Ma che Draghi! Qui ci Sono solo Lucertole Ammaestrate. Pericolose.

1 Aprile 2021 Pubblicato da 20 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, nella letteratura e mitologia cinese il drago ha un posto speciale. Ha un ruolo importantissimo nei miti cosmogonici della nascita del mondo. In base alla mitologia cinese è uno degli animali mitici che aiutano Pangu (il primo essere vivente, nato dall’equilibrio creatosi nell’uovo cosmico fra Yin e Yang) a separare il caos primordiale a dare origine al Cielo e alla Terra. Non a caso i due primi sovrani, nella mitologia cinese, Fuxi e Nüwa, maschio e femmina, radice delle umane creature, sono rappresentati come una simbiosi di umano e drago.

Il nostro personale drago, nell’orgia di entusiasmi mediatici che hanno accompagnato la sua irrituale chiamata al Colle avrebbe dovuto rappresentare proprio questo: rimettere ordine nel caos primordiale generato dal governo giallorosso Conte.

Draghi e i suoi ministri hanno giurato il 14 febbraio scorso. Un mese e mezzo fa. Vi siete accorti di qualche cambiamento? In peggio, forse. Il Presidente del Consiglio continua a tenere rinchiuso ai domiciliari il Paese, con annesso coprifuoco (a Roma, mi dice qualcuno, più lungo ormai di quello imposto dai nazisti…) sulla base di che cosa? Di teorie alla cinese, non suffragate da studi scientifici. Anzi: lo studio scientifico più completo e recente pubblicato dalla Stanford University, dice esattamente il contrario. Lo potete trovare a questo link, e vi offriamo una nostra traduzione dell’abstract:

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/eci.13484?fbclid=IwAR31Xp2hwnSGR3dJsyqpeg48HrIQ_nXO24tT6i02Uc9VBwaPl7Fd1IwEsEA

 

Abstract

Background e obiettivi

Gli interventi non farmaceutici (NPI) più restrittivi per controllare la diffusione della COVID-19 sono il soggiorno obbligatorio a casa e la chiusura delle attività. Date le conseguenze di queste politiche, è importante valutarne gli effetti. Valutiamo gli effetti sulla crescita dei casi epidemici delle NPI più restrittive (mrNPI), oltre a quelli delle NPI meno restrittive (lrNPI).

Metodi

Abbiamo prima stimato la crescita dei casi di COVID-19 in relazione a qualsiasi implementazione di NPI in regioni subnazionali di 10 paesi: Inghilterra, Francia, Germania, Iran, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Corea del Sud, Svezia e Stati Uniti. Utilizzando modelli a prima differenza con effetti fissi, isoliamo gli effetti delle mrNPI sottraendo gli effetti combinati delle lrNPI e delle dinamiche epidemiche di tutte le NPI. Usiamo la crescita dei casi in Svezia e Corea del Sud, 2 paesi che non hanno implementato il soggiorno obbligatorio a casa e la chiusura delle attività, come paesi di confronto per gli altri 8 paesi (16 confronti totali).

Risultati

L’implementazione di qualsiasi NPI è stata associata a riduzioni significative della crescita dei casi in 9 dei 10 paesi dello studio, comprese la Corea del Sud e la Svezia che hanno implementato solo lrNPI (la Spagna ha avuto un effetto non significativo). Dopo aver sottratto gli effetti dell’epidemia e delle lrNPI, non troviamo alcun effetto benefico chiaro e significativo delle mrNPI sulla crescita dei casi in nessun paese. In Francia, per esempio, l’effetto delle mrNPI era +7% (95% CI: -5%-19%) rispetto alla Svezia e + 13% (-12%-38%) rispetto alla Corea del Sud (positivo significa pro-contagio). Gli intervalli di confidenza al 95% escludevano cali del 30% in tutti i 16 confronti e cali del 15% in 11/16 confronti.

Conclusioni

Anche se non si possono escludere piccoli benefici, non troviamo benefici significativi sulla crescita dei casi di NPI più restrittive. Riduzioni simili nella crescita dei casi possono essere ottenute con interventi meno restrittivi.

