Joachim Heimerl. Sotto Francesco, l’Eresia Manifesta è Diventata Accettabile nella Chiesa.

2 Aprile 2024 Pubblicato da 6 Commenti

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione questa intervista realizzata da Maike Hickson, che ringraziamo per la cortesia, con Joachim Heimerl per Life Site News. Buona lettura e condivisione.

§§§

 

Il sacerdote austriaco P. Joachim Heimerl ha rimproverato Papa Francesco per aver permesso che “l’eresia aperta” fiorisse all’interno della Chiesa e ha avvertito che Francesco “passerà alla storia come un Papa eretico” se approverà le “donne diacono”.

In un’intervista esclusiva con LifeSiteNews, p. Heimerl ha parlato della possibilità di introdurre una qualche forma di “donne diacono”, delle conseguenze dell’approvazione delle “benedizioni” per le “coppie” omosessuali e del pontificato “fallito” di Papa Francesco.

“È chiaro che Francesco ha ampiamente abbandonato il suo compito di proteggere la fede della Chiesa e di difenderne l’unità”, ha dichiarato il sacerdote a LifeSiteNews. Piuttosto, il Papa sta “cedendo” al movimento LGBT “proprio come è probabile che ceda alle richieste femministe per l'”ordinazione delle donne””, ha detto.

P. Heimerl ha scritto diversi articoli che criticano Francesco, accusando il pontefice di condurre “una lotta contro la Chiesa” e di provocare “sgomento, eresia e divisione”, soprattutto attraverso la soppressione della Messa tradizionale in latino e l’approvazione delle “benedizioni” omosessuali.

L’intervista è stata condotta in forma scritta da Maike Hickson in tedesco e tradotta in inglese dal giornalista di LifeSite Andreas Wailzer. La trascrizione integrale dell’intervista è disponibile di seguito.

In una recente intervista, il cardinale Mario Grech, segretario generale della Segreteria generale del Sinodo dei vescovi, ha dichiarato che “il diaconato femminile e uno spazio diverso per le donne nella Chiesa sono un approfondimento naturale della volontà del Signore”. Come deve essere interpretato questo commento e lei è d’accordo con lui?

Nessuno sano di mente può essere d’accordo con una simile affermazione, perché chi può pretendere di conoscere la volontà del Signore? Naturalmente, anche il cardinale Grech lo sa.

Questa dichiarazione, quindi, non è tanto religiosa quanto politica. E mostra il senso del Sinodo mondiale: si tratta di politica ecclesiastica e dell’attuazione di alcune riforme con mezzi politici. Questi mezzi sono semplicemente rivestiti di una patina religiosa: si dà loro l’apparenza di essere giustificati teologicamente, ma non è altro che un gioco di prestigio che non è nemmeno particolarmente intelligente. Al contrario, è molto facile capire questo gioco: tutti sanno che non si tratta della “volontà del Signore”, ma delle intenzioni di una cricca della riforma vaticana. Oltre a Grech, questa include anche il cardinale Hollerich e molti altri membri della Curia – oltre al Papa.

Il fatto che Francesco abbia nominato Grech e Hollerich in ruoli chiave al Sinodo mondiale la dice lunga: entrambi i cardinali hanno sostenuto per anni posizioni eretiche. Se il cardinale Grech, tra tutti, ora afferma di conoscere la “volontà del Signore”, questo si inserisce nel quadro generale: queste persone vogliono imporre le loro idee eretiche alla Chiesa e non esitano a spacciarle per “volontà del Signore”.

In sostanza, si tratta di una forma di abuso spirituale che mira a ingannare i fedeli e a oscurare la verità di Dio. L’errore teologico nel loro pensiero è che la volontà del Signore non è mai contraria alle verità della fede rivelata. Nel caso delle “diaconesse”, ciò include il fatto che gli apostoli, sotto l’influenza dello Spirito Santo, hanno ordinato diaconi solo uomini e che la Chiesa si è sempre attenuta a ciò. In altre parole, la cosiddetta “ordinazione delle donne” è estranea alla natura della Chiesa. La volontà rivelata del Signore non è quindi che le donne diventino “diaconesse” ma, al contrario, che solo gli uomini ricevano validamente gli Ordini sacri.

Per inciso, questo vale per l’ordinazione dei diaconi, oltre che dei sacerdoti e dei vescovi, poiché esiste un solo sacramento dell’Ordine Sacro in tre fasi. Nessuno può evitare questo dogma, e se il cardinale Grech sostiene il contrario, è un eretico e uno scismatico, e non fa alcuna differenza se è un cardinale e segretario generale del Sinodo dei vescovi o meno.

