“Vaccini” anti-Covid: Una Struttura Traballante. Analisi delle Cifre Reali.

11 Giugno 2021 Pubblicato da 11 Commenti

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mentre dalle prime pagine dei giornali di regime apprendiamo notizie di cronaca drammatiche, e qualche primo segno di dubbio, se non di resipiscenza, nel monolite della macchina “vaccinale”, mi sembra interessante offrire alla vostra attenzione questo articolo della prof.ssa Sadaf Jamal Gilani, apparso su Off-Guardian nella nostra traduzione. Buona lettura, e riflessione.

§§§

 

Il 20 aprile, The Lancet ha pubblicato un’analisi sull’efficacia delle iniezioni di Covid. Questa analisi sostiene le conclusioni fatte nella mia precedente analisi. Cioè: le iniezioni di Covid NON sono “efficaci al 95%”.

https://www.thelancet.com/journals/lanmic/article/PIIS2666-5247(21)00069-0/fulltext?fbclid=IwAR3l9ca9jGEN_HOGM4PbhE3mwmSYOsEY7I1OyaiFpYcxNy2Zotbpr4L8j6k

 

https://off-guardian.org/2021/02/22/synthetic-mrna-covid-vaccines-a-risk-benefit-analysis/?fbclid=IwAR0QJdCjs2rZlBpbpuqOrMBax2lwGZsJyCHvJipBbPkfS1AFMzeTbapYWFU

 

Al di là del linguaggio tiepido degli analisti rivestito di gergo scientifico, il grafico che appare è abbastanza sorprendente.  Come spesso è vero, il diavolo sta nei dettagli, in questo caso, la differenza tra riduzione del rischio relativo e riduzione del rischio assoluto. (Per un’elaborazione su queste metriche, si veda il mio articolo collegato sopra).

Dalla “riduzione del rischio assoluto” si può calcolare il “Numero necessario per vaccinare” che indica approssimativamente quante persone devono essere iniettate per beneficiare ipoteticamente una sola persona. È una metrica che ogni persona deve capire prima di fare l’iniezione di Covid.

Di seguito sono riportate le metriche Numbers Needed to Vaccinate (NNV) per i “vaccini” Covid:

Per Pfizer, questo numero è stimato in 119. Ciò significa che 119 persone devono essere iniettate per ridurre un caso “Covid” in una persona. Quindi, 118 di quelle persone hanno corso un rischio (potenziale) senza alcun beneficio.

Alcune stime sono ancora più alte, secondo The Lancet, i dati del lancio di Pfizer in Israele suggeriscono un NNV di 217!

Queste cifre NNV sono probabilmente sottostimate, poiché c’è una significativa offuscamento dei dati dei trial. L’efficacia reale è probabilmente anche meno dell’1%, poiché alcuni dei gruppi iniettati che si sono ammalati di “sintomi simili al Covid” sono stati fallacemente etichettati come effetti collaterali, piuttosto che come potenziali infezioni di rottura.

Inoltre, nel fortunato 0,84% di persone che ipoteticamente hanno beneficiato del “vaccino”, non sono stati calcolati gli effetti collaterali. Le metriche di efficacia non includono gli eventi avversi delle iniezioni. In altre parole, la sicurezza e l’efficacia sono considerazioni completamente diverse. Per esempio, anche un intervento efficace può non essere sicuro se il rischio di danni è alto.

 

Questo esperimento di “vaccino” ha solo pochi mesi, eppure il sistema di segnalazione passiva VAERS negli Stati Uniti ha contabilizzato i decessi in seguito alle iniezioni di Covid come già superiori ai precedenti 21 anni di morti per tutti gli altri vaccini messi insieme, così come oltre 227.000 altri eventi avversi non fatali. Inoltre, è stato riferito che il sistema VAERS registra solo circa l’1% degli eventi avversi reali.

