Lazzaretti. Chi Comanda Davvero in Ucraina, e Ha Voluto e Vuole una Guerra.

12 Maggio 2022 Pubblicato da 12 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, mi sembra molto importante portare alla vostra attenzione questa analisi del prof. Giovanni Lazzaretti per capire bene che cosa sta accadendo in Ucraina, e perché la Russia ha deciso di muoversi militarmente, e perché c’è qualcuno che ha voluto e vuole la guerra, e qualcuno che avrebbe dovuto fungere da garante per arrivare che si arrivasse al conflitto, e non l’ha fatto. Sbalordisce il fatto che alcuni commentatori, usualmente lucidi e informati, iper-presenti nei social e nelle risse televisive, (pensavo a Capezzone e Maglie, soprattutto…)non abbiano colto questi fatti. Così come alcuni partiti politici apparentemente anti-sistema globalista e USA gestito. Forse ignoranza, forse mancanza di approfodimento, forse….

§§§

 

Samizdat dal paesello

Minsk (dove l’Europa capisce chi comanda davvero)

Minsk, quante volte ho evocato gli accordi di Minsk. Oggi è tempo di parlarne. (Piccola posta in appendice).

17 – Minsk – Quando la politica europea può solo “andare a farsi fottere”

Il protocollo di Minsk dell’11 febbraio 2015 (firmato da Russia, Ucraina, Francia, Germania) nasce a completamento del protocollo precedente del settembre 2014, con lo scopo di chiudere la guerra del Donbass. Guerra del Donbass che nasce con la rivolta di Euromaidan 2013-2014:

  • la rivolta genera il colpo di Stato, con cacciata del presidente filorusso Yanukovich legittimamente eletto
  • inizia la “caccia al russo” da parte di milizie nazionaliste / di ultradestra / neonaziste ucraine; legittimate da discorsi aberranti del nuovo presidente Poroshenko
  • la Crimea ha un parlamento proprio e riesce a “tagliare l’angolo” prima che succeda il peggio, riunendosi alla Russia con referendum
  • Donetsk e Lugansk non fanno in tempo a fare i referendum, perché arrivano i carri armati di Kiev.

Per il testo completo del protocollo di Minsk rimando a Internet. Sintetizzo solo quelle parti che aiutano a comprendere la guerra del Donbass, visto che è dimenticata e oscurata.

Ritiro di tutte le armi pesanti da ambo le parti a distanze uguali per creare una zona di sicurezza con profondità almeno 50 km riferita a sistemi di artiglieria di calibro di 100 mm o più, aumentata a 70 km per i sistemi MLRS [lanciarazzi multiplo] e a 140 km per i sistemi MLRS “Tornado-S”, “Hurricane”, “Twister”.

Quindi togliamoci dalla testa che la guerra del Donbass sia una sorta di guerriglia urbana. Si parla di armi pesanti e quindi di una distruzione immensa in queste aree abitate principalmente da russi/russofoni/russofili. Una fascia di sicurezza di 140 km. è significativa. L’OSCE (1) avrebbe dovuto monitorare il tutto, anche con satelliti, droni, sistemi radar, ecc.

Subito dopo il ritiro, dovevano essere definite le modalità delle elezioni locali in Donetsk e Lugansk. Entro 30 giorni il Parlamento ucraino doveva definire le aree che sarebbero state soggette a questa forma di autonomia.

Quindi l’Ucraina era d’accordo sul fatto che queste aree dovevano godere di autonomia, blando risarcimento dopo aver cacciato con la forza il presidente Yanukovich che costituiva la loro forma di protezione.

Fornire un accesso sicuro, consegna, stoccaggio e distribuzione di assistenza umanitaria ai bisognosi sulla base di un meccanismo internazionale.

Quindi in Donbass c’è una crisi umanitaria: l’Ucraina aveva davvero attaccato la vita dei suoi cittadini.

Determinazione delle modalità del completo ripristino delle relazioni socio-economiche, compresi i trasferimenti sociali, come le pensioni e altri pagamenti.

Quindi era vero il discorso del presidente ucraino Poroshenko (2) dove diceva che “così è solo così vinceremo la guerra”: “noi” (ucraini dell’ovest) avremo il lavoro, le pensioni, i sussidi per bambini e pensionati, asili e scuole; “loro” (ucraini del Donbass) non li avranno, e i loro bambini vivranno nelle cantine.

Riforma costituzionale in Ucraina con l’entrata in vigore, entro la fine del 2015, di una nuova costituzione, intesa come elemento chiave di decentramento (tenendo conto delle caratteristiche delle singole zone delle regioni di Donetsk e Lugansk, concordato con i rappresentanti di questi settori), nonché l’adozione della legge permanente sullo status speciale delle singole regioni di Donetsk e Lugansk.

