Cornell College. 95% di Vaccinati, il Quintuplo di Casi in più del 2020.

9 Settembre 2021 Pubblicato da 7 Commenti

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mentre le lobby politiche e dell’informazione legate a Big Pharma, Big Tech e Big Finance stanno massicciamente premendo perché il maggior numero di persone nel nostro Paese si faccia inoculare il siero genico, al di fuori di ogni evidenza scientifica, mi sembra interessante condividere con voi, nella nostra traduzione questo articolo apparso su una rivista americana, College Fix, che presenta dati inoppugnabili che mettono pesantemente in dubbio l’utilità reale della terapia nel bloccare contagi e infezioni. L’ipotesi che ci stiano prendendo per i fondelli, a partire da presidente della Repubblica e pontefice regnante , e scendendo giù giù per li rami fino all’ultimo piazzista da giornale o tv, non sembra irreale….Buona lettura e riflessione.

§§§

ANALISI: Se l’obiettivo è quello di prevenire l’infezione, il tasso di vaccinazione del 95 per cento nel campus di Cornell non ha realizzato questo

 

La Cornell University ha spinto aggressivamente i suoi studenti a farsi vaccinare, annunciando un mandato di vaccinazione per l’anno accademico 2021-22 in aprile e negando spesso esenzioni religiose e mediche.

 

Come risultato, il 95% della popolazione del campus, sia studenti che docenti, è vaccinata.

 

Nonostante questo, la Cornell University ha più di cinque volte la quantità di casi positivi confermati durante la sua prima settimana di questo anno accademico rispetto alla prima settimana dell’anno accademico 2020-21, secondo il quadro Cornell COVID.

 

Secondo i numeri, durante la prima settimana di scuola, dal 27 agosto al 2 settembre di quest’anno accademico, Cornell ha riportato 322 casi positivi di COVID-19.

 

In confronto, durante la prima settimana di scuola dell’anno scorso, che si è svolta dal 3 al 9 settembre del 2020, Cornell ha riportato 59 casi di COVID-19 positivi.

Si tratta di 263 casi in più, o più di cinque volte la quantità di casi positivi, se si confronta la prima settimana di scuola.

La maggior parte degli studenti ha frequentato le lezioni di persona nell’autunno del 2020 ed è stato richiesto di indossare maschere, proprio come questo anno accademico. L’aumento dei casi positivi non può essere attribuito a un aumento dei test – infatti, sono stati somministrati più test nella prima settimana dello scorso autunno, secondo il cruscotto Cornell COVID.

Dal 3 settembre al 9 settembre del 2020, ci sono stati 28.951 test COVID somministrati, secondo il quadro Cornell COVID. Ci sono stati solo 59 test positivi, o un tasso di positività dello 0,2%.

Al contrario, dal 27 agosto al 2 settembre di quest’anno, sono stati somministrati solo 27.103 test, trovando 322 casi positivi, o un tasso di positività dell’1,19 per cento.

Nessuna variabile è cambiata: Cornell ha annunciato a luglio che avrebbe ancora richiesto a tutti gli individui, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, di indossare una maschera mentre erano all’interno. Le stesse misure di salute pubblica, spesso criticate come troppo severe, che erano in vigore l’anno scorso, rimangono in vigore quest’anno.

A causa dell’alta quantità di casi positivi che il campus di Ithaca sta attualmente sperimentando, la presidente Martha Pollack ha avvertito che le classi potrebbero essere spostate online se la tendenza continua. Nel frattempo, il campus è stato spostato in un “Codice Giallo”.

Se l’obiettivo è quello di prevenire l’infezione, il tasso di vaccinazione COVID-19 del 95% nel campus di Cornell non ha raggiunto questo obiettivo.

Poiché Cornell e molte altre università in tutto il paese impongono questi vaccini, ci si deve chiedere: fino a che punto i vaccini sono efficaci? I benefici della vaccinazione superano i rischi per i ventenni sani?

In agosto, il direttore del CDC ha ammesso che i vaccini COVID-19 non possono prevenire la trasmissione. La recente ondata di casi di Cornell ne è un’ulteriore prova.

Il rischio di una reazione avversa al vaccino COVID-19, anche se minimo, non è zero.

Secondo i dati del CDC e della FDA, i vaccini mRNA sono stati collegati ad un aumento del rischio di miocardite, una grave condizione cardiaca, nei giovani, in particolare nei giovani uomini. Mentre questa reazione al vaccino è estremamente rara, la connessione tra i vaccini mRNA e la miocardite è più alta di quanto si pensasse in precedenza.

Inoltre, il dottor Robert Malone, uno dei fondatori dei vaccini mRNA, ha avvertito sul podcast del biologo evoluzionista Bret Weinstein che la proteina spike ricevuta dalla vaccinazione è, a suo parere medico, citotossica.

E secondo le informazioni rilasciate dal governo giapponese in risposta a una richiesta di Freedom of Information Act, le particelle lipidiche del vaccino Pfizer si concentrano in modo schiacciante nelle ovaie e anche nel midollo osseo.

Perché mai la Cornell dovrebbe obbligare i suoi studenti a ricevere questo vaccino?

Per essere chiari, gli americani che sono anziani, immunocompromessi, o che soffrono di una grave condizione di base dovrebbero assolutamente ricevere il vaccino. Ma anche in questi casi, devono avere la libertà di prendere questa decisione per se stessi.

