma mi pare sia venuto alla luce .
      Pensando agli ultimi giorni di sodoma ,
      e pensando a mussolini e al principe
      nero se hai quella rabbia non puoi
      essere altro che un finocchio.

  • Speranza ha detto:

    Temo che la cosiddetta legge Zan verrà approvata, così che anche la nostra cara Italia, con una legge così nefasta sulle spalle, portatrice potenziale di ogni genere di peccato (e come se non bastassero tutte le altre che intaccano la morale e la legge naturale), si coprirà di vergogna al cospetto di Dio. E neanche possiamo sdegnarci più di tanto pensando allo scandalo della nostra nazione in cui sorge la sede di Pietro, poiché essa sede, sciaguratamente, non e più baluardo contro il male, purtroppo, non le appartengono più pastori che amano il loro gregge, ma mercenari qualsiasi pronti a scappare quando arrivano in lupi.

  • Pessimista ha detto:

    Se si guardano gli spettacoli televisivi sembra che il problema più urgente sia quello di far accettare
    1) l’adulterio
    2) l’omosessualità
    Come indispensabili elementi della felicità dell’individuo.
    Ne consegue che perché l’adulterio e l’omosessualità diventino normali o meglio accettati come normali deve essere rimosso ogni senso di colpa e deve essere instaurata una nuova morale in cui i sensi di colpa vengono cancellati .
    Una enorme, poderosa macchina pubblicitaria è costruita per questi scopi.
    Cosa fare per fermarla ?

    • Enrico ha detto:

      Come affermava in una puntata di Forum Barbara Palombelli, punta di diamante della sovversione femminista (cito a memoria): “La televisione rende normale ogni cosa”.

      • Alda ha detto:

        In tv, forse per farci cominciare ad accettare la futura situazione che si prospetta, abbondano programmi con gay inseriti… Sul rai 1 (Foa dove sei?) hanno affiancato al presentatore di un programma pomeridiano estivo ( che ha marito👿) , una “spalla” efeba, un ibrido, ne maschio ne femmina….
        Linea verde versione estiva la fanno condurre a uno che, con moglie e figlia, ha scoperto che si emoziona di più quando sta con ” lui” che non con la moglie… Spiegazione data alla figlia :” papà quando sta con mamma ha il cuore che va a mille, con” lui” a 2000….come se la vita si misurasse dalle “palpitazioni” 😱😱😱

    • stefano raimondo ha detto:

      Purtroppo hai ragione. Bisognerebbe smetterla con i mass media e limitarsi a leggere libri.

      La gravità maggiore io la vedo nella pubblicità: nei programmi dove c’è una (parvenza di) discussione emerge comunque un’argomentazione, la quale, per quanto risibile possa essere, è qualcosa che legittima il concetto, se tu hai un’argomentazione opposta ti rendi conto che c’è la diversità di idee e tutto è ancora in ballo, invece la pubblicità dà per scontato quel che presenta, non c’è più niente “in palio”. A parte l’omosessualità, in alcuni spot si dà per implicito che il figlio sia felice con il nuovo partner del genitore oppure che sia normale andare a letto con una persona appena conosciuta, ecc. Ci mettono di fronte a un mondo basato soltanto su un benessere immediato, destinato a non perpetuarsi, a non instanziarsi in noi in modo duraturo; non solo non viene prefigurato alcun ideale, ma non si tratta neanche di felicità vera, solo emozioni effimere. Al cospetto di tali aspetti tragici e nichilisti della modernità non possiamo fare altro che resistere, cercando magari di far riflettere chi sta a noi vicino, evitando che diventi un automa. Per inciso: è contro questa omologazione distruttiva che un Papa dovrebbe tuonare.

    • Luca Antonio ha detto:

      Ma insomma , possibile che qualcuno dei frequentatori di questo sito guardi ancora la tv ? , l’araldo del Male?.
      Buttatela via – io l’ho fatto 30 anni fa- e boicottatela in ogni modo tra parenti e amici.
      Occorrerebbe anzi , sto pensando di farlo, costituire un’ associazionedi cittadini “liberati dal menzognificio” che boicottino , i modi possono essere diversi , questo mostro.
      Niente spettatori , niente potere. niente diffusione del Male.
      Se invece continuate a guardarla vi rendete complici…e non cercate di dire che guardate solo spettacoli decenti, non ve ne sono perche’ comunque anche quelli fanno da volano allo sversamento di fogna che ogni giorno inonda le vostre case .

