Sbirreria Italia. Laporta: Latitanze, Rientrano 9 su 200, Un Successo?

30 Aprile 2021 Pubblicato da 25 Commenti

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, il generale Piero Laporta ci offre questa riflessione illuminate e impietosa sull’estradizione di alcuni terroristi latitanti in Francia da decenni. Da non perdere, assolutamente. Buona lettura.

§§§

Un successo la cattura di 9, diconsi nove terroristi latitanti, su 200, diconsi duecento?!? Ospitati in Francia dagli anni ’70, i primi oltre quarant’anni fa, ben prima che François Mitterand divenisse presidente, nel 1981. La c.d. “dottrina Mitterand”? Un saio per travestire da suora una prostituta, la consorteria internazionale tuttora finanziante la dorata latitanza degli assassini, altri 191 almeno.

Anni dopo aver pubblicato su Il Mondo un’impietosa analisi delle forze di polizia, dissi a Ettore Gotti Tedeschi: «Le caserme delle polizie sarebbero un ottimo focolaio semmai la rivoluzione scoppiasse in Italia». Allora avevamo 350mila poliziotti, mal pagati, peggio impiegati e dagli svariati cappelli: CC, PdS, GdF, Forestali, Penitenziari e Capitanerie di Porto; polizie locali, provinciali e regionali. Sul far della sera, subentrano le polizie private, pagate dai medesimi cittadini che già finanziano le molteplicità precedenti. Sprechi e duplicazioni a non finire. La PdS fu sindacalizzata dal 1981, per far ingoiare il massacro di centinaia di polizotti sulle piazze e il ludibrio da parte di registi, giornalisti e scrittori, i più vecchi dei quali formatisi sotto il fascismo e poi gorgheggianti: «Avanti Popolo alla Riscossione…». La stessa politica sbandierante l’intransigenza per far morire Aldo Moro, fece massacrare il capo della Mobile Antonio Ammaturo, odiato dai criminali brigatisti, per far liberare il galantuomo Ciro Cirillo. La parabola della Repubblica: da Ciro Cirillo a Ciro Grillo.

Epperò eravamo e siamo il paese con più polizia al mondo, sia rispetto al numero dei cittadini sia rispetto alla superficie. Situazione nel frattempo peggiorata: alle polizie vere e proprie abbiamo aggiunto l’Esercito. Cominciammo nel 1992, coi c.d. Vespri Siciliani, per gabellare un’«emergenza mafia», ombra cinese della fraterna emergenza Stato-Mafia, che stritolò Pio La Torre, Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.

Oggi l’Esercito funge da agenzia nazionale di pompe funebri; raccoglie, trasporta, distribuisce e inocula vaccini; presidia ambasciate e abitazioni dei capataz; ospita e soccorre clandestini. Fa insomma quanto dovrebbero polizie e agenzie di Stato preposte e pagate. Com’è oramai chiaro anche a Timbuctù, dopo le fognature a rotelle di Conte e Arcuri, occorreva un generale dell’Esercito, Francesco Figliuolo, pure per le siringhe.

Grandi personalità sinistre, p.e. il comico partenopeo Vincenzino Saltalafila e l’enfiata Murgia, s’adombrano per Figliuolo con l’uniforme e non s’avvedono del Bel Paese trascolorante in Sbirreria Italia, andando in corto circuito, col rischio di collasso autoritario tanto sorprendente quanto prevedibile.

Non potresti impallinare la Costituzione con raffiche multiple di Dpcm, affliggere i cittadini col locdaun, nascondere le palamarate, acquistare le mascherine dall’amico cinese con la complicità dell’amichetta di Bergoglio, accogliere a peso d’oro le Ong coi clandestini, arrestare chi si difende e liberare chi uccide e ruba. Non potresti…a meno che tu non sia sicuro ma proprio sicuro che in tutte le caserme, ma proprio tutte, abbiano dimenticato la formula di giuramento: «Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina e onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni». Costituzione? Disciplina e onore? Difesa della Patria? Salvaguardia delle libere istituzioni?

Sì, puoi raddoppiargli gli stipendiucci con gli straordinari e le percentuali sulle multe; sì, puoi dare a intendere in tivvù che le polizie sono col popolo; eppure non basta.

Quando infatti li hai costretti a vaccinarsi e gli son venute le trombosi anche i sindacalisti gialli si sono preoccupati. Allora che si fa? Occorre rifarsi l’immagine, far parlare d’altro a tg e stampa. Chiediamo alla Francia di ridarci cinquanta terroristi. Parigi ci aiuta. Occorrono due anni per l’estradizione. Facciamo una bella campagna di stampa; noi siamo per la legalità e con le nostre valorose polizie. Superiamo le elezioni quirinalizie e quelle politiche del 2023, poi tutti se ne dimenticano. Siamo in Italia, suvvia.

Sembra di vederli mentre si scambiano sguardi compiaciuti e sorrisi complimentosi, senza mascherine, ovvio.