 

Molti ricercatori e medici allarmati in tutto il mondo hanno chiesto di fermare questo esperimento, citando un corpo crescente di effetti collaterali insoliti e morti associate. https://omny.fm/shows/on-point-with-alex-pierson/new-peer-reviewed-study-on-covid-19-vaccines-sugge Per le iniezioni di Covid, deve essere chiaro che il profilo di sicurezza completo è sconosciuto.

 

Inoltre, la “riduzione” non è una diminuzione delle morti e dei ricoveri, piuttosto una riduzione dei sintomi. La maggior parte di questi sintomi presumibilmente alleviati sono di una varietà generica di raffreddore e influenza. Per citare lo studio Lancet: https://www.thelancet.com/journals/lanmic/article/PIIS2666-5247(21)00069-0/fulltext?fbclid=IwAR3l9ca9jGEN_HOGM4PbhE3mwmSYOsEY7I1OyaiFpYcxNy2Zotbpr4L8j6k

 

Queste considerazioni sull’efficacia sono basate su studi che misurano la prevenzione dell’infezione da lieve a moderata di COVID-19; non sono state progettate per concludere sulla prevenzione dell’ospedalizzazione, della malattia grave o della morte, o sulla prevenzione dell’infezione e del potenziale di trasmissione”.

 

Inoltre, questi “casi” lievi che vengono “prevenuti” sono determinati da saggi PCR non validati.

 

Come detto, l’efficacia si basa sulla riduzione dei sintomi, e anche in questo caso forse solo per un periodo di tempo limitato. È già stato annunciato che sono necessari dei richiami, forse ogni anno o due volte all’anno.

 

Questa misera efficacia non è insolita per il regime dei vaccini che è giustificato sulla base del beneficio per l’intera popolazione. Tuttavia, in questo caso, l’argomento del beneficio per l’intera popolazione non può essere applicato, poiché non è stata fornita alcuna prova certa di una riduzione della trasmissione.

 

Inoltre, queste iniezioni sono ancora sperimentali. Sono in corso prove di fase 3 e questa tecnologia di “terapia” genica sintetica non è mai stata distribuita prima. Ogni giorno, nuove informazioni vengono alla ribalta, come questo studio di farmacocinetica animale che mostra che i vettori iniettati sono finiti in diversi organi, soprattutto ovaie e milza. Il ricercatore canadese, il Dr. Bridle, ha condiviso le sue preoccupazioni sui recenti risultati della biodistribuzione delle nano-particelle lipidiche e delle proteine spike nelle persone iniettate.

 

Tragicamente, le masse in preda al panico si illudono con la propaganda che queste iniezioni sono efficaci al 95%. Questa è una metrica inutile basata sulla riduzione del rischio relativo. La riduzione del rischio assoluto è intorno all’1%. Milioni di persone stanno partecipando inconsapevolmente a un esperimento senza precedenti.  Il Codice di Norimberga e i principi del consenso informato sono violati quotidianamente.

 

È consigliabile stampare la tabella di cui sopra e chiedere al proprio vaccinatore di spiegare questa metrica. Per esercitare correttamente il consenso informato etico e legale, ogni partecipante alla sperimentazione deve comprendere i potenziali benefici e rischi delle iniezioni, i potenziali rischi del Covid (in base all’età e allo stato di salute) e le alternative di trattamento efficaci per coloro che potrebbero averne bisogno.

 

Vi sentireste a vostro agio con un paracadute che funziona circa l’1% delle volte?  Direbbe poi che è efficace al 95% perché quel particolare paracadute ha funzionato il 95% meglio della concorrenza?

 

Un prodotto con un’efficacia molto discutibile, minuscola e molte preoccupazioni riguardo ai potenziali effetti collaterali gravi a breve e lungo termine (inclusi i decessi), potrebbe essere classificato più accuratamente come un veleno.

 

Un veleno può essere descritto come “qualsiasi sostanza che, introdotta o assorbita da un organismo vivente, distrugge la vita o danneggia la salute”. Gli effetti negativi possono assumere molte forme, dalla morte immediata a sottili cambiamenti non realizzati fino a mesi o anni dopo”.

