Pro Memoria. Le Incredibili Esenzioni di Draghi a un Laboratorio Bio-Genetico. Senza Controlli.

22 Giugno 2022 Pubblicato da 15 Commenti

pro memoria, icgeb

 

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, mi sembra giusto portare alla vostra attenzione questo interessante articolo di Pro Memoria, che ringraziamo di cuore. Buona lettura

 §§§

ICGEB: immunità, esenzioni, privilegi

… Il Governo mette i locali a disposizione dell’ICGEB a titolo gratuito

… la manutenzione straordinaria sarà a carico del Governo

… Il Governo si impegna a sostenere le attività del Centro con un contributo annuo di Euro 10.000.000

… Il Centro è inviolabile e le sue proprietà e i suoi beni … godono della immunità di giurisdizione

… Nessun funzionario del Governo o chiunque eserciti una pubblica funzione

… può entrare nella sede del Centro per esercitarvi le proprie funzioni

… senza il consenso del Direttore e alle condizioni approvate dal Direttore

… In caso di incendio o di altra emergenza … il consenso del Direttore … 

… si riterrà presuntoqualora quest’ultimo non possa essere raggiunto tempestivamente

… Gli archivi del Centro, e in generale tutti i documenti e i materiali … sono inviolabili

… ha il diritto di detenere … conti correnti bancari in qualsiasi valuta, senza essere soggetto alle leggi e ai regolamenti che disciplinano il controllo dei cambi e le questioni correlate

… il Centro, i suoi beni, i fondi e le ulteriori proprietà saranno esenti da:

a. qualsiasi imposizione diretta 

b. qualsiasi imposizione indiretta … 

c. qualsiasi forma di dazi doganali, imposte, prelievi, tasse, pedaggi e qualsiasi altra tassa 

  proibizioni e restrizioni sulle importazioni ed esportazioni sui beni di qualsiasi tipo del Centro 

d. qualsiasi imposta sui veicoli a motore per i suoi automezzi ufficiali, che devono essere immatricolati in una serie speciale 

… I carburanti e i lubrificanti … possono essere importati in esenzione dai dazi do- ganali

… I funzionari godono, all’interno e nei confronti della Repubblica Italiana, dei seguenti privilegiimmunità e agevolazioni:

a. immunità di giurisdizione per gli atti da essi compiuti in veste ufficiale (parole e scritti comprese)

… continuerà ad essere accordata anche qualora le persone interessate non fossero più impegnate nell’esercizio di tali funzioni

besenzione da qualsiasi imposta sugli stipendi e sugli emolumenti

… e. esenzione per se stessi, per i propri familiari e per il proprio personale domestico … dalle formalità di registrazione degli stranieri

… g. il diritto di importare per il proprio uso personale, in regime di esenzione da dazi e imposte (compresa l’Imposta sul Valore Aggiunto, IVA)

… il mobilio e gli effetti personali, inclusa una autovettura

… h. il diritto, al termine delle loro funzioni in Italia, di esportare il proprio mobilio e i propri effetti personali, inclusi gli autoveicoli, senza imposte e dazi

… Oltre ai privilegi e alle immunità specificate … il Direttore gode per se stesso e per i suoi familiari

… dei privilegi, immunità, esenzioni ed agevolazioni concessi agli Ambasciatori

… A tutti i funzionari dell’ICGEB sarà fornita una carta di identità speciale che certifica il fatto che sono funzionari dell’ICGEB che godono dei privilegi e delle immunità

… Agli esperti sarà concessa l’esenzione da qualsiasi imposta sugli stipendi e sugli emolumenti

… Nello svolgimento delle missioni per conto del Direttore, gli esperti godono delle immunità, dei privilegi e delle agevolazioni

… I membri del personale saranno esenti da tutti i contributi obbligatori agli enti di previdenza sociale italiani

… Soltanto il Consiglio dei Governatori ha il diritto di revocare l’immunità del Direttore

… Ogni controversia tra il Governo e l’ICGEB sull’interpretazione o l’attuazione di questo Accordo sarà risolta mediante negoziati diretti e consultazioni dirette tra le Parti

§§§

pro memoria, icgeb




I PADRONI DEI SOCIAL – E GOOGLE – CERCANO DI FAR TACERE STILUM

CURIAE.

SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:

IT79N0200805319000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae



viganò, tosatti,

Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti, con questo logo:

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: ,

Categoria:

15 commenti

  • Maria B. ha detto:

    Dismessi i biolaboratori in Ucraina, ora tocca alla colonia Italia ospitarli, finanziandoli con le tasse del popolo italiano.
    Dopo il biolab di Fauci in Toscana questo!

  • ex : ha detto:

    Fuori Tema ma (forse) non troppo.

    In un prossimo Bestiario alla lista dei “motivi” per cui vien detto che uno all’improvviso perde la vita (o ci va molto vicino) si potrebbe aggiungere quello che si legge sulla Gazzetta dello Sport online di oggi: “umidità e caldo della piscina” (da notare che il soggetto colpito è un’atleta – apostrofo perché è femmina).

    https://www.gazzetta.it/Nuoto/22-06-2022/nuoto-sincronizzato-svenuta-sincronette-alvarez-salvata-allenatrice-4401105422432.shtml

    E’ successo ai Mondiali di nuoto di Budapest, e la ragazza colta da malore è rimasta per qualche secondo sul fondo della piscina finché l’allenatrice si è tuffata e l’ha riportata in superficie.

    Il “caldo della piscina”. Non credo che, soprattutto in un Campionato mondiale, regolino la temperatura dell’acqua della piscina a un livello tale da far “lessare” gli atleti: anzi immagino che la temperatura sia regolata in modo da farli essere nelle migliori condizioni fisiche per l’importanza della gara che devono affrontare: in poche parole, a far sentire refrigerio piuttosto che dare una sensazione di calore.
    Quasi come giustificazione (!) la G. d. S. dice che anche l’Estate scorsa (quindi dopo una prima o seconda dose di siero) l’atleta ebbe lo stesso infortunio. Non specifica però se anche allora la causa fu “l’acqua calda” della piscina.

  • Corrado Bassanese ha detto:

    Ma non dovrebbe essere il parlamento a ratificare degli accordi internazionali?
    In caso affernativo si deve dedurre che siamo rappresentati da veri citrulli.

  • OCCHI APERTI! ha detto:

    Draghistan

    Arbeit mach freit…solo coloro che sono disposti a tutto in nome della scienzah…

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Come il crimineeeee senza regoleeeeee… come le ragazze con il grilletto facile… entriamo senza pagare come dei calciatori di serie A… ci guarda tutto il locale ma alla fine nessuno ci toccherà… come il crimineeeee!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Topo gigio ha detto:

    Ma cosa mi dite mai ! Con l’enorme quantità di burocrazia necessaria in Italia per aprire una qualsiasi attività è possibile che un ente così ricco possa essere aperto senza qualche passaggio tra le maglie della burocrazia ?
    Sicuri che non si tratti di un tentativo di qualche burlone per saggiare la credulità dei partecipanti al blog ? Per vedere insomma fino a che punto crediamo al primo venuto che viene a raccontarci che gli asini volano ?
    Perché dei presunti laboratori americani in Ucraina non ci è stato più fatto sapere nulla ?
    Se non li mostrano allora è evidente che si tratta di una balla… di una balla spaziale !

