RVC e il Messaggio del Pontefice al Summit sul Clima. Che Depressione…

23 Aprile 2021 Pubblicato da 30 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, Romana Vulneratus Curia ha letto il messaggio del Pontefice regnante al Summit sul Clima. Ecco che cosa ne pensa. Ce n’è abbastanza per farsi venire un attacco di depressione modello Fossa delle Marianne? Secondo me, sì. Che Dio ci aiuti, ma in fretta…

 

§§§

Il messaggio del pontefice al summit sul clima – Ansa /CorriereTv

«La pandemia del Covid ci ha insegnato questa interdipendenza, questo condividere il pianeta. Ed entrambe le catastrofi globali, il Covid e il clima, dimostrano che non abbiamo più tempo per aspettare. Che il tempo ci incalza e che, come il Covid-19 ci ha insegnato, sì abbiamo i mezzi per affrontare la sfida». Lo ha detto papa Francesco in un videomessaggio in occasione della Giornata mondiale della terra.

***

Chissà qual sono le ricette di Bergoglio per affrontare la sfida per vincere la guerra per il clima e salvare il pianeta.

Visto chi sono i suoi consiglieri e testimoni, sia nell’evento di Assisi Economy of Francesco, sia nell’evento che sta preparando il card. Ravasi per maggio (su mente, anima e corpo), temo il peggio.

Nell’evento di Assisi che si conclude con una enciclichetta (Fratelline Tutti), di fatto si auspica decrescita economica ed esproprio dei beni. Il dotto e santissimo massocardinale Ravasi ci proporrà di salvare la terra cercando di vivere come gli scimpanzé.

Cercando di apprendere le pratiche new age.

Ma ci insegnerà anche ad adorarla secondo l’esempio clintoniano di partecipare a messe nere dove si adora il re di questa terra?

Per il Papa della Chiesa cattolica, il covid e il clima sono le due “catastrofi globali”.

L’apostasia, l’abiura, l’eresia invece sono i nomi delle festicciole dove verremo invitati da Ravasi e Bergoglio.

Non abbiamo più tempo per aspettare. Ma Bergoglio non invita a convertirsi, confessarsi, comunicarsi. NO.

Invita a fare quello che il futuro Papanewage (Ravasi) sta insegnando di attuare per guadagnarsi la salvezza.

Ma, caro Tosatti, come possono esistere cattolici che credono ancora a quello che costui dice?

RVC

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Categoria:

30 commenti

  • Enrico Nippo ha detto:

    Imbattersi in una grande anima come Acido Prussico è davvero una grazia.

    Affascina soprattutto per la carità traboccante con cui parla dell’ “animaccia” altrui, ma anche per il miele stillante dalla sua bocca santa. Un vero cristiano. Una luce per gli smarriti. Un conforto per gli afflitti.

    Davvero edificante! Complimenti!

    • MARIO ha detto:

      Enrico,
      io ti consiglieri di stare alla larga… Non sapevi che una delle cose più letali è respirare le esalazioni (termine tecnico = esternazioni) dell’acido prussico, detto anche acido cianiridrico? Lo usavano anche i nazisti nei campi di concentramento.

    • Acido Prussico ha detto:

      A parte una certa apprezzabile ironia (ma, diciamola obbiettivamente, po’ sempliciotta), lei – come sempre fa in questo blog – pilucca qua e la nei commenti per suscitare risposte e contro-risposte che poi distraggono dall’argomento e non risponde alle obbiezioni che le vengono fatte. Lei non ha comprovato che le mie critiche allo sproloquio del suo neo-amore Francesco erano ERRONEE. Lei ha menato il can per l’aia, ha girato la frittata. Ha detto “altro”. E’ un po’ il “metodo” che lei usa con altri commentatori.
      Apprezzo anche la sua notevole erudizione molto volte manifestata in questo blog. Purtroppo mi dispiace farle notare – perché uno difficilmente se lo nota da solo (a meno che non sia già un “santo”) – che la sua erudizione e i suoi “commenti” sembrano (sembrano, visto un certo esito) che non siano “Una luce per gli smarriti. Un conforto per gli afflitti” che bazzicano questo blog proprio per trovare quel “conforto e quella luce” che non incontrano nella ibrida teologia cristiana-new-age oggi predicata.
      Comunque glielo assicuro: La sua “anima” sicuramente approderà all’unione “mistica” del suo viaggio perché ha intelligenza, buona volontà e notevoli “mezzi” culturali.
      —–
      PS. Segua i consigli del Mario senza-patronimico. Una volta lui ha respirato questo Acido Prussico ed ancora non riesce a respirare.

