VIGANÒ E IL PAPA. IL DRAMMA VISSUTO CON GLI OCCHI DEL TESTIMONE.

24 Febbraio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici di Stilum Curiae, oggi parlo pro domo mea: vi annuncio l’uscita di uno svelto libretto che racconta – con gli occhi del testimone – la drammatica vicenda della testimonianza dell’arcivescovo Viganò. Sono della vecchia scuola, di giornalismo, quella in cui si insegnava a non scrivere in prima persona se non in eventi di rarità eccezionale. E credo infatti che l’unico articolo del genere, o quasi, che io abbia firmato fosse quello del ritrovamento del cadavere di Aldo Moro, a cui fui presente, unico giornalista, per una serie di circostanze che forse un giorno racconterò, e che permise a “Stampa Sera” di uscire con uno scoop mondiale mezz’ora prima di chiunque altro. Tutto questo per dire: quello che leggerete è in terza persona, per imbarazzo; non per imitare Cesare…

Quando mercoledì 22 agosto l’arcivescovo Carlo Maria Viganò è salito con una valigetta nera a casa di Marco Tosatti nessuno, se non il presule stesso, poteva sapere che si stava per scatenare sulla Chiesa una tempesta di proporzioni inedite, destinata a coinvolgere il Pontefice regnante, responsabile, secondo l’ex Nunzio, di aver favorito e usato Theodore McCarrick, nonostante fosse stato informato delle predazioni sessuali compiute dal porporato ai danni di seminaristi e giovani preti.

Questo libro, scritto dalla persona che per prima ha visto la testimonianza di Caro Maria Viganò, l’ha aiutato con la sua esperienza professionale di mezzo secolo a farne un “editing” e a diffonderla, vuole ripercorrere questa vicenda, a cui ancora il Pontefice e il Vaticano non hanno dato risposta, e che anzi, con l’uscita di “Sodoma” il libro di Frederic Martel sulla lobby gay in Vaticano si arricchisce di una nuoca clamorosa conferma.  

Il libro vuole anche tentare di sgomberare il campo da falsità e insinuazioni sparse a piene mani, sin dall’uscita della testimonianza Viganò, dai giornalisti legati alla cerchia di papa Bergoglio, e spesso ripresi dai mainstream media simpatizzanti e contigui. Oltre a far chiarezza sul reale ruolo di Marco Tosatti nella vicenda (c’è chi è arrivato a ipotizzare che avesse addirittura organizzato l’operazione, più o meno plagiando l’arcivescovo per fini politici!) il libro mette in prospettiva tutte le fasi. E contribuisce a far capire quali fossero le reali motivazioni di Viganò nel compiere una denuncia dolorosa.

I detrattori e gli accusatori mossi da Santa Marta avevano fra l’altro insinuato che alla base della denuncia ci fosse l’amarezza di Carlo Maria Viganò per non aver ottenuto la berretta cardinalizia. Scrive Tosatti:

“Benedetto XVI per due volte, nell’udienza concessa a Carlo Maria Viganò il 4 aprile 2011, gli offrì il posto di Prefetto della Congregazione per gli Affari Economici, in quel momento occupato dal cardinale Velasio De Paolis, che era stato di recente nominato commissario dei Legionari di Cristo. Secondo quanto ci è stato riportato in maniera confidenziale, ma sicura, l’allora Segretario del Governatorato rifiutò, perché voleva portare a termine l’opera di pulizia nel governo dello Stato della Città del Vaticano, e temeva che se se ne fosse andato la squadra che aveva organizzato a questo scopo sarebbe stata dissolta; come in effetti accadde, dopo la sua partenza per gli Stati Uniti. È un dettaglio inedito e di grande importanza, perché svuota di contenuto una delle accuse elevate dagli agiografi pontifici nei confronti dell’arcivescovo”.