Quindi non ho sbagliato evocando (3) l’esempio del Sud Tirolo // Alto Adige come esempio virtuoso che l’Ucraina doveva seguire per superare il suo miope nazionalismo. Lo status speciale comprendeva diverse cose tra cui

il diritto all’autodeterminazione della lingua.

Quindi era vero che l’Ucraina ha tentato un’omologazione linguistica sullo stile del nostro periodo fascista. Imposizione della lingua ucraina anche ai russi che non la parlano.

Tutte queste non erano “rivendicazioni”, ma “accordo firmato” da Ucraina (come colpevole del colpo di Stato e causa scatenante della guerra del Donbass), Russia (come protettore armato di Donetsk e Lugansk e quindi coinvolta nella guerra), Francia & Germania (principali Stati europei, mediatori).

***

Quale è il problema? Che il presidente Poroshenko rispondeva alla statunitense Victoria Nuland, gestore di Euromaidan, quella che nel 2014 aveva garbatamente invitato l’Unione Europea a fottersi («Fuck the EU») per quanto riguardava la gestione dell’Ucraina. E che è di nuovo ai vertici (4) adesso che c’è la guerra 2022.

Il presidente Poroshenko e altri dell’opposizione ucraina certamente incontrarono la Nuland e il vicepresidente USA Kerry a Monaco il 1 febbraio 2014, poco prima dello scoppio della rivoluzione di Maidan (seconda fase di Euromaidan).

Poroshenko quindi ha referenti USA, non UE. E l’Ucraina è talmente “colonia” che nel gennaio 2015 si ritrova ad avere 3 ministri stranieri nel governo Yatseniuk, ai quali viene frettolosamente data la cittadinanza ucraina.

Il ministero delle finanze, un posto cruciale considerando la situazione economica del paese e la crescente insoddisfazione da parte del Fondo Monetario Internazionale per l’assenza delle riforme richieste, è stato affidato a Natalie Jaresko, cittadina americana di origine ucraina, laureata in Public Policy alla Kennedy School of Government. Nella parte iniziale della sua carriera la Jaresko ha ricoperto vari ruoli all’interno del Dipartimento di Stato Americano. Dal 1992 vive a Kiev, prima come dipendente della sezione economica presso l’Ambasciata americana e poi come amministratrice di una società (Western NIS Enterprise Fund) impegnata nel collocamento dei fondi governativi USA in Ucraina e Moldavia. (https://www.eastjournal.net/archives/52857)

La Jaresko è quindi stata messa lì per gestire la classica trappola del Fondo Monetario Internazionale: prestiti in cambio di “riforme strutturali”. Tradotto in linguaggio comune: povertà, privatizzazioni, Ucraina divorata da fondi d’investimento stranieri.

Gli altri due ministri, sempre in posti chiave (Commercio e sviluppo economico + Sanità) erano un lituano e un georgiano, entrambi formatisi negli USA.

Il ministero del commercio e dello sviluppo economico è stato affidato a Aivaras Abromavicius, cittadino lituano che nella sua carriera ha ricoperto importanti posizioni all’interno del sistema bancario. Laureato in Business Internazionale presso la Concordia University del Wisconsin, negli anni novanta ha lavorato per Hansabank e Swedbank group, principali istituti bancari operanti nei paesi baltici. Dal 2002 è entrato a far parte di East Capital, fondo d’investimenti specializzato nei mercati emergenti e nella regione est-europea. (sempre da eastjournal)

Eh, quanto è duro il lavoro per esportare democrazia.

Poroshenko ha firmato Minsk, ma di fatto ha ignorato la firma e ha concretizzato la parolaccia della Nuland: se ne è “fottuto” dei due mediatori Francia e Germania, e non ha mai realizzato nulla di ciò che era in suo potere. Per il semplice fatto che il potere vero stava altrove.

Le radici della guerra odierna stanno lì:

  • nella rivolta di Euromaidan del novembre 2013
  • nella prosecuzione di Euromaidan con il colpo di Stato del febbraio 2014 e la cacciata di Yanukovich
  • negli accordi di Minsk inapplicati, dove Francia e Germania fanno la figura dei mediatori inutili (Sudditanza? Mancanza di volontà? Mancanza di capacità? Lo dirà, forse, la Storia).

