Porfiri, San Pietro: Crediamo Ancora che la Messa sia il Centro di Tutto?

28 Aprile 2021 Pubblicato da 4 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, in questo breve video il M° Aurelio Porfiri esprime la sua valutazione sulle recenti disposizioni – secondo non pochi illegittime – che limitano fortemente la celebrazione delle messe individuali nella basilica di San Pietro, contrariamente a una tradizione antichissima, e al desiderio di molti sacerdoti, in Vaticano e in tutto il mondo. Buona visione e buon ascolto.

§§§

§§§




Ecco il collegamento per il libro in italiano.

And here is the link to the book in English. 


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

4 commenti

  • Anna Maria DeMatteis ha detto:

    Penso che il valore altissimo della Santa Messa come alto Sacrificio eucaristico, si stia perdendo un po dappertutto. A tutti i livelli e gradi nella Chiesa. Siamo chiamati, ciascuno nel proprio ruolo e secondo la propria vocazione, far riscoprire l’alto valore della Santa Messa, con la nostra testimonianza di fede, con lo stile con cui partecipiamo ad essa, la sacralità del nostro sguardo, la nostra postura, le nostre mani, il nostro inginocchiarci ecc…Non come esternazioni farisaiche ma come atteggiamenti che nascono da un cuore innamorato di Cristo!! Gonfio di gioia e di gratitudine per Lui!

  • Sherden ha detto:

    Caro Tosatti, stimato Maestro Porfiri
    ho letto giusto oggi una notiziola che vi giro:
    http://asianews.it/notizie-it/Chiesa-in-Cina:-il-2021-dominato-dai-100-anni-del-Partito-comunista-cinese-52418.html
    riportata anche da:
    https://www.aldomariavalli.it/2021/04/28/conoscere-e-ringraziare-il-partito-ecco-la-liberta-religiosa-secondo-pechino/
    Direte voi: “sarà contento Sorondo” (e non c’è bisogno che si spieghi chi è) “ma che c’entra con l’articolo?”
    C’entra, invece. Perché è semplicemente l’anteprima di quello che – di questo passo – presto o tardi accadrà anche da noi.
    Altro che messe individuali, carissimi: saranno sostituite da “incontri religiosi” (niente Eucarestia, ché sarebbe “divisiva”), a tema ambientalista o immigrazionista o (teutonicamente parlando) aperturista (magari, per non bisticciare, faranno a settimane alterne), sottintendendo una malcelata adorazione del diounicodellareligionemondiale. Chi verrà sorpreso a pregare da solo andrà in gattabuia, giacché sarebbe impossibile sapere a Chi si rivolge e cosa Gli chiede
    Altro che musica sacra, stimato Maestro: basteranno gli inni ufficiali. In Cina per ora è quello del partito, ma nelle nostre parrocchie va alla grande “Hallelujah” di Cohen (che si canticchia perché “ha una musichetta bella, e poi parla di alleluja che, insomma, qualcosa di cristiano deve pure averla”), quasi alla pari con “Imagine”, altro pezzo forte negli oratori).
    Neppure io riesco a capire a fondo il perché del divieto di celebrare messa individualmente. E sì che “persino l’anacoreta che medita in solitudine, per il quale i giorni e le notti ripetono le lodi di Dio, prega per la Chiesa, il Corpo di Cristo incarnato” (T.S. Eliot, “La Rocca”).
    In Cina, se li scoprono, li “rieducano”. Qui, per ora, li cazziano. Per ora.

  • Donna ha detto:

    Questa domanda, a titolo dell’articolo, dovrebbe essere rivolta a Bergoglio….ma soprattutto dovrebbe essergli riproposta la seguente :
    Allora Gesù chiese loro: «E voi, chi pensate che io sia?»
    Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Messia, il Figlio del Dio vivente!»

    …,ma dato il documento di Abudhabi, la risposta già data potrebbe essere così formulata:”..uno dei tanti”
    …tristezza….

  • Veronica Cireneo ha detto:

    Dottor Porfiri, buongiorno!
    Sapesse quanti tra i fedeli si sono fatti questa domanda e come il Suo disappunto sia trasversale tra di noi.

    Certo!
    Un conto celebrare una Messa, un conto celebrare dieci.

    La Messa è il massimo degli esorcismi! L’offerta a Dio di Suo Figlio Crocifisso che Lo implora incessantemente per la salvezza delle anime.

    Ma nel tempo dell’inganno universale, della dittatura dell’anticristo, dove viene dato a Cesare anche e soprattutto ciò che è di Dio, come potrebbero i reprobi accettare che Dio salvi più anime possibili?

    L’intento del nemico è il contrario:
    Che si dannino più anime possibili.

    Provvediamo con un’intensificazione maggiore della preghiera personale.

    Grazie!

    Deo gratias!

Lascia un commento