Intervista alla Guardia Svizzera no-cavia: o Vaccino, o Licenziamento. Misericordia.

11 Ottobre 2021 Pubblicato da 12 Commenti

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, ci sembra interessante offrire alla vostra attenzione l’intervista che Renovatio 21 ha realizzato con la guardia svizzera che ha rifiutato il “vaccino” obbligatorio. Ricordiamo che nei giorni scorsi era stata pubblicata una sua lettera al Pontefice regnante. Buona lettura.

§§§

 

 

Allora signor Udressy, di dove è lei?

Sono ovviamente svizzero. Del Canton Vallese.

 

Quanti anni ha?

Sono del ‘97. Ho 24 anni.

 

Come è entrato nella Guardia svizzera pontificia?

Sono entrato il 3 gennaio 2020, ma era un interesse che avevo già da dieci anni. Prima avevo lavorato cinque anni come falegname. Avendo tutti i requisiti (essere cattolico, aver fatto il militare…), ad un certo punto mi sono detto perché non provare ad entrare nella Guardia.

 

E cosa la attraeva?

È un privilegio. Un’esperienza unica. È una bella cosa. È bello poter essere al centro della situazione della Chiesa, a fianco al Santo Padre. Non ci sono altre occasioni del genere.

 

Lei ha già avuto il COVID?

Sì. L’ho preso durante le vacanze di Natale 2020. Mi sono sentito affaticato, dolori muscolari, febbre. Qualche giorno dopo ho perso l’odorato.

 

E cosa ha fatto?

Ho preso solo dei medicinali per la febbre. È durata due giorni. L’olfatto è tornato dopo una settimana. Dopo la quarantena, ho fatto il test ed era negativo.

 

Quindi, signor Udressy: negli ultimi giorni cosa è successo?

Ci era stata data la possibilità di iscriverci per il programma di vaccinazione verso il Natale 2020. Ma nessuno nella Guardia si era iscritto, perché tutti dubitavano del vaccino. Per questo sono state fatte delle conferenze per convincere le guardie a vaccinarsi.

 

Cosa dicevano in queste conferenze?

C’era un medico del Vaticano che spiegava il vaccino e i suoi princìpi. Poi rispondeva poi a tutte le domande sulla responsabilità del vaccino. Diceva che non era facile ammalarsi di COVID più d’una volta. La conferenza era per persuaderci, tuttavia c’erano delle cose che mi facevano rimanere in dubbio.

 

Quindi cosa hanno detto?

C’erano dei punti che mi dicevano che non era efficace. Dicevano che anche da vaccinati si trasmetteva il virus. Dicevano anche che nonostante il vaccino le restrizioni come le mascherine e il distanziamento sociale non sarebbero sparite. Era duro comprendere l’efficacia del vaccino e la sua utilità.

 

Nella conferenza a cui ha assistito si è parlato del tema delle linee cellulari di feto abortito usate per la produzione del vaccino?

Ne hanno solo accennato rapidamente, dicendo che la Congregazione per la Dottrina della Fede ne aveva già parlato e dato il suo assenso.

 

Le è sembrato strano?

Sì, sono uscito dalla conferenza stranito. La conferenza mi ha dato più dubbi sul vaccino che altri. Mi ha convinto a non farlo. Ho messo in dubbio tante cose.

 

Quanti colleghi l’hanno pensato come lei?

Quando è arrivata l’estate la maggioranza si era iscritta alle vaccinazioni. Altri avevano ancora dubbi.

 

E poi?

In agosto è uscito un documento che ha scaturito una pressione maggiore. A questo punto, molti altri si sono convinti a iscriversi e a vaccinarsi.

 

Cosa diceva il documento?

Ho ricevuto il documento il 20 agosto. Bisognava dare una risposta per il 15 settembre: o si presentava un’esenzione medica, o bisognava iscriversi per la vaccinazione.

 

Cosa ha pensato?

In quel momento ho cominciato a scrivere la lettera che avete pubblicato. Perché né l’una opzione o l’altra mi riguardavano. Ho capito in quel momento che ero obbligato a fare il vaccino.

 

E i suoi superiori?

