1984 è Realtà. “Debunkers” Denunceranno i Dissidenti. Ministero dell’Amore…

11 Giugno 2021 Pubblicato da 17 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, mi sembra interessante condividere con voi questo articolo pubblicato sul blog di Enrica Perucchietti, che offre altri -inquietanti – elementi di riflessione alla situazione dispotica che stiamo vivendo. Buona lettura.

§§§

 

Quello che si delinea dinanzi ai nostri occhi è uno scenario distopico che ricorda da vicino quanto immaginato da George Orwell, nel lontano 1948, in 1984.

Il Miniamor

Sparsi per Londra, svettano per aspetto e dimensioni, tra i tetti degli altri edifici, le sedi dei quattro Ministeri che compongono l’intero apparato governativo del Partito. Sono il Ministero della Verità (Miniver), il Ministero della Pace (Minipax), il Ministero dell’Amore (Miniamor) e il Ministero dell’Abbondanza (Miniabb).

Tra tutti, il palazzo del Miniamor è quello che incute un vero e proprio terrore: privo di finestre e circondato da filo spinato e nidi di mitragliatrici, è pattugliato giorno e notte da guardie in divisa nera munite di lunghi manganelli.

La funzione del Ministero dell’Amore è quella di «mantenere la legge e l’ordine pubblico», ossia controllare i membri del Partito e convertire gli eventuali dissidenti alla sua ideologia. Esso è dotato della famigerata psicopolizia, che interviene in ogni situazione sospetta di eterodossia e di deviazionismo (lo psicoreato): non passa giorno che gli psicopoliziotti non smascherino spie e sabotatori.

È compito del Miniamor anche plasmare le menti dei membri e dei cittadini in tutti i modi possibili per garantire, insieme alla solerte opera del Miniver che altera l’informazione e falsifica la storia, l’infallibilità del regime.

Negli ultimi mesi si è parlato molto di 1984, equiparando il capolavoro distopico orwelliano alla realtà che stiamo vivendo. Per esempio, la costituzione di task force sulle fake news è stata intesa come l’anticamera del Ministero della Verità orwelliano.

Non basta a quanto pare, però, la furia censoria che è divenuta conclamata nell’ultimo anno e mezzo con l’oscuramento di video e contenuti non allineati al Sistema.

Oggi si aggiunge un tassello in più, perché stiamo assistendo a un passo successivo, la creazione di un Ministero dell’Amore con la sua psicopolizia.

Ce ne dà conto Giornalettismo che racconta del nuovo progetto firmato Paolo Tuttotroppo con la collaborazione di Claudio Michelizza e di ParadoxOrama per portare all’attenzione della polizia i reati di chi fa disinformazione.

Leggiamo nell’articolo:

«Se l’iniziativa avrà successo, quindi, l’avvocato e i debunker hanno già in mente una serie di personaggi tra quelli che hanno maggiore visibilità da segnalare e rendere protagonisti di dossier che verranno inviati direttamente alle procure».

I dossier prodotti dovrebbero quindi essere frutto di “indagini” e arrivare sulle scrivanie dei poliziotti che dovranno “solamente leggerli”. I primi malcapitati su cui si è posato l’occhio del Grande Fratello sarebbero i coniugi Gatti-Montanari.

Dalla censura alla psicopolizia

La censura sta erodendo progressivamente il pluralismo, svuotando il dibattito politico, etico e sociale, legittimando il silenziamento delle voci dissenzienti. Si stanno abituando i cittadini ad accettare gradualmente provvedimenti che fino a qualche anno fa sarebbero stati impensabili e avrebbero suscitato reazioni forti e sollevazioni popolari.

Ancora prima che entrassimo nella spirale della pandemia, nel 2018 con la prima edizione di Fake news già avevo immaginato e previsto uno scenario simile, che si è concretizzato di recente nell’apatia di molti, terrorizzati dalla pandemia e distratti dai dispositivi governativi basati sul biopotere e la biosicurezza.

In questi mesi, taluni sono arrivati a parlare di “censura costruttiva”, spiegando come in una situazione di emergenza sanitaria sia “etico” e doveroso oscurare i contenuti “pericolosi” per salvaguardare la collettività dal rischio di disinformazione.

