CHIESA POLACCA SOTTO TORCHIO A CAUSA DI AMORIS LAETITIA. PAPA E TENEREZZA, KAFKA E VATICANO.

 

Marco Tosatti

La Chiesa polacca è sotto torchio. Non per le bugie che i nostri giornali mainstream raccontano sul Rosario ai confini e così via; si sa, il partito al governo e il suo Ufficio Affari Religiosi, leggi CEI sono profondamente interessati e forse non solo spiritualmente al nodo dell’immigrazione-invasione. E quelli sono giornali sensibili a certi input. No la Chiesa polacca sta pagando ancora una volta, come le è già capitato nella storia, in maniera drammatica e sanguinosa, la sua fedeltà al Magistero della Chiesa. Quello di sempre.

Nei giorni scorsi su La Nuova Bussola Quotidiana è uscito un articolo sulle linee guida proposte all’approvazione della Conferenza Episcopale Polacca in tema di famiglia e divorziati risposati. Era stato preparato da un ufficio – il Centro nazionale per la pastorale familiare della KEP – e quindi non è un documento venuto da Marte.

A chi scrive era giunta notizia di un passo del Nunzio a Varsavia, l’arcivescovo Salvatore Pennacchio, presso la KEP per moderare la pubblicazione del testo. Su questo punto ci ha scritto don Pawel Rytel, portavoce della KEP, smentendo “Ciò che Lei dice in riferimento alla pubblicazione e all’intervento del Nunzio Apostolico sul documento circa la pastorale delle famiglie di questa Conferenza Episcopale. Il comunicato finale alla conclusione dei lavori della plenaria è l’unica fonte ufficiale di quello che si è discusso durante l’incontro dei Vescovi”.

Il documento conferma la dottrina di sempre della Chiesa, basata sulle parole di Gesù nel Vangelo, e che cioè non ci può essere vita coniugale attiva, con rapporti sessuali, per una persona il cui primo matrimonio sia ancora valido. Non esiste un “divorzio cattolico”.

Infatti la KEP non l’ha ancora ratificato. Ma il testo è stato reso pubblico. E questo ha provocato, a quanto sembra, uno dei non inediti e non inusuali accessi di cattivo umore del Pontefice regnante. Non ci sono notizie ufficiali; anzi l’ufficialità tende a smentire sia il passo del nunzio, che il seguito, ma le indiscrezioni che ci risultano sono di una fonte (locale) ottima. Il Nunzio sarebbe stato interessato alla questione e in un colloquio con il Primate di Polonia gli avrebbe significato il “Quos ego…” del Papa, convocandolo in Nunziatura. C’è chi ci ha accennato anche – e anche in questo caso si tratta di indiscrezioni non verificabili – alla possibilità di ritorsioni pontificie, con un possibile pogrom di vescovi resistenti. Sarà vero? Come dicevamo la fonte è ottima, e sa di che cosa parla. Il tutto mentre su Twitter appariva il messaggio del Pontefice sulla tenerezza divina. Un po’ surreale, no?

Ma la cosa che colpisce in particolare chi scrive è l’atmosfera kafkiana di questa storia. I polacchi saranno bastonati, se, e speriamo di no, saranno bastonati, non perché hanno disobbedito. Ma perché preferiscono, per la salvezza della loro coscienza, non aderire a una ambigua possibilità, espressa ambiguamente in un testo sulla cui valenza magisteriale si potrebbe discutere (credo che un’esortazione apostolica sia meno “pesante” di un’enciclica; ma accetto di imparare). È un meccanismo che conosciamo bene: nei regimi sovietici basta il non entusiasmo per condannarti. Pensate alla Rivoluzione Culturale, promossa dall’anziano e squilibrato Mao Tse Dong, e ai danni incalcolabili provocati alla Cina. Mentre gli intellettuali progressisti a occidente applaudivano…Nel Vaticano di oggi, lo strano cocktail di dittatura personale sudamericana spruzzata di sorveglianza e spionaggio stile sovietico (a pagamento vi dico chi sono i Laurentj Beria della situazione) va bevuto senza discutere, sorridendo felici. Fra gli applausi osannanti della stampa di regime.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

117 commenti su “CHIESA POLACCA SOTTO TORCHIO A CAUSA DI AMORIS LAETITIA. PAPA E TENEREZZA, KAFKA E VATICANO.”

  1. Forse soffrirò di una grave disabilità cognitiva, ma oggi dopo aver letto nel sito del Vaticano il discorso del Papa alla delegazione del Consiglio Metodista Mondiale non ho capito più niente.
    Come mai a Papa Francesco il Libro del Levitico va bene quando parla di Giubileo ( discorso a lui tanto caro) ma non va più bene quando ( vedi ad esempio cap.24 , versetti 15-17) dice:
    <>. ? ( Sacra Bibbia della CEI – edizione 2008 )
    Ma in fin dei conti chi è lui per giudicare che cosa della Bibbia è da prendere alla lettera e applicato e che cosa no?
    Ad esempio, i polacchi non hanno messo a morte nessuno, nemmeno i bestemmiatori e i terroristi omicidi che uccidono in nome del loro dio fasullo: si sono limitati a recitare il rosario. E allora perché condannarli ( i poveri oranti) e addirittura permettere che il Primate polacco minacci di sospensione a divinis i sacerdoti cattolici che d’ora in poi si renderanno colpevoli di simili iniziative?
    Ormai la Chiesa, per me, è come una vecchia locomotiva a vapore: le ruote continuano a girare in avanti anche se gli stantuffi invertono il senso del loro movimento ogni pochi secondi. Però come si fa ad avere fiducia in una guida che un giorno dice che la misericordia di Dio perdona tutto, ma proprio tutto, anche i peccatacci più gravi, e poi il giorno dopo condanna milioni di persone solo perché all’unisono hanno recitato un rosario per chiedere a Maria la sua protezione per la loro patria e l’Europa dal pericolo sempre più incombente di una selvaggia islamizzazione?

  2. Caro Direttore:
    Un fatto di quando Jorge Mario era arcivescovo di Buenos Aires: Omar Bello: El verdadero Francisco (Il vero Francesco). Buenos Aires, 2013, pp 36 -37:
    “-Bisogna gettarlo già!- reclamò Bergoglio alzando la voce. le pareti tremarono. -Né un giorno più puoi stare qua questo tipo! Capirono?
    Si riferiva ad un impiegato della Curia.
    -Gettamelo subito! Intenditore?
    -Ma vuole parlare con lei… -replicò uno degli economi.
    -Dissi che lo getti già. In che lingua parlo?
    -Sta bene, monsignore… Lo gettiamo subito.
    Bergoglio neanche abbandona le sue abilità. Già cacciato, l’impiegato in questione chiese un’udienza col cardinale e gli fu concesso rapido, senza fare domande.
    -Ma io non sapevo niente figlio. Io sorprendés…
    -Perché ti gettarono? Chi fu?
    L’uomo uscì dagli uffici cardinalizi senza lavoro ma con un atto zero chilometro in regalo, credendo che Francesco era un santo sospinto per circostanze altrui al suo controllo, dominato di una caterva di assistenti maliziosi. La storia di quello licenziamento è ripetuta fino a per gli addetti di sicurezza della Curia porteña.” (“porteña”: di Buenos Aires).
    Saluti.

  3. Certamente lo Spirito Santo è l’ispiratore.
    Meno certo lo scopo per cui l’abbia permesso.
    Probabilmente c’è urgenza di sprofondare ancora.
    Gli idolatri crescono mentre le Chiese si svuotano….

