Le Radici Velenose – e soprattutto False – del Great Reset che l’Élite Cerca di Imporci. The Exposé.

11 Luglio 2024 Pubblicato da 6 Commenti

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione questo articolo pubblicato da The Exposé, che ringraziamo per la cortesia. Buona lettura e condivisione.

§§§

 

Le origini oscure del Grande Reset e la frode di Klaus Schwab

 

È importante capire che non esiste una sola idea nuova o originale nella cosiddetta agenda del Grande Reset per il mondo di Klaus Schwab. Né è suo il programma della Quarta Rivoluzione Industriale. Né la sua affermazione di aver inventato la nozione di capitalismo degli stakeholder è un prodotto di Schwab.

Klaus Schwab è poco più che un astuto agente di pubbliche relazioni per un’agenda tecnocratica globale, un’unità corporativista del potere aziendale con il governo, comprese le Nazioni Unite, un’agenda le cui origini risalgono all’inizio degli anni ’70, e anche prima.

Il Grande Reset di Davos è semplicemente un progetto aggiornato per una dittatura distopica globale sotto il controllo delle Nazioni Unite che si sta sviluppando da decenni. Gli attori chiave erano David Rockefeller e il suo protetto, Maurice Strong.

Le oscure origini del grande reset di Davos

Di F. William Engdahl,

All’inizio degli anni ’70, probabilmente non c’era persona più influente nella politica mondiale del defunto David Rockefeller, allora ampiamente noto come presidente della Chase Manhattan Bank.

Creare il nuovo paradigma

Alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, i circoli internazionali direttamente legati a David Rockefeller lanciarono un’incredibile serie di organizzazioni d’élite e think tank. Questi includevano il Club di Roma; il 1001: A Nature Trust, legato al World Wildlife Fund (“WWF”); la conferenza delle Nazioni Unite per la Giornata della Terra di Stoccolma; lo studio condotto dal MIT, Limits to Growth; e la Commissione Trilaterale di David Rockefeller.

Circolo di Roma

Nel 1968 David Rockefeller fondò un think tank neo-malthusiano, The Club of Rome, insieme ad Aurelio Peccei e Alexander King. Aurelio Peccei, era un alto dirigente della casa automobilistica Fiat, di proprietà della potente famiglia italiana Agnelli. Gianni Agnelli della Fiat era un amico intimo di David Rockefeller e membro del comitato consultivo internazionale della Chase Manhattan Bank di Rockefeller. Agnelli e David Rockefeller erano amici intimi dal 1957. Agnelli divenne un membro fondatore della Commissione Trilaterale di David Rockefeller nel 1973. Alexander King, capo del Programma scientifico dell’OCSE, fu anche consulente della NATO. Quello fu l’inizio di quello che sarebbe diventato il movimento neo-malthusiano “la gente inquina”.

Nel 1971 il Club di Roma pubblicò un rapporto profondamente errato, “Limiti alla crescita”, che prevedeva la fine della civiltà come la conoscevamo a causa della rapida crescita della popolazione, combinata con risorse fisse come il petrolio. Il rapporto concludeva che senza cambiamenti sostanziali nel consumo delle risorse, “il risultato più probabile sarà un declino piuttosto improvviso e incontrollabile sia della popolazione che della capacità industriale”.

Si basava su false simulazioni al computer da parte di un gruppo di scienziati informatici del MIT. Si affermava l’audace previsione: “Se le attuali tendenze di crescita della popolazione mondiale, dell’industrializzazione, dell’inquinamento, della produzione alimentare e dell’esaurimento delle risorse continueranno invariate, i limiti alla crescita su questo pianeta saranno raggiunti entro i prossimi cento anni”. Era il 1971. Nel 1973 Klaus Schwab, nel suo terzo incontro annuale dei leader aziendali a Davos, invitò Peccei a Davos per presentare i limiti della crescita agli amministratori delegati delle aziende riuniti.

