Il Dramma dei Piloti d’Aereo con Effetti Avversi. In Italia non se ne Parla, ma Esiste.

23 Giugno 2022 Pubblicato da 8 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, mi sembra opportuno portare alla vostra attenzione, nella mia traduzione, questo articolo apparso su CD e che affronta un problema drammatico, di cui ovviamente non si parla nel nostro Paese, in obbedienza al regime oppressivo vigente nell’informazione dei giornaloni venduti e comprati, e delle televisioni globalmente asservite. Buona lettura.

 §§§

 

 

Altri piloti feriti dal vaccino parlano, mentre i gruppi fanno pressione sulle compagnie aeree e sulle autorità di regolamentazione per porre fine all’obbligo di vaccinazione

da CD Media Staff18 giugno 2022418639

CONDIVIDI22

Altri piloti di linee aeree commerciali parlano delle lesioni da vaccino COVID-19 e dell’ambiente “ostile” in cui devono muoversi i piloti feriti e quelli non vaccinati.

 

 

Dolori acuti al petto. Miocardite e pericardite. Attacchi di cuore. Ictus e conseguente cecità.

 

Questi sono solo alcuni dei numerosi eventi avversi legati al vaccino COVID-19 segnalati dai piloti delle compagnie aeree commerciali e da un numero crescente di gruppi di difesa che rappresentano i lavoratori dell’industria aeronautica.

 

Secondo questi individui e gruppi, il numero di piloti che parlano delle loro lesioni da vaccino è minimo rispetto al numero di piloti che continuano a volare nonostante i sintomi preoccupanti, ma non ne parlano a causa di quella che descrivono come una cultura di intimidazione all’interno dell’industria aeronautica.

 

Queste persone temono di perdere il posto di lavoro e i mezzi di sussistenza a causa di ritorsioni se rivelano i loro sintomi o rendono pubbliche le loro storie, hanno dichiarato le fonti al Defender.

 

Tuttavia, un numero crescente di piloti si sta facendo avanti.

 

Il mese scorso, The Defender ha pubblicato i racconti di diversi piloti e della vedova di un pilota morto a causa di un evento avverso legato al vaccino.

 

Da allora, altri piloti hanno condiviso le loro storie, tra cui uno che attualmente vola per una compagnia aerea commerciale.

 

Un numero crescente di organizzazioni di difesa, che rappresentano i lavoratori dell’industria aeronautica e di diversi Paesi, si sta unendo a questi piloti nel parlare.

 

Il Defender ha riferito in precedenza delle azioni degli U.S. Freedom Flyers (USFF) e di altri sostenitori legali negli Stati Uniti.

 

Da allora, anche i rappresentanti della Global Aviation Advocacy Coalition (GAA) e dell’associazione canadese Free To Fly hanno parlato con il Defender delle loro iniziative.

 

Nel frattempo, piloti in Canada e nei Paesi Bassi hanno recentemente riportato importanti vittorie legali in casi distinti legati ai vaccini.

 

Altri piloti si fanno avanti e parlano con il Difensore

 

Steven Hornsby, un pilota di 52 anni di una compagnia aerea di linea, un tempo era un attivo sollevatore di pesi e ciclista, che percorreva 10-26 miglia in bicicletta ogni due giorni.

 

È anche un veterano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e dell’Operazione Enduring Freedom. Secondo i requisiti della FAA, negli ultimi 12 anni ha superato 24 esami medici, tra cui 12 elettrocardiogrammi (ECG).

 

Hornsby ha dichiarato al Defender: “Non ho mai avuto problemi cardiovascolari nella mia vita, né ho mai avuto problemi di salute importanti… Mangio sano e vivo quello che ritengo essere uno stile di vita equilibrato”.

 

Hornsby, tuttavia, oggi non vola perché, ha detto, è stato “costretto… a sottoporsi al vaccino COVID-19” e il suo datore di lavoro “ha detto chiaramente che tutti i dipendenti sarebbero stati obbligati a farlo e che sarebbe stato molto difficile ottenere esenzioni mediche/religiose”.

 

Le difficoltà di Hornsby sono iniziate dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19 della Pfizer.

 

Dopo la seconda dose, inizialmente non ho avuto problemi, con poco più di un leggero affaticamento il secondo giorno”, ha detto Hornsby. “Il dodicesimo giorno, tuttavia, è stato il culmine del vaccino e del continuo stress che stavo aggiungendo al mio cuore a causa dell’esercizio fisico rigoroso”.

 

Mentre era in macchina con la famiglia, Hornsby ha raccontato di aver avvertito forti dolori al petto, “un dolore che si irradiava attraverso il braccio sinistro e la frequenza cardiaca aumentava come se mi battesse nel collo”.

 

Hornsby ha detto che ci sono volute diverse diagnosi da parte di medici e operatori sanitari per stabilire un collegamento tra i suoi problemi di salute e il vaccino.

 

Un’infermiera di una struttura di assistenza urgente gli ha detto che i suoi sintomi non erano correlati a un attacco cardiaco e che molto probabilmente non erano legati al vaccino. In seguito, al pronto soccorso di un ospedale, gli è stato nuovamente detto che i suoi sintomi non erano probabilmente correlati al vaccino.

 

“A quel punto”, racconta Hornsby, “ero indignato. Perché un operatore sanitario avrebbe dovuto ignorare questa prospettiva? Questa è stata la mia realtà che mi ha fatto capire che era in atto un grande insabbiamento”.

