IL PAPA IN LATERANO. CORRIDOIO PROIBITO AI SALUTI DI PRETI SUORE E LAICI. SOLO MIGRANTI E RIFUGIATI, PLEASE….

Marco Tosatti

A volte ci sono dei dettagli che valgono tutta la storia. E quello che ci hanno raccontato, e che stiamo per raccontarvi, secondo noi è uno di quelli.

Teatro della scena è San Giovanni in Laterano, cattedrale di Roma. Il Pontefice domenica sera, alle 19, celebrerà la messa del Corpus Domini; la processione tradizionale attraverso Roma del giovedì (a cui peraltro il Pontefice regnante non ha mai partecipato, a differenza dei predecessori. Correzione: ha partecipato nel 2013) è stata spostata a domenica, appunto.

Il giorno seguente, lunedì 19, il Pontefice sarà di nuovo nella sua sede, per aprire i lavori del Convegno Ecclesiale, un momento centrale nella vita della diocesi. Si fanno i bilanci dei dodici mesi, e si lancia l’attività per l’anno successivo. Il tema scelto per il convegno ecclesiale di quest’anno è: : “Non lasciamoli soli! Accompagnare i genitori nell’educazione dei figli adolescenti”.

Il Pontefice regnante farà un intervento introduttivo, una meditazione.

E adesso il dettaglio. Il Pontefice entrerà nel giardino, e passerà sotto il palazzo dove abitano i canonici. Si infilerà in un lungo corridoio, che dal giardino porta direttamente alla sacrestia, e poi alla chiesa dove si svolgerà la cerimonia.

Nel corridoio sono stati affissi – ci hanno raccontato – dei cartelli di divieto. Che divieto? Per proibire a preti, suore e gli eventuali laici di fermarsi nel corridoio per salutare il papa, perché a quanto pare quella zona deve essere esclusivamente dedicata all’incontro con i migranti e i rifugiati…Un incontro evidentemente già programmato perché non immaginiamo che migranti e rifugiati in maniera spontanea e autonoma si possano infilare nel giardino del Vicariato e da lì nel corridoio verso la sacrestia. E immaginiamo che ci sarà chi, pronto, riprenderà la scena di quest’ulteriore manifestazione di quella che sta assumendo sempre di più le caratteristiche di un’ossessione senile. Ci permettiamo di osservare che forse, su un tema i cui risvolti finanziari, malavitosi, di dubbia politica interna ed internazionale, oltre che chiaramente affaristici, emergono ogni giorno con più chiarezza, ci avrebbe fatto e ci farebbe piacere e conforto da parte del Vescovo di Roma e Primate d’Italia, oltre che Papa maggiore prudenza ed equilibrio. Anche in questa occasione, dove, in fondo, il centro dovrebbero essere i sempre meno cristiani delle etnie locali….

 



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

80 pensieri su “IL PAPA IN LATERANO. CORRIDOIO PROIBITO AI SALUTI DI PRETI SUORE E LAICI. SOLO MIGRANTI E RIFUGIATI, PLEASE….”

  1. A questo punto, fatto 30 poteva fare 31: perché non invitare anche qualche imam e dei rappresentanti di qualche cooperativa, fino ai centri sociali? E ordinare lo sgombero dell’edificio alle persone che hanno qualsiasi tipo di legame con il cattolicesimo.

    Ci sarebbe da ridere, se non fosse che stiamo parlando della Chiesa.

      1. Io prego affinché sia davvero il successore di Pietro e riveda molte delle sue posizioni, cosa che mi rendo conto essere molto difficile. Ma, al di là del mio sarcasmo, derivante da una profonda preoccupazione per la sorte di tante anime, cerco di imitare il Signore, pregando per i propri persecutori.

        E la cerchia bergogliana può essere definita, purtroppo, persecutrice dell’integrità della Vera Fede. Ma, come Gesù ci ha insegnato, cerco di rispondere al male facendo il bene, in questo caso pregando, ovviamente con tutte le mie imperfezioni, per la conversione di tante anime.

        Anche se ormai, nei settori più “illuminati” della Chiesa, ci viene detto che questo è un atto di presunzione: pregare per chi si pensa sia sulla via della perdizione, come per esempio hanno fatto a Reggio Emilia in riparazione ai peccati commessi dai partecipanti del Gay Pride, è un atto di ostentazione e di fanatismo, incompatibile con la misericordia. Ecco come siamo messi.