Risposta da Parigi: «Cinquante réfugiés? Vous êtes stupide. Nous vous en donnerons cinq, pas un de plus» (Cinquanta rifugiati? Voi siete scemi. Ve ne diamo cinque, non uno di più).

Tira e molla, alla fine gliene danno dieci, cifra tonda, facendoli avvertire prima di catturali in modo da trovarli, come usa dire, puliti. Tre non si sono fidati e se la sono data a gambe. Poi devono avergli spiegato meglio e mentre scriviamo solo uno manca all’appello. Intanto sono già tutti a piede libero e tirano a campare bene.

Il corto circuito non è tuttavia scampato. Hanno fatto un errore; dopo tanti anni può capitare. Hanno messo in lista Marina Petrella. Come avverte su Huffington Post, Maria Antonietta Calabrò, una che la sa lunga, la Petrella era ai vertici della colonna romana delle Br, guidata da Barbara Balzerani, durante i giorni del sequestro dello statista Aldo Moro. Se mai la faranno rientrare, dovranno liberarla in poco tempo. Essa confermerà che Aldo Moro era in via Fani, fermoimmobile, aspettando che finisse la tempesta di fuoco, per farsi portare via, senza un graffio, da un branco di scimuniti, le cui armi si incepparono? E confermerà pure che il povero Oreste Leonardi non fu spostato per portargli via l’ordine scritto che egli pretese da chi volle prendere in custodia Aldo Moro? Certo. Come dubitarne? È tutto provato nel memoriale che Valerio Morucci consegnò allo statista Francesco Cossiga, depositato in procura dopo due anni. Parola d’onore quindi di Valerio Morucci, Adriana Faranda e Francesco Cossiga, Giulio Andreotti, Enrico Berlinguer e Benigno Zaccagnini; parola d’onore di Barbara Balzerani, Marina Petrella e Mario Moretti, parola d’onore. Aldo Moro è stato rapito dalle Bierre, in via Fani, tenuto per due mesi in uno sgabuzzino romano di due metri quadri, scovato da un piemme che ovviamente NON lavorava per i servizi sovietici. È tutto tanto e così vero che hanno secretato i documenti per altri trent’anni, in attesa che si decidano a morire i residuali di quegli anni e i giornalisti caudatari. Sarebbe molto, davvero molto divertente se Vladimir Putin lasciasse trapelare qualche brandello di verità su questa commedia.

A che serve il terrorismo se non a intorbidire la politica? Ecco riportano nove burattini in Italia dopo 40 anni e lo spacciano per un successo, terrorizzati dalle polizie che dovrebbero proteggerli.

«Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina e onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni», non è così?

Piero Laporta

www.pierolaporta.it

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

25 commenti

  • FRANJO ha detto:

    Caro Generale, in attesa di leggere ciò che scriverà il prossimo 9 maggio, volevo ricordare che esiste un altro brigatista latitante, ospitato dal più lontano Nicaragua, che vive lì da decenni indisturbato ed anzi riverito ristoratore di lusso. Alessio Casimirri credo sia cittadino vaticano, il padre era un generale che ebbe dopo la carriera militare incarichi di rilevo nella Sala stampa vaticana e all’Osservatore romano. Mi risulta che, almeno fino a qualche anno fa, il suo ristorante fosse frequentato anche da rappresentanti delle istituzioni italiane, che sapevano benissimo chi fosse. I tentativi di pezzi dello Stato di “riportarlo a casa” furono sempre vanificati. E’ uno tra quelli che dovrebbero sapere di più sulla fine del povero Moro, uno dei pochissimi cavalli di razza della politica italiana, peraltro splendido esempio di docente universitario, come mi testimoniò una sua allieva.

  • don Egizio ha detto:

    Intanto cominciamo a chiarire una cosa:
    la dottrina “MITTERAND” non fu un’idea di Mitterand, ma dell’ABBE’ PIERRE, che era parente di qualche brigatista.
    Andate bene a cercare il ruolo dell’abbé Pierre in relazione alla scuola di lingue farlocca messa su dalle BR (non pentite, attive) a Parigi, magari capite qualcosa su chi ha protetto i brigatisti, non quelli della generazione di Curcio, quelli di Moretti & C. ben più sanguinari.
    don Egizio

  • Agostino Nobile ha detto:

    La cosa mi puzzava di bruciato, grazie a te la mossa del governo Draghi non mi puzza più. Non solo. Il tuo articolo dimostra ancora una volta che i nostri giornalisti, destra e sinistra, non sanno un cappero o sono pennivendoli. Grazie Piero.