 

Alla fine a Hornsby fu diagnosticata una pressione sanguigna elevata, ma gli fu detto che non aveva avuto un attacco cardiaco. I medici gli consigliarono di rivolgersi a un cardiologo e gli dissero che non avrebbero segnalato il suo caso al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

Hornsby ha raccontato che il suo cardiologo, dopo aver eseguito le analisi del sangue, gli ha detto che il suo cuore era sano e, pur non scartando la possibilità che i suoi problemi cardiaci fossero collegati al vaccino, gli ha detto che i sintomi erano “molto probabilmente dovuti allo stress o a un problema muscoloscheletrico”.

 

“Ho dovuto smettere di cercare di forzare la mia diagnosi – un pregiudizio contro il vaccino – e ascoltare i professionisti”, ha detto Hornsby, aggiungendo che “dovevo essere paziente”, anche dopo che un medico del sindacato aveva respinto le preoccupazioni di Hornsby che i suoi sintomi fossero legati al vaccino.

 

Hornsby ha continuato ad accusare “dolori intermittenti”, nonostante l’assunzione di rimedi casalinghi come tè e integratori per calmare la frequenza cardiaca, che a suo dire sono stati utili.

È stato solo nel dicembre 2021, quando il suo certificato medico doveva essere rinnovato, che il suo esaminatore aeromedico (AME) gli ha consigliato di indossare un monitor Holter (un tipo di ECG portatile) per una settimana per monitorare il suo cuore.

 

 

“In quel momento ho scoperto di avere problemi di aritmia, palpitazioni e frequenza cardiaca irregolare, che si verificavano quasi esclusivamente di notte”, ha detto Hornsby. “Ho riferito al mio AME, che mi ha detto che non potevo volare e che dovevo trovare un buon cardiologo e rimettermi in salute”.

 

Il mese successivo, un altro cardiologo diagnosticò a Hornsby una miocardite indotta dal vaccino.

 

“Il mio cuore era infiammato”, ha detto Hornsby. “Dopo un ecocardiogramma, è emerso che il mio cuore era leggermente dilatato e che c’era del liquido dietro al cuore”.

 

Hornsby ha detto che “sta molto meglio”, ma non può ancora volare. È deluso dal modo in cui diversi medici hanno affrontato le sue preoccupazioni.

 

“Se i medici fossero stati disposti a considerare il mio caso – e sospetto anche quello di altri – con una mente aperta, il problema avrebbe potuto essere diagnosticato molto, molto prima”, ha detto. “Guardando indietro, se il mio cuore non fosse stato sano, sarei sicuramente morto per un arresto cardiaco come quello che si verifica nei giovani atleti”.

 

Hornsby ha detto di credere che altri piloti con sintomi simili stiano ancora volando.

 

“Sospetto che ci siano molti piloti che volano con problemi minori e forse maggiori”, ha detto Hornsby. “Il vaccino è/era sperimentale e per una buona ragione. Nessuno conosce gli effetti a lungo termine”.

 

Ha aggiunto:

 

“Quanti anni sono stati sottratti alla mia vita? Svilupperò tessuto cicatriziale nel mio cuore? Mi ammalerò di cancro? Questa spazzatura ha degradato il mio sistema immunitario? Solo Dio lo sa”.

 

Pilota ferito da un colpo di Moderna: Ho una famiglia da sfamare

 

In realtà, The Defender ha intervistato un altro pilota – che attualmente vola per una compagnia aerea commerciale negli Stati Uniti – che sta attraversando tali difficoltà di salute.

 

Il pilota, che ha parlato con The Defender a condizione di anonimato, ha dichiarato:

 

“Avevo dolori al petto, di solito di notte, quasi come se qualcuno avesse una mano intorno al mio cuore e lo stesse stringendo.

 

In genere, [il dolore] si attenuava durante il giorno, ma… ogni tanto compariva dal nulla e dovevo sdraiarmi”.

 

“Si manifestava come dolore, ma anche come se qualcosa fosse incastrato in profondità nell’esofago, come se avessi un pezzo di cibo o di aria che premeva sulla zona del petto”.

 

Secondo il pilota, i suoi sintomi “sono iniziati circa una settimana dopo la seconda vaccinazione Moderna”.

 

Ha detto che la compagnia aerea per cui lavora ha minacciato di licenziare chiunque non avesse fatto il vaccino. “Ho una famiglia da sfamare, quindi mi è rimasta poca scelta”.

 

Ha detto di essere “in riserva” e di non volare spesso. Sebbene i suoi sintomi si siano attenuati di recente, ha ritenuto che “l’esame di ulteriori trattamenti avrebbe portato a una risposta sfavorevole per la mia [certificazione] medica”.

 

Ha aggiunto:

 

“In fondo alla mia mente, però, c’è il pensiero di ciò che potrebbe significare per la mia salute futura”.

 

“La situazione attuale in cui mi trovo è che mantenere una famiglia è la cosa più importante per me. Il timore di perdere la certificazione medica di pilota dopo l’obbligo di sottopormi a questo vaccino è la strada che sto percorrendo”.

 

Licenziato dopo 19 anni per aver rifiutato il vaccino COVID, ex pilota australiano si batte per gli altri

 

L’Australia, come il Canada, ha un obbligo governativo di vaccinazione per il personale delle compagnie aeree e degli aeroporti. In Australia, questo mandato è entrato in vigore il 15 novembre 2021.

 

Glen Waters è un ex capitano della Virgin Australia, ora portavoce di un gruppo di dipendenti della stessa compagnia aerea.

