VIGANÒ A MAGISTER SUL VATICANO II. ITALIANO AND ENGLISH.

6 Luglio 2020 Pubblicato da

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha scritto una lettera di risposta al collega Sandro Magister, sul Concilio Vaticano II, che è stata pubblicata oggi su Settimo Cielo, il blog gestito da Sandro. La trovate a questo collegamento.

Qui sotto invece c’è la traduzione in inglese della lettera. Buona lettura.

***

 Dear friends and enemies of Stilum Curiae, Archbishop Carlo Maria Viganò wrote a letter of reply to our colleague Sandro Magister, on Vatican Council II, which was published today in Settimo Cielo, the blog run by Sandro. You can find it at this link.

Below is the English translation of the letter. Enjoy your reading.

§§§

3 July 2020

Saint Irenaeus, Bishop and Martyr

Dear Mr. Magister,

          Permit me to reply to your article “Archbishop Viganò on the Brink of Schism,” published at Settimo Cielo on June 29 (here).

            I am aware that having dared             to express an opinion strongly critical of the Council is sufficient to awaken the inquisitorial spirit that in other cases is the object of execration by right-thinking people. Nonetheless, in a respectful dispute between ecclesiastics and competent laity, it does not seem to me to be inappropriate to raise problems that remain unresolved to date, the foremost of which is the crisis that has afflicted the Church since Vatican II and has now reached the point of devastation.

            There are those who speak of the misrepresentation of the Council; others who speak of the need to return to reading it in continuity with the Tradition; others of the opportunity to correct any errors contained in it, or to interpret the equivocal points in a Catholic sense. On the opposing side, there is no lack of those who consider Vatican II as a blueprint from which to proceed in the revolution: the changing and transformation of the Church into an entirely new and modern entity, in step with the times. This is part of the normal dynamics of a “dialogue” that is all too often invoked but rarely practiced: those who thus far have expressed dissent about what I have said have never entered into the merit of the argument, limiting themselves to saddling me with epithets that have already been merited by my far more illustrious and venerable brothers in the episcopate. It is curious that, both in the doctrinal as well as the political arena, the progressives claim for themselves a primacy, a state of election, that apodictically places the adversary in a position of ontological inferiority, unworthy of attention or response and simplistically liquidatable  as Lefebvrian on the ecclesial front or fascist on the socio-political front. But their lack of arguments does not legitimize them to dictate the rules, nor to decide who has the right to speak, especially when reason, even prior to faith, has demonstrated where the deception is, who the author is, and what the purpose is.

            At first it appeared to me that the content of your article was to be considered more an understandable tribute to the Prince, who can be found in the frescoed salons of the Third Loggia or in the stylish offices of the Editor; and yet in reading what you attribute to me I discovered an inaccuracy – let’s call it that – that I hope is the  result of a misunderstanding. I therefore ask you to grant me space to reply at Settimo Cielo.

            You state that I have supposedly blamed Benedict XVI “for having ‘deceived’ the whole Church in that he would have it be believed that the Second Vatican Council was immune to heresies and moreover should be interpreted in perfect continuity with true perennial doctrine.” I do not think that I have ever written such a thing about the Holy Father; on the contrary: I said, and I reaffirm, that we were all – or almost all – deceived by those who used the Council as a “container” equipped with its own implicit authority and the authoritativeness of the Fathers who took part in it, while distorting its purpose. And those who fell into this deception did so because, loving the Church and the Papacy, they could not imagine that in the heart of Vatican II a minority of very organized conspirators could use a Council to demolish the Church from within; and that in doing so they could count on the silence and inaction of Authority, if not on its complicity. These are historical facts, of which I permit myself to give a personal interpretation, but one which I think others may share.

            I permit myself also to remind you, as if there was any need, that the positions of moderate critical re-reading of the Council in a traditional sense by Benedict XVI are part of a laudable recent past, while in the formidable Seventies the position of then-theologian Joseph Ratzinger was quite different. Authoritative studies stand alongside the same admissions of the Professor of Tubingen confirming the partial repentances of the Emeritus. Nor do I see a “reckless indictment launched by Viganò against Benedict XVI for his ‘failed attempts to correct conciliar excesses by invoking the hermeneutic of continuity,’” since this is an opinion widely shared not only in conservative circles but also and above all among progressives. And it should be said that what the innovators succeeded in obtaining by means of deception, cunning and blackmail was the result of a vision that we have found later applied in the maximum degree in the Bergoglian “magisterium” of Amoris Laetitia. The malicious intention is admitted by Ratzinger himself: “The impression grew steadily that nothing was now stable in the Church, that everything was open to revision. More and more the Council appeared to be like a great Church parliament that could change everything and reshape everything according to its own desires” (cf. J. Ratzinger, Milestones, translation from the German by Erasmo Leiva-Merikakis, Ignatius Press, San Francisco, 1997, p. 132). But even more so by the words of the Dominican Edward Schillebeecks: We express it diplomatically [now], but after the Council we will draw the implicit conclusions” (De Bazuin, n.16, 1965).

