Nobile: le Provocazioni Violente sono La Vitamina dei Governi in Crisi.

12 Ottobre 2021 Pubblicato da 7 Commenti

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, Agostino Nobile ci ha mandato questo breve commento a quello che sta accadendo, e in particolare al ruolo che definire vergognoso è dir poco giocato dai grandi giornali e dalla televisione di regime nel cercare di criminalizzare la civile pacifica protesta di centinaia di migliaia di persone contro una norma anti-costituzionale e discriminatoria. Mentre la polizia non impediva a personaggi sotto controllo e in sorveglianza, ben noti a loro, di arringare la folla e di compiere azioni illegali, lanciava lacrimogeni e caricava i normali pacifici manifestanti, giornalisti compresi. E c’è chi posta foto nomi e fotografie di elementi della Polizia che agivano come infiltrati nella folla. Un copione classico. Buona lettura.

§§§

§§§

 

SNIPER

Chi ha decine di primavere sulle spalle sicuramente ricorda come è stato ucciso il presidente americano John Fitzgerald Kennedy, i più giovani l’avranno visto nel film JFK – Un caso ancora aperto di Oliver Stone. Parlo di questo fatto perché rappresenta il classico crimine di Stato in cui, dopo quasi sessant’anni, non si conoscono i nomi degli artefici. Di fatti simili, più o meno dirompenti  politicamente, sono accaduti e accadono in tutto il mondo e in Italia. 

Ho fatto questa breve premessa per dire due parole sui fatti avvenuti a Roma sabato 9 ottobre, durante le pacifiche e straordinarie manifestazioni contro il covid pass. Vedendo i filmati trasmessi da RAI 1 che mostravano i “fascisti” all’attacco, ho pensato all’assalto al Campidoglio di Washington  avvenuto il 6 gennaio 2021. Lì erano trumpiani, a Roma fascisti (che per i media sono la stessa cosa). Il tutto era curato nei minimi particolari. Facinorosi tatuati, rasati a zero e abbigliati come si conviene nelle grandi occasioni in cui smartphone e TV sono presenti. 

Stranamente al Capitol Hill la polizia non ha mosso un dito quando i violenti aprivano le porte. Anzi alcuni agenti hanno gentilmente aperto le transenne che circondavano l’ingresso https://theworldnews.net/it-news/il-video-degli-agenti-di-polizia-che-lasciano-passare-gli-assalitori-di-capitol-hill

Una volta entrati i manifestanti si limitavano a guardarsi attorno e a parlare tra di loro. A un certo punto un poliziotto in borghese ha sparato, ammazzandola sul colpo, Ashli Babbitt, veterana dell’aeronautica fedele al Presidente Trump. La donna era armata? Incitava la folla? Stava abbattendo la sede governativa? No, parlava con un gruppo di amici. Ma doveva scapparci il morto perché i fatti dovevano sdegnare la massa. Senza morti oggi non si producono nemmeno i cartoni animati. Per colpire l’immaginazione dei beoti sono necessari sangue, violenza e fascismo. Mai il comunismo perché moralmente superiore. 

Tutto quanto è accaduto al Capitol Hill è casuale? No. Niente è casuale, soprattutto quando i fatti diventano un boomerang per i contestatori. 

A Roma, come sappiamo dalla cronaca https://www.youtube.com/watch?v=9GFsO5IK3S0, tra i facinorosi erano infiltrati alcuni agenti. Per fortuna non hanno sparato come è successo al Parlamento americano, forse perché, per svariati motivi, i “fascisti” facevano il lavoro voluto da certi interessati: 

1) Dimostrare che i no covid pass sono fascisti e violenti.

2) Intimidire il popolo che  il prossimo 15 ottobre manifesterà nuovamente contro la vergognosa e anticostituzionale legge del covid pass.

3) Dopo le violenze sarà più comprensibile – almeno ai milioni di beoti tv dipendenti – un controattacco violento delle forze dell’ordine.

4) Per sviare i veri problemi che creeranno i covid pass.

Infatti nelle prime pagine delle reti tv e delle pravde italiane hanno parlato della sede CGIL devastata. Ma lì lavorano anche il sabato? Comunque il PM italiano Mr. Io so’ io e voi non siete un c… ha colto l’occasione per fare una passerella, con tanto di cameramen a seguito, alla sede CGIL  per abbracciare il segretario generale Maurizio Landini. Bingo!

Morale della favola. Le manifestazioni violente rappresentano le principali vitamine utilizzate dai governi in crisi. Chi vuole veramente dare uno scossone al Sistema utilizza i metodi della mafia, delle  Brigate Rosse e, i più raffinati e scaltri, degli sniper americani. Storia docet.