Nel 1974, il Club di Roma dichiarò coraggiosamente: “La Terra ha il cancro e il cancro è l’Uomo”. Poi: “Il mondo sta affrontando una serie senza precedenti di problemi globali interconnessi, come la sovrappopolazione, la carenza di cibo, l’esaurimento delle risorse non rinnovabili [petrolio-noi], il degrado ambientale e la cattiva governance”. Sostenevano che è necessaria una ristrutturazione “orizzontale” del sistema mondiale…cambiamenti drastici nello strato normativo – cioè nel sistema di valori e negli obiettivi dell’uomo – sono necessari per risolvere la crisi energetica, alimentare e altre crisi, cioè cambiamenti sociali e Se si vuole che avvenga la transizione verso una crescita organica, sono necessari cambiamenti negli atteggiamenti individuali.

Nel loro rapporto del 1974, L’umanità al punto di svolta, il Club di Roma sostenne inoltre:

La crescente interdipendenza tra nazioni e regioni deve quindi tradursi in una diminuzione dell’indipendenza. Le nazioni non possono essere interdipendenti senza che ciascuna di esse rinunci a parte della propria indipendenza, o almeno riconosca dei limiti alla propria indipendenza. Ora è il momento di elaborare un piano generale per la crescita organica sostenibile e lo sviluppo mondiale basato sull’allocazione globale di tutte le risorse limitate e su un nuovo sistema economico globale.

Questa è stata la prima formulazione dell’Agenda 21 delle Nazioni Unite, dell’Agenda 2030 e del Grande Reset di Davos del 2020.

David Rockefeller e Maurice Strong

L’organizzatore di gran lunga più influente dell’agenda della “crescita zero” di Rockefeller nei primi anni ’70 fu l’amico di lunga data di David Rockefeller, un petroliere miliardario di nome Maurice Strong. Il canadese Maurice Strong è stato uno dei principali promotori della teoria scientificamente fraudolenta secondo cui le emissioni di CO2 prodotte dall’uomo provenienti dai veicoli di trasporto, dalle centrali a carbone e dall’agricoltura hanno causato un aumento drammatico e accelerato della temperatura globale che minaccia “il pianeta”, il cosiddetto riscaldamento globale.

In qualità di presidente della Conferenza di Stoccolma delle Nazioni Unite per la Giornata della Terra del 1972, Strong ha promosso un’agenda di riduzione della popolazione e abbassamento del tenore di vita in tutto il mondo per “salvare l’ambiente”. Strong ha dichiarato il suo programma ecologista radicale: “L’unica speranza per il pianeta non è forse il collasso delle civiltà industrializzate? Non è nostra responsabilità realizzarlo?”. Questo è ciò che sta accadendo ora sotto la copertura di una tanto pubblicizzata pandemia globale.

Strong è stata una scelta curiosa quella di guidare un’importante iniziativa delle Nazioni Unite per mobilitare l’azione sull’ambiente, poiché la sua carriera e la sua considerevole fortuna erano state costruite sullo sfruttamento del petrolio, come un numero insolito di nuovi sostenitori della “purezza ecologica”, come David Rockefeller o Robert O. Anderson dell’Aspen Institute o John Loudon della Shell.

Strong aveva incontrato David Rockefeller nel 1947 quando un giovane canadese che aveva abbandonato la scuola superiore a diciotto anni e da quel momento la sua carriera si legò alla rete della famiglia Rockefeller. Grazie alla sua nuova amicizia con David Rockefeller, a Strong, all’età di 18 anni, fu assegnata una posizione chiave nelle Nazioni Unite sotto il Tesoriere delle Nazioni Unite, Noah Monod. I fondi delle Nazioni Unite furono opportunamente gestiti dalla Chase Bank di Rockefeller. Questo era tipico del modello di “partenariato pubblico-privato” implementato da Strong – guadagno privato dal governo pubblico.

Negli anni ’60 Strong era diventato presidente dell’enorme conglomerato energetico e compagnia petrolifera di Montreal noto come Power Corporation, allora di proprietà dell’influente Paul Desmarais. Secondo quanto riferito dalla ricercatrice investigativa canadese Elaine Dewar (Elaine Dewar, op cit. p. 269-271), la Power Corporation sarebbe stata utilizzata anche come fondo nero politico per finanziare campagne di politici canadesi selezionati come Pierre Trudeau, padre del protetto di Davos Justin Trudeau.

