Siero Genico. L’Autorizzazione è Valida? Pesanti Dubbi, Criticità, Insufficienze.

21 Ottobre 2021 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, ci sembra molto interessante rilanciare questo articolo apparso sulla Silvana De Mari Community che mette in evidenza tutta una serie di criticità, di procedimento e di reale efficacia, legate al siero genico che viene iniettato in questi mesi. Buona lettura e condivisione.

§§§

Il cardiochirurgo Raffaele De Simone, dell’Università di Heidelberg  ha studiato la sperimentazione dei vaccini.

Ha inviato il risultato dei suoi studi anche al ministro Speranza.

 

Ecco una review dei dati scientifici che hanno portato all’autorizzazione dei vaccini anti COVID-19 da parte dalla EMA e della FDA con le relative referenze bibliografiche.

 

Quando è iniziato la corsa al vaccino, alcuni scienziati hanno rammendato alle case farmaceutiche quali erano le regole ed i parametri da prendere in considerazione per valutare l’efficacia dei vaccini [1] [Lancet Infect Dis. 2021 Feb;21(2):e26-e35] [https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33125914/]

 

L’articolo intitolato „Cosa definisce un vaccino efficace contro il COVID-19?“ afferma che un vaccino per essere definito efficace deve prevenire:

 

(1) di ammalarsi di malattia severa,

(2) l’ammissione all’ospedale,

(3) l’ingresso nella terapia intensiva,

(4) la trasmissione del virus

(5) e la morte.

 

Dopo aver mantenuto segreti i protocolli di studio di fase III, le case farmaceutiche sono state poi costrette a pubblicarli, perché finanziati generosamente con denaro pubblico.

 

L’analisi dei protocolli ha mostrato inaccettabili deficienze: Erano tutti palesemente insufficienti a dimostrare l’efficacia del vaccino.

 

L’articolo pubblicato sul British Medical Journal, intitolato “Pubblicati i protocolli di sperimentazione del vaccino contro il Covid-19. Una rara opportunità per il controllo pubblico di questi studi chiave” ha analizzato i quattro protocolli (Moderna, Pfizer, AstraZeneca e Janssen) [2] [BMJ 2020;371:m4058] [https://www.bmj.com/content/371/bmj.m4058]

 

Ecco cosa riporta l’articolo:

“Nessuno degli studi sui vaccini è progettato per rilevare una riduzione significativa dei ricoveri ospedalieri, dei ricoveri in terapia intensiva o della morte. Piuttosto che studiare malattie gravi, questi tutti gli studi hanno studiato solo un indice primario di covid-19 sintomatico sostanzialmente di qualsiasi gravità: un risultato positivo di laboratorio più sintomi lievi come tosse e febbre contano come eventi di esito (tabella 1).

Questi studi sembrano progettati per rispondere alla domanda più semplice nel minor tempo possibile, non alle domande clinicamente più rilevanti.”

 

Ossia i vaccini che stiamo usando sono stati testati solo per essere efficaci a prevenire una sintomatologia lieve.

 

Sulla stessa rivista scientifica [3] [BMJ 2020;371:m4037] [http://dx.doi.org/10.1136/bmj.m4037] si chiede se i vaccini salveranno vite umane:

 

“Al pubblico questo sembra abbastanza ovvio. L’obiettivo principale di un vaccino contro il covid-19 è impedire alle persone di ammalarsi gravemente e morire”, ha detto senza mezzi termini una trasmissione della National Public Radio.

 

Invece la conclusione della pubblicazione afferma:

“Nessuno degli studi attualmente in corso è progettato per rilevare una riduzione di eventuali esiti gravi come ricoveri ospedalieri, uso di cure intensive o decessi. Né i vaccini sono allo studio per determinare se possono interrompere la trasmissione del virus”

 

Queste erano le premesse: Anche se gli studi avessero avuto esito positivo, essi non avrebbero fornito alcuna indicazione sull’efficacia dei vaccini contro malattia severa, ricovero in ospedale, ricovero in terapia intensiva, trasmissione del virus e morte.