  4. Leggermente OT (ma poi non tanto): questa e’ la risposta ai padri dell’Isola di Patmos e ai loro salti mortali per cercare di dimostrare che Bergoglio ha le mani legate, che quello che riporta Scalfari non e’ il suo vero pensiero (e allora perche’ continua a farsi intervistare da questo soggetto?… NdR), che Bergoglio e’ ortodossissimo… si’, certo, come no: http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2017/10/20/cose-da-fine-del-mondo-i-novissimi-secondo-francesco/

    1. Grazie Claudius, ottima segnalazione, chissà che mal di pancia per gli studentelli avvocati d’ufficio a oltranza E a prescindere del pampero……ma anche riguardo l’impeccabile Magister troveranno qualche specchio su cui arrampicarsi😴😴😴😴

      1. comunque io il sito Isola di Patmos lo leggo. Ci scrivono persone intelligenti anche se spesso non sono d’accordo con quello che dicono. Inoltre alcuni commenti sono molto interessanti. Ti suggerisco di leggere quello sull’ultimo articolo, l’autore si firma “lettera firmata”. Molto interessante.

        1. Ok però è già un passo avanti nella comprensione del problema. Credevamo do doverlo processare per luteranesimo e invece è altro.
          Chissà se Magister abbia notato che il Papa ha detto ”tutto” e non ”tutti” e se abbia capito perchè…chissà….

      1. @ QC (21.10/6:49am)
        Che il papa non sia luterano é prematuro dirlo.
        Che sia un estusiastico ammiratore di Lutero, questo é sotto gli occhi di tutti e i sicofanti che lo circondano provvedono a infondere questo entusiasmo in tutti coloro che si lasciano ancora gabbare da Bergoglio, vescovi inclusi.
        Il Satrapo usa persino gli stessi epiteti che Lutero usava contro gli “observantes” del suo tempo per denigrare i cattolici seri (cfr. Hartmann Grisar, S.J., Luther, Herdersche Verlagshandlung, Freiburg i.B., 1911, vol. I, pg. 52).

        1. D’accordo, Gervasi. Comunque dubito che un luterano direbbe ”si salverà tutto”. Lo vedrei più in bocca ad un ortodosso greco (forse).
          Cordialità.

  5. Cari amici,
    vi dico bel chiaro e tondo che i laici, ripeto i laici, devono avere il coraggio di prendere il pallino in mano e di mandare a quel paese la gerarchia. E’ ormai chiaro che per ossequio al potere costituito (forse per ricavarne vantaggi?) vescovi e sacerdoti, anche quelli inizialmente “refrattari” all’attuale regime, sono ormai proni agli ordini del Capo. Se non ci diamo una svegliata tutti noi, la Chiesa è spacciata.
    Noi laici peccatori ma credenti, ce ne dobbiamo infischiare dell’attuale magistero e dobbiamo smetterla una buona volta di proclamare “il capo ha sempre ragione”. Sono quattro anni che mi auto-freno. Adesso ho svaccato e non ne posso più: e oggi, come una tortura, mi devo subire ancora Galantino con le sue sortite. Basta per la miseria.

    1. Certo è ora che i laici si diano da fare perché quei sacerdoti che hanno detto chiaramente come stanno le cose,vedi Don Alessandro Minutella,sono stati sospesi dalle loro parrocchie,sospesi in tutto,e denigrati in programmi televisivi,èora di resistenza per sacerdoti e laici a costo della vita.DOTTRINA DELLA CHIESA E BASTA,si renda conto Bergoglio che all inizio non avevamo capito e lo abbiamo amato ,ma adesso è tutto chiaro,non c e più bisogno di spiegazioni da parte di giornalisti e uomini di cultura ,la maschera è caduta,l inganno è stato fatto a tutto il popolo cattolico,prepariamoci alle catacombe.

      1. Da anni dico che i laici non sono i manovali della chiesa, da adibire esclusivamente alle pulizie, alla raccolta delle offerte e a servire la Messa. In quanto battezzati sono anch’essi templi dello Spirito Santo, testimoni e annunciatori del Vangelo . Anche se non rivestiti di tonache bianche, rosse e nere, hanno un cuore, un’anima, una mente con la cui forza possono amare Dio e dare un contributo alla diffusione della sua parola. Sarebbe ore che il portatore di un cristianesimo di seconda mano la smettesse di considerare di scarto certe persone solo perché la loro ignoranza non arriva all’altezza della sua .

  6. Il tutto con la benedizione dell’ IMPOSTORE ARGENTINO che in tema non apre bocca….e chi tace acconsente! Che schifezza!

    “Il Vescovo irlandese di Limeryck Mons. Leahy, ha dichiarato qualche giorno fa a diversi quotidiani, che all’incontro delle famiglie che si terrà a Dublino nell’agosto 2018, sono caldamente invitate anche le coppie dello stesso sesso, perché bisogna “accogliere tutte le famiglie, anche quelle che a noi sembrano diverse” (https://onepeterfive.com/program-2018-world-meeting-families-features-homosexual-imagery-themes/). Non ci deve stupire l’uscita di questo Vescovo. E’ l’aria che si respira ormai in questa neo chiesa, che accoglie tutto e tutti, ma non evangelizza più nessuno. Tutto va bene. Tutto è perdonabile. Tutto è giusto. Escluso essere cattolici. Perchè se preghi il Rosario, se ami il Signore, se tieni all’identità cristiana in Europa, rischi anche la scomunica (http://www.famigliacristiana.it/articolo/il-primate-cattolico-polacco-sospendero-a-divinisi-i-prenti-anti-immigrati.aspx).

    Se dunque possiamo restare basiti davanti ad una notizia del genere, stiamo pur certi che la porta è spalancata a cose ben peggiori. Basti pensare che nel libretto del programma stampato per il prossimo incontro della famiglia 2018, vi sono anche messaggi Lgbt. Per esempio una foto con due ragazze che si abbracciano “intimamente” (trovate la foto nello stesso link di onepeterfive). Questi a casa mia si chiamano “ammiccamenti”. Perchè il sito Lgbt dell’Irlanda “Gay Community News” ha interpretato bene il messaggio, sfoggiando una bel titolone che esalta i Vescovi di quella nazione per essersi finalmente “aperte” alle coppie omosessuali. E scusate se non l’hanno fatto prima! Ovviamente nessuno di quei Vescovi ha avuto da ridire.

    Dire e non dire. Silenzi che acconsentono. Ammiccamenti. Questa è la neo chiesa. La chiesa arcobaleno. La chiesa che ha tradito il Vangelo di Gesù Cristo.”

    1. Cara Giusy,
      dici il vero,
      “E’ l’aria che si respira ormai in questa neo chiesa, che accoglie tutto e tutti, ma non evangelizza più nessuno. Tutto va bene. Tutto è perdonabile. Tutto è giusto. Escluso essere cattolici.”

      Ed ancora:

      “Dire e non dire. Silenzi che acconsentono. Ammiccamenti. Questa è la neo chiesa. La chiesa arcobaleno. La chiesa che ha tradito il Vangelo di Gesù Cristo.”

      Sa il Cielo cosa altro ci toccherà vedere e sentire,da questa neo-chiesa disgraziata.

  7. Se la notizia si confermasse come vera, avranno certo motivo di festeggiare i vescovi dell’Argentina: ben diversa la loro interpretazione data ad A.L., ben diverso l’apprezzamento di questo Papa.

    Se ne hanno già avuta notizia, staranno già festeggiando in amorosa letizia a spumante e patatine a forma di ostie.

    Come si vedono nel video segnalato al link in basso, in cui si vede Bergoglio che le distribuisce come patatine (che passano di mano in mano tra ka folla); e, salvo non sia ventriloquo, non le presenta come Corpo di Cristo come è ragionevole pensare che faccia chi non crede davvero che lo sia.

