La Diavolessa Urlatrice, Nemo all’Eurofestival e il Papa Non Binario. Benedetta De Vito.

13 Maggio 2024 Pubblicato da 5 Commenti

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, la nostra Benedetta De Vito, che ringraziamo di cuore, offre alla vostra attenzione queste riflessioni sulla recente fiera televisiva della stranitudine umana e dell’indottrinamento gabellato per intrattenimento, con un’osservazione, in fondo, purtroppo ben fondata. Buona lettura e condivisione.

§§§ 

 

No so se è capitato anche a voi, a me, purtroppo  sì. Per caso mi sono trovata di fronte a un noioso servizio in uno dei tanti buggì quotidiani in cui si parlava del festival europeo della canzone (meglio dir dello strepito…). E d’un tratto, tra le parole trite della signorina di turno, nel blablabla tv, ecco comparire una “urlatrice” travestita da diavolo e, per di più, in danza ossessiva, dentro a un pentacolo.

Oh, che delizia, che bello spettacolino e scopro subito che è l’urlatrice irlandese. Come ti sbagli… Un tempo l’Irlanda era terra cattolica, di fede (“Faith of Our Fathers, Holy Faith”, cantavo, bambina, con Ann O’Brien, mia signorina e bellissima…) ora, come mi dice una certa signora che conosco lassù, nell’isola verde, si dura fatica anche a trovare un sacerdote…

Però, però, però c’è la cantante-urlatrice diavolessa. Oh che bello, questo sì che si chiama progresso. Anche la verde Irlanda si accoda al mondo a testa in giù, nello spirito falso dell’anticristo. Intanto il festival (di cui facevamo volentieri a meno) è proseguito, ha espresso tutto il suo potenziale di liti e polemiche (inutili) e agli organizzatori è arrivata la mia consueta letterina (che volevo aggiungere qui ma che devo aver buttato per sbaglio) contro uno spettacolo indegno e diseducativo e tutto il peggio in tv.

Sospiro: ah i bei giochi senza frontiere dei nostri tempi! Sempre una gara era, ma faceva ridere… Proseguo perché, nel frattempo, l’orrido festival della diavolessa è terminato e ha espresso un vincitore nella forma di un quidam svizzero “non binario”, che infatti si chiama Nemo, cioè Nessuno. Uno che se te lo trovi davanti ti fa venire un senso di malessere perché è come trovarsi davanti a un alieno.

Oh Signore che significa non binario, corro a guardare e scopro che questo urlatore svizzero (urlatore va bene anche per il femminile nel mondo al contrario) non si sente né uomo né donna, né carne né pesce… e quindi? Quindi è un alieno.

Oh finalmente abbiamo trovato il termine che lo identifica. Dunque questo alieno-alienato, in piume di struzzo rosa e faccia da maschio, ha vinto con la sua “canzone” (che non sentirò mai per fortuna) e, secondo me, solo perché rappresenta l’insano mondo del queer. Il talento qui non c’entra un fico secco. Mmmm, penso e il dolore mi punge per una gioventù bruciata, poi penso e ripenso… e pensando e ripensando, vi invito a seguirmi qui giù.

Penso, dicevo, con rispetto parlando, a Francesco che siede sul soglio petrino ed è, poiché è stato eletto in un conclave che sembra legittimo per la Chiesa, Papa e che, al contempo, non è Papa perché non conserva il deposito petrino e fa e dice cose che sono pura eresia.

E quindi, mumble mumble… e quindi anche lui è un non binario. Nel senso che non è né Papa né antipapa. Allora, come il tizio svizzero, è un alieno! Un alieno siede sulla Cattedra di Pietro, sparge sgomento, sconcerto e dolore. Piace ai non credenti e sta come un maglione di lana d’agosto a chi, come la sottoscritta, ama il Signore.

Insomma, un alieno, nello spirito anticristico (che genera caos, sempre) governa la Santa Chiesa dal 2013 e poi ci meravigliamo se si benedicono le nozze gay, se nelle chiese si allestiscono mostre blasfeme (grazie per la stupenda processione di Carpi!), se si bastonano i sacerdoti santi e si promuovono gli scellerati e se i colpevoli, in più pittori mediocri, vengono celebrati e coccolati.

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

 

 

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

5 commenti

Lascia un commento