Per Essere Moderni e Trasgressivi è ormai di Moda la Bestemmia. Antonello Cannarozzo.

1 Aprile 2024 Pubblicato da 14 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, Antonello VCannarozzo, che ringraziano di cuore, offre alla vostra attenzione questa rfilessione su un malcostume che purtoppo si sta diffondendo a macchia d’olio. Buona lettura e condivisione.

§§§

 

 

Per essere moderni e trasgressivi è ormai di moda la bestemmia

di Antonello Cannarozzo

Nei lontani anni ’50, in una Italia anni luce da quella che abbiamo oggi, a confrontarsi politicamente c’erano due grandi forze, quella cattolica impersonata dalla D.C. e quella comunista e atea dal potente P.C.I.

Nonostante una serrata lotta politica senza esclusioni di colpi, c’era, non scritto, un limite invalicabile: tutto si poteva criticare, ma mai toccare, anzi lambire, la figura del Papa, allora Pio XII.

Ci furono due momenti significativi, oggi sarebbero assurdi con la mentalità da terzo millenni: il primo, solo come esempio, fu una illustrazione del grande Valter Molino che, sulla copertina della Domenica del Corriere, aveva rappresentato il papa mentre si faceva la barba in compagnia di un uccellino che lo stesso aveva ammaestrato.

Una immagine assai tenera, ma fu giudicata offensiva sia dai cattolici sia dai comunisti con strascichi di polemiche solo perché riprendeva una figura ieratica come Pio XII nell’intimità mentre si radeva. L’altro episodio riguarda proprio il giornale del partito comunista di allora, l’Unità, sul quale venne pubblicato un corsivo ironico, ma assai rispettoso, proprio sulla figura del papa a firma di Fortebraccio, alias il giornalista Mario Melloni. L’articolo suscitò un grande sdegno tra i compagni e in primis proprio di Palmiro Togliatti, l’autorevole segretario del partito, con qualche problema per Fortebraccio.

Tempi che furono, si dirà, perchè oggi prendere in giro la Chiesa o il papa è quasi banale, è come sparare sulla mitica Croce rossa, dopo sessant’anni post conciliari quando, nella frenesia di adeguarsi al mondo, la religione ha perso via via quel ruolo e quella autorevolezza che aveva anche davanti anche agli avversari.

Detto questo, ancora, fino a poco tempo fa c’era ancora un limite da non superare, nonostante la modernità del linguaggio, ed era la bestemmia. Personaggi televisivi o dello spettacolo in generale venivamo bannati per aver pronunciato, anche se fuori onda, una bestemmia o una parola di troppo contro Dio, Gesù o la Madonna e così via tutti i santi insieme alle cose sacre, ma anche questo limite è stato superato.

Adesso siamo moderni e la bestemmia, come vedremo più avanti, ha trovato non solo il suo cosiddetto spazio liberatorio, ma forse anche un modo per fare soldi ed anche tanti.

Tempo fa incontrando uno psicoterapeuta gli feci una domanda, tra le altre, sul proliferare della bestemmia nella conversazione quotidiana.

La sua risposta, per me cattolico, fu a dir poco agghiacciante.

Secondo la scienza (sic) o forse solo secondo questo psicoterapeuta, tale modo di esprimersi era assolutamente liberatorio.

Dopo secoli di oscurantismo ed essendo Dio una evidente costruzione mentale, senza alcun aggancio alla realtà, questa idea aveva creato nei secoli, tra l’altro, dei poveri visionari, leggi santi e mistici, e l’imprecazione era, dunque, un modo per esorcizzare tale pensiero.

In breve, ben venga in questo panorama di scempiaggini la bestemmia e se poi – aggiungeva– qualcuno si offende peggio per lui, il progresso va avanti, ma, aggiungiamo noi, sicuramente verso il baratro.

