Lettera Aperta (da Firmare e Inviare…) a mons. Delpini. Alleati dell’Eucarestia.

7 Febbraio 2024 Pubblicato da 6 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, offriamo alla vostra attenzione questo articolo pubblicato sul blog degli Alleati dell’Eucarestia. Buona lettura e condivisione.

§§§

All’attenzione di S.E.R. Monsignor Delpini

 

“All’attenzione di S.E.R Monsignor Delpini”

Lettera aperta degli Alleati dell’Eucarestia
(di Veronica Cireneo e Mauro Bonaita)

Cari amici e quanti ci seguite e approvate l’opera degli Alleati, diretta e finalizzata alla restaurazione dei valori cattolici nella società attuale, che quotidianamente si sforza di demolirli.

Avendo appreso da un sondaggio somministrato sul canale degli Alleati https://t.me/alleanza3 che molti sarebbero voluti intervenire in difesa del fratello nella fede che è stato deriso in chiesa per essersi inginocchiato nel momento della distribuzione dell’Ostia, proponiamo con la speranza di vedervi partecipare numerosi, l’invio massiccio della mail che segue, spontaneamente redatta dall’amministratore degli Alleati di Reggio Emilia, signor Mauro Bonaita, affinché l’arcivescovo di Milano, S.E.R Monsignor Delpini gentilmente intervenga sul sacerdote Don Capra, perché ogni fedele che voglia ricevere la Comunione inginocchiato, trovi nel sacerdote un alleato, e non più un umiliante ostacolo.

Garantiamo che il sacerdote stesso sarà lieto di conoscere cosa vogliono i fedeli, giacché nella Messa solenne di insediamento a Brugherio di qualche anno fa, come riportato nel link, ebbe a dire: “In questo mese voglio conoscere bene la comunità, poi vedrò come comportarmi e come agire per il bene di essa” [qui]

Arriviamo con un po’ di ritardo, rispetto a quel momento, ma… ogni cosa a suo tempo.

Buon lavoro dunque, a maggior Gloria di Dio

Veronica Cireneo, Mauro Bonaita e Alleati tutti.

6 febbraio 2024

Per unirsi in telegram al canale degli Alleati, cliccare su https://t.me/alleanza3

§§§

A) Gli indirizzi a cui inviare la lettera sono i 5 che seguono:

1) comunicazione@diocesi.milano.it (Mons Mario Delpini – segreteria dell’Arcivescovo)

2) vic_gen@diocesi.milano.it (Mons. Franco Agnesi – Vicario Generale)

3) viczona5@diocesi.milano.it (Mons. Michele Elli – Vicario Zona 5 Monza)

4) albcapra@gmail.com (Don Alberto Capra – Parroco della Comunità Pastorale San Bartolomeo)

5) redazione@laverita.info

——-

B) La lettera da inviare

“Eccellenza reverendissima,

in qualità di battezzato e di appartenente al movimento cattolico degli Alleati dell’Eucarestia è con immenso rammarico e sbigottimento che leggo su un blog cattolico di un episodio increscioso accaduto giorni or sono presso la parrocchia San Bartolomeo a Brugherio (Monza e Brianza) che per conoscenza sottopongo alla sua attenzione qui di seguito con questo link:[qui] a cui ha fatto seguito l’articolo della co-fondatrice Veronica Cireneo[qui]

Non sono in grado di concepire come sia possibile che un sacerdote consacrato al nostro stesso Dio, Uno e Trino, sia capace di offendere così la sensibilità spirituale di un fedele e di tutti i fedeli che hanno visto l’atto devoto di inginocchiarsi, così ignobilmente ridicolizzato.

L’atto dell’ inginocchiarsi in adorazione di fronte all’Ostia consacrata è stato praticato da tutti, nessuno escluso, i Santi e i Martiri della nostra santa religione.

Lo stesso Papa Benedetto XVI ebbe a sottolineare che “(…) la pratica di inginocchiarsi per ricevere la Sacra Comunione ha a suo favore una tradizione plurisecolare, ed è un segno di adorazione della vera, reale e sostanziale presenza di Nostro Signore Gesù Cristo sotto le specie consacrate” e che “(…) l’inginocchiarsi è la conseguenza della fede cattolica nella presenza reale di Cristo nell’Eucaristia”.

Siamo a conoscenza peraltro che la prestigiosa chiesa sopracitata vanta nientedimeno che la presenza delle venerabili reliquie dei tre Re Magi.

Mi chiedo se altrettanto ridicole siano da ritenersi le sacre reliquie lì custodite, giacché i tre Santi Re s’inginocchiarono dinnanzi al Re dei Re: Gesù Cristo nostro Signore. Sempre sia lodato.

Sulla stessa scia sorge spontanea la domanda se dovremmo ritenere ridicole anche le genuflessioni dei sacerdoti durante la consacrazione e così via.

Ma di questo passo tutta la nostra Fede non crollerebbe come un castello di sabbia, e con lei la possibilità della nostra Salvezza, per indirizzarci verso la dannazione eterna?

