Il Bluff della Crescita del PD, il Segnale di Decaro e Tarquinio. Vitantonio Marasciulo.

12 Giugno 2024 Pubblicato da 13 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, un amico fedele del nostro sito, Vitantonio Marasciulo, direttore de Il Borgo di Monopoli, offre alla vostra attenzione la sua lettura dei risultati delle Elezioni Europee. Buona lettura e diffusione.

§§§

Il Bluff della Crescita del Pd alle Eelezioni Europee. 

Chi ha vinto? A quanto pare tutti hanno vinto in Italia, a parte i 5 stelle che hanno perso ben 5 e rotti punti percentuali rispetto alle precedenti elezioni. Una sconfitta per Conte il ballatore seriale che rischia di lasciare la poltrona. Un voto che ha sancito la sconfitta del presidente francese, Emmanuel Macron che all’indomani del voto ha sciolto il parlamento francese per la sonora vittoria di Marine Le Pen e del giovane, Jordan Bardella della destra francese. L’Europa con questo voto sterza a destra. Il governo Meloni esce stabile e vincente rispetto a Macron e Scholz, con il 28,8% (FdI) e con la crescita di FI e in parte della Lega, trascinata dal Generale Vannacci.

Anche i governi di Belgio e Austria pagano dazio come la Francia e la Germania. C’è dunque in Europa un nuovo vento, che chiede un cambio di passo per salvaguardare le peculiarità delle nazioni che gridano più autonomia, più rispetto; chiedono un’Europa che miri a federare le nazioni nel rispetto delle proprie peculiarità; chiedono una difesa comune, una politica estera comune, la difesa dei confini. Le mine vaganti in giro nelle nazioni pronte ad esplodere nella delinquenza, nel crimine, nel traffico della droga, non le vuole nessuno. Non si vogliono enclaves all’interno delle città in mano alla malavita di colore. Certo, l’inclusione è un fattore di rilevanza cristiana, ma non significa he con l’inclusione si debba mettere a rischio la sicurezza di un Paese, l’incolumità e la sicurezza dei cittadini.

Ecco ci sarà mai questa Europa con la presidente della Commissione uscente, Ursula Von der Leyen, la cui coalizione, PPE, Socialisti e Liberali, ha ottenuto la riconferma, maggioranza che necessariamente non può avere lo stesso canovaccio precedente, ma dovrebbe necessariamente parlare un altro linguaggio, di cui abbiamo innanzi appena accennato???

Per quanto riguardo l’Italia, la segretaria del PD, Elly Schlein rispetto alle precedenti Europee, ha conquistato un 5 % in più con il 24,1%. Una buona percentuale, grazie anche al fatto che nelle liste disponeva di personalità eccellenti, fra tutte, il sindaco di Bari, Antonio Decaro e se vogliamo, Marco Tarquinio, ex direttore di Avvenire, cristiano praticante. Se guardiamo dentro il linguaggio delle urne in casa PD, troviamo rilevanti le nuove iniezioni: da una parte Decaro, sindaco della gente e fra la gente, sindaco del servizio, caro al venerato don Tonino Bello, uomo che incarna un altro tipo di politica nel PD, non legato al potere per il potere, che per quanto si dà ad osservare, è la legge che anima la Schlein: “stiamo per arrivare” ha detto al governo.

Come dire stai attenta Meloni, che non durerai più di tanto, perché hai toppato sulla sanità e sul salario minimo. Già sanità e salario minimo che sono stati i cavalli di battaglia della pulzella di Zurigo. Credo cari lettori che conveniate con chi scrive che stando all’opposizione è più facile avere la lingua sciolta. Se fosse invece lei al governo, credo che la sua lingua si arresterebbe, si farebbe più prudente nel conciliare bilanci, debiti, distribuzione delle risorse, soprattutto in una congiuntura sfavorevole per via delle guerre in corso. Ma la realtà è di tutt’altro segno, perché governare l’Italia inchiodata alla sopravvivenza, alle emergenze e alle guerre sempre più ingombranti è un’impresa sempre più ardua ogni giorno che passa.

Il guaio è che il PD e la sinistra in genere,  quando hanno governato l’Italia, hanno fatto arretrare il Paese, allineandolo al Politicamente Corretto, all’Aborto, all’Eutanasia, alla distruzione del sesso naturale, maschio e femmina e dunque alla distruzione della famiglia, centrale per l’educazione e la cultura civica della società e della futura classe dirigente. Hanno creato danni alla sanità, all’occupazione, al debito pubblico, che ora rinfacciano al governo Meloni.