Riporto l’ultima cartina d’Ucraina ancora sensata: è il ballottaggio delle presidenziali 2010, con vittoria di Yanukovich. Anche un cieco vedrebbe che ci sono due Ucraine, e che un’Ucraina unica può esistere solo in un clima di rispetto reciproco, non certo promuovendo un nazionalismo becero e addirittura la forzatura linguistica.

Dopo Euromaidan 2013-2014 nasce la “nuova democrazia”, e la seconda cartina la rivela. Tutti per Poroshenko, la Crimea se n’è andata, Donetsk e Lugansk non hanno votato, un candidato filorusso non c’è più. «Ecco finalmente il popolo tutto unito e concorde! Andiamo a democratizzare un altro gregge!» (Giovannino Guareschi)

Giovanni Lazzaretti

 

NOTE

  • Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
  • Ad esempio https://www.youtube.com/watch?v=GuCqgDpXQ-Q Devo fidarmi dei sottotitoli, ovviamente. Ma il testo di Minsk ne avvalora l’autenticità.
  • Samizdat n.23 – Imperialismo immaginario e imperialismo reale
  • Nel 2014 era Sottosegretaria al Dipartimento di Stato (ministero esteri USA) per gli affari europei e eurasiatici. Adesso Sottosegretaria al Dipartimento di Stato per gli affari politici. Si era dimessa sotto Trump.

 

APPENDICE – 18 – Piccola posta – Tipologia di guerra, percezione della guerra.

Domande estese arrivate da Claudio e da Franco. Risposte pure estese. Devo omettere le domande e trasformarle in flash, e sintetizzare le risposte.

[domanda] Putin vuole invadere l’Europa? La cosa mi lascia molto perplesso.

Che la Russia voglia invadere l’Europa è una cosa ridicola: basta guardare il suo PIL e la percentuale delle sue spese militari. La Russia è attrezzata per fare guerre sul campo (non coi bombardamenti “chirurgici” stile USA) e con obiettivi limitati e precisi:

  • salvare i propri territori (Cecenia e vicini)
  • tutelare i Russi extra confine (piccoli territori in Georgia e Moldavia, territorio vasto in Ucraina)
  • salvare alleati (Siria).

Indicare la guerra d’Ucraina come “invasione” significa essersi connessi con la Storia solo nel febbraio scorso.

[domanda] La politica USA è strana: ostracismo verso la Russia, ponti d’oro (almeno un tempo) con la Cina.

Credo che, quando cadde il muro, gli USA (o meglio il neoliberismo internazionale) avessero la convinzione di potersi lavorare la Russia come un qualunque altro Stato ex comunista:

  • preparazione di una rete di politici neoliberisti
  • da infilare nei gangli del potere alle prime “libere” elezioni
  • applicazione delle solite ricette per “tenere a posto i conti”
  • fondi d’investimento vari ad accaparrarsi i beni del paese con le privatizzazioni
  • povertà devastante
  • successiva lenta risalita del livello di benessere
  • inglobamento ufficiale dello Stato nel mondialismo neoliberista.

La faccenda è riuscita facilmente con tutti gli Stati dell’ex patto di Varsavia. E’ riuscita meno facilmente con gli Stati ex URSS. Non è riuscita con la Russia, che (dopo la fase di Eltsin) ha ritrovato una sua identità.

A questo punto la guerra diventa l’unica maniera per destabilizzare la Russia, e quindi la creazione della “colonia Ucraina” diventava necessaria.

[domanda] Tre manovre militari antirusse in Ucraina nel 2021 (*) non sono atti di buona volontà.

Non esiste una “buona volontà” marcata USA: gli USA vogliono sempre la guerra, mai la pace.

Perché la loro guerra è sempre una guerra “comoda”: è “altrove”, e le loro perdite sono sempre insignificanti rispetto a quelle degli avversari (“servizio bellico da asporto” l’ha definito uno bravo a scrivere):

  • gli USA perdono “solo” dei militari e delle armi (perdita desiderabile per aggiornare gli arsenali)
  • gli avversari perdono militari + civili + strutture abitative + infrastrutture.

[domanda] E’ l’arruolamento di massa dei civili ucraini che ha creato le difficoltà alla Russia ad avanzare?

Credo semplicemente che non abbiamo più la percezione di cosa sia una guerra. Siamo abituati alla “guerra americana”, che è fatta così:

  • i miei civili e le mie infrastrutture non rischiano nulla, perché stanno a migliaia di chilometri
  • distruggo tutto preventivamente (aeroporti, caserme, ministeri, telecomunicazioni, infrastrutture)
  • poi avanzo tranquillamente, perché l’esercito avversario è diventato una sorta di formicaio impazzito
  • naturalmente in questa fase i civili muoiono a frotte, ma basta non farli vedere in TV
  • poi, visto che i fanti USA sono sostanzialmente incapaci (mandarono 7.500 uomini a Grenada, dove c’erano 1.500 soldati nemici…), non riescono a controllare il territorio
  • ma non ha importanza, perché è la distruzione quella che conta; distruggere e ritirarsi.

