Milone, Revisore dei Conti Vaticano “Dimissionato” con Minacce e Violenza, Chiede Giustizia. Domani l’Udienza.

2 Luglio 2024 Pubblicato da 2 Commenti

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione questo articolo sull’udienza che si svolgerà domani in Vaticano, promossa da Liobero Milone, il Revisore dei Conti costretto a dimettersi con minacce e false accuse perché aveva portato alla luce il malaffare finanziario dei vertici vaticani. Milone, insieme al card. George Pell fu protagonista della breve stagione in cui il pontefice regnante diede a credere di voler massima trasparenza nelle questioni di soldi vaticane, prima di abbandonare nei fatti l’impresa, esautorando Pell e affidandosi a uomini di mano come il card. Becciu, salvo poi, come è suo costume, lasciarlo cadere in un secondo tempo. La fonte dell’articolo basato su un incontro di Milone con alcuni giornalisti è questa. Buona lettura e diffusione.

§§§

Mercoledì 3 luglio un tribunale vaticano ascolterà l’appello del primo revisore generale della Santa Sede, Libero Milone, che sostiene che le sue dimissioni dal ruolo di revisore generale sono state estorte sotto minaccia di arresto il 19 giugno 2017, così come le dimissioni altrettanto forzate di uno dei suoi due vice, Ferruccio Panicco, il giorno successivo. Panicco è morto di cancro l’anno scorso.

Milone ritiene di essere stato incastrato e costretto a dimettersi per evitare di essere arrestato e mandato in prigione in Vaticano sette anni fa. Ritiene che coloro che volevano rimuoverlo come revisore generale abbiano ingannato Papa Francesco sulle sue attività per indurlo ad acconsentire alla sua rimozione.

libero Milone, 75 anni, e i suoi avvocati, lo hanno detto a un piccolo gruppo di giornalisti, durante un incontro con la stampa nell’ufficio dei suoi avvocati a Roma il 19 giugno.

Ha detto che lui e il signor Panicco hanno presentato il loro caso alle autorità giudiziarie vaticane il 12 giugno 2020. Hanno deciso di rivolgersi al tribunale, ha detto, dopo diversi tentativi falliti dal settembre 2017 di trovare un accordo extragiudiziale per ripristinare il loro buon nome e la loro reputazione professionale e per ricevere un adeguato risarcimento per le dimissioni forzate e la conseguente perdita del lavoro. Ha detto che hanno prima cercato una soluzione al loro caso in molti incontri con il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, e con altri designati dalla Segreteria di Stato, ma senza alcun risultato.

Per evitare di perdere la possibilità di presentare una richiesta di risarcimento a causa della prescrizione del Vaticano nelle cause civili, il signor Milone ha detto che hanno presentato il loro caso il 12 giugno 2020 e hanno avuto la possibilità di presentarlo davanti al tribunale di prima istanza nel novembre 2022. Hanno chiesto un risarcimento di 9,3 milioni di euro per i danni subiti da entrambi.

Il tribunale di prima istanza ha respinto la loro richiesta nel novembre 2022. Il motivo – come hanno scoperto i loro avvocati quando hanno recuperato la sentenza il 23 gennaio 2024 – si basava principalmente sull’accusa di aver presentato la richiesta alla controparte interna dello Stato Vaticano sbagliata, ovvero la Segreteria di Stato. Il tribunale ha stabilito che la Segreteria di Stato non era responsabile poiché, ha sostenuto, “non c’era alcun rapporto di lavoro” tra i querelanti e la Segreteria di Stato.

Gli avvocati del signor Milone hanno denunciato questo verdetto per diversi motivi. In primo luogo, il cardinale Parolin ha firmato il decreto di nomina di Milone a revisore generale. In secondo luogo, la responsabilità delle dimissioni forzate è stata attribuita principalmente a due funzionari vaticani: il cardinale Angelo Becciu, la seconda carica della Segreteria di Stato dopo il cardinale Parolin, e il capo della gendarmeria vaticana, il comandante Domenico Giani. Il tribunale ha stabilito che le azioni del cardinale e del comandante nel loro caso erano quelle di “privati cittadini”, non di funzionari del Vaticano.

