MONS. ICS: CANTALAMESSA CARDINALE? SPERO CHE NON ACCETTI.

28 Ottobre 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, fra i nuovi cardinali c’è anche padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia da ben 40 anni. Mons. ICS lo conosce bene, e ci ha inviato questa riflessione. Buona lettura. 

 

§§§

Caro Tosatti,

Padre Raniero Cantalamessa, 85 anni, è uno dei 13 Cardinali che verranno creati nel Concistoro del 28novembre da Bergoglio. Padre Cantalamessa è francescano, cappuccino, fu professore di storia del cristianesimo alla Cattolica di Milano. Da ben 40anni, cioè dal 1980, è predicatore della Casa Pontificia. Lo scelse san Giovanni Paolo II, lo confermò, Benedetto XVI, lo “trasformò” Bergoglio.

Padre Cantalamessa è un esempio, su cui riflettere, di come Bergoglio possa trasformare un sant’uomo e proprio ad un sant’uomo far fare dichiarazioni sorprendenti.

Padre Cantalamessa scrisse una lode a Maria Madre di Dio, che definì “Maria, uno specchio per la chiesa”; scrisse nel ’97 una sublime summa teologica di esaltazione dello Spirito Santo commentando il Veni Creator.

Persona carismatica, affascinante, trainante.

Poi, nel 2015, con Bergoglio pontefice, nella terza predica di Avvento alla Curia Romana, auspicando un riavvicinamento tra cattolici e protestanti, ha spiegato che un ostacolo sarebbe rappresentato dalla nostra “sconsiderata” devozione alla Vergine.

Ha testualmente detto che occorreva prendere un’altra via: “Tale via passa per un sincero riconoscimento da parte di noi cattolici del fatto che spesso, specialmente negli ultimi secoli, abbiamo contribuito a rendere Maria inaccettabile ai fratelli protestanti, onorandola in modo talvolta esagerato e sconsiderato e soprattutto non collocando tale devozione dentro un quadro biblico ben chiaro che ne facesse vedere il ruolo subordinato rispetto alla Parola di Dio, allo Spirito Santo e a Gesù stesso”.

Coerentemente con le considerazioni di Bergoglio sulla Madonna (<che non è nata santa, che era discepola, ecc. >)

Conoscendo personalmente Padre Raniero, leggendo quanto riportato rimasi sorpreso, poi indignato, quindi prevalse la tristezza.

Mai avrebbe detto questo con Giovanni Paolo II o Benedetto XVI, mai.

Anche perché sono certo che pensa il contrario, cioè che non si è onorata e ascoltata abbastanza la Madonna.

Leggendo che verrà nominato Cardinale, ho faticato a mortificare i pensieri conseguenti, su di lui.

Bergoglio ha saputo trasformare un santo? Questa è la domanda che mi sto ponendo. Inutile dire quanto invito a pregare per Padre Cantalamessa, a pregare anche perché rifiuti la nomina.

mons ICS

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

 STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

61 commenti

  • ..................................... ha detto:

    http://www.geocities.ws/catolicosalerta/liberalismo/liberalismo_7.html
    La Iglesia y el Liberalismo
    Revista “ROMA”, Nº 63-64

    Indiferentismo religioso

    Opinar, empero, acerca de la Religión que nada importan las entre sí distintas y aun contrarias formas de ella, equivale realmente, a confesar que no se quiere aprobar ni practicar ninguna. Si esto de nombre se diferencia del ateísmo, en el fondo viene a ser lo mismo. Pues, quienes están persuadidos de que Dios existe, con tal que quieran ser consecuentes consigo mismos y no caer en el mayor de los absurdos, comprenderán necesariamente que las formas de culto divino que se practican siendo tan distintas y de tanta disparidad, pugnando entre si aun en los puntos más importantes, no pueden ser igualmente aceptables, ni igualmente buenas, ni igualmente agradables a Dios.

    El verdadero concepto de la libertad

    Del mismo modo, la facultad de pensar cualquier cosa y de expresarla en lenguaje literario, sin restricción alguna, lejos de constituir en si un bien del cual con razón la humanidad se gloríe, es más bien la fuente y el origen de muchos males.

    La libertad como virtud que perfecciona al hombre, debe versar sobre lo que es verdadero y bueno. Ahora bien, la verdad lo mismo que el bien no pueden mudarse al arbitrio del hombre sino que permanecen siempre los mismos, no se hacen menos de lo que son por naturaleza: inmutables. Cuando la mente da el asentimiento a opiniones falsas y la voluntad abraza lo que es malo y lo practica, ni la mente ni la voluntad alcanzan su perfección, antes bien se desprenden de su dignidad natural y se despeñan a la corrupción. Por lo tanto, no debe manifestarse ni ponerse ante los ojos de los hombres lo que es contrario a la virtud y a la verdad, mucho menos defenderlo por la fuerza y la tutela de la ley. Por cuanto sólo una vida bien llevada es el camino que conduce al cielo, adonde nos dirigimos todos, el Estado se aparta de la norma y ley naturales, cuando permite que la licencia de opinar y de obrar el mal tanto se corrompa que deje impunemente desviarse las inteligencias de la verdad y el espíritu de la virtud.