***

Il Presidente del Consiglio nel corso delle conferenze stampa fa riferimento ai “dati” del Comitato Tecnico Scientifico. Quanto sono affidabili? Vi invitiamo a leggere –esistono ancora, per fortuna, giornalisti che cercano di praticare un’informazione seria – l’articolo scritto da Giacomo Galeazzi, de La Stampa, giornale che certo non si può sospettare di negazionismo, con un esperto della Lumsa. https://www.lastampa.it/topnews/primo-piano/2021/01/23/news/covid-studio-lumsa-i-conti-non-tornano-indice-di-contagio-rt-falsato-1.39809663

***

E vi invitiamo ad ascoltare quello che dice il prof. Maruotti, grande esperto di statistica, sul medoto usato e sull’algoritmo impiegato dalla banda Speranza per decidere delle nostre vite e della vita del Paese. “Andrebbe buttato”, è il commento icastico; e “Metodologia scientifica fallace, sicuramente”, è un altro. E afferma che l’Istituto Superiore della Sanità si tiene i dati ben nascosti, e che è difficile per scienziati indipendenti avervi accesso….E su questo i Governo dei Migliori continua a devastare il Paese. Ma ascoltatelo.

 

***

E poi affrontiamo il tema delle cure. Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato un dettagliato commento della dott.ssa Silvana De Mari al protocollo di cure anti-Covid emanato dal Ministero della Salute. Che si poteva riassumere in poche parole: “Tachipirina e vigile attesa”. Mentre dai cialtroni “esperti” che imperversano sulle Tv di regime e sui giornali del nuovo regime partivano strali contro i medici, grazie  a Dio sempre più numerosi,  che non seguono quel protocollo criminale, curano le persone, ed evitano che la malattia peggiori e le conduca in ospedale. Anche il Corriere della Sera, finalmente sembra essersene accorto. Ma sono mesi e mesi che medici in tutta Italia cercano di diffondere queste verità, ostacolate dagli interessi di chi vuole vendere vaccini, vaccini e solo vaccini. Eppure dal Ministero della Saluta si continua con Tachipirina e vigile attesa…quante persone sono morte, a causa di questo? E quante hanno passato settimane di sofferenza in ospedale?

Vi offriamo qui la lettera ricevuta da un lettore del nostro blog, che sintetizza in maniera mirabile il quadro:

Ora la maggior parte delle domande ha avuto risposte dai fatti. In particolare, mi riferisco alla smentita fattuale delle ‘indicazioni terapeutiche’ date a suo tempo, e tuttora ribadite, dai vari istituti sanitari (ISS, AIFA, Ministero della Sanità): solo vigile attesa e paracetamolo! Nonostante la sentenza del TAR del Lazio, la presa di posizione dei medici in Piemonte, che hanno constatato che proprio gli approcci terapeutici tanto demonizzati in tutte le sedi dalle istituzioni sanitarie e dai noti buriologi si sono rivelati assolutamente appropriati e sono utilizzati con successo da molti medici , tra cui in particolare quelli di Ippocrateorg.org .

 

Così, chi segue le indicazioni ufficiali per sospetto Covid19 se ne sta segregato limitandosi ad assumere Tachipirina (=paracetamolo); il miglioramento dei sintomi, scambiato per un regresso della malattia, lo induce ad assumerne altra; e così rischia di intossicare il fegato e di aumentare l’infiammazione. A riprova di ciò, allego il bugiardino del Fluimucil in cui si specifica che il suo principio attivo è, anche, un antidoto per le intossicazioni da paracetamolo!!!!  

 

Abbiamo dunque un protocollo terapeutico ufficiale che ottiene questi risultati:

Riduce le difese immunitarie (in quanto il paracetamolo inibisce il glutatione, fondamentale per l’efficienza del sistema immunitario)

Aumenta l’intossicazione e quindi l’infiammazione.… in una patologia che uccide proprio per infiammazione!

Attenua i sintomi, mascherando il passaggio alla fase critica

Impedisce la cura precoce ed appropriata, demonizzando i farmaci utili  

Se l’obiettivo è quello di aggravare la malattia, intasare gli ospedali, aumentare i decessi non si potrebbe fare di meglio! E se un anno fa si poteva invocare la scusante dell’ignoranza (ma allora perché dare protocolli impositivi?) oggi si cozza contro l’evidenza dei fatti.

