IL PAPA NON RISPONDE SULLA DENUNCIA DI VIGANÒ. SUPER EX: ECCO LE RAGIONI PER CUI MONS. VIGANÒ HA PARLATO.

27 agosto 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Il Papa si è rifiutato nel viaggio di ritorno dall’Irlanda di rispondere a quanto denunciato dall’arcivescovo Viganò sul fatto che fosse informato sin dal 2013 su McCarrick. Vi alleghiamo il testo in inglese di un sito affidabile, la CNA:

“I read the statement this morning, and I must tell you sincerely that, I must say this, to you and all those who are interested: Read the statement carefully and make your own judgment,” he answered. “I will not say a single word on this.”

Speaking aboard the papal plane from Dublin to Rome Aug. 26, Francis said he believes in the “journalistic capacity to draw your own conclusions,” calling it an “act of faith.”

“When some time passes and you have drawn your conclusions, I may speak. But I would like your professional maturity to do the work for you. It will be good for you,” he told members of the press.

Asked in a follow up question when he first learned about the abuse allegations against McCarrick, Pope Francis responded, “This is part of the statement. Study it and then I will say.”

“Ho letto la dichiarazione stamattina e devo dirvi sinceramente, devo dire questo, a te ea tutti quelli che sono interessati: leggete attentamente la dichiarazione e formatevi il vostro giudizio”, ha risposto. “Non dirò una sola parola su questo”.

Parlando a bordo dell’aereo papale da Dublino a Roma il 26 agosto, Francis ha detto di credere nella “capacità giornalistica di trarre le proprie conclusioni”, definendolo un “atto di fede”. “Quando passerà un po’ di tempo e avrete tratto le vostre conclusioni, potrò parlare. Ma vorrei che la vostraa maturità professionale facesse il lavoro per voi. Sarà un bene per voi”, ha detto ai membri della stampa.

Interrogato in una domanda di follow-up di quando ha saputo delle accuse di abusi contro McCarrick, Papa Francesco ha risposto: “Questo fa parte della dichiarazione. Studiatelo e poi dirò”.

Torneremo sull’argomento; ma ci sembra che la strada scelta dal Pontefice – la mozione degli affetti – sia una via estremamente debole per rispondere a domande legittime che i cattolici si pongono. E infatti una rapida scorsa delle reazioni ai tentativi di giustificazione addotti sul web dal suo spin dottore della comunicazione, Antonio Spadaro sj, illustrano bene l’irritazione di molti.

Il giorno della “bomba Viganò” ci ha scritto Super Ex, (ex di Movimento per la Vita, ex di Avvenire – per sua fortuna, visto a che cosa si è ridotto – ex di altre cose, ma, ancora, non ex cattolico, anzi. Super Ex ci ha scritto per spiegarci, a voi e a noi e magari anche a qualche altro – perché Viganò si è deciso a parlare, anzi a scrivere. Ci ha fatto piacere leggerlo. Non ci eravamo sentiti, con Super Ex, e quindi il suo articolo è stato una sorpresa. Mi ha fatto piacere però vedere che evidentemente per altre strade, lontane dalla mia, era giunto a conclusioni analoghe, sul perché l’arcivescovo Viganò si era deciso a questo passo, in cui ha da guadagnare solo insulti e vigliaccate. Super Ex probabilmente, lo si capisce da come scrive, conosce meglio di me Viganò: l’avrò incontrato quattro volte in tutta la mia vita. E allora può spiegare i “perché” che magari io avevo solo intuito.