        1. Nel Vangelo Gesù chiede di pregare che il padrone della messe mandi operai per la sua messe. Come cristiani diamo lode al Signore e lasciamo a Lui il compito di convertire chi secondo Lui, e non secondo noi, è nell’errore. Il primo papa, Pietro, ha ricevuto da Gesù nell’ultima cena il compito di ravvedere i fratelli (Lc 22,32); questo compito penso si possa estendere anche ai successori. Chi di noi è tanto sapiente da poter suggerire a Dio cosa deve fare, legga Giobbe 38,1ss

        1. Quello che ho provato a spiegare nell’altra pagina.

          Siccome ho esposto la dottrina della Chiesa che un Papa, anche se cattivo Papa, sempre Papa è, mi sono sentito dare del bergogliano, del massone, dell’ego ipertrofico ecc (come se fossi io a dire che un Papa riconosciuto dalla Chiesa come tale sia davvero Papa, e non fosse invece insegnamento del Magistero).

          Andiamo oltre che è meglio.

          1. Intanto non si capisce come uno che demolisce dogmi e commette eresia come faccia ad essere papa, ma forse non hai capito che è peggio, PER TUTTI. Per lui, perchè avrà maggiore responsabilità per il posto che occupa, per NOI che dovremmo seguire un pastore che mette le pecore in bocca ai lupi.

          2. Hai ragione Marco,la Chiesa e’una Istituzione monarchica,fondata cosi’dal Signore;il potere conferito risiede solo nel successore di S.Pietro,non nel Collegio Apostolico.Se l’attuale Pentefice,volta le spalle al Magistero di sempre ne rispondera’a Dio.

          3. @Kosmo

            “Intanto non si capisce come uno che demolisce dogmi e commette eresia come faccia ad essere papa, ma forse non hai capito che è peggio, PER TUTTI. Per lui, perchè avrà maggiore responsabilità per il posto che occupa, per NOI che dovremmo seguire un pastore che mette le pecore in bocca ai lupi.”

            Allora, il tuo discorso ha un senso, ma non direi che sia “peggio”.

            Per una semplice ragione: se Cristo permettesse che un falso Papa, un non-Papa, sieda sul soglio Petrino, avremmo un dogma (ripeto: un dogma) falsificato, cioè quello dell’infallibilità della Chiesa.

            Ora dimmi, come potremmo essere cattolici se un dogma venisse falsificato? Che valore avrebbe la nostra Fede?

            Per questo penso che sia ASSAI meglio avere un cattivo Papa al Soglio piuttosto che un NON-Papa, un falso Papa.

            Purtroppo hai ragione anche sul discorso delle pecore e i lupi, ma tieni a mente questo: nessuno che è “scritto nel libro della vita” verrà “mandato all’inferno” da questa gerarchia.

            Il mio consiglio è: seguite il Catechismo della Chiesa Cattolica, e soprattutto pregate con perseveranza, tutti i giorni, e sarete salvi. Indipendentemente dalla pessima gerarchia che abbiamo.

            È vero che anche io all’inizio ero entusiasta di questo Papa, potevo ben essere definito un “bergogliano”.

            Ora no, perché i troppi frutti cattivi sono stati sufficienti perfino per far capire le cose ad una testa dura come me. Senza contare che ho chiesto più volte in preghiera di essere illuminato riguardo alla faccenda, di modo da stare dalla parte giusta, visto che non ho intenzione di dannarmi.

            Però per l’appunto questo non significa andare all’estremo opposto e dichiarare Bergoglio un non-Papa. E per i motivi esposti ad inizio post, non per altri motivi.

            Ultimo appunto

            “Intanto non si capisce come uno che demolisce dogmi e commette eresia come faccia ad essere papa”

            Di eresie formali non ne ha fatte, il Papa. Questo è un fatto. Che purtroppo alcune frasi e alcuni comportamenti diano spago a idee eterodosse è un altro fatto.

            Preghiamo per la conversione del Papa.