E da un’amica, condividiamo con voi questa testimonianza, una mail diffusa a molte persone:

“Carissimi, in questa settimana, data la positività al sars-cov2 di mio figlio più grande, ho fatto esperienza diretta di approccio alla malattia: supportati dal nostro bravo medico di famiglia, ai primi sintomi influenzali (febbre, astenia, mal di testa) e senza attendere l’esito del tampone, abbiamo IMMEDIATAMENTE iniziato la terapia con ANTINFIAMMATORIO e ANTIBIOTICO + AUMENTO MASSICCIO VIT C. e D. + LATTOFERRINA e ZINCO, come suggerito dal prezioso “PROTOCOLLO DI TERAPIA DOMICILIARE” DI IPPOCRATE.ORG che vi allego. La febbre in meno di 24 ore è scomparsa, il mio ragazzo, grazie a Dio, sta bene ed avendolo prontamente isolato, tutti noi siamo risultati negativi (a dimostrazione che il contagio anche tra conviventi non è così scontato).

Perché vi racconto tutto questo? Perché, nel caso in cui voi o un vostro famigliare o conoscente, abbiate come noi direttamente a che fare col virus, sappiate INTERVENIRE con TEMPESTIVITÀ nel modo più EFFICACE; se avessimo infatti aspettato inermi il contatto l’USCA per sentirci suggerire  “TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA”, una “non terapia” purtroppo più dannosa che inutile, nostro figlio con tutta probabilità adesso sarebbe alle prese con un pericoloso aggravamento dello stato infiammatorio. 

Per il bene nostro, delle nostre famiglie, dei nostri amici, DOBBIAMO CONOSCERE E DIFFONDERE QUESTE UTILISSIME INFORMAZIONI DI APPROCCIO AL VIRUS per essere consapevoli e pronti! Altro che “VACCINO”SPERIMENTALE! IL VIRUS SI CURA! 

Tanto vi dovevo, con affetto,  Ilaria”.

E vi riportiamo qui un breve commento sull’operato del Conte giallorosso in quest’anno di sofferenza:

Hanno aumentato i posti letto in terapia intensiva? NO
Hanno aumentato le corse dei trasporti pubblici per evitare gli assembramenti? NO
Hanno sperimentato velocemente le cure promettenti contro il #COVID19? NO
Solo #lockdown e #zonerosse per azzerare il nostro tessuto economico

***

E, soprattutto, aggiungiamo, per terrorizzare la popolazione, e ridurla a uno stato tale di paura e insopportazione da obbligarla a vedere nel “vaccino” l’unica via di uscita; giustificata? Leggete quello che ci scrive un amico, relativamente alla Regione in cui abito:

Nella regione Lazio , secondo i dati Istat , a fronte di 5.722.772 abitanti nell’anno della pandemia 2020 , ci sono stati 62.161 decessi comprensivi di tutte le cause .
L’anno prima nel 2019 erano stati 58.435 . La differenza fa 3.726 decessi in più in un anno , pari al 1,08 % ( decessi ogni 100 abitanti ) .
Se confrontiamo il 2020 con il 2017 anno in cui ci furono 60.881 decessi la differenza fa 1.280. L’indice di mortalità fa 1,11% in un anno . I dati della mortalità nella regione Lazio, hanno ruotato sempre attorno ai 60.000 decessi (sempre dati Istat ).

 

E dobbiamo considerare le persone decedute perché non curate per altre malattie.

Ma questo riguarda l’esecutivo precedente! Direte voi.

Magari. Mario Draghi ha confermato il principale responsabile della disastrosa gestione della pandemia, il ministro Roberto Speranza, che ancora detta legge sulla base dei parametri che hanno avuto tanto successo! E ha confermato anche il Ministro degli Interni, Lamorgese, responsabile di un’invasione continua di clandestini, non pochi dei quali positivi al Covid.

Ma glieli ha imposti il Presidente della Repubblica! Obietterà qualcuno. Il Presidente della Repubblica italiana – secondo la Costituzione – non può imporre nessun ministro a nessuno. Può approvare quelli presentati dal Presidente del Consiglio incaricato.

