Siero Genico: le Persone Decidano da Sole. Senza Paternalismo (Peloso…).

12 Ottobre 2021 Pubblicato da 1 Commento

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, mi sembra importante e necessario, in questo periodo così tormentato per la libertà di tutti e di ciascuno, e in cui viviamo immersi nella menzogna propagata a piene mani da televisioni, politici più o meno collusi con Big Pharma, Big Tech e Big Finance, per non parlare delle gazzette di regime diffondere il più possibile notizie che smentiscono la gigantesca bolla di bugia in cui viviamo immersi. Per questo rilanciamo questo articolo di Korazym.org, che ringraziamo di cuore. Buona lettura. 

§§§

Come abbiamo riferito [QUI], recentemente LinkedIn ha cancellato il post con cui abbiamo condiviso l’articolo Prof. Giorlandino, Altamedica: è giusto vaccinarsi, ma per cose che funzionano. Il Green Pass demolito da uno studio dello Spallanzani di Roma – 29 settembre 2021. “I vaccini non servono a chi ha già avuto il Covid-19. Al mondo pochi casi di reinfezione”, ha detto il Direttore scientifico di Altamedica, il Professor Claudio Giorlandino. Poi, più importante ancora spiega, serve il sierologico prima del vaccino, per valutare eventi avversi: “In presenza di anticorpi, pericolosa risposta immunitaria”. Infine: “La terza dose del vaccino non serve, perché era tarato su un virus che non c’è più”.

Vogliamo vedere se LinkedIn adesso vorrà censurare anche l’articolo che riportiamo di seguito, in una nostra traduzione italiana dall’inglese, pubblicato il 13 settembre 2021 dal The BMJ, il British Medical Journal, rivista medica pubblicata con cadenza settimanale nel Regno Unito dalla British Medical Association.

Nell’articolo Jennifer Block investiga perché nonostante il Centers for Disease Control and Prevention-CDC (Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie) – un’importante agenzia di controllo sulla sanità pubblica federale statunitense, che fa parte del Dipartimento della salute e dei servizi umani – stima che SARS-CoV-2 abbia infettato più di 100 milioni di Americani e stanno crescendo le prove che l’immunità naturale è protettiva almeno quanto la vaccinazione, la leadership della sanità pubblica statunitense comunque sostiene che tutti devono essere vaccinati.

“Sembra dalla letteratura che l’infezione naturale fornisca immunità, ma che l’immunità non è apparentemente così forte e potrebbe non essere così duratura come quella fornita dal vaccino”, dice Alfred Sommer, Decano emerito della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. Ma non tutti sono d’accordo con questa interpretazione. “I dati che abbiamo in questo momento suggeriscono che probabilmente non c’è molta differenza”, in termini di immunità alla proteina Spike, afferma Matthew Memoli, Direttore del Laboratorio di studi clinici sulle malattie infettive presso il National Institutes of Health-NIH (Istituti Nazionali di Sanità, un’agenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti), che ha parlato con The BMJ a titolo personale. “Affermare questo come dati a sostegno del fatto che i vaccini sono migliori dell’immunità naturale è miope e dimostra una mancanza di comprensione della complessità dell’immunità ai virus respiratori”.

“Quando il vaccino è stato lanciato, l’obiettivo avrebbe dovuto essere quello di concentrarsi sulle persone a rischio, e questo dovrebbe essere ancora l’obiettivo”, afferma Memoli. Tale stratificazione del rischio potrebbe avere una logistica complicata, ma richiederebbe anche messaggi più sfumati. “Molte persone della sanità pubblica hanno questa nozione che se al pubblico viene detto che c’è anche la minima incertezza su un vaccino, allora non lo otterranno”, dice. Per Memoli, questo riflette un paternalismo del passato. “Penso sempre che sia molto meglio essere molto chiari e onesti su ciò che facciamo e non sappiamo, quali sono i rischi e i benefici e consentire alle persone di prendere decisioni da sole”.