        2. Il Papa legittimo, senza munus ma con piena postestas, è Benedetto XVI. Un giorno i libri riporteranno Bergoglio fra parentesi: Francesco I (antipapa).

          1. “Papa legittimo, senza munus ma con piena postestas, è Benedetto XVI. Un giorno i libri riporteranno Bergoglio fra parentesi: Francesco I (antipapa).”

            Insieme al dogma dell’infallibilità della Chiesa, che TUTTA (perfino cardinali esemplari come Sarah) ha ricnosciuto Bergoglio come legittimo Papa.

            Anche questo DOGMA verrà riportato nei testi come “dogma falsificato”, Alessandro? E se un dogma può essere falsificato allora perché non altri?

            Cerchiamo di stare coi piedi per terra.

        3. Certo, eccellentissimo Salvi, rimane papa con tutti i suoi errori, riguardo ai quali non si chiede se “piacciano” o “non piacciano”.
          Qui non si tratta di una questione di stile, che possa piacere o non piacere, ma di sostanza.
          E che cosa ha fatto la Chiesa per duemila anni
          con gli errori e con gli erranti? Ha refutato e condannato gli errori ed ha anatemizzato gli erranti pervicaci.
          Il pontefice regnante é, da vecchio (augusto e sovrano) volpone, troppo furbo per esporsi ad una condanna formale per eresia, quindi mantiene le sue asserzioni nell’ambiguità, rifiutandosi poi di chiarire, lodando una interpretazione (quella eterodossa) e calunniando coloro che presentano l’interpretazione opposta, cioé quella ortodossa.
          In questo modo di agire, a danno della Chiesa, non si puó che riscontrare l’opera di Satana nelle vesti, purtroppo, del “dolce Cristo in terra”.

        4. OK allora è papa legittimo e, come massima carica della Chiesa Cattolica, è DIRETTAMENTE responsabile di tutte le anime perse e che si perderanno a causa della sua pastorale bizzarra e falsamente misericordiosa.
          In più, visto che sarebbe scelto dallo Spirito Santo (perchè secondo voi papolatri è lo Spirito Santo che sceglie il papa) e visto che avrebbe tradito le parole di Gesù Cristo sarebbe ancora più responsabile.
          Così è meglio, secondo te, bergogliolatra?

  2. “Non lasciamoli soli! Accompagnare i genitori nell’educazione dei figli adolescenti”. Egr. Tosatti manca nella tua disamina di quanto “questo” Papa sta facendo, l’ennesima interpretazione che darebbe un’altro significato al tema de quo. Sarebbe stata facile un aggiunta “faziosa” come al solito, bastava : …….enti “”sensibilizzandoli contro le altre religioni, in particolare quelle professate dai migranti “

    1. Caro Klaus, nella “sua” disamina. Non ho il piacere di conoscerla personalmente, e di conseguenza non mi sembra che ci siamo mai dati del “tu” reciproco.

        1. No, pura educazione. Perché permalosi? In genere ci si da del lei, quando non ci si conosce personalmente, e non ci si frequenta. Lei non fa così?

  3. mi troverò all’Esquilino. Con il proposito di resistere all’arrivo del Caudillos. La coorte dei leccacalzini sarà tutto schierata , mentre gli oppositori veri o presunti ( i secondi sono i nuovi spioni dalla coorte inviati)faranno quello che fino ad oggi hanno fatto. Niente o nulla per semplice codardia.

  4. Traduzione del convegno: “Non lasciamo soli i ragazzi con i loro genitori, potrebbero ficcargli in testa insegnamenti contrari al globalismo”.

    Non è una battuta, sta accadendo la stessa cosa in tutto il mondo. Le scuole impongono corsi e insegnamenti orrorifici (bambini a cui viene imposto di cambiare sesso, lezioni di preservativo ai cetrioli come racconta la Miriano), e PER LEGGE i genitori non possono obiettare, rischiando addirittura la patria potestà (in Canada).

    I globalisti, che vogliono modificare alla radice la struttura della natura umana, hanno capito che non riusciranno nel loro intento finché nelle chiuse mura di casa le famiglie trasmettono i loro valori ai figli. Devono togliere questi “ostaggi” dalle mani dei genitori, pena il fallimento di tutto il loro bestiale programma.

    Il Vaticano, come ormai abbiamo capito, fa parte del gioco.

