Gotti Tedeschi: Similitudini tra Oggi e il Sessantotto.

20 Novembre 2021 Pubblicato da 27 Commenti

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, su La Verità di oggi, che ringraziamo, è apparso questo articolo del prof. Ettore Gotti tedeschi, che rilanciamo col permesso dell’autore. Buona lettura.

§§§

 

Similitudini tra oggi e il sessantotto.  

 

Il fenomeno Greta e Maneskin mi paiono interessanti per una riflessione strategica riferita ad alcune similitudini con quanto accadde nel periodo definito “sessantotto”. Alcuni, chiamiamoli così, avvenimenti di oggi e taluni del famoso sessantotto, pur essendosi manifestati in tempi, persone e condizioni molto diverse, potrebbero avere un obiettivo in comune, il cambiamento culturale-morale di una generazione e pertanto di una intera civiltà.

Entrambi si manifestano in un contesto di contestazione del capitalismo e dell’autoritarismo, cambiando solo le motivazioni dichiarate. Ieri, nel ’68, la richiesta di più libertà assoluta, oggi la richiesta di più “sostenibilità” assoluta (ambientale, ed inclusione soprattutto).

Entrambi si sono presentati e si presentano denunciando una serie di problemi generazionali, interpretati in modo da forzare confronto e conflitto.

Ieri con proposte fatte attraverso icone rappresentative, scelte per rappresentare la libertà pretesa, oggi fatte con altrettante icone rappresentative la cosiddetta sostenibilità pretesa.

Ieri, con un linguaggio fatto con musica rock (per esempio i Rolling Stones o i Beatles, fatti persino baronetti da Elisabetta II°). Sempre ieri, con slogan “intellettuali” indirizzati ai giovani, giusto per ricordarne alcuni: <Consumate di più e vivrete di meno. – Proibito proibire e vietato vietare. – Fate l’amore e non fate la guerra. – Fantasia al potere. – Vogliamo tutto, subito. ecc.>.

Oggi, similmente, fatto da musica sempre rock (i Maneskin ) e slogan di altissimo impatto secondo Greta (“How dare you! You have stolen my dreams and my childhood with your empty words”. E infine lo slogan virale: “Basta bla bla bla…”).

Nel periodo chiamato sessantotto non è stata affatto convincente la spiegazione ufficiale della spontaneità di quello che accadde, chi lo provocò o sostenne, e con quali obiettivi, così come non lo è ciò che sta accadendo oggi. Tanto che mi domando se più che un avvenimento storico potrebbe esser considerato un “

meccanismo”  utilizzare. Provo a ricordare. Il sessantotto fu una rivoluzione morale e di costume ben più che politica, l’obiettivo sembrò esser quello di abbattere la morale tradizionale repressiva, proponendo una rivoluzione permanente (come oggi i reset), riconcependo cosa è benessere capitalistico (come sta avvenendo oggi) e secolarizzando la religione e la morale (come oggi ).

Il sessantotto, per chi non lo ricordasse, fu un fenomeno socioculturale, apparentemente nato fra gli studenti di allora in modo “spontaneo”. Fu definito una ribellione contro l’autorità e l’autoritarismo della generazione precedente,  aveva tradito la successiva, privandola di ogni speranza.

Praticamente ciò che oggi dice Greta. Il sessantotto inventò anche il modello di mobilitazione di massa, pacifista, ma minacciosa e persino violenta, che dichiarava di voler perseguire diritti civili, ma generò lotta armata (Brigate Rosse, per esempio ). Ma generò anche una serie di altri risultati su cui riflettere. Probabilmente i maggiori risultati si son realizzati nella scuola, nella istruzione e nella educazione, arrivando a cancellare l’espressione “morale”, attraverso una rivoluzione nelle idee e nei comportamenti. Chissà quanto spontaneamente, nacquero le generazioni beat, hippy, imbevute di prodotti psichedelici e stupefacenti, di filosofie orientali e orientate alla liberazione sessuale o pseudo culturale. Le idee proposte erano orientate all’anticonsumismo, anticapitalismo, antinatalità che danneggia l’ambiente (il loro simbolo fu la bicicletta, ma di proprietà pubblica), antiproprietà privata (l’occupazione di case divenne uno sport). Non sono le stesse di oggi? C’è profumo di tecnica e di meccanismo che deve apparire spontaneo?