 

Waters, che ha ricoperto il grado di capitano per 19 anni prima di essere licenziato da Virgin Australia per aver rifiutato il vaccino, ha parlato con The Defender a nome di diversi piloti che soffrono di lesioni da vaccino.

 

Secondo Waters, “nessuno dei piloti che soffre di lesioni è disposto a parlare” perché “la compagnia sta attivamente cercando di eliminare chiunque denunci lesioni da vaccino”.

 

Waters ha detto che i dipendenti i cui problemi di salute sono caratterizzati come “non correlati” al vaccino sono trattati da Virgin Australia “come ci si aspetterebbe che un’azienda si occupi dei suoi dipendenti”.

 

Waters ha dichiarato che “ci sono diverse ragioni per cui i piloti feriti non si fanno avanti”, tra cui:

 

“C’è uno stigma legato al sentimento anti-vaccino in qualsiasi forma.

C’è una riluttanza da parte della comunità medica a farsi coinvolgere in eventuali lesioni da vaccino.

I produttori di vaccini si oppongono attivamente alle richieste di risarcimento.

Le compagnie di assicurazione hanno preso le distanze dalle richieste di risarcimento che coinvolgono il vaccino.

I piloti non vogliono perdere le certificazioni mediche, il lavoro o la carriera.

Waters ha detto che dei circa 900 piloti che volano con Virgin Australia, è a conoscenza di nove che non volano più a causa di complicazioni mediche che potrebbero essere legate al vaccino.

 

“Senza dubbio ce ne sono molti altri che continuano a volare con sintomi preoccupanti”, ha detto.

 

Secondo Waters, i sintomi più comuni sono la miocardite e la pericardite. Alcuni sintomi, tuttavia, sono ancora più gravi.

 

Waters ha dichiarato a The Defender:

 

“Abbiamo un capitano che ha avuto un ictus ed è diventato cieco, e un altro ha avuto un attacco di cuore ed è caduto dalle scale d’imbarco dopo essere atterrato.

 

“Ci sono state lamentele di continui mal di testa e numerose segnalazioni di dolori al petto e mancanza di respiro.

 

“Alcuni membri dell’equipaggio di cabina hanno riferito di avere spilli e aghi negli arti, quasi come scosse elettriche che persistono per ore.

 

Ho sentito parlare di acufeni, vertigini e nebbia cerebrale, compresa una temporanea cecità, in diversi membri dell’equipaggio”. Sono stati segnalati frequentemente disturbi del ciclo mestruale, che forse hanno colpito decine di [dipendenti]”.

 

Tuttavia, secondo Waters, forse a causa dell’ambiente di lavoro, non tutti i piloti si sentono a proprio agio nel dichiarare apertamente che potrebbe esserci un collegamento tra i loro problemi di salute e i vaccini.

 

“Sono a conoscenza solo di tre persone che hanno dichiarato che i sintomi sono iniziati entro un’ora dal vaccino, uno entro sette giorni”, ha detto.

 

“Le vittime dell’ictus e dell’infarto non attribuiscono il loro evento medico al vaccino, per quanto ne so. E nemmeno il capitano che è morto per l’improvviso insorgere di un cancro all’inizio di quest’anno”.

 

Alcuni dipendenti potrebbero non capire che i loro sintomi potrebbero essere collegati al vaccino, ha detto Waters. “Molti dei primi segnali di allarme – mal di testa persistente, dolori al petto, mancanza di respiro – non vengono riconosciuti dal personale di bordo come possibili reazioni avverse”, ha detto Waters.

 

“Gli attacchi di cuore e gli ictus si verificano in individui altrimenti sani e in forma. Sono improvvisi e rappresentano un rischio reale per la sicurezza del volo”.

 

Waters ha spiegato che l’Autorità australiana per la sicurezza dell’aviazione civile, analogamente ad altri organismi di questo tipo a livello globale, ha una “regola dell’1%” per i piloti: Se hanno una condizione medica “che presenta una probabilità superiore all’1% di sfociare in un evento di inabilità entro i prossimi 12 mesi, allora sono considerati medicalmente non idonei a volare”.

Alla luce di ciò, secondo Waters, “numerosi medici dell’aviazione, tra cui il tenente colonnello Theresa Long e il tenente colonnello Peter Chambers, hanno raccomandato esami che aiuteranno a determinare il rischio reale per i piloti”.

 

Tra questi, il test del D-dimero per le condizioni di coagulazione del sangue, l’emocromo completo, l’analisi ECG post-vaccinazione, la risonanza magnetica cardiaca e altri ancora.

 

Mentre i piloti si esprimono, si registrano alcune vittorie legali

 

Nonostante quello che molti piloti definiscono un ambiente ostile nel settore dell’aviazione nei confronti delle denunce di lesioni da vaccino, una recente serie di decisioni legali è stata a favore dei piloti e altre azioni legali sono in corso.

 

Il 2 giugno, un giudice della Corte d’Appello di Amsterdam, nei Paesi Bassi, ha dato ragione all’Associazione olandese dei piloti di linea, in una causa che contestava l’obbligo di vaccino introdotto dalla compagnia aerea olandese KLM per i nuovi piloti.

 

Secondo la sentenza:

 

“Si ritiene che richiedere ed esigere una vaccinazione contro il Covid costituisca una violazione ingiustificata dei diritti fondamentali dei candidati piloti”.

 

In particolare, viola la privacy (articolo 8 della CEDU) [la Convenzione europea dei diritti dell’uomo] dei candidati piloti”.