Agostino Nobile

§§§

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

7 commenti

  • Rosa Rita La Marca ha detto:

    Durante le Olimpiadi di tanto in tanto passavo davanti la tv accesa ed esclamavo: “oddio e a questi quanto gli hanno dato?”. Mi giungeva la risposta: “tot medaglie”. Medaglie?
    Ma a me sembrano usciti dalla galera. No no, son poliziotti e simili. Hanno conquistato (ah, le vittorie a tutti i costi della nostra società che compete per avanzare, avanzare, avanzare su tutto e tutti!!!) il podio. Sono le Olimpiadi.
    Mi ritiro.
    Qui vince chi perde. Ritengo forse che vengano scelti elementi così per poi renderli credibili come teppisti, violenti e buzzurri alla ribalta?
    Pesante commento. Se rischiamo troppo censuratemelo.

  • Luciano Motz ha detto:

    Che l’assalto alla sede della CGIl fosse mosso da agenti provocatori lo si è capito subito. Solo gli imbecilli possono pensare il contrario. Basta chiedersi: a chi giova? E la risposta indica chi ha mobilitato gli agenti provocatori. Del resto, tutti i governi dispongono di strumenti atti a questo scopo. E trovare un gruppetto di pazzi furiosi idonei alla bisogna è estremamente facile.
    Dato per acquisito che il primo beneficiario del fattaccio è il governo, va detto chiaramente che l’altro beneficiario è il PD. E mi stupisco che nessuno ancora l’abbia sottolineato.
    Domenica ci sono i ballottaggi in comuni importanti, sono in lizza candidati di sinistra contro candidati del centrodestra. Quale migliore propaganda gridare al pericolo fascista e accusare FdI di essere fuori dell’ambito democratico?
    Le grida di Letta e compagni servono a questo scopo.
    Il PD è il frutto del matrimonio civile tra due delle peggiori idiozie concepite dalla mente umana: il comunismo e il cattolicesimo progressista. Il comunismo al potere ha sempre impiegato agenti provocatori per combattere gli avversari.
    Non ho elementi per affermare che gli sciagurati che hanno assaltato la sede CGIL sono stati mossi dal PD e quindi non lo affermo. Ma non si dimentichi che il PD è il cancro che sta portando l’Italia al trapasso, la metastasi che è penetrata in ogni apparato pubblico.

  • giovanni ha detto:

    Il metodo e’ antico, non dimentichiamoci che per far condannare NS Gesu’ Cristo e liberare l’assassino rapinatore barabba, i sommi sacerdoti non esitarono ad usare agitatori per indirizzare la decisione della folla e influenzare il dubbioso pilato. Folla che qualche tempo prima aveva osannato Gesu’ accogliendolo in Gerusalemme come Messia. Dunque nulla di nuovo sotto il sole.

  • Bassa portineria ha detto:

    TAGADA’ (la7. Ore 14.20 circa) Giornalista dell’Huffington Post che esibisce vistoso paio di occhiali rotondi.
    Disse: la CGIL è il baluardo della democrazia e dei diritti umani.
    Lo vada a dire a tutti gli artigiani o i piccoli imprenditori che ha perseguitato nel corso degli anni.
    Lo vada a dire agli operai licenziati per le delocalizzazioni decise a tavolino in posti dove sventolava la bandiera rossa
    Lo vada a dire agli insegnanti a cui fu impedito di insegnare quello che ritenevano giusto e fu imposto di insegnare quello prescritto dai sinistresi se non volevano essere contestati , sospesi dalla cattedra o addirittura costretti a dimettersi.
    È forse un caso che in Italia si discuta di eutanasia o di omotransfobia ma non si parli di dare veste giuridica ai sindacati o di regolamentare gli scioperi ?

  • Valeria Fusetti ha detto:

    Poche settimane prima di essere assassinato il Presidente Kennedy, in un discorso pubblico, denunciò la presenza di uno Stato parallelo, quello che oggi viene definito il deep state. La sua intenzione era quella di fare pulizia in casa. Ne conosceva la connessione con la grande finanza e con la Massoneria, ma probabilmente ne sottovaluto’ sia l’influenza che la spietatezza. Quando morì il dr. Di Donno non ho potuto fare a meno di fare un paragone tra i due eventi. Il Presidente Kennedy non era suicidabile, ma il suo assassinio spettacolare, ed i commoventi filmati di un intero, grande Paese, prostrato in lacrime ed in preghiera, e quelle della moglie e dei figli al funerale, sono rimasti nella memoria collettiva. E non si saprà mai quanto abbiano pesato sulle scelte dei Presidenti che lo hanno seguito. Colpirne uno per educarne cento, è il motto cinico di ogni tipo di potere quando è deviato, e non ha nessuna intenzione di mollare la presa. Aspettiamoci un anno pesante e difficile, ma guai a noi se non facciamo conto su quella dignità, ed il vero diritto, che il Signore ci ha dato creandoci a Sua immagine e somiglianza. Che il nostro motto sia : Santò Rosario e Discernimento ! E potremo sperimentare che ogni cosa che accade a chi ama Dio è per il suo bene. Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat !

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Aggiungeremmo che tutti regimi a loro tramonto compiono peggiori nefandezze… prepariamoci al peggio…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Adriana 1 ha detto:

    Concordo.

Lascia un commento