Vaccinare le persone che hanno avuto il Covid-19: perché l’immunità naturale non conta negli Stati Uniti?
di Jennifer Block
Bmj.com, 13 settembre 2021

(nostra traduzione italiana dall’inglese; nella versione originale possono essere consultati le note e le tabelle)

Quando il lancio del vaccino è iniziato a metà dicembre 2020, più di un quarto degli Americani – 91 milioni – era stato infettato da SARS-CoV-2, secondo una stima del Centers for Disease Control and Prevention-CDC. A partire da questo maggio, quella percentuale era salita a più di un terzo della popolazione, incluso il 44% degli adulti di età compresa tra 18 e 59 anni.

Il numero sostanziale di infezioni, unito alla crescente evidenza scientifica che l’immunità naturale era durevole, ha portato alcuni osservatori medici a chiedersi perché l’immunità naturale non sembra essere presa in considerazione nelle decisioni sulla priorità della vaccinazione.

“Il CDC potrebbe dire [alle persone che si sono riprese dal Covid-19], molto ben fondato su dati eccellenti, che dovresti aspettare 8 mesi”, ha detto a gennaio a Medpage Today Monica Gandhi, specialista in malattie infettive dell’Università della California a San Francisco. Ha suggerito alle autorità di chiedere alle persone: “Per favore aspetta il tuo turno”.

Altri, come il virologo e ricercatore della Icahn School of Medicine Florian Krammer, difendeva solo una dose in coloro che si erano ripresi. “Ciò risparmierebbe anche alle persone un dolore non necessario quando ricevono la seconda dose e libererebbe ulteriori dosi di vaccino”, ha detto al New York Times.

“Molti di noi dicevano di usare [il vaccino] per salvare vite umane, non per vaccinare le persone già immuni”, afferma Marty Makary, professore di politica e gestione sanitaria alla Johns Hopkins University. Tuttavia, il CDC ha invitato tutti, indipendentemente dall’infezione avuto, di vaccinarsi completamente non appena fossero idonei: l’immunità naturale “varia da persona a persona” e “gli esperti non sanno ancora per quanto tempo qualcuno è protetto”, ha affermato l’agenzia su il suo sito web a gennaio. A giugno, un sondaggio della Kaiser Family Foundation ha rilevato che il 57% di quelli precedentemente infettati è stato vaccinato.

Poiché sempre più datori di lavoro, governi locali e istituzioni educative statunitensi emettono ordinanze sulla vaccinazione, che non fanno eccezione per coloro che hanno avuto il Covid-19, rimangono domande sulla scienza e l’etica del trattamento di questo gruppo di persone come ugualmente vulnerabile al virus, o come altrettanto minaccioso per coloro che sono vulnerabili al Covid-19 e fino a che punto la politica ha svolto un ruolo.

La prova

“A partire da novembre, abbiamo condotto molti studi davvero importanti che ci hanno mostrato che le cellule B e cellule T della memoria immunitaria si stavano formando in risposta a un’infezione naturale”, afferma Gandhi. Gli studi stanno anche dimostrando, dice, che queste cellule di memoria risponderanno producendo anticorpi contro le varianti che si presentano.

Gandhi ha incluso un elenco di circa 20 riferimenti sull’immunità naturale al Covid-19 in un lungo thread su Twitter a sostegno della durata sia del vaccino che dell’immunità indotta dalle infezioni. “Ho smesso di aggiungere documenti a dicembre perché stava diventando così lungo”, dice al The BMJ.

Ma gli studi continuavano ad arrivare. Uno studio finanziato dal NIH del La Jolla Institute for Immunology ha trovato “risposte immunitarie durevoli” nel 95% dei 200 partecipanti fino a otto mesi dopo l’infezione. Uno dei più grandi studi fino ad oggi, pubblicato su Science nel febbraio 2021, ha scoperto che sebbene gli anticorpi siano diminuiti in 8 mesi, le cellule B di memoria sono aumentate nel tempo e l’emivita delle cellule T CD8+ e CD4+ di memoria suggerisce una presenza costante.

