YOUTUBE CENSURA CHI PARLA DI BUSINESS MONDIALE DEL VIRUS.

26 Ottobre 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Carissimi amici e nemici di Stilum Curiae, stavamo per proporvi un video-intervista realizzato da Beatrice Silenzi, della “Fabbrica della Comunicazione” al dott. Stefano Scoglio in tema di pandemia e ricadute politico sociali, quando è giunta la notizia che Youtube aveva rimosso il video. Questo è il breve video in cui Beatrice Silenzi denuncia questo attentato alla libertà – costituzionale – dell’informazione.

Qui sotto trovate alcune delle frasi pronunciate dal dott. Scoglio, e i commenti di Beatrice Silenzi: 

Il dott Stefano Scoglio Direttore del Centro Ricerche Nutraceutiche di Urbino e candidato al Nobel per la Medicina nel 2018 è qui ospite di Beatrice Silenzi – Giornalista – nel Canale Fabbrica della Comunicazione.

In merito all’importante – e difficile – situazione sanitaria ed economica che stiamo vivendo, il dott. Stefano Scoglio ha una posizione piuttosto “eretica e radicale”, come lui stesso la definisce, ma che – supportata da fatti e dati scientifici – lo porta a sostenere che il virus non solo non è mai stato isolato, ma non è mai stato testato per la patogenicità.

Ma allora allora tutti i morti? Le bare portate via dai camion? I decessi che conteggiamo quotidianamente? 

“I numeri, in base ai dati Istat, sono stati un po’ gonfiati ed in più ci sono stati una serie di errori gravissimi (mancate autopsie, terapie errate), che anche uno studente di Medicina avrebbe potuto capire”.

C’è il sospetto che virus e vaccino abbiano corso questa gara insieme?

“Partendo dal fatto che oggi” dice il dott. Scoglio “ci troviamo di fronte ad una cosa che non si è mai vista prima, appare strano che, mentre per altri coronavirus, si è ancora al lavoro, per trovare un vaccino, in questo caso – grazie ad un poderoso pompaggio mediatico – un vaccino potrebbe essere pronto in appena sei mesi!”.

Allora se la questione non è squisitamente di ordine sanitario, forse il problema è altrove: nella politica internazionale, nella finanza, nell’economia. 

Già nel 2019 gli osservatori economici di tutti gli orientamenti, sostenevano che entro la prima metà del 2020 ci sarebbe stata la più grande crisi finanziaria di tutti i tempi, con conseguente abolizione del contante.

Una crisi prevista solo un anno fa che oggi, in modo devastante, coinvolge piccole e medie imprese, che viene gestita politicamente grazie all’esistenza (ed alla persistenza) di un virus – che resta l’unico colpevole – verso cui non ci si può scagliare!

Questa pandemia viene pompata dai media mainstream in modo piuttosto massiccio e rappresenta l’attacco più diretto a Trump – la vera e terribile spina nel fianco per i Poteri Forti – ed alla sua politica.

Se Trump sarà rieletto, avrà altri 4 anni per portare a compimento le operazioni che ha iniziato (sul sistema finanziario, su quello medico sanitario e così via) e soprattutto avrà il controllo totale del Partito Repubblicano, tanto che sarà molto difficile rallentarlo.

Dott. Stefano Scoglio – Omeopata e Ricercatore Scientifico

Direttore del centro di Ricerche Nutriterapiche di Urbino

Dice Beatrice Silenzi: 

Il video realizzato con il dott. Stefano Scoglio su YouTube è stato rimosso perché – viene detto – i parametri della community non vengono rispettati.

Sono Giornalista e conduttrice radio televisiva da molti anni e ritengo di fare un lavoro sempre professionale, deontologico, etico.

Questo è il mio pensiero al riguardo.

L’intervista è visibile sulle piattaforme in descrizione del video!