    Se non vogliono arrivare ad uno scisma non vedo proprio come i vescovi polacchi ed igni altro cattolico si voglia fedele alla tradizione, alla dottrina valida fino al orecedente pontificato ed oggi posta nel processo fluidificante dell’incertezza, al catechismo che ne deriva, al deposito di fede, alka Chiesa, non vedi proprio, dicevi, come potrebbero resistere.
    Ma apero che lo facciano con l’ausilio della forza sovrannaturale a cui dobbiamo tutto: l’unica che può concederci la forza necessaria per resistere e non far vincere la preternaturale forza del Maligno (ben superiore alle nostre sole forze umane) e dei suoi servi ed utili idioti.

    https://m.youtube.com/watch?v=UVUkMLUEeLs

    1. Bravo Andrea P……sei riuscito a zittire gli studentelli…..vedi che su certi argomenti, come anche su quello delle cosiddette “famiglie” arcobaleno, non hanno specchi cui arrampicarsi…..😀

    2. Questo video è impressionante e a proposito del fatto che non dica nulla né innalzi l’Eucaristia: la mia parrocchia da anni è in gestione a una congregazione tedesco-argentina i cui sacerdoti hanno il medesimo uso, cosa che mi ha sempre fatto sentire grande disagio, un senso di mortificazione, mentre ricevevo la Santa Comunione.

      1. Lo sarei anch’io: già soltanto vedere che accade nel video mi mette a disagio.

        Ma come: Gesù si è sacrificato per noi sulla Croce.. e questi cialtroni nemmeno la “fatica” (gli parrà troppo sforzo o noioso) di innalzare e presentare il Corpo di Cristo!

        Ma forse, spiegazione potrebbe essere quella che già accennavo: costoro non credono che sia il Corpo di Cristo.

        Ed aggiungo che, allora, chissà cosa credono questi, se credono.. e chissà quanti ce ne sono!

        1. Che dire Andrea P, della Messa celebrata da Bergoglio a Manila, con la distribuzione delle ostie, come al mercato, vorrei sapere quante ostie siano cadute a terra, calpestate, nostro Signore ridotto peggio di qualunque cosa, meglio che mi fermo quì.

          1. Hai già detto l’essenziale con
            “nostro Signore ridotto”: già questo basterebbe per capire il torto compiuto.

  8. Caro Direttore:
    È da anni che scrissi che la Chiesa cattolica ha un problema. E quello problema è che non capisce o non vuole capire che Francesco è il profetizzato “Pastore ignorante e falso profeta” Zaccaria ed Apocalisse.
    E la missione de Francesco “Pastore ignorante e falso profeta” è fare la strada al suo padrone e signore l’Anticristo, l’Avversario, il Seduttore, il Bugiardo, l’Imbroglione, 1Giovanni 2: 18. 2Giovanni 7. 2Tessalonicesi 2: 1-12.
    E come non si capisce o non si vuole capire quello, perché non si capisca niente di quello che sta passando e di quello profetizzato che deve passare: Matteo 24 // Marco 13 // Luca 21.
    Saluti.

    1. Nella chiesa e nel mondo regna satana che attraverso il nostro adorato Papa Francesco sta venendo fuori dalle vostre bocche e cuori. Convertitevi, perché che vi facciate grandi sulla terra attraverso le corbellerie che scrivete, non vi gioverà alla vita eterna! Quella, se continuate così, sarà dannata ETERNAMENTE! Siete in tempo finché vivete nel mondo. Vi consiglio una conversione repentina!

      1. Perché signora pamela alias frenfren lei pensa che così lei si salverà?…..convinta lei! Comunque grazie a Dio io ho il mio Santo Confessore e se non le dispiace lo trovo più credibile di lei, signora Pamela, che adora il suo pseudo papa anziché NSGC.

      2. Pamela… il “nostro adorato Papa Francesco”?
        Ma “nostro” di chi?
        Dei papalatri? Dei Bergogliolatri?
        Il suo uso del termine “adorare” rivolto a Bergoglio è veramente interessante, direi rivelatore:
        Un cattolico (un cristiano, quale che sia), dovrebbe ben sapere che solo la divinità merita adorazione, gli umani, se degni, venerazione.

        Lei invita alla conversione all’idolatria che, purtroppo, è sciagura diffusa in questo disgraziato pontificato nel segno dell’ambiguità, della contraddizione strumentale al caos che si oppone all’ordine di Dio.

        GIà sedotta dalla confusione, quella dove Bergoglio viene adorato come fosse il Creatore, un secondo Messia, un Gesù II, invita altri a confondersi allo stesso modo.
        Vorrebbe che anche sempre più altri fossero come ciechi che si fanno guidare da ciechi: cone se non ce ne fossero già troppi!

        Con il terrore che lei possa confondere altri (già grave sarebbe per la sua anima l’essere idolatra, offendendo il vero Dio, tradendo il vero Dio e vero Uomo che non è Bergoglio, il poter trascinare nel suo culto idolatra altri, quanto più greve renderebbe il suo torto, il suo peccato?),
        la invito a cercare il vero nel profondo della fede (data la superficialità e l’ambiguità inquietante negli sproloqui deliranti o banalizzanti assai frequenti in Bergoglio, è conveniente non cercarla lì) e vedrà che non sarà difficile comprendere il brutto segno della sua adorazione per Bergoglio che vorrebbe fatta propria da chi non lo adora, non ha intenzione di farlo domani o mai e neppure lo venera, preferendogli (per dirla con eufemismo) santi più credibili.

        Le dico ciò con fraterna preoccupazione per la salvezza della sua anima, di chi da lei potrebbe esserne confuso (magari altrove e non qui), animato da sincera carità.
        Forse è ammaliata, ma si risvegli! Che non si lasci ingannare dal serpente a cui va, invece, opposto il fermo rifiuto e schiacciata la testa.

        Ed al suo invito di far conversione all’idolatria, per il bene suo e non solo, si dica (e lei per prima dovrebbe) : VADE RETRO, SATANA!

        Detto questo: è interessante anche che lei venga qui ad accusare altri “di corbellerie che scrivete” e questo subito dopo aver concesso un lapsus così rivelatore: adorato da lei e chi farebbe meglio a meditare ancora..

        Dal Vangelo secondo Luca (senza registratore, è vero ma, per grazia ricevuta a beneficio di tutti, non era un gesuita che, con registratore o senza, ad oggi, sarebbe stata disgrazia vera), cap. 6:

        “39 Disse loro anche una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutt’e due in una buca?
        40Il discepolo non è da più del maestro; ma ognuno ben preparato sarà come il suo maestro.
        41Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo? 42Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo?
        Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio ed allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello.”

        Sia lodato (ed adorato) Gesù Cristo!
        (Bergoglio chi?)

        1. ”Un cattolico (un cristiano, quale che sia), dovrebbe ben sapere che solo la divinità merita adorazione, gli umani, se degni, venerazione”

          Vero! Però un cattolico dovrebbe anche ben sapere che ”nostro” significa che il Papa è anche il suo (quindi il tuo).
          Un cattolico inoltre dovrebbe anche ben sapere che è suo dovere credere ai dogmi, inclusi quelli che ti impediscono di considerare fallibile il Papa. Vero che sei d’accordo andrea. O la pensi ancora come tre settimane fa?

          1. @ QC e l’infallibilità papale (21.10/12:20pm)
            Reazione di QC al posting di Andrea P. (20.10/10:34pm). Quello che QC NON dice circa l’infallibilitá papale.
            Siccome siamo cattolici e non siamo scemi, sappiamo bene che:
            (1) Non consta che ci siano diversi dogmi che definiscano l’infallibilità papale per se.
            (2) Forse QC si riferisce alla costituzione apostolica “Pastor Aeternus” al plurale, per rispetto.
            (3) Secondo il trattato di dogmatica usato generalmente da chierici e laici “Wikipedia.it”, il papa “deve essere considerato infallibile quando parla ex cathedra, cioé quando esercita il ‘suo supremo ufficio di pastore e di dottore di tutti i cristiani’ e ‘definisce una dottrina circa la fede e i costumi’ […]
            Inoltre, qualora il papa stesso non usi esplicitamente e dichiaratamente (in modo da farlo comprendere immediatamente a tutti i fedeli) questo carisma.” E’ il caso della lettera apostolica di papa Giovanni-Paolo II ai vescovi della chiesa cattolica concernente il sacerdozio delle donne.
            Quanto da lui stabilito sotto queste condizioni ‘vincola tutta la Chiesa’” (http://it.wikipedia.org/wiki/infallibilita_papale).
            Quindi, Signor Andrea, non si lasci impressionare da questo ciarlatano, che Le parle dei “dogmi […] che ti [sic! n.b. QC da chierico maleducato non Le dá del Lei] impediscono [direi piuttosto ‘che richiedono il Suo assenso de fide credenda’] di considerare fallibile il Papa”.
            Le rivela QC forse che il dogma dell’infallibilitá pontificia definisce SOTTO QUALI PRECISE CONDIZIONI il papa é da considerarsi infallibile? No, naturalmente. Cosí i chierici che si considerano furbi gabbano i cristiani che loro considerano scemi.
            Devo considerare le scemenze che il Bergoglioso dice a tutti i venti e al suo intimo del cuore Eugenio Scalfari come verità infallibili della chiesa cattolica apostolica romana? Ma suvvia, QC, non ci faccia ridere!

