Adinolfi: solo Alternativa per l’Italia si Batte – Realmente – alle Elezioni per la Vita.

1 Settembre 2022 Pubblicato da 15 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, abbiamo ricevuto, e volentieri pubblichiamo questa lettera che Mario Adinolfi ha scritto in relazione all’articolo di Vincenzo Fedele sulle prossime elezioni. Buona lettura.

§§§

Gentile Tosatti, seguo come sai quotidianamente il tuo lavoro. Mi prendo da anni volentieri tutte le critiche del mondo, ma quando leggo nel testo di Vincenzo Fedele che io avrei distrutto il movimento pro-vita del Circo Massimo, quando sono l’unico che ha messo in campo fin dal 2016 un’organizzazione politica autonoma cristianamente ispirata capace di prendere alle elezioni 220.000 voti (il triplo dei presenti al Circo Massimo) mantenendo conseguentemente accesa una voce anche mediatica che ha consentito di combattere battaglie vincenti contro il ddl Zan, contro i referendum Cappato, contro la legge sull’eutanasia e a favore del vento antiabortista che si alza dagli USA, beh un po’ mi cadono le braccia. Invece di essere ringraziato per avere tenuta accesa la fiammella, i buoni a nulla del cattolicesimo da convegno ritengono che io abbia in sostanza abusivamente occupato uno spazio. Mi scalzassero. Provassero a impegnare i loro talenti, i loro denari, la loro quotidianità, la loro famiglia (sa il signor Vincenzo Fedele cosa significa avere una figlia che agli esami all’università viene sempre accolta da un ostile “ma lei è la figlia di Adinolfi?”), la loro tenacia, per anni, senza mollare mai nella difesa anche fisica dei principi non negoziabili, mettendoci faccia e corpo nel mainstream mediatico da dove poi deriva il conseguente massacro sui social. Provassero a fare meglio di me e mi scalzerebbero in un amen, loro sono i “veri” cattolici e avrebbero le masse a celebrare la fine dell’usurpatore. Ma fino al giorno in cui non decideranno di smuoversi dal loro comodo divano da cui puntano il dito, abbiano la decenza di riconoscere l’enormità della fatica da noi svolta e, se proprio non la apprezzano, in fase di campagna elettorale mi facciano la personale cortesia di tacere. La loro ignavia non li mette alla mia altezza e all’altezza delle migliaia e migliaia di militanti che in pieno agosto da Trieste a Agrigento si sono spezzati la schiena sotto il sole per raccogliere le firme che loro non sarebbero mai capaci di raccogliere, consentendo loro di criticarci senza aver mai mosso un dito né per aiutare noi né per costruire un’alternativa credibile e concretamente votabile. Anche il 25 settembre 2022 ci sarà una sola lista sulla scheda con un programma esplicitamente pro-life e si chiama Alternativa per l’Italia. Ne abbiamo depositato il simbolo al Viminale insieme alla dichiarazione che indica il capo della forza politica che si chiama Mario Adinolfi. Non me ne frega nulla di dispiacere agli ignavi, so che la loro tragedia è che vorrebbero essere capaci di aver messo su quel che ho messo su io e non avendone né il talento, né la capacità, né la tenacia, su me sfogano la loro frustrazione mista a invidia. Se però hanno onestà intellettuale e quel rigore anche religioso che mi rimproverano di non avere, dopo essere stati a Messa domenica 25 settembre dovranno recarsi alle urne e non potranno che votare Alternativa per l’Italia. Se sono i pro-life integerrimi che dicono di essere, il loro voto può essere dato solo ad APLI. Lo sanno tutti, lo sanno bene. Chi deciderà di astenersi o di votare per i soliti partiti che tutti, esplicitamente, Meloni compresa, dicono che la 194 non si tocca e l’aborto è una scelta della donna e sulla legge Cirinnà non si torna indietro e i loro consiglieri comunali celebrano garruli unioni gay in tutta Italia, allora diciamolo chiaro: chi farà quel tipo di scelta il 25 settembre non è scemo. È complice. Dunque non osi provare a delegittimare la proposta politica del Popolo della Famiglia declinata a queste elezioni politiche nella formula di Alternativa per l’Italia. Vota APLI, caro Marco. È l’unico voto che permetterà di uscire dal seggio sorridendo, sapendo di aver contribuito alla scalata verso uno sbarramento che mai come il 25 settembre sarà davvero alla nostra portata. E produrrà una novità di sapore storico, aprendo finalmente uno spazio politico praticabile per tutti, anche per coloro che non hanno mosso un dito e mentre noi faticavamo si univano alla lobby Lgbt considerandoci come i loro peggiori nemici.

