CHURCH MILITANT: L’EREDITÀ E L’ABUSO DI MCCARRICK CONTINUANO.

19 Novembre 2020 Pubblicato da 16 Commenti

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, l’amico Vincenzo Fedele ha fatto un gran lavoro di traduzione di questo articolo estremamente interessante e documentato di Church Militant, tanto più prezioso in quanto è ricchissimo di riferimenti e collegamenti a tutta la vicenda di McCarrick; un vero e proprio “Bignami” – come fa notare Vincenzo Fedele, che ringraziamo di cuore, per seguire la vicenda. Buona lettura. 

§§§

 

L’EREDITÀ E L’ABUSO DI MCCARRICK CONTINUANO

I risultati del tanto atteso  rapporto McCarrick  [1]non sono stati una sorpresa. 

I risultati sono analoghi a quello che avrebbero potuto predisporre gli avvocati dell’ex presidente americano Bill Clinton se fossero stati incaricati di indagare sulle accuse secondo cui il loro capo aveva una relazione con una stagista della Casa Bianca.  

Fin dall’inizio la gente ha creduto, ingenuamente, che gli investigatori vaticani incaricati da Papa Francesco di redigere il rapporto si sarebbero sbilanciati a considerarlo colpevole di aver coperto McCarrick. Basta guardare a come Francesco ha gestito le accuse di abuso sessuale e comportamento omosessuale da parte di chierici come Julio César Grassi [2], Battista Ricca [3] e Gustavo Zanchetta [4] per rendersi conto che McCarrick era solo uno dei tanti predatori che Francesco ha protetto nel corso degli anni.

Coloro che hanno commentato il rapporto farebbero bene a confrontare i suoi risultati con il rapporto di 154 pagine sugli abusi pubblicato lo stesso giorno[5]  nel Regno Unito dall’IICSA (Independent Inquiry into Child Sex Abuse – Indagine indipendente sull’abuso sessuale su minori). Intitolato ” La Chiesa cattolica romana – Rapporto sulle indagini – novembre 2020” , [6] l’analisi ha portato Richard Scorer, un avvocato specializzato in abusi presso Slater e Gordon a dire [5] : “Il rapporto ha messo totalmente a nudo la Santa Sede e richiama la palese ipocrisia di Papa Francesco … La credibilità del papa su questo tema adesso è a brandelli – semplicemente non ci si può fidare “.

Inoltre, non dovrebbe sorprendere il fatto che il principale informatore  [7], mons. Carlo Maria Viganò, [8] sarebbe stato particolarmente diffamato [9] quando ha chiesto a Papa Francesco e ad alcuni di coloro che erano coinvolti [10] nella copertura di McCarrick di dimettersi.

Sebbene Viganò abbia chiesto ai suoi superiori [9] nel 2006 e nel 2008 “di intervenire il più velocemente possibile a togliergli la berretta cardinalizia, riducendo McCarrick allo stato laicale”, e nonostante la sua accusa di aver avvertito Papa Francesco di McCarrick il 23 giugno 2013, [11] il Rapporto McCarrick accusa l’arcivescovo di non aver compiuto “passi” per stabilire se le accuse contro McCarrick fossero credibili. La validità della denuncia viene immediatamente messa in discussione dal fatto che, nonostante sia stato citato non meno di 306 volte, lo stesso Viganò non è mai stato contattato [9] e nessuno gli ha chiesto di fornire informazioni per il report.

Mascherare una lunga storia di insabbiamenti

Ci sono numerosi motivi per credere che Francesco stia cercando di trasferire le colpe da se stesso a San Giovanni Paolo II ed a Viganò, la cui denuncia del 22 agosto 2018 è stata un catalizzatore che ha richiamato l’attenzione sulla predazione seriale [12] di McCarrick e sulla rete molto più ampia [10]che lo aveva nascosto e coperto [13] molto prima che arrivasse all’attenzione di Viganò.

