JUSTICE FOR EUGENIO HASLER, KICKED OUT BY THE POPE WITHOUT REASON

27 Aprile 2020 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Dear friends and enemies of Stilum Curiae, it seems like a good idea to us to pass on to you an appeal and a call to battle made by a website that we have spoken of to you many times, korazym.org. Korazym has dedicated a long article to this theme, which we recommend to you. We a reporting here on only one part regarding the incredible story of the dismissal of Eugenio Hassler, an honest and competent man, from the important position that he held in the Vatican City Governorate (the “City Hall” of the Vatican). This role was also highly significant because the Vatican obtains all of its income for its operating budget from the Governorate’s operation of the Vatican Museums, the Vatican City “Annona” supermarket, and sales at the Vatican Post Office – which it uses to meet the expenses of the Vatican City State and its various services. For three years, Eugenio Hassler has asked for an investigation into his dismissal in order to understand why he was eliminated and what were the complaints or accusations that determined the decision. Up until now, his request has met a wall of silence. We fear that he is only the latest example of yet another honest layman, professionally formed, generous in his service, who has been thrown out because his work bothered a few shady dealings of some prelate, or perhaps more than a few. We think of Ettore Gotti Tedeschi (the former president of the Vatican Bank), Libero Milone (the first auditor general who was appointed by Francis and then dismissed in 2017), of Matthew Festing (the former Grand Master of the Sovereign Military Order of Malta who resigned in 2017), of Commander Domenico Giani (of the Vatican Gendarmerie who resigned in 2019)…of Mattietti, of Greg Burke, of Paloma Ovejero…and we are probably forgetting someone.

We have not addressed this case before, because it seemed that the man concerned – whom we do not know personally – wanted to maintain silence, showing great decorum and loyalty to the supreme Vatican authority. Eugenio Hassler is the son of a major in the Swiss Guards, and worked in the Secretariat of the Governorate under various Secretaries, as you will see.

As we were saying, we have not been concerned with this question up until now. But yesterday, after the article appeared on Korazym.org, we spoke with a high prelate, who held an important role for many years within the Governorate. Here is that high prelate’s account of the Hassler affair.

Eugenio Hassler was the head of the general secretariat of the Governorate for years, prior to the appointment of Archbishop Carlo Maria Viganò to the Governorate. Our interlocutor judges him to be a man of the highest quality. Apart from his knowledge of several languages, he is honest and endowed with a great capacity for organization.

In 2011 Giuseppe Bertello was appointed president of the Governorate, at the request of then-Secretary of State Cardinal Tarcisio Bertone. Bertello was hoping to become Prefect of the Propaganda Fidei until just a few days before his nomination – he never hid the fact that he was uncomfortable in the Governorate. After Archbishop Viganò was transferred to Washington because his clean-up work bothered Cardinal Bertone and his protectors, Father Fernando Vergez, LC, was appointed as Secretary-General of the Governorate, (before him mons. Sciacca) and at the same time was made a bishop. He was very good in his service and in his communication, but he did not have a great capacity for governance and leadership. Eugenio Hassler remained as his secretary, and he was the only person who stayed on the right course in the midst of that complex economic world. Even the associate Secretary General who was nominated afterwards is a priest of Opus, perhaps also in order to ensure that he would not intervene in the governance.

Hassler, since he was the only one who had experience in the Governorate, sought to help his superiors, Bertello and especially Vérgez. But he annoyed the strong man who was always there, about whom Archbishop Viganò wrote various letters negatively describing his efforts to clean house, Msgr. Paolo Nicolini, who controlled all of the administration of the Vatican Museums (the strongest source of income). Our interlocutor thinks that Hassler stood in the way of Nicolini taking over management of the Governorate in order to defend his immediate superior Vérgez.

According to what we were told, one day in March 2017, the pope directly summoned Eugenio Hassler, without the knowledge of his immediate superior Vérgez. The reason for the audience was not specified: Hassler could even have thought that he was being called in to be promoted.

***

Our prelate-source tells us how the conversation took place between the reigning pontiff and Eugenio Hassler. And it is not difficult to recognize that many other similar conversations have taken place, always ending in a beheading.