Un lavoro necessario, perché solerti prezzolati umettatori (e umettatrici  come no) di terga ecclesiastiche si sono messi alacremente al lavoro per sminuire in tutti i modi la figura dell’arcivescovo trovando motivazioni e rancori di ogni genere, soprattutto inesistenti. Contano poco, gente pagata, in maniera diretta o indiretta; ma il fango nel ventilatore dà sempre fastidio. Altri invece, più fantasiosi sono arrivati a ipotizzare che dietro il documento ci sia la longa manus dei vescovi americani colpiti dalle accuse e dalla cosiddetta politica di durezza di papa Bergoglio. Ma se sono le sue creature politiche i colpiti! McCarrick, Wuerl, Farrell, Tobin, e per amicizia con loro Cupich, McElroy, e anche Sean O’Malley! Che finezza di ragionamento politico si cela dietro questa ipotesi…Infine abbiamo avuto anche un personaggio femminile dell’avanspettacolo vaticano (o del burlesque?) che ha “saputo” da sue fonti (ce le immaginiamo….) che Viganò prenderebbe psicofarmaci. Sono altri, madame, quelli che prendono medicine per la testa, in Vaticano. E quelli che non hanno saputo scrivere altro, come qualche collega di agenzia straniera, l’hanno descritto come conservatore e strettamente anti-gay. Se fosse vero, sarebbe un crimine? Visto quello che l’omosessualità ha combinato nella Chiesa americana, lo si potrebbe solo elogiare, magari. Ma il politically correct impera nell’informazione, e lo sappiamo bene.

Dimenticando, tutti, che il punto è uno solo, ed è questo su cui deve esserci una risposta, o una spiegazione: il 23 giugno 2013 Viganò ha raccontato di McCarrick al Pontefice? Solo questo conta, non se Viganò è figlio naturale di Hitler o ha sette amanti, tutte cubane perché ama i Caraibi…

Ecco, allora, perché questo Super Ex è particolarmente prezioso. Buona lettura.

Iniziamo con il dire che Carlo Maria Viganò, l’autore del memoriale bomba pubblicato su la Verità, non è Dario Edoardo Viganò, monsignorino in auge presso il mondo gay vaticano, sino allo scoppio dello scandalo mediatico che lo ha travolto e lo ha svelato al mondo come un pataccaro, creatore di fake news per presentare il Sommo Capo Bergoglio come continuatore dell’opera di Benedetto XVI.

No, Carlo Maria Viganò, che Bergoglio sull’aereo non ha smenito!, non è nè un membro della lobby gay vaticana, nè un venditore di fake news con bollino pontificio.

O meglio, quest’uomo che con la sua denuncia ha tutto da perdere e nulla da guadagnare, il bollino lo aveva, ai tempi di Benedetto XVI, che nutriva per lui profonda stima: poi il cardinal Tarcisio Bertone (quello dell’attico e dei soldi sottratti al Bambin Gesù), ha visto bene di rimuoverlo, mandandolo come nunzio negli Usa. Senza immaginare che la Provvidenza segue vie molto strane: sì perchè Bertone pensava di togliersi dai piedi un nemico per i suoi affari italiani, e senza volerlo ha spedito Viganò in quello che sarebbe diventato, con Bergoglio, un paese chiave per il redde rationem nella Chiesa.

Viganò viene dunque allontanato ad insaputa del papa tedesco, che, ormai accerchiato e senza poteri, si dimette, di lì a poco, quasi ammettendo di non potercela fare: troppi sono i Giuda che lo circondano!

Intanto il nuovo capo, Bergoglio, mentre in Italia piazza ovunque uomini proni al verbo gay, dal citato Dario Edoardo Viganò a Nunzio Galantino, passando per Vincenzo Paglia, sceglie nel contempo di scatenare una guerra senza quartiere contro l’episcopato americano, colpevole di essersi contrapposto all’aggenda pro gender e aborto di Obama.

E così Bergoglio isola il cardinal Raymond Burke, cerca di mettere all’angolo i cardinali conservatori Dolan e Di Nardo, attingendo al vivaio di chi? Del cardinale abusatore seriale McCarrick! Non serve leggere il memoriale precississimo di Carlo Maria Viganò per capirlo: basta scorrere il curriculum pubblico dei cardinali bergogliani Wuerl, Cupich, Tobin ecc. Si tratta sempre di amici intimi di McCarrick, e si tratta sempre di persone vicine alla lobby gay!

Certo, Viganò ci offre dettagli ulteriori sul sistema di coperture di cui costoro, McCarrick in primis, hanno goduto sotto Sodano, Bertone e soci, prima di spiccare il volo grazie a Bergy. Viganò non ha un obiettivo a priori, Bergoglio: dice tutta la verità, anche su chi c’era prima!