    • PIERO LAPORTA ha detto:

      Sanno, sanno eccome se sanno
      Ti abbraccio

      • PIERO LAPORTA ha detto:

        Per portare Aldo Moro al macello, nei due anni precedenti quotidiani e tv nacquero passarono di mano.
        Poi la quadriglia si ripeté per Manette Pulite

      • Zuzzurellone ha detto:

        Ricordavo il nome di Barbara Balzerani, ma non avevo notizia della Petrella. Ho letto l’articolo della Calabro’ a cui lei rimanda, generale, e sono rimasto attonito a leggere gli innumerevoli assassini di cui si è resa colpevole una semplice segretaria di scuola media di un’istituto forse un po’ fuori mano.Sulla Cassia.
        A quell’epoca il giuramento di fedeltà alle leggi dello stato veniva richiesto non solo ai poliziotti ma anche ai docenti al momento dell’immissione in ruolo. Mi sto chiedendo se anche i segretari dovessero fare lo stesso giuramento.
        Devo aggiungere che oggi, nello spazio tv di QUANTE STORIE, Corrado Augias ci ha seraficamente spiegato che la dottrina Mitterand non è mai esistita. E allora, in base a quale trattato segreto i nostri filibustieri hanno potuto vivere e prosperare in un paese che non ama gli italiani come la Francia ?

        • PIERO LAPORTA ha detto:

          lo spiegherò per il 9 maggio

        • Don Ettore Barbieri ha detto:

          Per quanto ne so, un tempo tutti gli impiegati pubblici prestavano giuramento di fedeltà.

          • PIERO LAPORTA ha detto:

            E’ vero, fino ai semintellettuali alla Sciascia (né con lo Stato né con le Br), nipoti dei Sublimi Maestri Perfetti.
            Le massonerie, rimediando ai guasti operati nel secolo precedente, preparano quelli da riparare nel secolo successivo.

      • PIERO LAPORTA ha detto:

        la pratica è stata aperta dal primo governo Conte

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Non sarà un successo ma è sempre meglio di niente. Se poi è un inganno per condizionare la gente ad avere un’alta stima degli attuali uomini al comando allora è un atto più criminale di quelli compiuti dai criminali estradati.

    • PIERO LAPORTA ha detto:

      Questo è, mi perdoni, un sofisma.

      • stilumcuriale emerito ha detto:

        Mi scusi , Generale, ma dove sarebbe il sofisma ? Forse mi sarò espresso male, ma il sofisma non è nella mia indole. Anzi !

      • stilumcuriale emerito ha detto:

        Forse, invece che “se poi” avrei dovuto scrivere “se invece” e tutto sarebbe stato più chiaro. Comunque se in un esperimento con un ratto, il ratto non si comporta come previsto dallo sperimentatore, chi ha sbagliato non è il ratto ma lo sperimentatore.

  • Virro ha detto:

    Gen. Laporta, non posso scrivere i nomi di chi vorrei mettere nella botte , al posto di Atilio Regolo, o di Aldo Moro.
    Certo è, che i più f a l s i sono tutti a piede libero.
    Certo è, che i giornalisti “onesti” e i proprietari delle testate giornalistiche, sembrano una specie che va estinguendosi.
    Certo è, che oggi la vera verità d e v e essere messa a tacere perché la falsità deve sventolare la sua vittoria.
    Certo è, che il dramma che viviamo oggi, chiesa e parlamento, (italiano, europeo, onu), questi non sono più testimoni meritevoli di rispetto e di ascolto (cattivi testimoni).
    Generale la ringrazio sempre per tutto quanto di volta in volta ci (ha) comunica(to).

  • Giuseppe ha detto:

    Grazie ancora Laporta, leggere disamine intelligenti come la tua mi fa ancora sperare per il bene dell’Italia.

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    Dunque, amatissimo Generale, la politica NON “è la continuazione delle guerra con altri mezzi” (come sosteneva il suo affine C. von Clausewitz).
    È – soprattutto ora – un senza “virtù” che si auto-glorifica, si auto-perpetua, si bene-dice e viene “benedetto” (se sinistrorso) come “benefattore dei popoli”.
    Soprattutto l’attuale “politica” eco-demo-plutocratica. Una tirannide ben pagata di furbi per molti scimuniti e per pochi intelligenti ma impotenti sudditi.
    Almeno nelle “guerre” c’erano coraggio ed eroismi e nei terroristi “sanguinari” (e anche vigliacchi) un sottofondo di “idealismo”.
    Ma negli “ecumenici” governanti attuali quali “virtù” possiamo scorgere?
    I DPCM generosi e le “randellate” a un coronavirus che sghignazza delle “misure sanitarie”?

    • PIERO LAPORTA ha detto:

      Caro Amico la mia definizione di guerra non ha nulla dei romanticismi del Prussiano.
      :La guerra è rapina. Se la vittima designata resiste, è rapina a mano armata”

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Se e quando verranno estradati… Nel gioco degli specchi il riflesso di un compromesso spacciato per successo. Nella scia di fumo mezze verità appannate dalla melassa di un sentimentalismo patetico.

    • PIERO LAPORTA ha detto:

      Esattamente un gioco di specchi, come sempre avviene quando la politica è lasciata nelle mani dei servizi segreti

Lascia un commento