“They say that you have a bad temper, that you are unfriendly, that you are domineering…”

– I try to help my superiors in carrying out their work…

“You also have a parking place reserved for your car outside the Governorate…”

– Yes, but we all have one…

(Eugenio was always the first one to arrive each morning; at 7:30 he was there, 20 minutes before everyone else).

“But do you often get a new car?”

 They are functional. The Swiss Guards get the cars duty-free since they have CV (Vatican City) license plates, and then after a year or two of service they return to Switzerland, and so they buy the car back and give it away…

And at the end, the conclusion:

“Don’t worry about your superiors, I will speak to them.” And then abruptly: “But starting tomorrow do not set foot in your office.”

– You are transferring me to another dicastery…

“No, no, it’s fine just like this.”

***

The next day the pope received Msgr. Paolo Nicolini, and gave him the responsibility, among others, of overseeing tourist visits to Castel Gandolfo.

Below you can find passages taken from Korazym.org.

A final consideration. I think that if all the beautiful words the Pope says about equality, justice, solidarity, etc. are not mere rhetoric, he ought to have the honesty to open a transparent investigation about the treatment of a person whose life was devastated in a way worthy of the worst despotism.

Translated by @pellegrino2020

§§§

And here are some excerpts from the Korazym.org article: 

«Spes contra spem. Il post coronavirus “ci trovi con gli anticorpi necessari della giustizia, della carità e della solidarietà”. È l’esortazione-auspicio che Papa Francesco ha formulato in un articolo scritto per la rivista spagnola “Vida Nueva” e tradotto da “L’Osservatore Romano”, con il quale delinea quello che definisce “plan para resuscitar”. “Un piano per risorgere”.

“In questo caso la lista dei laici “cacciati” da Papa Francesco si allunga. Ne citiamo solo alcuni illustri personalità di altissimo rango, “cacciati su due piedi” in modo irrituale e inconsueto, senza un regolare procedimenti: l’ex Comandante del Corpo della Guardia Svizzera Pontifica, Colonello Daniel Rudolf Anrig (31 gennaio 2015); l’ex Revisore Generale della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, Dott. Libero Milone (21 giugno 2017); l’ex Direttore dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile dello Stato della Città del Vaticano e Comandante del Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano, Dott. Domenico Giani (14 ottobre 2019). Poniamo questo modus operandi sotto la nostra lente, poiché tutto ciò evidenzia che la riforma di questo pontificato appare essere di fatto “la cacciata” (insieme a “rottamazione” e “asfaltazione”).

Infine, abbiamo rilevato, che dentro il Palazzo del Governatorato S.C.V. va approfondita un’inchiesta. Pensiamo che lì dentro la situazione si sta facendo molto calda, perché qualcuno ha fatto uscire prima che siano state diramate ufficialmente due lettere, del numero uno e del numero due del Governatorato S.C.V. E questo è un fatto gravissimo. Ripetiamo nostro suggerimento che questa inchiesta potrebbe essere condotta con molto profitto, magari con il supporto di chi ha già diretto tale ufficio, cioè l’Arcivescovo Carlo Maria Viganò, “allontanato a Washington” il 19 ottobre 2011 e di un suo sottoposto, “cacciato” il 31 marzo 2017, cioè il Segretario particolare del Segretario Generale del Governatorato S.C.V., Eugenio Hassler, sempre rimasto in silenzio da allora.

Rispetto per un uomo, e una carezza alla dignità sua e della sua famiglia

 Oggi, trattando questo uomo con rispetto, gli vogliamo regalare una carezza alla dignità sua, della sua madre e del suo padre.

 È prassi consolidata – e posso testimoniarlo ex professo (diversi furono le lettere anonime contro di me, stilate dai vaticanisti di turno, recapitate in Segreteria di Stato e ritualmente destinate all’oblio – che nelle amministrazioni pontificie lettere anonime vengono cestinate, sempre. Invece, nel caso della prima lettera anonima ci fu una decisione di portarla all’attenzione del Papa e di far fare accertamenti dalla Gendarmeria S.C.V. sul conto di Eugenio Hassler. Prendere queste decisioni non possono farlo coloro che governano lo Stato della Città del Vaticano, ma è competenza della Segreteria di Stato. Il risultato fu un Casellario penale con “NULLA”… e “la cacciata”.