La Schlein dunque è una segretaria da dimissionare nel PD, perché non incarnerebbe il cambiamento che proviene dal grido infuocato delle destre in Europa e dal grido infuocato che proviene dall’astensionismo in Italia. La Schlein incarna la conservazione dei danni che si sono rovesciati sugli italiani appoggiando la Von der Leyen, esponente della massoneria, che ha portato l’Europa ad essere la succursale americana dei poteri oscuri, di coloro cioè che hanno a cuore la divisione e la distruzione dell’uomo e dell’umanità, come la pandemia Covid e altre che genereranno, le guerre da loro stessi create, le misure distopiche che vorrebbero gli italiani  mangiare cibo e carne sintetica, e che gli europei debbano pensare in maniera uniforme in obbedienza al pensiero unico. Grazie Schlein!!!

Se questa è costei, è meglio che prenda la porta ed esca di scena e passi il testimone ad un nuovo PD che sta nascendo con Decaro e Tarquinio, quest’ultimo da sempre antiabortisti, anti-eutanasia, pro politiche famiglia tradizionale. Ecco riflettendo sul linguaggio del voto, 24,1%, è evidente che c’è uno zoccolo duro che vota a prescindere e sono i militanti, che vedrebbero ben volentieri la morte di Meloni; che il governo cadesse, per impossessarsi del potere sotto i colpi della magistratura e delle narrazioni distorte (vedasi lecito per illecito del caso Spinelli in Liguria e tante altre balle). Vedasi anche l’evocazione del fascismo al governo. Roba da avanspettacolo.

Che cos’è poi il voto dato ad Ilaria Salis, (AVS) se non un voto di cultura politica che sfrutta la cronaca di una “martire”, che martire non è, ma intanto si è guadagnata la notorietà ed è stata eletta in Europa, quanto a tutta prima era una perfetta sconosciuta? Come dire, secondo parametri che esulano dal valore culturale e umano della persona, ha finito per incassare ben quasi 180 mila voti. Questa è l’Italia: più ti fai martire, più sei nota o noto, più ti fai vittima, più hai successo e ribalta televisiva, ottieni spazio sui giornali, social e posti di rilevanza, senza avere meriti. Questa è la produzione del pensiero italico, culturalmente alla caverna, da ingoiare ciò che gli viene detto, senza vedere  le balle e il baratro che si apre sotto i piedi.

L’altra sottolineatura da fare è che Il primo partito in queste elezioni è l’astensionismo,  49,69%, rispetto al 54,5% delle Europee del 2019. Nel sud l’astensionismo è stato più marcato, 43,72%, ancor più marcato nelle isole, 37,77%. Quel voto ha un unico grido: “ce ne fo**iamo dell’Europa”. Come dire un voto di protesta, un vaff inviato all’Europa che non sentono affatto dalla loro parte.

Se il sud e le isole fossero andati a votare, quel voto avrebbe preso una direzione più marcata nel segno “di meno Europa in Italia” e “più Italia in Europa”. La crescita del PD e della sinistra in Italia è tutta da valutare nel tempo, alla luce di quanto detto. Avanti con Decaro e Tarquinio.

Vitantonio Marasciulo

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

13 commenti

  • Orso Garibozzi ha detto:

    Ho visto M. Tarquino in TV. Aveva una faccia diversa dagli altri. Una faccia da uno che si chiamasse giuse0e anzi grande giuse0e . Si io se non c era il sotto pancia TV avrei giurato che il tipo si chiamasse giuse0e e gli ami lo chiamavano Grande . C erano giornalisti piuttosto importanti e lui era a disagio e non diceva nulla. C erano politici scafati e lui era ancora più a disagio . Ma che ci stava a fare lui li ? Tanta pena mi faceva il povero M. T. detto giuse0e o meglio grande giuse0e ovvero PIPPONE….

  • Marco l'altro ha detto:

    La vana illusione che con DeCaro e Marco Tarquinio stia nascendo un ALTRO PD.
    Agli illusionisti dei cattolici nel PD invito a leggere l intervista di Tarquinio rilasciata al suo giornale dopo la sua elezione al parlamento europeo https://www.avvenire.it/attualita/pagine/intervista-a-tarquinio
    Patetica e ipocrita parla solo di pace e proposte campate in aria senza fondamento reale come quella utopica di lasciare gradualmente la Nato quando contro ogni smentita degli accordo post caduta dell Urss si è espansa fino alla Finlandia” abbaiando come un cane lupo sotto le mura del Cremlino “come può esserci pace a queste condizioni? Quindi vedo le proposte di Tarquinio una mera chimera acchiappa voti di sprovveduti romantici della pace a costo zero .E poi di cosa parla ancora come esponente cattolico del PD : di nient’altro ne di gender ne di famiglia naturale , né di eutanasia, né di gravidanza in affitto ,ne di libertà di educazione ne di sussidiarietà insomma di nessun altro tema di etica e morale cattolica ne tantomeno di aborto un vero tabù. Ormai lo sappiamo da un pezzo che i cosiddetti cattolici democratici del PD contano meno dell uno di mazze .sono semplicemente per non essere malevolo lo specchietto delle allodole per una parte di cattolici quelli adulti e secolarizzati. Vedasi il caso della capigruppo del PD alla regione veneto che si è astenuta sulla eutanasia voluta da Zaia e con la sua astensione ha fatta cadere questa legge regionale . Che fine ha fatto Anna Maria Bigon che trattamento le hanno riservato i suoi colleghi di partito!!
    Questi sono i fatti il resto è pia illusione sempre per essere benevolo.

  • Hermias ha detto:

    L’astensionismo in crescita non e’ un fenomeno spontaneo. Esistono molti gruppi bene organizzati che predicano a gran voçe l’astensionismo. Si rivestono di un’ apparenza cristiana ma in realta’ riducono il numero dei sacramenti , negano i miracoli e, all’interno delle loro organizzazioni, usano metodi che nulla hanno da imaparare dalle piu’ notevoli organizzazioni criminali.
    Conservano un’apparenza di democrazia celebrando congressi ma negando il dibattito aperto e leale che costituisce la sostanza della democrazia.
    Ben diverso e’ l’atteggiamento dottamente filosofico del parresiasta che insegna dallo smartphone di ciascuno di noi le basi del linguaggio filosofico. Ma anche se i due metodi sembrano opposti il risultato numerico e’ lo stesso : astensionismo dsaltato come valore quando valore non e’.

  • nuccioviglietti ha detto:

    Fate caso… da trent’anni no danno più numero di voti ricevuti… ma percentuali! Ma in ogni caso brogli elettorali sono sempre più evidenti… qualcuno dovrebbe infatti spiegarci mistero misterioso di preferenze di certa Salis… ottenute quasi totalmente da votanti da stati esteri!… ma guarda un po’!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

    • Davide Scarano ha detto:

      Domanda a chi vorrà o saprà rispondermi: dove è possibile trovare dati sulle ultime elezioni? Avevo dato un’occhiata al sito “governo.it” ma non vi era traccia dei risultati.

  • Silvana Adinolfi ha detto:

    Se il direttore di un giornale (che veniva considerato il giornale dei vescovi, ha propagandato il contrario della dottrina cattolica, ha affossato le vendite e scandalizzato i cattolici) diventato anticattolico è stato eletto significa che contribuirà alla rovina dell’Italia.

  • Marins ha detto:

    Penso che un cristiano non può far parte del pd. Inoltre la scomunica sui comunisti è sempre valida e la scomunica su chi fa parte di partiti politici che approvano l’aborto.

    • GIUSEPPE ha detto:

      Esatto. Tarquinio faccia pace col cervello e con Dio.
      Ha abbracciato il cattocomunismo.
      Ed un partito che e’ la prima metastasi di Italia,insieme a bonino,fratoianni e bonetti.

  • Simona ha detto:

    Ma Decaro non è quel sindaco che ha ‘sposato’ le fue vigilesse in uniforme ???

  • Cristina ha detto:

    Un vero cristiano non può essere di sinistra perché non si possono servire due padroni,come ha detto Gesù.E Tarquinio perciò è solo un ipocrita,un opportunista che vuol piacere al mondo e non a DIO(San Paolo dixit)

  • Carlo ha detto:

    Non c’è da avere nessuna speranza nei cattolici del PD.Se avessero un minimo di vergogna, non appoggerebbero mai un partito dannatamente divorzista ,abortista ed eutanasista,ecc.Ma oggi la religione obbligatoria è il Progressismo,che impone l’apostasia dalla Fede Cattolica.

  • GINO ha detto:

    A me Tarquinio mi sembra più un praticante del diavolo, l’ uomo utile per togliere voti a chi davvero voleva e poteva sciogliere La NATO, ma ormai vi va bene il pio pio dei pulcini, il pulcino fa tenerezza, tutti i sentimentali abboccano.
    Tarquinio il pulcino cosa pensava dei veleni genico?

Lascia un commento