  • ..................................... ha detto:

    qui dicunt videntibus nolite videre et aspicientibus nolite aspicere nobis ea quae recta sunt loquimini nobis placentia videte nobis errore …..

    ¡¡DISPOSICIONES TRANSITORIAS!!
    ..
    Sin embargo, según el Cardenal Ratzinger “no cabe un retorno al Syllabus, que pudo haber señalado la primera fase — pero no la última —del enfrentamiento con el liberalismo.”49 ¿Y cuál es esa “última fase” del enfrentamiento con el Liberalismo? Aparentemente, según la opinión del Cardenal Ratzinger, ¡es la aceptación, por parte de la Iglesia,de las mismas ideas que anteriormente condenó! Enfrentarse al Liberalismo por medio de la reconciliación con él, es una fórmula capciosa. El “enfrentamiento” de Ratzinger con el liberalismo no es otra cosa que una abyecta rendición.
    Además, según la opinión de Ratzinger, al presente no sólo se deben considerar obsoletas las condenaciones al Liberalismo contenidas en el Syllabus del Beato Papa Pío IX, sino también la doctrina antimodernista del Papa San Pío X en la Pascendi. En 1990 la Congregación para la Doctrina de la Fe divulgó una “Instrucción sobre la vocación eclesial del Teólogo”. Al explicarle la Instrucción a la Prensa, el Cardenal Ratzinger declaró que ciertas enseñanzas del Magisterio «no debían considerarse como la última palabra en un asunto como éste, sino más bien servían com
    o una tentativa de captar el problema, y, sobre todo, como una expresión de prudencia pastoral, una especie de disposición transitoria»50 Como ejemplos de estas “disposiciones transitorias”, el Cardenal Ratzinger mencionó «las declaraciones de los Papas durante el último siglo acerca de la libertad religiosa, así como las decisiones antimodernistas de principios de este siglo…»51 — es decir, las enseñanzas antimodernistas de San Pío X en los primeros años del siglo XX
    https:/eccechristianus.wordpress.com/2011/05/14/la-ultima-batalla-del-diablo/

  • ..................................... ha detto:

    http://www.catolicosalerta.com.ar/concilio-vaticano2/fines-matrimonio.html

    COMO INVIRTIÓ LOS FINES DEL MATRIMONIO EL CONCILIO VATICANO II

    Un théologien en liberté – Jacques Duquesne interroge le Pere Chenu

    En el Concilio Vaticano II, fue arduo el trabajo de revolucionar la doctrina. Se requería una meticulosa planificación y una cuidada distribución de funciones.

    Esto lo confirman las palabras del Padre Chenu al explicar cómo en los documentos conciliares fueron invertidos los fines del matrimonio católico. El Padre Marie-Dominique Chenu, uno de los principales inspiradores de la adaptación de la Iglesia al mundo moderno, aborda este tópico en el libro-entrevista “Un teólogo en Libertad – Jacques Duquesne interroga al P. .Chenu [Un théologien en liberté – Jacques Duquesne interroge le Pere Chenu]

    “Cuando se escribió el texto sobre la familia de la Gaudium et spes, hubo un episodio significativo. Como usted sabe, la tesis “tradicional” pretende que el fin primario del matrimonio es la procreación y en segundo lugar, la mutua satisfacción de los esposos. El texto del Concilio, en cambio, sin excluir la procreación, dio prioridad al amor entre los esposos, debido a que aquella sólo tiene sentido dentro de este amor.

    “En este tema, los belgas en peritiparticular jugaron un gran papel. Era necesario reformular la tesis tradicional sobre ‘los dos fines del matrimonio” que venía de San Agustín.”

    Cambiar esta terminología era un trabajo de expertos en el tema, especialistas. Todavía recuerdo el día en que entrando a la Basílica de San Pedro conocí a un perito belga, que llevándome aparte me pidió que le entregara a un obispo francés el texto de una nueva revisión [en relación con el matrimonio] que había hecho, lo cual hice. Esa fue la forma en que funcionaron las cosas”

    Traducido de: “Fr. Chenu explains how the ends of the marriage were inverted at Vatican II

  • ..................................... ha detto:

    O sea que la Tymieniecka ayudó a Karol Wojtyla, después Juan Paulo II, a hacer más anticatólica su filosofía

    Prosiguen los biógrafos: “Durante cuatro años trabajaron juntos en el manuscrito en Cracovia, Roma, Vermont, Suiza y Nápoles, y mantuvieron un diálogo y una correspondencia regulares que versaban principalmente de filosofía”… “Tymieniecka se dedicó de lleno al proyecto durante cuatro años…”.