Mi hanno convocato. Il comandante nel suo ufficio mi ha spiegato deluso ed afflitto che era una cosa definitiva, le guardie non vaccinate dovevano partire. In pratica le guardie non vaccinate potevano essere licenziate. Mi ha comunicato che la decisione veniva non solo dalla Segreteria di Stato, ma dall’autorità del Vaticano.

 

Vuole dire… dal papa?

È così. È stato anche spiegato che non c’era nessun altra possibilità, nemmeno aspettare un mese in più per un tipo di vaccino tradizionale. Mi è stato spiegato che prendere tempo per discutere era impossibile. La decisione era presa.

 

E i suoi colleghi?

Molti giovani hanno deciso di continuare la propria carriera e hanno accettato di vaccinarsi. Altri hanno fatto la terribile scelta lo hanno fatto per la loro funzione, non avendo veramente scelta. Tre si sono dimessi e tre sono stati licenziati.

 

Ha parlato con i suoi colleghi che hanno rifiutato come lei?

Sì. Non capiscono cosa succede.

 

Ha già ricevuto la lettera di licenziamento?

Ho avuto una lettera che mi diceva che avevo tempo fino al 6 ottobre per licenziarmi o per fare il vaccino. Dopo quella data, ci sarebbe il licenziamento.

 

Come funziona il green pass vaticano?

La cosa più particolare è che per entrare nel Paese stesso ci vuole il green pass. Serve per entrare in ogni ufficio. In ogni servizio c’è un controllo. Chi non ha il green pass deve fare il tampone, ogni due giorni. Dal primo ottobre, per tutti.

 

E cosa ne pensa?

In teoria tutti dovrebbero farlo: il rischio è lo stesso tra vaccinati e non vaccinati.

 

Per le messe in Vaticano ci vuole il green pass?

Il decreto spiega che per le cerimonie liturgiche e l’udienze c’è eccezione. C’è il paradosso che un non vaccinato che abita in vaticano non può tornare a casa ma migliaia di persone da tutto il mondo possono andare alle udienze senza controlli.

 

Sa per caso quale vaccino è inoculato in Vaticano?

Il vaccino proposto a inizio anno era il Pfizer. Ma alla fine dell’estate in Vaticano hanno finito di vaccinare.

 

Perché?

Interessante… hanno detto che la maggior parte era vaccinata. I migranti e i bisognosi in ultima hanno potuto chiedere di essere vaccinati tramite l’elemosiniere.

 

Quindi se lei decidesse di vaccinarsi dovrebbe farlo in Italia?

Sì, è così. Dovrei organizzare la vaccinazione in Italia.

 

Dove avvengono le inoculazioni?

Erano organizzate in Aula Paolo VI. E poi al Braccio di Carlo Magno. Credo per liberare l’aula delle udienze.

 

I membri del clero, dai sacerdoti ai cardinali, sono tutti vaccinati?

No. Qualcuno non è vaccinato e non vuole esserlo. Ho ricevuto i complimenti per la lettera che avete pubblicato da alcuni di essi.

 

Come fanno a stare in Vaticano?

Fanno il tampone. Loro hanno ancora l’opzione. Secondo il decreto vaticano, il tampone dovrebbe essere tollerato per tutti. Ma non è il caso della Guardia svizzera.

 

Che, al contrario, è stata obbligata al vaccino…

Sì. Hanno cominciato con la Guardia, offrendo l’argomento che siamo una forza di polizia, e siamo vicini al Santo Padre: quindi dovevamo vaccinarci. Per la Guardia è facile: basta dare un ordine, visto che si tratta di un corpo militare.

 

Esiste dentro lo Stato della Città del Vaticano una resistenza a tutto questo?

Con la pressione fatta, come per tutti, è difficile per le persone che resistono di manifestare il proprio pensiero pubblicamente. Alcuni approfittano del fatto che stanno finendo la loro funzione per partire, altri provano discretamente di continuare, ma nessuna resistenza attiva è realizzata.

 

Cosa avrebbe potuto fare la Guardia?