    1. @Giov

      “I globalisti, che vogliono modificare alla radice la struttura della natura umana, hanno capito che non riusciranno nel loro intento finché nelle chiuse mura di casa le famiglie trasmettono i loro valori ai figli. Devono togliere questi “ostaggi” dalle mani dei genitori, pena il fallimento di tutto il loro bestiale programma.”

      Concordo. Qua ha avuto ragione il Cardinale Caffarra nel dire che è in atto, da parte del demonio, un tentativo di creare una creazione contraffatta, distorta, in spregio a Dio.

      E questo passa proprio tramite teorie assurde, demenziali e sataniche come quella del gender.

          1. Certo Marco che ci vuole coraggio e faccia di bronzo a dire che l’Islam è religione di pace! Nessun Papa l’ha mai avuto questo coraggio e questa faccia di bronzo…

          2. Quella sull’Islam è una opinione di Bergoglio, di Simone, non di Pietro. Ergo non “lega” i fedeli all’assenso di Fede.

  5. ACCOMPAGNARE I GENITORI NELL’EDUCAZIONE DEI FIGLI ADOLESCENTI.

    ACCOMPAGNARE

    questa parola ormai mi fa venire i brividi…
    Di sicuro non è accompagnare alla salvezza eterna.
    Per il resto stendiamo un velo pietoso.

    I GENITORI

    Genitori?!
    Sì, ma genitori papà e mamma o genitore 1, 2, 3, etc.
    Sposati?
    Se sì, questo è il primo, secondo, terzo matrimonio?
    O Compagni?
    Visto che siamo sotto un regime comunista questa è l’opzione preferita, altrimenti non sarebbe accompagnamento, ma ammatrimoniamento.
    Altra domanda, genitori gay, lesbiche?
    Nessun problema, accompagnamento per tutti!
    Accompagnamento dove, alla conversione?
    No, alla Comunione Sacramentale.

    FIGLI ADOLESCENTI

    I figli di chi sono?
    Figli di quale relazione?
    Di quale tecnica?
    Il genitore 1 e il 2 sono veramente i loro genitori?
    O c’è un genitore 3 che magari è il vero padre che però è sposato con un altra persona (uomo o donna?…ormai è indifferente, tanto come c’è nel Pagliesco affresco di Terni il Paradiso è assicurato a tutti).
    Questo genitore 3 ha poi altri figli? Se sì quali deve educare?
    E i figli ottenuti con uteri in affitto?
    Il genitore è l’utero o la provetta?
    Nessun problema, Comunione per tutti, sono altri i problemi da affrontare!
    Ad esempio?
    Ad esempio permettere che gli immigrati islamici ci invadano…
    Noi ormai siamo stra forti nella nostra fede, non dobbiamo avere paura…
    Lutero (in affitto) interceda per noi!
    Ma non è la Madre di Dio Colei che intercede universalmente, cioè cattolicamente per tutti?
    Ssssh non pronunciare quella donna, che se no pentecostali e mussulmani si offendono!

  6. Per la proprietà riflessiva:

    Se a Medjugorie Colei che appare tutti i giorni, sempre agli stessi orari, e dice più o meno sempre le stesse cose, non è Madre, ma Postina

    Allora colui che nella Messa a Santa Marta, appare tutte le mattine, sempre alla stessa ora è dice più o meno sempre le stesse cose,
    cos’è?

    1. Aspetti qualche decina di anni e poi, dall’altra sponda, vedrà cos’era realmente quest’uomo, se le sarà concessa la grazia di vedere dove sarà andato a finire; ora come ora, da come si comporta, dovrebbero inaugurare un girone infernale apposta per lui, dato che non devono essercene per traditori di Cristo della sua risma. E’ facile concordare con il giudizio espresso da Alessandro2 : non papa ! è un massone travestito da religioso, gli hanno costruito un’immagine bonacciona, ma invece si tratta di un astuto e diabolico distruttore dell’opera di NSGC (di una malvagità inusitata) : ne hanno già fatto le spese in molti : lo stesso Ratzinger, Caffarra, Burke, don Minutella, frati e suore FF:I; gli Araldi del Vangelo sono i prossimi.