 

 

Il 1. Dicembre 2020 fu presentata all’ EMA (European Medicines Agency) una petizione [4] [https://dokumen.pub/wodarg-yeadon-covid-19-vaccine-petition.html]

fornita di dettagliati e convincenti argomenti scientifici e clinici, corredata da ottime referenze, per tentare di risolvere e correggere i gravi errori della sperimentazione clinica ed ottenere così dati scientificamente affidabili sull’efficacia del vaccino.

 

Poiché gli studi sono stati finanziati da consistenti contributi pubblici, l’interesse della collettività è più che legittimo.

 

Neppure questa petizione ha impedito l’approvazione del vaccino Pfizer sulla base di uno studio clinica palesemente incompleta e fallace. Si noti che definire “fallace” la sperimentazione di un nuovo vaccino contro il covid-19 non equivale segnalare un peccato veniale. La casa farmaceutica ha una grave responsabilità civile e penale nei confronti della collettività.

 

Il documento può essere scaricato al seguente link [https://dokumen.pub/wodarg-yeadon-covid-19-vaccine-petition.html]

 

Ecco una breve descrizione delle maggiori inesattezze e incongruenze (meglio definirle vere e proprie omissioni):

 

La presunta “efficacia statistica” del “vaccino” è stata ottenuta così (dal protocollo): “…in presenza di almeno uno dei seguenti sintomi (altamente aspecifici, generici e lievi): febbre, tosse, difficoltà di respiro, brividi, dolori muscolare, mal di gola, diarrea, o vomito… e di test positivo sono stati contati 162 “casi” nel gruppo placebo e solo 8 nel gruppo dei vaccinati.

 

È stato però consentito l’uso di kit di tests diversi! E proprio non si capisce il perché!

 

  • Cepheid Xpert Xpress SARS-CoV-2 (tende a generare molti più falsi positivi rispetto agli altri kit di test
  • Roche cobas SARS-CoV-2 real-time RT-PCR test (EUA200009/A001)
  • Abbott Molecular/RealTime SARS-CoV-2 assay (EUA200023/A001)

 

I risultati generati da questi kit di test non sono comparabili tra loro poiché i kit di test Cepheid che utilizzano un valore Ct molto alto fino a 44,9 per il “rilevamento dell’RNA genomico di SARS-CoV-2” tendono a generare molti più falsi positivi rispetto agli altri kit di test.

 

Al momento dell’iscrizione, i partecipanti allo studio sono stati informati che a ciascuno di loro sarebbe stato iniettato un vaccino per proteggere dall’infezione da COVID-19 o un placebo salino senza rivelare quale dei due fosse stato iniettato nel partecipante. Tuttavia, tutti i partecipanti sono stati anche informati che il vaccino può causare le seguenti reazioni:

  • Febbre ≥39,0°C (≥102,1°F).
  • Arrossamento o gonfiore nel sito di iniezione di dimensioni superiori a 10 cm (>20 unità di misura).
  • Forte dolore al sito di iniezione.
  • Qualsiasi evento sistemico grave.

 

Colui che iniettava il preparato non era a conoscenza del tipo di sostanza, ma il funzionario locale si.

 

È noto in generale e in particolare ai partecipanti agli studi clinici che l’iniezione intramuscolare di una quantità piccola di soluzione fisiologica non causerà febbre, arrossamento, gonfiore e dolore severo o reazioni sistemiche.

La motivazione di un partecipante allo studio è senz’altro la protezione da parte del vaccino. Se il probando non ha la reazione cutanea, sospetta naturalmente di non aver ricevuto il vaccino.

