PAOLO DEOTTO: CARO CONTE TI SCRIVO ANCH’IO PER NATALE…

15 Novembre 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, l’amico e collega Paolo Deotto ha seguito l’esempio del bambino di cinque (5) anni che sa già usare la PEC e ha inviato una letterina di Natale al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Per dirgli…ma buona lettura. 

§§§

Caro Signor Presidente del Consiglio,

ti scrivo anch’io la letterina di Natale. Per alcuni particolari differisco dal tuo precedente corrispondente, il giovane Tommaso. Infatti, io di anni ne ho 71 e, a differenza di quel bimbo così garbato, ossequiente, disciplinato (e con una padronanza della lingua che gioverebbe a molti membri del tuo governo), io esisto davvero.

Vedi, Signor Presidente del Consiglio, ti scrivo perché vorrei chiederti due regalini di Natale. Sì, li chiedo a te, perché purtroppo non ho più l’età per credere a Babbo Natale e poi perché tu sei l’unico che può farmi i regali che desidero.

Ecco il primo regalo che ti chiedo: una settimana di silenzio stampa, televisione e social. Una settimana in cui gli italiani non siano costretti a sentire i tuoi discorsi, il tuo auto-compiacimento, le tue lunghe prediche così piene di aria. Fritta.

E in più (suvvia due regalini, per te, che parli come niente di miliardi, non sono nulla) ti chiedo anche di recuperare un briciolo di pudore e chiedere scusa al popolo italiano.

Ci tengo a specificare che non pretendo le scuse per un’azione di governo confusa, contraddittoria, improvvisata, dannosa e ondivaga.

Pretendo le scuse perché, dopo aver gettato una Nazione nei pasticci, è davvero eccessivo recitare la farsa melensa del bimbo che ti scrive e a cui tu rispondi con paterna benevolenza.

Tra l’altro hai immaginato (o hanno immaginato i tuoi “consiglieri”) un bimbo deficiente, che prepara il gel per detergere le mani di Babbo Natale e che ti assicura che tutta la famiglia è felicemente riunita (speriamo in non più di 6!) nell’osservare le disposizioni dei tuoi DPCM.

Se già volevi prendere in giro 60 milioni di italiani, almeno potevi inventare un bambino un po’ più realistico.

E invece sei caduto nella più becera retorica alla De Amicis. Ci mancava solo che tu ci dicessi che la lettera ti era stata portata a mano da Garrone, amico dello scrivente, e il quadretto era completo.

Mi viene da chiederti, signor Presidente del Consiglio: ma sei proprio convinto che gli italiani siano un  popolo di deficienti? Pensi di recuperare popolarità con questi giochetti da dementi?

Forse per un attimo ti sono venute in mente le immagini di grandi dittatori del passato che, immancabilmente, si facevano fotografare mentre con sguardo paterno (ma sempre fiero) tenevano un bambino in braccio. Rassegnati Signor Presidente del Consiglio: non sarai mai un Mussolini, un Hitler, uno Stalin. Non ne hai la statura, in bene o in male che sia. Resterai sempre solo e tristemente un Giuseppe Conte e quando finirà la Covid-isteria generale, verrai messo nello sgabuzzino, insieme alle cose vecchie che non servono più.

Prima che arrivi quel momento, nemmeno tanto lontano, almeno recupera un po’ di pudore. E chiedi scusa a 60 milioni di italiani, presi in giro da te e dal tuo onirico e ossequioso bimbo.

Buon Natale

Paolo Deotto

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK

cercate e seguite

Marco Tosatti




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

47 commenti

  • Petrus ha detto:

    Oltre ad inviare lettere al presidente del consiglio, diciamo nulla di un presidente della repubblica connivente con questo governo indecente ed anticristiano? Certo Mattarella è l’espressione del cattocomunismo e non può che sostenere questo governo voluto da lui e dalle consorterie della UE. Solo Dio può risolvere questa situazione perciò occorre pregare molto ma anche denunciare i misfatti delle nostre istituzioni politiche.

  • Luca Antonio ha detto:

    Applausi Deotto, applausi.
    Grazie.

  • Ruit hora ha detto:

    Caro Deotto, lei scrive divinamente e dalle sue parole traspaiono una lucidità di pensiero e un’indipendenza non comuni; tuttavia mi permetto di farle una domanda: siamo proprio sicuri che il prossimo presidente del consiglio sarà meglio di quello attuale ? La sequenza di questi ultimi anni rende legittimo qualche dubbio.

