Phil Lawler, Korazym: Vile la Risposta del Vaticano all’Arresto del Cardinal Zen.

14 Maggio 2022 Pubblicato da 6 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, mi sembra opportuno portare alla vostra attenzione questo articolo di Korazym.org, che ringraziamo di cuore,  in risposta all’arresto del card. Joseph Zen. Buona lettura.

§§§

 

Phil Lawler: vile la risposta del Vaticano all’arresto del Cardinal Zen

Riportiamo de seguito il contributo sull’arresto del Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, S.D.B., pubblicato su CatholicCulture.org da Phil Lawler, un giornalista statunitense cattolico da più di 30 anni, che ha curato diverse riviste cattoliche e scritto otto libri, fondatore di Catholic World News, Direttore delle notizie e analista principale di CatholicCulture.org.

«Il Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, Vescovo emerito di Hong Kong, arrestato, rilasciato e perseguitato, appartenente alla Chiesa Cattolica che non si piega al governo cinese e ad altri ammiccamenti diplomatici» (Michelangelo Nasca).

La vile risposta del Vaticano all’arresto del Cardinal Zen
di Phil Lawler
CatholicCulture.org, 13 maggio 2022
(Nostra traduzione italiana dall’inglese)

Quando il Cardinale Zen è stato arrestato, la Diocesi di Hong Kong, che, tenendo presente, vive sotto la pesante mano delle nuove leggi cinesi sulla “sicurezza nazionale”, ha espresso la sua “estrema preoccupazione” e ha aggiunto una precisa osservazione: “Confidiamo che in futuro continueremo a godere della libertà religiosa a Hong Kong ai sensi della Legge fondamentale”.

Continuare a godere della libertà religiosa? Il Cardinal Zen è da anni un bersaglio del regime di Pechino, proprio perché afferma che i Cattolici non godono della libertà religiosa in Cina. Il governo, arrestando il cardinale, sottolinea il suo punto. Ma senza dubbio la Diocesi di Hong Kong ha scelto le sue parole con cura, dopo aver appena visto cosa succede ai residenti di Hong Kong che criticano apertamente il governo.

Altre voci, non vincolate dalle forze di sicurezza cinesi, sono state più chiare nel condannare l’arresto. La Casa Bianca ha osservato che il cardinale era stato “ingiustamente arrestato e accusato”. Il testo della Conferenza Episcopale Statunitense rimarcava, che il Cardinal Zen era perseguito “per il suo passato ruolo nell’amministrazione di un fondo umanitario per i manifestanti” e traeva l’ovvia conclusione che l’arresto “indica una tendenza al ribasso nel rispetto delle libertà fondamentali e diritti umani a Hong Kong”. L’Università di Notre Dame è andata oltre, dicendo: “L’arma che rende un religioso di 90 anni una tale minaccia per il Partito Comunista Cinese è semplicemente questa: il Cardinal Zen possiede una coscienza alimentata dalla sua fede”.

Ma dov’era la forte dichiarazione dal Vaticano? Un Portavoce per la Santa Sede ha annunciato mansuetamente, che la Santa Sede “segue con estrema attenzione l’evolversi della situazione”.

Attenzione. Non indignazione. Non rabbia. Non timore per l’incolumità dell’anziano cardinale, né per la libertà dei Cattolici di Hong Kong. Attenzione. Non c’era alcuna denuncia per l’arresto del cardinale, nessuna richiesta per il suo rilascio immediato. (Forse il Vaticano temeva che il Cardinal Zen, una volta liberato dalla custodia, potesse presentarsi di nuovo inopportunamente a Roma, chiedendo per quell’incontro con Papa Francesco che, ad oggi, non è riuscito a ottenere.)

Dopo la liberazione del cardinale, il Cardinal Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, ha espresso galantemente ai giornalisti la sua “vicinanza al cardinale”; aggiungendo, nel chiaro tentativo di ingraziarsi con il regime cinese, che il Cardinal Zen era stato “trattato bene”.

Trattato. Bene. Fu arrestato, per carità. È un trattamento benigno, secondo gli standard curiosi del Vaticano? Invece di denunciare l’ingiusto arresto di un Principe della Chiesa, il Vaticano si è complimentato con le forze di sicurezza per il modo in cui lo avevano trattato!

Come spiegare la sua vile risposta all’assalto cinese alla libertà religiosa e politica. Nello stesso incontro con i giornalisti, il Cardinal Parolin ha formulato una risposta: “L’auspicio più concreto è che iniziative come questa non possano complicare il già complesso e non semplice cammino del dialogo tra la Santa Sede e la Chiesa in Cina”.