Tornando ai tempi nostri, la bestemmia non scandalizza più nessuno, o quasi, è un nuovo modo, si dice, per interfacciarsi con l’altro, anzi, usando un termine anglosassone, è ormai uno slang dei nostri giovani e potremmo definirlo una specie di rafforzativo nella conversazione.

Basta salire su un autobus o ascoltare i discorsi tra i tanti ragazzi e ragazzini, senza distinzione di sesso, e abbiamo il trionfo del turpiloquio, così, come acqua che scorre, ecco imprecazioni a Dio anche solo come un modo di dire, senza alcuna finalità anti religiosa, il che forse è anche peggio.

Recentemente questo modo di esprimersi, specialmente sulle varie piattaforme offerte da internet, invece di scandalizzare ottiene un grande successo di pubblico o, meglio, di follower.

Apprendo, dai giornali, che più vengono usate le imprecazioni e più aumentano gli ammiratori di questi siti, arrivando a cifre iperboliche di migliaia, se non di milioni, di seguaci e così su una nota piattaforma dove si viene duramente censurati se si mostra la foto del Davide di Michelangelo o si fa anche lontanamente un accenno razzista o presunto tale, viene poi pubblicato un sito specializzato proprio sulle bestemmie, di cui non cito il nome, purtroppo basta andare su internet per vederlo, e, grazie a queste performance, raggiunge, almeno così si scrive, i 6 milioni e più di visualizzazioni, in questo modo bestemmiare può divenire una vera e propria attività fruttuosa.

I siti però certamente non sono tutti uguali e, meno che mai, retribuiti alla stessa maniera: ci sono i mega, i macro, i micro e, addirittura, i nano influencer, ciò che conta è il numero del seguito che ottengono, con i quali possono raggiungere grandi o piccole spazi di mercato e trarre guadagno di conseguenza e, da come leggo, anche i siti che fanno dell’imprecazione a Dio la loro bandiera.

Non sappiamo se queste cifre abbiano poi una aderenza concreta nella realtà, ma, certamente, possiamo dire con grande amarezza che se questi piattaforme dovessero pagare questi personaggi perché hanno un grande successo con la bestemmia siamo in un mondo ormai alla deriva e senza alcuna eccezione e ciò che è peggio, nell’indifferenza generale anche della Chiesa stessa.

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

 

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: ,

Categoria:

14 commenti

  • Clara Curtotti ha detto:

    Sarei davvero curiosa di conoscere il nome del terapeuta che ha sostenuto tale posizione.
    Mi dissocio dalla posizione espressa dal collega che certo non rispecchia la mia o di altri appartenenti alla stessa categoria.
    Dirò di più: bestemmiare spesso è segnale di una grave dis-regolazione emotiva che denota un problema specifico nell’ambito del dominio di sé.
    Quindi anche un elemento di cui tenere conto in una valutazione diagnostica globale del disagio umano ed esistenziale.
    Se vogliamo restare specificamente sul piano della lettura psicologica….lasciando in sospeso tutte le altre chiavi di lettura, in primis quella etica.
    Trovo interessantissimo l’argomento di questo articolo e stimolo per una riflessione sulla mostra condizione umana in quest’epoca.
    Clara Emanuela

  • Davide Scarano ha detto:

    Con un po’ di pazienza ed un po’ di coraggio è possibile “richiamare all’ordine” i bestemmiatori, anche se sono testimone di ragazzi che, ripresi, si divertivano a ripetere dette bestemmie, probabilmente per dimostrare di essere più “intelligenti e “liberi” degli altri.

  • Giovanni ha detto:

    Tutto il mondo in cui viviamo ci parla ormai di morte e di rovina. L’uso corrente della bestemmia si inquadra in tutto ciò. Ormai non serve neanche che Dio ci castighi, ci stiamo distruggendo da soli.

  • nuccioviglietti ha detto:

    Da troppo tempo per trasgredire… devi comportarti da conformista!… senza tuttavia dimenticare come moda altro no sia che… manuale per cretini..!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Giuseppe ha detto:

    Codardi e vigliacchi.
    Ci provino a bestemmiare altre fedi.