Dunque, come dicevamo, Viganò allontanato da Roma, finisce negli Usa, dove si combatte questa guerra interna all’episcopato scatenata dalle nuove nomine di Bergoglio, e dai vecchi progressisti in disarmo sotto Benedetto. Come aveva fatto a Roma, anche in questo caso Viganò segue la via canonica e denuncia ai superiori. Parla anche con Bergoglio di McCarrick, ma senza risultati.

Poi arriva la pensione, e Viganò continua ad osservare; in qualche occasione parla con autorevoli personalità cattoliche, che lo invitano a parlare: “Dica tutto, per carità, per il bene della Chiesa!”.

Ma Viganò probabilmente ha i suoi scrupoli, ama la Chiesa e non vuole farle del male… fino a che i tempi non diventano maturi; fino a che tutto ciò che ha visto non diventa, almeno in parte, di pubblico dominio, perchè McCarrick, Maradiaga, Wuerl… finiscono nell’occhio del ciclone. Cosa fa il Sommo Capo? Continua a far finta di nulla; peggio, chiama “pedofilia” l’ omosessualità, ed evita accuratamente, ancora una volta di dare la colpa a chi la ha davvero.

Poteva Viganò, sapendo tutto, tollerare che si continuassero a dare le colpe degli abomini avvenuti negli Usa ad un vago “clericalismo”, alla chiesa in generale, a soggetti non identificabili?

No. Per questo, per amore della Giustizia e della Chiesa ha parlato: i colpevoli, gli abusatori come McCarrick, hanno nomi e cognomi, così come gli insabbiatori (da Bertone a Bergoglio).

Dire quei nomi può costare insulti, maldicenze, mal di fegato… ma ci vuole pure un vescovo, uno solo, che abbia il coraggio di lavare con il suo coraggio e il suo sacrificio lo schifo abominevole cui i fedeli stanno assistendo?

Ecco, Viganò ha scelto di fare questo. La Chiesa vera lo ringrazia e lo ringrazierà ancora di più domani, quando avrà del tutto superato questa terribile e lunga tragedia, che ha più di 40 anni, ma che ha raggiunto il suo culmine, oggi, in questo clima grottesco in cui mentre il mondo chiede conto degli abusi di preti e cardinali omosessuali su seminaristi e minori, un gesuita americano di nome James Martin, protetto dalle alte sfere, cerca di sdoganare anche dottrinalmente il comportamento osceno dei suoi protettori americani e non.

Ps. Il 30 gennaio 2012, il vaticanista Andrea Tornielli, raccontando lo strano allontanamento di Viganò dal governatorato del Vaticano, ad opera di Bertone, ricordava gli “innegabili risultati di moralizzazione e di tagli alle spese” di Viganò, e aggiunge: l’  “innegabile opera moralizzatrice e risanatrice della gestione Viganò sui bilanci – il presepe in piazza San Pietro, ad esempio, è passato da un costo di 550.000 euro a 300.000 – è stata un merito non attribuibile soltanto al suo impegno, ma anche a quello del suo superiore diretto, il cardinale Giovanni Lajolo, come pure alla gestione più oculata dei Musei Vaticani: tutto ciò ha permesso ai conti di tornare in attivo di qualche milione di euro, mentre in precedenza di registrava un pesante deficit”. Dunque Torniuelli, che oggi cerca di mettere in cattiva luce Viganò, solo alcuni anni fa ne lodava il comportamento, e riconosceva che questa lode proveniva anche da Benedetto XVI: la “piena fiducia nutrita dal Pontefice verso Viganò, sta a indicare il riconoscimento dei suoi meriti nel processo di risanamento”. Di più: “Certo, ci si potrebbe anche domandare per quale motivo, se si sono considerate tutte infondate le accuse rivolte dal prelato nelle lettere, lo si è considerato poi degno di ricoprire un incarico delicato e di prestigio qual è quello di capo dell’ufficio diplomatico di Washington, responsabile dei rapporti con la Casa Bianca e stretto collaboratore del Papa nella scelta della classe dirigente della Chiesa statunitense. Un incarico che richiede equilibrio, riservatezza e ottime capacità diplomatiche. Un’altra domanda riguarda la continuazione o l’eventuale rallentamento, del processo di risanamento operato da Viganò. E su questo dovrebbe rimanere alta l’attenzione, fuori e dentro le mura, per evitare che si ripetano o continuino episodi oggettivamente scandalosi, tanto più un periodo di grave crisi economica come quello che stiamo vivendo. È stato scioccante apprendere che un presepe composto di una stalla o di una grotta ricostruita in Piazza San Pietro costava tanto quanto una bifamiliare nella campagna romana. Quest’anno, il primo dopo la «cura Viganò», il presepe è costato come l’anno precedente, 300.000 euro, e secondo alcune indiscrezioni si starebbe lavorando per dimezzarne il costo nel 2012” (vedi http://www.lastampa.it/2012/01/30/vaticaninsider/le-accuse-di-vigan-e-le-verifiche-del-vaticano-NmsgfToUZ3tMQQOuLK696O/pagina.html )