Anche i dati reali dal mondo sono stati di supporto. Diversi studi (in Qatar, Inghilterra, Israele e Stati Uniti) hanno riscontrato tassi di infezione a livelli ugualmente bassi tra le persone che sono completamente vaccinate e coloro che hanno precedentemente avuto Covid-19. La Cleveland Clinic ha intervistato i suoi oltre 50.000 dipendenti per confrontare quattro gruppi in base alla storia dell’infezione da SARS-CoV-2 e allo stato di vaccinazione. Nessuno degli oltre 1.300 dipendenti non vaccinati che erano stati precedentemente infettati è risultato positivo durante i cinque mesi dello studio. I ricercatori hanno concluso che quel gruppo “è improbabile che tragga beneficio dalla vaccinazione contro il Covid-19”. In Israele, i ricercatori hanno avuto accesso a un database dell’intera popolazione per confrontare l’efficacia della vaccinazione con l’infezione precedente e hanno trovato numeri quasi identici. “I nostri risultati mettono in dubbio la necessità di vaccinare gli individui precedentemente infetti”, hanno concluso.

Poiché i casi di Covid-19 sono aumentati in Israele quest’estate, il Ministero della Salute ha riportato i numeri in base allo stato di immunità. Tra il 5 luglio e il 3 agosto, solo l’1% dei nuovi casi settimanali riguardava persone che in precedenza avevano avuto Covid-19. Dato che il 6% della popolazione è stato precedentemente infettato e non vaccinato, “questi numeri sembrano molto bassi”, afferma Dvir Aran, uno scienziato di dati biomedici presso il Technion-Israel Institute of Technology, che ha analizzato i dati israeliani sull’efficacia del vaccino e li ha fornito settimanalmente al Ministero, riferisce al The BMJ. Mentre Aran è cauto nel trarre conclusioni definitive, ha riconosciuto che “i dati suggeriscono che i guariti hanno una protezione migliore rispetto alle persone che sono stati vaccinati”.

Ma poiché la variante delta e l’aumento del numero di casi hanno tenuto gli Stati Uniti in tensione, si applicano incentivi e inviti per la vaccinazione a richiamo, indipendentemente dalla storia dell’infezione. Per frequentare l’Università di Harvard o un concerto dei Foo Fighters o entrare in luoghi al chiuso a San Francisco e New York City, è necessaria la prova della vaccinazione. Anche l’ira rivolta alle persone non vaccinate è indiscriminata e proviene dalla più alta carica americana. In un recente discorso ai dipendenti dell’intelligence federale che, insieme a tutti i lavoratori federali, saranno tenuti a vaccinarsi o a sottoporsi a test regolari, il Presidente Biden non ha lasciato spazio a coloro che mettono in dubbio la necessità di salute pubblica o il vantaggio personale di vaccinare le persone che hanno avuto il Covid -19: “Abbiamo una pandemia a causa dei non vaccinati… Quindi, vaccinatevi. Se non l’avete fatto, non siete così intelligente come avete detto che eravate”.

Rimanere fermo

Altri Paesi danno alle infezioni passate un certo valore immunologico. Israele raccomanda alle persone che hanno avuto il Covid-19 di attendere tre mesi prima di ricevere una dose di vaccino mRNA e offre un “passaporto verde” (certificato di vaccinazione) a coloro che hanno un risultato sierologico positivo indipendentemente dalla vaccinazione. Nell’Unione Europea, le persone hanno diritto a un certificato covid digitale dell’Unione Europea dopo una singola dose di un vaccino mRNA se hanno avuto un risultato positivo del test negli ultimi sei mesi, consentendo di viaggiare tra 27 Stati membri dell’Unione Europea. Nel Regno Unito, le persone con un risultato positivo del test della reazione a catena della polimerasi (PCR) possono ottenere il Covid Pass del National Health Service-NHS fino a 180 giorni dopo l’infezione.

Sebbene sia troppo presto per dire se questi sistemi funzionano senza intoppi o se mitigano la diffusione, gli Stati Uniti non hanno una provvisione per le persone che sono state infettate. Il CDC raccomanda ancora una dose di vaccinazione completa per tutti, che ora viene rispecchiata negli inviti. Un portavoce ha detto al The BMJ che “la risposta immunitaria dalla vaccinazione è più prevedibile” e che, sulla base delle prove attuali, le risposte anticorpali dopo l’infezione “variano ampiamente da individuo a individuo”, sebbene siano in corso studi per “imparare quanta protezione gli anticorpi dall’infezione possono fornire e quanto dura quella protezione”.