 

 

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

9 commenti

  • Ali ha detto:

    La censura in facebook, twitter, youtube eccetera è quotidiana, massiccia e conclamata su ogni argomento buono, sulle informazioni contro il potere dominante, si abbatte sulle voci di libertà. Bisogna trovare modi tecnologici alternativi di comunicazione mondiale. Se no è come combattere aspettandoci che il nemico ci fornisca le armi.
    Se ci silenziano, è finita. Se ognuno di noi non potrà ricevere infornazioni da siti (e pagine facebook e simili) come questo e tanti altri, che oggi tengono in piedi quasi da soli la comunicazione delle verità, non so se e come le persone di buona volontà potranno comunicare tra loro. In questo momento, poi, ci è più che mai impedito, siamo imbavagliati anche fisicamente, distanziati da un controllo che altera il nostro sistema di vita e mutila gravemente la nostra libertà col pretesto di una malattia molto molto molto meno letale di altre.
    È tutto troppo mondiale per non temere che un giorno, anche domani, con un clic possano spegnere questi contatti, queste (ancora tantissime grazie a Dio. Anche se non potenti) finestre sulle verità, che ci collegano fra noi e ci aiutano ad aprire gli occhi e la mente. A quel punto, a quale tipo di vecchia comunicazione possiamo tornare? Cosa possiamo sostituire ai social e a internet? Che possiamo fare per non essere completamente soli, isolati e a quel punto disperati, senza nemmeno poter conoscere la verità e le notizie lungo la ‘guerra’ da combattere? Quali armi abbiamo per comunicare fra noi (tutte le varie forze del bene, anche con idee e radici diverse, ma voci di libertà e umanità), per far girare i fatti veri e le opinioni di buona volontà?
    Non capisco nulla di tecnologia, purtroppo. Ma so che bisogna trovare nuovi strumenti. Un internet del bene, un web della libertà, un social non censurabile. È indispensabile.
    E come ci sono i ‘filantropi’ del male, che in realtà sono odiatori dell’umano (e del divino), e sono immensamente ricchi e potenti, ci sarà un ricco buono, un mecenate del bene, uno che possa mettere il suo potere al servizio della causa buona. O no?? Stesso discorso per qualche scienziato, tipo un informatico, geniale che voglia porsi al servizio del bene. O sono tutti schierati con l’altra parte?

  • Don Elia ha detto:

    Caro dott. Tosatti, mi permetto di segnalarLe questo contributo:

    https://lascuredielia.blogspot.com/2020/10/prima-mossa-mantenersi.html

    • Diana ha detto:

      Sa @Adriana 1, il pezzo sul blog di Blondet mi ha terrorizzato per un solo motivo. L’ho ritenuto grossomodo credibile perché Bergoglio mesi fa ha parlato di reddito universale. Purtroppo non parla mai a vanvera. Però, anche se ora dovremo sorbire questo calice fino alla feccia, non dobbiamo temere. Il Signore Dio ci sta chiedendo una fede assoluta, come quella di Abramo, di Maria Immacolata, di San Giuseppe. Ma ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili. Come Simeone noi vedremo la sua salvezza.

    • Emj ha detto:

      Salve , l’articolo sul big reset credo che sia stato tolto. È possibile mandarlo qui o indicarne qualche altro?
      Grazie.

  • Alda ha detto:

    I più, (e ne conosco tanti), quando leggeranno che il dott Scoglio è un omeopata, diranno che non è un vero medico😠

  • Rafael Brotero ha detto:

    Sono disperati perché hanno perso il monopolio dell’informazione con internet.

  • Sherden ha detto:

    E vi sembra strano?
    Aspettate che arrivi il DL Zan (che il presidente Fico ha messo in agenda alla Camera, con insolita fretta, come se non avessimo problemi ben più urgenti da gestire con il paese che sta andando in malora). Altro che rimozione da Youtube.
    Tosatti, la vedo male. Anche per questo suo prezioso spazio di libertà.