          2. Ps gervasi non sono un chierico, ma uno studente di liceo. Credo di averglielo scritto almeno 100 volte. Forse alla 101esima lo comprenderà…

          3. Gentilissimo e grandissimo sig. Gervasi, ma ricorda anche lei che una volta il QC sotto altro nick, (con cui ci sommergeva di lenzuolate😵😵😵😵), ha giurato e stragiurato di essere un settantenne sposato e senza figli…..ora è uno studentello…..mah……in ogni caso la supponenza e l’arroganza intellettuale sono identici, quasi una firma.

          4. Gervasi il ”ps” si spiega perchè prima avevo scritto un altro messaggio che il ”Direttore” non ha pubblicato.
            Si vede che lei può chiamarmi ciarlatano e io non posso difendermi spiegandole il perchè del mio messaggio ad andrea e l’inconferenza del suo intervento.
            Scelte redazionali…
            Saluti.

          5. In generale, non rivolto a nessuno in particolare, vorrei però lanciare un umile appello a non diventare personali nel confronto. Parlato di cose e idee, senza trascendere. Dico a tutti, insisto.

          6. Salve Dottore, durante l’Ufficio notturno non manco di passare a trovarla. Apprezzo il suo intervento. Solo che fatico a comprendere perchè taluni possano liberamente insultarmi e io non possa replicare (peraltro senza usare parole insultanti). Ma il padre Giovanni il Persiano, appena letto e meditato, insegna a tacere davanti alle calunnie e a ringraziare i calunniatori. Forse anche lei vuole insegnarmi questo. Pertanto ringrazio e mi taccio.
            Buona domenica.

          7. Tanto ora QC alias Vincent Vega dà lezioni dall’ alto del suo sapere usando altri nick tipo Federico, quindi pura ipocrisia come da mesi dimostrato.

          8. Buonasera Dottor Tosatti,
            Solo per sapere se nel mio programma di crescita spirituale sia compreso ringraziare per le maldicenze anche gli utenti disturbati di testa e un po’ squilibrati.
            Facciamo così: se vedo pubblicato il messaggio, lo prendo come un sì e ringrazio prontamente.
            Se non lo vedo pubblicato, interpreto come un ”ignora”.
            Attendo Sue istruzioni.
            Grazie

          9. A proposito di INTERCOMUNIONE…..leggere attentamente la conclusione.

            “Riferendosi alla Chiesa Metodista, Avvenire scrive:

            Da qui l’esortazione di papa Francesco a “crescere in una comunione maggiore”, di proseguire il cammino “con la nuova fase di dialogo che sta per avviarsi sul tema della riconciliazione”, nella certezza dell’opera dello Spirito di Dio che sempre crea carismi nuovi e “il miracolo dell’unità riconciliata”.
            Il dono della Grazia che “abbiamo scoperto gli uni negli altri”, il conseguente arricchimento reciproco e la consapevolezza di essere “fratelli e sorelle in Cristo”, segnano quel tempo nuovo – spiega il Papa – in cui “prepararsi, con speranza umile e impegno concreto”, al “riconoscimento pieno che avrà luogo, con l’aiuto di Dio, quando finalmente potremo ritrovarci insieme nella frazione del Pane”.”

          10. Ok obbedisco.
            Grazie Giusy per tutte le cattiverie che ogni giorno mi riversa addosso, con tempestività cronometrica.
            Essere insultato e calunniato da una persona come lei, è quanto di più efficace per diventare consapevole della mia nullitudine.
            Quindi grazie, grazie e grazie.
            Mi inginocchio le lavo virtualmente i piedi, sperando in qualche calcio.

          11. QC, ora fa anche la vittima. Chiunque può rileggere ciò che QC mi ha riversato addosso quando si è accorto che il suo mieloso cercare di farmi incantare chiamandomi ZIETTA, non mi impediva di mantenere LIBERTÀ di pensiero e SPIRITO CRITICO. CHIUNQUE LO PUÒ RILEGGERE. Dimostrando in questo modo la sua volontà assoluta di manipolare con qualunque mezzo noi poveri miseri mortali in Cammino dall’ alto della sua presunta, solo da lui, superiorità culturale e intellettuale. È davvero ridicolo ora il suo vittimismo, il suo ritenersi “agnello sacrificale”…..considerando i suoi interventi precedenti, privi di qualsiasi umiltà e autentica umanità, appare solo un fatto di ipocrisia e di forma.

          12. Gentile signora, non me ne voglia. Sto solo seguendo un programma di rinascita spirituale concordato con il dott. Tosatti (verso il quale mi pongo come un novizio davanti al proprio Abate).
            Quindi grazie ancora una volta per le sue male parole e anche per le pubbliche umiliazioni che mi riserva.
            Mi prostro alle sue pantofole!

          13. Lo spettro di QC:
            considero Bergoglio papa della Chiesa cattolica.
            Purtroppo.
            Pessimo ma papa poiché il munus petrino gli è stato confermato anche dal suo predecessore ed emerito papa.

            Ma lo considero papa del paradosso, capacissimo di smantellare astutamente ed oserei dire, anche, con sottile perfidia, ogni continuità logica nella Chiesa, per stravolgerla in modo irreversibile.

            Paradossi ed incongruenze inoculate dentro la Chiesa, a suon di ambiguità che consentano di introdurre, via via, sempre più note stonate.

            E tanto affinché si consolidino, in passo successivo (stato avanzamento lavori pianificati, in corso d’opera( come nuove prassi (si fluidifica dottrina e liturgia) a scapito della tradizione (il cui valore migliore è quello di esaltare o preservare il deposito di fede per cui ha senso avere una Chiesa cattolica, un papa…) e che, poi, verranno riconosciute e codificate (catechismo, nuove traduzioni ad hoc per il processo fluidificante).

            Non metterei neppure la mano sul fuoco a garanzia del fatto che sia credente (o in cosa).

            Papa forse neppure credente e chissà in cosa se lo è (forse solo la sua apprezzata psicanalista ebrea non cristiana lo sapeva, forse bisognerebbe chiederlo a Bonino o Scalfari che, mi pare, facciano del loro meglio per farcelo capire tra le righe come certi personaggi della corte bergogliana), anticattolico, la Chiesa di note stonate ne ha viste introdotte così tante e rapidamente a partire dalla sua guida paradossale (è un paradosso persino che sia papa un gesuita, ora i gesuiti rispondono solo a se stessi nelle persone del generale dell’ordine e del papa) e già essendocene non poche (aperture conciliariste) che siamo alla cacofonia evidente (con diicesi o conferenze episcopali che sembrano proprio suonare spartiti diversi).

            Non ho cambiato idea ma, osservo, il papa dei paradossi si mostra tale anche perche ne crea sltr , di continuo: nel provare a difendere la Chiesa cattolica dal papa anticattolico ed i suoi accoliti ed adoratori, si è cattolici o anticattolici? Si è più cattolici esaltando lutero?

            E sarà sempre più grave il paradosso: se si vuol essere cattolici con obbedienza entusiasta toccherà plaudire un eresiarca che, però, è papa.

            Solo con un gesuita che viene fatto papa (il fondatore ne sarebbe stupito), credo, si poteva ottenere una tale cacofonia.