La Russia deve invece avanzare con una guerra tradizionale, in un territorio vasto 2 volte l’Italia. E facendo meno danni possibile, perché si muove in territori tendenzialmente russi/russofoni/russofili. Guardando sulla cartina dove sono Kiev e Odessa, ha già manovrato in un territorio vasto come l’Italia. La lentezza è d’obbligo e le difficoltà erano quelle previste.

Penso che gli arruolati siano una farsa. Una brigata di combattenti ha alle spalle un addestramento feroce e soprattutto la struttura mentale dell’uccidere. O, quanto meno, deve avere nervi saldissimi, per cui si spara solo a comando. Cosa potrà fare un impiegato cinquantenne armato, se non farsela sotto, o sparare al primo fruscio?

Cito da don Camillo. «Il mitra è una cosa seria che fa paura, ma quello che fa più paura quando ci si trova davanti a un mitra è la faccia di chi lo impugna. Perché si capisce subito se è uno che è deciso a sparare o meno».

Se i civili ucraini hanno la “faccia di chi spara”, allora la guerra d’Ucraina viene da una lunga preparazione.

NOTA

(*) Oltre alle normali manovre NATO in paesi dell’est, ci sono state nel 2021 manovre specifiche legate all’Ucraina: giugno “Sea Breeze” (Brezza marina) nel Mar Nero e in Ucraina del sud, con USA + Ucraina + 17 paesi NATO + 15 partner // luglio “Three Swords” (Tre spade) a Yavoriv, Ucraina, con USA + Ucraina + Polonia + Lituania // novembre, manovre non pianificate nel Mar Nero, con USA e NATO.

1 maggio 2022, San Giuseppe lavoratore

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:

IT79N0200805319000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae



viganò, tosatti,

Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: ,

Categoria:

12 commenti

  • Zefiro ha detto:

    Ho fatto un errore dott Tosatti… non era una risposta a Anonimo Verace. Era un commento all’articolo. Grazie se pubblica correttamente.

  • Ostensor ha detto:

    In certi ambienti cattolici (segnalo, p. es., soggetti appartenenti a Opus Dei) circola la vulgata secondo cui si tratterebbe di un conflitto fra oligarchi (russi da una parte e ucraini/occidentali dall’altra) e dunque non vi sarebbero ragioni più sensate e ragioni meno sensate. Tutti colpevoli allo stesso modo, insomma, con la povera gente che ci va di mezzo. Ora, che la povera gente vi vada di mezzo mi sembra, purtroppo, un’ovvietà: non solo accade in tutti i conflitti, ma perfino in tempi di pace! Ma il tentativo di tenersi equidistanti, di non prendere posizione, mi sembra, alla luce di quanto accaduto in Ucraina negli ultimi otto anni (e in verità anche prima) ascrivibile a due sole ragioni: calcolo e/o vigliaccheria. Non ignoranza, perché gli ambienti cattolici di cui sto dicendo, sono perfettamente a giorno dei fatti sul campo e della loro genesi prossima e remota. La dinamica comportamentale di questi ambienti ricalca quella da essi tenuta di fronte all’epidemia, ai vaccini, ecc.

  • unaopinione ha detto:

    “Penso che gli arruolati siano una farsa … Cosa potrà fare un impiegato cinquantenne armato, se non farsela sotto, o sparare al primo fruscio?”
    Video dal fronte ucraino. Un battaglione ucraino (decimato) manda un messaggio al mondo (con sottotitoli in inglese).
    https://www.abovetopsecret.com/forum/thread1310718/pg1