Molti si sono fatti convincere da questo argomento, arrivando a sostenere che sia lecito silenziare le voci controcorrente che dissentono e mettono a rischio la liturgia del pensiero unico, discostandosi per esempio dai “dati ufficiali” e dalla scienza. Scienza, però, che viene piegata al biopotere e che insieme ai suoi dogmi è finita per assumere un’aura di religione con i suoi feticci e i suoi culti superstiziosi, divenendo l’esatto opposto di quello che dovrebbe essere: un culto dogmatico, infallibile, inviolabile, manicheo. Una scientocrazia.

Non ci si rende conto che le limitazioni alle nostre libertà fondamentali, quali il diritto di informazione e di espressione, che vengono adottate oggi in uno stato di eccezione, non verranno sospese una volta che l’emergenza sarà finita. Si tratta semmai di un processo strisciante, subdolo, che sta avvenendo per gradi, da anni, in modo che la gente non si renda conto di essere sottoposta a manipolazione.

Ora si sta andando ancora oltre la censura, in un clima che riecheggia la Stasi e il Miniamor orwelliano.

Improvvisati inquisitori che con altrettanto improvvisati delatori creano dossier su coloro che osano esprimere un pensiero critico o esporre le proprie ricerche (siano esse corrette o no fa parte del pluralismo e della democrazia il diritto di esprimerle) nella speranza che intervenga la psicopolizia a impedire a costoro di esprimersi liberamente.

Come ripeto da anni,

la battaglia contro le fake news, infatti, è una moderna caccia alle streghe che ha un duplice scopo: da un lato portare alla creazione di una informazione certificata, dall’altro ottenere la legittimazione morale della censura. Perché il peccato che il potere non può tollerare è che i cittadini osino pensare in maniera critica, diffidando dal catechismo del pensiero unico e che in questo modo, smettano di farsi manipolare controllare.

 

Per approfondimenti:

Enrica Perucchietti, Fake news, Arianna Editrice.

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

17 commenti

  • Nicola Buono ha detto:

    Intanto , visto che i vaccini ” funzionano” e sono ” buoni ” , la strage continua….

    https://youtu.be/dua6DoD1WtU

  • Nicola Buono ha detto:

    La dottoressa Perucchietti ha ragione. 1984 è già cominciato. É partita la caccia all’uomo cioè ai dissidenti. A proposito dei coniugi Gatti Montanari, ecco solo un assaggio di quanto ho trovato in Rete. È AGGHIACCIANTE.

    https://www.paolotuttotroppo.it/dossier-montanari-gatti-indagine-sui-coniugi-no-vax/

  • silvio esposito ha detto:

    Tutta pura verità il post e i commenti. Per concludere possiamo dire è tutta una questione di soldi? Chi ha più pallottole spara e chi ha più soldi comanda. L’inizio della fine è proprio qui: con i soldi si comprano l’OMS, si comprano tutti i media, si comprano la falsa chiesa e si comprano le persone alle quali spillano soldi se non ubbidiscono, e ancor più sottilmente usando nuove conquiste in campo psico-sociologico non avranno neppure più bisogno di ubbidienza facendo desiderare alle masse quello che vogliono imporre (finestra di Overton, rana bollita, falsa filantropia, messaggi sublimali…). Ma non tutti: “Beati quelli che confidano nel Signore… non così, non così gli empi: saranno come pula che il vento disperde”.

  • Carlo ha detto:

    L’Occidente e con lui la Chiesa, da qualche tempo, si comportano come schiavi e dunque meritano la schiavitù. Deo gratias, la libertà è a portata di mano: la verità. Il diavolo e i suoi seguaci sono condannati alla menzogna e all’oscurità. Come gli acari, non resistono alla luce. L’ha insegnato Santa Caterina da Genova. Per loro, mentire è una necessità vitale, come l’aria per la vita. La luce della verità gli uccide.
    Ma la verità è croce, e prima di salvare, fere e anche uccide.
    È il cammino di Cristo. Non c’è altro. Bisogna meritarla.
    Il cattolicesimo senza Croce di Bergoglio e dei conservatori supplicanti porta alla schiavitù e alla morte. L’enorme menzogna del coronavirus lo prova. Ma la meritano. Soprattutto i conservatori, di cui si potrebbe aspettare qualche resistenza. L’esercito che attacca è il nemico, ma l’esercito che non difende è traditore.

  • Legionario Romano ha detto:

    improvvisamente apparve il Goel che diede l’ordine di non fare prigionieri e fu il Trionfo del Cuore Immacolato

    • Ateo Devoto ha detto:

      Non credo che dovrebbe trascorrere molto tempo oramai…
      Tutto sta accelerando in modo troppo rapido perché si possa continuare in questo modo ancora a lungo.