            E si osservano i primi conseguenti casi di isteria: la difesa della Chiesa, una, santa e cattolica ed al contempo del Papa anticattolico, che dir imbarazzante è riduttivo,
            hanno un divario progressivo sempre più ampio e costringe all’esercizio di arrampicate sugli specchi, via via più ardue da compiersi preservando lucidità di ragioneved onestà intellettuale e però, via via, meno efficaci e che rasentano il grottesco, la parodia, il surrealismo, il demenziale: la reazione isterica verso coloro che criticano Bergoglio e ne denunciano il disegno di cui è esecutore, è il meno che può capitare, c’è da uscir proprio di senno.

            Molti tra chi si ostina a difender il papa dei paradossi ha già deciso come risolvere il dilemma
            (meglio la botte piena o la moglie ubriaca?) così:
            si metta la moglie ubriaca dentro la botte così la botte resterà piena.
            Se una moglie ubriaca non è un bello spettacolo, mettendola a star dentro la botte è condannata a morire: spettacolo tremendo e, per giunta, così rendendo il vino inservibile.
            Però ci sono sempre gli psicanalisti non cristiani che possono spiegargli: l’importante è che si faccia quello che si pensa che sia giusto, che sia il bene.
            E che lo persegua per essere felici con se stessi: “chi sono io per giudicarti?” – direbbe lo psicanalista non cristiano al cristiano che ha dei dubbi sul fatto che sia la botte piena e ka moglie ubriaca la ricetta (e larga via) buona e giusta per la felicità.

            Grazie per tutti gli interventi (intendo anche quelli di G. Gervasi, Giusy, Tosatti..).

            Restiamo (conto sul fatto che lo siamo già) in pace pur discutendo con passione (che non sarà mai troppo peggio, penso, dell’esser troppo tiepidi e vomitevoli).

            🙂

      3. Cara Signora Pamela, con quale diritto ci ordina una “conversione repentina”? Qui ognuno di noi ha diritto di parola e, considerarci incapaci di intendere e di volere sulle questioni trattate, é oltremodo offensivo.

        1. @ QC (21.10/5:56 pm)
          Che Lei sia un liceale, QC, non solo non me l’ha detto 100 volte ma non me l’ha detto MAI.
          Questo come precisazione doverosa.
          Che Lei poi sia un semplice liceale … Ma suvvia, QC,
          non si aspetterà che Le creda.

          1. @ Giusy
            Ma chi é ‘sto Vincent Vega, Giusy? Ho cercato sul web e Vincent Vega risulta essere un noto autore di “pulp fiction”. Uno dei suoi lavori é stato filmato con John Travolta. Non vado oltre nelle domande e nelle supposizioni per rispetto all’ammonimento del Dott. Tosatti.

          2. Abbè Gervasi, mi sembrava di averglielo detto 100 volte.
            Se mi sono sbagliato, mi scuso.
            Se non mi sono sbagliato, mi scuso lo stesso.
            Strisciando La saluto.

          3. Infatti caro Gervasi.
            QC sarà tutto meno che “Un giovane liceale”, da come si esprime direi che qualche annetto ne ha sulle spalle.
            QC, stavolta ci abbiamo……..azzeccato 🙂

      4. Padre, perdona la nostra sorella Pamela Mazzola, la quale non sa cosa dice, e dice cose pensando di sapere quel che dice, ma che in realtà dice stupidaggini.
        Apri i suoi occhi, i quali sembrano essere ben foderati di prosciutto, almeno fosse quello di Parma.
        Stura i suoi orecchi, affinché ciò che ode rimanga e non attraversino il….vuoto, dona la luce, poiché và in giro con il moccolone di Bergoglio spento, credendo di vedere meglio degli altri ma perdendo il conto della cantonate che prende.
        Perdona noi, perché nello zelo della verità a volte prendiamo per il naso la nostra amata sorella Pamela, ma lo facciamo per il suo bene, anche se a volte sbagliamo.

        1. Apri i suoi occhi, i quali sembrano essere ben foderati di prosciutto, almeno fosse quello di Parma.

          Francè più sotto ti ho consigliato di metterti gli occhiali, per aiutarti a leggere bene il card. Burke!! :’-)

          1. Rettifico. Il dott. Tosatti non me lo ha pubblicato. Non so perchè…si vede che non gli piacciono gli occhiali 🙁

          2. In effetti è vero, dovrei mettermeli, ” mò li piglio e mò li piglio” rimangono sempre sul comodino.
            Comunque caro spettrus l’importante che li metto quando leggo la “Summa” del nostro caro Tommaso.
            Ciao. 🙂

          3. In effetti è vero, dovrei mettermeli, ” mò li piglio e mò li piglio” rimangono sempre sul comodino.
            Comunque caro spettrus l’importante che li metto quando leggo la “Summa” del nostro caro Tommaso.
            Ciao. 🙂

            Purtroppo il server non serve, se il post è doppio chiedo venia.

      5. La Pamela si sente così sicura della fede in Bergoglio tanto da adoralo e vorrebbe che noi facessimo altrettanto. Io credo in un solo Dio, Padre onnipotente….. E in Gesù Cristo Suo unico Figlio, Nostro Signore…..Credo nello Spirito Santo che è il Signore è da la vita, ecc… . Vade retro satana!

  9. Scusate, ma quando ci costringeranno nelle catacombe non saremo gli agnelli quali vorrebbero che fossimo. Nelle catacombe ci andranno i soldati sconfitti. Mi sembra che non sia così facile sconfiggere le schiere del Cristo. Da San Pietroburgo alla Grecia, salvo qualche chiazza musulmana c’è la Chiesa Ortodossa… I Cattolici della Polonia e di altri Stati ex-comunisti sono mobilitati. Negli USA i Vescovi americani hanno in parte le idee chiare. Lo stesso Trump ha fatto una dichiarazione sulla fede cristiana del Padri Fondatori, che dovrà essere ristabilita per fare ritornare grande e faro di civiltà l’America, dopo la dittatura satanista degli Obama e dei Clinton. Certo, la sede della Cristianità, ossia l’Italia, è in piena confusione. Politicamente si tratta di distruggere la centrale demoniaca che manovra all’interno del PD. O ci pensano da soli i dirigenti di quel Partito, o ci penseranno gli elettori, ispirati dallo Spirito Santo, come è avvenuto con Trump. E noi che facciamo?
    Noi ci battiamo con le nostre forze da laici. Abbiamo un certo numero di sacerdoti che si espongono, oltre a qualche vescovo. I media legati ai satanisti tacciono? Non supereranno i poteri dello Spirito.
    Abbiamo – è ormai chiaro – degli eretici agli alti vertici vaticani. Leggo l’esaltazione di un Martin Lutero che è già nell’inferno, non tanto perché ha distrutto parte della Chiesa Cattolica in Germania per farle rubare le ricchezze dai principi tedeschi, oppure perché era un sanguigno peccatore della carne. E neanche perché fu eretico. E’ all’inferno perché ha tolto a milioni di fedeli la Salvezza che Cristo aveva dato all’uomo con l’Eucaristia Viva del Suo Corpo e del Suo Sangue. Certe cose bisogna dirle. Esaltare Martin Lutero è da eretici. E se lo stesso Pontefice esalta Martin Lutero, i Calvinisti e i Metodisti, significa che ha sposato l’eresia. Siamo quindi obbligati a dirlo, compresi o non compresi, perché è così che hanno fatto al momento opportuno i Padri della Chiesa nei secoli passati.
    Gli eretici hanno l’applauso e la comprensione di coloro che non vogliono superare gli ostacoli posti dal Dogma. Vogliono la via facile che giustifichi le loro colpe di opinione o della carne. “Fai ciò che vuoi sarà tutta la legge” – diceva Aleister Crowley. E’ ciò che si sta attuando: “Pecca pure, tanto la misericordia infinita di Cristo, morto sulla croce per i tuoi peccati, ti salverà”. E’ così che dicono? Questa è una eresia, poiché Cristo ti direbbe “va’ e non peccare più”.
    Quindi, battiamoci, come già stiamo facendo, ognuno nel suo posto. Facciamoci guidare dallo Spirito Santo. E preghiamo per il Papa, affinché lo Spirto Santo lo guidi. Ma sta a lui, che ha mangiato il frutto dell’albero del Bene e del Male, a scegliere con chi stare: se con Cristo, o con Satana.