      • Enrico Nippo ha detto:

        A parte che la mia erudizione non è affatto notevole (e comunque la ringrazio per l’apprezzamento) Lei mi attribuisce un “metodo” – piluccare qua e là per distrarre dall’argomento etc. etc. – che è quanto di più lontano dalle mie intenzioni. Io esprimo il mio pensiero esattamente come fa Lei e come fanno tutti i partecipanti del blog, e lo faccio spontaneamente, senza secondi fini. E meno che mai con la pretesa che siano illuminanti per chi mi legge.

        Inoltre, per averne proposto un brano che non sembra così diabolico, Lei ha ritenuto che papa Francesco sia il mio “neo amore”. Non Le sembra di aver esagerato?

        Ora è vero che nome-omen, e quindi essendo altamente corrosivo, l’acido prussico esige un corrispondente modo di porsi. Però …

        Un cordiale saluto

  • Enrico Nippo ha detto:

    da papafrancesco.net

    Nell’omelia di oggi, 9 febbraio 2015, Papa Francesco ha ricordato ai presenti che “siamo custodi del Creato e non i suoi padroni“: “un cristiano che non custodisce il Creato – ha quindi espresso il Pontefice – è un cristiano a cui non importa il lavoro di Dio“.

    Bergoglio, prendendo spunto dalla Prima Lettura di oggi (Gn 1, 1-19) è tornato a sottolineare, come già aveva fatto più volte in passato, come l’uomo non sia stato posto al centro del creato per disporne a proprio piacimento, anche abusandone, ma per curarlo e custodirlo.

    Dobbiamo sempre tenere a mente il fatto che “Dio lavora, continua a lavorare“, anche oggi. La creazione non è un evento storico del passato, ma una azione di Dio che è in atto oggi stesso, frutto dell’amore di Dio, “perché Lui lavora per amore“.

    All’uomo Dio ha affidato una “responsabilità”: “la Terra è vostra, portatela avanti; soggiogatela; fatela crescere“, ha aggiunto il Vescovo di Roma, parafrasando il mandato che Dio ha dato all’uomo all’atto della Creazione “anche per noi c’è la responsabilità di far crescere la Terra, di far crescere il Creato, di custodirlo e farlo crescere secondo le sue leggi. Noi siamo signori del Creato, non padroni“.

    L’attenzione per l’ecologia, studiare e valutare forme per custodire il creato è proprio del cristiano: “quando noi sentiamo che la gente fa riunioni per pensare a come custodire il Creato, possiamo dire: ‘Ma no, sono i verdi!’ No, non sono i verdi! Questo è cristiano! – ha spiegato Bergoglio – È la nostra risposta alla ‘prima creazione’ di Dio. È la nostra responsabilità“.

    “Un cristiano che non custodisce il Creato, che non lo fa crescere, è un cristiano cui non importa il lavoro di Dio, quel lavoro nato dall’amore di Dio per noi. – ha quindi concluso Papa Francesco – E questa è la prima risposta alla prima creazione: custodire il Creato, farlo crescere“.

    Dov’è lo scandalo? Dov’è l’apostasia?

    • Luca Antonio ha detto:

      “Dov’è lo scandalo? Dov’è l’apostasia?”.
      Il classico cerchiobottismo Bergogliano.
      Sa fare anche discorsi “cattolici” ma solo quando ha in mente un obiettivo qui, su questa terra.
      In questo caso il tutto e’ finalizzato a inculcare nella gente che le limitazioni a venire delle nostre liberta’ – compresa quella della proprieta’ privata -su cui e’ tornato piu’ volte – saranno per un fine superiore e costituiranno un dovere morale.
      Sull’ avidita’ irrefrenabile dei suoi padroni multimiliardari, che con questa politica diventeranno ancora piu’ spaventosamente ricchi e avidi, ovviamente, nessuna parola.

    • Michele ha detto:

      L’apostasia sta nel non mettere il Regno di Dio al primo posto, convertendonsi, nutrendosi dei Sacramenti, tutto il resto ci verrà dato in sovrappiù.

      Tutto il male sulla terra, compresa l’avidità di sfruttare irresponsabilmente la natura, deriva dal peccato non dalla mancata adesione fideistica alle varie ideologie che vorrebbero realizzare il paradiso terrestre mettendo l’uomo ( e satana) al posto di Dio adorando pachamame e simili.

      L’avidità e la brama di potere derivano dal peccato non dal modello economico più o meno corretto (quello di Bergoglio poi è un ircocervo materialista liberal-marxista che non ha niente a che fare con la dottrina sociale della Chiesa).

      A tutti sta a cuore una natura e, soprattutto, una società più sana, con meno peccati e violenze; ma bisogna partire dalla conversione individuale e nutrirsi dei Sacramenti: Bergoglio non nomina mai Gesù Cristo ma le pessime proposte dei potenti del mondo mescolate con la teologia della liberazione che serviranno solo a renderci consumatori di beni materiali privi di libertà.