      1. Questa è “fantastica”: https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/scomunica-per-corruzione

        Ovviamente non sottovaluto la gravità della corruzione e le nefandezze della mafia, due cose che meritano la più ferma condanna. Vorrei soltanto capire, allora, il motivo per il quale si vuole dare la comunione ai divorziati risposati (cosa nei fatti, al di là dei giri di parole di AL), che commettono il grave peccato di adulterio, apertamente condannato dalle Scritture e da Gesù in persona, mentre in questo caso si adotta la linea dura.

        Questi signori stanno costruendo una chiesa “mondana”, sulla falsariga di una onlus, impegnata esclusivamente nel sociale e sempre meno legata al trascendente, in particolare alla salvezza dell’anima. Si snatura il senso delle Scritture, mettendo in soffitta i peccati contro la carne e la superbia (intesa come l’intenzione dell’uomo di farsi Dio), dai quali scaturiscono tutti gli altri mali del mondo, solo perché il ricordarli non fa guadagnare gli applausi dei modernisti.

        Siamo arrivati al punto che sul soglio di Pietro i peccati sono trattati a uso e consumo delle convenienze del momento, siamo giunti a un livello di sfacciata ipocrisia, che i bergogliani rinfacciano acidamente contro chiunque osa criticare il loro monarca, quando invece sono i primi a esserne affetti.

        Così può capitare che si darà la scomunica ai corrotti e ai mafiosi, mentre in Olanda i vescovi danno la benedizione al gay pride, predicando misericordia, accompagnamento e discernimento come un disco rotto. Oppure che in Argentina i vescovi distribuiscano la comunione a tutti i divorziati risposati, forti del placet del Papa, il quale in una lettera ha scritto che AL deve essere interpretata nel modo più aperturista possibile.

        Che Bergoglio, Kasper e compagnia ci facciano capire come e in che casi va usata misericordia, quando invece bisogna essere rigidi e quando è opportuno il famoso “chi sono io per giudicare”. Io sono un po’ duro di comprendonio, a un certo punto mi confondo. Che questi signori benpensanti ci illuminino.

  7. Appunto: cos’è Papa Francesco? Chi è?… Ogni giorno rimaniamo sconcertati, avviliti, addolorati perché ci sentiamo sempre più senza Pastore, senza Guida spirituale, senza Pietro, senza Papa. E’ vero: c’è Papa Benedetto… ma pur avendo due Papi, oggi ci sentiamo soli e abbandonati. Ma… meno male che c’è Gesù e la Regina della pace che ci consolano e ci illuminano ogni giorno in questo tempo di tenebre per la Chiesa e per il mondo intero, che sono sotto il controllo di satana e della massoneria. Vvb e vi benedico in Gesù e Maria. Io prego per voi, ma anche voi pregate per me. Un abbraccio fraterno a tutti voi…

  8. Mah! Mi lasciate proprio perplesso… ogni Santo Padre ci viene dato dalla Grazia. Non si tratta nè di una nomina, nè di una semplice elezione di un gruppo di uomini. Se è così allora meglio, molto meglio, cercare, con cuore e mente aperta, di cogliere quello che ci sta dicendo…

      1. Infatti, questo vescovo vestito di bianco, non è un dono, ma un castigo divino per una chiesa che si è allontanata, come accadde per il popolo dell’alleanza, dal primo amore verso il Signore. Ci è stato tolto il pastore, rotto il recinto, perché questo popolo non vuole più la pastura del Signore, ma si nutre di rovi e si abevera ad acque inquinate di dottrine umane. Dio ha abbandonato la Sua vigna! Ed ora ogni viandante ne farà vendemmia. Viviamo i tempi profeticamente annunciati di una chiesa che passa per la sofferenza per essere purificata.

      2. @M.G

        “Alcuni papi Dio li dona, altri li tollera, altri li infligge” (San Vincenzo di Lérins).

        Appunto. Ottima questa citazione, per mostrare che un “Papa inflitto” non è meno Papa di un Papa donato.

        Borgia era quello che era, eppure era Papa esattamente come un grande santo come San Giovanni Paolo II.