  10. Attttanasio!!!! Ci mettiamo molte t Quanta Cura! Anche perché era uno molto tosttto!!!
    È proprio ridicolo, sa!
    Sì indica la luna e lei guarda il dito. Avanti così! Contra factum non valet argumentum.
    Corregga, prego!

  11. Si sta assistendo a una riedizione della lotta anti-modernistica del pontificato di Pio X, solo che ora è anti-tradizionalistica. Quali meccanismi producono nella Chiesa questo spirito implacabile, che porta a calpestare le persone, ammesso pure che siano nell’errore? Non c’è qualcosa di malsano (e di poco cristiano) nell’odium theologicum?

  12. Dalla “torchiatura” a cui è sottoposta la Chiesa polacca, si avranno ottimi e abbondanti frutti di grazie, sapienza e santità, a beneficio della Vera e Santa Cattolicità. Ricordiamo che la battaglia è del Signore e nostra sarà la vittoria. Tutto il resto sarà pula al vento, ovvero paglia, oltre le famose mura.
    Maria Santissima, Regina del Rosario, prega per noi, per i nostri cari, per le sorelle e fratelli di questo Sito, e per il mondo intero.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  13. Ogni giorno c’è la notizia di un evento o di un intervento di una autorità ecclesiale sedicente cattolica che va contro la verità cattolica, non reagire e solo pregare non basta. Bisogna reagire e pubblicamente!Bisogna dire che questi vescovi non rappresentano il popolo cattolico. Bisogna smascherarli!
    A Dublino:
    Il Vescovo irlandese di Limeryck Mons. Leahy, ha dichiarato qualche giorno fa a diversi quotidiani, che all’incontro delle famiglie che si terrà a Dublino nell’agosto 2018, sono caldamente invitate anche le coppie dello stesso sesso, perché bisogna “accogliere tutte le famiglie, anche quelle che a noi sembrano diverse”
    (https://onepeterfive.com/program-2018-world-meeting-families-features-homosexual-imagery-themes/).

    In Italia:
    Ieri Mons. Galantino durante una conferenza alla Pontificia Università Lateranense è arrivato ad affermare: “La Riforma è stata, è e sarà in futuro un evento dello Spirito” (https://agensir.it/quotidiano/2017/10/19/riforma-500-anni-convegno-alla-lateranense-mons-galantino-la-chiesa-da-riformare-e-una-chiesa-crocifissa/).

    Questi vescovi non rappresentano ormai se non se’ stessi e le proprie opinioni eretiche. bisogna dirlo ad alta voce, bisogna che chi ha più autorità intervenga.
    Altrimenti una enorme “Finestra di Overton” si aprirà per la dottrina cattolica. cio’ che fino ad oggi è stato considerato
    peccato verrà in poco tempo considerato non solo “normale” ma encomiabile.

  14. Si prevedono giorni bui per la Polonia, Bergoglio non ha mai lasciato al suo posto chi dissente, ci sarà una purga e non è per indisposizione del corpo.
    Akità 1974 ” Cardinali contro cardinali – Vescovi contro vescovi – Sacerdoti contro sacerdoti” aggiungerei “Laici contro laici”, ormai siamo alla resa dei conti.
    ps
    Chi conosce qualche catacomba in affitto lo faccia presente, c’è lo sfratto in atto.

    1. Che poi vorrei proprio sapere, una volta che ci avranno buttati fuori dalle chiese e ridotti alle catacombe, come le riempiranno? Hanno perso la fede e anziché insegnare agli ignoranti la via della salvezza, come sarebbe loro obbligo di carità, li confermano nei loro errori condannando loro e se stessi alla dannazione! Avrà pregato Paglia per Pannella mentre stava per morire? Invece de dì caxxate appena è andato al giudizio? E Bergoglio due parole di Verità alla”grande italiana” malata di cancro gliele avrà dette? Hanno in spregio IL SANGUE DI CRISTO!!! MA SI RENDONO CONTO?

  15. Abbiamo paura della morte del corpo,della buca del cimitero.Saremo sempre coscienti al momento del trapasso e questo per fede.Paura e schiavitù vanno di pari passo.L’uomo divinizzato cui siamo tutti chiamati a divenire nel tempo è il vero libero,non più schiavo del mondo.Siamo insoddisfatti perché la perla preziosa ancora non l’abbiamo riconosciuta e non siamo disposti a barattare il mondo per essa.Parlo in primis a me…uomo di poca fede.

  16. Prima della deportazione a Babilonia, sia i sommi sacerdoti, sia il re di Giuda, vollero credere ai falsi profeti, e imprigionarono Geremia. La verità è scomoda, da fastidio dover rinunciare al potere per obbedire a Dio. La coppa in cui hai versato per ubriacare gli altri ti darà il capogiro.

  17. Speriamo che i Vescovi e i fedeli polacchi resistano.
    E speriamo anche che Bergoglio prenda provvedimenti drastici dando pieno sfogo alla sua misericordiosa ritorsione.
    Così finalmente le cose saranno chiare e avremo – forse – una vera Chiesa cattolica cui aderire.

  18. NON HO PIU’ PAROLE DAVVERO, MA TANTO SDEGNO E STANCHEZZA, MA DOBBIAMO FARCI FORTI PERCHE’ SAREMO DAVVERO PERSEGUITATI. NEL CONTESTO POSTO QUESTO IL LINK CHE CONOSCERETE, MA CHE RENDE BENE L’IDEA. I PROTESTANTI ACCETTANO LE SECONDE/TERZE NOZZE, IL MATRIMONIO GAY, GLI ABORTI, E NATURALMENTE IL DIVORZIO. TUTTO Eì STATO STUDIATO A TAVOLINO NEL PASSATO E DA QUASI 5 ANNI MESSO IN ATTO DA QUESTA FALSA E INIQUA CHIESA.
    Senza conversione ai sacramenti e ai dogmi, non c’è unità! Questi discorsi sono solo fatti per creare una chiesa a loro piacimento.

    http://www.iltimone.org/36515,News.html
    Possibile che nella Chiesa non ci sia nessuno che li fermi questi qua?? ERETICO/I!

    Buon pomeriggio! Sia lodato Gesù Cristo e pace nella vostra casa!

  19. Mi convinco ogni giorno di più che non c’è un pontefice di Gesù Cristo a Roma.
    Prego perché i tempi si affrettino.
    Motus velocior in fine.
    Restiamo fedeli al Vangelo ,cari amici cattolici,perché il Signore tiene il ventilabro in mano per purificare la sua aia.

  20. Francesco non si comporta come un Papa Re,
    ma come un Papa Re dei Re, ogni riferimento al Figlio di Dio è puramente casuale.

    Così come il Fuhrer iniziò la guerra per il dominio della razza Ariana sul mondo (quando si tratta di conflitti epocali l’arianesimo in un qualche modo c’entra sempre qualcosa)
    così il Papa Fuhrer che ha studiato in Germania e i cui feldmarescialli sono guarda caso tedeschi,
    inizia nuovamente dalla frontiera Polacca la sua guerra non più implicita, ma stavolta esplicita, al nuovo popolo ebreo, al nuovo Israele, i Cattolici.

    1. “il Papa Fuhrer che ha studiato in Germania e i cui feldmarescialli sono guarda caso tedeschi,
      inizia nuovamente dalla frontiera Polacca la sua guerra”
      A quanto pare la tromba dell’adunata dei colaborazionisti è stata già suonata dal primate polacco, l’arcivescovo metropolita di Gniezno, Wojciech Polak

  21. II Lettera di San Paolo ai Tessalonicesi:”
    (1) Riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e al nostro radunarci con lui, vi preghiamo, fratelli, (2) di non lasciarvi troppo presto confondere la mente e allarmare né da ispirazioni né da discorsi, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia già presente.
    (3) Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti verrà l’apostasia e si rivelerà l’uomo dell’iniquità, il figlio della perdizione, (4) l’avversario, colui che s’innalza sopra
    ogni essere chiamato e adorato come Dio, fino a insediarsi nel tempio di Dio, pretendendo di essere Dio. ”
    Speriamo non sia questa quell’ora.