    • paolo deotto ha detto:

      Il suo dubbio è più che legittimo. D’altra parte, se uno ha un tumore, di sicuro gli deve essere asportato. Certamente esiste la possibilità che, in seguito, a questo sventurato arrivi un altro tumore, magari più grave. Ma ciò non toglie che il precedente tumore era comunque da togliere… comunque, al di là dei paragoni oncologici, c’è purtroppo un dato di fatto, che è quello di un sistema che ormai è bacato alla radice… e che quindi rende più che legittimo il suo dubbio.

  • Nicola Buono ha detto:

    https://youtu.be/xnIjmpYdwXM

    Padre Livio stavolta ha parlato forte e chiaro come una volta. LE ELITES VOGLIONO UN MONDO DI ZOMBIE.

  • Micky ha detto:

    Guardando i commenti su fb, la maggior parte ci credono alla storia del bimbo; qualcuno pensa che la lettera l’abbia scritta la mamma a nome del figlio, ma c’è chi crede che davvero l’abbia potuta scrivere un bambino.

  • Nicola Buono ha detto:

    https://youtu.be/iL_Mk8kNBIk

    Parla il Magistrato Angelo Giorgianni:” GRANDE RESET MONDIALE- STIAMO SUBENDO UNA SPERIMENTAZIONE CON QUESTA PANDEMIA “

  • stefano raimondo ha detto:

    Radio Maria, parole choc del direttore Padre Livio: “Il coronavirus è un progetto criminale di élites mondiali per eliminare chi non ci sta e ridurci come zombie.”

    (Letto sul sito de La Stampa)

    • Luca Antonio ha detto:

      …usano, ci faccia caso, sempre la parola “choc” ogni volta che qualcuno dice verita’ scomode….. i giornalisti sono scimmiette ammaestrate, il potere fa loro dei corsi in cui traccia linee guida della comunicazione e la parola “choc” e’ quella da usare in questi casi.
      Il prontuario delle mistificazioni e’ sempre lo stesso e i lombrichi umani che ancora qualcuno, coprendosi, anche loro, di ridicolo, si ostina a chiamare giornalisti , non hanno capito che il loro tempo sta per finire.

      • Don Ettore Barbieri ha detto:

        I cliché sono molti: quando c’era Giovanni Paolo II, ogni volta che diceva qualcosa contro l’aborto o altri dogmi laicisti, per Repubblica “tuonava”. Quando qualcuno dice parole vere che non fanno parte del politically correct, esse sono sempre “durissime”. È la menzogna veicolata attraverso titoli e articoli.
        Però, non dimentichiamoci che anche Marco Tosatti, come Aldo Maria Valli e molti altri sono giornalisti. Perciò, evitiamo i giudizi sommari

        • Luca Antonio ha detto:

          ….ovviamente il mio disgusto e’ indirizzato ai pennivendoli, quelli a cui viene ordinato le cose da scrivere, anzi propagandare, non al nostro coraggioso e limpido ospite e ad altri che fanno un po’ di luce in queste tenebre.

      • stefano raimondo ha detto:

        Luca Antonio, ha fatto bene a precisare, concordo sull’uso strumentale della parola “choc”. Io ho lasciato la suddetta parola anche per non inserire due virgolettati (c’è già il virgolettato riferito a Padre Livio).

  • giovanni ha detto:

    Eh si, pensa proprio che ha a che fare con una manica di stupidi. Invero la malattia e’ molto diffusa altrimenti costui non si troverebbe in quel posto. Vende bugie a prezzi stracciati una delle tante dimostrazioni e’ la seguente . Se durante il periodo di chiusura e fino ad oggi avesse veramente pensato a come combattere il virus, avrebbe convogliato tutte le risorse che ha sprecato in bonus di qualsiasi tipo verso la sanita,. Assumendo medici,infermieri , aprendo strutture chiuse dagli imponenti tagli precedenti, potenziando la medicina territoriale e di prossimita etc. etc. Insomma si sarebbe attivato per evitare tutto questo. E invece no, mi pare evidente che cosi va bene per Lui e gli altri. Mi fermo qui perche poi si dovrebbe passare alla analisi delle ragioni.