Quindi, delle due l’una: o il nostro Cincinnato di Città della Pieve è d’accordo con il Presidente della Repubblica, e con i referenti esterni che con tanto amore si occupano di noi, della nostra politica, della nostra salute; oppure non è in grado di valutare con lucidità i risultati disastrosi delle persone che ha confermato in incarichi vitali, e che continuano imperterrite a marciare verso il disastro. E, ahimè, noi con loro.

Il vantaggio che i Cincinnato hanno, sui politici “normali” è che possono dire, una volta chiamati: valuto io, scelgo io, decido io. Se no, grazie e arrivederci.

Se non lo fanno, vuol dire che non sono dei Cincinnato, ma dei Conte con più uso di mondo.

 

§§§




Ecco il collegamento per il libro.


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

20 commenti

  • monica ms ha detto:

    quando ho letto dell obbligo di vaccinazione per il personale sanitario in Italia, conoscendo i dati pubblici sui vaccini attualmente esistenti che non affermano che il vaccinato non possa contrarre e trasmettere ad altri il virus, ho pensato che nel mio amato paese si stesse facendo una volontaria forzatura legislativa. Evento dettato da paura o esperimento pilota pianificato, non lo so. Ma di certo é un pessimo precedente in uno stato di diritto, che si presta ad abusi futuri.

  • Milli ha detto:

    Lamorgese: 70.000 uomini dispiegati a controllare che gli italiani restino chiusi in casa loro durante le feste di Pasqua e porte aperte all’immigrazione clandestina e irregolare.
    Stamattina al tg hanno detto che sono vietati i pic nic all’aperto (pericolosissimi!!) ma ci concedono di spostarci in bicicletta (che cari).
    Vorrei finire con un’espressione colorita, ma per rispetto al dott.Tosatti ve la risparmio, ognuno pensi quella che preferisce.😂

  • Romolo ha detto:

    I numeri dei decessi in più nella regione Lazio del 2020 raffrontati con il 2019 sono stati 3.726 e li abbiamo avuti solo a fine anno . Essi stridono con quanto accaduto in Lombardia nel 2020 quando, in un solo mese e mezzo rispetto al 2019 ci furono 26.272 decessi in più . La cosa strana è che dai grafici interattivi Istat analizzati , in Lombardia tutto inizia il 7 marzo 2020 per terminare a fine aprile 2020. Quindi in un mese e mezzo 26.272 decessi in più .
    Domanda da 1 milione di euro : come fanno a morire in Lombardia tutti a partire dal 7 marzo ??????? Pesaro fa eccezione nelle Marche in quanto ha un grafico simile a Bergamo nonostante sia a 388 km di distanza e presenta la stessa data di inizio decessi del 7 marzo . Gli altri capoluoghi marchigiani sono piatti ovvero rispecchiano il 2019 .
    Possiamo sintetizzare quanto accaduto in Italia nel 2020 così : 48.000 decessi solo al nord tra marzo ed aprile con 26.272 solo in Lombardia. A partire da novembre altri 46.000 decessi in Italia però distribuiti in tutto il territorio in proporzione al numero di abitanti per regione , con una leggera prevalenza in Lombardia. Queste valutazioni sono fatte sempre in funzione di dati Istat .

  • MASSIMILIANO ha detto:

    Si, tutto giusto. Ma ancora evitiamo di rispondere all’unica domanda con un senso logico. Perche? Perchè tutto ciò? Perchè tutti i governi del mondo? Forse dare a quella domanda diamo una risposta ci spaventa? Ci rende insicuri del futuro? Ci fa apparire complottisti agli occhi degli “zombi”? Facciamocela quella domanda e proviamo a unire i puntini… anche quelli che riguardano la Chiesa. E forse il quadro risulterà molto molto più chiaro. Una cosa è certa, chi resisterà nella verità dovrà rinunciare a molte cose, e avrà molto da soffrire. Non esiste una terza via. Saluti e auguri sinceri per una Santa Pasqua.
    Massimiliano

  • Enrico Nippo ha detto:

    “Quando una tigre ruggisce, soffiano i venti della tempesta,
    quando un drago canta, le nubi si radunano.
    Il verso di una lepre o il raglio di un asino
    non hanno invece alcun effetto sul vento e sulle nubi”.
    Nichiren Daishonin (monaco buddista giapponese, 1222-1282)

    Chi è la tigre che fa soffiare i venti della tempesta? Chi il drago che fa radunare le nubi? Chi la lepre e l’asino che non hanno alcun potere sul vento e sulle nubi?