Il Vaticano era disposto a ignorare i reati cinesi uno dopo l’altro, per preservare l’accordo segreto che ha consentito la nomina di vescovi cinesi scelti dalla Santa Sede (e approvati da Pechino). L’obiettivo, ci viene detto, è preservare l’autonomia della Chiesa in Cina e la libertà di quei vescovi Cattolici. Eppure, come ha più volte avvertito il Cardinal Zen, il governo cinese continua a limitare la libertà dei vescovi. Cosa accadrà quando Pechino stringerà ulteriormente le viti e inizierà a sbattere in carcere prelati recalcitranti? Bene, ora sappiamo anche la risposta a questa domanda.

Non puoi promuovere la libertà religiosa del popolo cinese abbandonando il più visibile paladino della libertà religiosa. Non puoi garantire la libertà d’azione per i vescovi cinesi sminuendo l’arresto di un vescovo cinese.

Il governo cinese, tra l’altro, non si è scusato per l’arresto. Un portavoce ha annunciato: “Voglio sottolineare che Hong Kong è una società con lo stato di diritto in cui nessuna organizzazione o individuo è al di sopra della legge e tutti i reati devono essere perseguiti e puniti secondo la legge”. Il messaggio è arrivato forte e chiaro, a tutti, a quanto pare, tranne il Vaticano.

Articoli collegati

– Perché la Cina ha paura del Cardinal Zen? “È tutto ciò che il brutale regime comunista cinese non è”. “Il Cardinale Zen non ha mai esitato a difendere gli altri. Ora tocca al resto di noi difenderlo” – 13 maggio 2022
– Altra sberla a Papa Francesco dalla Cina comunista. Per silenziare il dissenso, arrestato il Cardinale Zen: sostiene la democrazia e i diritti civili e umani – 12 maggio 2022
– Il Cardinale Joseph Zen è stato arrestato dalla Polizia di Sicurezza Nazionale di Hong Kong – 11 maggio 2022
– Accordo segreto Cina-Santa Sede. Cardinale Zen: l’Emimentissimo Segretario di Stato Cardinale Parolin siccome stupido e ignorante non è, ha detto una serie di bugie – 9 ottobre 2020
– L’anziano Cardinale Zen Ze-kiun viene a Roma per il Papa, che non ha tempo per lui | di Marco Tosatti, Aldo Maria Valli e Riccardo Cascioli – 28 settembre 2020
– Card. Zen risponde a Card. Re: «In che cosa avrei sbagliato?». «Probabile che Card. Parolin abbia voluto “lasciarsi ingannare”» – 1° marzo 2020
– Il Decano del Collegio cardinalizio Cardinale Re ha dichiarato guerra al Cardinale Zen – 29 febbraio 2020
– Il Cardinale Joseph Zen ha scritto ai cardinali: “In Cina si uccide la Chiesa”. La pubblicazione su Stilum Curiae e Infovaticana – 8 gennaio 2020

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:

IT79N0200805319000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae



viganò, tosatti,

Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

6 commenti

  • Nicola ha detto:

    http://www.rinocammilleri.com/2022/05/disinformazione/

    Disinformazione. Campagna RAI in collaborazione con la UE. Che hanno rovesciato letteralmente la verità. Disinformazione appunto , ma sulla pubblica rete TV.

  • Bibliomane ha detto:

    Oggi è apparso nelle edicole un libro di Ezio Mauro sul processo a Daniel e Siniavsky.
    Il libro ha inizio nel momento dell’uscita dal carcere di Daniel. Emerge dalle parole dei vari funzionari sovietici la vera accusa che viene mossa ai due autori. Cioè di aver pubblicato i loro libri all’estero diffamando così l’unione sovietica.
    Sembra quasi che lo stesso atteggiamento riguardi i rapporti tra l’autorità cinese e il cardinale Zen. Zen doveva essere colpito perché poteva far sentire la sua voce altrove. A Zen doveva essere tolto il passaporto perché avrebbe potuto avere la tentazione di raggiungere qualcuno che lo avrebbe potuto ascoltare e aiutare, togliendo credibilità alla versione ufficiale del governo di Hong Kong.

  • Adriana1 ha detto:

    Niente di nuovo sotto il sole e le stelle rosse.

  • Milly ha detto:

    ..senza parole!.

    • Dino Brighenti ha detto:

      Cardinale Zen ” in Cina si uccide la Chiesa ”
      In Italia è già morta

      • Pissi pissi ha detto:

        Più o meno lo pensava anche il profeta Elia.
        Ma dall’alto gli fu ricordato che c’erano in Israele circa 7000 persone che non si erano inginocchiate davanti a Baal.

Lascia un commento