Detto spontaneo movimento rivoluzionario fu però subito sfruttato da intellettuali di sinistra quali Marcuse, Sartre, Adorno, Habermas. Curiosamente vennero esaltati personaggi quali Mao e Che Guevara. In Italia l’Università di sociologia di Trento sfornò leader delle brigate rosse, quali Curcio, Boato, Rostagno, Cagol.

Da un punto di vista più religioso-morale, si assistette al boom della teologia della liberazione che si espanse ovunque. Nacquero poi i preti operai, prima osteggiati dalla gerarchia, poi accolti e legittimati nel coevo Vaticano II. Si diffuse una nuova dottrina cattolica proposta dai vari don Mazzolari, don Milani, dom Franzoni, ecc. In pieno ’68 gruppi di cattolici del dissenso occuparono il duomo di Parma chiedendo alla chiesa di distribuire i beni ai poveri, di contestare il capitalismo, di rimuovere i preti conservatori, di celebrare le messe beat…

Son stati ascoltati e soddisfatti qualche decennio più tardi, ma furono profeti, direi. Non son per nulla sicuro di aver capito cosa siano i Maneskin e non li ho mai ascoltati ne visti, ma la velocità con cui si sono affermati e son già stati promossi e connotati mi incuriosisce. E già si comincia a proporre di dare loro un riconoscimento culturale. E’ pertanto lecito chiedersi se siamo di fronte ad un secondo sessantotto avanzato che usa gli stessi meccanismi sperimentati. Stavolta per cogliere le opportunità della crisi economico morale che inizia proprio alla fine degli anni sessanta e far fuori, definitivamente, i residui della civiltà cristiana?

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

27 commenti

  • unaopinione ha detto:

    Nota: non pretendo che quanto leggerete ora sia corretto al cento per cento (spero di aver capito bene quello che ho letto da qualche parte e di averlo riassunto correttamente per quanto riguarda il sistema economico e finanziario). Anzi … fate finta che sia tutto inesatto al cento per cento. Tutto quello che troverete esatto sará tanto di guadagnato.
    Devo dire che questo articolo propone delle considerazioni che mi erano totalmente sfuggite e mi ha dato l´occasione per pensare questo (naturalmente essendo il prof. Gotti Tedeschi un esperto economista, se cosí riterrá, potrá sviluppare i miei pensieri piú approfonditamente, se valgono qualcosa.
    Parto da una premessa che non dimostro e di cui manca anche qualche tassello di collegamento: l´attuale sistema economico é inserito“forzatamente”, o meglio, il sistema finanziario (s.f.) a cui fanno capo solo pochi, si é sovrapposto ad in un sistema economico giá esistente e che si puó reggere (il s.f.) solo depredando le ricchezze degli individui (cioé il sistema economico stesso). Ció puó essere raggiunto attraverso l´emissione privata della moneta a debito che fondamentalmente orienta il tasso di interesse richiesto per i prestiti dalle banche e da chi ha fondi da investire. Quando il capitale iniziale investito si é arricchito di interessi (nuovo capitale), le aziende, per mantenersi a galla e spinte soprattutto dalla innovazione tecnologica, sono costrette a prenderlo a prestito (se vogliono continuare a competere dovranno investire di piú rispetto al passato per comprare dei nuovi macchinari piú produttivi, ecc.). Fin quando il tasso di crescita dell´economia é pari o superiore a quello del capitale finanziario, allora tutto va bene (e questo avviene nei primi anni/decenni dopo una riforma monetaria). Quando il tasso di crescita del capitale finanziario é superiore al tasso di performance dell´economia (causata da cicli economici), ecco che l´economia indebitata non puó piú servire il debito ed si arriva a delle crisi finanziarie, con fallimenti e appropriazione da parte delle banche o dei creditori dei loro beni. (E immaginiamoci: per il capitalista é piú facile tenere il proprio denaro su un conto corrente a non fare niente oppure investirlo in un progetto di estrazione del petrolio in Amazonia con dislocazione delle tribú che vi abitano? e magari fra i costi di investimento vi é anche la corruzione dei politici locali e l´assoldamento di mercenari? Ecco, queste sono le stesse persone che oggi piangono in televisione per Gaia). In pratica il capitale finanziario, attraverso questo meccanismo, ad un certo punto si accresce esponenzialmente (giurid. anatocismo) con crisi finanziarie ricorrenti. Naturalmente coloro che comandano il sistema finanziario faranno di tutto perché nessuno si renda conto che questo é un difetto congenito nel sistema e chiunque, se non cambia questo meccanismo, per quanto cerchi di fare qualcosa prima o poi si troverá davanti ad una crisi del debito (al cui governo od ultimi governi sará data naturalmente la colpa). Ma si puó facilmente rimandare la crisi sequestrando il conto corrente dei correntisti per salvare le banche oppure caricare le case dei cittadini di tasse esose affinché questi, per pagarle, dovranno vendersi le case stesse. E se ció nonostante la cosa non fosse abbastanza, si fa una nuova moneta (o qualcosa che disciplini i casi che si sono creati, naturalmente sempre a favore delle banche) e si reinizia di nuovo: chi é riuscito a superare il primo turno e continua nel gioco, sará fra i prossimi polli da spennare (naturalmente la colpa della crisi puó essere data ad un singolo istituto finanziario, Lehmann & Brother per esempio, ma non viene detto che negli anni precedenti sono stati fatti assumere a questa tutti i debiti dei piccoli risparmiatori nella quantitá necessaria per far crollare solo questa e non anche tutto il sistema). Se poi i mercati valutari sono fortemente interconnessi (caso attuale), il disastro é mondiale. Per questo a volte sono necessarie anche le guerre: per additarle come presunte cause della crisi finanziaria e nascondere tale difetto congenito alla gente.
    Mentre prima le élites non potevano evitare il crollo finanziario, oggi con i mezzi di persuasione mediatica, con politici corrotti, medici corrotti, religiosi corrotti, dottori corrotti e tanta altra gente corrotta, hanno la possibilitá di ritardare il crollo, anzi … hanno la possibilitá di appropriarsi di tutto.
    E la mia considerazione parte da qui: nel 1970 tutto il mondo occidentale era in pieno sviluppo economico. Questo sviluppo era possibile principalmente per due motivi: perché si usciva da una guerra e bisognava ricostruire; e inoltre perché davanti a noi c´era la promessa fatta all´umanitá di un futuro tecnologico che, cosí era stato ventilato dalle élites, avrebbe risolto molti se non tutti i problemi che affligevano l´umanitá da sempre, prima fra tutte la morte (il che voleva dire sviluppo economico in direzione delle nuove tecnologie e maggiore occupazione). Non solo … avremmo colonizzato i pianeti e la missione Apollo stava lá a dimostrarcelo in televisione. Era anche il periodo del bipolarismo. E a causa di questo bisognava produrre anche per armarsi … perché un nemico insidioso stava in agguato oltre la cortina di ferro; e bisognava conquistare piú spazi possibili in tutto il mondo per impedire che l´URSS lo facesse prima dell´Occidente. Insomma …la strada del futuro stava lí davanti e tutto doveva invogliare l´individuo occidentale a partecipare alla spinta del sistema in questa direzione senza chiedersi niente, doveva solo affogare nell´abbondanza. Era perció necessaria una nuova mentalitá tesa alla ricerca del benessere che sostenesse naturalmente questo sviluppo (e cioé progetto) e mettesse da parte qualsiasi vecchia mentalitá che fosse di ostacolo: fra questa soprattutto quella della Chiesa cattolica. Ma non c´era solo uno sviluppo economico interno ma era in atto una nuova forma di neocolonialismo che sarebbe stato combattuto non con eserciti invasori ma soprattutto corrompendo le élites locali e questo sfruttando una particolare valuta: il dollaro. Ed il tutto era stato fatto, a mio avviso, con lo scopo di dare attraverso lo sviluppo del commercio internazionale dominato dal dollaro, la massima forza di penetrazione possibile all´Occidente. E la strategia, a mio avviso, ha funzionato. Due casi sono l´Afghanistan (sebbene io sono del parere che i talebani l´accordo l´hanno giá fatto con l´amministrazione Bush e tutto quello che é successo é stata una guerra “concordata” fin dall´inizio e condotta semplicemente per destabilizzare il Medio Oriente prima e gli Stati Uniti e l´Europa stessa poi). Oppure al Vietnam che é ormai economicamente quasi totalmente occidentalizzato.
    Oggi invece l´economia stagna; tutti gli spazi conquistabili senza rischio e dove c´era ricchezza sono stati occupati. Dove ci si puó rivolgere per dare nuovo sangue al sistema finanziario che non sa piú da dove succhiare? Espandersi ulteriormente vorrebbe dire punzecchiare l´Orso o il Dragone (qui c´é da fare dei distinguo). Quindi che si fa perché il sistema non crolli? Semplice … si succhia il sangue dagli europei e dagli anglosassoni. Come? Con la scusa del Covid-19. Quindi ci si espande non esternamente ma internamente, depredando i singoli che dovranno, a seguito dei vaccini, delle varie restrizioni e delle malattie che ne seguiranno, spendere tutto il loro patrimonio per cercare di guarire (per non parlare poi di chi non si vuole vaccinare e che quindi verrá messo in campi di segregazione e a cui verranno sequestrati tutti i beni – credo che questi siano i loro piani che stanno preparando puntualmente da almeno 70 anni). Ed una volta stabilizzata la popolazione nella quantitá desiderata dalle élites mondiali, gli si da un reddito minimo di cui si potrá godere solo avendo del credito sociale: chi sgarra muore di fame (ed altro). Ma c´é anche il secondo elemento presente: quello dello sviluppo economico. Come? Iniziando la quarta rivoluzione promossa dal sig. Klaus Schwab per conto delle élites internazionali: collegamento neuronale all´internet delle cose e riduzione della persona ad un codice o numero e cosí via (e di cui in realtá non so molto, salvo che vedo molto chiaramente il Segno della Bestia che sta proprio dietro l´angolo).
    Insomma lo sviluppo di tutta la cosa io me la immagino cosí: l´Occidente é come una corazzata (ora malandata). Questa corazzata, guidata dalle élites, e dotata delle piú moderne armi del momento, é andata a destra e a sinistra per il mondo ad imporre la diplomazia delle cannoniere. Per fare questo i membri dell´equipaggio dovevano essere trattati bene altrimenti la corazzata non sarebbe stata in grado di bombardare a dovere i porti refrattari. I membri dell´equipaggio, attraverso il loro lavoro prestato nella corazzata si sono arricchiti. Finiti i porti da aggredire, le élites hanno deciso che sí … per far funzionare ancora la corazzata (é l´unica che hanno e hanno deciso di non trasferirsi in una nuova ma di vedere cosa c´é da prendere ancora dalla vecchia) é necessario ora depredare gli stessi membri dell´equipaggio. Chi si opponeva prima (porti) si opponeva alla Democrazia, chi si oppone ora mette in pericolo la vita degli altri con il suo comportamento irresponsabile (parliamoci chiaro … vogliono trasformarci tutti in cinesi, i quali sono altamente responsivi ai proclami in cui ci si appella a rinunciare ai propri diritti per salvare tutto un popolo (che per i politici si identifica con il partito) . Questo, a mio avviso, sta succedendo ora.
    Cosa puó suggerire tutto questo? Che questi cambiamenti, sia allora che ora, non siano un frutto del caso ma siano guidati dai poteri finanziari che dispongono della forza politica, medica, mediatica, religiosa, ecc. … naturalmente tutti comprati attraverso il potere del denaro fiat. In realtá un sistema finanziario come questo puó creare quanto denaro fiat vuole (e questo fin quando la fiducia della gente non viene meno a causa dell´iperinflazione) … ma se poi riescono a schiavizzare l´umanitá, nessuno potrá correre alla banca per prelevare il proprio denaro e la popolazione dovrá ridurre i consumi secondo le direttive delle élites e morire alla fine di fame (ricordiamoci che le banche in questo momento sono piene di denaro, immaginatevi se lo mettono in circolazione: fra due o tre anni con mille euro ci si potrá forse comprare solo un panino). Questo potrebbe essere un altro modo per impossessarsi del mondo.
    Quindi cosí come a suo tempo il dollaro é stata la giustificazione e lo strumento per ridurre interi popoli alla miseria al di fuori dell´Occidente, cosí l´euro (che é moneta fiat privata e che provoca gli effetti di cui sopra) é e sará lo strumento per ridurre gli europei all´obbedienza e alla miseria. E per fare questo sará utilizzato, a mio avviso, qualsiasi strumento, anche il piú sanguinario.