Con stima.

Mario Adinolfi
Capolista di Alternativa per l’Italia al Senato

§§§




I PADRONI DEI SOCIAL – E GOOGLE – CERCANO DI FAR TACERE STILUM

CURIAE.

SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:

IT79N0200805319000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae



viganò, tosatti,

Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti, con questo logo:

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: ,

Categoria:

15 commenti

  • Forum Coscienza Maschile ha detto:

    “Ma fino al giorno in cui non decideranno di smuoversi dal loro comodo divano da cui puntano il dito, ”

    Col ristagno che c’è non posso dargli torto. Resta la domanda: perché queste formazioni alternative non hanno formato una coalizione elettorale? La risposta potrebbe spalancare abissi

    • ex : ha detto:

      Nessun abisso: perché ognuno vuole coltivare il proprio orticello (temendo di perdere “immagine” – e “potere”, presunto – in caso di alleanza con altri)… Orticello che non darà frutti per mancanza di fertilizzante (voti sufficienti). I voti non saranno sufficienti proprio perché risulta evidente, agl’ipotetici elettori che in teoria potrebbero votarli, questo grande difetto, o meglio cancro: la mancanza di umiltà da parte di costoro che impedisce loro di cedere qualcosa del proprio “io” e dei proprî convincimenti (tra quelli meno vincolanti) al fine di un obiettivo superiore ai loro interessi privati, che si riducono in una illusoria conquista di uno scranno in Parlamento.

      Tra l’altro già si prevede (gli analisti lo confermano) che ci sarà un’astensione alle votazioni molto forte, grazie anche alle trappole che stanno approntando in quest’ultimo scampolo di sgoverno con i consueti de-creti(ni); tipo quello di (nessuna) Speranza, di non mandare alle urne gli asintomatici di covid: e sappiamo che se l’affluenza alle urne non supera abbondantemente il 70%, il risultato è sempre premiante per le sinistre.

      A parte il fatto che anche se vincessero le sedicenti Destre, le conseguenze non saranno molto diverse, e lo si capisce già adesso dalle loro “campagne” elettorali, che non brillano certo, non mostrano affatto chiare garanzie di smarcarsi nettamente dalla nefanda politica condotta finora da coloro ai quali vorrebbero (o dicono di voler) opporsi; sembrano piuttosto orientate a tranquillizzare l’EU e ad altri malfattori che ci condizionano che nulla cambierà negli atteggiamenti nei loro confronti. Ed essendo palese tutto questo, a coloro che vorrebbero veramente che cambiassero radicalmente la politica interna ed estera, la voglia di andare a votare subisce una riduzione.

  • giorgio rapanelli ha detto:

    Data l’importanza di questo scontro apocalittico contro i demoni e i falsi profeti, tutti i gruppi che sono dall’altra parte – dalla parte della dignità dell’Uomo, avrebbero dovuto unirsi, soprattutto per non rendere sterile e inutile la lotta delle piazze di questi due anni.
    Non hanno guardato ciò che univa e si sono persi a guardare il dito della loro mente reattiva, che porta all’egoismo e al proprio piccolo “particulare”. Ormai sono finiti… Inoltre non hanno considerato che il Nemico avrebbe messo tra di loro agenti provocatori per fare fallire la necessaria unità di intenti. Hanno quindi voluto perdere il treno e difficilmente ce ne sarà per loro un altro..

    • OCCHI APERTI! ha detto:

      ***Data l’importanza di questo scontro apocalittico contro i demoni e i falsi profeti, tutti i gruppi che sono dall’altra parte – dalla parte della dignità dell’Uomo, avrebbero dovuto unirsi, soprattutto per non rendere sterile e inutile la lotta delle piazze di questi due anni.
      Non hanno guardato ciò che univa e si sono persi a guardare il dito della loro mente reattiva, che porta all’egoismo e al proprio piccolo “particulare”.***

      Come non concordare con lei?
      Qualcuno ha osservato che gli uomini hanno “creato l’impotenza moltiplicando la forza”, per principio di eterogenesi dei fini…

      Che dire dunque dell’Homo Politicus che si viene ad osservare in un clima di procurato sfacelo generale della società – a partire dalla Istituzione Chiesa – se non che vive una colpevole notte della ragione?

      Ma non tutto è perduto, Giorgio Rapanelli: è chiaro che la Croce di Cristo poggia sulle spalle di qualche eletto. Che non si fa la vittima del mondo, che non si autocompiace delle fatiche affrontate perchè è l’Amore che lo anima e non l’orgoglio!

      Ecco, opterò tra quei partiti segnalati da Blondet ma anche dal nostro carissimo Tosatti o da Valli e Paciolla: chi meno frigna (solo i più umili non frignano) e più avrà il coraggio di esporsi contro il Sistema avrà il mio voto.
      Rammento un recente scambio con Laporta che, a tal proposito, mi disse: “nessuno è all’altezza…ne riparleremo dopo il ground zero…”. Il senso era questo e mi trovò completamente d’accordo.

      Oggi cominciamo col scegliere oculatamente il meno peggio: non lo si può fare senza pregare e senza confrontarsi!

      Un saluto.

    • Pier Luigi Tossani ha detto:

      Caro Giorgio,

      Adinolfi, oltre ad aver parlato con la Meloni per fare eventualmente un fronte comune, e lei non era interessata, ha SUPPLICATO anche Italexit, Italia Sovrana e VITA di fare, ugualmente, una coalizione unitaria contro l’area draghiana, per entrare in Parlamento, ma loro non hanno voluto, vedi in questo video:

      https://www.facebook.com/mario.adinolfi/videos/3266104383628284

      Marco Rizzo, comunista in Italia Sovrana, ha detto: “Mai con gli integralisti cattolici!…”

      In effetti, doveva andare così, eravamo troppo diversi:

      https://www.facebook.com/popolodellafamigliafirenze/posts/pfbid02GXZ6XQAy2T1f7CUQihtWK6PeVrz8CS8RvJkn3HV6T2UtqNBaX7JhZYrrCwqMzBrxl

  • OCCHI APERTI! ha detto:

    Il caro Blondet, rinsavito (pareva simpatizzare per Conte!), propone l’unico Menù. Pochi i piatti da scegliere: tra questi anche Adinolfi.
    Ritengo essenziale e determinante – come sottolinea Blondet – optare per un partito non solo pro vita ma davvero antisistema, che ridia all’individuo la proprietà del suo corpo: l’autunno si avvicina con la certezza della siringa per tutti secondo il vangelo di Speranza e del gp, made in RPC…

    https://www.maurizioblondet.it/i-partiti-per-cui-votero/

    • Forum Coscienza Maschile ha detto:

      Anche alle precedenti elezioni aveva consigliato il M5S e si è vista com’è andata. Conte mai e poi mai

      • OCCHI APERTI! ha detto:

        Assolutamente d’accordo con lei, FCM. E felice che Blondet si sia ricreduto. Forse l’esperienza recente in ospedale ha ingenerato riflessioni determinanti, chissà.
        Spero anche il nostro carissimo e prezioso Generale Laporta si ricreda su Conte e punti su Frajese/Italexit di cui ha solo accennato, favorendo il narcisista patologico apparentemente “filorusso”.
        Ma contrariamente a un certo andazzo generale, non vedo come scandalizzarsi degli abbagli altrui. Siamo uomini, non oracoli. A tutti capita di sbagliare giudizio. L’importante è essere umili. E sbagliare aiuta.

        Un caro saluto.

  • Petrus ha detto:

    Io potrei anche votare per il partito di Adinolfi però rischierei di disperdere i voti a favore di una sinistra che farebbe veramente a pezzi i valori non negozaibli e realizzerebbe totalmente una società anticristiana. PerchéAdinolfi non ha parlato con la Meloni su questi temi e fare una sorta di alleanza con Fratelli d’Italia che insieme alla lega è più sensibile ai valori non negoziabili?

    • Pier Luigi Tossani ha detto:

      Caro Petrus,

      Adinolfi ci ha parlato con la Meloni, ma lei con i partiti nascenti non ci si vuol mettere, un po’ come quando dice che “la 194 non si tocca”. Lei vuole semplicemente fagocitare i nostri voti.

      Ma poi che se ne fa dei nostri voti, oltre a “non toccare la 194”?… Ci fa la guerra alla Russia, che ha chiuso il gasdotto. Ricordatevi di queste parole, quando il prossimo inverno saremo al freddo, con la bolletta del gas quintuplicata o decuplicata, le aziende chiuse, e lo Stato ancor più in bancarotta di quanto già fosse. Ricordatevele.

      Detto questo, di seguito metto il link allo schema delle differenze tra “Alternativa per l’Italia” e i partiti del precocemente suicidatosi Governo Draghi, le differenze con Fratelli d’Italia e le differenze anche con gli altri partiti dissenzienti dall’area draghiana:

      https://www.facebook.com/popolodellafamigliafirenze/posts/pfbid02GXZ6XQAy2T1f7CUQihtWK6PeVrz8CS8RvJkn3HV6T2UtqNBaX7JhZYrrCwqMzBrxl

    • Pier Luigi Tossani ha detto:

      ah, Petrus,

      dimenticavo che la sensibilità della Lega ai princìpi non negoziabili, oltre alla fissa di voler riaprire i bordelli, a Zaia che inneggia alle “nuove famiglie” gay, e a Salvini che dice “sull’aborto decidano le donne”, è ben ricordata in questo ormai lontano, ma sempre attuale post della NBQ:

      https://lanuovabq.it/it/lombardia-dopo-formigoni-passa-lagenda-contro-la-vita

      “Emendata la legge lombarda che prescriveva la sepoltura dei bambini abortiti. Abolendone la sepoltura, i bambini abortiti scalano di rango. Non sono più umani, non sono più persone. Occhio non vede, cuore non duole. Questa legge regionale è stata votata all’unanimità, in una regione governata dalla Lega. Ed è l’ultima di una lunga serie di iniziative nel solco della cultura della morte”.

      La Bussola ricorda che l’emendamento della legge in questione fu votato anche da FdI.

  • emma ha detto:

    beh , se Adinolfi ha chiesto di apparire su StilumCuriae , sa certo che quello che scrive è commentato , spesso aspramente. Ebbene , dopo aver letto ciò che ha scritto , ho deciso di commentare con una sola parola : NULLA . Adinolfi è rimasto un simpatico NULLA.

    • LUCIANO MOTZ ha detto:

      Emma, non penso che solo Adinolfi sia da commentare con un NULLA.

    • Pier Luigi Tossani ha detto:

      Cara Emma,

      quello che rimane non tanto di Adinolfi, che è uno come noi, ma del Popolo della Famiglia, che si presenta alle elezioni come APLI, è il suo programma elettorale.

      metto il link al programma elettorale di APLI, la federazione dove stanno il Popolo della Famiglia ed EXIT:

      https://www.facebook.com/mario.adinolfi/posts/pfbid02JvSzZadhQbwyaQKM7FvyFatke2DAVHiqzErK2Htxt18DgtQn46zmWEPpGi6rjVR8l

      il programma, comunque, è questo:

      1. Sostegno diretto alla natalità con il Reddito di Maternità, per contrastare il collasso delle strutture del welfare (sanità, istruzione, previdenza, assistenza) ormai prossimo con gli attuali tassi di fertilità.
      2. Incentivo alla piccola e piccolissima impresa a conduzione familiare, in particolare per gli under 40 come modalità di autoimpiego e contrasto alla disoccupazione, rifiutando qualsiasi sostegno diretto o legislativo aII’espansione di imprese multinazionali ai danni delle imprese italiane.
      3. Libertà educativa per scuole e università, con scelta diretta libera e gratuita per le famiglie, contro l’imposizione del pensiero unico e deII’ideoIogia gender. Famiglie da sostenere anche con la riforma del fisco secondo il principio del quoziente familiare.

      4. Evitare che si realizzi la digitalizzazione dell’identità del cittadino anche attraverso strumenti di controllo come il Green Pass e l’obbligo vaccinale. Difendere la sovranità nazionale e gli interessi degli italiani daII’ingerenza delle strutture tecnocratiche sovranazionali. Riforma costituzionale presidenzialista a elezione diretta che impedisca per sempre che il potere esecutivo finisca nelle mani di un tecnocrate non eletto dal popolo.

      5. Sostegno ai giovani per il diritto al lavoro stabile, alla casa per le coppie sposate under40. Attenzione particolare agli anziani e ai disabili, con innalzamento immediato a 1.000 euro delle pensioni minime, di vecchiaia e di invalidità.  

      Piace, non piace?… vedi tu, se c’è un programma migliore, ce lo farai sapere.
      Questa, intanto, è la scheda delle differenze  tra APLI e gli altri partiti, di Governo Draghi e non, che corrono alle imminenti elezioni:

      https://www.facebook.com/popolodellafamigliafirenze/posts/pfbid02GXZ6XQAy2T1f7CUQihtWK6PeVrz8CS8RvJkn3HV6T2UtqNBaX7JhZYrrCwqMzBrxl

      e anche qui, vedrai tu chi scegliere.

Lascia un commento