Per gli avvocati il verdetto del tribunale è ancora più incredibile se si considera che nel settembre 2017 l’arcivescovo Becciu aveva dichiarato a vari media, tra cui la Reuters, che “Milone andava contro tutte le regole e spiava la vita privata dei suoi superiori e del personale, me compreso. Se non si fosse dimesso, lo avremmo perseguito dal punto di vista penale”. Milone nega di aver mai spiato un funzionario vaticano e sostiene che il cardinale e altre persone coinvolte nelle sue dimissioni abbiano confuso il lavoro di un revisore generale con quello di spionaggio.

Anni dopo, durante il “processo del secolo” sulla proprietà londinese di Sloane Avenue, il cardinale Becciu ha dichiarato che Papa Francesco gli aveva chiesto di intraprendere “l’ingrato compito” di sbarazzarsi del revisore generale. In entrambi i casi, il cardinale sembrava affermare che stava agendo nel suo ruolo ufficiale di capo del personale, non come privato cittadino, per sbarazzarsi del revisore generale.

Milone ha ricordato che quando visitò l’allora arcivescovo Becciu il 19 giugno 2017, l’arcivescovo lo accusò di spiare i membri della Curia, incluso lui stesso, e di appropriazione indebita, e gli disse che Papa Francesco aveva perso fiducia nelle sue attività. Milone ha negato con forza queste accuse. L’arcivescovo gli ha poi detto di incontrare il comandante Giani per ricevere i dettagli delle accuse.

Milone ha raccontato che la gendarmeria ha “messo a soqquadro” il suo ufficio, confiscando il telefono, l’iPad e il computer e asportando molti documenti. Il comandante Giani gli ha detto che la gendarmeria ha condotto un’indagine di sette mesi sul signor Milone e ha trovato “prove inconfutabili” contro di lui, che ha consegnato al procuratore del Vaticano.

Ma a tutt’oggi, ha detto Milone, né lui né i suoi avvocati hanno ottenuto il diritto legale di esaminare queste prove, nonostante le loro ripetute richieste di vederle. I suoi avvocati hanno iniziato a dubitare dell’esistenza di tali prove.

Dopo averlo accusato, ha detto, la gendarmeria “ha applicato metodi violenti durante l’interrogatorio” e il comandante Giani ha minacciato lui e il signor Panicco di imprigionarli se non avessero firmato le lettere di dimissioni. Dopo 10 ore molto spiacevoli con la gendarmeria, il signor Milone ha detto di aver firmato la lettera per evitare l’arresto e l’immediata detenzione. Ha osservato che ha trovato strano che il capo della gendarmeria “avesse in mano lettere di dimissioni pronte da firmare” e ha commentato che “chiaramente stava agendo sotto istruzioni”.

Milone ha detto che è incredibile che il tribunale di prima istanza, e gli stessi giudici che nel dicembre 2023 hanno condannato il cardinale Becciu e altri per il caso delle proprietà di Londra, “abbiano stranamente omesso di riconoscere che coloro che per primi hanno scoperto che quei crimini venivano perpetrati in Vaticano, erano Milone e Panicco” e che questi ultimi hanno visto le loro carriere terminate ingiustamente senza alcun risarcimento. “Per aggiungere la beffa al danno”, ha detto, il tribunale ha ordinato a Milone e Panicco “di pagare le spese processuali per oltre 100.000 euro”.

Il sig. Milone e i suoi avvocati, che agiscono anche per conto del defunto sig. Panicco, stanno ora facendo appello a questa sentenza e dicono di voler ottenere giustizia dal tribunale vaticano.