    Qualcuno si ricorda per caso chi ha detto: “Whatever it takes”? Pensavate che scherzava? Pensate a quanto é appena avvenuto a Rotterdam.
    Da quanto detto sopra, si capisce che il nuovo territorio di colonizzazione non é esclusivamente lo spazio economico europeo, ma anche ogni singolo essere umano che vi si trova dentro (“Non possiedo nulla e sono felice”). Questa é l´unica ricchezza occupabile con facilitá che é rimasta al sistema per non crollare. E questo si incepperá solo quando questa ricchezza sará stata ingoiata e dovrá necessariamente aggredire le uniche due nazioni rimaste (formalmente) indipendenti: la Russia e la Cina (qua ci vogliono dei distinguo). Quindi tanto meno le persone si lasceranno ingoiare tanto piú il loro piano sará sventato (e naturalmente se il sistema crolla ci sará sofferenza ma si conserverá la libertá).
    Quindi, con la storiella della pandemia, si convincono coloro che sono psichicamente deboli a farsi l´iniezione che li connetterá al loro sistema (e che li libererá da ogni nefasto pensiero che li collega con qualunque proprietá), ma una volta che non ci sará piú nessuno disposto a prestarsi, e questo per loro potrebbe significare anche il fallimento del piano, bisognerá costringere con le buone o con le cattive, a far entrare anche gli altri (cioé i non vaccinati). È questione di vita o di morte per il Sistema.
    Questo dal punta di vista materiale. Ma c´é un filo trascendentale che corre invisibile sotto a quanto si vede? Io dico di sí, e vado alla lettera di Pike a Mazzini: „ e la moltitudine disingannata dal cristianesimo, i cui adoratori saranno da quel momento privi di orientamento alla ricerca di un ideale, senza più sapere ove dirigere l’adorazione, riceveranno la vera luce attraverso la manifestazione universale della pura dottrina di Lucifero rivelata finalmente alla vista del pubblico, manifestazione alla quale seguirà la distruzione della Cristianità e dell’ateismo conquistati e schiacciati allo stesso tempo!”. Quindi, a mio avviso, negli anni ´60 si é ingegnerizzato il passaggio dal Cristianesimo all´abbondanza-materialismo-ateismo. Ora dall´abbondanza-materialismo-ateismo alla dottrina di Lucifero oggi ancora manifestata con mezzi timidi ed equivoci, tanto da far credere che tutto sommato si tratti di arte – mi pare che un esempio possa essere la cantante Madonna. Naturalmente verrá il tempo della Sua manifestazione palese. Per cui ritengo che alla domanda finale del prof. Tedeschi si possa rispondere tranquillamente con un “sí” (e di cui condivido pienamente le riflessioni).
    Ora peró c´é un problema: Loro (e io intendo coloro che stanno veramente sopra) sanno dell´esistenza di Dio e credono di sfuggire alle loro azioni non costringendo direttamente, ma costringendo indirettamente alla vaccinazione. Cosí crederanno di sfuggire al loro karma (cosí viene chiamata da Loro la punizione di Dio). Infatti potranno dire a sé stessi: “Noi abbiamo gridato falsamente al lupo e loro ci sono caduti di loro volontá – non hanno un cervello?”. Ma ad un certo punto dovranno introdurre un obbligo vaccinale per tutti – si puó mai pensare che i vaccinati muoiano e quelli non vaccinati stiano in buona salute (e che fungano da campione di controllo ma soprattutto sfidino l´autoritá del Diavolo su questa Terra)? Per cui ad un certo punto verrá toccato anche chi é rimasto fedele a Dio. E non credo che Dio apprezzerá la cosa.
    La storia credo sia giá tutta scritta.
    Cosa si potrebbe fare?
    Non credo che vi sia alcuna possibilitá di modificare un sistema finanziario come questo o di poter continuare a viverci pacificamente (quindi i manifestanti anche scendendo in piazza non raggiungeranno niente: non perché non vi sia via di uscita, … p.e., i debiti potrebbero essere sempre condonati, ma perché le persone promotrici e quelle che lavorano per questo sistema, sono a mio avviso, intrinsecamente malvage, violente e vendicative (avete notato che hanno sempre in bocca la parola “violenza”, pur di additare come violenti chi non ha mosso neanche un dito?) ed inoltre, a mio avviso, si avvalgono slealmente di forze trascendentali che le guidano: umanamente non c´é nulla da fare … o meglio, sí, se la societá si rivolgesse di nuovo a Dio. Ma di ció attualmente vedo poco. D´altro lato rimanere in un tale sistema sarebbe come prestare il proprio collo al cappio che Loro saranno costretti a stringere ad ogni persona libera che troveranno sulla strada (c´é stato per caso qualcuno che aveva detto che voleva vaccinare chiunque incontrasse per strada?). E tante piú persone si sveglieranno e si rivolgeranno a Dio, tanto piú velocemente il Sistema s´incepperá e cadrá (e questo sempre con l´aiuto determinante di Dio; non vedo altra soluzione). A mio avviso, quindi, sarebbe il caso di cambiare proprio vita ed abbandonare le cittá e ritirarsi in qualche luogo sperduto (ma verranno anche lá) da qualche parte e vivere in comunitá autosufficienti invocando la protezione di Dio ed aspettare che Questi intervenga: in questo modo avrá anche il compito facilitato nell´abbattere i tiranni (del resto io vedo nella loro strategia un accenno di voler andare piano per allarmare il meno possibile le persone e alla fine stringere la rete all´improvviso).
    Questo é quello che penso oggi. Tutta una opinione, naturalmente.