            We have confirmed that the intentional ambiguity in the texts had the purpose of keeping opposing and irreconcilable visions together, in the name of an evaluation of utility and to the detriment of revealed Truth. A Truth that, when it is integrally proclaimed, cannot fail to be divisive, just as Our Lord is divisive: “Do you think that I have come to bring peace on earth? No, I tell you, but rather division” (Lk 12:51).

            I do not find anything reprehensible in suggesting that we should forget Vatican II: its proponents knew how to confidently exercise this damnatio memoriae not just with a Council but with everything, even to the point of affirming that their council was the first of the new church, and that beginning with their council the old religion and the old Masswas finished. You will say to me that these are the positions of extremists, and that virtue stands in the middle, that is, among those who consider that Vatican II is only the latest of an uninterrupted series of events in which the Holy Spirit speaks through the mouth of the one and only infallible Magisterium. If so, it should be explained why the conciliar church was given a new liturgy and a new calendar, and consequently a new doctrine – nova lex orandi, nova lex credendi – distancing itself from its own past with disdain.

                                           The mere idea of setting the Council aside causes scandal even in those, like you, who recognize the crisis of recent years, but who persist in not wanting to recognize the causal link between Vatican II and its logical and inevitable effects. You write: “Attention: not the Council interpreted badly, but the Council as such and en bloc.” I ask you then: what would be the correct interpretation of the Council? The one you give or the one given – while they wrote the decrees and declarations – by its very industrious architects? Or perhaps that of the German episcopate? Or that of the theologians who teach in the Pontifical Universities and that we see published in the most popular Catholic periodicals in the world? Or that of Joseph Ratzinger? Or that of Bishop Schneider? Or that of Bergoglio? This would be enough to understand how much damage has been caused by the deliberate adoption of a language that was so murky that it legitimized opposing and contrary interpretations, on the basis of which the famous conciliar springtimethen occurred. This is why I do not hesitate to say that that assembly should be forgotten “as such and en bloc,” and I claim the right to say it without thereby making myself guilty of the delict of schism for having attacked the unity of the Church. The unity of the Church is inseparably in Charity and in Truth, and where error reigns or even only worms its way in, there cannot be Charity.

            The fairytale of the hermeneutic – even though an authoritative one because of its Author – nevertheless remains an attempt to want to give the dignity of a Council to a true and proper ambush against the Church, so as not to discredit along with it the Popes who wanted, imposed and reproposed that Council. So much so that those same Popes, one after the other, rise to the honors of the altar for having been “popes of the Council.”

            Allow me to quote from the article that Doctor Maria Guarini published on June 29 at Chiesa e postconcilio in reaction to your piece at Settimo Cielo, entitled: “Archbishop Viganò is not on the brink of schism: many sins are coming to a head.” She writes: “And it is precisely from here that is born and for this reason risks continuing – without results (thus far, except for the debate triggered by Archbishop Viganò) – the dialogue between deaf people, because the interlocutors use different reality grids: Vatican II, changing the language, has also changed the parameters of approach to reality. And so it happens that we talk about the same thing which, however, is given entirely different meanings. Among other things, the principal characteristic of the present hierarchy is the use of incontestable affirmations, without ever bothering to demonstrate them or with flawed and sophistic demonstrations. But they do not even have need of demonstrations, because the new approach and the new language have subverted everything from the beginning. And the unproven nature of the anomalous ‘pastorality’ without any defined theological principles is precisely what takes away the raw material of the dispute. It is the advance of a shapeless, ever-changing, dissolving fluid in place of the clear, unequivocal, definitive truthful construct: the incandescent perennial firmness of dogma against the sewage and shifting sands of the transient neo-magisterium” (here).

            I continue to hope that the tone of your article was not dictated by the simple fact that I have dared to reopen the debate about that Council that many – too many – in the ecclesial structure, consider as an unicum in the history of the Church, almost an untouchable idol.

            You may be certain that, unlike many bishops, such as those of the German Synodal Path, who have already gone far beyond the brink of schism – promoting and brazenly attempting to impose aberrant ideologies and practices on the universal Church – I have no desire to separate myself from Mother Church, for the exaltation of which I daily renew the offering of my life.