    • donZ ha detto:

      non c’è apostasia , c’è subdola menzogna, caro Nippo. L’uomo da sempre ha adattato le bruta materia , la natura in sé ostile , alla sua vita e sopravvivenza. I’uomo ha seguito la terza raccomandazione di Dio nella Genesi “..asservite la terra” . L’ uomo ha trasformato i deserti in giardini pensili, le foreste primordiali in luoghi di benessere. Ci son stati abusi ? Si certo..Ebbene si colpiscano gli abusi. Ma Bergoglio non vuole insegnare all’uomo come amare la natura , no caro Nippo. Bergoglio vuole punire, ridimensionare , l’uomo perché non lo ama affatto . Di chi si circonda infatti se non di malthusiano.ambientalisti ? Ci pensi , se può.

    • Acido Prussico ha detto:

      Né scandalo né apostasia. Idiozia per rincitrulliti e pseudo cattolici che prima o poi concimeranno la Terra con i vermi dei loro cadaveri mentre la loro animaccia – non pastorizzata – finirà in quel posto che il signor pontefice fa dimenticare con le sue chiacchiere “lunatiche” (“la Terra è vostra, portatela avanti; soggiogatela; fatela crescere“).
      “Portatela avanti”. Siamo tutti dei Sisifo con le leve di Archimede?
      “Soggiogatela”. Ridurla alla sottomissione, all’obbedienza? Asservirla perché indocile e metterla al “servizio” di uomini che in altri discorsetti sono nemici della “natura”?.
      “Fatela crescere”. Le diamo le vitamine prodotte dalle Big Farmaceutiche?
      La realtà è che il sullodato pontefice “predica” queste baggianate per nascondere la sua documentata insipienza “cristiana”, vende merce new-age e fa lo struzzo per non vedere lo scisma tedesco che sta segando le gambe del suo tronetto immeritato.

  • Carlo ha detto:

    Mentre si dà del “Papa della Chiesa cattolica” al “Santo Padre” apostata argentino, forse la figura più lontana della santità di tutta la storia del clero cattolico, rimaniamo nel vicolo cieco. Un po’di coraggio, ragazzi!

  • giovanni ha detto:

    Eppure, nonostante le evidenze ci sono tanti ‘ cattolici ‘ che valutano l’uomo vestito di bianco piu’ buono del pane e la sua melassosa corte in perfetta simbiosi con il Cattolicesimo. Il paradigma e’ completamente capovolto / il bianco e’ diventato nero e il nero e’ diventato bianco. Galleggiamo in un oceano agitato di liquido organico maleodorante tendente al marrone assistendo impotenti alla seguente scena /i padroni del ‘ gioco ‘ tramite l’apparato comunicativo convincono le persone a bere il liquido oceanico sostenendo che trattasi di cioccolata. Quelli bevono e dicono che e’ pure buona. Pazzesco.

  • Claudius ha detto:

    «La pandemia del Covid ci ha insegnato questa interdipendenza, questo condividere il pianeta. Ed entrambe le catastrofi globali, il Covid e il clima, dimostrano che non abbiamo più tempo per aspettare. Che il tempo ci incalza e che, come il Covid-19 ci ha insegnato, sì abbiamo i mezzi per affrontare la sfida»

    Un simile cumulo di farneticazioni puo’ averlo scritto o Bergoglio o Bono degli U2. Ma forse Bono avrebbe molto piu’ di Bergoglio il buon senso di condividere queste sciocchezze solo con i suoi fans.

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Beh! per la verità: dopo un anno e passa di crisi pandemica, vissuta all’insegna di una morale utilitaria – non senza sfoggio di trasgressioni – di qualche spettacolare celebrazione religiosa e di qualche raro momento di preghiera dall’effetto mediatico inevitabile, Bergoglio aprirà e chiuderà la “maratona” che quotidianamente, il prossimo mese, sarà trasmessa da trenta santuari mariani, al momento non ancora fatti conoscere, per ottenere – grazie all’intercessione della Madonna – la fine della pandemia.
    Ben vengano le preghiere con tale intenzione! Mi verrebbe da aggiungere: alla fine si è capito che nulla può l’uomo se, soprattutto nelle circostanze di maggiore difficoltà, dimentica di fare affidamento sul soccorso di Dio nell’ esercizio dei suoi compiti. Ci si è ricordato delle promesse: «Se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà» e «chiedete e vi sarà dato».
    Dunque: meglio tardi che mai. Con buona pace di qualche teologo che si è premurato di invitare ad allontanare da questa iniziativa la probabile ed erronea interpretazione di un “mercanteggiamento”.