  • FRANJO ha detto:

    Boato e Rostagno erano all’Università di Trento ma non hanno fatto parte delle BR. Credo si tratti di un errore, prof. Gotti Tedeschi.

  • Michele ha detto:

    I maneskin sono senz’altro stati creati a tavolino in sincronia con l’iter parlamentare del DL zan; ma mi sembrano un fenomeno isolato rispetto all’ondata di gruppi rock degli anni ’60 , che tra l’altro avevano talvolta un minimo di talento ed hanno composto brani che, comunque, pur spinti dai media, vengono ancora ascoltati.

    Come ha sottolineato Cammilleri ed altri , i maneskin scimmiottano marilyn manson, rock horror pictur show e si vestono con 50 anni di ritardo come il primo Renato Zero o david bowie; non hanno particolari talenti musicali e pochi saprebbero riconoscere un loro brano. Finiranno presto nel dimenticatoio, a meno che non compongano (o gli compongano) un brano “indovinato” che diventi iconico o vengano sospinti fino a stufare come sta succedendo per la presuntuosa ragazza con le treccine che non va a scuola da due anni ma pretende di impartirci le lezioni che hanno immesso nella sua mente a mo’ di software da applicare in automatico.
    Una volta usati e ritenuti inutili verranno accantonati e punteranno su altri “artisti” o altre plastistificate celebrità mediatiche adatte alle convenienze contingenti.

    Concordo totalmente con Gotti Tedeschi sul tentativo rivoluzionario di pochi per scristianizzare, meglio: decatolicizzare in particolare l’Italia e l’occidente, mediante il controllo dei media, organizzazioni onu ed europee non elette democraticamente, filosofi, intellettuali, artisti… o sedicenti tali.
    La Madonna ha impresso il suo sigillo delle 12 stelle sulla bandiera europea, cuore dell’occidente (chi può legga le vicende del concorso e dell’approvazione della bandiera europea, decisa a “sfregio” il giorno dell’Immacolata per non rispettare la festività): ” Non praevalebunt”.