  • Balqis ha detto:

    L’articolo descrive in modo efficace un fenomeno reale. L’autore fa un richiamo storico condivisibile; si dovrebbe però ricordare quando la volgarità è stata sdoganata. Chi si ricorda, ad esempio, di trasmissioni TV del tipo di Colpo grosso? O della famigerata Isola? ************ Per storia personale e familiare, sono (ahimè?) irrimediabilmente portata a pensare che la forma coincida con la sostanza: non posso fare diversamente!!! Prima ancora dei contenuti, è il linguaggio scadente e volgarmente confidenzial-allusivo di certi influencer che agiscono in ambito cattolico ad evidenziare la miseria del messaggio che si vorrebbe trasmettere.********

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Interessante questo articolo. Anch’io mi sono domandato spesso che cosa significhi in realtà bestemmiare e perché l’abuso del nome di Dio per offenderlo o per dar forza ad ingiurie ed offese nei confronti del prossimo. si sia tanto diffuso. Sono arrivato alla conclusione che i motivi e gli scopi della bestemmia sono molteplici e diversi da bestemmiatore a bestemmiatore. Per molti la bestemmia è poco più che un semplice intercalare, certamente volgare e triviale, ma solo un intercalare per dare sfogo a rabbia e risentimento per qualcosa di spiacevole che è avvenuto. A parer mio questo tipo di bestemmia è una bestemmia di serie B. La bestemmia di serie A , assai più grave e imperdonabile, è la bestemmia subdola. Non è il porco questo e il porco quello ma è il parlare di Dio senza rispetto, attribuendogli pregi e difetti umani, è il servirsi del nome e dell’autorità di Dio per avvalorare la menzogna.
    [11] Non pronunciare invano il nome del Signore tuo Dio perché il Signore non ritiene innocente chi pronuncia il suo nome invano. (Dt 5,11)
    e
    [7] Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascerà impunito chi pronuncia il suo nome invano. (Es20,7)
    Quante cose, inventate di sana pianta da sedicenti esegeti, dalla libera ermeneutica del Papa importato dal Sudamerica, da sedicenti veggenti, vengono spacciate per pensieri e sentimenti di Dio, senza averne il suo permesso? Queste a pare mio sono le bestemmie più gravi.

  • Mara ha detto:

    Che si ripristini da un punto di vista penale il reato di blasfemia. Non basta quello amministrativo. Comunque, un Paese blasfemo è un Paese votato alla rovina. L’Italia si è abbonata.

  • laura cadenasso ha detto:

    Grazie ! Personalmente deduco che noi cattolici siamo oggigiorno diventati gli unici insetti da non mangiare poichè velenosi. Quindi da schiacciare. In che modo ? Sotto il “loro” tallone, in una tragica inversione di visioni e “nell’ indifferenza generale anche della Chiesa stessa”

  • laura cadenasso ha detto:

    Ottimo commento ! Al che deduco che noi cattolici siamo gli unici insetti da non mangiare….forse velenosi ? Può darsi il caso e, quidi da schiacciare. In che modo ? sotto il “loro” tallone, in una tragic

  • laura cadenasso ha detto:

    Ottimo commento ! Al che deduco che noi cattolici siamo gli unici insetti da non mangiare….forse velenosi ? Può darsi il caso e, quidi da schiacciare. In che modo ? sotto il “loro” tallone, in una tragic

  • Suor C ha detto:

    Certo . Ma anche sacerdoti supposti conservatori ( almeno nelle parole) usano turpiloquio persino durante la omelia nella Santa messa . Anzi lo fanno con gusto “liberatorio” come dice lei riferendosi alla bestemmia . Ho sentito io con le mie orecchie un bravo ( considerato tale ) sacerdote durante l’omelia dire un paio di volte c….o .
    Grazie . Suor C

Lascia un commento