Congresso USA, Origine del Covid 19. Naturale? Gli Esperti: “Una Chance su un Miliardo”. The Defender.

20 Giugno 2024 Pubblicato da Lascia il tuo commento

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione questo articolo pubblicato da The Defender, che ringraziamo per la cortesia. Buona lettura e condivisione.

§§§

 

a teoria della fuga di dati dal laboratorio del COVID-19 – lungi dall’essere un mito o una teoria del complotto – è supportata da una “preponderanza di prove” riconosciuta oggi dai senatori statunitensi in una storica udienza bipartisan.

Il presidente della Sicurezza interna e degli affari governativi Gary Peters, un senatore democratico del Michigan, e il senatore Rand Paul (R-Ky.), membro di rango, hanno guidato l’udienza della commissione di due ore esaminando le prove disponibili sulle origini del COVID-19.

CHD.TV ha trasmesso l’udienza.

Il governo cinese si rifiuta di rilasciare i dati chiave dell’Istituto di virologia di Wuhan risalenti al periodo in cui è emerso il COVID-19, rendendo difficile valutare la teoria della fuga di laboratorio e giungere a una conclusione.

Ciononostante, secondo i testimoni esperti Steven C. Quay, MD, Ph.D. – CEO di Atossa Therapeutics Inc. ed ex membro della facoltà della School of Medicine dell’Università di Stanford – e Richard H. Ebright, Ph.D., professore di chimica e biologia chimica e direttore di laboratorio presso il Waksman Institute of Microbiology della Rutgers University, molte prove indicano una fuga dal laboratorio piuttosto che una fuoriuscita naturale da parte degli animali..

Ebright fa anche parte del gruppo dirigente di Biosafety Now, un’organizzazione non governativa che “sostiene la riduzione del numero di laboratori di biocontenimento di alto livello e il rafforzamento della biosicurezza, della bioprotezione e della gestione del rischio biologico per la ricerca sugli agenti patogeni”.

Una possibilità su un miliardo” che il COVID emerga dalla natura

Quay – che ha esordito dicendo alla commissione di parlare “come scienziato indipendente” senza legami finanziari rilevanti – ha spiegato che il genoma della SARS-CoV-2 ha sette caratteristiche che ci si aspetterebbe di trovare in un virus costruito in laboratorio e che non si trovano nei virus della natura.

“La probabilità statistica di trovare ciascuna caratteristica in natura può essere determinata”, ha detto Quay, “e la probabilità combinata che la SARS2 provenga dalla natura è inferiore a una su un miliardo”.

Ebright ha affermato che anche la sua vasta ricerca e la raccolta di documenti hanno indicato una fuga  dal laboratorio.

Ha anche affermato che la ricerca sul “guadagno di funzione” su agenti patogeni potenzialmente pericolosi – come gli esperimenti in corso presso l’Istituto di Wuhan quando è emerso il COVID-19 – “non ha applicazioni civili”, ma è facile da fare per i ricercatori e guadagnarci denaro.

“I ricercatori lo intraprendono perché è veloce”, ha detto Ebright, “è facile, non richiede attrezzature o competenze specializzate, ed è stata data la priorità per il finanziamento ed è stata data la priorità alla pubblicazione da parte di riviste scientifiche”.

“Si tratta di incentivi importanti per i ricercatori di tutto il mondo, in Cina e negli Stati Uniti”, ha sottolineato.

Inoltre, la ricerca sul guadagno di funzione è in gran parte non regolamentata, ha affermato Ebright.

È necessario che ci sia un’agenzia indipendente che supervisioni e regoli questa ricerca rischiosa, ha affermato.

“Solo dopo che ci sarà stato il riconoscimento”, ha detto Ebright, “che esiste una possibilità molto reale – non una possibilità remota, ma una possibilità molto reale – di un’origine di laboratorio, ci sarà la volontà politica di imporre una regolamentazione a questa comunità scientifica che ha resistito con successo e ostacolato la regolamentazione per due decenni”.

Ebright ha aggiunto: “Vedo questo riconoscimento oggi in modo bipartisan tra i membri di questo comitato”.

Alla domanda su quanto sia importante che i legislatori approvino una legge per regolamentare la ricerca sul guadagno di funzione, Ebright ha risposto che è una “questione di sopravvivenza”.

“È davvero importante”, ha detto Ebright. “È necessario che esista un’entità indipendente dalle agenzie che finanziano la ricerca e svolgono la ricerca per eliminare il conflitto di interessi strutturale che esiste con l’attuale autoregolamentazione da parte delle agenzie che svolgono e finanziano la ricerca”.

Paul ha detto che la commissione terrà un’audizione in futuro incentrata sulla riforma della ricerca sul guadagno di funzione negli Stati Uniti

I commenti privati ​​non corrispondono alle parole pubbliche

I membri del comitato partecipante hanno citato numerosi casi in cui ricercatori finanziati dal governo federale hanno detto una cosa in privato mentre ne dicevano qualcos’altro in pubblico.