Le politiche draconiane del COVID-19 della Cornell hanno fallito, e ora le promesse dell’amministrazione su un anno accademico normale, senza maschere, in cambio del raggiungimento dell'”immunità di gregge”, si sono schiantate contro la fredda realtà che tutti dobbiamo affrontare.

Se i vaccini non possono prevenire l’infezione e riportarci alla normalità, che senso ha allora tornare al campus?

§§§




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English.

Y este es el enlace al libro en español


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

*

Chi desidera sostenere il lavoro di libera informazione, e di libera discussione e confronto costituito da Stilum Curiae, può farlo con una donazione su questo conto, intestato al sottoscritto:

IBAN:  IT24J0200805205000400690898

*

Oppure su PayPal, marco tosatti

*

La causale può essere: Donazione Stilum Curiae




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

7 commenti

  • Antonella ha detto:

    Che i vaccini non siano vaccini è risaputo dalla gran parte della popolazione mondiale, il siero genico sperimentale viene iniettato nelle povere carni di cittadini ignari o costretti dal ricatto fatto passare per obbligo, giocato al tavolo politico di governi collusi con le multinazionali del farmaco, tentacolo massiccio della piovra massonico- finanziaria che vuole il controllo planetario attraverso un risiko riorganizzato sulle scorte di “vaccini” impiegati al posto dei carrarmati e per la guerra più estrema mai tentata nella storia degli uomini. Sapevamo di armi batteriologiche e di stermini di cui quasi nessuno parla, ma era difficile immaginare che il mondo surreale di Orwell potesse divenire nostro in pochi mesi dopo una pandemia proclamata e e poi smascherata. Lo show del Grande Fratello continua, fiumi di denaro scorrono mentre i morti salgono a galla con le menzogne.
    Malgrado i dati confermino l’insuccesso dei sieri chiamati vaccini, il Pifferaio Magico trascina folle di topini ipnotizzati dalle note incantate e se la ride perché i suoi alleati sono pronti a qualsiasi cosa per accordarsi sullo spartito magico.
    Tutto però avevano previsto fuorché il Risveglio di quelli
    che i topini proprio non volevano farli, a loro piacevano le aquile che volano alte in cieli sgombri da nuvole, che possono scrutare cose impossibili da mettere a fuoco per occhi umani, e fiondarsi sulle prede a velocità supersoniche …..
    La grande piovra non può nemmeno immaginare la grandezza dell’aquila perché non sa com’è fatto il cielo, vede solo miseramente attraverso gli occhi robotIci del Grande Fratello e crede sia quella la realtà.

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Numeri che parlano da soli ad occhi e orecchie che non vogliono vedere e non vogliono sentire.
    Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 9 settembre: 5.522 nuovi casi e 59 morti.
    Poichè i comuni italiani sono circa 7900, se ogni nuovo caso fosse in un solo comune e la stessa cosa fosse per ogni nuovo morto, avremmo 7900-5522 = 2378 comuni senza nemmeno un nuovo caso e 7900 – 59 = 7841 comuni senza neanche un morto. Eppure in tutti i comuni dal sindaco all’ultimo poveraccio tutti in giro con mascherina e green pass !!!!!!!

  • Milli ha detto:

    Qualcuno prima o poi si ricorderà che vaccinare troppe volte indebolisce il sistema immunitario invece di rinforzarlo?
    Qualcuno mi spiega a cosa serve un vaccino a un immunodepresso che ha il sistema immunitario che non funziona ?

  • Richiesta chiarimenti ha detto:

    Ma gli studenti positivi al tampone e che erano stati vaccinati, avevano o no sintomi ?
    Oppure i numeri sono relativi ai malati ?

  • newman ha detto:

    Una domanda fondamentale, mi sembra, é se gli infettati appartengano al gruppo dei vaccinati o dei non-vaccinati, e se ad ambedue i gruppi in che relazione tra i due.
    In Israele la terza dose ha ridotto efficacemente il numero dei malati di Covid (precedentemente vaccinati).
    I vaccini in circolazione non promettono una protezione dal virus del 100%, bensí chi al 60%, chi al 70% e chi – al massimo – al 90+%. Per quanto riguarda gli effetti secondari, infine, le miocarditi sembrano
    attribuibili come effetto secondario piú al vaccino di Astra-Zeneca che ai vaccini non a vettore, almeno attenendosi ad informazioni provenienti dall’EMA
    e dall’Inghilterra. In generale si ritiene che gli svantaggi di un infezione da Covid superino di gran lunga gli effetti secondari e pertanto rari o rarissimi del vaccinarsi. E’ poi del tutto normale, che per le industrie produttrici in prima linea non ci siano aspetti umanitari, bensí interessi finanziari.

    • Michele ha detto:

      Mi dispiace, lei diffonde notizie inesatte: per bambini e studenti il rischio covid e ZERO. I pochi bambini e giovani morti sono morti per altre gravi cause, erano positivi asintomatici, cioè sani per il covid.
      Se non ricordo male in Italia sono morti 5 bambini positivi che avevano altre gravi patologie.

    • Maria B. ha detto:

      Se non ricordo male quanto letto, la miocardite è tipica di Pfizer.

Lascia un commento