Voglio essere molto chiaro: è un’impertinenza per tutta la Chiesa che il Papa nomini persone come Grech e Hollerich ad alti uffici ecclesiastici. Al contrario, queste discutibili decisioni sul personale rendono evidente l’atteggiamento problematico di questo papa.

Il danno per la Chiesa è immenso: sotto Francesco, l’eresia aperta è diventata accettabile nella Chiesa, mentre la fede tradizionale della Chiesa è sempre più sotto pressione. Non c’è dubbio che si tratti di un tipo particolare di perversione, unico nella storia della Chiesa.

Che cosa si aspetta da uno dei dieci gruppi di studio istituiti da Papa Francesco, che ha il compito di studiare il “diaconato femminile”?

Questi gruppi di studio sono un bluff tanto quanto l’affermazione di Grech che le “diaconesse” sono la “volontà del Signore”. Entrambi mostrano i dubbi metodi utilizzati.

I gruppi di studio hanno solo il compito trasparente di inventare una giustificazione teologica e storica per il “diaconato” femminile, perché non esiste una vera giustificazione, né nelle Sacre Scritture né nella storia della Chiesa. Il fatto è che non è mai esistito un “diaconato femminile”!

Solo nella Siria tardo-antica le donne furono chiamate “diaconesse” per un breve periodo. Tuttavia, questa denominazione non deriva dal fatto che fossero vere e proprie “diaconesse”; al contrario: in greco, un “diacono” è generalmente un “servo”, ed è solo in questo significato letterale che le “diaconesse” siriane devono essere intese: Erano attive come aiutanti nella congregazione; si potrebbe anche dire che erano “sorelle della congregazione”.

Per questo ricevevano una benedizione, ma mai un’ordinazione. E soprattutto non sono mai stati considerati “chierici” o ministri. A differenza dei diaconi, non avevano alcuna funzione liturgica: non servivano alla liturgia eucaristica, né predicavano o seppellivano i morti. Al contrario, non avevano nemmeno accesso all’altare.

Presumibilmente assistevano al battesimo delle donne, che allora venivano unte con olio santo su tutta la parte superiore del corpo. Non sarebbe stato corretto che un sacerdote o un diacono lo facessero. Quindi, a queste donne fu chiesto di farlo. Tuttavia, non hanno mai amministrato il sacramento del Battesimo in prima persona. Sarebbe stato impensabile, e questo è storicamente ben documentato.

Non c’è bisogno di gruppi di studio per stabilire tutto questo. Il bluff è semplice: alla fine, i gruppi di studio approveranno le “diaconesse” e forniranno così al Papa un alibi più o meno perfetto. È da tempo un segreto aperto che Francesco vuole introdurre le “donne diacono”. L’unica cosa che resta da fare è giustificare in qualche modo questa introduzione, anche a costo di falsificare la storia.

Stefano Fontana di Nuova Bussola Quotidiana si aspetta una sorta di “diaconato femminile non sacramentale”. Nel luglio 2019, il cardinale Walter Kasper ha dichiarato a LifeSite che il Papa potrebbe introdurre una “benedizione liturgica” non sacramentale delle donne. Ha dichiarato: “La Chiesa è libera di realizzare la vocazione delle donne a questi uffici con l’aiuto di una benedizione liturgica non sacramentale; e in presenza di tutta la congregazione e all’interno della celebrazione della Santa Eucaristia (per esempio, nel contesto delle Preghiere dei fedeli)”. Vedete qui un parallelo con la “benedizione non liturgica” del cardinale Fernández alle “coppie” omosessuali?

Prima di tutto: nessun sacerdote o diacono può dare una benedizione “non liturgica” o “pastorale”. Questa è un’invenzione dell’attuale Papa e del suo prefetto della Dottrina della Fede, Fernández, per giustificare la “benedizione” delle cosiddette “coppie” omosessuali e di altre “irregolari”.

Inoltre, tale “benedizione” non è nemmeno possibile perché Dio Onnipotente, secondo la testimonianza delle Sacre Scritture, ha chiaramente e definitivamente rifiutato l’omosessualità e l’adulterio.

Pertanto, nessuno, nemmeno il Papa, ha l’autorità di concedere il permesso per una tale “benedizione”.

Al contrario: Francesco ha chiaramente oltrepassato la sua autorità permettendo la “benedizione” di queste “coppie”. Questo lo rende il primo Papa nella storia della Chiesa a deviare chiaramente dalla fede della Chiesa e a tentare di imporre al clero un atto blasfemo che è apertamente contrario ai comandamenti di Dio. È con questo che abbiamo a che fare nel caso di queste cosiddette “benedizioni”.