Ad esempio, il senatore Josh Hawley (R-Mo.) ha chiamato in causa Robert F. Garry, Ph.D., professore e preside associato della Facoltà di Medicina dell’Università di Tulane – che ha fornito una testimonianza di esperto durante l’udienza – per aver fatto parte degli ” sforzi di propaganda” guidati dal dottor Anthony Fauci per sopprimere la teoria della fugada un laboratorio.

Garry è coautore dell’articolo “Proximal Origin“, pubblicato il 17 marzo 2020 su Nature Medicine.

L’articolo – in cui gli autori concludevano che SARS-CoV-2 “non era un costrutto di laboratorio o un virus appositamente manipolato” – è stato utilizzato da Fauci e dal dottor Francis S. Collins per “reprimere” l’idea che una perdita di laboratorio abbia causato la pandemia di COVID-19, ha riferito il New York Times.

Tuttavia, Garry ha espresso in un’e-mail privata scritta poco prima della stesura dell’articolo che riteneva improbabile che il virus avesse origini naturali, ha sottolineato Hawley.

Ebright ha detto di aver firmato due petizioni che chiedono agli editori di Nature Medicine di rivedere e ritirare l’articolo a causa di cattiva condotta scientifica.

Gli autori dell’articolo riportarono conclusioni che all’epoca sapevano essere false. “Questa è la forma più eclatante di cattiva condotta scientifica”, ha detto Ebright.

Hawley ha detto: “Le persone hanno perso il lavoro a causa di questo. Hanno perso la loro posizione. Sono stati cacciati da Facebook. Sono stati espulsi da Twitter”.

Hawley chiese a Garry: “Ti penti di aver preso parte a questo sforzo, a questo sforzo di propaganda?”

Garry ha detto che “stava semplicemente scrivendo un articolo sulle nostre opinioni scientifiche”.

Hawley ha chiesto ancora: “Ti rammarichi del fatto che il tuo articolo sia stato utilizzato per censurare i tuoi colleghi scienziati? È stato utilizzato per censurare gli americani comuni che facevano domande sul virus. Te ne penti?”

Garry disse: “Quando scrivi un articolo, voglio dire, lo metti sul giornale, non possiamo controllare cosa succede”.

Hawley disse: «Quindi non ti senti affatto responsabile. È fantastico. Nessuno che sia coinvolto in tutto questo è responsabile”.

Più tardi, il senatore Ron Johnson (R-Wis.) ha chiesto a Garry quanti soldi aveva ricevuto in sovvenzioni governative nel corso della sua carriera. “Non ne sono sicuro”, disse Garry.

Johnson ha rivelato che tra il 2020 e il 2022, Garry e Kristian Andersen, Ph.D. – un altro coautore dell’articolo “Proximal Origin” – hanno ricevuto sovvenzioni per 25,2 milioni di dollari dal National Institutes of Health.

Diverse agenzie statunitensi hanno concluso che si trattava di una fuga dal laboratorio

Quando Garry iniziò a spiegare come la comunità dell’intelligence fosse arrivata alla stessa conclusione di lui e dei suoi coautori, Hawley lo ha interrotto. “Questa è una bugia”, ha detto Hawley. “Fermiamoci qui.”

Hawley ha sottolineato che “molti agenti e componenti della comunità di intelligence” hanno concluso che il virus era probabilmente una fuga di dati dal laboratorio.

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha concluso che il COVID-19 proveniva da un laboratorio, ha detto Paul. Lo stesso ha fatto l’FBI, ha detto.

Un informatore della CIA ha rivelato che gli scienziati convocati per studiare la questione hanno votato 6-1 per dire che proveniva dal laboratorio, ha detto Paul. “Poi sono stati annullati dai superiori per motivi politici”.

“Quindi ci sono molte prove che le persone all’interno delle agenzie di intelligence credono effettivamente che ci siano prove che provenga dal laboratorio”, ha detto Paul.

Emily Kopp, una giornalista di US Right to Know, ha smentito altre affermazioni di Garry in un post su X.

Johnson chiede copie non oscurate delle e-mail di Fauci

Johnson ha mostrato le copie delle ultime 50 pagine delle e-mail di Fauci, che erano state pesantemente oscurate. “Abbiamo dovuto fare il FOIA (Freedom of Information Act, n.d.r.)  per questi. Non le hanno consegnate, come avrebbero dovuto.”

Ha suggerito che alcuni stanno ancora cercando prove chiare e conclusive – come in una “pistola fumante” – che dimostrino che Fauci e la ricerca da lui finanziata presso l’Istituto di virologia di Wuhan fossero responsabili del virus COVID-19.

“La mia ipotesi è che la pistola fumante esista da qualche parte sotto queste pesanti cancellature”, ha detto Johnson.

Johnson ha chiesto al presidente di emettere un mandato di comparizione per ottenere le ultime 50 pagine senza cancellature.

 

Suzanne Burdick, Ph.D., è una reporter e ricercatrice per The Defender con sede a Fairfield, Iowa.

§§§

Aiutate Stilum Curiae

IBAN: IT79N0200805319000400690898

BIC/SWIFT: UNCRITM1E35

§§§

 

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

Lascia un commento