Ossia, il probando capiva di essere stato assegnato al placebo dall’assenza di reazione cutanea! Di conseguenza, un numero maggiore di probandi che ricevevano placebo, naturalmente preoccupati dall’assenza di reazione cutanea, rispetto a quelli che ricevevano il vaccino, riferivano al responsabile locale del centro quando sviluppavano sintomi minori, come mal di gola o tosse per paura di contrarre COVID-19.

Il responsabile del sito aveva il compito di indagare sui sintomi riportati e la facoltà di prescrivere un test RT-qPCR mediante dosaggio Cepheid da eseguire presso il Laboratorio Centrale secondo il Protocollo.

Il responsabile locale ordinava in presenza di uno dei seguenti sintomi (ASPECIFICI) febbre, o tosse, o difficoltà di respiro, brividi, dolori muscolare, mal di gola, diarrea, vomito… un test basato sull’amplificazione degli acidi nucleici da eseguire (cito testualmente) o presso il laboratorio centrale oppure presso una struttura di test locale, utilizzando un protocollo definito accettabile.

Non si conoscono i criteri con cui i casi sospetti siano stati assegnati dai funzionari locali al test del laboratorio centrale (Cepheid) o di una struttura locale (?!?).

 

I casi più gravi potrebbero essere stati testati localmente con kit Abbott o Roche perché potrebbero dover essere testati in ospedale dopo il ricovero e perché molti ospedali sono consapevoli degli alti tassi di falsi positivi generati dai kit Cepheid.

 

Un numero maggiore di risultati di test falsi positivi nei partecipanti che ricevono placebo aumenterebbe artificialmente l’efficacia del vaccino.

Purtroppo la Scienza come la Medicina conosce una sola modalità: la completa trasparenza. Gli interessi dell’Industria farmaceutica divergono da quelli della Medicina.

Perché mai non è stato usato un solo test??? Si tratta di un principio di base, ben noto ad ogni studente e messo in evidenza da ogni comitato etico che debba approvare uno studio clinico. Tale omissione è da considerare estremanete grave, perché inficia la validità dei dati raccolti.

 

I veri (e obiettivabili) indicatori dell’efficacia (cosiddetti “endpoints”) sono stati da sempre: il ricovero in ospedale,la  sintomatologia grave con intubazione, la morte, la trasmissione del virus. Essi non sono stati testati con la scusa dell’emergenza (Lancet Infect Dis 2020, October 27). Questi sono gli eventi contro cui volevamo immunizzarci, vero? Non certo contro il mal di gola o contro la positività ad un test di dubbio significato clinico.

 

Infine, i firmatari della petizione hanno proposto alla Pfizer di verificare i casi ammalati del gruppo placebo mediante sequenziamento nucleotidico per eliminare tutti i risultati del test falsi positivi.

Una verifica del sequenziamento del DNA dei risultati del test positivo per RT-qPCR sarebbe stata assolutamente necessaria in questo studio clinico randomizzato controllato con placebo perché di fatto si è verificato lo smascheramento del “doppio cieco” tra i partecipanti.

 

Poiché c’erano sono solo 180 casi confermati di COVID-19 in questa serie di studi clinici che supportano l’efficacia clinica del vaccino, è stato proposto di eseguire test di sequenziamento Sanger di conferma su questi 180 campioni residui di estratto di RNA. Lo Sponsor (BioNTech/Pfizer) ha inspiegabilmente rifiutato!

 

Non è pensabile che lo Sponsor (BioNTech/Pfizer) non sia stato in grado di eseguire test di sequenziamento Sanger di conferma su questi 180 campioni residui di estratto di RNA, e presentare i dati di laboratorio per supportare l’efficacia del vaccino alla valutazione della FDA.

 

Pertanto, non ci sono scuse per lo Sponsor di rifiutare di utilizzare la tecnologia di sequenziamento Sanger standard per convalidare i risultati dello studio.

 

Se non si usano parametri oggettivi, ossia indici che possono essere controllati in ogni momento e da ogni osservatore, non si può parlare di Scienza.