Avremmo potuto riunire le persone interessate e fare una manifestazione. Avremmo potuto porre questioni prima, avremmo potuto anche domandare giustizia, perché molte cose implicate, sul pretesto dell’urgenza, erano ingiuste. Potevamo fare più rumore, anche sui media, ma siamo stati, alla fine, molto docili.

 

E nel suo caso?

Ho preferito scrivere una lettera con la mia posizione, invece che creare problemi. Ho subito tutto il resto.

 

Tornando in aereo dal suo viaggio Centro Europa, il papa ha detto che c’era in Vaticano «un piccolo gruppetto» che non voleva vaccinarsi. A chi si riferiva in particolare?

Si riferiva a tutti quelli che non vogliono vaccinarsi. Non solo alle guardie e non solo ai cardinali.

 

Perché tanti suoi colleghi si sono vaccinati?

Molti che hanno deciso di farlo lo hanno fatto per salvare il loro servizio nella Guardia. La maggioranza, tuttavia, credo l’abbia fatto per fuggire a questa pressione, per poter uscire, andare al ristorante. Non per motivi medici. Per delle false libertà.

 

Quanti nutrivano dubbi etici sui vaccini?

La questione etica è stata posta prima di Natale. Dopo il documento della Congregazione della Fede nessuno ne ha più parlato. Il problema non era etico. Il problema era solo di politica del vaccino.

 

Il problema delle linee cellulari da feto abortito era sentito?

No. E io stesso non avevo studiato questo problema prima. Ero più preoccupato dal resto dei problemi. È solo alla fine che ho rilevato questo problema etico. Per me è fondamentalmente un problema di ragione: perché accettare qualcosa che non è per me ragionevole? Poi c’è il problema politico: c’è attorno a questa cosa una pressione che non è normale. Poi c’è il problema etico.

 

Come reputa quello che le è successo?

In generale, trovo scandaloso che sia imposta questa cosa in questo modo per un fatto politico, quando dovrebbe essere qualcosa fatto con coscienza con un medico. È estremamente grave che questo obbligo sia esteso a tutto il mondo. Soprattutto la soppressione della libertà… ed è ancora più grave che ciò accada in Vaticano, in maniera ancora più forte che in altri Paesi. Il Vaticano è il centro della Chiesa, dovrebbe difendere la libertà di coscienza, la libertà in generale. Per me, cattolico, è qualcosa che non è umano.

 

Perché secondo lei il Vaticano ha implementato con questa ferocia la vaccinazione obbligatoria?

È un piccolo Paese. Credo che abbiamo provato a farne un modello.

 

Come Israele?

Sì, effettivamente.

 

Cosa c’è all’origine di questo male in Vaticano?

I medici hanno preso il potere con l’emergenza, e hanno cominciato a decidere loro. Ma non solo, c’è anche un’altra cosa. C’è il fatto che non si cerca più a difendere la verità, ma si cerca di adattarsi a quello che accade fuori, e addirittura essere i primi a applicare i cambiamenti.

 

Cosa farà adesso?

Tornerò in Svizzera. Dovrò riadattarmi alla vita di laggiù. Riprenderò il lavoro di falegname. In tranquillità. Senza green pass – per il momento.

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

12 commenti

  • Valeria Fusetti ha detto:

    La Parola del Signore è una promessa, e le Sue promesse hanno una caratteristica : sono sempre mantenute poiché Dio è l’ Onnisciente e l’Onnipotente e non può che essere il giusto Giudice. Un essere umano può sbagliare, in buona fede o in mala fede, Dio non può. E per chi cerca sinceramente la Sua volontà Egli non può che essere un Muro di Fuoco, come annuncia il Profeta Zaccaria. È lo Spirito Santo che entra in azione, che elargisce la Sua forza ed il Suo discernimento. È lo Spirito Santo che fa comprendere che “costa” molto di più agire secondo strampalate ambizioni mondane, praticando la menzogna e l’ingiustizia. Costa la preziosa amicizia che Nostro Signore ci offre con il Suo sangue preziosissimo, ed il Padre ci ha ridato con il Battesimo. I tempi terribili che viviamo sono, in modo particolare, tempi di Grazia. Tempi in cui urge guardare in faccia il Bene ed il Male e, come Maria, rimanere ai piedi della Verità, per scegliere la parte buona che non ci sarà tolta. Ringraziamo il Signore.