            Deus refugium nostrum et virtus,

            populum ad Te clamantem propitius respice;

            Et intercedente Gloriosa et Immaculata Virgine Dei Genitrice Maria,

            cum Beato Ioseph, ejus Sponso,

            ac Beatis Apostolis Tuis, Petro et Paulo, et omnibus Sanctis,

            quas pro conversione peccatorum,

            pro libertate et exaltatione Sanctae Matris Ecclesiae,

            preces effundimus, misericors et benignus exaudi.

 

Receive, dear Sandro, my blessing and greeting, with best wishes for every good thing, in Christ Jesus.

+ Carlo Maria Viganò

Translated by Giuseppe Pellegrino

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

35 commenti

  • Geraldine Brosnan ha detto:

    God bless and look after you, stand strong in your views for they are the views of many. May the Virgin of Fatima and her 3 little shepards give you the fortitude of being truthful and i will keep you in my prayers 🙏 ❤ 🇮🇪☘⛪🌹🌹

  • Carmen Rubi ha detto:

    Wow, this is hard to read and understand for my 12th grade Catholic education, but is Bishop Vigano being critized for Questioning Vatican II? Why can’t one question the Church? Isn’t that how you learn? The authorities of the church, for awhile now, have been sounding like the Sanhedrin of old. I have faith that the Holy Ghost enlightens the authorities. Remember, there is always a price to pay for our lives, whether here or in the afterlife.

  • Gianfranco ha detto:

    Bravo, grande Mons. Viganò! Logica stringente, somma aderenza ai FATTI.
    Piuttosto meschini gli arrampicamenti sugli specchi del “nuovo” Magister, che da un po’ fa il pesce in barile.
    Preferivo quello vecchio, anche se posso capire: era una posizione scomoda…

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Non sono un teologo e perciò non so fino se, e fino a che punto, il Vaticano II poteva avere sviluppi diversi. E capisco che occorre attenzione nel modificare le tradizioni per non danneggiare la comprensione della Tradizione.
    So però che dire che Giovanni XXIII o Paolo VI sono massoni è un’affermazione basata su dicerie ed è un favore alla massoneria. E che combattere il modernismo utilizzando certe tematiche è come contrastare il darwinismo dicendo che il mondo è stato creato 6000 anni fa, cioè usando il linguaggio mitologico che per gli stessi ebrei di 3000 anni fa non era da prendere alla lettera.
    Inoltre non sempre dietro una degenerazione morale come l’attuale c’è un piano preciso capace di attuarsi lungo il corso degli anni, anche se non è da escludere, poiché se il male non viene combattuto col bene, la degenerazione è “spontanea”.
    Perfino alla Bibbia si può far dire tutto e il contrario di tutto se si decontestualizzano le singole espressioni. Figurarsi al Vaticano II.
    Il Vaticano II è valido e vale. Chi ha deviato è chi è andato oltre: ad esempio le Messe beat negli anni Settanta mentre il Concilio raccomandava una musica liturgica adeguata…

  • Boanerghes ha detto:

    Ecc. Rev. Mons. Viganò
    non sono un ecclesiastico e forse nemmeno un laico competente, ma mi permetto di dire il mio parere al riguardo.
    Anzitutto mi sembra di ravvisare un errore nella impostazione di risposta a Magister:
    ” ..la crisi che affligge la Chiesa a partire dal CVII, giunta ormai alla devastazione…”
    Forse che prima non esisteva la crisi della Chiesa e all’interno della Chiesa cattolica? E che aveva fatto a fare Papa Leone XIII l’esorcismo di S. Michele Arcangelo? Il modernismo non sussisteva? L’esegesi biblica protestante non era ancora nata?
    Altra sua affermazione un po’ sconcertante: ” ..tutti o quasi tutti siamo stati tratti in inganno dal CVII…”
    Quindi la Chiesa cattolica era popolata di ecclesiasti sprovveduti e forse un poco fessi?
    Lasciamo perdere poi il riferimento all’episcopato tedesco, il processo di protestantizzazione degli episcopati del centro e nord Europa non nasce ora.
    Riengo, in conclusione, che anche senza il CVII o correggendolo o abrogandolo, non sarebbe cambiato granché.
    La crisi era già iniziata, è proseguita nonostante il blocco, checché se ne dica, di S. Giovanni Paolo II e del card. Ratzinger e arriverà al suo tramonto, con il trionfo del Cuore Immacolato di Maria, nei tempi e modi che il Signore ha prestabilito.
    Perché la crisi è senza precedenti ed è in via di peggioramento.
    Cosa sono i silenzi assordanti di questo papato, se non una preparazione di altri colpi terribili alla Chiesa?
    Certamente siamo chiamati tutti alla difesa della autentica fede come ci è stata trasmessa, una difesa sempre nella carità, come il Cristo che così ha fatto fino alla morte di croce.
    Mi sembra tuttavia che tale crisi coinvolge anche tanti fedeli, oltre a sacerdoti e Vescovi, a cui molti non importa poi granché delle sorti della Chiesa, così che risuona come sempre di più il detto: Ma il Cristo quando tornerà sulla terra, troverà ancora la fede?