E poi c’è la rivelazione di Martel, che l’ha avuta, e virgolettata, da persone dell’entourage del Pontefice: e cioè che il Pontefice è stato realmente informato da Viganò su chi fosse McCarrick, ma non ha ritenuto che le azioni del cardinale verso seminaristi e giovani preti fossero importanti. Se questo non viene smentito, che altro si può dire? 

Questo è il video di presentazione.


Marco Tosatti (2019), Viganò e il PapaUn testimone racconta. Hong Kong: Chorabooks.

EBook (formato Kindle) Euro 3.99

ISBN 9789887897033

EBook (formato Epub) Euro 3.99

ISBN 9789887961505

Cartaceo Euro 8.99

ISBN 9789887897071

Disponibilità: immediata su tutti i negozi amazon in formato kindle e cartaceo e su oltre 100 negozi online in formato Epub (Feltrinelli, Rizzoli, Mondadori, hoepli, Book republic, Libreria universitaria, San Paolo store, Il fatto quotidiano, Il giardino dei libri, Google play, Ibooks store, Kobobooks, Tolino, Casa del libro, Bajalibros, Nookstore, Weltbild, El corte inglés, Barnes and Nobles etc.)

Marco Tosatti è nato a Genova nel 1947. Dal 1981 si occupa di informazione su temi religiosi. E’ stato il vaticanista de La Stampa dal 1981 al 2008. Ha scritto numerosi libri, su temi di religione e storia, in particolare del M.O. “I Baroni di Aleppo”, “La vera storia del Mussa Dagh”, “Gli eroi traditi”, ”Inchiesta sul demonio”, “Padre Pio e il diavolo”, “Santi  posseduti dal demonio”, “Inchiesta sulla Sindone” e altri. Con don Gabriele Amorth ha scritto “Memorie di un esorcista”. Questo è il suo quinto libro con Chorabooks.

Disponibile su Amazon.



Oggi è il 173° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


Libri di Marco Tosatti

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….




UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

36 commenti

  • Catholicus ha detto:

    Bravo Alfonso Signorini, anche se non è un “tradizionalista”, è pur sempre un cattolico, credente e praticane, e dimostra molto più giudizio e senso del sacro di tanti porporati, e dello stesso “vescovo di Roma”. Complimenti, poi, per il bel micione che tiene in spalla (chi ama i gatti mi rimane istintivamente simpatico).
    In questo articolo glie le canta, al card. Ravasi, ammiratore del festival, della canzone vincente, al prete che la ha fatta cantare all’apertura della messa, allo stesso “santo Padre”, che dice di ammirare Mina (ma non parla mai dei Novissimi, del soprannaturale, della salvezza dell’anima, come fossero cose che gli restano antipatiche…). Un plauso ! :
    http://campariedemaistre.blogspot.com/2019/02/se-signorini-le-canta-ravasi.html