Papa Francesco ha nominato Milone revisore generale il 5 giugno 2015, dopo che una società di ricerca lo aveva identificato come la persona più adatta per questo ruolo senza precedenti nella città-stato vaticana. Il suo curriculum era impressionante. Nato a L’Aia, nei Paesi Bassi, ha conseguito l’abilitazione alla professione di commercialista a Londra e ha lavorato per 32 anni presso Deloitte, una delle quattro maggiori società di revisione contabile del mondo, diventando infine amministratore delegato della divisione risorse umane a livello mondiale. Ha lavorato anche per Fiat e Telecom prima di accettare la carica di revisore generale istituita da Papa Francesco, dopo che il pontefice aveva creato la Segreteria per l’Economia nel febbraio 2014 nel suo sforzo di riformare e ripulire le finanze della Santa Sede.

In qualità di revisore generale, Milone ha riferito direttamente a Papa Francesco. Gli è stato dato il potere di controllare i bilanci e i conti delle 136 entità dello Stato della Città del Vaticano, compresi quelli della Segreteria di Stato. Poco dopo aver assunto l’incarico, tuttavia, ha dichiarato di aver iniziato a incontrare problemi e resistenze. Nel settembre 2015 il suo computer è stato violato e ha dovuto assumere un’agenzia investigativa esterna per effettuare controlli di sicurezza. In seguito ha utilizzato la stessa agenzia per condurre indagini in Italia (non in Vaticano) su alcuni beni immobili dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA) e di alcuni funzionari vaticani, e sebbene ciò rientrasse nel suo mandato di revisore generale, sembra che coloro che si sono opposti alla sua attività di revisore abbiano scelto di classificare l’uso di questa agenzia come spionaggio.

Mentre svolgeva il suo lavoro di revisore generale, in collaborazione con il cardinale George Pell per quanto necessario, egli, come il cardinale, disse di aver incontrato un’enorme resistenza da parte della Segreteria di Stato, e in particolare dell’arcivescovo Becciu, che allora era la forza dominante in quell’ufficio. Ha anche detto di aver incontrato resistenza da parte dell’APSA, allora sotto il controllo del cardinale italiano Domenico Calcagno (noto come “cardinale Rambo” per la sua collezione di armi da fuoco), un amico molto stretto dell’ex segretario di Stato, il cardinale Tarcisio Bertone.

Ha incontrato resistenze anche in altri uffici vaticani, ma riconosce che alcuni capi ufficio hanno collaborato volentieri.

Durante i primi nove mesi come revisore, Milone ha detto di aver potuto incontrare e riferire a Papa Francesco ogni mese, o più spesso se necessario, ma “misteriosamente” dal 1° aprile 2016 gli è stato impedito di avere ulteriore accesso diretto al Papa. Egli attribuisce questo blocco al fatto che in quello stesso periodo il suo lavoro di auditing e le sue indagini su vari conti avevano iniziato a disturbare alcune persone importanti in Vaticano.

Man mano che iniziava a scavare più a fondo, scopriva usi illeciti o discutibili delle finanze della Santa Sede in vari dipartimenti, e gli veniva sempre impedito di controllare le attività finanziarie della Segreteria di Stato, anche per l’acquisto della proprietà londinese di Sloane Avenue.

Nel corso del briefing con la stampa, Milone ha ricordato come ha scoperto l’uso improprio dei fondi dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù e dell’APSA. Ha esaminato “la scomparsa” di circa 2,5 milioni di euro donati per la costruzione di un nuovo padiglione dell’ospedale che non è mai avvenuta. Ha anche scoperto “l’uso illecito” dei fondi della gendarmeria per coprire alcuni dei costi di ristrutturazione dell’appartamento del capo della gendarmeria vaticana. Ha anche scoperto che un cardinale ha usato il suo ruolo di responsabile di due diversi fondi vaticani, violando così la legge sul riciclaggio di denaro della città-stato, per l’acquisto di un prestigioso appartamento a Londra per il Vaticano. Ha scoperto contratti anomali per appartamenti vaticani a Roma, nonché “conflitti di interesse” da parte di alcuni funzionari vaticani. Durante il suo lavoro di revisore, ha detto, è stato sorpreso di scoprire che più di 2,5 milioni di euro sono stati pagati a un avvocato americano, Jeffrey Lena, per i suoi servizi alla Santa Sede tra il 2012 e il 2016.