Francesco ha creato confusione in tutta la Chiesa e ha causato un’apparente divisione. – Questo è l’esatto contrario dello scopo dell’ufficio papale. Il Papa dovrebbe essere il garante dell’unità e non la causa della divisione.

Per quanto riguarda le “diaconesse”, è molto probabile che Francesco introduca una “benedizione” per aggirare l’impossibile “ordinazione” delle donne. Tuttavia, dopo le benedizioni apparentemente “pastorali”, questo sarebbe solo un altro trucco facile da vedere.

Le conseguenze sarebbero però disastrose: in questo caso – come in precedenza – ci sarebbero diaconi maschi validamente ordinati e, accanto a loro, “diaconi femmine” benedette. In pratica, però, nessuno distinguerebbe tra i due: Le “diaconesse” si comporterebbero come i diaconi ordinati e ne assumerebbero le funzioni.

Tra l’altro, ciò avviene già oggi in Germania, Austria e Svizzera: gli “impiegati” pastorali appaiono ovunque nelle Sante Messe indossando paramenti pseudo-sacerdotali, stando accanto al sacerdote sull’altare, battezzando e seppellendo e agendo così come se fossero in realtà diaconi o addirittura sacerdoti. I fedeli comuni sono stati a lungo incapaci o non disposti a distinguere tra i due.

Se il Papa introducesse effettivamente la “benedizione” delle “donne diacono”, getterebbe la Chiesa in una confusione ancora maggiore di quella che ha già creato.

Personalmente, tuttavia, penso che sia abbastanza possibile che Francesco si batta per l'”ordinazione” sacramentale delle “donne diacono”. Questo dividerebbe la Chiesa ancora di più di quanto non abbia già fatto. – E metterebbe a rischio una volta per tutte il suo ruolo di legittimo successore di San Pietro.

Non dimentichiamo che, almeno da quando ha introdotto la “benedizione” delle coppie omosessuali e di altre cosiddette “irregolari”, ha comunque avuto problemi ad essere accettato da molti fedeli. Per non pochi, Francesco è considerato un “usurpatore”, altri sostengono che abbia perso la sua legittimità a causa dell’eresia. Che tutto questo sia davvero così o meno è irrilevante! Il solo fatto che Francesco sia controverso danneggia immensamente la sua carica! Purtroppo, però, lui e coloro che lo circondano non sembrano riconoscerlo.

Se Francesco introducesse ora l'”ordinazione” di “diaconi donne”, passerebbe finalmente alla storia come un Papa eretico: Francesco “il primo” sarebbe anche “l’ultimo” – e la maggioranza dei cattolici lo spera già oggi.

È deplorevole, ma nessun papa nella storia recente ha avuto un problema di accettazione [tra i fedeli] paragonabile a quello di Francesco. E nessuno è mai stato apertamente sospettato di eresia.

Per dirla in modo molto chiaro: Francesco non può più permettersi “diaconesse” in questa situazione. Purtroppo, a mio avviso, questo non significa che non rischi di [introdurle].

Qual è lo spazio adeguato per le donne nella Chiesa? Devono essere presenti sull’altare, incluse come ministri eucaristici, e sul pulpito per le letture delle preghiere?

Controdomanda: A cosa serve l’altare? Si tratta della presenza dei laici o della realizzazione del sacrificio di Cristo sulla croce?

Secondo la volontà dichiarata di Cristo come unico capo della sua Chiesa, è compito esclusivo del sacerdote offrire la Santa Messa come sacrificio di lode ed espiazione alla Santissima Trinità. E spetta all’intero popolo santo di Dio unirsi a questo sacrificio nella preghiera.

L’idea che i laici – uomini o donne che siano – abbiano dei compiti da svolgere sull’altare è puramente protestante e non cattolica. Dopo tutto, la Santa Messa non è un palcoscenico per chiunque e per tutti. È la roccia del Golgota, e purtroppo la maggior parte dei cattolici oggi non se ne rende più conto.

Naturalmente, i laici – uomini e donne – hanno un posto importante nella Chiesa. Sostengono la Chiesa nel suo insieme e ogni singola parrocchia, e questo è molto, molto importante. Ma devono svolgere il loro ruolo all’interno del popolo di Dio e non devono “clericalizzarsi” aspirando a cariche sull’altare. L’altare è solo la mensa del Signore, che agisce esclusivamente attraverso i suoi sacerdoti e nessun altro.