    Dice Tymieniecka: “En Persona y Acción se encuentran (Antes de Wojtyla hubo dos detentadores del Trono Pontificio de cuyo, itinerario previo, fijado por judíos no tenemos pruebas, salvo su mentalidad judaizante, es decir Roncalli y Montini. De la realción con este último, que también fue preceptor del cerdenal Wojtyla, hay también mucho que decir), sus principales políticas como Papa. Eran la razón por la que fui a Cracovia, la primera vez, la razón, por la cual podía ser el jefe de la cristiandad.

    Aquí hay que hacer un comentario. ¿En razón de qué una mujer sabía qué mentalidad tenía que tener el que fuera el próximo “jefe de la cristiandad”?.. ¿En razón de qué los judíos, en particular?.. ¿No acusa esto claramente la existencia de un plan, y la elección prevista con mucha seguridad de la persona considerada indicada?… La conclusión es: Juan Paulo II fue preparado desde mucho tiempo antes para consumarse en la mentalidad -que ya tenía por principio- propia para ser el (uno de ellos) que desde hace siglos querían poner en la Sede de San Pedro. Pero había uno anterior, de cuya trayectoria fijada por judíos no tenemos pruebas, salvo su mentalidad; es fácil sacar la conclusión: Paulo VI. De la relación con este individuo que también fue maestro particular del cardenal Wojtyla, hay también mucho que decir.

    Pero no hay que dejar de mencionar que el judío Houthhakker; aunque un poco más a la sombra, tuvo también un papel relevante en la elección por judíos de Juan Paulo II. Houthhakker no dejó de comunicarse con Wojtyla. En primer lugar está el hecho de que haya consentido en que su esposa -de la cual no estaba separado- fuera a dar clases al cardenal, -en Cracovia y otras ciudades del mundo-, conviviendo en la misma ciudad, o siguiéndole a todas partes para cumplir su finalidad, -finalidad agradable a su discípulo Wojtyla-. Houthhakker, interrogado por los biógrafos, -tenían que intercalar alguna explicación a lo que todo el mundo se preguntaría- manifiesta que “ambos tenían diferentes esferas de intereses”… Aquí cabe decir que no lo parece, dada la importancia que también tuvo para el marido de la maestra particular de Wojtyla la relación con el cardenal. Houthhakker, decimos, continuó su relación con Wojtyla ya siendo éste “pontífice”. Y también colaboró activamente a dar a conocer al discípulo de su esposa en diferentes círculos importantes. Tan semejante era la “esfera” de trabajo del profesor judío, que fue él quien le presentó ante la comunidad de Harvard como “el futuro Papa”. Esto hubiera podido ser una ironía sarcástica para el cardenal Wojtyla, sino hubiera tenido seguridad el profesor. Un polaco desconocido, -pero muy conocido en ciertos círculos-, cuya filosofía de aprendiz había sido rechazada públicamente por la comunidad filosófica católica, ¿cómo podía ser presentado nada menos que como futuro Papa, en un país distante del suyo propio y a gente universitaria?.. El cumplimiento no fue pues, de una profecía, sino de un PLAN.

    Creemos que no hay quien habiendo leído la obra “Su Santidad” pueda llegar a otra conclusión. El libro es una especie de loa, de bandera de triunfo. Pero además están la palabra y obra de Juan Pablo II favorecedoras del imperio judaico de los espíritus, de la tierra, y… del cosmos, pues todo es “cósmico” en esta seudo-teología judeo-esotérica de Juan Paulo, por parte del Vaticano II, conciliábulo en el que influyó intensamente la judería.
    http://www.catolicosalerta.com.ar/papas-concilio/comentario-a-la-obra-su-santidad02.html

  • ..................................... ha detto:

    http://www.obispoenmisiones.com/reflexiones-sobre-la-canonizacion-de-juan-pablo-ii/
    Durante el tiempo del liceo, Wojtyla continuó en el teatro como actor, bajo la dirección de Mieczslaw Kotlarczyk, profesor de Historia. La función del actor, según Kotlarczyk, debía ser como la de padre, esto es, una “misión”, “una vocación”, un “sacerdocio del arte”.

    Este profesor de “teatro rapsódico”, o sea, de teatro en que el autor debe pronunciar cada vocal y cada palabra con precisión, Wojtyla tenía esa idea después de haber meditado en la tradición teosófica y antroposófica de Rudolf Steiner. Después, para comprender mejor el pensamiento wojtyliano, es necesario considerar el pensamiento teosófico de Steiner, cuya doctrina está fundada en el hombre y no en Cristo. La Sociedad Teosófica fue fundada por Elena Petrovna Blavasky y por el ocultista Henry Steele Olcott, ambos asociados a la Masonería.