 Oggi vogliamo essere voce di chi è rimasto in silenzio per tre anni. Vogliamo dare voce a chi la voce è stata tolta in maniera inconfessabile e inqualificabile, piuttosto che inspiegabile, in un’operazione altrettanto inqualificabile e inconfessabile, sotto tutti gli aspetti, senza un minimo di regolare provvedimento disciplinare, dai quali ogni essere umano dovrebbe poter difendersi. Ma si sa come funziona uno Stato di regime. E a questo punto fa paura.

Eugenio Hassler ha chiesto più volte, anche per iscritto, di poter aver un regolare processo disciplinare o penale. Non ha mai ricevuto risposte. Sono state inviate anche lettere a firma di ex colleghi, di parenti, di amici e della mamma al Papa regnante. Nessuno ha mai ricevuto una risposta.

 Non è difficile immaginare perché Eugenio Hassler non ha parlato con nessuno in questi tre anni, sia per delle “velate” minacce ricevute “da chi conta”, sia perché non avrebbe avuto alcuna possibilità di trovare giustizia.

Da un giorno all’altro, la sua vita – e quella della sua famiglia – sono state letteralmente distrutte. Senza un minimo di giustizia, di misericordia, di pietà. La sua cacciata per ordine del Papa regnante fu del tutto inusuale, irrituale ed arbitraria, senza alcun preavviso e senza alcuna lettera di licenziamento (a tutt’oggi non ne è traccia), senza che gli sia stata accordata la possibilità di difendersi da infondate accuse. Queste infamanti accuse furono fatte filtrare tramite una vaticanista senza scrupoli e persino aggravate rispetto a quelle gli furono elencate verbalmente dal Papa regnante al suo funzionario e cittadino. Questo filtraggio fu senza ombra di dubbio diramata ad arte da corvi dall’interno, gestiti da una mente raffinatissima.

Nessun rispetto della privacy, nome e cognome sbandierato ai quattro venti, in una “notizia” confezionata ad arte per suscitare sensazionalismo mediatico, con le pesantissime conseguenze facilmente immaginabili sul suo futuro umano e professionale.

 Chi “toglie il lavoro agli uomini, fa un peccato gravissimo”, ha detto Papa Francesco rivolto ai lavoratori di Sky Italia nell’Udienza generale del 15 marzo 2017.

 “Nessun lavoratore senza diritti”, ha scritto Papa Francesco nella “Lettera ai Movimenti Popolari” del 12 aprile 2020.

Cosa avrebbe potuto fare questo giovane e brillante funzionario, cittadino vaticano, figlio di una famiglia rispettabilissima nello Stato, di cui si fidavano e a cui si affidavano quattro successivi Segretari Generali del Governatorato S.C.V., suoi diretti superiori?

La sua dignità fu calpestata e sul suo conto sono state diffuse ad arte notizie diffamanti, infamanti, calunniose, mai verificate. E questo dopo aver prestato il suo altissimo servizio nel Governatorato S.C.V. con dedizione, generosità e passione, fino a quel terribile 27 marzo 2017. Consapevole dell’onore e del privilegio di cui si sentiva destinatario e depositario. Fedele al giuramento che aveva prestato. Cercando di dare il meglio di sé, così come si era comportato nello svolgimento del suo precedente lavoro in Roma, con tutti i limiti della sua natura e di qualche difetto caratteriale, che lui non nega e che lui non nasconde.

 La sua disponibilità di chiedere scusa non fu presa in considerazione, perché il motivo per la sua “cacciata” era altro.

Tante le vicissitudini, che Eugenio Hassler ha affrontato nei suoi circa dodici anni di servizio nel Governatorato, duranti i quali ha accumulato molti nemici influenti, perché non era corrotto e non si fece corrompere. E ne so qualcosa ex professo, perché ho avuto non poche occasioni di conoscere l’ambiente – e dei personaggi “influenti” – dall’interno del Governatorato, in quasi 30 anni di servizio alla Santa Sede.