  • giovanni ha detto:

    Caspita, il marchese del grillo era un dilettante nei confronti degli estensori d’ un simile tazebao. Penso si debba tornare indietro nel tempo almeno fino ad Attila, per per trovare un simile cocktail di privilegi e impunita’. E gia’ che ci troviamo, visto l’approccio genetico della cosa ( della quale nulla si sa’ , ne si sapra’. Accetto scommesse in proposito ) mi e’ venuto un leggerissimo, quasi impercettibile dubbio . Forse mi sbaglio, ma ho come la sensazione che alle spalle del ” Centro ” ci sia quella mostro di simpatia nonche’ simpatica canaglia di siringhetta bill. Noto ” cuore d’oro ” con particolare inclinazione a ” migliorare ” la vita al prossimo in ogni maniera, anche contro la sua volonta’. ” Vaccino ” docet . Deve avere problemi di logistica, per cui preferisce accorciare la filiera e produrre in loco. Suggerisco di stare in campana.

  • Antonio ha detto:

    San padre Pio disse che in questi nostri tempi, gli ultimi prima del Gran Reset del Padreterno, molti demoni si incorporeranno negli uomini; naturalmente in quelli più disponibili, quelli ai quali l’eterno nemico da l’ illusione di poter governare il mondo in ogni ambito, non solo politico. Nella vita e nella famiglia la battaglia decisiva, proprio come nel paradiso terrestre.

  • A.R. ha detto:

    Roba da Ancien Régime. Sappiamo che fine ha fatto.

  • arrendersi all'evidenza ha detto:

    Ormai non c’è da stupirsi dell’efferatezza.

    Pensiamo a un degno compare del nostro dragone come Trudeau. Non per consolarci, ma in Canada le cose stanno andando così:

    Contestualizzando i dati, il Canada conta 38 milioni di abitanti, 32 dei quali sierati.
    Il Covid ha contato finora 41772 morti attribuitigli su 3,93 milioni di casi (mortalità 1,06%).
    Ricapitolando, circa 10% di contagiati dal virus e tra questi 1% di deceduti (in 2 anni), sierando l’85% delle persone e mettendo a repentaglio di effetti collaterali gravi almeno 320000 canadesi.
    Il tutto per accorgersi che attualmente (intervallo tra 1 maggio e 5 giugno 2022) oltre l’85% dei ricoverati e dei morti attribuiti al Covid sono vaccinati: la tripla dose non esime affatto dal contagio e da un’evoluzione anche grave della malattia.
    Pertanto, stante la sostanziale irrilevanza dei benefici verso la patologia per la quale sono stati somministrati e imposti (con relativi costi), i vaccini concorrono certamente a complicare la salute di molti dei riceventi dose.
    Ancora una volta la presentazione di statistiche manipolate può far pensare a una realtà che non esiste: per esempio sommando tutti i casi a partire dal 2020. In questo modo emergerebbe che i non vaccinati ammalatisi, ricoverati e deceduti siano più dei non vaccinati; ma nel 2020 e per molti mesi del 2021 la gran parte dei canadesi non era vaccinata. Se i conti li si esegue da una certa data in poi, per esempio l’intervallo sopra citato, si può osservare che in queste settimane 118826 vaccinati si sono infettati contro 8436 non vaccinati. Questi ultimi incidono nel totale per una quota inferiore al numero di canadesi non vaccinati. Tra i vaccinati, quelli con tripla dose che si sono infettati sono la bellezza di quasi 75000.
    I ricoverati con Covid tra il 1 maggio e il 5 giugno sono stati 14% non vaccinati e 86% vaccinati, quindi rispettando le percentuali di queste categorie nella popolazione canadese, senza mostrare un beneficio del vaccino nel ridurre il ricorso alle cure ospedaliere.
    I deceduti con Covid nello stesso periodo in esame mantengono all’incirca la stessa proporzione.
    Praticamente questi numeri fotografano l’indifferenza allo stato vaccinale delle persone riguardo alla patologia e alla mortalità correlata a un tampone positivo. Purtroppo gli stessi numeri tacciono sulla quantità di sofferenze di ogni tipo correlata alla strategia vaccinale adottata.
    I plurivaccinati tra l’altro, oltre a prendersi il Covid, sovente si reinfettano con una probabilità superiore ai non vaccinati.
    Non sarà di certo invocando quarte o quinte dosi che questo trend si invertirà. Anzi…

Lascia un commento