 

Del resto perché poi dovremmo aspettarci che le case farmaceutiche, il cui scopo primario è applicare tecniche biomediche per produrre profitti, facciano Scienza?

È compito delle Istituzioni Scientifiche pubbliche di fare Scienza e metterla al servizio della comunità. Come è compito dei Medici di tutelare la salute della collettività dalla somministrazione di nuove sostanze senza dati oggettivi ottenuti con un adeguato studio clinico.

 

Infine vorrei citare un’ultima analisi di Peter Doshi: Pfizer and Moderna’s “95% effective” vaccines—we need more details and the raw data.

https://blogs.bmj.com/bmj/2021/01/04/peter-doshi-pfizer-and-modernas-95-effective-vaccines-we-need-more-details-and-the-raw-data/?fbclid=IwAR29xa_OIVHdURfMoJAYR1ZVREzpLMPJKnmP2b9asOWx21B4L1qmZp2xxjg

 

 

I 371 individui esclusi dall’analisi di efficacia del vaccino Pfizer

Un altro motivo per cui abbiamo bisogno di più dati è analizzare un dettaglio inspiegabile trovato in una tabella della revisione della FDA del vaccino di Pfizer: 371 individui esclusi dall’analisi di efficacia per “importanti deviazioni del protocollo entro o prima di 7 giorni dopo la dose 2”. Ciò che preoccupa è lo squilibrio tra i gruppi randomizzati nel numero di questi individui esclusi: 311 del gruppo vaccinato contro 60 del placebo. (Al contrario, nello studio di Moderna, c’erano solo 36 partecipanti esclusi dall’analisi di efficacia per “grande deviazione dal protocollo” – 12 gruppi vaccini contro 24 gruppi placebo.)

Quali erano queste deviazioni del protocollo nello studio di Pfizer e perché c’erano cinque volte più partecipanti esclusi nel gruppo del vaccino? Il rapporto della FDA non lo dice e queste esclusioni sono difficili da individuare anche nel rapporto di Pfizer e nella pubblicazione del giornale.

 

Febbre e farmaci antidolorifici, smascheramento e comitati di aggiudicazione degli eventi primari

Il mese scorso ho espresso preoccupazione per il potenziale ruolo confondente dei farmaci per il dolore e la febbre nel trattamento dei sintomi. Ho ipotizzato che tali farmaci potessero mascherare i sintomi, portando a una sottoindividuazione dei casi di covid-19, possibilmente in numero maggiore nelle persone che hanno ricevuto il vaccino nel tentativo di prevenire o curare gli eventi avversi. Tuttavia, sembra che il loro potenziale per confondere i risultati fosse abbastanza limitato: sebbene i risultati indichino che questi medicinali sono stati assunti circa 3-4 volte più spesso nei soggetti vaccinati rispetto ai destinatari del placebo (almeno per il vaccino di Pfizer – Moderna non ha riferito in modo altrettanto chiaro), il loro l’uso è stato presumibilmente concentrato nella prima settimana dopo l’uso del vaccino, assunto per alleviare gli eventi avversi locali e sistemici post-iniezione. Ma le curve di incidenza cumulativa suggeriscono un tasso abbastanza costante di casi confermati di covid-19 nel tempo, con date di insorgenza dei sintomi che si estendono ben oltre una settimana dopo la somministrazione.

 

Detto questo, il più alto tasso di uso di farmaci nel braccio del vaccino fornisce un ulteriore motivo per preoccuparsi dell’apertura non ufficiale del cieco. Data la “reattogenicità” dei vaccini, è difficile immaginare che i partecipanti e gli investigatori non potessero fare ipotesi plausibili su quale gruppo si trovassero. L’endpoint primario negli studi è relativamente soggettivo, rendendo l’apertura del cieco una preoccupazione importante. Eppure né la FDA né le aziende sembrano aver formalmente sondato l’affidabilità della procedura di doppio cieco e i suoi effetti sui risultati riportati.