    • Valentina ha detto:

      La differenza delle crisi anteriori al Vaticano II, sta nel fatto che gli attacchi erano esterni. L’orrore che probabilmente vide Leone XIII, e per cui scrisse la preghiera a San Michele Arcangelo, fu proprio l’attacco che la Sposa di Cristo avrebbe subito dall’interno. Mai accaduto in 2000 anni dopo Cristo. Questa è la differenza abissale.
      Facciamo un piccolo esercizio: si metta per un attimo nei panni “storici” di Leone XIII e, butta caso, la visione fosse stata l’adorazione della Pachamama nei Giardini Vaticani. E mentre Quel Papa non era di certo fesso, ebbe orrore per ciò che sarebbe arrivato, ma per lui totalmente inconcepibile (fuori dalla Grazia di Dio). Le sembra che oggi qualcuno si sia scandalizzato per quell’infamia? Pochi, infatti c’è chi invece l’ha trovato del tutto naturale. (mi chiedo se San Pietro sia da riconsacrare).
      Quindi 50anni fa, durante i lavori del famigerato Vaticano II, ci sta tutto che chi era in buona fede, non pensasse minimamente che ci fossero delle mele putride intenzionate a buttare le basi per avvelenare la Sposa di Cristo. Non fessi, ma persone in buona fede.
      D’altronde lei stesso ammette che “la crisi è senza precedenti ed è in via di peggioramento”.
      Comunque immagino che ci sarà qualcuno in grado di darle una risposta decisamene più completa.

      • Boanerghes ha detto:

        Penso che solo il Signore conosca perfettamente la realtà a noi nascosta.
        Però è dai tempi di S. Pio X e prima, che la teologia si è deteriorata.
        Il metodo storico critico portato avanti da ambienti protestanti, si è sempre più insinuato nella chiesa cattolica portando dietro di sé una ermeneutica veramente discutibile.
        Ecco, qui oso dire: perché non è stato bloccato tutto questo procedimento?
        Forse che il Papa doveva proibire determinata teologia? Mica facile tenere unita la Chiesa.
        Tuttavia, anche senza CVII, a mio avviso non sarebbe cambiata la sostanza, perché l’attacco era ed è in corso.
        Come dire: se non era Giuda a tradire il Signore, sarebbe stato un altro.
        Alla fine, è sempre il Leone di Giuda a vincere.
        E così sarà.
        Noi facciamo la nostra parte.
        Se bastasse ripristinare la messa Vetus Ordo, Latino e Italiano, per risolvere il tutto, sarei d’accordo a farlo subito.

        • Luca Monforte ha detto:

          https://www.marcotosatti.com/2020/07/06/vigano-a-magister-sul-vaticano-ii-italiano-and-english/?replytocom=124115#respond

          Se la Madonna, tramite suor Lucia di Fatima, chiese che il Terzo Segreto di Fatima venisse reso pubblico nel 1960 – quindi PRIMA del Concilio Vaticano Secondo… ci sarà pure stato un motivo…
          Potrebbe darsi che l’attacco alla Chiesa Cattolica DALL’INTERNO (la novità assoluta prima rilevata) sarebbe stato evitato.
          Ma non lo fu.
          Ed ora che abbiamo scoperto l’inganno – proprio perché esso si è pienamente manifestato – abbiamo anche la certa diagnosi alla malattia.
          Non resta che intervenire per estirpare chirurgicamente il tumore lì dove si erano segretamente annidati ora e solo ora che sono evidenti.

          «E i servi del padrone di casa vennero a dirgli: “Signore, non avevi seminato buon seme nel tuo campo? Come mai, dunque, c’è della zizzania?” Egli disse loro: “Un nemico ha fatto questo”».
          Possiamo forse meravigliarci?