  • renato brandolese ha detto:

    Conte un inetto piccolo professore universitario posto ed innalzato al suo livello di incompetenza come primo ministro la cui sedia prova disagio ad ospitare il il suo ventaglio gluteo. Conte l’ ignorante che ebbe a dire che la pasqua è festa i resurrezione per gli ebrei (sic) . Conte adatto a dirigere il traffico , umano semaforo , ai crocicchi di periferia dove nessuno passa.

  • Donna ha detto:

    Standing ovation!
    Grande Deotto!

    E per questi governatori che si credono Dio in terra,dovrebbero ricordarsi il dialogo fra Pilato e Gesù, “Non sai che ho il potere di liberarti e il potere di crocifiggerti? Gesù gli rispose: «Tu non avresti alcun’autorità su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall’alto”.
    Non pensano minimamente che un giorno anche loro, dovranno rendere conto del loro operato al Dio di Giustizia.
    E mi unisco all’appello di Deotto, ma credo rimarrà purtroppo inascoltato.

  • Claudius ha detto:

    Non e’ che gli italiani siano dei conigli o dei codardi o dei rassegnati.
    E’ che come diceva Marx (che secondo me, depurato degli aspetti ideologici non e’ troppo lontano dalla dottrina sociale della Chiesa e potrebbe veramente esere “adottato” da noi cattolici, soprattutto ora che la follia comunista e’ passato remoto), le armi della critica non possono in nessun caso sostituire la critica delle armi.

    Disarmare il popolo e’ stata un’azione prettamente reazionaria.

    Non dimenticate che moltissimi americani, e la maggioranza dei sostenitori di Trump, sono armati.

    • Passato remoto ? ha detto:

      Il comunismo, come è stato descritto negli anni del dopoguerra, forse non esiste più. Ma la sua eredità è forse anche peggiore perché ci ha lasciato molte nazioni in uno stato ancora peggiore di quello che era il comunismo russo e dei paesi racchiusi dalla cortina di ferro.
      Il totalitarismo cinese è il più grande pericolo per il mondo intero.

      • Claudius ha detto:

        Grazie per l’edificante moralina.

        • Massimiliano ha detto:

          De… sarà anche una moralina ma ha ragione… comunismo retaggio del passato è veramente da ignoranti. Saluti. Massimiliano.

          • Claudius ha detto:

            E’ arrivato il moralista n. 2. Grazie anche a lei, senza il vostro preziosissimo intervento nessuno avrebbe mai immaginato cosa e’ stato il comunismo. Siete due geni, proprio. Avete capito tutto, tranne quello che ho scritto io, ma eravate troppo impegnati a comunicarci questa incredibile verita’ sul comunismo, che avete capito solo voi. Comunque, provi a rileggere, e cerchi di capire il senso del discorso che stavo facendo, e si rendera’ conto che con il “comunismo”, non c’entra una fava. Non e’ difficile, ce la puo’ fare perfino per un genio come lei.

      • MASSIMILIANO ha detto:

        Beh, lei cerchi di scrivere meglio la prossima volta. Su, si prenda magari questa responsabilità. Ha scritto una cavolata, se ne prende atto bene, altrimenti pazienza. Saluti.
        Massimiliano

    • Don Ettore Barbieri ha detto:

      Penso che il marxismo sia molto lontano dalla Dottrina sociale della Chiesa, anche depurato del suo ateismo. Possono esserci dei punti di contatto a livello pratico, ma la concezione dell’uomo, della società e dell’economia sono molto distanti.
      È vero, però, che paradossalmente, come ho già sostenuto altre volte, ha svolto una funzione di freno al dilagare del capitalismo inteso come ideologia dell’accumulo di ricchezza che non guarda in faccia a nessuno.
      Il risultato è che i governi e gli Stati non contano più nulla e il mondo è in mano ad una banda di criminali straricchi che fanno il bello e il cattivo tempo, Covid compreso.
      Il comunismo cinese si è riciclato assumendo modelli economici occidentali, mentre il capitalismo occidentale vuole assumere il modello politico cinese.

      • Claudius ha detto:

        @Don Ettore: Marx (e il marxismo) e’ stato tante cose: filosofo, storico, economista, da una parte e ideologo, utopista e politico dall’altra. Alla fine ha prevalso il Marx ideologo e utopista, e su quella base e’ stato costruito il comunismo, che si e’ dimostrato un incubo ancora peggiore del male che doveva curare. Ma il Marx che ha analizzato l’economia politica e ha criticato il capitalismo e’ una cosa molto piu’ seria e, come dicevo “non lontanissimo” dalla dottrina sociale della Chiesa. Per esempio nella critica al capitalismo.
        Marx ha colto l’aspetto fondamentale della formazione della ricchezza, con la teoria del valore-lavoro, che e’ qualcosa che a tutt’oggi, pochi economisti hanno veramente capito. Cosi’ come la teoria dell’accumulazione e del tendere del capitalismo a forme sempre piu’ estreme di concentrazione monopolistiche che alla fine distruggono qualsiasi elemento di “vivacita’” del mercato e finiscono nel lungo periodo a impoverire la stragrande maggioranza della classe lavoratrice, perche’ il capitale diventa sempre piu’ forte, impone leggi sempre piu’ restrittive e liberticide, quindi alla fine riduce i margini di retribuzione al lavoro, per dirottarla sul capitale. Che sono le stesse cose che dice il distributivismo cattolico. Certo, il marxismo non e’ la dottrina della Chiesa. Ma, ripeto, molte delle sue analisi possiamo capirle e apprezzarle noi cattolici molto meglio di tanti altri. Noi secondo me dovremmo riprendere molte delle sue analisi sul capitalismo, che sono tuttora valide e indipendenti dall’ideologia comunista.

  • Carla ha detto:

    Sottoscrivo ogni sua parla prof. Deotto!

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Non sarebbe preferibile un silenzio stampa non per una settimana, ma almeno per tutta la durata dell’ultimo Dpcm, per poter godere degli effetti sperati e constatarne i risultati? Gli esperti dell’epidemia non ci spiegano ogni santo giorno che la valutazione delle misure di contenimento adottate richiede minimo quattordici giorni di applicazione delle stesse? Perché questo stesso parametro non deve valere per raffreddare anche la curva del contagio da delirio?

  • nicoletta ha detto:

    A questo punto consideando che speanza (volutamente minuscolo),
    senza consultare i medici di base, ha proibito gli antibiotici, la clorochina, i cortisonici per curare a casa il virus, ha così facendo manifestato in sè la volontà omicida di finire gli ammalati, e per chi non muore la volontà di farli arrivare in terapia intensiva, per spargere terrore e confinamento sine die. Da cattolica credente e Dio mi perdoni, vorrei la morte fisica di questo pseudo ministro insieme agli altri al governo. Siamo in guerra purtroppo e non per ns. colpa.

  • Virro ha detto:

    Caro Paolo, il “buon Natale” è BUONO per chi aspetta GESÙ non chi è al servizio del Nuovo ordine mondiale che vuole “cancellare ” anche il solo ricordo del nome di Gesù nella memoria del singolo uomo. Ci prova, e se non ci riesce saranno problemi per lui .
    Santa giornata

    • Giovanni ha detto:

      Giusto, carissimo. Aboliamo queste feste civili utili solo per consumare, ingrassare e sballarsi, quando va bene, di cibo. Natale, Pasqua e le altre feste di origine religiosa servono per rendere gloria a Dio. Atei e agnostici festeggino le loro miserabili feste politiche, quelle a noi non servono.

  • ursula ha detto:

    ce li vedete gli italiani fare questo ?

    Million Maga March: Trump fans rage against dying of the light

    • Valentina ha detto:

      Siamo membri dell’UE e se solo osassimo mettere il muso fuori dalla porta per dire “beh”, ci mazzuolerebbero per bene.
      Siamo un popolo suddito della Germania luterana e della Francia laica, e ora possiamo “fieramente” aggiungere del Nuovo (dis)Ordine Vaticano.

      • Briciola ha detto:

        Il vero problema dell’Italia è recuperare credibilità e dignità in Europa .

        • Valeria Fusetti ha detto:

          Cara Ursula amo gli USA e li conosco bene perché la mia figliola maggiore , con la sua famiglia, vi abita da più di 30 anni. Per cui la notizia della marcia di Washington non mi ha stupita, mentre mi stupirebbe molto se la facessimo noi. Siamo più pavidi e cretini? Non credo, semplicemente la macchina organizzativa del Partito Repubblicano si è messa in moto. Nessun popolo può manifestare a livello nazionale, rischiando pure scontri con gli assassini prezzolati di Soros & C. , senza un livello organizzativo anche minimo. Ed a Washington mi sembra si stia dimostrando ben più di un minimo. Speriamo bene. Noi, invece, NON abbiamo una vera opposizione politica. Purtroppo.

