Il Ricatto degli Azeri: non Rendiamo i Prigionieri e i Civili se l’Armenia non…

29 Marzo 2021 Pubblicato da 2 Commenti

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, l’aggressione turco-azera contro l’Artsakh, che ha portato alla cessione – almeno temporanea – di una parte di quell’enclave popolata da armeni alle milizie islamiche deldittatore di Baku ha uno strascico doloroso e assolutamente ingiustificato e ingiustificabile dal punto di vista del diritto internazionale e delle leggi dell’umanità. Leggete qui sotto l’appello del Consiglio della Comunità Armena di Roma, che vi invitiamo a sottoscrivere, e il reportage che Korazym.org ha fatto della situazione, in cui trovate anche collegamenti agli articolo precedenti se desiderate avere una panoramica della situazione. Buona lettura.

§§§

 

Pubblichiamo l’appello al governo dell’Azerbaigian per il rilascio dei prigionieri di guerra cui hanno aderito tra gli altri Dacia Maraini, Antonia Arslan, Laura Efrikian, Carlo Verdone e Giovanni Donfrancesco.

Chi volesse aderire può aggiungere il suo nominativo sotto questo post e inviare una mail al seguente indirizzo: appelloprigionieri@gmail.com

APPELLO PER IL RILASCIO DEI PRIGIONIERI DI GUERRA E DEI CIVILI ARMENI

È estremamente allarmante che, nonostante la Dichiarazione tripartita di cessate il fuoco firmata dai leader di Armenia, Azerbaigian e Russia il 9 novembre 2020, centinaia di prigionieri di guerra armeni e civili, tra cui anche donne, restino prigionieri e non siano ancora stati rilasciati dall’Azerbaigian. Molti di loro sono stati catturati dopo la fine delle ostilità.

Ci appelliamo all’Azerbaigian perché restituisca immediatamente e incondizionatamente tutti i prigionieri di guerra e tutte le altre persone catturate alle loro famiglie in conformità con le Convenzioni di Ginevra e con la Dichiarazione tripartita. Tutti gli ostacoli per il rilascio dei prigionieri di guerra armeni politicizzano il processo di ripresa umanitaria postbellica.

La diffusione sui social media dei video che dimostrano il trattamento degradante e disumano nei confronti dei prigionieri di guerra armeni è profondamente preoccupante. Inoltre, il trattamento disumano dei prigionieri di guerra e di altre persone catturate costituisce una flagrante violazione dei principi del Diritto Internazionale.

Crediamo fermamente che il rilascio immediato di tutte le persone catturate sia una questione puramente umanitaria e non debba essere soggetto ad alcuna manipolazione e politicizzazione. Pertanto, sollecitiamo l’Azerbaigian ad astenersi dall’utilizzo di questa questione per scopi politici e a permettere a tutti i prigionieri di riabbracciare i loro cari al più presto possibile.

Il rilascio immediato di tutte le persone catturate contribuirebbe a rafforzare la fiducia tra i due paesi, essenziale per la stabilità della regione e nell’auspicio di una pace duratura.

§§§ 

Il dittatore azero Ilham Aliyev pone condizioni dopo la guerra di aggressione azera-turca con la Repubblica di Artsakh e dopo 134 giorni non rilascia ancora i prigionieri armeni.

L’organizzazione per i diritti umani The Human Rights Watch ha documentato crimini di guerra su larga scala contro prigionieri di guerra armeni. Lo afferma la dichiarazione della Portavoce del Ministero degli Affari esteri dell’Armenia Anna A. Naghdalyan. Allo stesso tempo, ha aggiunto che secondo il rapporto di The Human Rights Watch, le violazioni del diritto internazionale umanitario da parte dell’Azerbajgian sono state compiute durante il periodo di detenzione di prigionieri di guerra e civili, accompagnate da trattamenti crudeli e degradanti o torture [QUI].

“Il rapporto registra che molti soldati armeni hanno visto per l’ultima volta ostaggi in Azerbajgian, ma Baku non li ha comunicato. Ciò indica un’alta probabilità di massicce sparizioni violente non solo di personale militare, ma anche di civili catturati. Quattro mesi dopo l’istituzione del regime di cessato il fuoco, la continua detenzione di prigionieri di guerra armeni e di ostaggi civili dimostra chiaramente che l’Azerbajgian continua a violare il diritto umanitario internazionale. A causa del fatto che i maltrattamenti e la tortura dei prigionieri di guerra armeni sono sistematici e continuativi, l’umiliante detenzione e la tortura dei prigionieri di guerra armeni può essere equiparata a crimini contro l’umanità”, ha detto Naghdalyan.

Si noti che la parte azera continua a ritardare artificialmente il processo di restituzione di prigionieri di guerra e ostaggi civili armeni. Secondo i dati preliminari, più di 200 militari armeni rimangono prigionieri dell’Azerbajgian. Nel frattempo, Baku assicura di aver consegnato tutti i prigionieri di guerra e dichiara che il resto delle persone, che sotto la giurisdizione dell’Azerbajgian dopo il 9 novembre 2020, sono “terroristi”.

Riportiamo di seguito l’approfondimento sulla Montagna del Giardino Nero a cura della Iniziativa italiana per il Karabakh, un gruppo di studio, attivo dal novembre 2010, che ha l’obiettivo di far conoscere all’opinione pubblica italiana la Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, cristiana armena, la sua storia, la sua cultura, il suo territorio. Ma soprattutto il suo diritto all’autodeterminazione ed i principi giuridici e politici che ne sono alla base.

Da 134 giorni è terminata la guerra in Artsakh e ci sono decine di soldati armeni ancora prigionieri dell’Azerbaigian. Il regime di Aliyev ammette la detenzione di 73 soldati ma è presumibile che siano almeno 200 tra militari e civili gli armeni reclusi nelle prigioni azere.

L’Iniziativa italiana per il Karabakh ha detto sin da subito che il dittatore azero avrebbe utilizzato questi prigionieri armeni (“terroristi e sabotatori” li ha definiti per giustificare il crimine e la violazione dei patti) come arma di ricatto. Le indiscrezioni che filtrano in queste ultime ore sembrano confermare questa impressione. Lo conferma uno degli avvocati armeni che sta seguendo la causa davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU).

 

Per la loro liberazione il Presidente dell’Azerbajgian Ilham Aliyev avrebbe posto tre condizioni:

  1. La smilitarizzazione del territorio dell’Artsakh ancora sotto controllo armeno (che in parte è peraltro già avvenuta). Evidentemente vuole avere piazza pulita quando i Russi se ne andranno.
  2. Il possesso della strada da Karmin Shuka a Shushi: nell’ultima settimana di guerra ci furono violentissimi combattimenti proprio in quel settore strategico ma gli Armeni resistettero. Gli Azeri hanno infatti preso Shushi ma non sanno come raggiungerla fin tanto che non avranno completato la costruzione della strada da sud (ci vorrà almeno un anno) per realizzare la quale hanno anche attaccato la sacca di resistenza armena a novembre (e fatto prigionieri). La città è di fatto isolata, raggiungibile solo con stradine sterrate oppure chiedendo il permesso ai Russi per utilizzare la statale Goris-Stepanakert.
  3. Assegnazione di territori in Armenia: le exclave all’altezza della regione di Tavush (Qazak) e Tigranashen (quest’ultima è attraversata dalla statale che collega il nord e il sud dell’Armenia che di fatto sarebbe tagliata in due o soggetta a diritti di transito.

 

Sappiamo con chi abbiamo a che fare. Se non cambia la situazione, se la comunità internazionale non interviene, i ricatti aumenteranno e il futuro dell’Armenia e dell’Artsakh sarà sempre più incerto.

Foto di copertina: Soldati armeni camminano sulla strada vicino alla frontiera tra l’Artsakh e l’Armenia, domenica 8 novembre 2020 (Foto AP).

Articoli collegati

Il dominio dell’ignoranza. Voi non lo sentite l’urlo di dolore che arriva dall’Armenia? – 24 marzo 2021
Due manifesti che presentavano Shushi e Dadivank come azeri rimossi dalla metropolitana di Londra perché offensivi e falsi – 23 marzo 2021
Shushi è parte integrante della Repubblica di Artsakh – 26 febbraio 2021
La drammatica fine dell’azienda vinicola Kataro in Artsakh (Nagorno Kharabakh) – 31 gennaio 2021
Repubblica di Artsakh. A rischio i monumenti armeni per mano azera. Il Parlamento europeo condanna aggressione azera e ingerenza turca – 26 gennaio 2021
Dalla Montagna del Giardino Nero. Cronaca di un anno orribile per gli armeni cristiani della Repubblica di Artsakh – 30 dicembre 2020
– Siamo preoccupati per la protezione dei beni culturali armeni sotto l’occupazione azera-turca nell’Artsakh. L’Azerbajgian è già inadempiente – 22 dicembre 2020
– Soldati azeri decapitano civili armeni nell’Artsakh. Dove sono il governo e i parlamentari italiani amici di Baku per il gas azero? Dove sono i professionisti della protesta? – 17 dicembre 2020
– Deputati italiani in missione a Baku, interessati agli idrocarburi e non al massacro dei cristiani nella Repubblica di Artsakh per mano azera-turca – 11 dicembre 2020 [in fondo a questo articolo i link degli articoli precedenti sull’aggressione dell’Azerbaigian nel Nagorno Karabakh]

§§§




Ecco il collegamento per il libro.


STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

2 commenti

Lascia un commento