          L’ermeneutica del “rinnovamento nella continuità” che pensava di risolvere la malattia è ora superata dal manifestarsi palese ed evidente della massa tumorale.
          Che necessita solo di essere rimossa con cura e gettata.
          Non c’è contrapposizione tra Ratzinger e Viganò.
          L’evoluzione (peggioramento) della malattia rende necessario ora un intervento chirurgico mentre prima si pensava (giustamente) di poter risolvere con una terapia farmacologica.

          Proprio l’abdicazione di Papa Benedetto ha reso possibile il manifestarsi del male che ora è evidente e certo.

  • LA VERITÀ VI FARÀ LIBERI ha detto:

    ERMENEUTICA DELLA CONTINUITÀ

    Cos’è?
    È quella prassi che da sette anni e 4 mesi si applica alle sparate quasi quotidiane di Bergoglio.
    Lui lancia una cripto eresia (a volte senza cripto) e poi c’è tutto un lavoro di interpretazione per farla diventare conforme al Depositum Fidei.

  • Massimiliano ha detto:

    Profondamente deluso da Un Magister inedito: scomposto, inacidito è incapace di argomentare una seria critica, tanto da essere annientato dalla replica di Viganò alla quale premette una premessa tanto disperata quanto infantile. È sotto gli occhi di tutti il fatto che se il CV II ha potuto produrre tanti danni è anche per L inefficacia di chi ha balbettato anziché affermare con AUTORITÀ. Non me lo aspettavo da Magister. Coraggio Mons. Viganò

    • Agostino ha detto:

      Con tutto il rispetto, ma credo che in Magister, come in tutti quelli di sinistra, vi sia quella sorta di marchio autoreferenziale che li porta a ritenersi superiori agli altri. A loro non servono argomenti perché sono convinti per loro natura e convinzione di avere sempre ragione. Una sorta di peccato di orgoglio, il loro peccato originale. Doppio.

  • Alessandro ds ha detto:

    Il Card. Brandmuller che è un mostro di sapienza e di scienza, e che io stimo particolarmente, si dimentica un particolare fondamentale che stravolge tutto.
    Il card. Brandmuller valuta solamente il lato interpretativo dei testi testi del Concilio con affermazioni ambigue, tuttavia non prende minimamente in considerazione il lato più importante, che è il lato “giuridico”, è inutile che io leggo e interpreto i documenti conciliari alla luce delle encicliche venute dopo come “Dominus jesus e Nostra Aetate” se poi non c’è il decreto che condanna l’errore nel documento del Concilio, e non essendoci l’anatema di condanna ben definito per chi perverte volontariamente il testo tutti quanti possono pervertirlo e i frangerlo a proprio piacimento senza incorrere in sanzioni o problemi. Non è solo il lato interpretativo che va menzionato, ma anche il lato giuridico.
    Perché lo “Scomunicato Pseudo Card. Walter Kasper” ci si pulisce il sedere con l’interpretazione del Card. Brandmuller.
    Walter Walter Kasper proprio in base al decreto “Dominus Jesus citato da Brandmuller insegna che anche chi rigetta Gesù Cristo si può salvare”: Kasper era presidente del dialogo interreligioso e guardate cosa diceva e faceva durante i summit interreligiosi.

    RIUNIONE DEL COMITATO INTERNAZIONALE PER I RAPPORTI FRA CATTOLICI ED EBREI -NEW YORK 1-4 MAGGIO 2001 SESSIONE SCAMBIO DI INFORMAZIONI SU DICHIARAZIONE “DOMINUS IESUS”
    KASPER DICHIARA:
    La sola cosa che desidero dire è che il documento Dominus Iesus non afferma che tutti debbano diventare Cattolici per essere salvati da Dio. Al contrario, dichiara che la grazia di Dio – che, secondo la nostra fede, è la grazia di Gesù Cristo – è a disposizione di tutti. Di conseguenza, la Chiesa crede che l’Ebraismo, cioè la risposta fedele del Popolo ebreo all’alleanza irrevocabile di Dio, è per esso fonte di salvezza, perché Dio è fedele alle sue promesse.

    Mi ha stupito che sia stato l’unico uomo di chiesa ad aver ricordato e citato il dogma “chi rifiuta la tradizione della ecclesiastica sia scritta che non scritta sia anatema”. Per chi segue il Blog del dott. Tosatti e ha buona memoria, sa che io sono stato l’unico a citare quel dogma proprio su questo blog, dogma che a quanto pare in pochi conoscono…eppure vogliono fare tutti maestrini…più sono ignoranti e più si sentono colti (sindrone di dunning-kruger).
    Però ahimé, devo correggere il Card. Brandmuller sul fatto che i tedti dei decreti dei concili e encicliche vadano letti e interpretati considerando il tempo, il luogo e le infuenze esterne come avvenimenti storici e politici, per interpretarne il genuino senso.
    Questa affermazione ha molto il sapore di eresia modernista.
    È un eresia condannata da Papa San Pio X, nella enciclica ex cathedra pascendi dominici gregis.
    Meglio invece la spiegazione data che le affermazioni ambigue del concilio caticano II vanno lette alla luce delle encicliche e documenti emanati dopo che li hanno precisati in maniera indiretta.
    Tuttavia Brandmuller in questa affermazione non valuta una cosa importantissima, che è fondamentale, il lato giuridico, co.e citato all’inizio.