  22. Sangue freddo, sangue freddo!… così, sul ruolo del Papa, ha detto il Card. Burke, qui http://www.lanuovabq.it/it/burke-il-male-nella-chiesa-il-papa-e-lunica-salvezza:

    “…Il modo in cui sono arrivato a comprendere il dovere di correggere la comprensione popolare circa l’insegnamento della Chiesa e le dichiarazioni del papa è di distinguere, come la Chiesa ha sempre fatto, le parole dell’uomo che è il papa e le parole del Papa come vicario di Cristo in terra. Nel Medioevo, la Chiesa ha parlato dei due corpi del Papa: il corpo dell’uomo e il corpo del Vicario di Cristo. Infatti, la veste tipica del papa, specialmente la mozzetta rossa con la stola che raffigura i santi apostoli Pietro e Paolo, rappresenta visibilmente il vero corpo del papa quando esprime l’insegnamento della Chiesa (…)

    Cari amici, il Santo Padre NON è un buon padre, ma anche ai cattivi padri i figli, in quanto tali, devono portare rispetto… nel caso specifico, dobbiamo portare rispetto – pur criticandolo severamente – all’uomo Bergoglio, in quanto Vicario di Cristo.
    Detto questo, prendo sempre con riserva le fonti anonime, ma di sicuro la KEP ratificherà l’ottimo documento, e poi staremo a vedere cosa disporrà la Provvidenza.

    1. Dice il Car. Burke
      “Il male nella Chiesa, il papa e l’unica salvezza”
      D’accordo, ma di quale papa si sta parlando????

        1. Cara Giusy
          Ho capito a chi ti riferisci, i miei neuroni stavano dormendo, condivido, acqua in bocca il…nemico e collaborazionisti vari sono in ascolto.

      1. ”ma di quale papa si sta parlando”
        Presumo parli di quello a cui obbedisce, anche quando lo spedisce nel pacifico (nell’isola che parrebbe essere un target missilistico di kim jon un peraltro) e poi da lì lo richiama a roma.

    2. Mentre il corpo dell’uomo si affaccia alla finestra ogni domenica, il corpo del Vicario di Cristo è chiuso in un convento dentro le mura vaticane.

      I due corpi non coincidono… e ci è stato detto esplicitamente da fonte certa.

  23. La S. Chiesa scardinata dai suoi stessi ministri!Rimaniamo fedeli al Vangelo perchè dogma e dottrina sono immutabili per volere di DIO.Oggi più che mai dobbiamo conservare il coraggio della fede per salvarci nell’eternità. Riconosciamo Cristo Re, Signore, Redentore e Dio, invochiamo la sua Misericordia e il suo Nome nel quale è la salvezza.

  24. ripeto il mio parere che ho già espresso : il male va affrontato alla radice. Bisogna togliere il potere a Bergoglio e alla sua cricca. Basta suppliche filiali e ossequi: bisogna dichiararlo eretico ed anti-papa.
    Finchè avrà potere Bergoglio ne abuserà, stile dittatore sudamericano, con lui non vale l’obbedienza filiale perchè non tratta i cattolici da figli amati ma da sudditi, e invece di dare pane da’ ai propri figli pietre e serpenti.
    padre Ariel su l”Isola di patmos dice che Bergoglio è come un padre irrespondabile a cui i figli devono comun que obbedienza filiale.
    non è cosi : Bergoglio non è un padre irresponsabile , ma un
    anti-padre, non gli si deve obbedienza filiale, ma bisogna smascherare la menzogna che sta alla base del suo potere.
    se solo oggi esistessero dei vescovi, dei prelati e dei teologi con gli attributi… ma purtroppo non abbiamo un santo Attanasio.

    1. “Attanasio”

      Maria Cristina, il Santo aveva una “t” sola: Atanasio (come sanno tutti quelli che hanno un suo libro in casa).
      Quello con due “t” (Attanasio) era il “cavallo vanesio”.
      Faccia attenzione, la prossima volta.

      (a meno che non avesse in mente Attanasio di Balad, ma non penso intendesse lui, perché non l’hanno fatto santo, credo)

      1. 😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴anche da SPETTRO resta Arrogante saccentone e privo di umiltà, solita minestra riscaldata.😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴😴

          1. Solo una domanda, dove le sarei sembrata saccente, Francesco Franco Tumminelli, visto che nella sostanza alla Fine dico le stesse cose che dice lei….a meno che lei non sia un altro francesco e allora vale davvero la mia risata più sopra. Io contrariamente all’ “umile obiettivo e misericordioso” presunto studentello, non ho mai valorizzato la mia persona o le mie eventuali qualità se anche ne avessi, ho solo difeso disperatamente con i mezzi di cui dispongo la Santa Chiesa Cattolica sotto attacco ed evidenziato le tecniche da regime bolscevico messe in atto per questo da el berghy E che tutti ormai denunciano e conoscono. Se questo irrita la falange armata BERGOGLIOLATRA non so cosa farci, certo che tale falange deve essere molto arrabbiata nell’ accorgersi che non incanta tutti quanti vorrebbe, altrimenti non di perderebbe così tanto dietro ai commenti di una semplice fedele qualunque senza lauree in teologia o liturgia o simili…..forse si stanno rendendo conto che io do’ semplicemente voce al disagio di tanti tantissimi fedeli senza titoli, ma con tanta Fedeltà alla Santa Chiesa di NSGC.

          2. Gentile Franco Tumminelli.
            Penso che sarebbe opportuno aggiungere qualcos’altro al suo nick ” Francesco”, per evitare confusione nella lettura.
            Grazie

        1. Ma di nulla Maria Cristina. Spero lei abbia capito che scherzavo!
          Pensi che, quasi per contrappasso, stavo per scriverle “atenzione” invece che “attenzione”!!!
          Cordialità.

          1. Si si….ogni volta che fa le sue performance da concentrato di ogni sapienza e virtù facendo figure misere con la sua arroganza intellettuale, lo SPETTRO ma non troppo si nasconde dietro lo scherzo scherzetto……😱😱😱😱😱😱

      2. @Lo spettro di QC
        Capisco che una lettera doppia, sfuggita in battitura, possa far gongolare: quale più ghiotta occasione per sfoggiare la propria erudizione? Ringrazio l’erudito che mi ha dato un’ottima occasione di colmare queste mie ( e fors’anche di Maria Cristina) indubbiamente imperdonabili lacune storiche e artistiche. D’altronde, come giustamente osservò Guigo il certosino (scrivendo su altro, e ben più alto, argomento), l’utilità di un’azione volta al bene la rende, se non proprio scusabile e nemmeno tollerabile, almeno degna di compassione; mentre se fosse mossa da pura vanità mondana sarebbe da considerarsi deplorevole. Consiglierei tuttavia l’uso un piccolo espediente, al fine dell’utilità dell’azione: aggiungere alla correzione dell’ errore riscontrato qualche frase di circostanza sull’argomento che si sta commentando. Così anch’io lo faccio ora, per non smentirmi e dare il buon esempio, riprendendo le osservazioni fatte da Pier Luigi Tossani che ci ricorda le sagge parole del Cardinal Burke, con il quale si potrebbe essere d’accordo se si avesse la certezza che Bergoglio non ha usurpato il Soglio petrino; le anomale circostanze che hanno preceduto e seguito l’elezione di questo “papa”, non sembrano però tali da sgombrare il campo da legittimi dubbi in proposito.