 







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

92 commenti

  • Ascanio Salvidio ha detto:

    Caro Dott. Tosatti,

    1) Il diritto naturale esige che si conceda a chiunque la presunzione d’innocenza, sino a quando non sia dimostrata la sua colpevolezza

    2) nel caso del papa, più ancora del diritto naturale (che da solo basterebbe a rendere odioso il “tribunale del popolo” che pretende di giudicarlo senza conoscerne né l’agire né le motivazioni), dovrebbe essere la carità a temperare i giudizi e a frenare gli animi. Carità verso un padre, che è ben più del padre carnale per un cattolico;

    3) diversamente da ciò che lei sostiene, il punto non è affatto se Papa Francesco abbia ricevuto, a giugno 2013, da Viganò (o da altri) informazioni circa le malefatte di un cardinale e di altri prelati. Il punto è perché Papa Francesco, se mai tali informazioni gli sono state date, non abbia assunto i provvedimenti che sono stati reclamati;

    4) se non che, per comprendere l’agire del papa nei confronti di suoi sottoposti e valutare le sue motivazioni, occorrerebbe essere nella sua posizione e conoscere nei dettagli ogni circostanza che ha determinato le sue decisioni. La qual cosa è, ovviamente, impossibile;

    5) infine, dal silenzio del papa difronte alle dichiarazioni di Viganò non può trarsi convincimento che sia colpevole di qualcosa. Non è solo un principio del diritto naturale, sono i racconti stessi della Passione a confermare che il silenzio non è prova di colpa se non nella mente prevenuta di chi ne fa un capo d’accusa;

    Lei, Tosatti, è, dunque, dalla parte sbagliata, perché il suo criterio è errato. E se anche il papa fosse un uomo malvagio e indegno – cosa che non credo affatto – lei sarebbe dalla parte del torto comunque. Per aver assunto la verosimiglianza delle accuse nei suoi confronti, e per aver collaborato a renderle pubbliche autoinvestendosi di una missione di giustizia che non le compete e che esula completamente dal suo ruolo e dalla sua professionalità di giornalista.

    Per quanto mi riguarda, desidero testimoniare di essere pienamente a favore del papa e pienamente devoto a lui, Vicario di Cristo, che è il Capo della Chiesa. E proprio da conservatore quale sono e sempre sono stato (sia in materia di fede, che di morale e di politica) affermo di non aver mai trovato nelle parole e negli scritti del pontefice alcunché di contrario al Magistero cattolico di sempre, in piena continuità non solo con i papi dei secoli passati, ma con le parole di N.S. riportate nei Santi Vangeli, e con gli insegnamenti degli Apostoli e dei Padri della Chiesa.

    E aggiungo che la mia fedeltà al pontefice non verrebbe meno neanche se per speciale grazia potessi conoscerne tutti i peccati e tutti i difetti e se di ogni sua azione potessi valutare il giusto e l’errato. E ciò, perché nessun papa può mai aver peccato ed errato più di San Pietro Apostolo, che pur avendo visto personalmente miracoli straordinari e persino tre resurrezioni di morti per mano di Gesù, se ne fuggì e lo rinnegò. Dunque, nessuno può convincermi che un papa si misuri e si giudichi in base a veri o presunti errori e colpe nella gestione di suoi dipendenti, e tantomeno lei, Dott. Tosatti.