Né sappiamo abbastanza sui processi dei comitati di aggiudicazione degli eventi primari che hanno contato i casi di covid-19. Non erano a conoscenza dei dati sugli anticorpi e delle informazioni sui sintomi dei pazienti nella prima settimana dopo la vaccinazione? Quali criteri hanno impiegato e perché, con un evento primario costituito da un esito riportato dal paziente (sintomi covid-19) e dal risultato del test PCR, era addirittura necessario un comitato del genere?

 

È anche importante capire chi faceva parte di questi comitati. Mentre Moderna ha nominato il suo comitato di aggiudicazione di quattro membri – tutti medici affiliati all’università – il protocollo di Pfizer afferma che tre dipendenti Pfizer hanno svolto il lavoro. Sì, membri dello staff Pfizer.

Discussione

In occasione dell’approvazione dei vaccini è stato molto lodato il grande progresso della Scienza. In verità per la produzione del vaccino non è stata resa possibile da nessuna nuova scoperta scientifica né dall’invenzione di una nuova tecnologia.

Si è trattato piuttosto di una temeraria e molto disinibita applicazione di tecnologie e metodiche già presenti da anni, applicate per compassione a malati terminali di cancro. Con risultati molto incostanti e discutibili.

Nel caso dei vaccini è stata semplicemente colta l’occasione per applicare questa ben nota tecnologia biomedica ad un enorme numero di persone. Di nuovo non è stato inventato proprio un bel niente. Nuovo è stato l’esperimento su larghissima scala per dimostrare che un pezzetto di mRNA possa convincere il nostro organismo a produrre anticorpi contro una sostanza allo stesso tempo estranea, ma prodotta dalle nostre stesse cellule.

 

I protocolli della sperimentazione di fase III sono disponibili ai seguente links

  1. Moderna TX. Protocol mRNA-1273-P301, amendment 3. 2020 https://www.moder- natx.com/sites/default/files/mRNA-1273-P301-Protocol.pdf
  2. PF-07302048 (BNT162 RNA-based covid-19 vaccines) protocol C4591001. 2020. https://pfe-pfizercom-d8-prod.s3.amazonaws.com/2020-09/C4591001_Clinical_Protocol.pdf
  3. Clinical study protocol—amendment 2 AZD1222- D8110C00001. 2020. https://s3.amazonaws.com/ctr-med-7111/D8110C00001/52bec400-80f6-4c1b-8791- 0483923d0867/c8070a4e-6a9d-46f9-8c32-cece903592b9/D8110C00001_CSP-v2.pdf
  4. Janssen Vaccines and Prevention. VAC31518 (JNJ-78436735) clinical protocol VAC31518COV3001 amendment 1. 2020. https://www.jnj.com/coronavirus/covid-19-phase-3-study-clinical-protocol

 

 

Allegati

[1] [Lancet Infect Dis. 2021 Feb;21(2):e26-e35] [https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33125914/]

[2] [BMJ 2020;371:m4058] [https://www.bmj.com/content/371/bmj.m4058]

[3] [BMJ 2020;371:m4037] [http://dx.doi.org/10.1136/bmj.m4037]

[4] [https://dokumen.pub/wodarg-yeadon-covid-19-vaccine-petition.html

L’articolo L’autorizzazione dei vaccini è valida? proviene da Silvana De Mari Community.

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

6 commenti

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Preoccupa no poco questa ostinazione a vaccinare tutti urbi et orbi ad ogni costo… al di là di innegabili profitti temiamo altri tipi di motivazioni scatenanti…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • arrendersi all'evidenza ha detto:

    Cominciamo a capire perché certi ministri siano intoccabili.
    Quante ne sanno… che sarebbe meglio che non si sappiano.
    Se risultasse, che so, sul registro di carico e scarico degli stupefacenti di certi ospedali di Berghem de sura e de hota e limitrofi, un utilizzo smodato di propofol nei giorni della strage?
    Fusse che fusse la vorta bbona di un’indagine che scavi davvero?