 

“Dopo tutto, la decisione di farsi vaccinare o meno è qualcosa che appartiene in modo preminente alla sfera privata.

 

“Richiedere al candidato pilota di essere vaccinato e di dare una risposta positiva alla domanda sullo stato di vaccinazione, quindi, viola questo principio. KLM non lascia quindi alcuna scelta ai candidati piloti che vogliono entrare in KLM”.

 

In base alla sentenza del 2 giugno, a KLM è vietato richiedere o raccogliere tali informazioni dai candidati piloti, o rifiutare i candidati sulla base del loro stato vaccinale, pena una sanzione di 100.000 euro (circa 105.000 dollari) per ogni violazione.

 

In seguito alla sentenza, l’Associazione dei piloti olandesi ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che:

 

“L’associazione condivide la posizione del governo secondo cui la vaccinazione è importante, ma non è consentita la vaccinazione obbligatoria da parte del datore di lavoro”.

 

“Riteniamo che KLM non abbia rispettato questa posizione e che abbia violato i nostri accordi in merito, senza che vi fosse alcuna necessità operativa”.

 

In Canada, il 14 giugno il governo federale ha annunciato che la maggior parte degli obblighi vaccinali legati ai viaggi saranno aboliti a partire dal 20 giugno.

 

In risposta a questo annuncio, in una dichiarazione inviata a The Defender, Free to Fly ha dato credito a coloro che si sono opposti ai mandati, affermando che:

 

“Questa stagione buia aiuta a rafforzare un’importante massima: il vero cambiamento avviene solo attraverso la tenacia, il coraggio e l’incessante ricerca della verità da parte di uomini e donne di principio”.

“In tutta la nostra nazione, molti canadesi hanno rifiutato di rinunciare alla libertà e hanno combattuto per la nostra fragile democrazia. Non proviamo alcuna ‘gratitudine’ nei confronti di uno Stato spavaldo che ha smesso di violare le libertà donate da Dio”.

 

Non dobbiamo mai dimenticare le nostre recenti traversie e non possiamo cullarci nell’autocompiacimento, certamente con il governo di Trudeau che minaccia apertamente il ripristino degli obblighi con qualsiasi “nuova variante””.

 

“Continueremo a perseguirli, insistendo su standard senza compromessi nel nostro settore e sulla garanzia di non percorrere mai più questa strada di segregazione medica”.

 

In un altro recente sviluppo, il pilota canadese Ross Wightman è diventato solo una delle poche persone che hanno ricevuto un risarcimento dal programma canadese di sostegno alle lesioni da vaccino.

 

A Wightman è stata diagnosticata la sindrome di Guillain-Barré, una rara patologia che colpisce il sistema nervoso e può causare debolezza muscolare, paralisi o addirittura la morte.

 

Ha sviluppato questa patologia pochi giorni dopo aver ricevuto la sua prima e unica dose di vaccino COVID-19. Da un anno Wightman non è più in grado di lavorare, poiché la mobilità delle braccia e delle gambe è notevolmente limitata.

 

La Global Aviation Advocacy Coalition scrive una lettera aperta all’industria aeronautica

 

In una lettera aperta all’industria aeronautica, la GAA ha sollevato gravi accuse riguardo ai mandati di vaccinazione dell’industria, che secondo la GAA hanno portato a un numero crescente di piloti feriti da vaccino che non sono in grado di volare e che potrebbero non farlo mai più, e a un numero crescente di piloti che continuano a volare pur accusando sintomi potenzialmente gravi.

 

La lettera è stata firmata da organizzazioni quali USFF, Free To Fly Canada, Aussie Freedom Flyers, UK Freedom Flyers, International Medical Alliance, Global Covid Summit, Canadian Covid Care Alliance, UK Medical Freedom Alliance, Association of American Physicians and Surgeons e diversi altri gruppi negli Stati Uniti, in Francia, nei Paesi Bassi, in Svizzera e nel Regno Unito, oltre che da più di 17.000 medici e scienziati medici di tutto il mondo e da “migliaia di piloti di oltre 30 compagnie aeree globali”.

 

Il GAA ha dichiarato di essere in comunicazione con i piloti delle seguenti compagnie aeree statunitensi: Alaska, American, Delta, Frontier, JetBlue, Southwest, Spirit e United, e 12 grandi vettori aerei in Australia, Canada, Francia, Germania e Paesi Bassi.

 

Secondo la lettera aperta della GAA, l’organizzazione e gli scienziati e i medici con cui collabora “sentono quotidianamente parlare di condizioni che includono “problemi cardiovascolari, coaguli di sangue [e] problemi neurologici e uditivi” da parte di piloti di linea feriti da vaccino.

 

I piloti feriti accusano un ampio spettro di sintomi, “che vanno fino alla morte”, ha scritto il GAA, aggiungendo che i sintomi “sono per lo meno correlati alla ricezione delle vaccinazioni COVID-19”.

Il GAA ha scritto che in molti casi queste condizioni sono così gravi che “i piloti hanno perso la certificazione medica e potrebbero non recuperarla”, mentre altri “continuano a pilotare aerei pur avendo sintomi che dovrebbero essere dichiarati e indagati, creando un rischio di fattore umano di portata senza precedenti” e “un panorama che dovrebbe preoccupare molto le compagnie aeree e il pubblico che viaggia”.

 

Secondo il GAA, i piloti continuano a volare nonostante l’insorgere di tali sintomi perché “chi denuncia le lesioni subite rischia di perdere la licenza, il reddito e la carriera, mentre riceve poco o nessun sostegno dai propri sindacati e un’invettiva da parte delle compagnie aeree”.