  • Nicola Buono ha detto:

    Nel frattempo Grillo incontra l’ambasciatore del Dragone a Roma. All’incontro doveva partecipare anche Giuseppe Conte ma ha RINUNCIATO CAUSA LE POLEMICHE. MA STATE SICURI CHE LO FARANNO PERCHÉ CONTE DEVE RICEVERE LA ” BENEDIZIONE ” DELLA CINA COME PROSSIMO CAPO DEI M5S .
    https://www.secoloditalia.it/2021/06/grillo-porta-conte-dai-cinesi-meioni-i-5stelle-quinta-colonna-del-regime-di-pechino-in-italia/

    https://www.corriere.it/politica/21_giugno_11/m5s-giuseppe-conte-beppe-grillo-visita-all-ambasciata-cinese-695117fa-cac1-11eb-8ed4-12d8a45dc37a.shtml

    P.S..

    QUESTO SIGNIFICA CHE IL M5S È LA QUINTA COLONNA DEI CINESI IN ITALIA

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Lontano 1948 ? Come dire nell’era paleozoica ? Non è, per caso, che Orwell non ha inventato proprio niente?

  • MASSIMILIANO ha detto:

    Marcello Foa…? AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA…. A posto siamo. Saluti.
    Massimiliano

  • Davide Scarano ha detto:

    Questi “debunker” probabilmente hanno modificato la Costituzione a mia insaputa. Non dovrebbe essere la Magistratura ad aprire un procedimento? In quali casi l’autorità di Pubblica Sicurezza può agire d’ufficio con poteri di Polizia giudiziaria? Grazie a chi vorrà rispondermi così da capire “nel merito” quale destino potrebbe attenderci.

    • Don Ettore Barbieri ha detto:

      Infatti i dossier sono inviati alle Procure; poi, magari, anche alla polizia che se vorrà potrà a sua volta interessare la magistratura..

  • Enrico Nippo ha detto:

    Consapevolezza? Molto bene.

    Ma l’AZIONE che ne deve seguire quale sarebbe?

    Altrimenti, una consapevolezza passiva a che serve?

    Nessuno vorrà sostenere che per dissociarsi dal sistema bastino le parole.

    Occorre una REAZIONE POSSENTE di FORZE CONVERGENTI.

    Chi è in grado di suscitarla e organizzarla?

  • Zuzz ha detto:

    Meglio tardi che mai !
    Sono felice che si stia acquistando consapevolezza di quanto accade nel mondo dell’informazione. Ma sì è dovuto arrivare all’oscuramento dai social network di Donald Trump per arrivare a capire che esisteva il problema.

    • Januensis ha detto:

      Se pensiamo a quanto viene descritto nella Sacra Scrittura, dobbiamo riconoscere che le proposte fatte dal serpente ad Eva erano decisamente accattivanti.
      Il serpente non disse ad Eva che avrebbe dovuto, in seguito alla punizione divina , generare i figli con fatica, avrebbe dovuto aiutare il marito nelle sue fatiche e soprattutto avrebbe dovuto essere cacciata dal giardino di Eden. Nota bene : il serpente sapeva tutto questo ma la sua felicità consisteva nel godere della sofferenza degli uomini.

      • Januensis ha detto:

        Così, quando i collaboratori del serpente, con un piano ben studiato a tavolino, iniziarono a deformare l’informazione tutti furono ben contenti. Cosa proponevano i collaboratori di Satana ? Maggiore libertà : lo slogan più in voga era VIETATO VIETARE. E di conseguenza rottamazione di tutto ciò che poteva sembrare un impdimento alla libertà. Il divorzio, in primo luogo per liberarsi da un legame che poteva sembrare un cammino noioso , senza gioia. Poi i figli , con la legalizzazione dell’aborto e poi la scuola che doveva essere trasformata da scuola di verità a strumento di indottrinamento.

        • Don Ettore Barbieri ha detto:

          Sì, ma Satana è come l’omino che conduce Pinocchio e Lucignolo nel Paese dei Balocchi: prima “liberazioni” e godimenti a gogo (dagli anni ’60 fino a non molto tempo fa); poi, come l’omino trasformava i ragazzi in asini da lavoro, così il demonio ha decretato la fine della “festa” da lui stesso organizzata e sta chiedendo il conto ai tanti asinelli che gli sono andati dietro.

Lascia un commento