  • Januensis ha detto:

    L’ossessione climatica sembra sostenuta dalla volontà di costruire e vendere automobili elettriche. Non si parla dei cicli di glaciazioni e successivi riscaldamenti che la piccolo Terra ha dovuto subire.
    Se la Groenlandia ha questo nome, forse è dovuto al fatto che i Vichinghi, quando la scoprirono, la considerarono una green land, cioè una terra verde o verdeggiante che dir si voglia.
    Ma si parla di riscaldamento globale senza considerare che, stamane, qui, sulle cime vicine al mare, era visibile una bella spolverata di neve autentica. Al 23 di Aprile.

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Ormai Bergoglio ci ha abituati a queste sue ineffabili uscite. Basta guardare ogni giorno il sito ufficiale del Vaticano per vederne delle belle. Nel bollettino di ieri per esempio oltre al video messaggio citato da RVC c’è questa notizia :
    Udienza alla squadra di Pallanuoto Pro Recco Waterpolo 1913, 22.04.2021.
    Ecco vedete l’indaffaratissimo Santo Padre, che in tre giorni non ha trovato due minuti da dedicare al Card. Zen venuto dalla Cina per chiedergli udienza, trova poi il tempo per ricevere in udienza le Loro Eminenze i Sigg. Componenti della Squadra di Pallanuoto Pro Recco.
    Mah, posso dire mah??

  • Nicola Buono ha detto:

    Scrive Romana Vulneratus Curiae nella lettera al Dott Tosatti:” nell’evento di Assisi di fatto si auspica decrescita economica…” Si caro R.V.C. ma solo per i bianchi ed occidentali si vuole questa decrescita, perché per le risorse sono invece aiutate alla grande perché ci devono sostituire….Ecco un esempio tra i tanti…guardi che succede a Milano…

    https://amp.ilgiornale.it/news/milano/milano-borse-lavoro-oltre-50-negli-ultimi-tre-anni-ai-1940987.html

  • Briciola ha detto:

    Ma se la tua fede si limita ad una partecipazione distratta alla Santa Messa domenicale, come puoi capire che ì valori da difendere sono altri ?
    Chi contesta Bergoglio spesso appartiene ad un cristianesimo in cui si cerca di approfondire la propria fede ed in cui si cerca di pregare con tutto il cuore.

    • Elena Magri ha detto:

      Anzitutto solo una briciolina di cervello contorto osa fare il processo alle intenzioni. Che ne sa lei come RVC partecipa alla messa? Poi una seconda osservazione a ciò che dice la briciolina di cervello: quali valori difende Bergoglio e Ravasi ?

    • Lucilla 2° ha detto:

      arieccolo il pretonzolo bergogliano che spiega quello che, secondo lui, dovrebbe pensare chi illumina le scempiaggini da lui dette , ordinate , autorizzate e giustificate. La scuola di Tornielli e Spadaro still exist ?

    • Michele ha detto:

      Cosa ne sa lei della fede e della partecipazione alla Messa degli altri? Sia meno presuntuoso a superbo.
      D’altronde non era di moda dire che “l’obbedienza non è più una virtù “? Non faceva chic disprezzare e insultare Giovanni Paolo II o Benedetto XVI?

      “Se uno di noi (collegio apostolico con papa San Pietro) o anche un angelo vi portasse un vangelo diverso per voi sia anatema”.
      In otto anni di vangeli diversi ne abbiamo sentito troppi e abbiamo il diritto/dovere di disobbedire alle eresie di basso profilo propinateci con l’abuso dell’abito bianco.

      Ci consoliamo sapendo che anche i provocatori di ruolo servono a migliorare la virtù della pazienza.

    • Paoletta ha detto:

      Mi sa che non avete capito il senso del post…era una critica a bergoglioni

      • MARIO ha detto:

        Si meraviglia, Paoletta?
        L’anomalia sarebbe se qui qualcuno capisse qualcosa…
        Esclusi naturalmente i bergoglioni. Si consoli con questi…

  • 👀 ha detto:

    Infatti non esistono CATTOLICI imbrogliati dall’imbroglio di bergoglio.
    I cattolici si nutrono della Santa Eucarestia, credono alla Parola di Gesù, che è Via Verità e Vita e che nemmeno un “puntino” passerà di ciò che ha pronunciato Nostro Signore.

  • Sherden ha detto:

    La prossima sarà l’ammonizione per chi fuma per strada e la scomunica per chi non fa la differenziata.
    Gesù Cristo e la salvezza dell’anima, per questi invasati, sono diventati un ostacolo “divisivo” o, nella migliore delle ipotesi, un inutile orpello. Non piacciono alla gente che piace, c’è poco da fare. Molto meglio chiacchierare amabilmente con Greta, Chelsea o Casarini.

Lascia un commento