    Vorrei porre una domanda a Mons. Vigano, sempre se si degna di scendere fra i comuni mortali. Lei ha parlato di dialogo con “laici competenti”, mi saprebbe dire chi sarenbero questi laici competenti? Sarebbero i vari De Mattei e company che non conoscono nemmeno i dogmi? Chi sarebbero questi competenti?
    Io di quelli del quale lei si circonda non vedo nessuno di competente….e il fatto che un semplice seminarista sia più preparato di loro dovrebbe lasciarla riflettere….

    • silvano ha detto:

      “Però ahimé, devo correggere il Card. Brandmuller sul fatto che i tedti dei decreti dei concili e encicliche vadano letti e interpretati considerando il tempo, il luogo e le infuenze esterne come avvenimenti storici e politici, per interpretarne il genuino senso.
      Questa affermazione ha molto il sapore di eresia modernista.
      È un eresia condannata da Papa San Pio X, nella enciclica ex cathedra pascendi dominici gregis”

      Veramente il modernismo dice che i dogmi si evolvono, cambiando di significato, a seconda delle circostanze storiche, non che i testi vadano letti e interpretati in base al contesto storico in cui furono scritti.
      Se dovessimo attenerci ad un criterio completamente a-storico, dovremmo ritenere che la condanna della libertà di stampa pronunciata da Gregorio XVI nella Mirari Vos abbia valore assoluto – e non invece mirato contro la concezione di libertà di stampa che sostenevano i liberali della sua epoca e che qualcuno potrebbe sostenere ancora oggi o domani – sicché dovremmo ritenere anticristiano avere le edicole, i siti di informazione e i blog, questo incluso.
      In realtà, se si legge attentamente la condanna e si ha presente il contesto storico (cioè i destinatari della condanna) ed anche il contesto delle condanne in cui si inserisce (quella libertà di stampa era un tassello di una posizione ben più complessa di cui il Papa analizzava vari risvolti) si capisce che questa condanna ha un ben preciso perimetro e, dentro a quel perimetro, essa è ancora valida. Così anche per gli altri testi preconciliari, conciliari e post conciliari.
      Brandmuller vuol dire questo, non certo che i dogmi cambiano significato a seconda dei tempi o possono diventare addirittura obsoleti.
      Non bisogna essere rivoluzionari, ma nemmeno fondamentalisti quando si leggono i testi, siano essi quelli di un Concilio, siano essi quelli di una Cardinale, siano essi quelli di chiunque.

      • Alessandro ds ha detto:

        DECRETO DEL SANTO UFFIZIO –
        Papa San Pio X – Lamentabili sane exitu ( ex cathedra ) –

        Sia condannato chiunque dice che:
        – “Art. 59. Cristo non insegnò un determinato insieme di dottrine applicabile a tutti i tempi e a tutti gli uomini, ma piuttosto iniziò un certo qual moto religioso adattato e da adattare a diversi tempi e circostanze.” –

        Art. 58. La verità non è immutabile più di quanto non lo sia l’uomo stesso, poiché si evolve con lui, in lui e per mezzo di lui.
        Art. 53. La costituzione organica della Chiesa non è immutabile; ma la società cristiana, non meno della società umana, va soggetta a continua evoluzione.
        Art. 54. I dogmi, i sacramenti, la gerarchia, sia nel loro concetto come nella loro realtà, non sono che interpretazioni ed evoluzioni dell’intelligenza cristiana, le quali svilupparono e perfezionarono il piccolo germe latente nel Vangelo con esterne aggiunte.

        http://www.unavox.it/Documenti/doc0177_Lamentabili.htm
        http://www.vatican.va/content/pius-x/it/motu_proprio/documents/hf_p-x_motu-proprio_19071118_praestantia-scripturae.html

        • silvano ha detto:

          E’ esattamente quello che ti ho detto, caro Alessandro: Brandmuller non parla di evoluzione di principi veritativi per adattamento all’evoluzione storica, ma di loro interpretazione in base al contesto storico in cui vengono definiti. Il che non significa che, cambiato il contesto storico, non abbiano più valore in sé.
          Se non sai cosa insegnava Lamennaise non puoi capire nulla di Mirari Vos; se non sai cosa insegnava Marx, non puoi capire nulla delle encicliche che condannano il marxismo e via di seguito.
          Dignitatis Humanae, di cui tanto si parla, afferma in premessa che gli insegnamenti precedenti sono salvaguardati: quindi significa che a) quanto affermato in linea di principio ed a prescindere dalla situazione storica concreta rimane fermo e immutato e b) le questioni su cui DH non risponde, rimangono definite da quegli insegnamenti; c) quegli insegnamenti rimangono comunque validi in relazione all’oggetto delle rispettive condanne.
          Onestamente, solo dei truffatori (modernisti o tradizionalisti) possono permettersi di interpretare un testo prescindendo dal criterio ermeneutico che quel testo impone.

          • Alessandro ds ha detto:

            Si si, ora che lo hai spiegato in questi termini ho capito meglio cosa intendevi dire.
            Però il card. Brandmuller ha steccato e preso un granchio con la sua dichiarazione. Perche:
            Si potrebbe ribattere dicendo che sia un Concilio, sia un decreto o enciclica papale non dovrebbero portare chi li legge e li interpreta a dover ragionare anche sulle variabili politiche e ambientali nel quale quel determinato documento è stato scritto. Penso che già dal momento che per interpretarlo devo considerare una variabile, il documento è fatto male. Perché come dice l’art. 59 , Dio ha dato insegnamenti unici che rimangono fermi in tutti i tempi e a tutti gli uomini e variabili, quindi già il fatto che per capire meglio un decreto che condanna il Marxismo io debba conoscere Marx ( per fare esempio ) e quando la chiesa emette decreti, è considerata “parola di Dio”. Come ci insegna Pio IX in Mortalium Animos ” Inoltre in materia di fede, non è lecito ricorrere a quella dfferenza che si volle introdurre tra articoli fondamentali e non fondamentali, quasi che i primi si debbano da tutti ammettere e i secondi invece siano lasciati liberi all’accettazione dei fedeli. La virtù sopranaturale della fede, avendo per causa formale l’autorità di Dio rivelante, non permette tali distinzioni. ”

            Quindi il Card. Brandmuller facendo quella affermaziome sul considerare le variabili esterne per interpretare un documento della chiesa, che invece ha il dovere di essere emesso per essere indirizzato e unico per tutti gli uomini, tutte le epoche e tutte le variabili, in quanto è parola di Dio, e non parola di semplici uomini, quindi va oltre il tempo e le variabili, ha un po’ steccato.
            Se si lascia passare questo concetto di Brandmuller violiamo l’art. 59.
            Non so se sono riuscito a spiegare il ragionamento in maniera adatta e capibile.
            Grazie

          • silvano ha detto:

            Sì penso di aver capito. Non credo che Brandmuller voglia dire che quegli insegnamenti non valgano per tutti e per ogni tempo; penso piuttosto che voglia dire che devono essere compresi anche alla luce del loro oggetto, quindi degli elementi fattuali/storici a cui si riferiscono. E’ evidente che di fronte ad un’ideologia politica che riproponga i contenuti delle tesi liberali condannate, quelle condanne avrebbero pieno vigore. Ma se dietro alla denominazione “libertà religiosa” c’è altro, l’estensione delle condanne potrebbe essere arbitraria (potrebbe essere necessaria una condanna ad hoc così come si potrebbe ritenerle accettabili così come si potrebbe sospendere il giudizio per valutarne meglio lo sviluppo). Il problema può essere dato quando tra le due posizioni vi è identità di qualche elemento specifico e quindi bisogna capire se quell’elemento specifico era condannato in sé stesso o in quanto facente parte di un complesso organico complessivamente condannato. Cioè se era in sé contrario alla dottrina cattolica, anche considerato isolatamente, oppure se assume questa connotazione in quanto collocato in un più ampio contesto.
            A mio parere, comunque, non serve neppure un particolare approfondimento storico: se uno si legge i principali documenti di condanna e dedica la giusta attenzione a tutti i contenuti letterali delle condanne, aggettivi e avverbi inclusi, anche delle singole proposizioni, difficilmente può sostenere che la libertà di religione predicata dal Concilio sia la stessa condannata dai papi precedenti. E comunque, ripeto, la Dignitatis Humanae si apre con una dichiarazione di conferma del magistero precedente, quindi in caso di dubbio su ciò che dice è obbligatorio interpretare in armonia con il magistero precedente.
            I tradizionalisti, i cui argomenti sono già stati confutati mille volte, impostano le lagnanze rappresentando un Concilio di truffatori e/o di poveri scemi, proprio perché in questo modo riescono a depotenziare il richiamo alla tradizione precedente che sarebbe un semplice specchietto per le allodole. Invece, se ci si informa anche sommariamente sui dibattiti che hanno accompagnato la stesura definitiva del documento, si vede benissimo che la discussione fu tutt’altro che un giochetto delle tre carte. In ogni caso, un cattolico sa che ciò che conta è ciò che è scritto, a prescindere dalle intenzioni, dai retropensieri e dalle macchinazioni.