      3. Aggiunta al commento precedente in risposta a “Lo spettro di QC”: errori formali, siano di battitura, T9 ecc., ma anche grammaticali o sintattici, li facciamo tutti prima o poi (io ho appena scritto collaborazionisti con una sola “l”)… Sarebbero scusabile perfino gli errori di Bergoglio se si limitassero ad essere lessicali senza intaccare la sostanza. Ma così purtroppo non è. Quindi, come giustamente dicono Luca Checcucci e Giusy, facciamo attenzione a non sbagliare nella sostanza, a rimanere fedeli a NSGC in tutto e per tutto.
        Il resto non conta.

        1. Ma stavo scherzando!!! Secondo te se fossi stato serio mi sarei messo a citare Attanasio cavallo vanesio invece di fare una delle mie filippiche??
          Guarda: io non uso le virgole. Hai il mio consenso a sbertucciarmi senza pietà per questo 🙂

        2. Cari amici, non ve la prendete troppo con ” lo spettro di Qc”, è un giovane studente che per distrazione, tra un compito è l’altro si diverte un po su questo blog. All’inizio della scuola ci aveva salutato perché prevedeva che i suoi eruditi studi lo avrebbero assorbito totalmente, ma visto che non è così, ha ritrovato il tempo per qualche battuta scherzosa. Che ci volete fa’ e so ragazzi!😉😉😉😉

          1. La è con l’accento è un errore del t9, come anche ” ci aveva salutato” trattasi di ci aveva salutati.😉😉😉

          2. Il solo fatto che conoscesse “Attanasio Cavallo Vanesio” che solo gli ultracinquantenni si ricordebbero, è una ulteriore conferma che si tratta del nostro trollone “preferito”… 😀

      4. @ QC
        Un intervento risibile, QC, da maestrino delle elementari.
        E’ chiaro che, in vista dei fatti, Le riesce difficile dire qualcosa di serio sul tema, cioé sulla lettura “cattolica” dell’ambiguo documento chiamato “Amoris Laetitia”, frutto della manipolazione pontificia del Sinodo sulla famiglia e su che linea di interpretazione dello stesso, certo non quella della continuità dottrinale cattolica, insiste il Vaticano.
        Di fronte alla fede dei polacchi, il Francescone “is not amused” e procede per vie diplomatiche ed ufficiose
        per comunicare il suo disappunto agli interessati.
        Perché, se la Polonia fa scuola, che ne sará dei suoi progetti per la nuova chiesa?
        Seguiranno senz’altro destituzioni di vescovi e nuove nomine di soggetti giudicati più malleabile e sensibili al vento che tira da parte del Vaticano.
        Tutti devono sapere, infatti, che non si irrita il dittatorello sudamericano, l’ipocrita della “tenerezza” e della “misericordia”, senza soffrirne le conseguenze.

        1. Certo che era risibile, infatti era uno scherzo, Gervasi. Questa volta lei non ha travisato, ma si è limitato ad essere solo inopportuno. Bravo!

          1. @ QC : il metodo del volpone …
            Travisare? Non mi riconosco nella Sua leggenda “sine fundamento in re”, direbbero gli scolastici, ossia campata in aria, che Lei cerca inutilmente
            di promuovere sul sito.
            Interessante, invece, quanto emerge dalle Sue risposte a post miei ed altrui, quando questi si riferiscono a dei fatti incontrovertibile che a Lei non vanno a genio e che Lei peró non puó contraddire senza rendere il suo tentativo di difesa ancor piú ridicolo del solito.
            Qual’é il metodo di QC in questi casi?
            Il vecchio volpone (1) semplicemente ignora il tema principale del posting, cui lui dedica nemmeno una parola. (2) Cerca, invece, e trova, qualcosa del tutto irrilevante nel posting stesso, che só, un piccolo errore di ortografia, un’inesattezza del tutto triviale, e di questo ne fa il tema esclusivo della sua risposta, evitando cosí l’imbarazzo di dover in qualche modo difendere l’indifendibile.
            Vediamo in concreto.
            Il tema del mio posting era la reazione Vaticana al comunicato della conferenza episcopale polacca in via di pubblicazione. Una reazione, come si sá del tutto negativa ed aggressiva nei confronti dei vescovi polacchi. Come mai? Propagavano costoro delle eresie? Si ribellavano al Sommo Pontefice?
            Lo accusavano di eresia? No. Nulla di tutto questo: reiteravano semplicemente la dottrina cattolica di sempre sulla sessualitá e sul matrimonio. Confermavano, cioé, ció che QC sostiene sia il contenuto della sciagurata, ambigua e puttanesca Esortazione Apostolica “Amoris Laetitia”.
            Ma, allora, il non-cretino si chiede: perché, allora, il Vaticano stà facendo di tutto per impedire la pubblicazione della dichiarazione dei vescovi polacchi? Che giochetti sono questi?
            Poiché, il gentile lettore non del tutto obnubilato da Alzheimer ricorderá che quando i vescovi maltesi pubblicarono la loro vergognosa interpretazione di AL, imponendola a clero e fedeli dell’isola di Malta, il Vaticano non mosse dito, anzi, dai sacri palazzi si recepivano grugniti di grande soddisfazione e lode per i coraggiosi maltesi.
            Insomma, per QC un quadro simile, e le domande che fá sorgere, giacché non siamo tutti dei cretini,
            é alquanto penoso, in quanto contraddice tutti i presupposti della sua fumosa apologetica pro pontifice satrapo regnante.
            Ci si aspetterebbe una parola, due, forse tre, da QC sull’argomento. Sul questo strano agire et agitarsi, sulle parole irritate e scomposte, non del tutto citabili, del dolce Cristo in terra proveniente dalla pampa argentina.
            Invece … un silenzio tombale da QC.
            Ci si preoccupa…. Forse QC, in vista dei fatti tanto penosi, é stato colto da un colpo apoplettico, una crisi di nervi, uno svenimento …. E invece no.
            QC é vivo e vegeto del tutto immerso nello scrivere il suo posting … il quale é tutto centrato su una trivialitá del posting avverso.
            Una volponata ammirevole che lo salva da un arrossimento troppo accentuato delle sue ascetiche palpebre.

  25. Abbia pazienza caro Tosatti, ha citato la “tenerezza divina” mica la sua. Quindi ne ha sottolineato coi fatti le enormi differenze.

    1. @ In altri termini, laquiladidio (addirittura!), il pontefice stá dicendo:”Fate quello che dico, ma non fate quello che faccio.”
      E allora ci si chiede chi sia veramente l’ipocrita ed il rigido, il fariseo ed il bugiardo, termini che Lutero già usava contro gli “osservanti” del suo tempo, e che il Bergoglioso, amante di Lutero, ama usare contro i cattolici seri?

  26. Proprio stamattina dal salterio ….

    Salmo 54
    Più untuosa del burro è la sua bocca
    ma nel cuore ha la guerra;
    più fluide dell’olio le sue parole
    ma sono spade sguainate

    … e non mi riferisco ai coraggiosi Vescovi polacchi!

  27. Bravo dott Tosatti, come sempre affidabile e coraggioso. Quando dico che dobbiamo preparare le catacombe non è esagerazione, perché è questo che sta preparando per i Cattolici fedeli il REGIME BERGOGLIONE. E Oltre alle teste scomode già fatte saltare da francesco I “IL MISERICORDIOSO “, anche i polacchi si avviano a diventare il nuovi MARTIRI della SANTA CHIESA CATTOLICA. RESISTIAMO VI PREGO. Anche alle idiozie e alle colate di miele che il grande fratello BERGOGLIONE versa sul blog per rendere meno VELENOSI I SUOI FOLLI DIKTAT, per mano di trolloni e disturbatori vari, pieni di citazioni dotte e saccentone ma privi di lealtà e fedeltà.

    1. Il cristianesimo e’ cominciato nelle catacombe e lì attendera’ il ritorno di Gesu’ nella gloria. “Quando il Figlio dell’uomo tornera’ trovera’ ancora la fede sulla terra?”. Sono d’accordo con te: bisogna resistere fino alla fine per salvarci, il resto non conta.

I commenti sono chiusi.