Il silenzio non ha pagato e dopo tre anni…

 Dopo tre anni esatti, il 28 marzo 2020 Eugenio Hassler ha deciso di parlare, con un post sul suo diario Facebook:

 «Con oggi si compiono tre anni dal “fatto” o dal “caso”: insomma chiamatelo come volete. Il 27 marzo 2017 ricevevo un biglietto di convocazione, freddo, impersonale, nel quale venivo appellato come a tutti dicevo di non volere: cavaliere. E so benissimo chi e perché invece ha dichiarato ai giornalisti che amavo farmi chiamare cavaliere, anzi lo avrei addirittura preteso.

Il tutto però parte parecchi mesi prima con l’invio di lettere “anonime” a vari personaggi di spicco in Vaticano. Quasi tutti destinatari pilotati. Di fatti, in dieci anni di lavoro in una Segreteria Generale ne ho viste di lettere anonime: tutte, puntualmente cestinate senza dare alcun credito. Era la regola. Alcune erano molto dettagliate e precise, oserei dire, ipoteticamente veritiere. Quella di cui ho pubblicato alcuni stralci e seguirà il completamento, è stata presa come spunto per addebitarmi colpe nel colloquio del 28 marzo 2017, esattamente tre anni fa.

Ora, non è difficile comprendere la dinamica di chi e come possa aver fatto passare per veritiere cose assolutamente non vere o delle quali esistono prove inconfutabili del contrario (ovviamente mai prese in considerazione).

Come pure è estremamente facile capire e sapere chi ha dettagliatamente prodotto i numeri delle ore straordinarie da me effettuate, tralasciando di dire però che non era il sottoscritto a decidere di farle e a disporre a piacimento. Chi ha disposto il pagamento tassativo delle ferie arretrate (una persona che ha voluto farlo per tutti i dipendenti e non solo per me) e di conseguenza chi era a conoscenza della cifra esatta che fu calcolata per definire l’importo da me rifiutato ma che fui obbligato ad accettare perché bonificato in modo coatto.

Chi si è recato personalmente presso la filiale della banca?

Infine chi ha inventato che la copertura in vetroresina di un terrazzo fosse stata realizzata in amianto e avesse messo a rischio l’incolumità di chissà chi…

Ben inteso, si tratta di persone ben distinte tra loro, che hanno ben volentieri promosso ed eseguito ordini di una mente.

Dopo tre anni alcune cose vengono a galla, altre necessiteranno di qualche tempo in più. Ma è giusto che si sappia. Poiché quasi tutte queste persone, sottolineo quasi tutte, sono ai loro posti di comando ed in parte ricoprono posti di maggior rilievo (ovvero promozioni)… Non si tratta di solo laici.

A tre anni di distanza non si può dire che Hassler ha scelto la via del silenzio. Tuttavia, Hassler non è un mercenario e non parla per soldi. Hassler parla solo ed esclusivamente perché vuole la verità, ben conscio che è un termine sconosciuto ad alcuni. Hassler è stato preso per troppo tempo in giro, perché “tanto non parla”… I ricatti striscianti e meno striscianti sono stati moltissimi. Le voci messe in giro altrettante.

Tre anni sono tanti… Il silenzio non ha pagato. Il caso risulta archiviato senza alcune se ed alcun ma…

Nessuno ha voluto verificare nulla. E soprattutto nessuno ha voluto interpellare me. Solo scansarmi, cambiare marciapiede, ecc. E fornire numeri di cellulare e nomi ai giornalisti.

Voci su interessamenti al caso, su aiuti a me ad alla mia famiglia… Tutte voci messe in giro come “chiacchiere da lavandaia”. Sappiamo da parte di chi ed il perché. Del resto la lavanderia ha molti addetti. Addetti che vantano anche una credibilità.

Il ricordo, come una ricorrenza annuale delle ferite che ancor sanguinano in abbondanza.

Per chi vorrà leggere e continuare a seguire il “caso”.

A tutti voi, a tutti noi, un abbraccio (a distanza) e l’auspicio che questo periodo di difficoltà collettivo e comunitario possa essere presto superato!»

(Eugenio Hassler – Facebook, 28 marzo 2020 – III Anniversario).

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

5 commenti