 

Il GAA ha dichiarato che molti piloti sono riluttanti a ricevere il vaccino COVID-19 e si oppongono all’obbligatorietà:

 

“I piloti sono addestrati ad essere attenti analisti del loro ambiente, a riconoscere i rischi e a mitigarli attivamente. Per molti, la loro formazione e l’analisi differenziale dei rischi hanno portato a preoccupazioni e conclusioni negative riguardo alla compatibilità della vaccinazione COVID-19 con la salute e la sicurezza del volo.

 

“Molti piloti non solo non erano d’accordo con i requisiti arbitrari contenuti nei mandati di vaccinazione, ma vedevano anche dei rischi nelle domande senza risposta, nella velocità e nella pressione ingiustificata dietro l’introduzione del vaccino. Hanno fatto pressione sulle loro compagnie aeree e sui politici, raccomandando cautela e opponendosi ai mandati”.

 

Tuttavia, ha dichiarato il GAA, per molti piloti si è trattato di scegliere tra la vaccinazione e la perdita del lavoro:

 

“Una volta che le compagnie aeree hanno imposto la vaccinazione, molti piloti hanno rifiutato con fermezza sulla base del rischio e sono stati successivamente messi in congedo non retribuito o licenziati.

 

“Professionisti di saldi  principi sono stati costretti a lasciare l’aviazione e l’industria ha perso centinaia di migliaia di ore di esperienza. Ora l’industria aerea mondiale si sta dirigendo verso una grave crisi di personale.

 

“Migliaia di altri piloti sono stati costretti a vaccinarsi per mantenere le loro famiglie. Questo ha avuto ripercussioni sulla loro salute mentale”.

 

Per il GAA, la colpa è degli obblighi e, più in generale, delle compagnie aeree, delle autorità di regolamentazione e dei sindacati:

 

“… non sembra esserci alcuna prova che le autorità di regolamentazione dell’aviazione, le compagnie aeree o i sindacati abbiano svolto una propria due diligence sui vaccini COVID-19 e sull’impatto sulla salute o sulle prestazioni dei piloti.

 

“Questo è in totale contrasto con gli attuali standard medici dell’aviazione. Esistono dubbi sulla competenza e sulla possibile negligenza.

 

Se non si affronta questo potenziale spartiacque medico, le compagnie aeree e i sindacati si rendono complici di un cambiamento culturale che ha scosso il mantra dell’aviazione “la sicurezza prima di tutto, sempre””.

Il GAA ha invitato le autorità dell’aviazione civile, come la Federal Aviation Administration, Transport Canada, l’Autorità per l’aviazione civile del Regno Unito, l’Agenzia per la sicurezza aerea dell’Unione Europea e l’Autorità per la sicurezza dell’aviazione civile dell’Australia, a iniziare ad adempiere ai loro obblighi normativi.

 

“La crisi della salute dei piloti deve essere affrontata pubblicamente dalle compagnie aeree e dai sindacati che le rappresentano per riportare la sicurezza dei voli a quella che conoscevamo un tempo”, si legge nella lettera.

 

Il GAA ha chiesto che:

 

“Dove esiste, la vaccinazione COVID-19 obbligatoria per i lavoratori dell’aviazione deve essere interrotta.

Le autorità di regolamentazione e le compagnie aeree devono ribadire la necessità di un ambiente favorevole all’autodenuncia.

Gli screening medici accurati e oggettivi dei piloti e dell’equipaggio di cabina devono essere una priorità assoluta. Questi devono essere sostenuti dalle autorità di regolamentazione e devono concentrarsi sui danni ad alta prevalenza che ora si manifestano nel pubblico e negli equipaggi di volo.

Le compagnie aeree e le autorità di regolamentazione sono in possesso di dati sulle malattie e sulle sospensioni dei certificati medici, compresi i sintomi e i motivi causali. Questi dati dovrebbero essere analizzati da terzi indipendenti per stabilire o escludere la vaccinazione COVID-19 come possibile causa”.

Free to Fly avvia un’azione legale contro le autorità canadesi e la compagnia aerea

 

Free to Fly, con sede in Canada, rappresenta quasi 3.000 professionisti dell’aviazione, secondo quanto dichiarato dal suo direttore, Greg Hill, che ha parlato con The Defender.

 

Questi professionisti comprendono piloti, assistenti di volo, controllori del traffico aereo, addetti alla manutenzione e rappresentanti del servizio clienti.

 

Secondo Hill, i lavoratori del settore hanno riportato un’ampia gamma di problemi di salute, tra cui “dolori toracici generalizzati, miocardite, ingrossamento del cuore, coaguli di sangue, perdita dell’udito, paralisi parziale, problemi linfatici [e] ampie disfunzioni autoimmuni”.

 

Alcuni dei piloti feriti sono “atleti di alto livello” che hanno subito una “forte diminuzione della loro capacità di prestazione”.

 

“Abbiamo avuto alcuni decessi inspiegabili in età irragionevolmente giovane”, ha detto Hill, e “un aumento delle deviazioni in volo con una delle nostre compagnie aeree in particolare”.

 

Pur lasciando aperta la possibilità che almeno alcuni di questi incidenti non siano legati ai vaccini, Hill ha affermato che le autorità canadesi mostrano “una scarsa volontà di condurre un’indagine adeguata”.

“Transport Canada, l’industria aeronautica, le compagnie aeree e i sindacati sono rimasti uniformemente in silenzio sulla questione”, ha dichiarato Hill.