          1. Vedi quello che ho scritto qui http://www.marcotosatti.com/2017/06/17/il-papa-in-laterano-corridoio-proibito-ai-saluti-di-preti-suore-e-laici-solo-migranti-e-rifugiati-please/#comment-14434

            Tieni presente che di cambiamenti “sostanziali” questo Papa non ne ha fatti. Purtroppo invece ha dato spago ad alcune correnti teologiche eterodosse che erano state “schiacciate” da GPII e BXVI, ma nulla che non possa essere messo a posto da un altro Papa.

            Per essere chiari: Bergoglio non ha nessun potere di modificare sostanzialmente il cattolicesimo, come non ce l’ha nessun Papa.

    1. @Luciano

      A Benedetto XVI hanno chiesto “È lo Spirito Santo che sceglie il Papa?”

      Lui ha risposto “Non è propriamente lo Spirito Santo, diciamo che Egli assicura che chiunque venga eletto dal collegio cardinalizio non possa far affondare la Chiesa, ecco, abbiamo questa assicurazione, per il resto sono i Cardinali a scegliere.”
      Detto questo se anche la barca non affonda, può essere guidata alla riva opposta rispetto a quella dove si trova il Signore, ed è quello che avviene oggi.

      San Giacomo di Lerins, inoltre, come tutti ormai sappiamo affermò “Dio alcuni Papi li dona, altri li tollera, altri ancora lì infligge.”

      1. Credo che lo SPIRITO SANTO scelga il nuovo Pontefice,se verra’invocato dal Collegio Cardinalizio,prima della sua elezione;diversamente,EGLI non potra’intervenire nella sua elezione.Questo sarà stato il caso di F1?Ai posteri,forse anche a noi, l’ardua?sentenza!!!

    2. @ Luciano
      Che tutto ci venga dato dalla Grazia – “tutto é Grazia” concluse il parroco di campagna di Bernanos – é solo la metà della novella.
      Per quanto riguarda i papi, addirittura un santo –
      San Vincenzo di Lérins – ci dice che Dio dà alla Chiesa alcuni papi come premio, altri vengono da Lui tollerati, altri, infine, vengono inflitti da Dio alla Chiesa come castigo.
      Non Le chiedo a quale di queste tre categorie, secondo Lei, appartenga Bergoglio.
      Teologi serissimi parlano del papato di Bergoglio come di un evento apocalittico, di cui Dio si vale per separare nella sua Chiesa il buon grano dalla zizzania e per svelare i cuori.
      Rimaniamo forti nella fede di sempre e nella preghiera e saremo salvi. Ció che attende la zizzania ce l’ha detto NS Gesú Cristo (Mt 13,30).

  9. È buio profondo! Con il favore delle tenebre, vedo avvanzare l’esoterica chiesa bergogliana. Il sole, sembra voler negare i suoi luminosi e illuminanti raggi oltre le mure vaticane. Chiedo umilmente perdono a nostro Signore e scusa a tutti voi cari fratelli, ma con questo papato, mi trovo in piena confusione. Certamente, dovrei immergermi maggiormente nella preghiera, ma sono in sofferenza e incapace di comprendere chiaramente, se quanto stiamo vivendo a livello ecclesiale, può essere considerata grazia o punizione . Io propendo per punizione. Miserere nos Domine!
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  10. Non c’è occasione che non si confermi per quello che è. Non è il Papa, il vicario di Cristo, è come Giuliano Felsenburgh.
    Smettiamola di curarci di lui facendoci il sangue amaro ed imitiamo il vero Papa, Benedetto, che in silenzio prega e tace. Chi deve agire agira’ e quando lo farà, (istintivamente mi viene da dire presto), il principe di questo mondo ed i suoi accoliti, avranno un bel da fare con le mandibole e con i denti.

  11. Ancora una volta, pesci in faccia ai preti e ai cristiani.
    Elementare buona educazione vorrebbe che nella sua casa episcopale El Papa se ne stesse cuore a cuore con i suoi presbiteri, luce degli occhi suoi. Gesù si portava gli apostoli in disparte, a riposare insieme con lui, a sentire la dolcezza dell’intimità divina. Poi si parte e si va a evangelizzare e a transire bene faciendo. I poveri saranno sempre con voi, non c’è pericolo che un quarto d’ora di attesa li faccia scomparire.
    E poi non è bene che gli apostoli siano distolti dal servizio della preghiera e della predicazione per attendere al servizio delle mense, per questo furono scelti i diaconi.
    Insomma, mi pare qualche cosa di peggio che fissazione monomaniaca senile.