    Rudolf Steiner (1861-1925). Hombre de excepcionales cualidades intelectuales, Steiner fue cabeza de la Sociedad Teosófica en Alemania, donde fundó su revista “Lucifer”, nombre que luego cambió por “Lucifer Gnosis”. Miembro del O.T.O., una de las sociedades secretas de los Iluminados de Baviera, basada en los poderes mágicos del sexo, Steiner fundó la Sociedad Antroposófica como forma “Europea” de la Teosofía Americana. Steiner desarrolló la idea de renovar la Cristiandad a la luz del budismo esotérico, donde Cristo, en la Antroposofía, toma, por una parte el rol especial de equilibrar, y suavizar el ardor de Lucifer, y por la otra, la fría inteligencia del demonio Ahriman.

    Madame Helena Petrovna Blavatsky (1831-1891). Era masona del grado 33. En 1875, ella fundó la Sociedad Teosófica donde, so capa de un conocimiento universal y exclusivo, ella pretendió deificar la Humanidad bajo el pretexto de una verdadera religión de masas. Los motivos luciferianos no son marginales cuando se considera que Blavatsky escribió: «Satán es la energía activa del universo (…) El es el Fuego, Luz, Vida, Lucha, Esfuerzo, Pensamiento, Conciencia, Progreso, Civilización, Libertad, Independencia». Por otra parte, el propósito declarado de la Sociedad Teosófica era «limpiar la Cristiandad de la faz de la tierra (…) y desterrar a Dios del Cielo», yendo tan lejos como hasta negar la autenticidad de Jesucristo.

    Nota: todas estos personajes, influyeron de tal manera en Wojtyla, que todas sus ideas se vieron plasmadas en las tesis del ya mencionado libro “Persona y Acción”

  • Pino Luciani ha detto:

    Vorrei dire al sig. Salvi che questo papa usa il telefono e anche gli incontri privati…ma p. Cantalamessa non è stato mai chiamato, nè invitato ad andare. Se lei dice che ci sono le gerarchie, allora si informi e mi faccia sapere con chi ha contatto p. Cantalamessa per prendere ordini dal papa. Vorrei poi sapere quali ordini dovrebbe prendere, visto che fa prediche che tutti leggono e va in giro a tenere Esercizi spirituali. Se il papa plagia le persone dovrebbe farlo con i suoi portavoce, con Mons. Parolin, con i vescovi che parlano con il popolo, non con chi non ha voce in capitolo e non ha nessun gruppo che lo segue. le pare? Comunque, può anche continuare a credere che p. Cantalamessa sia stato plagiato, tanto ognuno di noi è quel che è davanti a Dio e non secondo il giudizio degli uomini.

    • Silvi ha detto:

      Sig. Luciani, è lei che continua a parlare di plagio. Io ho solo riportato un pezzo della sua frase, e scritto che per seguire le “direttive” non è indispensabile essere chiamati direttamente dal presidente d’azienda. Infine mi permetto di consigliarle una camomilla. Saluti.

  • Pino Luciani ha detto:

    Buongiorno a tutti!
    Leggendo i commenti su p. Cantalamessa ho pensato che fosse giusto far conoscere qualche verità che, evidentemente, chi scrive ignora.
    Io conosco p. Cantalamessa dai tempi della gioventù, quando eravamo insieme in seminario, poi io ho preso un’ altra strada, ma la nostra amicizia è rimasta solida nel tempo, anche ora che siamo entrambi anziani.
    Intanto vorrei dire a mons.ICS che quando un Papa nomina un cardinale, non lo consulta e la persona viene a sapere della nomina senza essere stato interpellato, quindi al cardinalato non si può rinunciare. Padre Cantalamessa non ha mai ambito a nulla, se avesse voluto, avrebbe potuto fare carriera all’ Università Cattolica dove aveva davanti un brillante futuro e, invece, ha lasciato per predicare; avrebbe potuto accettare la nomina a Vescovo che per tre volte gli è stata proposta. Ora questa nomina è solo un riconoscimento per i suoi tanti anni di predicazione, non cambia niente nella sua vita, continuerà a vivere nell’ Eremo dove abita e a predicare fino a quando ce la farà. Gli ultraottantenni cardinali non hanno alcun compito nella Chiesa, nessuna influenza e voce in capitolo, è come se una persona ricevesse una medaglia, la prende, ringrazia, la conserva e va avanti per la sua strada.
    Padre Cantalamessa non ha mai frequentato il Vaticano e nemmeno Santa Marta, da sempre è andato per le prediche di Avvento e di Quaresima, incontrando il Papa di turno dopo l’ ultima predica per un saluto di due minuti insieme ad altre persone e non ha mai avuto udienze private, nemmeno con Bergoglio. Il mons. ICS può verificare che quello che sto dicendo è vero. Ha sempre stimato ciascun papa e non ha mai detto una parola contraria nei loro confronti. Nelle interviste dei vari anni, ha sempre mostrato la sua obbedienza e la sua stima per tutti e tre Papi, ma non è mai intervenuto a commentare o criticare il loro ministero e le loro decisioni dottrinali.
    Leggo che Bergoglio lo ha plagiato…che assurdità, non si vedono e non si sentono mai!!! Quelle parole sulla Vergine che hanno suscitato indignazione, p. Raniero le aveva già dette nel bellissimo libro scritto sulla Madonna ai tempi di papa Giovanni Paolo II e da lui approvato. Non era una frase per diminuire o eliminare la figura della Madonna e biasimare coloro che la onorano, era la costatazione che ci sono cattolici fortemente devoti della Madonna, ma vivono come se Gesù Cristo e la Trinità non esistessero. E’ questo che disturba i cristiani di altre Chiese e a questo p. Raniero faceva riferimento. Non è forse vero che Gesù è Dio e la Madonna no? La Madonna è grande perchè è Madre di Dio! Padre Raniero proprio perchè anche i non cattolici apprezzassero la Madonna ha fatto conferenze in Svezia, Germania, Danimarca, Norvegia, Regno Unito, conferenze in cui parlava della Madonna perchè loro scoprissero la sua grandezza e dei gruppi protestanti già iniziano ad amare la vergine. Chi le sa queste cose? sono tutte cose ben documentate! Altro che sminuire la Madonna! Come Francescano è un innamorato della Vergine, recita ogni giorno il Santo Rosario, la onora in tutte le sue feste ed è particolarmente legato alla Madonna di Loreto perchè, è cresciuto all’ ombra di quel Santuario fino alla sua ordinazione sacerdotale.
    Non ha nessun motivo e nessun interesse per essere “un lecchino”, come ha scritto qualcuno, non ci guadagna niente e nemmeno ha nulla da nascondere. Dire che p. Cantalamessa era stato in combutta con un truffatore è il colmo…aveva fatto una intervista per la Rai ad una persona che le avevano segnalato come buona, che aiutava gli altri, non la conosceva e non ha mai avuto rapporti con lui. Dopo, questa persona fu implicata per truffa e volevano coinvolgere anche p. Cantalamessa, ma in tanti programmi televisivi sono intervistate persone per grandi cose e poi queste stesse persone, dopo tempo, vanno in carcere: è colpevole anche il giornalista? A me sembra che le persone che hanno scritto su questo blog, abbiano cose da rimproverare a Bergoglio ed ora le riversino anche su p. Cantalamessa che stima questo Papa, ma non ha mai commentato le sue decisioni, quindi, nessun ricatto e nessuna concessione per diventare Cardinale.
    Io non dico che p. Cantalamessa sia un santo perchè tutti fino alla morte siamo in cammino, non dico che sia un bravo predicatore( anche se per me lo è), perchè ognuno è libero di recepire quel che crede e sente nel cuore, ma che sia una persona retta, riservata, un buon frate lo dico con grande convinzione e, come me c’è tanta gente che lo pensa in tutto il mondo! La sua dottrina è sempre la stessa basata sui principi evangelici, contro l’ aborto, il celibato ai sacerdoti, il sacerdozio alle donne e il matrimonio ai gay…prima di offendere con parole che distruggono le persone, informatevi.
    In coscienza, mi sentivo di dire queste cose e, per favore, se non vi piacciono i libri e le predicazioni di p. Cantalamessa, non dite che la colpa è di Bergoglio che nemmeno li conosce, Date a Bergoglio le sue colpe , non leggete i libri di p. Cantalamessa, non andate alle sue prediche e lasciate in pace una persona di 86 che ha trascorso la vita a parlare di Cristo e del vangelo e continua a vivere nella semplicità francescana.
    I problemi nella Chiesa sono tanti, forse dovremmo passare più tempo a pregare il Signore che ci aiuti.

    • MARIO ha detto:

      Sig. Pino,
      grazie per questa bellissima testimonianza.
      La luce e l’amore sono più forti e vincono sempre…

    • Silvi ha detto:

      Bergoglio lo ha plagiato… che assurdità, non si vedono e si sentono mai. Sig. Luciani, ma chi pensa di prendere in giro? Secondo lei, un presidente d’azienda va o telefona direttamente agli operai per far seguire le proprie direttive? Cosa esistono a fare le gerarchie?

  • antonio cafazzo ha detto:

    Abbiamo proprio bisogno di un Papa e di una Curia, visto che l’Islam stravince e non ha un “capo visibile né una struttura istituzionale”, che l’Ebraismo “mostra di non necessitare né di un capo né di strutture di governo” e che fra i fedeli c’è “essenzialmente crisi di fede”?