 

In effetti, Hill ha affermato che l’industria aeronautica, le autorità di regolamentazione e i sindacati in Canada non hanno risposto alle richieste di Free to Fly.

 

Riferendosi a un documento, preparato in collaborazione con la Canadian COVID Care Alliance, in cui si afferma che i piloti dell’equipaggio di volo sono i più esposti al rischio di effetti avversi legati al vaccino a causa del loro ambiente di lavoro, Hill ha dichiarato:

 

“Lo abbiamo consegnato ai due maggiori sindacati dei piloti del Paese, l’Associazione dei piloti di Air Canada e l’ALPA, l’Associazione dei piloti di linea… si sono rifiutati di rispondere”.

 

“L’abbiamo anche inviata ai dirigenti di due delle nostre maggiori compagnie aeree… Anche loro si sono rifiutati di rispondere. E questo sollevava in modo molto esplicito i rischi che questi medici professionisti ritenevano dovessero essere, come minimo, indagati.

 

“E ad oggi, non abbiamo avuto altro che il silenzio formale per quanto riguarda la risposta di questi gruppi, per quanto riguarda gli eventi avversi, le lesioni da vaccino”.

 

Il documento fornisce: informazioni sugli obblighi del sindacato nei confronti dei suoi membri; un’analisi del rischio differenziale del COVID-19 rispetto ai vaccini; un’analisi dell’immunità naturale rispetto a quella indotta dal vaccino; un’analisi delle reazioni avverse ai vaccini e dei rischi particolari che corrono gli equipaggi di volo; un elenco di opzioni di trattamento alternative per il COVID-19; una discussione sul consenso informato e sulla coercizione.

 

Secondo Hill, la politica è “niente vaccino, niente lavoro” per i piloti e i professionisti dell’aviazione in Canada, a meno che non vengano concesse loro esenzioni religiose o mediche.

 

Ma, ha detto Hill, anche nei rari casi in cui viene concessa un’esenzione, questi dipendenti si sono comunque trovati senza lavoro, a causa di pratiche delle compagnie aeree che Hill ha descritto come estorsive.

 

Hill ha dichiarato al Defender:

 

“Se non si è disposti a fare il vaccino e non si può ottenere un’esenzione per motivi religiosi o medici, si viene messi in aspettativa non retribuita o si viene licenziati. Alcuni dei nostri piloti sono già stati licenziati.

 

“La stragrande maggioranza di queste deroghe è stata negata… alcune storie di persone a cui sono state negate le deroghe mediche sono davvero scioccanti, e lo stesso vale per l’aspetto religioso.

 

“La manciata di persone che sono state approvate… sono semplicemente un’altra serie di estorsioni. Alcuni di loro sono stati negati, poi sono stati approvati retroattivamente… essenzialmente sono stati approvati, ma poi non è cambiato nulla… continui il tuo congedo non retribuito, ma ti vengono concessi i benefici”.

 

Analogamente a quanto sostenuto in una lettera aperta consegnata a mano alla Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti e ai principali vettori aerei statunitensi nel dicembre 2021, anche Free to Fly ha denunciato una violazione delle norme vigenti in materia di aviazione, questa volta in Canada.

 

Secondo Hill:

 

“A un certo punto, sul sito web di Transport Canada, nel luglio 2021, c’era una riga che diceva specificamente che la posizione generale di Transport Canada… è che la partecipazione a sperimentazioni mediche non è considerata compatibile con la certificazione medica dell’aviazione”.

 

“Molti di noi si sono posti delle domande… e hanno detto: “Cosa succede?”. E la risposta è stata che questi [vaccini] sono approvati. E noi abbiamo detto: “No, non sono completamente approvati, sono approvati con un ordine provvisorio”.

 

Hill ha detto che se si legge quell’ordine provvisorio, è abbastanza ridicolo. In pratica diceva: “Lanceremo questi vaccini e raccoglieremo dati. Al momento riteniamo che vadano bene e continueremo a valutarli man mano che continueremo a somministrare i vaccini”, il che sembra una follia.

 

“Così abbiamo posto queste domande esplicite, senza ottenere risposte adeguate”, ha detto Hill. “E la settimana successiva… hanno semplicemente archiviato la memoria, hanno rimosso quella frase e non è più sul sito web. Questa è stata la loro risposta”.

 

Hill ha anche descritto una cultura di intimidazione in Canada tra i piloti e gli equipaggi di volo, che si traduce in una riluttanza a farsi avanti con richieste di risarcimento per lesioni da vaccino:

 

“A meno che le persone coinvolte non siano disposte a parlarne, non posso dire che… ogni pilota attualmente ancora impiegato… viva nel timore di parlare esplicitamente, certamente in qualsiasi forum pubblico… per paura della punizione che è stata sferrata contro quelli di noi che non hanno più un lavoro perché si sono rifiutati di percorrere questa strada e di insistere sulla libertà medica e di fare un’analisi corretta di ciò che stiamo affrontando”.

Ciò non ha impedito a Free To Fly di intraprendere un’azione legale in Canada. Secondo Hill, in Canada “… non si può chiedere un’azione privata contro la propria azienda. Devi farlo attraverso il tuo sindacato. E quando i sindacati decidono di non impegnarsi, ci si trova tra l’incudine e il martello”.

 

Hill ha aggiunto:

 

“… se si leggono i precedenti giurisprudenziali dell’ultimo anno o due in Canada, i tribunali hanno scelto molto, molto bene da che parte stare. E la preoccupazione è che, all’interno di un sistema di common law inglese, se continuiamo a litigare, a litigare e a perdere, a perdere e a perdere, creiamo un precedente che rende sempre più difficile trovare una via d’uscita.