Summit della Terra I e Summit della Terra di Rio

Nel 1971 Strong fu nominato sottosegretario delle Nazioni Unite a New York e segretario generale della prossima conferenza sulla Giornata della Terra, la Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano (Summit della Terra I) a Stoccolma, in Svezia. Quell’anno fu anche nominato amministratore fiduciario della Fondazione Rockefeller – che finanziò il suo lancio del progetto Stockholm Earth Day (Elaine Dewar, op cit. p.277). A Stoccolma è stato creato il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (“UNEP”) con Strong a capo.

Nel 1989 Strong fu nominato dal Segretario generale delle Nazioni Unite a capo della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo del 1992 o UNCED (“Rio Earth Summit II”). Ha supervisionato la stesura degli obiettivi delle Nazioni Unite per l’ambiente sostenibile, l’Agenda 21 per lo sviluppo sostenibile che costituisce la base del Great Reset di Klaus Schwab, nonché la creazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (“IPCC”) delle Nazioni Unite. . Strong, che era anche membro del consiglio del WEF di Davos, aveva fatto in modo che Schwab fungesse da consigliere chiave per il Summit della Terra di Rio.

In qualità di Segretario Generale della Conferenza delle Nazioni Unite di Rio, Strong ha anche commissionato un rapporto al Club di Roma, “La prima rivoluzione globale”, scritto da Alexander King, in cui ammetteva che l’affermazione sul riscaldamento globale da CO2 era semplicemente uno stratagemma inventato per forzare il cambiamento:

“Il nemico comune dell’umanità è l’uomo. Nella ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili potessero rispondere al bisogno. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano, ed è solo attraverso un cambiamento di atteggiamenti e comportamenti che possono essere superati. Il vero nemico quindi è l’umanità stessa”.

Il delegato del presidente Clinton a Rio, Tim Wirth, ha ammesso la stessa cosa, affermando: “Dobbiamo affrontare il problema del riscaldamento globale. Anche se la teoria del riscaldamento globale è sbagliata, faremo la cosa giusta in termini di politica economica e politica ambientale”. (Elaine Dewar, Cloak of Green: I collegamenti tra i principali gruppi ambientalisti, il governo e le grandi imprese, Toronto, James Lorimer & Co., 1995, pp. 259-265.)

A Rio, Strong ha introdotto per primo l’idea manipolativa di “società sostenibile” definita in relazione a questo obiettivo arbitrario di eliminare la CO2 e altri cosiddetti gas serra. L’Agenda 21 è diventata Agenda 2030 nel settembre 2015 a Roma, con la benedizione del Papa, con 17 obiettivi “sostenibili”. Dichiarava tra l’altro:

“La terra, a causa della sua natura unica e del ruolo cruciale che svolge nell’insediamento umano, non può essere trattata come un bene ordinario, controllato da individui e soggetto alle pressioni e alle inefficienze del mercato. La proprietà privata della terra è anche uno strumento principale di accumulazione e concentrazione della ricchezza e quindi contribuisce all’ingiustizia sociale… La giustizia sociale, il rinnovamento e lo sviluppo urbano, la fornitura di abitazioni dignitose e condizioni sane per le persone possono essere raggiunti solo se la terra viene utilizzata negli interessi della società nel suo complesso”.

In breve, la proprietà privata della terra deve diventare socializzata per “la società nel suo insieme”, un’idea ben nota ai tempi dell’Unione Sovietica e una parte fondamentale del Grande Reset di Davos.

A Rio nel 1992, dove era presidente e segretario generale, Strong dichiarò:

“È chiaro che gli attuali stili di vita e i modelli di consumo della ricca classe media – che comportano un elevato consumo di carne, il consumo di grandi quantità di cibi surgelati e pronti, l’uso di combustibili fossili, elettrodomestici, aria condizionata in casa e sul posto di lavoro e alloggi suburbani – sono non sostenibile”. [enfasi aggiunta]

Strong non ha ascoltato il suo stesso appello. Ciò che Strong non ha detto ai suoi alleati ambientalisti a Rio è che aveva anche fatto un enorme acquisto della Colorado Land and Cattle Company, dal trafficante d’armi saudita e risorsa della CIA, Adnan Khashoggi.