Anni prima che lo stesso Viganò ricevesse notizia di accuse su abusi imputabili a McCarrick, i funzionari in Vaticano, presso la nunziatura apostolica a Washington, DC e in altre diocesi degli Stati Uniti, stavano coprendo innumerevoli casi di predazione sessuale clericale. 

Di norma, la ricompensa per chi si esponeva a pronunciamenti contro i molestatori e contro coloro che coprivano gli abusi, era la rimozione dall’incarico. È successo con il sacerdote domenicano p. Thomas Doyle, [14] a cui è stata “mostrata la porta” dopo essere stato coautore di un rapporto sugli abusi sessuali del 1985 [15] che chiedeva al Vaticano ed ai vescovi degli Stati Uniti di intraprendere misure correttive per frenare il gran numero di casi di abusi che transitavano dalla sua scrivania presso la nunziatura apostolica Vaticana.

A differenza di Doyle, i sacerdoti che in seguito lo sostituirono alla nunziatura – come gli allora padri Blase Cupich [16] e Timothy Dolan [17] – furono generosamente promossi per aver coperto casi di abuso dello stesso tipo che tanto avevano turbato Doyle.

All’indomani della pubblicazione del Rapporto McCarrick, Vatican News ha riferito che “Al momento della sua nomina ad arcivescovo di Washington, nessuna vittima – maggiorenne o minorenne – aveva ancora preso contatti [18] con la Santa Sede o con il nunzio negli Stati Uniti per presentare accuse per qualsivoglia comportamento improprio attribuibile all’arcivescovo “.

Si noti che il Vaticano non ha detto che nessuno ha denunciato McCarrick, ma che “nessuna vittima” lo ha denunciato. Se molte persone mettono in dubbio la veridicità del Rapporto McCarrick, è anche a causa di affermazioni come questa che distorcono l’intera verità. McCarrick è stato insediato come arcivescovo di Washington il 3 gennaio 2001, più di un mese dopo che p. Boniface Ramsey, OP ha [19] aveva inviato una lettera, datata 22 novembre 2000, al nunzio apostolico, Gabriel Montalvo.

Ramsey, un membro della facoltà dell’Immaculate Conception Seminary a Newark, nel New Jersey, ha riferito [20]  che McCarrick si è comportato in modo inappropriato con i seminaristi. Ramsey avrebbe poi raccontato di aver parlato personalmente al telefono con Montalvo, che lo ha incoraggiato a mandargli immediatamente in nunziatura la lettera incriminante su McCarrick. Ramsey racconta: ” Ho spedito la lettera lo stesso giorno, il 24 novembre, e non ho mai ricevuto un riscontro o una ricevuta di ritorno.[20] 

La lettera di Ramsey alla nunziatura non è l’unica lettera o segnalazione in cui si denuncia l’abuso da parte di cardinali, arcivescovi, vescovi e sacerdoti a risultare seppellita dai funzionari vaticani. Il 6 gennaio 2005, Stephen G. Brady,.[21] il presidente di Roman Catholic Faithful, ha inviato una lettera al nunzio apostolico, Gabriel Montalvo Higuera, in cui ha rivelato testimonianze oculari di attività omosessuali che coinvolgevano il vescovo, i sacerdoti ed i seminaristi della diocesi di Springfield. Come Ramsey, Brady non ha mai ricevuto un riscontro o una risposta alla sua lettera.

Se si dovesse credere alle conclusioni tratte nel Rapporto McCarrick, si dovrebbe credere che Viganò abbia mentito sul resoconto di McCarrick a Papa Francesco il 23 giugno 2013; che il Cardinale Sean O’Malley non abbia mai inoltrato La lettera di P. Boniface Ramsey del 17 giugno 2015 [22] contenente accuse incriminanti contro McCarrick al papa, che è l’unico che possa sanzionare un vescovo; che il vescovo di San Diego Robert McElroy non ha mai inoltrato la lettera legalmente notificata il 28 luglio 2016 contenente prove credibili contro McCarrick [23] (una lettera scritta da Richard Sipe), la cui lettera aperta del 22 aprile 2008 a Papa Benedetto [24] ha spinto Benedetto XVI a porre restrizioni a McCarrick  [25] .

Gli occultatori crescono, gli informatori cadono

Mentre il Rapporto McCarrick pubblicava le azioni di un prelato predatore, il rapporto stesso tace sulla pletora di preti e vescovi che fino ad oggi hanno scalato le vette delle carriere ecclesiastiche [25] all’ombra dell’influenza di McCarrick. Le inesplicabili legioni di chierici, che ancora oggi “promuovono la tradizione ” [26] di cattiva condotta o insabbiamento, sono al centro della crisi dalla quale la Chiesa deve ancora riprendersi. Un prete abusato da McCarrick ha informato il vescovo di Metuchen Edward T. Hughes che il trauma della sua esperienza con McCarrick “lo ha spinto a toccare in modo inappropriato due ragazzi di 15 anni[27].

Mentre i protetti di McCarrick continuano a essere denunciati al Vaticano, gli informatori continuano a trovarsi diffamati ed intanto gli accusati sono raramente indagati o sottoposti a provvedimenti disciplinari. Ad esempio, nella diocesi di Richmond, Virginia, sacerdoti come p. Mark White [28] si ritrova sospeso dal ministero [29] per essersi pronunciato contro una cultura dell’occultamento promossa dall’ex segretario di McCarrick, Bp. Barry Knestout. 

Allo stesso modo, al Pontificio Collegio Nordamericano (North American College  – NAC) di Roma – teatro dei frequenti pernottamenti di McCarrick – l’ex seminarista Anthony Gorgia è stato costretto a lasciare il seminario ed ha subito rappresaglie dopo che aveva avanzato delle accuse di comportamenti fisici inappropriati commessi da p. Adam Park. 

Adam Park, dopo essere stato ordinato sacerdote da McCarrick nel 2005 ed essere stato al servizio del Cardinale Donald Wuerl, [30] come sacerdote segretario, è stato nominato vice rettore del NAC nel 2017. Dopo che le accuse contro Park sono state occultate da alcuni degli stessi funzionari della Chiesa che hanno coperto McCarrick, Gorgia non ha avuto altra scelta che portare il suo caso in tribunale [31] per cercare riparazione alle ingiustizie subite.

L’eredità continua

SNAP, una rete che rappresenta i sopravvissuti agli abusi sessuali da parte del clero, ha reagito al rapporto di 449 pagine affermando [32] che “la crisi è ancora in atto con trasparenza e responsabilità tuttora carenti”.

Papa Francesco non solo non è riuscito a disciplinare McCarrick dopo aver saputo che 180.000 dollari di denaro dei parrocchiani erano stati spesi  [33] per finanziare due accordi extragiudiziali, ma ha anche continuato a coprirlo dopo che il Cardinale Seán O’Malley e Bp. Robert McElroy gli hanno trasmesso le prove incriminanti che avevano ricevuto da p. Boniface Ramsey e Richard Sipe.

Ci sono voluti più di due anni  [34] perché il Vaticano pubblicasse una storia che assolve Papa Francesco e punisce gli informatori. Il vero banco di prova non è se il papa ed i suoi subalterni abbiano fallito coprendo il comportamento predatorio di un ex cardinale caduto in disgrazia, ma come la Chiesa continuerà ad affrontare l’inevitabile crisi degli avanzi di McCarrick cui è caduta la maschera ma  perpetuano l’eredità di”zio Ted[35].

Redatto da Gene Thomas Gomulka 

Gene Thomas Gomulka è un capitano / cappellano della Marina in pensione che ha servito in servizio attivo presso i comandi del Corpo dei Marines e della Marina per oltre 24 anni. Padre (Monsignor) Gomulka e il domenicano P. Thomas Doyle hanno subito emarginazioni e rappresaglie a causa del loro sostegno alle vittime di abusi sessuali e dei loro scontri con i dirigenti della Chiesa che hanno nascosto e coperto gli abusi. 

[1] L’articolo Il dossier di Francesco non riporta il nome della vittima di abusi principali James Grein” è di Church miltant del 10 novembre 2020 ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/mccarrick-report-whitewashes-pope-francis

[2]L’articolo  “Papa Francesco ha aggredito e ostacolato le vittime di abusi sessuali mentre era arcivescovo di Buenos Aires” è di Life site news del 12 settembre 2018 ed è reperibile qui : https://www.lifesitenews.com/news/pope-francis-long-record-of-coverups-and-obstruction-of-sex-abuse-case

[3] L’articolo “IlDirettore della Residenza Pontificia, mons. Battista Ricca, evidenzia la profondità dell’infiltrazione omosessuale nella Chiesa” è di One Peter Five del 9 gennaio 2019 ed è reperibile qui : https://onepeterfive.com/director-of-papal-residence-msgr-battista-ricca-highlights-depth-of-homosexual-infiltration-in-the-church/

[4] L’articolo “La copertura degli abusi sessuali in Vaticano si svela mentre i pubblici ministeri si rivolgono al vescovo protetto da Papa Francesco” è di Life Site News del 18 febbraio 2019 ed è reperibile qui : https://www.lifesitenews.com/news/vatican-sex-abuse-cover-up-unravels-as-prosecutors-home-in-on-bishop-protec

[5] L’articolo “Un’indagine britannica denuncia la palese ipocrisia di Papa Francesco” è di Church militant dell’11 novembre 2020 ed è reperibile qui : https://www.churchmilitant.com/news/article/sex-abuse-report-damns-pope-cdl-nichols

[6] Il report del 10 novembre 2020 è reperibile qui : https://www.iicsa.org.uk/document/roman-catholic-church-investigation-report-november-2020 

[7] L’articolo che riporta varie lettere di Mons. Viganò è di Church militant del 22 ottobre 2018 ed è reperibile qui : https://www.churchmilitant.com/news/article/archbishop-viganos-testimony

[8] L’articolo di Mons. Carlo Maria Viganò del 10 novembre 2020 è di Church Militant ed è reperibile qui :  https://www.churchmilitant.com/news/article/abp-vigano-slams-mccarrick-report

[9] L’articolo di Mons. Carlo Maria Viganò del 13 novembre 2020 “Mi hanno fatto pagare perché altri potessero continuare tranquillamente” è di Church militant ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/vigano-mccarrick-report

[10] Lo special report è di Church militant del l’11 novembre 2020 ed è reperibile qui https://www.churchmilitant.com/news/article/special-report-mccarrick-vs-vigano

[11] L’articolo “Non ricordo: Quali prelati sapevano degli abusi sessuali ?” è di Church militant del 30 gennaio 2020 ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/i-dont-remember

[12] L’articolo “Altro su Notorius Beach House di McCarrick” è di Church militant del 23 luglio 2020 ed è reperibile qui : https://www.churchmilitant.com/news/article/more-on-mccarricks-notorious-beach-house

[13] L’articolo “Il caso McCarrick dello zio Teddy” è di Renew America del 29 giugno 2018 ed è reperibile qui: http://www.renewamerica.com/columns/engel/180629  

[14] L’articolo “Verso la risoluzione della crisi degli abusi sessuali” è di Church militant del 23 agosto 2018 ed è reperibile qui:     https://www.churchmilitant.com/news/article/toward-resolving-the-sexual-abuse-crisis

[15] Il rapporto Doyle Mouton Peterson 1985 è reperibile qui: https://www.documentcloud.org/documents/1216510-doyle-mouton-peterson-report-1985.html

[16] L’articolo di riferimento è del Chicago sun Times del 26 agosto 2018 ed è reperibile qui:  https://chicago.suntimes.com/2018/8/26/18482736/disgraced-churchman-helped-chicago-cardinal-s-career-ex-vatican-official-alleges

[17] L’articolo “La vittima NAC ispira l’azione” è di Church militant del 30 aprile 2020 ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/index.php/news/article/nac-casualty-inspires-action 

[18] L’articolo “Rapporto McCarrick: una pagina dolorosa dalla quale la Chiesa sta imparando” è di Vatican News del 10 novembre 2020 ed è reperibile qui: https://www.vaticannews.va/en/vatican-city/news/2020-11/mccarrick-report-secretary-state-sexual-abuse-minors-church-pope.html

[19] L’articolo “P. Boniface Ramsey descrive diversi fallimenti nell’affrontare la predazione sessuale” è di Church militant del 30 ottobre 2018 ed è reperibile qui: 

https://www.churchmilitant.com/news/article/mccarrick-whistleblower-scandal-a-failure-of-fraternal-correction 

[20] L’articolo “Il caso di Theodore McCarrick – Il fallimento della correzione fraterna” di Boniface Ramsey è di Commonwelt magazine del 16 febbraio 2019 ed è reperibile qui: https://www.commonwealmagazine.org/case-theodore-mccarrick  

[21] L’intervista esclusiva a Stephen Brady del 18 giugno 2018 è di Church militant ed è reperibile qui:  

https://www.churchmilitant.com/news/article/exclusive-interview-stephen-brady 

[22] IL “Testo della lettera inviata dal sacerdote al cardinale O’Malley sull’arcivescovo” è di Cattolic Philly del 14 agosto 2018 ed è reperibile qui: https://catholicphilly.com/2018/08/news/national-news/text-of-letter-priest-sent-to-cardinal-omalley-about-archbishop/

[23] Il testo della lettera è reperibile qui: http://www.awrsipe.com/Correspondence/McElroy-2016-07-28-rev.pdf

[24] Il testo della lettera del 22 aprile 2008 indirizzata a Benedetto XVI è reperibile qui: https://www.traditioninaction.org/HotTopics/a02z_007_SipeOpenLetter.html

[25] L’articolo “Il social network di zio Ted del 16 luglio 2020 è di Complicit Clergy ed è reperibile qui: https://www.complicitclergy.com/2020/07/16/uncle-teds-social-network/

 [26]La dichiarazione per Papa Benedetto XVI è del 21 aprile 2008 ed è reperibile quì:   http://www.bishop-accountability.org/news2008/03_04/2008_04_21_Sipe_StatementFor.htm

[27]  L’articolo di American Magazine è del 16 luglio 2018 ed è reperibile qui:

https://www.americamagazine.org/faith/2018/07/16/ny-times-talks-men-who-received-settlements-after-alleged-abuse-cardinal-mccarrick

[28] L’articolo “la mia offerta per aiutare con il rapporto di McC” del 16 novembre 2020 è reperibile qui :https://frmarkdwhite.wordpress.com/

[29] L’intervista esclusiva a P. Mark White del 13 novembre 2020 su Church militant è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/exclusive-interview-fr-mark-white  

[30] Il rapporto della giuria della Pennsylvania di Church militant del 14 agosto 2018 è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/massive-pa-grand-jury-report-exposes-vast-network-of-homosexual-predation

[31] L’articolo “il caso storico dell’ex seminarista va avanti” è di Church militant del 14 settembre 2020 ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/landmark-case-moving-forward

[32] L’articolo “E’ schiacciante: I sopravvissuti reagiscono al rapporto di abuso di McCarrick del 12 novembre 2020 è di Crux, ed è reperibile qui:  https://cruxnow.com/church-in-the-usa/2020/11/its-crushing-survivors-react-to-mccarrick-abuse-report/ 

[33] l’articolo “Ecco quanto hanno pagato le diocesi cattoliche del New Jersey alle presunte vittime di abusi sessuali di McCarrick, è di NJ.com, del 17 luglio 2018, aggiornato il 14 maggio 2019 ed è reperibile qui: https://www.nj.com/news/2018/07/nj_catholic_dioceses_paid_at_least_180k_to_alleged.html

[34] L’articolo “Dov’è McCarrick ? Dov’è il rapporto” è  di Church militant del 20 marzo 2020 ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/wheres-mccarrick-wheres-the-report 

[35] L’articolo “Le lettere di McCarrick: dentro la mente di un predatore clericale” è di Church militant del 6 agosto 2019 ed è reperibile qui: https://www.churchmilitant.com/news/article/newly-published-mccarrick-letters-inside-the-mind-of-a-clerical-predator 

§§§

§§§

Viganò e il papa




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate

seguite

il profilo 

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

16 commenti

  • Fuori Tema ha detto:

    Pag.10 di Libero di oggi.
    Nasce il partito dei gay
    Per fregare voti alla sinistra.
    Sono solidali, ambientalisti, liberali. Puntano ad ottenere fino al 15% nelle urne
    E attaccano il governo perché gli omosessuali non rientrano tra i congiunti.
    Ieri si è svolta una conferenza stampa di presentazione.
    NO COMMENT

  • graeme taylor ha detto:

    Way too many prelates have shown their true colours. This decaying corpse of the Vatican under this dreadful Pope Francis are such sham and creepy characters.
    For the good of the world can these Cardinals and this Pope not just all retire into oblivion? as none of them are fit for purpose. You would not want any of them as your parish priest, they just give you the creeps.

  • Tous est pardonee ha detto:

    La chiesa e’ fatta da peccatori, la bibbia e’ una storia di grandi peccatori, eppure e’ storia della salvezza. Il Signore non vuole che nessuno vada perduto e nessuno deve sentirsi escluso dalla Chiesa. Anche lo fosse, Dio non lo abbandona (come fece con Agar nel deserto).
    Non ci si salvq oer virtu’ ma per la capacita’ di riconoscersi peccatori e chiedere perdono. Poi tentare di migliorare. In quanto alle religioni c’e’ un unico modo per vedere chi ha la verita’. Quella che si mette all’,ultimo posto e’ la piu’ vicina a Dio. Al Dio di tenerezza e di pieta’.

  • 1941 ha detto:

    Nasce Carlo Maria Vigano’. In vaticano arrivano le prime segnalazioni su padre Maciel Degollado. Solo dal soglio Benedetto XVI riuscira’ a rimuoverlo. Per mc carrick, mi pare si parli di abusi su un minore, per Maciel e Groer lasciamo perdere. Del secondo si parla di 1000 minori.
    Per il caso Maciel un 5 o 6 papi non fecero nulla e lui continuo’ la sua condotta, con variazioni sul tema. A parte i morti, che si possono decanonizzare? ma i vivi hanno pagato? I CURIALI IN VATICANO non hanno mai saputo nulla? Nessun blog se ne occupa?

  • Maria Michela Petti ha detto:

    La lista, forse ancora più lunga di quella riportata, dei puniti per aver denunciato corrotti e corruzione ai vari livelli, nel corso di troppi anni, e dei “misericordiati” – soprattutto in questi ultimi tempi – per aver manifestato il proprio dissenso circa tendenze e prese di posizione di nuovo conio, mi fa temere che favorirà il clima di diffidenza, sospetti e omertà.
    Il Rapporto McCarrick , in sostanza, non è altro che la fotografia parziale di una realtà tenuta a lungo nascosta e con la sua pubblicazione si è dato il segnale di aver chiuso una pagina da dimenticare. La volontà di svoltare resta per ora un buon proposito che troverà il banco di prova nella soluzione che sarà data ad altri casi venuti alla ribalta e ancora in stand by .

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Se McCarrich è un peccatore carnale ma non dottrinale (non lo so, suppongo) molto peggio di lui sarebbe chi non essendo peccatore carnale (non lo so, suppongo, ma con qualche dubbio) è chiaramente e gravemente peccatore dottrinale.
    Indovina indovinello, chi è quest’ultimo?

  • Adriana 1 ha detto:

    Gentile Tosatti ,
    forse ” bagnami” è più penetrante ,ma non mi pare esatto .

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      Quando i sacerdoti erano santi non erano santi solo i sacerdoti. Oggi sono e siamo tutti gran fornicatori. L’importare è cambiare e avviare processi….

  • Antonio ha detto:

    Sarò un maniaco delle coincidenze, perdonatemi, ma non posso fare a meno di notarne una. McCarrick è denunciato l’8 giugno 2017 per avere commesso abusi su un chierichetto nel 1971 nella sacrestia di una chiesa (negli Stati Uniti). Il 29 giugno 2017 la polizia australiana comunica che il cardinale Pell è sotto inchiesta per …avere commesso abusi su un chierichetto nel 1970 nella sacrestia di una chiesa (in Australia). Nello stesso momento, insomma, due cardinali vengono denunciati per lo stesso reato commesso nella stessa tipologia di luogo quasi cinquant’anni prima. Può essere un caso, si capisce, ma è ben curioso, anche se il caso McCarrick ha avuto uno scoppio più ritardato, complice il fatto che negli Usa quel reato risultava prescritto. Con il che non voglio dire che McCarrick debba essere innocente come poi è risultato Pell al termine di un lungo iter giudiziario: ma non potrebbe essere che ci sia una “manina” dietro i due casi?

    • : ha detto:

      Mah! Se proprio si vuole trarre un significato, vedendo bene la la successione delle due date di denuncia di McCarrick e di Pell, verrebbe da pensare che chi esposto denuncia per il caso (poi risultato falso) di Pell si è ispirato al caso (vero) di McCarrick.

      • Adriana 1 ha detto:

        Mah ! è un miracolo che McCarrick non sia stato
        ” medagliato ” sul campo . Procurava tanti soldini…e tanti dialoghini con la Cina…

      • Antonio ha detto:

        Però, vede, non è che l’8 giugno 2017 sia stato annunciato urbi et orbi che McCarrick aveva commesso abusi su minori. Quel giorno è stata presentata una denuncia all’Independent Reconciliation and Compensation program, un ente dell’arcidiocesi di New York che non credo abbia subito strombazzato tutto ai quattro venti. Il rapporto pubblicato dal Vaticano sul caso (p. 431) dice che in seguito è stata presentata denuncia alle “forze civili dell’ordine” che “hanno rifiutato di indagare perché il termine di prescrizione penale era scaduto”. Di provvedimenti (vaticani) contro McCarrick si è incominciato a parlare pubblicamente a ottobre. Se qualcuno in Australia il 29 giugno ha deciso di “imitare” la denuncia contro McCarrick era un tipo molto, molto ben informato, non uno che legge i giornali…

        • : ha detto:

          «Se qualcuno in Australia il 29 giugno ha deciso di “imitare” la denuncia contro McCarrick era un tipo molto, molto ben informato».

          Non è affatto una cosa incredibile, anzi!…

  • Marco Matteucci ha detto:

    UN’ALTRA MALATTIA AGGREDISCE CON VEEMENZA L’UOMO, IO SOFFRO PER VOI, FIGLI MIEI!

    “Amati figli del Mio Cuore Immacolato:
    Sono qui per chiamarvi alla CONVERSIONE, a cui dovete avvicinarvi determinati a rinunciare a ciò che il mondo e le sue macchinazioni vi offrono per farvi perdere la Salvezza Eterna. Siete in un momento di grandi prove, state andando verso la più grande desolazione che abbiate mai sperimentato da quando vi siete allontanati da Dio, negandoLo, rifiutandoLo e accettando il diavolo come vostro dio.”

    Se vuoi leggere tutto:
    https://reginadelcielo.wordpress.com/2020/11/19/unaltra-malattia-aggredisce-con-veemenza-luomo-soffro-per-voi-figli-miei/

Lascia un commento