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Una delle più gravi mancanze degli uomini di Chiesa degli ultimi decenni è il non aver combattuto l’immoralità e il non aver annunciato il Vangelo dell’etica morale.
    Perché “fissarsi” sull’etica morale? E l’etica sociale dove la mettiamo?
    Il fatto è che oggi dell’etica sociale si parla, e giustamente, ma ma di etica morale no. Mai.
    Ma il Vangelo è uno e va annunciato INTEGRALMENTE.
    Anche l’etica morale, e più specificatamente sessuale, è importante, perché siamo esseri sessuati e, di conseguenza, ci esprimiamo attraverso la nostra sessualità e la nostra sessualità si esprime personificandosi in noi.
    L’etica morale, perciò, è di fondamentale importanza per l’equilibrio della persona e, di conseguenza, per relazionarsi con gli altri in modo autentico.
    Le “logiche” delle autentiche espressioni umane, infatti, non possono che essere le stesse delle espressioni di ogni aspetto dell’essere umano, compreso quello della sessualità.
    E queste logiche sono essenzialmente quelle dell’amore che si DONA.
    Perciò, come non è vera l’etica morale di chi non apprezza i poveri, ma è solo moralismo, così non è vera solidarietà di chi non apprezza l’etica morale, ma è solo buonismo (cioè falsa bontà).
    Ne consegue che parlare (qualche volta) della non liceità del preservativo, argomento che da qualche anno a questa parte pare sia diventato tabù, non è un dettaglio per persone fissate o morbose, non nella Chiesa, perché è dottrina IRREFORMABILE.
    Parlare di una sessualità ordinata è parlare del paradigma di come si esprime un amore autentico.
    Per questo i silenzi di certi Pastori riguardo certe tematiche, compresa l’omosessualità, le vedo, di questi tempi, non solo come mancanze GRAVI, ma anche come un agire sospetto, quasi che, dietro a tali silenzi, vi fosse un secondo fine.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Pare che il Papa si sia deciso ad agire.
    Tace ancora sul caso McCarrick e riguardo all’omosessualità, ma se agisse con risolutezza contro gli abusi è già un bel passo avanti.
    Forse un po’ di merito è anche nostro? Forse la pressione di laici ha smosso qualcosa?
    Non lo so, anche perché dovremo vedere i termini del Motu Proprio che il Papa pare deciso a promulgare e, poi, i FATTI che seguiranno.
    Ad esempio c’è da condannare il Vescovo pedofilo Apuron del Cammino neocatecumenale, che il Papa questa estate disse essere sicura e imminente. Poi più nulla. Un silenzio che ha suscitato i sospetti di molti.
    Spero che il Papa sia il primo a dimostrare a tutti che non copre gli abusatori, almeno da questo momento in poi.

  • Alessandro ha detto:

    Io ve lo ho detto di iniziare ad alzare la voce veramente invece di essere spettatori passivi, criticatori da salotto, qui se non ci muoviamo e interessano noi non si muoverà mai nulla, ai cardinali e vescovi va bene così come è, perché mai si dovrebbero scomodare, loro sono ricchi,hanno potere, perché mai dovrebbero rompere questo equilibrio? E i pochi cardinali e vescovi che hanno detto qualche parola lo hanno fatto so per i loro giochi di potere interni e non per il be e del popolo di Dio e della chiesa, datemi retta, organizziamoci noi. La rivoluzione francese l’ha fatta il popolo e non i conti e i marchesi, l’Italia l’ha liberata il popolo e non i conti , i marchesi e i principi, se non ci interessano noi “la nostra chiesa, che è anche la nostra casa e una nostra proprietà non verrà mai liberata” i servi e gli ospiti si sono eretti a padroni, è ora di agire.

  • Adri ha detto:

    Ho comprato subito il libro. Lo inizierò appena scaricato.
    Grazie Dott. Tosatti per tutto quello che fa. Credo proprio che toccherà a noi laici questa volta organizzare la buona battaglia per difendere la Chiesa Cattolica da questi distruttori. Il convegno sugli abusi, come previsto, è stato una farsa: tutto si è svolto all’insegna dell’ipocrisia, tutto era già predisposto, dall’introduzione alla relazione finale. La patetica omelia del “mea culpa” fatta in una stanza di palazzo è stata di uno squallore incredibile: accusiamoci tutti così non ci sarà nessun colpevole! Come i ragazzi a scuola per non far punire l’allievo che ha nascosto il registro dell’insegnante…Roba da asilo… Ma pensano proprio che siamo tutti allocchi? Nelle generazioni presenti c’è ancora gente che ha studiato la storia e le materie classiche (non so se in Argentina si usava, forse no) e che sa ragionare e usare il cervello e non si lascia abbindolare dalle tre parole ripetute a più riprese come slogan, come insegnano nei corsi di comunicazione commerciale… La religione e la fede non sono prodotti da vendere al miglior offerente al mercato o alla TV. Cerchiamo di essere seri. Gesù Cristo è morto sulla Croce per noi e non è stata una passeggiata quella che ha fatto sul Calvario! Lo dimostrano gli ultimi studi sulla Sindone.

  • A volte tornano ha detto:

    Grazie dott Tosatti , il Signore La Benedica assieme a Mons Viganò!