A quel tempo Strong era al centro stesso della trasformazione delle Nazioni Unite nel veicolo per imporre di nascosto un nuovo fascismo tecnocratico globale, usando terribili avvertimenti sull’estinzione del pianeta e sul riscaldamento globale, fondendo le agenzie governative con il potere aziendale in un controllo non eletto di graziosi paesi. praticamente tutto, sotto la falsa copertura della “sostenibilità”. Nel 1997 Strong ha supervisionato la creazione del piano d’azione successivo al Summit della Terra, “The Global Diversity Assessment”, un progetto per l’implementazione di una Quarta Rivoluzione Industriale, un inventario di ogni risorsa del pianeta, come sarebbe controllata e come questa la rivoluzione sarebbe compiuta.

A quel tempo Strong era co-presidente del Forum economico mondiale di Davos di Klaus Schwab. Nel 2015, alla morte di Strong, il fondatore di Davos Klaus Schwab scrisse: “È stato il mio mentore sin dalla creazione del Forum: un grande amico; un consigliere indispensabile; e, da molti anni, membro del nostro Consiglio di Fondazione.”

Prima di essere costretto a lasciare l’ONU in disgrazia a causa dello scandalo di corruzione Food-for-Oil in Iraq, Strong era membro del Club di Roma, amministratore dell’Aspen Institute, amministratore della Fondazione Rockefeller e della Fondazione Rothschild. Strong era anche direttore dell’occulto Tempio della Comprensione del Lucifer Trust (noto anche come Lucis Trust) ospitato presso la Cattedrale di St. John the Divine a New York City, “dove i rituali pagani includono la scorta di pecore e bovini all’altare per la benedizione. Qui, il vicepresidente Al Gore ha tenuto un sermone, mentre i fedeli marciavano verso l’altare con ciotole di compost e vermi…” xvi

Questa è l’origine oscura dell’agenda del Grande Reset di Schwab, secondo la quale dovremmo mangiare vermi e non avere proprietà privata per “salvare il pianeta”. L’agenda è oscura, distopica e intesa a eliminare miliardi di noi “umani comuni”.

Circa l’autore

F. William Engdahl è un pluripremiato analista geopolitico, consulente in materia di rischi strategici, autore, professore e conferenziere. Da più di trent’anni svolge ricerche e scrive sulla scena politica mondiale.

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

 

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

6 commenti

  • Fantasma di Flambeau ha detto:

    -“La terra, a causa della sua natura unica e del ruolo cruciale che svolge nell’insediamento umano, non può essere trattata come un bene ordinario, controllato da individui e soggetto alle pressioni e alle inefficienze del mercato. La proprietà privata della terra è anche uno strumento principale di accumulazione e concentrazione della ricchezza e quindi contribuisce all’ingiustizia sociale…-

    -Prima di essere costretto a lasciare l’ONU in disgrazia a causa dello scandalo di corruzione Food-for-Oil in Iraq, Strong era membro del Club di Roma, amministratore dell’Aspen Institute, amministratore della Fondazione Rockefeller e della Fondazione Rothschild. Strong era anche direttore dell’occulto Tempio della Comprensione del Lucifer Trust (noto anche come Lucis Trust) ospitato presso la Cattedrale di St. John the Divine a New York City, “dove i rituali pagani includono la scorta di pecore e bovini all’altare per la benedizione. Qui, il vicepresidente Al Gore ha tenuto un sermone, mentre i fedeli marciavano verso l’altare con ciotole di compost e vermi…”-

    -Questa è l’origine oscura dell’agenda del Grande Reset di Schwab, secondo la quale dovremmo mangiare vermi e non avere proprietà privata per “salvare il pianeta”. L’agenda è oscura, distopica e intesa a eliminare miliardi di noi “umani comuni”.-

    Destinazione Finale: capitalismo degli dèi infernali e comunismo degli schiavi animali.

    La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza.
    Gli Usa non sono la maschera di carnevale dello 0,0 che possiede ecc.
    L’Italia non è una colonia e non ci sono 120 basi più 20 (?) segrete.
    Il signor Presidente e tutti i nostri politici sono i rappresentanti del libero e sovrano popolo italiano.
    E Moro doveva mettersi una sciarpa.

