Mons. Ics, un Convegno della PAV. Quella di GPII. Quantum Mutata ab Illo….

10 Settembre 2021 Pubblicato da 6 Commenti

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mons. Ics ha visto il programma di un prossimo convegno della Pontificia Accademia per la Vita. Questo è il suo commento, buona mesta lettura.

§§§

Mons ICS a Tosatti.

Caro Tosatti, le allego il comunicato stampa della Pontificia Accademia per la vita che annuncia un convegno sulla salute pubblica ed altro. Ricordo ai suoi lettori cosa è questa Accademia per la vita.

Fu voluta da san Giovanni Paolo II nel 1994 con la missione di difendere e promuovere la vita umana. San Giovanni Paolo II affidò la guida e la presidenza al grande genetista Jerome Lejeune, lo scopritore della sindrome di Down, proclamato Venerabile(morto purtroppo proprio lo stesso anno).

Dopo Lejeune l’Accademia per la vita fu presieduta da mons. Elio Sgreccia, poi da mons. Fisichella, da mons. Carrasco e “finalmente” nel 2016 Bergoglio nominò presidente mons. Paglia (quello dell’ormai famosissimo affresco di Terni, in versione omo).

Ma veniamo all’evento proclamato da mons. Paglia. Dopo l’evento del card. Ravasi: “Mind, Soul, Body” (andate a vedere il commento che feci per Stilum Curiae), Paglia non vuole essere da meno e preannuncia, come da copione, un evento salutista ecologista che probabilmente proporrà una nuova forma di umanesimo e una nuova antropologia, come aveva peraltro già annunciato durante il suo appello di una Alleanza Sinodale.

Anche lui, come Ravasi, usa l’inglese come lingua per il suo workshop on line, non usano più il latinorum, chissà perché. Ma per capire di che si tratta è necessario investigare chi sono i relatori principali, gli “esperti” (sotto elencati nell’invito).

Il primo “esperto” chiamato da mons. Paglia è il Nobel Jules Hoffman, immunologo francese esperto di patologie e ambiente, entusiasta vaccinologo anti Covid, che “giura” che nel 2022 il Covid sarà vinto. Boh!

Il secondo “esperto” è John Nkengasong, virologo del Cameroun, lavora per l’OMS. Nel 2020 ricevette un importante riconoscimento nientepopòchedimeno dalla Bill & Melinda GATES Foundation. Boh!

Il terzo “esperto” è tal David Barbe, presidente della World Medical Association, la cui missione consiste nello sviluppare consenso globale su cosa è etica medica. Accipicchia!. Suo predecessore, nel 1954 Presidente della WMA fu Altiero Spinelli, famoso politico del PCI, fondatore del Manifesto di Ventotene (dove era al confino) per la costruzione dell’Europa. Nel 2020 il Presidente della WMA risulterebbe essere il premier spagnolo Pedro Sanchez (segretario del partito socialista operaio spagnolo). Boh?

Il quarto esperto è finalmente italiano, pertanto meglio conosciuto. Eccome è stra-conosciuto. Si tratta di Walter Ricciardi, da poco nominato da Bergoglio membro della Accademia per la vita. Un “esperto” di successo universale senza dubbio. Ricciardi è “tutto”. Famoso per aver gridato: “basta tamponi! solo green pass per vaccinati…”. Ex attore giovanile in film altamente culturali quali: “Io sono mia” di Dacia Maraini, con Stefania Sandrelli e Maria Schneider (una storia di lesbismo); “L’ultimo guappo” e “I mammasantissima” con Mario Merola. E altri, potete trovare tutto su Wikipedia.

Poi si laurea in medicina e diventa persino professore in Cattolica. Ma la sua vocazione sembra essere un altra: la politica. Entra nel governo Renzi riuscendo a farsi nominare Presidente dell’Istituto di Sanità. Rappresentante italiano all’OMS. Altri incarichi europei dal Premier Conte. Consigliere del Ministro Speranza per emergenza Covid… Appena nominato premier Draghi, ricordate? ci fece saltare tutti sulla sedia chiedendo un nuovo lockdown generalizzato.

E’ anche tra i fondatori di Azione, il partito di Calenda. Non riesco a stargli dietro in tutti questi incarichi. Ah! non è finita. Nel 2017 il presidente Mattarella su proposta di Gentiloni, lo nomina Commendatore, per benemerenze in campo scientifico e sanitario.