 

“Purtroppo, in questo Paese, la legge è a valle della politica. È fortemente influenzata da essa, certamente a mio parere. E la politica, ovviamente, è a valle della cultura. Quindi, a meno che non si abbia un impatto sulla cultura e sulla narrazione più ampia, è molto difficile vedere soluzioni legali”.

 

Il 6 giugno Free to Fly ha inviato una lettera al Ministro dei Trasporti canadese, co-firmata dal GAA, contenente “domande importanti e dettagliate sui vaccini COVID-19 e sulla sicurezza dei voli”, secondo Hill.

 

Al momento in cui scriviamo, il ministro non ha ancora risposto.

 

Hill ha dichiarato:

 

“È semplicemente sconcertante… abbiamo letteralmente messo in crisi la cultura della sicurezza [dell’industria aeronautica] e questa è la nostra più grande preoccupazione”.

 

“Non si tratta di un interesse o di un desiderio di conflitto. Ho nostalgia del mondo prima che questo diventasse un ruolo totalizzante, in cui ci sforziamo di tornare a un senso di normalità e di corretta valutazione e mitigazione del rischio, che è ciò a cui i piloti si dedicano davvero.

 

È questo che vogliamo: la capacità di esaminare e analizzare correttamente la situazione… screening medici dell’aviazione che si concentrino su alcuni dei danni ad alta prevalenza che abbiamo riscontrato e di cui sentiamo parlare… questi screening devono essere sostenuti dall’autorità di regolamentazione [canadese] che, a nostro avviso, non ha svolto correttamente il proprio lavoro negli ultimi due anni”.

 

Per quanto riguarda le sospensioni, Hill ha detto che i piloti che non sono più in servizio non sono stati in grado di riavere la loro certificazione medica. E questi casi devono essere analizzati da terze parti indipendenti.

 

Alcuni piloti e professionisti dell’aviazione, oltre a parlare, si stanno unendo a gruppi di difesa.

 

Per esempio, Hornsby e il pilota citato in questa storia, che ha scelto di rimanere anonimo, si sono uniti alla USFF, secondo il suo cofondatore, Josh Yoder, così come i piloti e i controllori del traffico aereo che hanno precedentemente condiviso le loro storie con The Defender.

 

La USFF ha recentemente iniziato a intentare una serie di cause contro le compagnie aeree e le agenzie federali in risposta all’obbligo del vaccino e alle sue conseguenze.

 

In definitiva, però, secondo Hill, anche il pubblico – non solo i piloti e i professionisti dell’aviazione – deve far sentire la propria voce.

 

Sia che si tratti del Canada, degli Stati Uniti, dell’Australia, del Regno Unito e così via, vorremmo che l’opinione pubblica nel suo complesso si sollevasse e parlasse pubblicamente di questi problemi, chiedendo perché le autorità di regolamentazione non hanno effettuato una corretta valutazione dei rischi in relazione alla situazione in cui ci troviamo con questi vaccini”.

 

(Michael Nevradakis, Ph.D., è un giornalista e ricercatore indipendente con sede ad Atene, in Grecia).

§§§




I PADRONI DEI SOCIAL – E GOOGLE – CERCANO DI FAR TACERE STILUM

CURIAE.

SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:

IT79N0200805319000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae



viganò, tosatti,

Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti, con questo logo:

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Categoria:

8 commenti

  • FANTASMA DI FLAMBEAU ha detto:

    Ormai è lampante che il Vax non è solo un mezzo (anche), è un fine in sé.
    Se fosse soltanto un pretesto per marchiare il gregge, con l’identità digitale e il chip che Bill smania per infilarci sottopelle, non avrebbero inoculato a forza e senza cortesie insegnanti, sanitari, poliziotti e soldati. Cioè categorie essenziali per tenere in volo l’apparecchio esistente.

    Penta-esa-dodeca imposte ai bambini, aviaria (prequel), suina (test), virus dei pipistrelli/pangolini (1° tempo), vaiolo delle scimmie o cimurro delle foche o morbillo degli alieni che sarà (non scherzo; i primi esempi che mi vengono in mente, giusto per capire che viviamo in un grande Truman Show comprensivo di guida ai programmi, e non da oggi: ricordo un telefilm di più di vent’anni fa -“I viaggiatori”- in cui si parlava di eventi avversi da vaccini ricavati dagli alieni di Roswell; più o meno contemporaneo l’episodio di “Stargate SG-1” -1^Tv 3/1/2001, happy new millennium- ambientato nel 2010 in cui alieni filantropi facevano all’umanità un dono miracoloso; con un solo, ritardato, “effetto collaterale”).
    http://www.iviaggiatori.info/episodi/return.htm
    https://it.wikipedia.org/wiki/Episodi_di_Stargate_SG-1_(quarta_stagione)#2010 (sostituire “farmaci” con “vaccino”; thanks, Winston)
    Più che dirlo ce l’hanno gridato dai tetti, che liquidi comunque etichettati dobbiamo assuefarci a prenderli in vena, e a raffica, perché le combinazioni delle slot tutto sono tranne casuali e se i polli lo capissero le scanserebbero come la peste.