  • GIUSEPPE ha detto:

    QUESTA GENTE SONO UNA METASTASI PER L’UMANITA’. NE DEBELLI UNO,O SCHIATTA PERCHE’ MISERO MORTALE,E VE NE SONO ALTRI: EREDI,LACCHE’,SETTORI MILITARI E BANCHE TUTTI SOTTO I LORO SERVIGI. HANNO LA FACCIA TOSTA DI CHIEDERE SACRIFICI AI POVERI CRISTI DI TUTTO IL MONDO MENTRE PONTIFICANO DALL’ALTO DEI MILIARDI DI DENARO CHE HANNO. BISOGNA DICHIARARLI FUORILEGGE,COME QUALSIASI THINK TANK ED ORGANIZZAZIONE AL LORO SERVIZIO,DEPAUPERARLI E PERSEGUIRE LE LORO PROGENIE!

    • Terminus ha detto:

      Impossible de les vaincre et de s’en débarrasser, cher Joseph !
      Ils sont comme les vers de terre. Si on en coupe un en quatre, on obtient quatre vers de terre. Ils se reproduisent aussi vite que les rats.

  • R.S. ha detto:

    11 luglio – SAN BENEDETTO DA NORCIA

    Ora et lege et labora et noli contristari in laetitia pacis
    San Benedetto da Norcia era un monaco, ma non un sacerdote. Oggi diremmo che era un laico.

    Eppure è il promotore del monachesimo la cui cultura e maestria ha permeato primariamente l’Europa, salvando la cultura classica dai barbari e arricchendola del cristianesimo, ispirandosene.

    Il monaco prega: in questa intensa e umile disposizione a ricevere la Grazia di Dio dedicandovi tutto il tempo che merita ottiene il desiderio e l’acume necessari allo studio per poi operare secondo il talento e i bisogni, dalle operazioni più semplici a quelle di maggior responsabilità, mantenendo un cuore capace di non lasciarsi togliere la pace, resistendo alla tristezza anche portando la croce.

    Tra le responsabilità (e le opere) di chi prega e studia c’è anche quella di interpretare la Scrittura e di saperla predicare anche disputando, perché deve esservi confronto, ma le idee sbagliate vanno ripulite con ogni zelo.

    La Chiesa ha conosciuto l’epoca delle eresie riguardanti Gesù Cristo, poi quelle riguardanti la stessa Chiesa: oggi la confusione sta riguardando nientepopodimenoche … l’uomo!

    In questi ultimi secoli è impressionante il ruolo dell’ideologia scivolando nel disumano e nel transumano. Dall’antropologia tripartita tributata dalla bibbia si è svolta verso l’uomo bestia parlante, l’uomo macchina, l’uomo teleguidato e microchippabile, follemente diretti verso l’uomo cancro, di troppo.

    Se nei “secoli bui” i cristiani avevano saputo utilizzare Aristotele per affacciarsi sulla Rivelazione, nei secoli luminosi non pochi teologi hanno provato a far uso del positivismo e dello scientismo illuministici precipitando nella tenebra più densa.

    Se nei “secoli bui” la disputa ha condotto a idee chiare, oggi la ciarla dialogante sta intorbidendo anche l’acqua del fonte battesimale.

    Mentre l’ora et lege et labora con animo lieto è un “fare” aggraziato, il fare attivistico dell’epoca post-moderna si configura come un partorire aria, un fare (partorire) non gravido, ma solo gonfio!

    Gonfio di sé, cioè del limite privato del limite, assolutizzato nel proprio delirio di onnipotenza.
    In estrema sintesi il nostro tempo ha rimosso la domanda sulla Verità per darsene da sé, anche raccontando ideologicamente delle frottole colossali, ma con la forza della propaganda per convincere tutti che non fosse alternativa, anzi dandosi alternative per condurre la danza della storia sempre a danno dell’umanità e della Verità inseguendo l’ideologia sostitutiva.