Come cambiano i tempi!.

Da Jerome Lejeune, nominato da san Giovanni Paolo II alla Accademia per la vita, a Walter Ricciardi, nominato da Bergoglio.

Dai convegni della Pontificia Accademia, rifondata da Pio XI su quella che era l’Accademia dei Lincei, dove convenivano i maggiori studiosi del mondo, al recente convegno voluta dal card. Ravasi su Mind, soul and body, dove gli esperti invitati son stati la rockstar Joe Perry, il newage Deepak Chopra, la modella abortista Cindy Crawford e la figlia di Clinton, Chelsea. Ed infine il convegno di Paglia di cui abbiam appena parlato.

Non so più che dire e che aspettarmi.

Davvero, caro Tosatti, son senza parole.

Mons ICS

***

Comunicato stampa

Città del Vaticano, 9 settembre 2021.- Salute pubblica in prospettiva globale. Pandemia, Bioetica, Futuro è il tema dell’Assemblea 2021 della Pontificia Accademia per la Vita che si svolge nei giorni 27-28-29 settembre, in presenza ed on line.

Gli Accademici (studiosi ed esperti dei cinque continenti) convergeranno a Roma per confrontarsi non solo sul Covid-19 ma sulla sfida globale che la pandemia lancia  per una più equa distribuzione delle cure e dell’assistenza sanitaria nel mondo. Peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla.

Il tema generale dell’Assemblea verrà dibattuto, come di consueto, attraverso un workshop aperto al più ampio pubblico, che parteciperà on line.

Tra gli esperti chiamati ad intervenire, ci saranno – tra gli altri – il dr. Jules Hoffman (Nobel per la Medicina 2011), il dr. John Nkengasong (Direttore del Centre for Diseases Control, Cameroon),  il dr. David Barbe (Presidente della World Medical Association), la dott.ssa Carissa Etienne (Direttrice della Pan American Health Association), il dr. Walter Ricciardi (Università cattolica del Sacro Cuore).

Il workshop on line intende riflettere sull’esperienza della pandemia, in prospettiva etica, mettendo in luce quali sono gli snodi medici, ecologici e sociali che sollecitano la nostra responsabilità e richiedono una conversione, sia di mentalità, sia di strutture. L’obiettivo è dare un contributo originale all’importante dibattito sulla salute pubblica e sui problemi che questa emergenza sanitaria ha evidenziato, per un profondo rinnovamento delle società e per un futuro più equo e sostenibile.

“Per curare la salute dobbiamo anzitutto essere vivi! – spiega mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita. “Per i paesi occidentali la priorità è rappresentata dai vaccini e stiamo infatti assistendo allo sforzo vaccinale più grande mai attuato nella storia. Tuttavia  non dobbiamo dimenticare la necessità di costruire una sanità equa su scala globale. Il tema al centro della nostra riflessione sarà allora il futuro della cura e della sanità, se vogliamo davvero dimostrare di avere imparato la lezione della pandemia. Per la maggior parte della popolazione mondiale oltre ai vaccini è prioritario un accesso vero ed effettivo alle cure ma anche ai beni che permettono ‘semplicemente’ di vivere. Va superato il divario non solo vaccinale ma di accesso alla sanità pubblica, abbattendo i problemi collegati alla  mancanza di strutture e alla scarsità di risorse da destinare alle cure. La pandemia ha mostrato le forti disparità economiche e sociali in tema di salute. Di recente diversi ambasciatori presso la Santa Sede hanno sottolineato che è necessario rispondere a questa crisi con provvedimenti che risultino utili per il futuro. La vaccinazione è fondamentale nell’ottica di una protezione globale contro il Covid-19 ma la questione centrale riguarda la possibilità di superare davvero e presto le differenze, attuando una politica sanitaria globale basata sul diritto di tutti ad accedere alle cure”.

Il programma completo dei lavori è pubblicato sul sito della Pontificia Accademia per la Vita: www.academyforlife.va

Per gli Accademici ci saranno due momenti riservati: l’udienza con Papa Francesco nella mattina del 27 settembre e la cerimonia di consegna del Premio Custode della Vita, appena istituito.