A giugno, Peter Marks, Direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della Food and Drug Administration-FDA [Agenzia per gli alimenti e i medicinali, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, dipendente dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti d’America], che regola i vaccini, ha fatto un ulteriore passo avanti e ha dichiarato: “Sappiamo che l’immunità dopo la vaccinazione è migliore dell’immunità dopo l’infezione naturale”. In una Email, un portavoce della FDA ha affermato che il commento di Marks si basava su uno studio di laboratorio sull’ampiezza del legame degli anticorpi indotti dal vaccino Moderna. La ricerca non ha misurato alcun risultato clinico. Marks ha aggiunto, riferendosi agli anticorpi, che “in genere l’immunità dopo un’infezione naturale tende a calare dopo circa 90 giorni”.

“Sembra dalla letteratura che l’infezione naturale fornisca immunità, ma che l’immunità non è apparentemente così forte e potrebbe non essere così duratura come quella fornita dal vaccino”, dice Alfred Sommer, Decano emerito della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Ma non tutti sono d’accordo con questa interpretazione. “I dati che abbiamo in questo momento suggeriscono che probabilmente non c’è molta differenza”, in termini di immunità alla proteina Spike, afferma Matthew Memoli, Direttore del Laboratorio di studi clinici sulle malattie infettive presso il NIH, che ha parlato con The BMJ a titolo personale.

Memoli mette in evidenza i dati reali dal mondo, come lo studio della Cleveland Clinic e sottolinea che mentre “i vaccini si concentrano solo su quella piccola porzione di immunità che può essere indotta” dalla Spike, qualcuno che ha avuto il Covid-19 è stato esposto all’intero virus, “che probabilmente offrirebbe un’immunità su base più ampia”, che sarebbe più protettiva contro le varianti. Lo studio di laboratorio offerto dalla FDA “ha a che fare solo con anticorpi molto specifici per una regione molto specifica del virus [la Spike]”, afferma Memoli. “Affermare questo come dati a sostegno del fatto che i vaccini sono migliori dell’immunità naturale è miope e dimostra una mancanza di comprensione della complessità dell’immunità ai virus respiratori”.

Anticorpi

Gran parte del dibattito ruota sull’importanza di una protezione anticorpale sostenuta. Ad aprile, Anthony Fauci ha detto alla conduttrice radiofonica statunitense Maria Hinajosa, che le persone che hanno avuto il Covid-19 (inclusa Hinajosa) devono ancora essere “potenziate” dalla vaccinazione, perché “i tuoi anticorpi andranno alle stelle”.

“Questo è ancora ciò che sentiamo dal Dottor Fauci: è fermamente convinto che titoli anticorpali più elevati saranno più protettivi contro le varianti”, afferma Jeffrey Klausner, Professore di medicina preventiva clinica presso l’Università della California del sud ed ex medico del CDC, che si è espresso a favore del trattamento dell’infezione precedente come equivalente alla vaccinazione, con “lo stesso status sociale”. Klausner ha condotto una revisione sistematica di 10 studi sulla reinfezione e ha concluso che “l’effetto protettivo” di una precedente infezione “è elevato e simile all’effetto protettivo della vaccinazione”.

Negli studi sui vaccini, gli anticorpi sono più alti nei partecipanti che erano sieropositivi al basale rispetto a quelli che erano sieronegativi. Tuttavia, Memoli mette in dubbio l’importanza: “Non sappiamo che ciò significhi che è una protezione migliore”.

L’ex Direttore del CDC, Tom Frieden, un sostenitore della vaccinazione universale, fa eco a tale incertezza: “Non sappiamo che il livello di anticorpi è ciò che determina la protezione”.

Gandhi e altri hanno esortato i giornalisti ad allontanarsi dagli anticorpi come misura che definisce l’immunità. “È esatto che i tuoi anticorpi diminuiranno”, dopo l’infezione naturale, dice: è così che funziona il sistema immunitario. Se gli anticorpi non si eliminassero dal nostro flusso sanguigno dopo che ci siamo ripresi da un’infezione respiratoria, “il nostro sangue sarebbe denso come melassa”.