È di fondamentale importanza per il rinnovamento della Chiesa riscoprire la dignità e la santità del sacrificio di Cristo. Tuttavia, questo è possibile solo se la Santa Messa non viene protestantizzata e profanata e se finalmente smettiamo di farne un campo di gioco per tutti i tipi di funzionari e pomposi che vogliono mettersi in mostra davanti alla congregazione. Ricordate: la Santa Messa non ha mai conosciuto “lettori” o “ministri straordinari della Comunione”, perché sono tutte invenzioni degli ultimi 60 anni. Esse hanno contribuito in modo significativo alla profanazione della Santa Messa. Oggi, invece, dobbiamo concentrarci sull’essenziale e sul sacro, e sul fatto che Cristo non ha fondato una chiesa protestante guidata da laici. Martin Lutero l’ha fatto, ma non il nostro Signore e Salvatore, GESÙ CRISTO!

Potrebbe descrivere cosa vede accadere qui nella Chiesa cattolica? Qual è il quadro più ampio dell’introduzione delle “donne diacono” nella Chiesa cattolica? Qual è il suo scopo?

Sotto Francesco, la Chiesa è entrata in una fase di autodemolizione. La costante invocazione della “sinodalità” alla fine significa proprio questo. Ovviamente la Chiesa deve essere “irreversibilmente” cambiata, ma in termini concreti ciò significa che non deve più essere cattolica. Tutto il resto è solo una facciata.

L’ammissione degli adulteri alla Santa Comunione e la persecuzione della Messa in latino erano già tagli drastici, così come la “benedizione” delle coppie omosessuali e di altri “irregolari”. I “diaconi femminili” ora completeranno senza dubbio questo “programma”.

È chiaro che Francesco ha ampiamente abbandonato il suo compito di proteggere la fede della Chiesa e di difenderne l’unità. Invece, sta cedendo al movimento LGBTQ, proprio come probabilmente cederà alle richieste femministe per l'”ordinazione delle donne”.

Ma questo è giocare con il fuoco. Non posso che ripetermi: con i “diaconi donna” – “ordinati” o “benedetti” – Francesco metterebbe definitivamente a rischio il suo fragile pontificato. In definitiva, è già un papa senza sostenitori: i modernisti lo rifiutano come conservatore, e i cattolici devoti lo vedono più o meno come un eretico. In sostanza, il suo pontificato è già fallito, così come le “donne diacono” sono un affare fatto. Chiediamo a Dio di aiutare la SUA Chiesa, di illuminare Francesco e di liberarci da questo disastro!

§§§

 

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

 

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

6 commenti

  • Mara ha detto:

    E allora perché non ci uniamo? Trovo stucchevole il protagonismo dei singoli gruppi e le mancate accettazioni di inviti alla coesione da parte di quei pochissimi che hanno pagato sulla propria pelle il fatto di aver detto la verità. La logica dei comuni, tipicamente italiana, non ci abbandona mai…

  • Adriana 1 ha detto:

    “C’è il pericolo che la Chiesa si trasformi in una ONG in mano ai poteri forti” ( cit. card. Muller ) , a proposito della dichiarata propensione del card. Gretch per l'”impostazione” LGBT da dare alla medesima.

  • Sara ha detto:

    Don Joachim, le ricordo che San Paolo chiama ANATEMA colui che insegna una dottrina diversa da quella di Cristo.
    E lei perché si ostina a chiamarlo papa?

    Non sa che per il Cat. Magg. n 202, chi riconosce papa un eretico, è lui stesso eretico e scomunicato, perché nega il DOGMA dell’infallibilita’ del vero papa stabilito da Cristo?
    Bergoglio è l’impostore iniquo stabilito da Satana.
    Dunque, che le costa chiamare JMB col suo vero nome di antipapa?
    Teme forse di essere scomunicato dalla sua antichiesa massonica?
    https://youtu.be/ZIJ_M7ZybFU?si=eXK_w6870uLxQYU_

    Spero che tutti comprendano l’importanza di condividere questo video che ci esorta ad essere luce nel testimoniare la verità ai Sacerdoti, affinché escano dalla falsa chiesa e celebrino la messa VERA, non più in comunione con JMB, e laddove noi fedeli possiamo finalmente nutrirci di Gesù Eucaristia che è la nostra Vita.

  • Corrado ha detto:

    ” e i cattolici devoti lo vedono più o meno come un eretico…”
    eh no mio caro Joachim, i cattolici devoti lo vedono come antipapa.
    (ok, anche se verrò bannato, non mi sento un troll)

    • New Trolls ha detto:

      Ti suggerisco la lettura di Artemio Brindolo, War Irene Papas ein Gegenpapst?, in «Das Geplapper der Meise» XI (1987), pp. 122-189. I cattolici beoti lo vedono come antipapa perché vedono antipapi dappertutto.

      • Balqis ha detto:

        Con l’arrivo della bella stagione non c’è villetta mono o bifamiliare che non abbia i suoi simpatici antipapi da giardino.

Lascia un commento