    • Marco Tosatti ha detto:

      Mi sento molto 🐰🐰🐰

      • piccolo dubbio ha detto:

        caro Tosatti, scegliere tra il riconoscersi in un coniglio piuttosto che in un asino effettivamente non è semplice. Lei come mai ha scartato così decisamente l’asino?

        • Marco Tosatti ha detto:

          Perché sono persino più vigliacco che stupido. Contento, adesso? 😇

        • Enrico Nippo ha detto:

          Innanzitutto non di coniglio si tratta ma di lepre, e la lepre di solito è inseguita e irraggiungibile. Ma la lepre (le sembrerà impossibile) può anche inseguire, ovviamente senza poter essere letale all’inseguito, ma comunque tenendolo sempre sotto il proprio sguardo, il che all’inseguito da qualche fastidio.

          Ma ora PICCOLO DUBBIO, che ha avuto una risposta alla sua domanda, vorrà usare la gentilezza di rispondere a sua volta: lui in chi si riconosce, esclusi senza dubbio la tigre e il drago?

    • stefano raimondo ha detto:

      “…Nichiren Daishonin…”

      È il monaco a cui si rifanno – forse impropriamente – quelli della Soka Gakkai, vero? Non mi piacciono, purtroppo ho degli amici che sono cascati in questa “rete”. Un buddismo senza “h”, commercializzato e modernista, almeno così sembra a prima vista. (Ovviamente a Nichiren si rifanno anche altri buddhisti più seri).

      • pasquale ha detto:

        Santi numi! Ci sono i modernisti anche nel buddismo??
        Speriamo esista un Tosatti – Shaolin con un blog per il buddismo tradizionalista e un Viganò – Lama che scrive proclami!!! 🙂

        • Enrico Nippo ha detto:

          ” I momenti più difficili della nostra vita rappresentano l’occasione migliore per acquisire autentica esperienza e forza interiore. Chi ce lo insegna? Non il nostro amico e nemmeno il nostro guru, bensì il nostro nemico”.

          Dalai Lama

          Capito che razza di conversione dovremmo perseguire? E poi Qualcuno non ci ha detto “Amate i vostri nemici”?

          E siamo sicuri di aver minimamente compreso?

          • Milli ha detto:

            Però mi conceda di aggiungere che i momenti più difficili si superano con l’aiuto di Dio. Saluti e buon Venerdì Santo.

          • Enrico Nippo ha detto:

            Certamente.

            Per quanto mi riguarda, sto sempre più verificando quanto sia vero il famoso “Aiutati che Dio t’aiuta”.

            Grazie e serena Pasqua a Lei.

        • stefano raimondo ha detto:

          “Santi numi!”

          Commento numinoso!

    • stefano raimondo ha detto:

      Tutti noi siamo talora tigre/drago e talaltra lepre/asino: dipende dalle circostanze. Purtuttavia non sottovaluterei gli effetti dirompenti del verso della lepre e del raglio dell’asino (che non è detto non incidano sul vento e sulle nubi, atteso che tutto è concatenazione molteplice). 🙂

  • Daria ha detto:

    Grazie per l’articolo, anche se perfettamente comprensibile quando si parla dei dati ISTAT relativi al Lazio, meno quando si fanno i confronti con Svezia e Corea del Sud.
    Comunque se le scrivo e’ per chiederle se ha elementi relativi alla chiusura del canale YouTube Byoblu. Ho visto la notizia sulla prima pagina della Verità, ma non credo di uscire ad acquistarla. Non ho seguito questo canale ma avevo ascoltato quanto si diceva e pensavo potesse essere interessante, anche se non allineato.

    • Marco Tosatti ha detto:

      Non ho elementi oltre a quelli che ho trovato sul web. Buona Pasqua.

    • : ha detto:

      «Interessante anche se non allineato»?

      Sembra di capire che quelli “interessanti” per antonomasia siano quelli allineati. Cioè quelli “politicamente corretti…”

Lascia un commento