  • deutero.amedeo ha detto:

    Amico Tosatti, mi permetta di fare anche qui un discorso più lungo del solito. Gli argomenti che lei tratta sono troppo interessanti per consentirmi di stare zitto!
    Vorrei ricordare un piccolo fatto che dimostra come il leccapiedismo sia una malattia sempre esistita anche al di fuori della Chiesa (che però a mio parere in questo gode di un vero primato).
    Quando a seguito delle ambizioni imperialiste dell’accoppiata Savoia-Mussolini all’Italia furono applicate le sanzioni, venne di necessità di moda l’autarchia.
    L’esimio professore di mineralogia del Politecnico di Milano scrisse un libro di testo riportando nel frontespizio : – L’ordine del capo è : bastare a noi stessi – .

    Bene. Parlando dello stagno scrisse che lo stagno si può ricavare dalla latta. 🙂

    E’ Vero, perché la latta è banda di acciaio stagnata e quindi dai rottami di latta si possono recuperare separatamente il ferro e lo stagno. Ma scrivere una cosa del genere in un testo universitario di mineralogia è il colmo.

    Come certe cose che scrivono oggi certi giornalisti e quant’altro per seguire gli ordini del capo (Bergoglio).

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Sottotitolo per il libro:
    CUORE ANESTETIZZATO DALL’IPOCRISIA E DAL POTERE
    https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2019-02/papa-francesco-discorso-finale-incontro-protezione-minori-vatiab.html#play
    Saluti.

  • Angelo Luigi Fratus ha detto:

    Carissimo sig. Tosatti, sono un sacerdote missionario in Zambia della Congregazione dei Padri Monfortani. Come sacerdote voglio esprimere la mia solidarieta’ e vicinanza per quanto posso al Vescovo Vigano’ . Che purtroppo rimane ancora inascoltato. Penso che il Papa Francesco non stia confermando nella fede la Chiesa. Dicono che chi si oppone a Francesco si oppone al Concilio Vaticano 2 ma sono sacerdote da 38 anni e ho seguito i Papi che hanno portato avanti il Concilio veramente non il presunto spirito. Sono in sofferenza vedendo queste situazioni e ringrazio il Vescovo Vigano’ per essere andato cpntrocorrente. E ringrazio anche lei per il suo servizio di carita’ di giornalista che non dice le cose come vuole il mondo. Montfort dice: Dammi forza, Vergine Santa, contro i miei nemici che sono la carne (cioe’ me stesso), il mondo (perche’ c’e’ la parte negativa di opposizione a Cristo) e il demonio (che esiste e lavora contro Cristo). Il Signore benedica lei e il Vescovo Vigano’.

    • Lucia ha detto:

      Don Angelo fratus le sono vicina , e un momento storico terribile e temo che siamo solo all ‘ inizio.Mi sembra di capire che lei speri ancora che un gruppo numeroso di vescovi e cardinali e soprattutto una schiera di sacerdoti alzi la voce contro la deriva dell ‘ attuale papato , ma secondo me restera deluso, di certo in Italia cio non accadra.Mentre il Santo Padre e stato immortalato con la spilla ” Aprite i porti ” o commentare se Trump e piu o meno cristiano , lo ha sentito dire qualcosa ad es su Cuomo , il governatore di New York riguardo alla legge sull ‘ aborto al 9 mese? Sia chiaro il Santo Padre e libero di appoggiare o meno la posizione a livello ufficial- diplomatica dei politici che desidera , ma insomma e come dice il signor Deutero ” INDIZIO ” del suo modo di vedere le cose mondane in un certo modo.Purtroppo la gran parte del ” mondo cattolico ” considera questo Papa ” INCRITICABILE” .E per chi non la pensa cosi la situazione diventa sempre piu penosa .Io con moltissima pena cosi come molti che scrivono qui , ho accettato la situazione .