  • acido prussico ha detto:

    Occhio alle differenze.
    Uno Svizzero istruito è Guardia. Un Argentino perito chimico è Papa.
    Uno Svizzero impalato batte i denti per il freddo in una garitta. Un Argentino accalorato digrigna e sbatte i pugni quando i collaboratori sgarrano ai suoi ordini.
    Uno Svizzero suda per l’afa in una garitta. A un Argentino suda la lingua per il molto parlare.
    Uno Svizzero scrive lettere documentate e lineari che si fanno leggere. Un Argentino scrive “lettere encicliche” che nessuno legge.
    Uno Svizzero per diventare Guardia ha dovuto superare una selezione rigorosa etico-religiosa. A un Argentino per diventare Papa è stato sufficiente il green-pass di SanGallo.
    Lo Svizzero “ubbidisce” solo alla sua coscienza. L’Argentino “ubbidisce” all’Onu e ai Bigs.
    Uno Svizzero può essere “licenziato”. Un Argentino è “illicenziabile”.
    Lo Svizzero “difende” i Papa. L’Argentino “non difende” una Guardia.
    Uno Svizzero torna a fare il falegname. Che mestiere può tornare a fare l’Argentino?

  • Il Matto ha detto:

    I due corni dell’ingarbugliatissima faccenda:

    il divino vaccino e il satanico vaccino.

    Non se ne esce.

    La verità sta nel mezzo, che nessuno conosce.

  • Iginio ha detto:

    Sì, però… Praticamente dal covid è uscito con “tachipirina e vigile attesa”…

  • Veronica Cireneo ha detto:

    Fare il falegname è fantastico.
    Come ogni altra attività artigianale, tutte fondamentali.
    Possiamo arrivare ovunque ma il muratore, il panettiere, il falegname e l’agricoltore hanno sempre sostenuto, sostengono e sosterranno ogni società.

    Torniamo a quelle attività.

    A volte per andare avanti, bisogna tornare indietro

  • Milly ha detto:

    Congratulazioni alla Guardia Svizzera e..anche a lei Sig.ra Maria Michela! Il coraggio e la fermezza non vi mancano! ..e a tal proposito mi vengono in mente, come benedizione, le parole di Zaccaria 2, 9
    “IO, SARÒ PER TE, INTORNO A TE UN MURO DI FUOCO”
    “Io stesso, parola del SIGNORE, le farò da muro di fuoco, all’intorno, e sarò una gloria in mezzo ad essa”.

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Grazie, dott. Tosatti, per la pubblicazione di questa intervista – ad integrazione della Lettera, apparsa su SC l’altro ieri – che ero sul punto di segnalare, ferma e decisa nella mia presa di posizione riguardo alla verità “scomoda” di questa vicenda, da me anticipata in concomitanza con la “diatriba” che si era aperta su organi (italiani) di informazione contro la coraggiosa e coerente decisione delle tre guardie svizzere, contrarie all’obbligo vaccinale.
    Posizione che qui ribadisco non per cavalcare l’onda o per tornaconto personale. In tutta onestà sono in grado di sostenere pubblicamente – checché ne pensi chi, per qualsiasi motivo, mi preferirebbe “zitta e buona” – che l’opportunismo e la cortigianeria sono rimaste sempre fuori di casa nostra. E rimarranno estranei al nostro stile di vita. Per quel che mi riguarda nulla e nessuno fermerà la mia battaglia in solitaria, come sempre, in difesa di principi e diritti sacrosanti. Battaglia che non è dipeso da me/da noi se sono stata costretta ad affrontare sul terreno mediatico che, di sicuro, non mi spaventa. Anche se, in tutta sincerità, per l’impronta che avevamo dato alla nostra vita, avrei preferito fosse condotta in modalità congrue e decisamente più dignitose per tutti e rispettose della nostra dignità di persone, che continuerò a difendere con le unghie e con i denti. Costi quel che costi!

Lascia un commento