    • Pavel ha detto:

      A me risulta che la bandiera europea sia una parodia del cerchio di stelle della Madonna, voluta dagli ambienti massonici che dominano a Bruxelles; d’altronde anche la stella a 5 punte ed il numero dodici hanno dei significati esoterici, a cui certi mondi sono sempre stati attenti.

  • Luca G. ha detto:

    sulla costruzione a tavolino , quale meccanismo , non vi sono dubbi . Sa sempre i “poteri” hanno costruito a tavolino ciò che la gente doveva credere .Si pensi al Sinedrio 2000anni fa quando ordinò di dire che Gesù non era risuscitato ma la sua salma trasferita .
    Questo meccanismo , secondo me, ha il punto di maggior gloria con Lenin inventato e portato dal capitalismo calvinista svizzero in Russia per realizzare la rivoluzione. Così Fidel Castro, così Che Guevara (come dice Gotti Tedeschi) . Le icone , oggi diremmo :le INFLUENCER , si creano in laboratorio , Ma in politica in laboratorio è stato creato anche Craxi , Bossi, Renzi, EnricoLetta . Ma riflettiamo , lei Gotti Tedeschi non ha voluto accennarlo, il maggior influencer creato in laboratorio negli ultimi cento anni è BERGOGLIO . Altro che sessantotto ,…mi ricorda un NON SERVIAM .. o no ?

  • Luciano Motz ha detto:

    In questi giorni mi è capitato tra le mani un opuscolo riportante la “Novena di abbandono”, con parole ispirate da Gesù a don Dolindo Ruotolo.
    Al sesto giorno della novena si legge: “Voi siete insonni, voi volete tutto valutare, tutto scrutare, a tutto pensare, e vi abbandonate così alle forze umane, o, peggio, agli uomini, confidando nel loro intervento. E’ questo che intralcia le mie parole e le mie vedute. Oh, come io desidero da voi questo abbandono per beneficarvi, e come mi accoro nel vedervi agitati!
    Satana tende proprio a questo: ad agitarvi, per sottrarvi alla mia azione e gettarvi in preda alle iniziative umane. Confidate perciò in me solo, riposate in me, abbandonatevi a me in tutto. Io faccio miracoli in proporzione del pieno abbandono in me, e del nessun pensiero di voi”.
    E se lo dice Gesù, non possiamo non prestargli fede. Del resto, Gesù è il Signore della storia, è l’alfa e l’omega, il primo e l’ultimo. Gli uomini si danno da fare per l’emergenza climatica, il Great Reset, e fanfaluche varie, ma è Gesù che alla fine trionferà.

  • Pavel ha detto:

    Visto che il dott. Gotti Tedeschi afferma di non aver capito cosa siano i Maneskin e di non averli mai ascoltati né visti, mi permetto di suggerire a lui e a tutti i lettori di SC la visione di questo breve filmato della tv bielorussa che li descrive, senza tanti giri di parole, in modo assai pertinente:

  • Paoletta ha detto:

    In effetti la Gretina e i Maneskin sono dei finti rivoluzionari, travestiti da ribelli ma ampiamente sostenuti dal sistema, che li fa sembrare degli idoli, anche se non hanno nulla da dire. Al quadretto manca Carola Rackete, che finge di essere rivoluzionaria ma è ben protetta dei poteri forti nel suo scaricare clandestini a man bassa, speronando le navette della guardia di Finanza e non dovendo pagare alcun prezzo per questo.
    Il solo vero rivoluzionario e’ morto su una croce abbandonato dai suoi.

    • Dici bene Paoletta ha detto:

      È il sistema comunicativo in cui siamo immersi che porta alla ribalta sia Greta che i Maneskin.
      Sarebbe interessante sapere se c’è qualcosa di originale in questi personaggi o se sono stati completamente costruiti a tavolino con lo scopo preciso di fornire al popolo bue dei falsi miti in cui credere. Ricordate tanto tempo fa le Spice girls ? Niente di spontaneo : il quintetto era costruito a tavolino. TOTALMENTE.