  • Lucy ha detto:

    Dott.Tosatti , ho letto il suo articolo sul Summit oggi sulla Nuova Bussola e non sapendo come interloquire con lei circa i termini “eterosessualità” e ” omosessualità” ,scrivo qui su Stilum a che se fuori tema ( ma non del tutto).
    Mons.Scicluna dice :” eterosessualità e omosessualità sono condizioni umane che riconosciamo …” e lei dott.Tosatti commenta :”eterosessualità ed omosessualità non sono equivalenti e prima che iniziasse la propaganda LGBT si parlava semplicemente in modo complementare di ” maschi e femmine ” e non di “omo ed etero” come categorie ridotte a una pulsione “.
    Circa cinque anni fa richiesta dal parroco di una chiesa della mia città feci una pubblica conferenza intitolata ” Ideologia gender ” in cui , tra le altre cose, mi soffermai proprio sul punto da lei ticcato.
    Mi scuso per la lunghezza ma vorrei essere chiara.
    La strategia di penetrazione in tutti i settori della società delle lobby LGBT si è servita anche del cambiamento di una semplice parola SESSO , basata sul criterio ontologico e dunque oggettiva,sostituita con la parola GENERE basata su criteri soggettivi come i desideri. Ora la parola GENERE è sempre esistita nella lingua italiana , e nelle altre lingue, nei suoi molteplici significati (genere grammaticale , genere letterario etc ) ma fino a qualche tempo fa non aveva il significato di ORIENTAMENTO SESSUALE che è quello che ha assunto con la nuova ideologia , espressione dunque di NEOFORMAZIONE LINGUISTICA.I GENERI ; cioè gli ORIENTAMENTI SESSUALI ufficiali , accettati e codificati dall’ONU e dalla U.E. sarebbero cinque : Etero , Omo ,Lesbo , Bisexual , Trans ; ora si è aggiunto anche il Queer.Ora anche il termine ETEROSESSUALE è una NEOFORMAZIONE LINGUISTICA , che infatti , a differenza di “omosessuale” non era riportato nei vocabolari almeno fino a qualche decennio fa.Perchè? Per la sua normalità e ovvietà Eterosessualità significa infatti appartenenza ad ALTRO SESSO e quindi logicamente interesse per il sesso diverso dal proprio , intendendo per sesso iDUE classici , quello maschile e quello femminile.Insomma una ovvietà l’ interesse del maschio per la femmina e viceversa , alla ricerca di un incontro e completamento nella differenza ,che può anche non avvenire per ke circostanze della vita o per libera scelta laica o religiosa.
    Perchè allora è stata introdotta artificiosamente la ” categoria ” degli “eterosessuali ” e il genere , o orientamento sessuale , eterosessuale ?Il bisogno di creare questo termine è nato nel contesto culturale odierno teso a trovare una collocazione sociale all’omosessualità , questa sì da sempre connotata linguisticamente , anche se con termini diversi , nelle diverse culture ( sodomia , pederastia…) per la sua tipicità FUORI DALLA NORMA e marginale in tutte le società di tutti i tempi , e quindi riuscire a dargli una collocazione PARITARIA rispetto a quella che è la differenza biologica scientificamente dimostrata e oggettiva di tutta l’ umanità in due sessi , maschile e femminile.
    Aver gettato nel calderone dei ” generi o orientamenti sessuali ” la differenza tra i due sessi etchettandola come ” orientamento eterosessuale ” ha avuto lo scopo di annullarne la sua connotazione biologica oggettiva facendone un orientamento sessuale soggettivo alla pari degli altri.
    La chiesa bergogliana ha accettato ormai questo trasbordo linguistico , che non è di forma ma di sostanza ,come del resto gli articoli di Moia su Avvenire circa ” gli orientamenti sessuali ” tirati in ballo in tutte le salse ampiamente dimistrano.

    • Adriana ha detto:

      LUCY ,
      hai fatto benissimo a rammentare la recente introduzione dei suddetti neologismi ! Nomina sunt consequentia rerum .
      In questo caso , conseguenza dellla volontà precisa da parte di una categoria minoritaria di salire ai vertici del potere civile e religioso .