Definizione di “veleno”, secondo la Royal Society of Chemistry

https://www.rsc.org/

Si può sperare che man mano che questo nefasto esperimento si svolge, i dati e la razionalità superino la paura, l’isteria e le menti eziolate delle masse.  Che la giustizia prevalga e che questi crimini contro l’umanità siano portati a giudizio.

La dottoressa Sadaf Jamal Gilani, M.Pharm., Ph.D. ha completato i suoi studi presso Jamia Hamdard, New delhi e lavora come professore associato alla Glocal University, Saharanpur, India. Ha ricevuto il premio Women’s Scientist Scheme dal Dipartimento di Scienza e Tecnologia (DST), Govt. of India, New Delhi. Oltre a ciò, ha anche ricevuto una sovvenzione JRF dalla University Grants Commission, Govt. of India, New Delhi. Ha diverse pubblicazioni di fama internazionale e nazionale. È un membro a vita di molte organizzazioni scientifiche indiane ed è un revisore per un gran numero di riviste internazionali e nazionali di fama. È membro del comitato di dottorato di ricerca per i dottorandi della Glocal School of Pharmacy, Glocal University. È anche membro del comitato editoriale di Open Access Journal of Medicinal Chemistry (OAJMC), Medwin Publishers e valutatore ed esperto di question paper a livello UG e PG (Farmacia) per diverse università. Ha un decennio di esperienza di ricerca accademica.

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

11 commenti

  • Salvatore martiello anestesista ha detto:

    Anni 72 fino ad oggi non ho avuto nessuna malattia esantematica da bambino 41 anni di servizio in prima linea non capisco perché mi dovrei fare un vaccino sperimentale, sono un essere umano e non un topo. Mio nonno diceva ” l’ignoranza è una fortezza inespugnabile. E disse il paracadute, ” non so se mi spiego .

  • Ornella ha detto:

    Mi era venuto sottomano una serie di grafici animati dove nazione per nazione veniva rappresentata la situazione del contagio o dei decessi non ricordo bene prima e dopo le campagne vaccinali, ma non riesco più a trovarlo. Qualcuno avrebbe il link ?
    Era molto interessante.

  • Luciano Motz ha detto:

    L’asso del calcio Rivera afferma che non ci pensa nemmeno a farsi vaccinare e un tal Burioni, che non so chi sia, gli dà del babbeo. Poi ho saputo che questo Burioni è un virologo e mi son detto che Molière aveva perfettamente ragione affermando che la fortuna dei medici sta nel fatto che i loro clienti non si lamentano mai. Ma poveri noi con questi scienziati (o scientisti?) che fanno gli imbonitori!

    • Luca Antonio ha detto:

      Sig. Motz ma senta che dichiarazione ha fatto Burioni a margine del discorso su Rivera , lamentando il fatto che Astrazeneca sia stata sconsigliata per gli under 60 (copia e incolla dallAnsa):
      “Un’azienda che nel 2019 ha fatto $ 3,144 miliardi di utile (AstraZeneca) assiste incredibilmente inerte alla polverizzazione della propria reputazione. Potremmo fregarcene se non fosse un problema per la sanità pubblica. Invece non possiamo permetterlo. La politica deve agire… Talvolta le priorità di una multinazionale non coincidono con quelle della sanità pubblica. È compito della politica ripristinare questa necessaria coincidenza”. 
      Cioe’ ….la politica deve continuare a fare gli interessi delle multinazionali anche se ammazzano la gente ?. 🤔
      Burioni sembra talmente impastato con Big Pharma da non rendersi neanche piu’ conto della portata delle cose che dice.