    • Iginio ha detto:

      Guardi che Kasper disse quelle cose per tentare di smontare la Dominus Iesus, che suscitò il furore dei progressisti e delle anime saccenti, come p. es. le suore paoline Pie Discepole del Divin Maestro (! Con quel nome si scandalizzarono della Dominus Iesus che ribadiva l’unicità del Maestro!).
      Resta però che molti in ambito ecclesiastico sono davvero convinti che non si debbano convertire gli ebrei: il più importante a dire una roba simile è stato proprio papa Francesco. Ahimé.

  • Michel Berthoud ha detto:

    Viganò/Magister 100 a 0.
    Grazie Eccellenza.

  • Saggio ha detto:

    Per quanto si ostini e sia insistente, il diavolo perde sempre.

  • Physicus ha detto:

    E’ proprio necessario litigare su un concilio convocato da un cosiddetto papa iscritto alla massoneria, ed in quanto tale scomunicato ed invalido? Non tutti i massoni sono cattivi o delinquenti, anzi la maggioranza non lo è. Ma sono fuori dalla Chiesa. Così anche Roncalli.

  • Lc 11,23 ha detto:

    preso da Blondet
    se, lo vuoi (puoi) vedere, qui il lungo sguardo del cvII e dei suoi consapevoli o inconsapevoli sostenitori.

  • Phil ha detto:

    Magister/Viganò. 100 a 0

    Ipocrita nel negare di aver attaccato papa Benedetto (a cui è sufficiente un neurone per schiacciarlo qualunque cosa dica)
    Ridicolo nel dimostrare di non avere di meglio da citare a sostegno che la Guarini.
    Sempre peggio.

    • Saggio ha detto:

      Bella quella del neurone 🤣🤣in effetti vedere tutti questi nani vaticansecondologi che arrancano su Ratzinger è come vedere dei bambini dell’asilo polemizzare con Platone…che per forza di cose manco li sente 🤣🤣🤣😄😄

  • giobrun ha detto:

    Gesù in Matteo 11:
    Il mio giogo è leggero

    Atti 15:
    Non possiamo caricare gli altri di pesi che neanche noi
    siamo capaci di portare

    Vaticano II:
    “Concilio pastorale significa tener conto in maniera
    seria delle parole di Gesù e degli Apostoli.

  • Lc 11,23 ha detto:

    Grazie Eccellenza. vero Pastore.
    Argomentazioni garbate, ineccepibili e inconfutabili,
    Egregio Tosatti è nelle Sue possibilità far sapere come eventualmente aiutare la Santa’opera di Mons. Viganò?
    grazie se può, grazie comunque per tutto il Suo impegno.

  • Marco Matteucci ha detto:

    “It is better to remain silent at the risk of being thought a fool, than to talk and remove all doubt of it – Meglio tacere e dare l’impressione di essere stupidi, piuttosto che parlare e togliere ogni dubbio” (A. Lincoln)

    • Marco Matteucci ha detto:

      LA POLITICA

      Ner modo de penzà c’è un gran divario:
      mi’ padre è democratico cristiano
      e, siccome è impiegato ar Vaticano,
      tutte le sere recita er rosario.

      De tre fratelli, Giggi, ch’è ‘r più anziano
      è socialista rivoluzzionario,
      io ‘nvece sò monarchico, ar contrario,
      de Ludovico ch’è repubblicano.

      Prima de cena liticamo spesso
      pe via de sti principi benedetti:
      chi vò qua, chi vò là, pare un congresso.

      Famo l’ira de Dio, ma appena mamma
      ce dice che sò cotti li spaghetti,
      semo tutti d’accordo ner programma.

      (Carlo Alberto Salustri in arte Trilussa)

  • valentina ha detto:

    Caro Mons. Carlo Maria Viganò, grazie per la Sua Buona Battaglia, che è la stessa di quelli che amano la Chiesa di Cristo, quella Vera.