  • Antonella ha detto:

    Risuonano da sole le parole di Viganò e quelle di Marco Tosatti, perché la verità di fatti che molti avrebbero invece preferito insabbiare, non è solo difesa per etica professionale quanto soprattutto per quel senso di testimonianza che rende trasparente la propria fede. E si percepisce nella forza delle parole che non ingannano montando banalmente rappresentazioni più o meno convincenti, parole coraggiose che sfondano muri di omertà a costo di rischiare in prima persona! La consapevolezza del nostro patrimonio di fede e la denuncia del male a difesa della Verità potrebbero passare del tutto inosservate senza l’esperienza e la sapienza di coloro che non si stancano di operare mettondosi a servizio della loro divulgazione.

  • Mazzarino ha detto:

    L’omossesualità come cosa buona e lecita è purtroppo uno dei punti principali del programma del vescovo di Roma. Se non rispettano gli accordi su questa modifica dottrinale salta tutto l’accordo di S.Gallo. Sembra quasi che tutto l’equilibrio precario dell’agire Bergogliano sia regolato e mantenuto proprio da questo. In effetti l’omoeresia unisce destra sinistra progressimo conservazione moderatismo curia e vescovi sacerdoti e religiosi. C’è poco da fare. Dobbiamo accettare di consegnare i nostri figli a coppie omosessuali di educatori parrocchiali. Sull’esempio di Schomborn, non a caso in prima fila.

  • giulia anna meloni ha detto:

    carissimo dr.Tosatti,piccola-grande luce di un esercito di piccole-grandi luci,mi permetto di rammentarle che non un suo gesto,un suo pensiero,una sua preghiera rimane sconosciuta al Signore,DIO VEDE TUTTO.Le restituirà il centuplo,se non in questa vita nell’altra. Ricordi le Beatitudini,beato te se…ognuna di queste ha un grande premio d’Amore .I giuda che hanno occupato l’unica vera Chiesa di Cristo non credono,non credono alla legge dell’Amore Divino,MISERICORDIA E GIUSTIZIA.Non un loro gesto,pensiero,peccato è sconosciuto al Signore.Neppure una lacrima di chi feriscono rimarrà senza Giustizia.I demoni che hanno occupato Roma lo sanno bene,loro credono in Dio.Resistiamo nella speranza.

  • Gene ha detto:

    Dott. Tosatti continui, non si faccia intimorire ma, forte del nostro appoggio, perseveri nel suo compito di giornalista non allineato con le eresie che stanno venendo fuori da questi incontri sinodali. Buon lavoro

  • Nicola B ha detto:

    Comprerò sicuramente il libro che tra l’altro è il frutto del coraggio di un Apostolo della Chiesa Cattolica e di un giornalista che hanno rifiutato una posizione accomodante e conveniente per le loro vite e scelto la difficile, scomoda ,pericolosa posizione di Testimoni della Verita pagando di persona. Auguro il successo piu largo possono del libro e che venga tradotto anche all’estero in particolare in inglese, spagnolo e tedesco per far conoscere al Mondo la Verita. Grazie Dott Tosatti.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Amico Tosatti,
    vorrei essere milionario per regalarne una copia a tutti quelli che ancora sono convinti che il memoriale di Viganò sia solo un maldestro attacco alla credibilità di J. Mario Bergoglio.
    Per quanto mi riguarda sono già troppo depresso, per cui metto da parte i soldi per acquistare quello che mi auguro sarà il suo prossimo libro: La musica è finalmente cambiata (e anche i suonatori).

    Ad Meliora.