    • Pablo ha detto:

      Sono totalmente d’accordo. Dare il soprannome di rivoluzionaria a Greta ea questa banda di postmodernisti soggettivisti è davvero una cecità sconfinata. La Chiesa non è né di destra né di sinistra. Entrambi i sistemi sono spazzatura. Abbiamo già visto la caduta dell’uno, ora assistiamo all’inevitabile caduta dell’altro. Mettere nostro Signore Gesù Cristo a difesa delle organizzazioni temporanee è stupido senza limiti. Gesù Cristo non era né un capitalista né un marxista. Ciò che va difeso è la proprietà del senso di regalità di sé, mai un sistema che si basa sulla concentrazione in pochi degli stessi e che, di fronte ormai a limiti intrinseci dove il Dio mamón è assolutizzato e reso astratto, si sta preparando con le sue élite globali il riavvio. Erano, sono e saranno anticristiani per essenza, e ora usano questi stupidi per aggiornare il discorso plutocratico usandoli come manodopera a buon mercato e suicida

    • Pablo ha detto:

      Bergoglio non è mai stato di sinistra, tanto meno marxista. È una creatura di potere che non ha esitato a consegnare ai rapitori due sacerdoti della città ea mandarli in esilio forzato perché non testimoniassero la sua complicità con la dittatura della CIA. Ora fa il sinistro perché la plutocrazia che ha sempre servito ha scelto quell’abito per continuare a concentrare ricchezza e potere. Bergoglio è una mafia

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Comincia togliere aria condizionata a palla e wi-fi selvaggio a odierni mammalucchi… poi vedi come ti sfioriscono all’istante…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • don Z ha detto:

    caro Gotti Tedeschi , forse lei sa che l’Università di Trento ( del ’68) fu voluta e creata dai Gesuiti e la Massoneria ? Lo spiega il GM Giuliano de Bernardo.
    Sa anche che Marcuse era una spia- agitatore al soldo della CIA ?

    • Bastian contrario ha detto:

      Perché non aggiungere allora che , in una facoltà scientifica del Nord Italia, i pranzi, recapitati gratuitamente agli studenti che occupavano la suddetta facoltà, erano stati pagati dall’ineffabile partito comunista italiano ?

    • emma ha detto:

      ecco qualcosa che NON mi meraviglia .Lo zampino di entrambi in ciò che corrompe. Grazie per averlo ricordato.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Intanto il “vescovo ciclista di Palermo” su ordine del grande capo ha ridotto allo stato laicale un buon prete che ama Dio e la sana Dottrina della Sua Chiesa,
    VIVA LA CHIESA DELL’INCURSIONE!!!

    • Marco Matteucci ha detto:

      SALMO 64

      O Dio, ascolta la voce del mio lamento!
      Salva la mia vita dal terrore del nemico.

      2 Mettimi al riparo dalle trame dei malvagi,
      dagli intrighi dei malfattori.

      3 Hanno affilato la loro lingua come spada
      e hanno scagliato come frecce parole amare,

      4 per colpire di nascosto l’uomo integro;
      lo colpiscono all’improvviso, e non hanno paura.

      5 S’incoraggiano a vicenda in un’impresa malvagia;
      si accordano per camuffare tranelli;
      e dicono: «Chi se ne accorgerà?»

      6 Meditano pensieri malvagi e dicono:
      «Abbiamo attuato il nostro piano».
      I sentimenti e il cuore dell’uomo sono un abisso.

      7 Ma Dio scaglierà le sue frecce contro di loro,
      e all’improvviso saran coperti di ferite;

      8 saranno abbattuti, e il male causato dalle proprie lingue ricadrà su di loro.
      Chiunque li vedrà scrollerà il capo.

      9 Allora tutti gli uomini temeranno,
      racconteranno l’opera di Dio
      e comprenderanno ciò ch’egli ha fatto.

      10 Il giusto esulterà nel SIGNORE
      e cercherà rifugio in lui;
      tutti i retti di cuore si glorieranno.

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Su che cosa fu il 68 chiedere informazioni a Sergio Segio, scrittore e saggista (ex ergastolano) cofondatore di Lotta Continua grande mente della lotta armata pluriomicida.

Lascia un commento