      1. No Luciano, noi Cattolici riconosciamo i pastori che non sono in contraddizione con Vangelo, Tradizione, Catechismo della Chiesa Cattolica e Santi.

    1. Ah si’? E chi sono questi migranti, questi rifugiati? Chi li ha incontrati? Chi ci ha parlato? Cosa ne pensano della Nostra Madre Chiesa? Sanno essi che anche fuori dai loro paesi ci cono i perseguitati, i poveri, gli ammalati, i dimenticati, gli anziani, i disabili, gli handicappati ecc.,? E per quale ragione Begoglio sceglie proprio una localita’ da dove il mondo intero lo segue cosicche’ far vedere che e’ ‘generoso’, ‘caritatevole’, ‘umile’ ecc mentre invece seguendolo veramente con pettine a denti stretti, si allora vedono le sue vere azioni di distruzione della vera Madre Chiesa. Questo uomo deve essere rimosso dalla posizione datagli dai cardinali, perche’ e’ ovvio per me che Dio non solo lo tollera a danno nostro, ma anche l’infligge, ma come si puo’ farlo? La nostra Madre Chiesa ha bisogno di quella vera pace che ci puo’ essere data solo da un SUO Vero Pastore e non da Bergoglio che causa divisioni giornaliere e tanto tumulto. Preghiamo il Santo Rosario ogni giorno per il futuro dei nostri piccoli – e’ cosi’ che Maria Santissima vuole. Ricordatevi che il terzo segreto di Fatima dice: ” Scism against the church will start from the top” – cioe’ “lo scisma contro la chiesa di Mio Figlio inizia al capo della stessa”
      cos’e’ il Scisma? E’ iistacco di comunità di fedeli dal corpo della Chiesa cattolica, motivato da divergenze dottrinali o da dissensi con la sua gerarchia!!! Preghiamo il Santo Rosario giornalmente

      come sempre: scusate il mio italiano

  12. Gentile dott. Tosatti, nel ringraziarla per queste riflessioni, pensavo a due conseguenze: la prima, come madre di due figli, moglie e catechista, penso a quanto sia frustrante dover pensare che fino ad oggi sembra non sia stato fatto nulla nel campo “educativo” delle famiglie, ed effettivamente il tarlo c’è eccome 😉 è la pastorale sbagliata che avanza da 50 anni inesorabilmente nella Chiesa perché non si è voluto dare ascolto alla FAMILIARIS CONSORTIO di Giovanni Paolo II…. a nulla sono valsi gli appelli accorati di Benedetto XVI sempre nel campo educativo, mi chiedo che cosa dovrebbe far cambiare le cose oggi…. a meno che – per educazione – non si intenda infilarci ben altro….. Lo so, a pensar male si fa peccato, eppure qualche volta ci si azzecca, o no?!
    La seconda questione è che tutto sommato sono persino contenta di questo DIVIETO 😉 e sì, perché forse aiuteranno qualche autentico credente a svegliarsi e – subendo certa umiliazione – a non correre più al passaggio di “questo Papa”, ma piuttosto a “correre in ginocchio” davanti al Santissimo davanti al quale “questo Papa” non si ferma più, dopo averlo tolto anche dagli incontri diocesani e comunitari con i giovani.
    Se poi certi cattolici continueranno a “correre”, si vede che non hanno capito ancora nulla, e non possono che essere compatiti…