    San Tommaso d’Aquino sosteneva che la verità è adeguazione dell’intelletto e della realtà ma la definizione di per sé non risolve nulla. Un po’ come trattando il tema dell’uguaglianza che è ingiusta se dà a tutti lo stesso, mentre la giustizia è dare a ciascuno il suo! La verità logica adegua l’intelletto alla cosa; la verità ontologica adegua la cosa all’intelletto: la verità che può intendere l’uomo è un’adeguazione dell’intelletto e della realtà, l’equilibrio originario tra l’intelletto e la realtà. Perché la realtà è creata e l’intelletto umano è solo un talento ricevuto, un dono per misurare la creazione ma non da creatori (essendone, al più, soltanto amministratori).

    Ogni ragionare umano sulla realtà è limitato all’intelligenza possibile dell’individuo che vi si cimenta e limitato al qualcosa in cui si misura (l’intelligenza del nulla non ha nessuna intelligenza).

    Il conoscere riguarda istantaneamente l’intenzione che vede il conoscente agire un conoscere e il conosciuto prestato a questa conoscenza, come atto. L’intelletto umano osserva, apprende e spiega. Non è detto che sia l’unica spiegazione e la scienza (altro dono divino) permette di ripulire la spiegazione fino a dirla la migliore, essendo assurde le altre. Era già tutto chiaro prima dei lumi!

    La realtà è questa, non un’astrazione. Astratta è l’ideologia, priva di realtà e sua nemica. C’è criterio, c’è critica: altro che sentire il mainstream che educa acriticamente le masse a bersi di tutto e guai ad opinare, perché vieni messo al bando!
    Da chi? Dalla “democrazia” e dalla “legge”, positivisticamente autoproclamatesi assolute nell’esercitare il potere che hanno carpito ideologicamente.

    Infatti anche la sapienza di Dio dei più arditi teologi non è che un passo sulla via che si sporge sull’eternità, senza la pretesa di rinchiudere Dio nel recinto della genialità dell’uomo. Questa sapienza spiega perché ha senso credere -ragionevolmente- a quel che attiene unicamente la fede.

    Nella confusione del nostro tempo persino la Congregazione (Dicastero…) per la Dottrina della Fede è giunta a un livello così basso da considerare la sacra dottrina un’occasione di ciarla, privo di contemplazione e intriso di prassi; quasi più adusa a perdere la fede in Cristo che a custodirla, dato che di sacro non c’è più niente. Il pericolo più grande però è che questo nostro tempo, abbandonato all’ideologia anche dai cristiani, non ha solo smarrito il sacro: sta smarrendo l’umano!

    Perché? Perché non ha più senso la fede in Cristo, cioè la Verità che rende liberi. Cristo è vero Dio e vero uomo. Anche l’umanità di Cristo presiede la creazione e in quest’umanità redenta dalla Grazia c’è la conoscenza della creazione nel tempo, ma aperta all’eternità. Impossibile vedendo la cosa dal versante dell’uomo (creatura), ma non di Dio (creatore). La Madonna se lo sentì dire esattamente al momento dell’Incarnazione del Verbo: nulla è impossibile a Dio.

    La Rivelazione è Dio che parla, non l’opinione di uomini al bar sport che rivedono al rallentatore l’immagine che qualche addetto giudica in sala VAR per decidere se è rigore o fuorigioco.

    Il Creatore è anche il Redentore. Vero Dio e vero uomo. Il centro di Tutto, l’assolutamente Tutto nella particola dell’Eucaristia. Il mistero che però è contemplabile e mostra/rivela sé stesso.

    Che meraviglia… E come? Noli contristari in laetitia pacis.

    Preghiera, studio, lavoro, persino la croce se Dio lo vuole. Ma senza intristire. E’ la Grazia.

  • Dino Brighenti ha detto:

    Si sentono dei onnitutto ma crepano quando lo decide DIO

    • Catholicus ha detto:

      Sono accecati da delirio di onnipotenza, rendono culto a Lucifero ( anni adietro vidi in rete una foto di un Rockfeller, credo David, con al fianco una donna, moglie o figlia : avevano alle spalle una gigantografia di Lucifero, il GADU nel loro delirante gergo.) Ma Dio vede e. Provvede, e a tempo debito, secondo i Suoi imperscrutabili disegni, scompiglierà le liro carte e porrà fine a questa tragica farsa….

Lascia un commento