      • Luciano Motz ha detto:

        Purtroppo, Burioni non è il solo, ma si trova in una folta combriccola. Sapevamo già che non potevamo fidarci dei politici, né dei salvatori della patria paracadutati al governo, né dei giornalisti, tantomeno dei cosiddetti scienziati, e ora abbiamo la visione dei medici che hanno violato il giuramento di Ippocrate. Il tutto spacciato per verità scientifica. Ma la scienza non è la panacea, ma soltanto uno strumento per analizzare la realtà, e uno strumento per altro impreciso, ma guai se essa, come avviene ora, diventa ideologia, perché l’ideologia non analizza la realtà, ma è una creazione astratta della mente che con la realtà non ha alcun contatto.

  • Jsph ha detto:

    Grazie Creazionista: bellissimo il video.
    Il problema è che sui vaccini la stampa, la televisione, gli stessi sacerdoti durante la messa nelle omelie rispettano religiosamente il silenzio assoluto.
    Rimangono i social, i siti da cercare al computer, ma non tutti hanno il computer e chi lo ha, la maggior parte delle persone, non va certo a cercare e studiare la verità sui vaccini, anzi non la vuole proprio leggere in quanto da respingere assolutamente i siti per loro antivax, menzogneri, fascisti..(e ti pareva!).
    Io stesso ho tentato, dico tentato, di parlare sui vaccini con alcuni conoscenti in famiglia o al bar con alcuni frequentatori: tutti sono caduti dalle nuvole: ma è vero? Ma cosa stai dicendo… ma fai attenzione alle fake news….,
    Ho detto loro che per diversi motivi non mi vaccinavo:
    – possono avere degli effetti pericolosi (… lo stiamo vedendo),
    – i vaccini a m-Rna, i cosiddetti genetici (per mezzo dei quali non un virus ma un’informazione genetica viene introdotta nel nostro organismo) può per la prima volta andare a modificare il nostro DNA, con conseguenze pericolose,
    – questi vaccini non sono quindi sicuri per il futuro, e anche per l’immediato in quanto i vaccinati restano ugualmente contagiosi,
    – ma la cosa più tremenda: il gravissimo problema della sperimentazione e la produzione di tutti questi vaccini con “ linee cellulari di feti abortiti”, una strada intrapresa da tutta la medicina da chiudere assolutamente!
    Una donna anziana, al bar, addirittura si è spaventata: mamma mia! Che cosa mi avete detto! Io sono cattolica.. sono contro gli aborti, Ma è sicuro?…Spero proprio che il vaccino che mi inietteranno sia proprio acqua fresca…
    Ripeto, oltre a tutta la stampa e la televisione, gli stessi sacerdoti affermano la stessa e uguale narrazione ufficiale piuttosto che parlare in verità secondo la Verità: l’altra domenica alla messa un sacerdote ha addirittura affermato che il vaccino è paragonabile al battesimo: come questo ci introduce la vita divina, quello ci inietta la vita scacciando il virus!
    Per non parlare, come ho detto altrove, che molti cattolici famosi sono favorevoli all’attuale vaccino anticovid : vedi Antonio Socci, il prof. Roberto de Mattei, il filosofo Josef Seifert , Padre Livio di Radio Maria e dulcis in fundo Papa Bergoglio con l’imperativo morale della bontà di questo vaccino.
    Le persone devono prendere una ferma decisione davanti a Dio e alla propria coscienza: un umile, piccolo seme da spargere senza timore davanti a tutti.
    Il Signore ci darà la forza con la gioia di sconfiggere il male.
    Io non mi vaccino!

  • giovanni ha detto:

    Ottimo il video, per quel che riguarda il canuto giornalista nemmeno perdo tempo ad ascoltarlo.

  • GINO ha detto:

    Togliete Bergoglio dal Vaticano prima che le masse arrabbiate facciano la caccia al cattolico.
    Severgnini sarà al fianco di Speranza nella panca del tribunale popolare.

  • Creazionista ha detto:

    Vi consiglio questo video di risposta ai covidioti sul tanto desiderato obbligo vaccinale, fatelo circolare per favore

Lascia un commento