    Non ho le statistiche. Perché non le ho trovate, come neanche i dati per ricavarle.
    Però sarebbe molto interessante se qualcuno esperto di numeri e archivi confermasse o smentisse.
    “Positività” da tampone/vacanze/assenze diplomatiche e photo opportunity a parte: l’impressione è che più ci si avvicina al vertice della piramide, più diventa chiaro che virus, Great Reset, liquidi e relativi effetti a breve, medio e lungo, sono riservati agli inutili, ai superflui e ai “pericolosi” destinati a rimanere di qua dal ponte levatoio/fuori dal rifugio.
    (Il 2007-2008 ha fatto precipitare le cose. Se avessero avuto qualche anno in più. Avevano già iniziato a fare gite fuoriporta e a costruirsi una villa in orbita sopra Firenze dove passare il tempo a raccontarsi storielle divertenti.)

    • Gaetano2 ha detto:

      “Ormai è lampante che il Vax non è solo un mezzo (anche), è un fine in sé…”

      Perbacco, allora non era un “atto dammòre”!

      • FANTASMA DI FLAMBEAU ha detto:

        Trivalente: atto di fede, di speranza e di carità.
        Quello di dolore dipende dal calcolo delle probabilità.
        Soltanto una cosa non s’è capita bene. A “chi”?

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    E’ improbabile che io faccia ancora qualche viaggio in aereo, ma guardo sempre quella trasmissione “Indagini ad alta quota” e raccapriccio per le cause spesso banali di disastri aerei con molte vittime. Tra poco cominceranno le serie “malore improvviso del pilota”.

  • arrendersi all'evidenza ha detto:

    Fare certi tipi di lavoro perdendo le proprie attitudini fisiche diventa molto difficile.

    E’ arcinoto che i vaccini mRNA antiCovid sono stati autorizzati sotto condizione, in procedura emergenziale, eludendo le normali precauzioni e accontentandosi di studi clinici davvero troppo brevi per essere sufficienti.
    Inoltre, dopo l’autorizzazione all’uso diffuso e massiccio dei vaccini, sono generalmente state sottovalutate o disincentivate le segnalazioni di eventi avversi, mentre i produttori, specialmente Pfizer, hanno dato il minimo risalto possibile alle complicazioni presentatesi successivamente nei partecipanti agli studi.
    La FDA, pur autorizzando senza troppe cautele l’uso dei vaccini, ha raccomandato uno studio di 2 anni (terminerà nel 2023) e a questo punto sarebbero trascorsi abbastanza mesi per disporre di qualche dato, eppure nulla trapela.
    Tuttavia quasi tutti sono consci dei rischi cardiovascolari, a breve e medio termine, che le vaccinazioni sperimentali mRNA stanno facendo correre soprattutto a chi ha certe predisposizioni.
    Sempre più persone hanno compreso che l’esperimento vaccinale sta indebolendo il sistema immunitario, rendendolo meno efficiente in una serie di circostanze che altrimenti sarebbero state fronteggiate al meglio.
    E’ anche abbastanza noto che l’accumulo nel fegato dell’istruzione genica comporta un peggioramento generale di questo organo che è molto paziente e sopporta tanto, ma alla lunga esterna le sofferenze patite.
    I problemi a medio e lungo termine possono evidenziarsi nel giro di due o più anni: è ancora presto.
    I problemi che potrebbero emergere in un bambino cresciuto nel grembo di una madre vaccinata potrebbero non vedersi prima di qualche anno di vita, tanto più che gli studi di biodistribuzione del siero vaccinale indicano una alta concentrazione nelle ovaie e che non sono stati ritenuti necessari degli studi di genotossicità, persino in presenza di un veicolo (i nanolipidi cationici) utilizzato per la prima volta nell’essere umano.
    I rischi maggiori li corre chi ha ricevuto il vaccino nei primi tre mesi di gravidanza, ma non risulta che i medici vaccinatori abbiano avvertito chi era invitato caldamente a firmare il proprio “consenso informato”.
    Non risultano essere stati condotti studi clinici specifici su donne in gravidanza e vaccini mRNA antiCovid.
    In particolare è sottovalutato il rischio che si sta correndo a lungo termine sul sistema nervoso centrale e in genere per le potenziali complicazioni neurologiche. Il problema concerne certamente i bambini sottoposti a stimolazione immunitaria indiretta durante la gravidanza, ma riguarda anche gli adulti.
    In definitiva l’ingresso oltre la barriera ematoencefalica dell’istruzione vaccinale porta ad uno stato infiammatorio anche in quel distretto. Tante sintomatologie che i medici chiamano “funzionali” (fibromialgie, affaticamento cronico) sono spesso attribuibili a problemi neurologici e qui i sospetti crescono.
    Si possono leggere le preoccupazioni di esperti quali il Dr. Russell Blaylock, Stephanie Seneff o Greg Nigh.

  • Adriana 1 ha detto:

    Non se ne parla, ma la Corte Costituzionale è in attesa di sancirne l’obbligo per legge.

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Piloti aereo… loro malore improvviso sarà… ahinoi nostro malore improvviso!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • OCCHI APERTI! ha detto:

    Un articolo che prende in esame l’inoculazione obbligatoria, dal punto di vista specifico dei piloti. Pazzesco! L’indignazione raggiunge i massimi livelli possibili! E in Italia??? Si schianterà qualche Boeing prima o poi? Ma certo la colpa sarà di uno sciame di mosche in alta quota…
    E chi ha scelto la salute per il proprio corpo, ha perso il lavoro…Già già.
    Da ultimo: ma esiste ancora la comunità scientifica o si son dati tutti allo sciamanesimo?? Vergogna!!!

Lascia un commento