  • Boanerghes ha detto:

    Il cielo si sta già chiudendo, nessuna traccia di cambiamento nella Chiesa e anche una certa indifferenza tra i fedeli.
    Sarebbe necessaria una voce potente, quella del Papa, a denunciare una simile deriva morale e naturale, una voce tipo quella di Giovanni Paolo II quando si rivolse ai mafiosi ricordando il giudizio di Dio terribile nei loro confronti.
    Ma non c’è.
    Anzi, c’è chi dice chi sono io per giudicare.
    Allora la Sacra scrittura mente? È stata modificata?
    Nemmeno i protestanti affermerebbero una simile cosa, ormai i testi biblici sono quelli e sono comuni a tutti, né la loro traduzione può essere fatta in modo improprio.
    Sembra incredibile, ma si continua a precipitare sempre più in basso.
    Di fronte ad una situazione di grande persecuzione e morte, il Signore si è consegnato volontariamente ai suoi persecutori.
    Sapremo fare altrettanto anche noi?

    • Raffaella ha detto:

      Una certa indifferenza tra i fedeli? Una enorme indifferenza…
      “La Chiesa sarà eclissata” ha detto la SS Vergine a Melania, a La Salette. Ci siamo…
      Il pastore sta zitto e il gregge verrà disperso…
      Solo un intervento divino potrebbe cambiare la situazione.

    • giulia anna anna meloni ha detto:

      prima neutralizziamo i persecutori…come il salmista del salmo 58 non chiediamo a Dio di uccidere i nostri nemici ma di abbatterli e di sconfiggerli definitivamente cosi che i malvagi vedano come Dio punisce gli empi e sia da monito a quanti vogliono perseverare nel male…”tu sei, o Dio, la mia difesa”…salmo 58,

      preghiamo con i salmi imprecatori perchè il Signore ci liberi da tanta malvagità.
      Cattolici fedeli a Cristo sorgiamo perchè la burrasca è sopra di noi.Dobbiamo con la preghiera e il digiuno riaccendere il fuoco della Fede

    • L ha detto:

      Baonerghes, sui mafiosi ha parlato duro anche l’attuale papa e poi per parlare d gli abortisti li ha paragonati ai mafiosi. Io piuttosto ricordo tanti cattolici di destra, ora convertiti al salvinismo, che osannavano Berlusconi senza dire nulla della corruzione morale indotta dalle sue TV a partire dagli anni 80. Inutile dire che è quella corruzione che oggi ha reso normale un obbrobrio come il ddl Zan.

      • Boanerghes ha detto:

        Mi sembra innegabile che sull’omosessualità questo Papa adotta un silenzio assordante.

  • Diego B. ha detto:

    È ora che tutti i cattolici prendano coscienza che la stato italiano è nemico di Cristo e che dobbiamo svolgere una resistenza ognuno per quello che può. Ognuno si adopperi per il sabotaggio nel suo quotidiano, se venissimo attaccati si favorisca l’invasione e un giorno cancelleremo sia la repubblica che la sua costituzione. Tabula rasa. Deus vult!

  • giulia anna anna meloni ha detto:

    la maggior parte dei nostri vescovi sono una grande parte di quelle stelle che il drago sta trascinando all’inferno.
    lettera di Paolo ai Romani 1.18

    “Or l’ira di Dio si manifesta dal cielo contro ogni empietà ed ingiustizia degli uomini che soffocano la verità di Dio nell’ingiustizia, Perché ciò che può conoscersi di Dio è in essi manifesto, avendolo Dio loro manifestato”…

    quando le folgori del Cielo non ci riportano a Dio ,Dio ci abbandona a noi stessi e da noi stessi ci diamo morte ,angoscia ,disperazione.Il silenzio di Dio è terribile,preghiamo e digiuniamo perchè il Cielo non si chiuda.