  13. Caro dottor Tosatti, le volte precedenti, al termine delle celebrazioni del Corpus Domini a Santa Maria Maggiore, papa Bergoglio ha evitato di salutare i canonici della basilica, che in teoria sarebbero i, diciamo così, “padroni di casa”… Qualche canonico di lunga data si è adontato per questo. Ma in ogni caso nel clero afferente al Vaticano prevale l’allineamento, ovvero la pretesa di giustificare il papa sempre e comunque. Pretesa che, beninteso, non veniva mostrata in altrettanta misura nei confronti di GPII e di Benedetto XVI.
    Qui, poi, spiace che si sia voluto spostare la celebrazione alla domenica, come avviene in Italia per soddisfare l’eliminazione del Corpus Domini dalle feste riconosciute dallo Stato, e non la si sia lasciata al suo giorno proprio, come invece la Santa Sede dovrebbe mostrare. Temo fortemente che si sia voluto cercare di fomentare un “bagno di folla” a uso e consumo di papa Bergoglio. Ma tanto, ormai, per il teologume imperante celebrazioni e riti sono sciocchezze antiquate che “bisogna mantenerle sennò i conservatori brontolano, ma un po’ alla volta le cose cambieranno finalmente e papa Francesco per fortuna sta cambiando le cose malgrado le resistenze”; quello che conta è lo “spirito del tempo” a cui bisogna “andare incontro” per “accompagnare” gli “uomini d’oggi”. Questo sarebbe il senso delle celebrazioni. Gesù, invece, non c’è bisogno di accompagnarlo, sta bene dove sta.

    1. Per secoli GESU’ e’ stato accompagnato in tutto il mondo dove ci sono Chiese Cattoliche, tra le vie dei paesi per benedire coloro che LO aspettavano, le case, i campi lontani ecc, and therefore, among other things, Bergoglio is very, very out of line – agian-……

  14. Ha ragione dr Tosatti: il particolare manifesta tutto il pensiero di Bergoglio, che scambia la sociologia con la teologia, la teologia della liberazione con il cristianesimo, il “popolo” – dei migranti s’intende – con Cristo.

  15. Gent.mo Dott. Tosatti,
    La seguo nei suoi articoli e ne condivido i contenuti, pertanto preferisco essere io a fare una piccola, fraterna correzione al suo articolo prima che ci pensi qualche altro con intenzioni poco corrette. Non è vero che Francesco I non ha mai fatto la Processione dietro al Santissimo. L’attuale Papa una sola volta ha fatto la processione a piedi dietro alla “Macchina” che portava il Santissimo da San Giovanni a Santa Maria Maggiore. Si è trattato nella processione del Corpus Domini dell’anno 2013. Negli anni successivi non ha più partecipato alla Processione in Via Merulana, preferendo percorrere in macchina percorsi alternativi per poi aspettare il Santissimo a Santa Maria Maggiore. Questo per onestà di informazione. Le ripeto che non vuol essere un appunto (me ne guarderei bene!) ma solo un piccolo ausilio. La prego voglia gradire cordiali saluti con l’augurio e l’incoraggiamento al suo prezioso lavoro.

  16. Nel 2013 ha fatto la processione a piedi e si deve essere stancato tantissimo.
    Sull’auto accompagnavano, il Santissimo due preti inginocchiati in adorazione.
    Nulla vieta però al Papa di salire anche Lui sull’auto e di mettersi in adorazione …..magari darebbe anche il buon esempio!

  17. E’ ovvio che la fissa (senile o no) per gli immigrati si sposa perfettamente con il piano studiato a tavolino per la distruzione dei popoli (e, va da sè, della civiltà)… E’ facile sbordare nel complottismo, ma è molto piu’ difficile, viste le premesse, dimostrare che cosi’ non è.

    La religione umanistica universale (quella chiaramente perseguita da Bergoglio) è funzionale proprio a questo, al nuovo popolo da costruire tramite l’immigrazione no-limits e la liquefazione dei valori fondanti la Civiltà Cristiana (che si liquefaceva benissimo da sola a causa del materialismo dilagante, senza bisogno di Bergoglio).
    Tutto si fa piu’ chiaro e coerente ogni giorno di piu’ (almeno per chi vuole vedere… mentre per i ciechi-per-scelta tutto procede magnificamente).

    Molto interessante l’articolo di Massimo Viglione sullo Ius Soli:
    https://ilpontelevatoiodimassimoviglione.wordpress.com/

    1. @ Gabriele
      questo addolora tutta la comunità ecclesiale e anche la comunità di questo blog. Ma sono certo che ci sarà la possibilità che qualcuno se ne farà una ragione. Perdona loro che non sanno cosa fanno.

  18. Si vocifera che in Vat si sta preparando un film intotolato “La carovana di Sodoma”. Lo scrittore Saviano, già autore di “Gomorra” è stato invitato a collaborare. Sarà la solita fake news?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *