Deotto: la Scelta Eversiva di Mattarella, un Calcio in Faccia al Popolo.

3 Febbraio 2021 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, l’amico Paolo Deotto, prima di pubblicarlo sul suo sito Il Nuovo Arengario, che ben conoscete, ormai, ci ha cortesemente inviato questo commento (un commento che l’abbiamo esortato a scrivere..) sulla decisione del Presidente della Repubblica (o di quello che ne resta…) di affidare a un signore mai eletto e mai votato da nessuno, se non nei consigli di amministrazione delle banche, il compito di formare un governo.Alla faccia del popolo bue. Che forse, pagando, vorrebbe ogni tanto poter dire qualche cosa. Ma chi ha la sensibilità per indignarsi è vecchio, e ai giovani, evidentemente, purché abbiano playstation e MacDonald non gliene importa molto, di essere trattati da gregge torpido. Buona lettura. 

§§§

Mattarella ce l’ha fatta

 

Un calcio in faccia al “popolo sovrano”: stia zitto e buono. Elezioni anticipate? Ma va là, non diciamo stravaganze. Il governo con un tecnico di “alto profilo” salva capra e cavoli.

Già, peccato che siano sempre le capre e i cavoli di lorsignori.

Allontanato il terrorizzante spettro delle elezioni, che vedrebbero comunque una vittoria della destra, intanto si salva la poltrona a deputati e senatori che rischiavano di tornare a casa e, orrore, magari doversi trovare un lavoro per campare. E si blinda il Parlamento fino alla scadenza del quinquennio, dandogli il modo di eleggere il prossimo anno un Presidente della Repubblica che sarà sempre espressione di quella maggioranza fasulla che attualmente occupa il Parlamento e che non rispecchia più la maggioranza reale del Paese. Se quindici Regioni su venti sono guidate dal Centro-Destra, un motivo ci sarà.

E adesso arriva il demiurgo, Mario Draghi, uomo dell’Europa e dell’Euro, campione, senza dubbio competente e capace, di quella oligarchia finanziaria che ci domina e che domina la UE.

Mario Draghi, uomo di Bankitalia, di BCE, di Goldman Sachs, del Panfilo Britannia (vedi un interessante ricordo su http://www.elzeviro.eu/lelzeviro/draghi-sul-britannia-il-discorso-dellinizio-della-dine-dellitalia.html), sacerdote del “libero mercato” e dei suoi incommensurabili pregi. Eccetera eccetera.

Così Mattarella si mostra anche obbediente con l’Europa, la divinità che insieme ai mitici “mercati” regola la nostra vita e consegna l’Italia in mano a uno dei loro grandi sacerdoti, anzi forse al più grande.

Le ragioni portate da Mattarella per escludere le elezioni anticipate sono false e pretestuose. Lasciamo perdere le ragioni “sanitarie”, una scusa scandalosa, perché avalla ulteriormente l’idea distorta per cui un’ossessiva paura di morire – indotta con un bombardamento mediatico che non ha avuto pari nella Storia – giustifica la rinuncia alle libertà fondamentali.

Poiché ogni anno muoiono molte più persone per malattie cardiache rispetto a quante sono morte per il Covid-19, con lo stesso metro di ragionamento si potrebbero escludere per sempre le elezioni perché, comportando emozioni, sono altamente pericolose per i cardiopatici… Ma, a parte queste assurdità, nemmeno il discorso circa la necessità di un governo che sia nella “pienezza dei poteri” per gestire la grave situazione sta in piedi, perché nessuna norma costituzionale prevede distinzioni tra governo con poteri “pieni” o “limitati”.

Piuttosto il nostro sistema prevede che non possa esistere la “vacanza” di poteri, sicché il governo dimissionario resta in carica fino al giuramento del nuovo governo. Punto e basta.

Nulla, sotto il profilo del diritto costituzionale, impediva a Mattarella lo scioglimento delle Camere. La sua è stata una precisa scelta politica, che non esitiamo a definire una scelta eversiva, perché il Presidente della Repubblica non può ignorare che la sovranità appartiene al popolo e questo Parlamento avrebbe dovuto già essere sciolto da tempo, non rispecchiando più la maggioranza reale del Paese.

Poi l’epidemia, pardon, bisogna chiamarla “pandemia”, che è più suggestivo, ha dato un insperato aiuto ai clown governativi.

Adesso ci si trovava in una situazione classica, da manuale di Diritto Costituzionale, per sciogliere le Camere. Il Parlamento non riesce più a esprimere una maggioranza che possa dar vita a un governo, ergo il Parlamento va sciolto.

Già, ma il risultato di nuove elezioni era scontato. La Destra avrebbe fatto man bassa. Orrore. L’Europa non lo vuole. E poi ci sarebbero le fatali conseguenze sull’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, e così via. E allora Mattarella estrae il coniglio dal cappello: Mario Draghi.

Adesso sarà interessante vedere se Draghi sarà disponibile a partecipare a carnascialesche trattative o se dall’alto delle sue competenze e del suo “profilo” imporrà un governo di “illustri” personalità…

E sarà interessante vedere cosa farà la Destra. Di sicuro Salvini e Meloni deluderanno molti italiani se si uniranno all’inevitabile coro di lode al demiurgo.

Draghi è capace e intelligente, preparatissimo. Chi lo nega? Ma non è di lui che l’Italia ha bisogno. L’Italia, ingannata e presa in giro con una epidemia, pardon, pandemia, usata come pretesto per costruire mostruosità giuridiche, ha bisogno anzi tutto di recuperare la dignità di Paese libero, formato da uomini liberi. Proseguendo sulla strada della sottomissione, della rinuncia silenziosa e obbediente all’esercizio dei nostri diritti di liberi cittadini, saremo presto un popolo di schiavi. Però, sai che bello, avremo quadrato i conti con l’Europa, avremo ricevuto i fondi europei con cui indebitarci ben bene per due o tre generazioni, i “mercati” saranno contenti e, dato che saremo stati bravi, magari alla domenica ci verrà concesso di toglierci la mascherina per una mezz’oretta…

Comunque, una lode va fatta a Mattarella. Bravo. È stato capace di fregarci tutti.

  1. Mi si scusi il poscritto, ma un pensierino è inevitabile. Le ragioni addotte da Mattarella per non indire nuove elezioni, di certo esistevano già quattro giorni fa, quando diede a Fico l’incarico “esplorativo”.

Di sicuro, coloro che stanno ai “piani alti” adesso sono soddisfatti e tranquilli e, per quanto non ami molto la dietrologia, è anche lecito chiedersi se la crisi aperta da Renzi non avesse un esito già scritto… almeno nel finale. Poi, un balletto in più o in meno, un passaggio in più o in meno di un Fico sul palcoscenico non cambiava nulla.

E quindi, bravo due volte Mattarella, come ci ha fregato bene. Lui alle elezioni non ha mai pensato neanche lontanamente…

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

Marco Tosatti

Su Gab c’è:

@marcotos




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

46 commenti

  • Claudius ha detto:

    Con tutto il rispetto, il Figlio del Mafioso avra’ fregato solo chi era tanto allocco da non aver capito chi fosse e da dove venisse veramente questo vecchio siculo ambiguo e vecchio arnese democristiano, e in tal caso, l’unica cosa che si puo’ dire e’ che si sia meritato in pieno di farsi fregare.

  • Nicola Buono ha detto:

    Vi allego il link con il video di Padre Livio Fanzaga sul grande RESET ovvero il programma di un mondo nuovo e disumano di schiavi, che ci stanno preparando.

    https://youtu.be/aFqkQH9THTw

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    E adesso che i giochi sono quasi fatti auguriamo a Draghi di non incrociare qualche San Giorgio (patrono dell’Inghilterra e del Portogallo e grande uccisore di draghi).

    • Maria Michela Petti ha detto:

      Chapeau! Stimato Stilumcuriale Emerito.
      Sottoscrivo l’augurio senza aggiungere verbo, per non essere irriverente nei confronti dell’ incolpevole Santo…

  • luca antonio ha detto:

    E’ quello che si merita questo popolo.
    Draghi, se sarà confermato, farà bene, benissimo, soldi a pioggia per tutti – dobbiamo ficcarci in testa, una volta per tutte, che la BCE può stampare solidi all’infinito, sentiti, ovviamente, i Padroni -,
    in cambio del programma del Grande Reset : annientamento della classe media, abolizione del lavoro garantito e quindi del diritti dei lavoratori, svendita di tutto – spiagge, musei, industrie, strutture, infrastrutture, utility, acqua compresa – ai soliti ignoti investitori internazionali, insomma la privatizzazione del mondo già preconizzata da Jean Ziegler.
    Ovviamente, per evitare noiose sommosse, reddito di cittadinanza universale;
    a punti, non accetti di vaccinarti ?, invece di 800 euro 700 perchè 100 servono per l’assicurazione nel caso ti ammali e io Stato devo curarti…
    ..puoi comprare questo, prodotto dai Nostri Amici, ma non puoi comprare quello (del nemico politico di turno) ,
    sei contro l’immigrazione?,non vuoi ospitare una famiglia di poveri migranti a casa tua ? sei razzista ! altri 100 euro in meno…
    E poi non hai capito, caro cittadino, che ti lasciamo, per adesso la casa, tra l’altro contro le indicazioni del Santo Padre, perchè Noi siamo buoni ?.
    Sì, Draghi sarà buono, metterà definitivamente i ceppi a un popolo ormai senza midollo spinale e questo lo ringrazierà per avergli permesso di soddisfare l’antico sogno: diventare in tutto e per tutto un lombrico, animale costituito solo di tubo digerente, mangiare e dormire senza far niente.
    Con una differenza però , il lombrico è utile alla terra, l’uomo, a detta dei Potenti, è dannoso.
    Con tutti i provvedimenti del caso , aborto, omosessualità , gender, inseminazione artificiale obbligatoria per pianificare le nascite, utero artificiale, manipolazioni genetiche secondo il manuale del buono schiavo, eutanasia nel momento in cui i costi delle cure dovessero lievitare, e, naturalmente, a contorno di questo paradiso in terra, droghe a volontà.
    E questo futuro sarà accettato, dai lombrichi riconoscenti , come progresso attuato in ottemperanza di un alto imperativo morale : la salvaguardia di madre terra, della nostra casa comune, delle pari opportunità , dell’amore universale, e sarà considerato un delinquente colui che oserà criticare questo mondo “perfetto”.

  • Milli ha detto:

    Un articolo di NBQ dello scorso agosto, come a dire che le cose non capitano mai per caso:
    https://www.lanuovabq.it/it/da-spadaro-ai-gesuiti-perche-bergoglio-tifa-draghi

    • Zuzzurellone ha detto:

      Interessante articolo. Ovvero, se ho capito bene, lo sponsor di Draghi sarebbe Spadaro non Bergoglio. Bergoglio non conosceva Draghi prima di raggiungere la cattedra di Pietro.
      Ma allora, a questo punto, tanto varrebbe ipotizzare una Trinacria connection. Una e trina. Lady Giacobbo, Mattarella, Spadaro .
      E i tempi della nostra presunta crisi sarebbero scanditi non dagli avvenimenti interni alla nostra repubblica, ma all’insediamento di lady Giacobbo nella sala ovale. L’abilità diplomatica dei nostri tre è quella di passare quasi inosservati . Lady Giacobbo è già stata 8 anni alla Casa Bianca, ma non ce ne eravamo accorti. Mentre lei prendeva in mano le leve del potere noi assistevamo impotenti alla disastrosa politica di Obama in Mediooriente.
      Poi è arrivato Trump e le ambizioni della coppia messinese Giacobbo Spadaro hanno dovuto acquietarsi, almeno per un po’.
      Ma, come tutti sanno le attività caritative dei gesuiti sono notevoli. Basta prendere qualche gruppuscolo di disperati, esasperarli con informazioni false, e mettere così a ferro e fuoco l’America tutta.
      Raggiunta la casa bianca, per Spadaro è venuto il momento di normalizzare l’Italia.
      Dobbiamo solo pregare.
      Per assurdo un aiuto ci potrebbe venire proprio da Bergoglio se si dovesse accorgere di essere stato usato da Spadaro.

  • FABIO CORSARO ha detto:

    QUESTA VOLTA NON SONO D’ACCORDO

    Mi spiace, ma questa volta TOSATTI non sono d’accordo con la tua linea rispetto a DRAGHI per questi motivi:

    1) – è vero non è stato eletto ma cosa dobbiamo dire degli eletti ? della loro onestà intellettuale e morale ? e poi CONTE non ha governato da non eletto per due anni ?

    2) – DRAGHI è un tecnico è vero ma è un uomo di riconosciuta onestà intellettuale e morale, uno che non ha bisogno della cattedra di presidente del consiglio per emerge perchè è già in alto, ma sopratutto è una persona PREPARATA – INTELIGENTE – PACATA – STIMATA – SUPER PARTES

    3) – in questo periodo di NECESSITA’ DI UNA RIFORMA COMPLESSIVA DEL NOSTRO PAESE ci vuole qualcuno che sappia cosa fare con LE TASCHE CHIUSE

    4) – non vedo tra i nostri politici persone CAPACI al suo livello che possano evitare che la barca affondi

    5) – ritengo sia una persona moralmente migliore dello stesso BERGOGLIO ….. ho detto tutto

    Grazie

    Fabio Corsaro

  • Gabriele ha detto:

    😃😄😅😅😃😄😄😄😅 il M5S ha detto che non voterà quel Governo (anche se le dichiarazioni dei politici lasciano il tempo che trovano). Siccome il Piddì da solo non ce la fa, Deotto vada a dire alla Destra che, siccome vincerebbe le elezioni, di non votare il Governo Draghi e fine della polemica😄😃😄😄😅😄😃😄😃😄😄😄😅 In realtà da quel che scriveva ieri il Corsera, Renzi prima di dar via alla crisi si era già assicurato il sostegno di Salvini e Berlusconi ad un Governo tecnico, il centrodestra che chiede le elezioni è tutta una pantomima😄😃😄😄😅😅😄😃😄😄

    • Milli ha detto:

      In Italia non abbiamo più destra e sinistra, quella è una favoletta che raccontano al popolo, abbiamo persone che fanno accordi, prendono ordini da non si sa chi, soprattutto occupano poltrone facendo finta di governare o di fare opposizione.

  • giovanni ha detto:

    Ripeto il commento ad un’ altro articolo / Con Draghi la Troika europoide e’ qui’. Molto probabilmente imposto,per la gestione dei recovery found, visto lo spettacolo inverecondo dato dalle marionette locali. Traendo auspici dalle politiche ue, in special modo sul debito e i r.f. sono debiti, non mi aspetto un futuro roseo. In caso contrario ,saro’ il primo a rallegrarmene.

  • gianni ha detto:

    Li hanno lasciati giocare per qualche anno, poi quando non fanno il “lavoro” assegnatogli perchè cominciano a litigare, arrivano i Fratelli più grandi, quelli veri, che riportano tutto alla normalità di una dittatura massonica.
    Doveva arrivare il pagliaccio creato dalle logge fiorentine per far cadere il governo e permettere al fratello del Quirinale di confezionare l’insediamento dell’ennesimo governo di massoni. Vedrete facce di gente mai vista, ma ben nota all’interno della Setta che verranno dipinti come “autorevoli”.
    L’autorità datagli per distruggere definitivamente il tessuto economico e sociale italiano.
    Si spacciano per quelli che lavorano al bene dell’umanità, quando in realtà eseguono solo gli ordini atiumani dell’infame G.A.D.U..

  • Chedisastro ha detto:

    Propongo questo video, vecchio, ma più che mai attuale:
    https://youtu.be/vgy29Qx1hkM

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Il mio amico Scarpe Grosse mi ha detto: — l’è inutel cambià el caal se ‘l caret l’è sensa roede. Prima bisogna giustà ‘l caret.–
    (E’ inutile cambiare il cavallo se il carro è senza ruote. Prima bosogna riparare il carro.)

    Il mio augurio è che l’incaricato neo premier, per prima cosa, proponga la creazione di un nuovo Ministero per l’onestà e il buon senso col compito di cacciare da tutta la pubblica amministrazione disonesti, corruttori, corrotti, beoti e inefficienti.
    Forse, poi, si potrà sperare in una ricostruzione.

    • zuzzurellone ha detto:

      nel testo proposto da Deotto c’è il riferimento ad un discorso che sarebbe stato tenuto da Draghi sul Britannia, nel 1992, mentre a Capaci esplodeva la macchina del giudice Falcone e avveniva la ben nota strage.
      Ho letto solo la prima pagina, forse l’inizio della seconda. Ma mi è bastato per capire.
      Qualche tempo fa, in uno dei talk show politici trasmessi in televisione era emerso un ragionamento di questo tipo : le proprietà in mano allo Stato italiano erano eccessive. Stiamo parlano, appunto del 1992. Ovvero l’Italia pensava di vivere in un mondo capitalista, ma in realtà le maggiori industrie erano proprietà di Stato, ovvero l’economia italiana era da paese comunista. Poiché era caduto il muro di Berlino (1989), non era più necessario , per l’equilibrio del terrore, permettere all’Italia, o meglio allo stato italiano di possedere asset strategici in così grande quantità. Ricordo articoli di giornale dell’epoca in cui si criticava il fatto che lo Stato producesse panettoni e merendine , pelati e passata di pomodoro.
      Ma lo scopo era un’altro : non si voleva che i grandi asset restassero in mano allo stato. Per molti iniziò lo sfacelo. ITALSIDER, ITALIMPIANTI privatizzate, ma privatizzate allo stesso modo della concessione autostradale ai Benetton, ovvero privatizzazione degli utili a danno dei consumatori proprietari, ovvero degli italiani.
      Dal cosiddetto discorso di Draghi sul britannia, si deduce che l’architetto delle cosiddette privatizzazioni fu proprio lui. Agli impiegati Italsider e italimpianti non credo che faccia piacere sapere che chi ha tolto loro il posto di lavoro , diventerà il prossimo Presidente della repubblica.

      • cattolico ha detto:

        più che architetto era il capo cantiere

      • stilumcuriale emerito ha detto:

        Sì sulla questione IRI e Aziende a Partecipazione Statale si potrebbe aprire un grande capitolo sulla storia dell’economia italiana. Purtroppo molte di quelle aziende necessitavano di essere riorganizzate e risanate, ma questo avrebbe richiesto un grosso sforzo da parte dei politici e del corpo dirigenziale. Quella della privatizzazione è stata una comoda scorciatoia per evitare di impegnarsi a risolvere un mare di problemi. Ma poi è sempre Pantalone che paga, come giustamente lamenta Zuzzurellone.

  • PorMo ha detto:

    questo commento di Deotto sembra pensato da un post adolescente di una ventina d’ anni .che ha studiato sui libri sbagliati la storia delle rivoluzione francese . Ma scusi Deotto ,quanti anni ha lei ? negli ultimi , diciamo 30 anni dove ha vissuto ?

  • Enrico Nippo ha detto:

    Da http://www.ilgiorno.it/politica/mario-draghi-profilo-

    Draghi: cattolico, socialista e liberale 🤡🤡🤡🤡🤡🤡

    Abbiamo risolto 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Non darei per già formato un governo che, a poche ore della comunicazione fatta dal presidente in persona, resta ancora in fieri. L’unico dato certo, al momento, è la convocazione al Quirinale di Draghi evocato da tempo per dare corpo ad un progetto per ora tutt’altro che definito. A proposito di quest’ ultimo capitolo di una crisi politica che si protrae da tempo e che nulla lascia immaginare sia di facile soluzione, ho lasciato un commento alla riflessione di Mons. Ics sullo stesso argomento di questa giornata.

    • Filomena ha detto:

      mi scusi, lei per sapere chi è Draghi consulta Blondet ? Blondet attinge la maggior parte delle sue informazioni da siti legati ai servizi americani deviati .

      • Adriana 1 ha detto:

        No, ne consulto anche altri .Comunque un discorso è un discorso…ma lei quali servizi deviati frequenta per possederne tanta conoscenza?

  • Claudio ha detto:

    Gli italiani è bene che NON votino. Mai.

  • Antonio ha detto:

    Ieri abbiamo assistito dal Quirinale a una litania di scuse che proprio non reggono. In primis quella che sciogliendo le Camere si avrebbe per i prossimi 5 mesi un governo senza pieni poteri: ed è scesa un’amnesia alzheimeriana sul fatto che nell’ultimo anno in nome della Pandemia e dell’emergenza il governo si è ritagliato poteri eccezionali, fra cui quello di sospendere una mezza dozzina di diritti costituzionali con decreto amministrativo senza voto del parlamento (e nessuno ha eccepito un sospiro, né presidenza della Repubblica né Consulta né magistratura). E a chi si vuol dare a bere che adesso, con la pandemia e l’emergenza perduranti, sciolte le Camere un qualunque governo sarebbe costretto a starsene zitto e buono per mesi in attesa delle elezioni?

    Bisognerà comunque vedere se Draghi non avrà alla fine un voto di fiducia ampio, da quasi tutto il parlamento. Il che non è improbabile, anzi è un fil rouge di queste operazioni (Ciampi, Dini, Monti hanno tutti avuto una fiducia o una non sfiducia amplissime).

  • giorgio rapanelli ha detto:

    Non è detto che Draghi ce la faccia. Non basta esibirsi e sistemare tutto. Dovrà fare proposte che possano andare bene per una maggioranza solida e capace di mantenerlo sulla poltrona. Intanto il nome di Draghi, prima di Mattarella veniva fatto nella Lega. Ne scriveva favorevolmente anche Antonio Socci su “Lo Straniero”. E lo pensavamo in molti… E poi, Draghi è così sprovveduto da fare un governo con PD, 5 Stelle, Leu, Conte, Renzi, CDU e magari pure con Forza Italia, lasciando Lega e Fratelli d’Italia a fare il tiro al bersaglio?
    Nessuno si illude che Draghi abbia una bacchetta magica, malgrado la sua preparazione e la sua intelligenza. Però risponde all’esigenza del “qui ci vuole un Uomo”. Che da troppo tempo non c’è… Perché, guardando alla realtà, il centro destra ha “qualcuno” che possa essere guardato con interesse e stima in Europa?
    Se non ci fosse l’Europa di mezzo, Salvini o la Meloni andrebbero bene, in quanto le cose ce le risolveremmo in casa. Ma, siamo sicuri di due cose? La prima: riuscirebbe il centrodestra a prendere quei voti per vincere? Ricordiamoci la delusione alle ultime Regionali, quando ci si aspettava di fare “cappotto”, e abbiamo conquistato solo le Marche… La seconda: siamo sicuri che verrebbe proposto un Salvini, quando ha toppato, in mutande da bagno in riva al mare, facendo la crisi di governo? Se nella Lega non ci sono “comunicatori” al pari di lui, ci sono altri molto preparati.
    C’è poi la Meloni che sta cominciando a raschiare un po’ di voti dalla Lega e le conviene quindi stare all’opposizione per diventare il primo partito della Destra. Tra i due litiganti il terzo gode, così si dice. Ma non può essere un Berlusconi.
    Ho l’esperienza di Macerata: il centrodestra passava il tempo a discutere senza mettersi d’accordo sul nome del candidato sindaco, col centrosinistra che già pregustava la vittoria. Poi la Lega ha tirato fuori dal cilindro un “Uomo” al di fuori della politica, ossia un “Draghi” maceratese nella persona di un noto commerciante di successo, che ragiona ancora con il cuore. Si chiama Sandro Parcaroli, che ha messo immediatamente d’accordo tutto il centrodestra e ha vinto le elezioni.
    In Italia, in questo preciso momento, occorre un governo che sia introdotto nell’Europa, che è quella che tiene i cordoni della borsa e fa le leggi vincolanti per tutti i componenti la Comunità europea: deve essere un uomo stimato in Europa…
    Conte, Gualtieri, Di Maio, Renzi e compagnia bella possono vantare meriti in Europa? Salvini e la Meloni, che si sono sentiti sempre un po’ fuori di questa Europa degli Stati nazionali, sarebbero gli ascoltati interlocutori in Europa?
    E pure noi, che siamo per l’”Europa delle popolazioni”, siamo sicuri che ci daranno fiducia le popolazioni francesi e tedesche, che storicamente sono più avanzate di noi come nazioni, insieme a tutte le altre cosiddette “populiste e sovraniste”, che a parole ci considerano, ma che poi tirano sempre l’acqua al proprio mulino, non saremmo, come Italiani, più emarginati? In poche parole, noi in Europa contiamo oggi come il due di picche…
    Se fossimo uno Stato indipendente dall’Europa e libero da vincoli, ma preda agognata per tanti potentati , rischieremmo indigenza e terrorismo di molteplice natura. Fuori dall’Europa rischieremmo di diventare un campo di battaglia. Preda di mercenari, di rivoluzionari da strapazzo, di terroristi di diverse sigle, che farebbero il lavoro sporco per conto di altri che sono dietro le quinte. Il Caso Regeni dovrebbe insegnare che, se il lavoro sporco la ha fatto qualche egiziano, magari già eliminato come da prassi, i mandanti dovremmo ricercarli in Occidente. Il motivo? Toglierci le commesse con l’Egitto di al-Sisi, soprattutto quelle riguardanti l’Eni.
    La Torre di Babele, che il potere mondiale delle logge angloamericane e dell’Alta Finanza aveva edificato per dirigere una “massa” senza nome e senza forza, si sta sgretolando a causa di una pandemia – creata artificialmente o dalla Natura – che, sofferenza a parte, è una benedizione di Dio. Ma esiste una pandemia maggiore che sta arrivando, ed è quella della mancanza di lavoro per creare una povertà di massa. Come vogliono i bolscevichi camuffati da democratici.
    Quindi, non diamo giudizi affrettati su Draghi e sulle sue intenzioni. Già lo stiamo facendo all’interno della nostra comunità cattolica, pro o contro papa Francesco, contro la mafia di San Gallo e contro tutti gli eretici che sorgono in tempi di confusione, come se la Chiesa non fosse il Corpo Mistico di Cristo e come se non fosse stato lo Spirito Santo a fare eleggere i papi, l’attuale Sommo Pontefice e Santo Padre papa Francesco.

    • Beppez ha detto:

      Sono pienamente d’accordo. È un tentativo che andava fattoe che rispecchia il desiderio di una certamente buona fetta di italiani

    • Carmelo ha detto:

      Caro Giorgio, mi spiace dirle che lei non ha le idee ben chiare sul modo di operare dello Spirito Santo Dio, che secondo lei farebbe eleggere i papi in automatico, come se la volontà dei cardinali fosse ininfluente. Quindi, sempre secondo lei, dovremmo ringraziare lo Spirito di Dio se nella storia della Chiesa abbiamo avuto papi ladri, assassini, puttanieri, pervertiti (per es. Alessandro VI Borgia e Giovanni XII). Vede lo Spirito soffia dove vuole e ispira chi vuole; vuol donare a tutti i doni della Grazia, ma non obbliga nessuno a fare una determinata cosa; il libero arbitrio dell’uomo rimane sempre intatto. I doni dello Spirito si possono anche rifiutare, ma ciascuno se ne assume la responsabilità.

      • giorgio rapanelli ha detto:

        Confesso che non so rispondere ad uno Spirito Santo che ci consegnava a Papi indegni. Mentre contemporaneamente sorgevano Santi che bilanciavano il male fatto dai primi. Probabilmente, anche per la Chiesa esiste la legge del karma: riscuoterai ciò che hai seminato… Perciò venne fuori un Martin Lutero? Perciò la Chiesa si dovette riordinare dopo il Concilio di Trento? Se dovessi seguire la valutazione della mia mente dovrei dedurre che lo Spirito Santo rimane fuori della Cappella Sistina durante il Conclave. E’ così? Se così fosse significa che lo Spirito Santo non controlla un bel niente. Che gli uomini sono più forti di Lui… Non è che questa sia magari una forma per indurre in tentazione, scatenando una reazione per poi rimetterci tutti in riga?

    • Enrico Nippo ha detto:

      “Come vogliono i bolscevichi camuffati da democratici”.

      Bolscevichi: molto male.

      Democratici: molto peggio.

    • Paoletta ha detto:

      ecco un altro che crede di salvarsi stando in Europa…ma stando in Europa che miracoli abbiamo avuto scusi? Prima facevamo le svalutazioni competitive e crescevamo, poi sono arrivati i tedeschi con l’euro e abbiamo finito di stare bene. E la Francia? Recentemente ci ha rubato un tratto di mare.Siamo carne da macello anche grazie all’europa, altro che nazioni progredite…Francia e Germania operano nel loro sclusivo interesse.

  • Marta ha detto:

    non condivido per nulla quanto scritto da Deotto. Dimostra di non aver capito molto di quello che stava succedendo nel nostro paese. Veramente una analisi totalmente inadeguata.

    • Carmelo ha detto:

      Mi scusi se la contraddico, dicendole che questa volta Deotto ha capito bene quello che sta succedendo nel nostro Paese. La politica è certamente l’arte del possibile nel tempo presente, ma è anche e soprattutto capacità di visione prospettica, di guardare al futuro, e quindi di programmare la vita complessiva di un Paese. Entrando nel particolare, il discorso del cd “saggio” Mattarella è stato tutto incentrato sull’impossibilità di andare subito alle elezioni. Infatti prima si è abbassato a fare “la lista della spesa” delle elezioni, pedissequamente ha letto (e sottolineo “letto”) tutto ciò che occorrerebbe fare e quanto tempo impiegare per dare un governo al Paese, mediante le elezioni, poi addirittura ha usato un linguaggio vagamente ricattatorio affermando che se andassimo alle elezioni, il Covid dilagherebbe. Un discorso imbarazzante ed inconcludente da parte di uno che sembra venire da Marte. Lui che conosce molto bene uomini e cose del Palazzo e che ha continuato nel solito avvilente teatrino della politica, è stato il primo a perdere tempo, un mare di tempo!

  • Maura ha detto:

    Avrebbe vinto la Destra e allora ? Che differenza avrebbe fatto ? Sono tutti servi del potere anzi dei poteri ( i soli noti insomma ) … parlare di categorie politiche lo trovo anacronistico . Sono tutti ma proprio tutto appiattiti e chi non lo fosse viene fatto fuori in un modo o nell’altro ( Vedi Palamara ). E ‘ talmente banale che anche parlarne e ‘ perdita di tempo . Tuttavia quello che ci insegna la storia e ‘ che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi …ci sarà sempre un quid che sfugge ….e noi preghiamo il Signore affinché ci protegga dal male in tutte le sue forma .

    • LA VERITÀ VI FARÀ LIBERI ha detto:

      @MAURA
      Concordo in pieno! Basta vedere come la destra si comportata con la falsa pandemia mediatica.
      Come disse noto pensatore:
      “Se votare contasse qualcosa… non ci farebbero certo votare”.

      Una volta c’era il Re, ma chi comandava erano i Cortigiani, oggi abbiamo la Democrazia, ma chi comanda sono gli Oligarchi.
      Monarchia e Democrazia sono solo specchietti per le allodole, maschere, ma chi comanda sono sempre gli stessi.

  • Cretinetti ha detto:

    Ma, come ha detto Salvini, in Calabria si vota l’11 Aprile. Perché in Calabria si è nel resto d’Italia no ?

  • Enrico Nippo ha detto:

    Mattarella: Mummiarella ( o anche Mozzarella) secondo il geniale Veneziani.

    Mattarella: Matta (figu) rella, ma anche Matta (figu) raccia.

    Mattarella: vezzeggiativo che vale mattanza del “popolo sovrano”, che poi è il “popolo bue” o “gregge torpido”, e che, proprio perché tale, merita di essere mattato.

    Mattarella: democristiano cattocomunista.

    “Un calcio in faccia al ‘popolo sovrano’: stia zitto e buono”.

    Questa è la “sacra” e democratica repubblica parlamentare, naturalmente nata dalla resistenza antifascista.

    Cari cattolici democratici e liberali: TENETEVELA!

    W il RE! (disco sempre nuovo di zecca).