    Per quanto ci riguarda, si capisce (piú o meno): “Siamo male equipaggiati ed in queste condizioni ci mandano al fronte”.
    Un commento sotto dice che le armi occidentali arrivano ad Odessa, ma poi i generali se le vendono.
    Ora … dico io. Se io fossi un russo un pochino scaltro e presupponendo che le armi occidentali vengano vendute a prezzi scontati, manderei il mio emissario in incognito a comprarle tutte a sottoprezzo, in primo luogo per non farle cadere in mani scomode e poi anche per preparare all´occorrenza e alla necessitá l´invasione dell´Europa, visto che questa si sará privata di molte delle armi e potrá resistere con minor successo ad una invasione. D´altra parte conoscerei chi e cosa sta mandando e preparerei una futura lista di retribuzione.
    Questo é quanto é riportato che abbia detto il ministro della Difesa italiano, Lorenzo Guarini: “L’elenco delle armi che l’Italia invierà a Kiev era secretato e tale rimarrà. Lo ha detto chiaramente il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, rispondendo ai membri delle commissioni Difesa di Camera e Senato dopo l’audizione in cui si è fatto il punto della situazione in Ucraina. I motivi sono fondamentalmente tre: il primo è quello di non far percepire alla parte russa in termini provocatori questa attività, avendo cura di non enfatizzarne la comunicazione”; in secondo luogo “per non rendere note le eventuali vulnerabilità e criticità delle forze armate ucraine” e “perché in certi casi i Paesi produttori di armi hanno chiesto di mantenere la riservatezza”.
    Fonte (scelta a caso): https://theworldnews.net/it-news/lista-delle-armi-all-ucraina-secretata-ecco-i-3-motivi
    Altro che le liste segretate per non fare conoscere al nemico quali armi si mandano … qua siamo in un pieno e (tragico) carnevale.

  • Davide Scarano ha detto:

    Nel Vangelo di Giovanni leggiamo “la verità rende liberi”; in questi tempi difficili difficili abbiamo imparato ad apprezzare l’inverso, cioè che senza libertà, che in questo contesto significa non aver nè brama di potere nè paura dello stesso, non può esserci verità. Come molti tumori si sviluppano silenziosamente prima di rendersi manifesti, così la nostra società ha atteso prima di manifestare la profondità della propria malattia. PS Di fronte a questo scenario non dobbiamo pensare alla vittoria finale ma a vincere ogni giorno, al resto ci penserà Dio.

  • Nicola ha detto:

    Cancel Culture e Disinformazione all’italiana……come La Stampa versione online ha ” rimodulato ” un proprio articolo dal momento in cui diceva chi veramente voleva la guerra in Ucraina….

    https://www.luogocomune.net/27-media/5999-cancel-culture-all-italiana

    • Banalmente ha detto:

      I redattori della Stampa hanno letto Orwell e in 1984 hanno trovato degli spunti validi da imitare.
      Solo che Orwell non ha inventato nulla : la cancel culture esisteva già prima di lui.
      E diciamolo francamente sia in coloro che pensavano di combattere per la verità sia in coloro che cercavano di cancellare la verità.

  • Anonimo verace ha detto:

    Non esiste solo l’azione politica dei presidenti della repubblica. Nel caso di entrambi, Poroschenko e Putin dobbiamo ricordarci anche dell’azione in campo religioso.
    Tutti abbiamo visto Kirill presenziare alla parata sulla Piazza Rossa. Molti sanno che Poroschenko ha fatto pressioni sul Patriarca di Costantinopoli per ottenere il tomos di autocefalia per la chiesa ortodossa Ucraina.
    E in aggiunta possiamo domandarci se esiste vera libertà religiosa in paesi rigidamente centralizzati come la Russia e la Cina.

    • Anonimo ha detto:

      In molti si sono connessi alla storia in febbraio. Attraverso i tg. Poi le immagini mandate in onda si sono fissate nei cervelli – vere o meno non ha importanza, perché l’immagine fa più presa di un discorso, di un’analisi della situazione. Perciò sarebbe utile non solo far circolare un articolo come questo ma sopratutto le immagini di quei trattati, le immagini delle carte geografiche che disegnano la realtà di quei territori… e poi penso che dovremmo riappropriarci di quel sogno chiamato Europa, che ci hanno fatto sognare da bambini, di quel sogno dove le nazioni europee sono unite per la pace ma senza che ciò comporti la distruzione di una identità nazionale. Da bambino mi sentivo italiano ed europeo. Ed era bello.

  • miserere mei ha detto:

    Complimenti al Prof. Lazzaretti.
    Qualche settimana fa disse che avrebbe studiato.
    Ed ecco qui un riassunto prezioso a nostro beneficio.
    Grazie.

    • Cristiano ha detto:

      Si ha studiato (come e’ uso fare, del resto, almeno per quanto si legge dai suoi scritti mai banali – vedasi il Taglio Laser su Gheddafi, che cambio’ la mia prospettiva e mi fu di grande aiuto a capire molti meccanismi) ma il resto del mondo cattolico (anche LNBQ, vedi sopra altro mio commento) e’ letteralmente a 180 gradi.
      E come puo’ un regno diviso in se stesso sostenersi?

Lascia un commento