  • roth ha detto:

    Giuseppe Conte ha detto : ( da IlGiornale di oggi )
    “Natale non è solo festa e regali, ma anche un momento di raccogliemento spirituale, e farlo con tantissime persone non viene troppo bene”.

    Geniale ! e poi noi italiani non siamo considerati deficienti ?

    • Luca Antonio ha detto:

      …un imposto presidente del consiglio che si atteggia a papa e un papa imposto che fa il politico.
      Molta confusione sotto il cielo, il momento e’ favorevole…
      – per chi ha ancora gli attributi -…no…Roth….non pensi agli italiani.

  • icon ha detto:

    caro Tosatti, Conte è un ectoplasma voluto dalla famosa lobby (quella laica ) . E’ il presidente Mattarella che lo protegge o mi sbaglio ?

    • Bastian contrario ha detto:

      No, non confondiamo le idee. Conte è il fiore di Villa Nazareth , ovvero è un pupillo del defunto cardinal Silvestrini e del vivo cardinal Parolin.
      Ma è anche il delfino di Guido Alpa. Guido Alpa , al contrario dei due succitati cardinali, è una figura sconosciuta alla maggioranza di noi.
      Ma, da qualche tempo mi frulla in testa un’idea : che Guido Alpa, fosse un tempo, molti, molti anni fa, in buoni rapporti con la sinistra, quando era ancora giovane, forse aveva una moglie, ed esercitava l’avvocatura in quel di Genova.

  • emma ha detto:

    io comincio invece a pensare proprio che gli italiani siano un popolo di rassegnati , non di deficienti, ma di “non reagenti” Basterebbe vedere s e come hanno reagito nel 2011 al sciagurato antidemocratico governazzo Monti imposto dal presidente Napolitano , che ha rovinato economicamente il paese . Basterebbe vedere la indifferente rassegnazione al pontificato di Bergoglio che ha rovinato spiritualmente il paese . Ormai , lo dico con rassegnata tristezza, siam solo capaci di scrivere proteste non firmate sui blog. .

    • Il figliastro delle tenebre (già Borghese pasciuto) ha detto:

      E la semplice ipotesi che la maggior parte degli italiani la pensi molto diversamente da lei, non la prende in considerazione? Che abbia problemi più pressanti, per fare solo un esempio, di come prendere l’ostia a messa?

    • Paoletta ha detto:

      comunque gli statali e i pensionati hanno salutato Rigor Montis con entusiasmo;non tutti sono stati fregati da lui. Lo sciagurato puntava al loro voto per diventare Presidente della Repubblica.

  • Enrico Nippo ha detto:

    Vedi, Signor Presidente del Consiglio, di fesserie ne hai sparate davvero tante, ma una le supera tutte:

    “stiamo lavorando”.

    Quante volte l’hai pronunciata? Hai fatto di questo gerundio presente la tua armatura impenetrabile e la parola magica con cui ha allucinato il popolo: se uno “sta lavorando” cosa gli vuoi dire?

    Peccato che il tuo gerundio presente non sia mai diventato un passato prossimo: “abbiamo lavorato”, “abbiamo fatto”, “abbiamo risolto”.

    Un solo gerundio presente è diventato un passato prossimo: “Abbiamo combinato un casino”.

    E il gerundio presente continua: “stiamo combinando un casino”.

    Non resta che sperare che questo gerundio presente finisca al più presto di diventare un futuro prossimo: “combineremo altro casino”.

    Povera Italia!

  • Valentina ha detto:

    Questo delinquente di Conte deve finire in galera, non nel dimenticatoio. Tutti i politici devono ricordare cosa succede a chi tradisce, non solo il popolo italiano, ma soprattutto Dio (e che il Giudice abbia pietà di lui).

    • Claudius ha detto:

      @Valentina hai perfettamente ragione. Aggiungo una cosa: quelli come conte e la sua banda di mascalzoni prima ancora che in galera dovrebbero finire davanti a una corte marziale, perche’ e’ quello e’ il posto in cui vanno a finire i traditori.