    Alessandro Gentili, generale dei Carabinieri (ris.) e già Comandante della Gendarmeria della Repubblica di San Marino ieri 27/10 ha scritto:

    “INCOMPATIBILITÀ E INUTILITÀ DEL POTERE TEMPORALE
    L’evoluzione e l’irrefrenabile espansione dell’Islam nel mondo, senza un suo capo visibile né una struttura istituzionale, dimostrano quanto il potere temporale esercitato dai sommi pontefici della Chiesa Cattolica sia stato e sia anche oggi una componente estranea e persino esiziale per l’esistenza di una religione. E come per l’Islam, anche l’ebraismo mostra di non necessitare né di un capo né di strutture di governo di una religione sopravvissuta alla diaspora, alle infinite e feroci persecuzioni nonché all’orrendo genocidio della seconda guerra mondiale, che ne hanno tristemente connotato la storia.
    (…) Le evidenti difficoltà in cui oggi si dibatte la Curia Vaticana si riflettono inevitabilmente su una crisi sempre più vasta tra i fedeli, disorientati dalle continue notizie di scandali, e sulla crisi delle vocazioni, che è essenzialmente crisi di fede. È di tutta evidenza che, nel mondo, la Chiesa cattolica è una chiesa missionaria mentre a Roma e in Italia la Chiesa cattolica appare soprattutto come una istituzione secolare.”
    http://www.osservatorelibero.it/2020/10/27/incerto-futuro-dello-stato-citta-del-vaticano

  • antonio cafazzo ha detto:

    Salmo 000 (anonimo).
    Al maestro del coro (ed ai 127 neo-coristi). In sordina.

    “Mira que Dios te mira
    Mira que te està mirando.
    Mira que te vas a morir
    Mira que no sabes cuando.”

    (filastrocca che si insegnava ai bambini spagnoli quando la Spagna era cattolica).

  • Michel Berthoud ha detto:

    A proposito della Santissima Vergine Maria, Madre di Dio, una prova inconfutabile per capire la dimensione divina di Questa Donna. Durante un esorcismo, (tutti gli esorcisti sanno quanto sia efficace durante gli esorcismi invocare la Vergine) il diavolo fu costretto a tessere gli elogi alla Vergine Immacolata. Accadde nel 1823, in Provincia di Avellino, due esorcisti, padre Pignataro e padre Cassiti, furono invitati ad esorcizzare un ragazzo di appena dodici anni analfabeta! I due esorcisti imposero a Satana di dimostrare che Maria era Immacolata e per di più lo obbligarono di farlo mediante un sonetto, una poesia:

    “Vera Madre son io di un Dio che è Figlio
    e son figlia di Lui benché sua Madre.
    Ab aeterno nacque Egli ed è mio Figlio,
    nel tempo io nacqui eppur gli sono Madre.

    Egli è il mio Creator ed è mio Figlio,
    son io sua creatura e gli son Madre.
    Fu prodigio divin l’esser mio Figlio
    un Dio eterno e me aver per Madre.

    L’esser quasi è comun, tra Madre e Figlio,
    perché l’esser dal Figlio ebbe la Madre
    e l’esser dalla Madre ebbe anche il Figlio.

    Or se l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
    o s’ha da dir che fu macchiato il Figlio
    o senza macchia s’ha da dir la Madre”.

    Pio IX si commosse quando lesse questo sonetto, che gli fu presentato in occasione della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione di Maria.

  • MARIO ha detto:

    Un uomo, o un “sant’uomo” come lo definisce Mons. ICS, non si commuove a bacchetta o con la bacchetta magica.
    Si veda questo filmato (SOUL del 08.01.2017) al minuto 27:45
    https://youtu.be/BbfQNSm_ppk?t=1663

    Faccio notare inoltre che nell’ultimo Messaggio di Medjugorje (per chi ci crede), e precisamente nel Messaggio del 25 ottobre alla veggente Marija, la Madonna dice:
    “Satana è forte e lotta per attirare a sé quanti più cuori possibile.
    Vuole la guerra e l’ODIO.”
    https://radiomaria.it/messaggio-del-25-ottobre-2020/

    Credo anch’io che l’ODIO, fuori e dentro la Chiesa, sia il male peggiore di questi tempi. Me ne convinco sempre di più.
    E leggendo certi articoli e certi commenti, mi rattristo.

    • mariano ha detto:

      ma questa Madonna non dice niente della situazione ai vertici della Chiesa? Ha paura di compromettersi dicendo ,( che ne so) che l’omosessualità praticata é ancora peccato? Solo per accennare all’ultima provocazione del vescovo di Roma. Ma penso anche alla Pasqua “eliminata” e alla ventilazione che forse anche il Natale…..

      • MARIO ha detto:

        Mariano,
        penso che la Madonna segua l’insegnamento di Gesù, che ha detto:
        “non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo”. (Gv 12, 47).
        La Madonna, così come la Chiesa, devono annunciare la Verità.
        E l’uomo, nella sua libertà, può accoglierla o rifiutarla, rispondendo di questo nell’ultimo giorno.
        Riguardo all’omosessualità, non confondiamo per cortesia inclinazione omosessuale con pratica omosessuale. Il Papa su questo è stato più che chiaro.