“La vera memoria nel nostro sistema immunitario risiede nelle cellule [T e B], non negli anticorpi stessi”, afferma Patrick Whelan, reumatologo pediatrico dell’Università della California di Los Angeles. Sottolinea che i suoi pazienti Covid-19 più malati in terapia intensiva, compresi i bambini con sindrome infiammatoria multisistemica, hanno “avuto un sacco di anticorpi… Quindi la domanda è, perché non li hanno protetti?”.

Antonio Bertoletti, Professore di malattie infettive presso la Duke-NUS Medical School di Singapore, ha condotto una ricerca che indica che le cellule T potrebbero essere più importanti degli anticorpi. Confrontando la risposta delle cellule T nelle persone con Covid-19 sintomatica rispetto a quella asintomatica, il team di Bertoletti le ha trovate identiche, suggerendo che la gravità dell’infezione non determina la forza dell’immunità risultante e che le persone con infezioni asintomatiche “hanno una risposta immunitaria specifica altamente funzionale contro il virus”.

Implementazione già complicata

Mentre alcuni sostengono che la strategia pandemica non dovrebbe essere a “taglia unica” e che l’immunità naturale dovrebbe contare, altri esperti di salute pubblica affermano che la vaccinazione universale è un modo più quantificabile, prevedibile, affidabile e fattibile per proteggere la popolazione.

Frieden ha detto al The BMJ che la questione dell’utilizzo dell’immunità naturale è una “discussione ragionevole”, che aveva sollevato in modo informale con il CDC all’inizio del lancio. “Ho pensato da un punto di vista razionale, con un vaccino limitato disponibile, perché non hai la possibilità” per le persone con infezione precedente di rimandare fino a quando non ci fosse più offerta, dice. “Penso che sarebbe stata una politica razionale. Avrebbe anche fatto il lancio, che era già troppo complicato, ancora più complicato”.

La maggior parte delle infezioni non è mai stata diagnosticata, sottolinea Frieden, e molte persone potrebbero aver pensato di essere state infettate quando non lo erano. Aggiungi a questi risultati falsi positivi, dice, se il CDC avesse dato direttive e programmi di vaccinazione diversi in base all’infezione precedente, “non avrebbe fatto molto bene e avrebbe potuto fare del male”.

Klausner, che è anche Direttore medico di una società statunitense di test e distribuzione di vaccini, afferma di aver avviato conversazioni sull’offerta di uno screening anticorpale per la puntura del dito per le persone con sospetta esposizione prima della vaccinazione, in modo che le dosi possano essere utilizzate in modo più giudizioso. Ma “tutti hanno concluso che era troppo complicato”.

“È molto più facile dargli un colpo al braccio”, afferma Sommer. “Fare un test PCR (test molecolare) o fare un test anticorpale, poi elaborarlo, poi fornire loro le informazioni e poi lasciare che ci pensino, è molto più complicato che somministrare loro il dannato vaccino”. Nella sanità pubblica, “l’obiettivo primario è proteggere quante più persone possibile”, afferma. “Si chiama assicurazione collettiva e penso che sia irresponsabile dal punto di vista della salute pubblica lasciare che le persone fanno delle scelte e scelgano ciò che vogliono fare”.

Ma Klausner, Gandhi e altri sollevano la questione dell’equità per i milioni di Americani che hanno già risultati positivi ai test Covid-19 – la base per lo status di “guarigione” in Europa – e l’equità per coloro che sono a rischio che stanno aspettando di ottenere lo loro primo dose (un argomento che viene sollevato di nuovo mentre i funzionari statunitensi annunciano i richiami mentre il virus si diffonde nei Paesi che non dispongono di fornitura di vaccini). Per le persone che non avevano un risultato positivo confermato ma sospettavano un’infezione precedente, sono disponibili test anticorpali affidabili “almeno da aprile”, secondo Klausner, anche se a maggio la FDA ha annunciato che “i test anticorpali non dovrebbero essere utilizzati per valutare un livello di immunità o protezione da Covid-19 della persona in qualsiasi momento”.