Il premio è stato assegnato al dr. Dale Recinella, cappellano laico nel braccio della morte del più grande penitenziario della Florida, che sarà presente ai lavori dell’Assemblea. La cerimonia di premiazione si svolge il 28 settembre sera.

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

6 commenti

  • Dubbi Ecclesiali ha detto:

    Tutto si sta compiendo, questa è l’ora del trionfo di Giuda. I traditori non sono la maggioranza, la maggioranza si sta comportando come i Dodici, hanno abdicato al loro ruolo in preda alla paura e alla pressione del mondo. Chi rimarrà fedele al Cristo rivivrà la sua passione e non sarà di certo gradevole. Il momento richiede di lavorare intensamente sulle proprie anime, perché nessuno può dirsi fuori pericolo.

  • giovanni ha detto:

    Siringa bill non avrebbe potuto fare un comunicato migliore su un argomento che lo interessa tantissimo, direi lo considera ……….vitale. Vi sono serie possibilita’, visto lo stile, che glie lo abbia scritto proprio lui. Il premio custode della vita, assegnato al ” cappellano laico ” del braccio della morte del piu’ grande penitenziario della Florida , e’ perfettamente compatibile con il mondo capovolto di luciferina ispirazione. Assemblea da evitare come la peste.

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Secondo Baldassarre Castiglione, diplomatico al servizio anche dello Stato della Chiesa (così detto fino ai primi dell’800) il compito primario del “cortigiano “è quello di piacere al principe, con un tocco di “sprezzatura”, cioè con l’abilità di risultare convincenti nel servizio, dimostrando spontaneità anche se conquistata attraverso esercitazioni ad hoc. Stando al “metodo” Machiavelli, di cui fu coetaneo: «Non è di poca importanza a uno principe la elezione de’ ministri, e’ quali sono buoni o no, secondo la prudenza del principe. E la prima coniettura che si fa del cervello d’uno signore è vedere li uomini che lui ha d’intorno». (Cap XXII del famoso saggio di dottrina politica)
    Dunque: nessuna meraviglia circa la composizione della corte dei miracoli che trasmette non solo rassicurazioni circa la sua “prudenza”, ma anche la fotografia del “suo” essere… e voler essere…
    La dice lunga il tema del convegno ed ancor più lunga, e fin troppo esplicativa la dichiarazione di mons. Paglia che, letta in conformità di quanto fin qui teorizzato e tradotto in decisioni operative, lascia facilmente presagire le conclusioni del simposio che poi saranno consegnate agli Atti a futura memoria dell’impegno in ambito ecclesiale e quale direttiva in cerca di applicazione.
    Chiara la questione e l’obiettivo su cui i relatori punteranno l’attenzione.
    Meno chiaro, per me, cosa intenda il presidente della PAV con l’affermazione: «Per curare la salute dobbiamo anzitutto essere vivi!». Devono essere “vivi, anzitutto” coloro che si propongono di “curare la salute” o i bisognosi di cure? Ah! già; forse sottintende tutti i sopravvissuti alla pandemia grazie alle “cure” benedette con ogni benedizione…
    È questo quello che «l’uomo potrà dare in cambio della propria anima?». Potranno raccontarlo solo «alcuni tra i presenti che non morranno finché non vedranno il Figlio dell’uomo venire nel suo regno». (Mt 16-26,28)

  • Milly ha detto:

    Ah! Camaldoli!….dove nella libreria del Convento si trovano più testi mantrici, yoga, meditazione orientale ecc.ecc. mentre solo uno sparuto numero di testi rigorosamente cattolici romani!

  • Sui convegni ha detto:

    Non si disperi , monsignor ics!, uno dei presidi emeriti dell’Istituto Giovanni Paolo Ii, Prof. Sequeri parteciperà al convegno a Camaldoli dal 30 settembre al 3 ottobre, pubblicizzato su Avvenire . Molto interessante l’elenco dei partecipanti: da Maurizio Molinare a un sacerdote del PIME, da Mariella Enoc a Davide Sassoli. Titoli interessanti : da Pulp Fiction alla Fiera dell’Est per arrivare all’Europa come ispirazione cristiana.
    Dimenticavo : il titolo del convegno è
    LE METAMORFOSI DELLA DEMOCRAZIA.
    M come si abbina ad una vita monastica come quella che dovrebbe esserci a Camaldoli ?

Lascia un commento