        • Milli ha detto:

          Sig.Mario, tutto il rispetto per gli omosessuali che vivono la loro condizione come una prova e si sforzano di vivere in grazia di Dio, castamente.
          Ma non siamo ingenui, suvvia, qui in ballo c’è ben altro, si parla di famiglia (quale? Creata come?) di figli (avuti come?), di peccato che non è più tale, in primis tra le troppe eminenze della Chiesa.

        • : ha detto:

          Certo che è stato chiaro. Se auspica l’unione civile degli omosessuali si riferisce alla pratica non certo all’inclinazione. Chi ha solo l’inclinazione ma considera disdicevole la pratica si terrà ben lontano da unirsi con un altro omosessuale.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Non ho mai capito come il Papa Benedetto XVI, gloriosamente regnante, potesse supportare l’eretico Cantalamessa come predicatore. Un mistero che dovrà risolvere davanti alla misericordia del Signore. Ma che l’antipapa lo faccia cardinale, nihil novi sub sole. Business as usual.

  • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

    Scusate, ho aspettato che intervenisse qualcuno più qualificato di me in teologia ma, a questo punto devo dirlo io; non attribuiamo al Papa tutti gli atti del cappuccino neo-cardinale, Raniero Cantalamessa, che anch’ io ricordo in tv, come predicatore edificante e ortodosso, da qualche tempo fa affermazioni totalmente inaccettabile da qualunque cattolico (anzi da qualunque cristiano) 1) ha detto che davanti al dolore nel mondo Dio (proprio Dio, non Gesù nella sua natura umana) SOFFRE assieme all’ uomo. Ora io, lo ripeto, vorrei un parere di un teologo, ma mi pare di ricordare che sia esistita l’ eresia del “teopaschismo” (sofferenza di Dio), per reazione alla quale, per altro, ebbe diffusione l’ arianesimo (Gesù, non essendo della stessa sostanza divina del Padre, può soffrire senza che ci sia sofferenza in Dio).
    2) ha detto, a proposito del covid, che (cito a memoria, ma c’ è la registrazione) Dio ha lasciato alla natura creata “una certa libertà”, degli esiti della quale Egli non è quindi responsabile. Quest’ ultima è una teodicea suicida, prima che errata, come si comprende bene. Anche dal solo punto di vista filosofico.
    3) ha detto che “i teologi oggi stanno rivedendo la dottina [dogmatica, dico io] che dice lo stato virginale superiore a quello sponsale. Quest’ ultima affermazione, mi rendo conto, potrebbe apparire quasi innocente; ma se la proiettiamo sullo sfondo dell’ attuale demolizione, per “linee interne”, della morale cattolica, il giudizio può esser più severo; così almeno penso io.

  • Don Pietro Paolo ha detto:

    Non do un giudizio su Padre Cantalamessa. “Prima della fine non chiamare nessuno beato;
    un uomo si conosce veramente alla fine” ( Sr 11,28).
    Sulla Beata Vergine Maria, I’mmacolata Madre di Dio, per la Quale io nutro grandissimo Amore e devozione, ricordo che il Concilio di Efeso stabili’ che, mentre a Dio Ss. Trinità e a Gesù anche nella sua umanità viene dato culto di latria (adorazione), ai Santi viene tributato il culto di dulia (venerazione), a Lei, la Vergine di Nazareth, viene dato culto di iperdulia, super venerazione. Non voglio fare l’avvocato del neo cardinale eletto, ma Probabilmente, anzi certamente Cantalamessa, che conosce molto bene il dogma cattolico, non voleva dire quanto sbrigativamente ed erroneamente qualcuno qui asserisce. Capisco il grande amore che ognuno sicuramente nutre per Nostra Signora, ma pur riconoscendo a Maria Ss. tutti i titoli che la S. Chiesa le ha dato, che c’è dubbio, per sempio, che il Consolatore, Aiuto o l’Avvocato dei cristiani è lo Spirito Santo o che il Mediatore, Signore e Redentore è solo Gesù Cristo. Questi titoli possono anche essere dati a Maria, ma bisogna spiegarli nell’ottica cristiana biblica altrimenti si cade nell’eresia di considerare Maria come una dea, cosa che non solo i protestanti non possono accettare, ma neanche i veri cattolici.

    • Valentina ha detto:

      La Vergine Maria è la creatura più perfetta dopo la Santissima Trinità, più perfetta degli Angeli.

  • Paul Mayer ha detto:

    Se c’è chi esagera nella devozione mariana c’è perfino chi esagera nella devozione cantalamessiana… Cantalamessa un santo? Ma per favore, io l’ho incontrato di persona più volte e alla fine non mi ha edificato affatto. Bravo predicatore? A volte sì e a volte no.