A differenza dell’Europa, gli Stati Uniti non hanno un certificato nazionale o un requisito di vaccinazione, quindi i difensori dell’immunità naturale hanno semplicemente sostenuto raccomandazioni più mirate e disponibilità di screening, e che gli inviti consentono esenzioni. Logistica a parte, un riconoscimento dell’immunità esistente avrebbe cambiato radicalmente i calcoli del target di vaccinazione e avrebbe anche influenzato i calcoli sui richiami. “Mentre continuavamo a impegnarci nella vaccinazione e a fissare obiettivi, mi è diventato evidente che le persone dimenticavano che l’immunità di gregge è formata sia dall’immunità naturale che dall’immunità vaccinale”, afferma Klausner.

Gandhi pensa che la logistica sia solo una parte della storia. “C’è un messaggio molto chiaro là fuori che è OK, beh, l’infezione naturale causa l’immunità, ma è comunque meglio farsi vaccinare “e quel messaggio non si basa sui dati”, afferma Gandhi. “C’è qualcosa di politico che sta succedendo intorno a questo”.

Politica di immunità naturale

All’inizio della pandemia, la questione dell’immunità naturale era nella mente di Ezekiel Emanuel, bioeticista dell’Università della Pennsylvania e membro anziano del think tank liberale Center for American Progress, che in seguito divenne consigliere Covid-19 del Presidente Biden. Ha inviato una Email a Fauci prima dell’alba del 4 marzo 2020. Nel giro di poche ore, Fauci ha risposto: “Si presume che la loro [sic] sarebbe una sostanziale immunità post infezione”.

Questo era prima che la politica di immunità naturale iniziasse a essere promossa dai politici repubblicani. Nel maggio 2020, il senatore e medico del Kentucky Rand Paul ha affermato che poiché aveva già il virus, non aveva bisogno di indossare una maschera. Da allora ha sostenuto che la sua immunità lo esentava dalla vaccinazione. Hanno parlato anche il senatore del Wisconsin Ron Johnson e il rappresentante del Kentucky Thomas Massie. E poi c’è stato il Presidente Trump, che lo scorso ottobre ha twittato che la sua guarigione dal Covid-19 lo rendeva “immune” (che Twitter ha etichettato come “informazioni fuorvianti e potenzialmente dannose”).

Un altro fattore polarizzante potrebbe essere stata la dichiarazione di Great Barrington dell’ottobre 2020, che sosteneva una strategia pandemica meno restrittiva che avrebbe aiutato a raggiunger l’immunità di gregge attraverso infezioni naturali nelle persone a rischio minimo. Il memorandum di John Snow, scritto in risposta (con i firmatari tra cui Rochelle Walensky, che divenne poi a capo del CDC), affermava che “non ci sono prove di un’immunità protettiva duratura alla SARS-CoV-2 dopo l’infezione naturale”. Questa affermazione ha una nota in calce in riferimento ad uno studio su persone che si erano riprese dal Covid-19, mostrando che i livelli di anticorpi nel sangue diminuiscono nel tempo.

Più recentemente, il CDC ha fatto notizia con uno studio osservazionale volto a caratterizzare la protezione che un vaccino potrebbe dare alle persone con infezioni pregresse. Confrontando 246 Kentuckiani che hanno avuto una successiva reinfezione, con 492 che non l’hanno avuta, il CDC ha concluso che coloro che non erano stati vaccinati avevano più del doppio delle probabilità di reinfezione. Lo studio rileva la limitazione che i vaccinati hanno “possibilmente meno probabilità di essere testati. Pertanto, l’associazione tra reinfezione e mancanza di vaccinazione potrebbe essere sopravvalutata”. Nell’annunciare lo studio, Walensky ha dichiarato: “Se hai già avuto il Covid-19, ti preghiamo comunque di vaccinarti”.

“Se ascolti le parole dei nostri funzionari della sanità pubblica, parlano di vaccinati e non vaccinati”, dice Makary al The BMJ. “Se vogliamo essere scientifici, dovremmo parlare di immuni e non immuni”. C’è una parte significativa della popolazione, dice Makary, che sta dicendo: “‘Ehi, aspetta, ho avuto [il Covid-19]. E sono stati spazzato via e licenziato”.

Diversa analisi rischio-beneficio?