Umilmente chiedo quindi da parte Sua una pronta indagine sul sacerdote autore dell’affronto, don Capra, e ferma Giustizia in merito all’episodio affinché i fedeli possano ricevere l’Eucarestia nel modo più consono, inginocchiati, e finché il Santissimo Sacramento che continuamente edifica la chiesa di Cristo (Ecclesia de Eucharistia) non sia più trattata alla stregua di semplice cibo da ridicolizzare.

In attesa di un Suo pronto ed efficace intervento, che auspichiamo arrivi prima che venga organizzata una delegazione di “Alleati dell’Eucarestia e del Vangelo” ed i propri legali, presso la CEI o la Curia Romana, porgo i miei più sinceri saluti.

Laudetur Jesus Christus

Data, luogo, firma……….

IN COLLABORAZIONE CON GLI ALLEATI DELL’ EUCARISTICA E DEL VANGELO

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

6 commenti

  • Gabriela ha detto:

    Cara Mariella, ti ricordi che questa battaglia per la comunione in ginocchio e sulla lingua, l’abbiamo portata avanti assieme per anni?

    Ma ora tu sai che il problema è ben altro:
    La comunione sacrilega con l’antipapa eretico Bergoglio e la sua setta massonica pro-lgbt. 

    E tu sai bene, che sia papa Benedetto XIV attraverso l’enciclica  EX QUO PRIMUM, che Papa Pio IX con “QUARTUS SUPRA-06/01/1873″, hanno sancito il DIVIETO di citare illecitamente il nome degli “ERETICI” durante il momento più solenne del S. Sacrificio:

    “… i NOMI DI COLORO I QUALI SONO SEPARATI DALLA COMUNIONE CON LA CHIESA CATTOLICA, vale a dire, DI COLORO I QUALI NON CONCORDANO SU TUTTE LE MATERIE CON LA SEDE APOSTOLICA, ◾ NON SONO DA ESSERE LETTI DURANTE I SACRI MISTERI.” (❗)

    https://www.vatican.va/content/pius-ix/it/documents/enciclica-quartus-supra-6-gennaio-1873.html

    PERCHE È SACRILEGIO‼️

    Dunque, come fai a non capire  che L’OFFRIRE A DIO il S SACRIFICIO IN COMUNIONE CON L’ANTIPAPA MASSONE ED ERETICO JMB  È SACRILEGIO A DIO INFINITE VOLTE PIÙ GRAVE DELLA COMUNIONE IN MANO? 

    Renditi conto Mariella, che questa non è una mia opinione personale, MA VERITÀ INFALLIBILE RIBADITA DAI PAPI  CHE INSEGNANO CHE È SACRILEGIO IN ABOMINIO A DIO CITARE IL NOME DI UN ANTIPAPA ERETICO DURANTE IL S. SACRIFICIO ‼️

    E spero tu comprenda che è nella Divina Volontà unire le forse degli alleati dell’Eucaristia per chiedere a tutti i Sacerdoti, così come previsto dai Can. 209 – 212&2- 213, il DIRITTO di poter ricevere i Santi Sacramenti in  Messe valide e lecite celebrate in obbedienza ai Sacri Canoni della Chiesa, che durante la Sede Vacante per la morte del papa legittimo Benedetto XVI così dispongono:

    “Ubi dicit: una cum famulo tuo Papa nostro N., exprimit nomen Papae: SEDE AUTEM VACANTE VERBA PRAEDICTA OMITTUNTUR ”.
    “Ritus servandus in celebratione Missae del Missale Romanum (VIII.2).

    Spero vorrai riflettere su quanto ti ha scritto la tua vecchia amica Gabriela, che essendo privata da anni della messa valida e dei sacramenti, chiede a te e a tutti i veri sacerdoti una briciola di compassione di fronte al mio grido accorato:

    SINE DOMINICO NON POSSUMUS❗️

    Gabriela. 
     

  • Giulio Vallis ha detto:

    Pur non iscritto all’associazione promotrice del testo, concordo pienamente con quanto richiesto.
    Anzi desidererei ci fosse almeno un gradino tra sacerdote e fedele. Ho difficoltà a rialzarmi.

  • IL BRIANZOLO ha detto:

    Speriamo che il reverendissimo parroco di Brugherio non obietti che “a quei tempi non c’erano i videoregistratori, quindi non sappiamo se i Magi si sono veramente inginocchiati davanti al bambino Gesù” (cit. Arturo Sosa Abascal, generale dei Gesuiti) 😱

  • creazionista ha detto:

    Non manderò mai una lettera a un vescovo con le parole eccellenza reverendissima e umilmente.
    Io avrei scritto: con riferimento a … rendo noto che alla resa dei conti che presto Nostro Signore farà avvenire inviando un congruo numero di islamici per scannarci tutti meritatamente chiederò di accompagnali dal Capra e dal vescovo caprone, prima che arrivi il mio turno. Almeno potrò morire soddisfatto

  • Domenico Belisario ha detto:

    Che vergogna.

Lascia un commento