  • Marco Matteucci ha detto:

    Ombre pesanti su Pfizer

    Vanessa Strickler conferma che Pfizer ha davvero utilizzato cellule provenienti da un feto abortito per lo sviluppo del vaccino COVID. Smaschera il ripetuto tentativo da parte dell’azienda di nascondere l’informazione al pubblico e ipotizza che cellule da feti abortiti possano essere persino presenti nel prodotto in produzione, anche se non può confermalo.

    Noi sappiamo per certo, che tutte le ricerce condotte dai laboratori biologici americani e cinesi che hanno lavorato sui coronavirus usano sistematicamente cellule provenienti da organi di feti abortiti. Sono necessarie per generare i cosiddetti “topi umanizzati” che rappresentano le cavie preferenziali per questo tipo di esperimenti.

    Come dimostrato anche dalla documentazione di Pfizer, le cellule più richieste sono quelle renali. Più avanti vedremo che conseguenze ne derivano.

    Pfizer ricorre persino allo stratagemma di oscurare le finestre per ridurre la visibilità al momento di un’ispezione della Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che ha approvato l’uso del vaccino e che ne deve regolare l’adozione.

    Vanessa Strickler dice giustamente che non dovrebbe essere una questione politica, bensì materia di scelta individuale. Ma viene resa politica di proposito al fine di dividere la gente e favorire la disinformazione con la scusa di combatterla. Evidenzia infine la follia d’inoculare i bambini con un farmaco sperimentale di cui non hanno alcun bisogno.

    Ma la connessione tra vaccino COVID e aborto è ancora più profonda. Per capirla meglio vediamo un video di John-Henry Westen, un giornalista indipendente canadese e cofondatore del sito lifesitenews.com. Da ateo indifferente, Westen si è trasformato in un convinto sostenitore del movimento per la vita. Sul suo sito offre una visione alternativa sulle notizie pertinenti al mondo cattolico.

    Relazione tra vaccino COVID e feti abortiti

    Vediamo quindi che la questione sull’aborto di stato non riguarda soltanto il diritto individuale della donna di scegliere se interrompere la gravidanza che va interpretato secondo il giudizio individuale, ma è semmai è collegata a un vastissimo traffico di organi estratti a forza da feti ancora vivi soprattutto dopo le 16 settimana di gestazione. Un racket che esiste da molto tempo, ma che è stato consolidato dall’amministrazione Obama, di cui Biden faceva parte.

    Lo scontro sull’aborto e sull’obbligo vaccinale di sta spostando alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Ce ne parla EWTN (Eternal Word Television Network), una radio e televisione cattolica con sede in Alabama e disponibile in diverse lingue, che offre contenuti dedicati ai cattolici.

    Vediamo quindi che quando fa comodo a loro, i democratici sono pronti a chiamare in causa i padri fondatori e la costituzione, che diversamente criticano e vorrebbero stravolgere. La Corte Suprema sta per discutere un caso importante riguardante l’aborto nello Stato del Mississippi che mira, tra le altre cose a bloccare il traffico di organi fetali, impedendo l’aborto dopo la 15.a settimana.

  • acido prussico ha detto:

    Gli “atti d’amore” del papa gesuita.
    “Quattro religiosi del santuario di Loyola sono morti a causa di un’epidemia di coronavirus scoppiata in questo centro gesuita nella provincia di Gipuzkoa il 28 settembre, colpendo un totale di 22 persone che erano già state vaccinate.”
    https://infovaticana.com/2021/10/20/mueren-cuatro-jesuitas-vacunados-en-un-brote-de-coronavirus-en-loyola/

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Autorizzazione?…popoli truffati raggirati terrorizzati pressati in modo ripugnante per fare assumere a tutti costi asmodeico intruglio…!!…https://ilgattomattoquoridiano.wordpress.com/