Per Frieden, vaccinare le persone che hanno già avuto il Covid-19 è, in definitiva, la politica più responsabile in questo momento. “Non c’è dubbio che l’infezione naturale fornisca un’immunità significativa per molte persone, ma operiamo in un ambiente di informazioni imperfette e in quell’ambiente si applica il principio di precauzione, meglio prevenire che curare”.

“Nella sanità pubblica hai sempre a che fare con un certo livello di ignoto”, afferma Sommer. “Ma la linea di fondo è che vuoi salvare vite umane, e devi fare ciò che le prove attuali, per quanto deboli siano, suggeriscono è la difesa più forte con il minor danno”. Ma altri sono meno sicuri.

“Se l’immunità naturale è fortemente protettiva, come suggeriscono le prove fino ad oggi, allora vaccinare le persone che hanno avuto il Covid-19 sembrerebbe offrire nulla o molto poco a beneficio, lasciando logicamente solo danni, i danni che già conosciamo come oltre a quelli ancora sconosciuti”, afferma Christine Stabell Benn, vaccinologa e Professore di salute globale presso l’Università della Danimarca meridionale. Il CDC ha riconosciuto i piccoli ma gravi rischi di infiammazione cardiaca e coaguli di sangue dopo la vaccinazione, specialmente nei giovani. Il vero rischio nel vaccinare le persone che hanno avuto il Covid-19 “è di fare più male che bene”, dice.

Un ampio studio nel Regno Unito e un altro che ha osservato persone a livello internazionale hanno scoperto che le persone con una storia di infezione da SARS-CoV-2 hanno sperimentato maggiori tassi di effetti collaterali dopo la vaccinazione. Tra le 2.000 persone che hanno completato un sondaggio online dopo la vaccinazione, quelle con una storia di Covid-19 avevano il 56% di probabilità in più di sperimentare un grave effetto collaterale che richiedeva cure ospedaliere.

Patrick Whelan, dell’Università della California a Los Angeles, afferma che il livello di anticorpi “altissimo” dopo la vaccinazione nelle persone precedentemente infette, potrebbero aver contribuito a questi effetti collaterali sistemici. “La maggior parte delle persone che in precedenza erano malate di Covid-19 hanno anticorpi contro la proteina Spike. Se vengono successivamente vaccinati, quegli anticorpi e i prodotti del vaccino possono formare i cosiddetti complessi immunitari”, spiega, che possono depositarsi in luoghi come le articolazioni, le meningi e persino i reni, creando sintomi.

Altri studi suggeriscono che un regime a due dosi potrebbe essere controproducente. Uno ha scoperto che nelle persone con infezioni pregresse, la prima dose ha potenziato le cellule T e gli anticorpi, ma che la seconda dose sembrava indicare un “esaurimento” e in alcuni casi anche una delezione delle cellule T. «Non sono qui per dire che è dannoso», dice Bertoletti, coautore dello studio, «ma al momento tutti i dati ci dicono che non ha senso somministrare una seconda dose di vaccinazione a brevissimo termine a qualcuno che era già stato infettato. La loro risposta immunitaria è già molto alta”.

Nonostante l’ampia diffusione globale del virus, la popolazione precedentemente infetta “non è stata studiata bene come gruppo”, afferma Whelan. Memoli afferma inoltre di non essere a conoscenza di studi che esaminino i rischi specifici della vaccinazione per quel gruppo. Tuttavia, il messaggio sulla salute pubblica degli Stati Uniti è stato fermo e coerente: tutti dovrebbero ricevere una dose completa di vaccino.

“Quando il vaccino è stato lanciato, l’obiettivo avrebbe dovuto essere quello di concentrarsi sulle persone a rischio, e questo dovrebbe essere ancora l’obiettivo”, afferma Memoli. Tale stratificazione del rischio potrebbe avere una logistica complicata, ma richiederebbe anche messaggi più sfumati. “Molte persone della sanità pubblica hanno questa nozione che se al pubblico viene detto che c’è anche la minima incertezza su un vaccino, allora non lo otterranno”, dice. Per Memoli, questo riflette un paternalismo del passato. “Penso sempre che sia molto meglio essere molto chiari e onesti su ciò che facciamo e non sappiamo, quali sono i rischi e i benefici e consentire alle persone di prendere decisioni da sole”.

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

1 commento

Lascia un commento