    Cordiali saluti

    • wp_7512482 ha detto:

      Non ho mai detto che ritengo il Pontefice colpevole. Ho detto – e lo penso – che debba una risposta al punto citato. Non è un problema di diritto. È un problema di credibilità e di fiducia. SE – SE – era stato informato debitamente, e non solo non ha fatto nulla, ma ha agito in senso contrario, deve spiegare perché. Magari avrà anche ragioni ottime; ma deve darle, affinché i cattolici non siano lasciati nel dubbio di un agire doppio: condannare a parole, e nei fatti fare diverso. Come vede, il diritto non c’entra nulla. Ma non rispondere secondo il mio umile parere, è la soluzione peggiore.

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    Sul terribile memoriale Viganò, vorrei dire che nessuno può lecitamente dire al Papa: “Devi dimetterti”. Tale intimazione, sia pure in una frase sintatticamente ipotetica, fece il cardinal C.M.Martini al Papa Benedetto XVI, ma mica prenderemo Martini come modello di correttezza ecclesiale; lui al massimo è stato modello d’El Papa.

    Tuttavia chiedo: se le connivenze e coperture d’El Papa alla ragnatela di zio Ted (e di tutti gli altri) sono state il prezzo dei loro voti in Conclave, si può sospettare che ci sia stata un’elezione papale SIMONIACA ?

  • Teofilo ha detto:

    Questo papa non risponde e non risponderà mai. Tutto finirà nel nulla, come era già successo con i dubbia. E chiaramente tra le difese giubilanti del 90% della stampa nazionale che ha già iniziato a minimizzare il report di Vigano e a screditarlo davanti al mondo. Non succederà nulla, inutile illudersi.

    • Filotea ha detto:

      Forse, ma questa volta trattasi di un argomento che interessa anche i non credenti deve rispondere a tutto il mondo, non solo al popolo di Dio. E il resto del mondo non è così mansueto come le pecore della sua gregge.
      È di qualche ora la notizia che il procuratore USA, Shapiro ha dichiarato che il Vaticano sapeva degli abusi… À suivre!!

  • marco bianchi ha detto:

    Solo per dire che Monsignor Viganò merita rispetto e ammirazione.Vista la rarità di prelati come lui.E vorrei aggiungere che tutto questo amore per l’omosessualità dì Bergy,come lo chiama Super ex,qualche dubbio lo fa nascere.Un indizio è poco,una montagna di indizi…….

    • QQ ha detto:

      Quando una istituzione non ha basi scientifiche, non ha fondamenta non ha serieta’, gli scandali, gli intrighi, le invidie la lotta per le poltrone sono all’ordine del giorno , e il proverbio che dice: MAGIA E RELIGIONE SONO L’OPPIO DEI POVERI , e’ sempre valido . Nel terzo millennio sentire ancora titoli del clero , come ECCELLENZA , EMINENZA , PRINCIPI DELLA CHIESA, PORPORATI , SANTITA’, MONSIGNORI, SOLDATI DI CRISTO ECC.ECC. E’ OLOTREMONDO RIDICOLO PAZZESCO. mago prof. Silva, (spettacoli) presidente paraps. int. a Monaco Di Baviera .

  • Filotea ha detto:

    Caro Dr. Tosatti,

    I liberal stessi ci forniscono elementi per credere che papa Benedetto l’aveva “punito” eccome McKarrick e che Bergloglio era pappa e ciccia con McKarrick dal quale adesso cercano gli stessi “liberal” a prendere le distanze e a far prendere le distanze a papa Francesco.
    Invito tutti a leggere questo articolo del 2014 pubblicato dal sito loberal NCR, il quale alla luce degli ultimi eventi risulta semplicemente agghiacciante:
    https://www.ncronline.org/news/people/globe-trotting-cardinal-theodore-mccarrick-almost-84-and-working-harder-ever