Milone e i suoi avvocati ritengono che a quel punto il suo lavoro fosse diventato motivo di preoccupazione per alcuni funzionari vaticani, tra cui l’allora arcivescovo Becciu e il comandante Giani, e quindi, sostiene, è stato incastrato e costretto a dimettersi, così come uno dei suoi due assistenti revisori.

Il suo secondo assistente revisore, Alessandro Cassinis Righini, fu poi promosso per sostituirlo come revisore generale ad interim. Lui e i suoi avvocati ritengono che l’arcivescovo e il comandante siano stati tra coloro che hanno “ingannato il Papa”, sostenendo, tra l’altro, che il signor Milone spiava i funzionari vaticani ed era dedito all’appropriazione indebita, e quindi sono riusciti a farlo allontanare dal Vaticano.

Ha detto di aver inviato sette lettere al Papa ma, non avendo ricevuto alcuna risposta, dubita che gli siano mai arrivate.

Al termine del briefing con la stampa, Milone ha anche mostrato un breve video registrato da Panicco, il suo assistente revisore, l’8 giugno 2023, cinque giorni prima di morire all’età di 63 anni. Nel video, riferendosi alla sua esperienza presso l’ufficio della gendarmeria, il signor Panicco ha dichiarato: “Il 20 giugno 2017, sono stato costretto da minacce, insulti e persino violenze a lasciare il mio incarico di assistente revisore dei conti presso la città-stato del Vaticano e la Santa Sede”.

Ha poi aggiunto che “durante la perquisizione [del suo ufficio] del 20 giugno 2017, anche tutta una serie di carte e documentazione medica che mi riguardava è stata persa, sequestrata, andata dispersa, non so, carte che riguardavano la mia malattia, un cancro alla prostata al quarto stadio, che non sono mai state restituite nonostante le nostre ripetute richieste. Questa mancanza ha sicuramente rallentato le cure a cui sono stato sottoposto, e questo ha sicuramente impedito la possibilità di una guarigione”.

“Tutte le brutalità che ho subito non hanno mai trovato una forma di riparazione nonostante le ripetute richieste fatte attraverso tutti i canali possibili e immaginabili”. Ha concluso chiedendo “ai responsabili di tutto questo di intervenire almeno per ottenere il risarcimento dei danni causati e che sono chiaramente evidenti”. Si è appellato al Cardinale Parolin e a Papa Francesco “affinché si ponga fine a questa ingiustizia, nei miei confronti, nei confronti del [signor] Milone e nei confronti delle nostre famiglie”.

Il signor Milone chiede giustizia per sé e per il signor Panicco. “Sono passati sette anni senza alcun risultato tangibile”, ha detto, “e quando abbiamo presentato la nostra richiesta legale ci siamo trovati di fronte a un muro di gomma”. Inoltre, ha aggiunto, “in questi sette anni la mia vita è cambiata. Non riesco a trovare lavoro perché la mia reputazione è stata gravemente danneggiata per qualcosa che non ho fatto”.

Mentre attende la presentazione del loro caso alla corte d’appello il 3 luglio, ha detto di chiedersi se otterrà giustizia in Vaticano. In caso contrario, ha detto, lui e i suoi avvocati porteranno il caso alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia.

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

 

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

2 commenti

  • Sara ha detto:

    Gent. Dott. Liberio Milone,
    consiglio caldamente a lei e ai suoi avvocati di portare subito il caso alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia, prima che la Massoneria ecclesiastica con a capo JMB , o la sua malattia, le impedisca di farlo.

  • Rolando ha detto:

    Leggendo questo articolo si comprende bene il motivo profondo per cui Gesù è morto di sete.

Lascia un commento