  • Sconsolata ha detto:

    Unisco la mia alla sua preghiera e a quella di quanti apprezzano la sua coraggiosa testimonianza alla “verità”, per quel po’ che può valere, Buona domenica.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Sicuramente un libro, anzi una (s)confessione dettata da fede, chiarezza e verità che, visto il momento terribile che la “neochiesa cattolica” sta imponendo alla fede autentica di molti cristiani, non dovrebbe assolutamente mancare nella biblioteca di quanti desiderano avere un’idea precisa e non ideologica e politicamente tendenziosa di tutti gli abomini che purtroppo accadono quotidianamente in Vaticano, specie oltre il portone di casa Santa Marta dove apparentemente si predica bene, ma, specie ai “piani più alti” si razzola MOLTO MALE. La vera Chiesa infatti appartiene esclusivamente a Cristo e non dovrebbe essere il feudo terreno del Papa, il quale ha l’unico compito di amministrarla santamente senza l’ambizione di volersi sostituire ma mettendosi dietro a Colui che l’ha istituita e la sorregge contro gli attacchi del maligno.
    “Lungi da me satana perché tu pensi come gli uomini e non come Dio” (Mc. 8,27-33), ma poi, non appena
    che Pietro ebbe fatto la sua professione di fede, Gesù aggiunse:
    “Io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la MIA CHIESA e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa”. (Mt. 16.18).
    Quindi a questa gente io umilmente rammento le parole di Gamaliele: “”non vi accada di trovarvi a combattere contro Dio”.
    Grazie direttore per questa sua testimonianza diretta, onesta e dettagliata su questi “movimenti oscuri” che servono solo a distruggere la credibilità della Chiesa, (quella con la C maiuscola).
    Santa Domenica a tutti
    VIVA CRISTO RE!

    • anna maria ha detto:

      Ringrazio il Signore perché, in questo difficile periodo della Chiesa, continua a suscitare persone degne di essere chiamate cristiane ! Grazie a mons. Vigano , al sig. Marco Tosatti, al sig. Cascioli e…. tantissimi altri, nei diversi Paesi del mondo, che per amore del Signore Gesù, non smettono mai di testimoniare la Verità di Cristo, ad “alta voce”, perché tutti possano sentire con chiarezza. Ringrazio Dio per i santi Papi che Egli ha donato alla Sua Chiesa ,soprattutto nell’ultimo secolo, appena passato. Per il Santo Padre Benedetto XVI, CHE SOSTIENE PAZIENTEMENTE E CON GRANDE SOFFERENZA, la Chiesa del Signore , attraverso la sua ardente preghiera !!!
      Vi offfro la lettura di un semplice articolo, da me scritto qualche tempo fa , sul Santo Padre Paolo VI e sulla sua magistrale opera !
      https://annamariadematteis.wordpress.com/2018/10/14/paolo-vi-proclamato-santo-grande-la-sua-opera-magistrale/

  • Adriana ha detto:

    Gentile Tosatti ,
    prego per lei e per la sua salute , perchè , a sentire la supponenza – aprioristica -, l’acredine e il sarcasmo con cui sono intervenuti su questi blog i
    detrattori di Viganò , Viganò deve proprio aver testimoniato la Verità . E poichè la Verità dà sempre molto fastidio , ogni mezzo è buono per silenziarla …

    • Fabrizio Giudici ha detto:

      @Adriana E poichè la Verità dà sempre molto fastidio , ogni mezzo è buono per silenziarla …

      https://www.churchmilitant.com/news/article/argentine-whistleblower-found-dead-family-suspects-murder

      Sono breaking news, dunque non si sa cosa è successo e potrebbe essere che la donna si sia fatta del male da sola. Pare però che già da tempo avesse scritto “se mi trovate morta per sospetto suicidio, non sono io”. ChurchMilitant ha già raccontato di un prete americano che, anni fa, indagava sui circoli dei pervertiti e fu ritrovato suicida… o “suicidato”?

      • Adriana ha detto:

        Fabrizio Giudici ,
        ringrazio .
        Parafrasando Pascal : ” Il Potere ha delle ragioni che la Ragione non deve conoscere “.
        Cosa che , ad es. , ignorava Pecorelli .
        Questa specie di Sinodo mi è sembrato ricalcare il modello
        “Me too ” tanto caro al mainstream .
        Parole , parole , parole nell’intento di rendere ancora appetibile ai media l’Azienda-chiesa .

  • Vittorio ha detto:

    Ciao Tosatti,

    Mi fa piacere leggere tue note autobiografiche. Io conoscevo solamente dalla TV tuo fratello e poi ho appreso (spero di non sbagliare ) che il tuo povero papa’ morì nella tragedia di Superga , con il grande Torino! Riposino in pace.
    Del ritrovamento di Moro non sapevo. Un saluto.

  • Sulcitano ha detto:

    La battaglia sarà lunga e dura, ma il Leone di Giuda
    l’ha già vinta per noi, per lei, per tutti.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  • GMZ ha detto:

    Iniziativa doverosa per mettere in riga i propalatori delle “fake news” inoculate dal Minculpap e rilanciate ovunque – non ultimo da quel capolavoro di sconcezza di “Sodoma”.

  • Dorotea ha detto:

    Stimatissimo dott. Tosatti…. segnaliamo di cuore l’aver annunciato anche noi qui:
    https://cronicasdepapafrancisco.com/2019/02/24/bergoglio-fa-un-mea-culpa-ma-son-lacrime-di-coccodrillo/
    l’uscita del suo libro perché è necessario ora che noi laici ci assumiamo anche una certa responsabilità facendo le scelte giuste, in questo campo minato certamente e non privo di pericoli e di ostacoli, ma siamo in questa “valle di lacrime”, come diciamo nella Salve Regina, e Gesù non discese a noi per farsi una vacanza sulla terra 😉
    Il “mea culpa” fatto a rito penitenziale a chiusura del vertice vaticano è stato davvero scoraggiante e una vera presa in giro….
    La faciloneria attraverso la quale si dicono certi “mea culpa” è indicata dal fatto che -questa preghiera penitenziale – NON è stata fatta IN GINOCCHIO DAVANTI AL SANTISSIMO magari esposto per l’adorazione… ma nella Sala regia SEDUTI SU COMODE POLTRONE… davanti ad un Crocefisso portato per l’occasione….
    Quando certi “mea cupa” si dicono troppo di frequente e manca quell’ora nel Getsemani, c’è di che diffidare, perché è certo che te la stanno menando da un’altra parte….
    E se diciamo che son lacrime di coccodrillo, è perchè ve lo dicono tutti gli editoriali degli ultimi – almeno – tre anni… che non sono le nostre opinioni magari anche discutibili, ma sono PROVE, PROVE DI FATTI E DI CRONACHE continuate e peggiorate.
    Ma non praevalebunt!!!

  • HK ha detto:

    good idea, I “can not wait” to be able to read it . Henry

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Perdone que le escriba en español pero tengo prisa.
    Quiero decirle que ha hecho bien en ponerlo por es un libro, porque Internet no es de fiar: wb que desaparecen, enlaces que con el tiempo dan error, frases y palabras que fueron escritas y ya no existen porque han sido borradas, etc.,.
    De libro siempre quedará rastro en alguna biblioteca particular, en alguna biblioteca pública o en alguna librería.
    Saludos.

  • Diana ha detto:

    “(c’è chi è arrivato a ipotizzare che avesse addirittura organizzato l’operazione, più o meno plagiando l’arcivescovo per fini politici!)”
    “E, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi, per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Chieda la massima Protezione alla Madre di Dio.
    Non sapeva quello di Aldo Moro, perché l’assassinio di Aldo Moro e Luis Carrero Blanco stanno uniti per un nome: Heinz – Henry – Alfred Kissinger.
    E ora il libro sulla storia di Viganò…: chieda la massima Protezione alla Madre di Dio.
    Saluti.

    Estimado Director::
    Pida la máxima Protección a la Madre de Dios.
    No sabía lo de Aldo Moro, porque el asesinato de Aldo Moro y Luis Carrero Blanco están unidos por un nombre: Heinz -Henry- Alfred Kissinger.
    Y ahora el libro sobre la historia de Viganò…: pida la máxima Protección a la Madre de Dios.
    Saludos.