  • P. Brian Paul MAGUIRE,c.p. ha detto:

    Ci può forse essere una devozione più “sconsiderata” del privileggio della CONCEZIONE IMMACOLATA o della MATERNITÁ DIVINA?
    O una gratitudine più “sconsiderata” dovuta alla SERVA del Servo di Jahvè. o alla Co-Redentrice, nostra Madre, ai piedi della Croce del Figlio di Dio incarnato, proprio da LEI?
    Chi non ha Gesù Cristo, il Figlio di Dio non ha neanchè Dio Padre, e chi non ha l’Immacolata Vergine Maria non ha neanchè il (vero) Messiah, l’Unico che ci conduce al Regno del Padre nei cieli!
    GUARDA CASO: Nel 1954 i Vescovi della Germania divisa implorarono l’Immacolata Vergine Maria di Fatima di ottenere dal suo Divin Figlio le grazie del rimpatrio dei prigionieri di guerra ancora tenuti nell’Unione Sovietica e la riunificazione delle due parti divise della loro patria. Furono esauditi pienamente. Nel 2004 gli stessi Vescovi tedeschi SI RIFIUTARONO di celebrare il cinquantesimo anniversario dell’avvenimento storico del 1954 per ringraziare la Madonna di Fatima per le grazie ricevute!!
    PERCHÉ?
    Per non offendere i Luterani e per non pregiudicare l’ECUMENISMO con i Protestanti!!
    Furono forse i Luterani a riportare in patria i prigionieri della Seconda Guerra Mondiale? O furono forse i Protestanti a riunificare le due Germanie? O forse il nostro “rabbi” è il “Maestro della Loggia” e noi siamo “tutti fratelli massoni” nel nuovo paradiso ecumenico del Nuovo Ordine Mondiale??
    Chi vuole piacere all’uomo non può essere SERVO di Cristo (Gal. 1, 10) come lo fu l’Addolorata Vergine Maria Immacolata, la nostra CO-REDENTRICE (Lk. 1, 38) che a Fatima c’invita ad imitarLa (Giov. 2, 5) nel PROSSELITARE tutti i popoli e farne altrettanti DISCEPOLI (Mt. 28, 18-20) e SERVI come LEI (Atti 1, 8) per convertirli al “vecchio” ordine del “Lógos” che è sempre lo stesso per tutti ieri, oggi e domani (Ebr. 13, 8)!
    Non si potrebbe mai mostrare una devozione abbastanza “sconsiderata” per una tale Madre (Giov. 19, 27) che ci mostrato un amore così grande (Giov. 15, 13) da sacrificare il suo unico figlio per la nostra redenzione (Atti 4, 11-12)!! O forse l’avvertimeto di Fatima sulla Seconda Guerra Mondiale non ci è bastato (Gal. 6, 7)

  • Angelo ha detto:

    I sentimenti e i propositi più intimi e profondi, per fortuna, rimangono, per ognuno di noi, se lo vogliamo, custoditi nel santuario della nostra anima e solo Dio può conoscerli.
    Mi ha sempre colpito una frase molto bella di Papa Giovanni.
    Nel confidare al “Giornale dell’anima” le emozioni e i proposti della sua ostinazione sacerdotale scrive:
    “Nella vigilia di quel beato giorno…mi recai a San Giovanni in Laterano a pregare in quella basilica, a rinnovare il mio atto di fede; poi feci la Scala Santa, di là passati a San Paolo fuori le mura. Che cosa dissi al Signore in quella sera, sulla tomba dell’Apostolo delle genti?: “Secretum meum mihi ! “”.
    Questa chiosa in latino mi ha sempre colpito.
    Non dobbiamo avere troppa smania di giudicare gli altri ! Ciò che ognuno custodisce nella propria anima non lo possiamo conoscere !!!

  • Carlo ha detto:

    Leggedo di questo caso di revisione del pensiero, mi viene in mente che tutti i vescovi attualmente titolari delle nostre diocesi, o almeno buona parte di loro, magari avranno fatto in gioventù una convinta campagna contro l’introduzione del divorzio.
    Ora accorrono in massa a puntellare, con ragionamenti – almeno per me – di difficile comprensione, le posizioni del Papa su unioni civili e temi correlati.
    Si vede che è prassi.

  • Pina ha detto:

    Vorrei segnalare l’intervista di Raniero Cantalamessa, concessa 3 anni fa, a Monica Mondo durante la trasmissione di Soul (TV 2000) visibile su YouTube, nella quale il francescano arriva a paragonare Bergoglio a Gesù !

    • Sherden ha detto:

      E qual è la sorpresa? E’ il servilismo dei lacché.
      Quale alternativa avrebbe? Dire le cose come stanno. Denunciare la confusione dei fedeli, difendere il culto più che millenario alla Madre di Nostro Signore Gesù Cristo, reagire agli attacchi alla Dottrina che vogliono portarci ad assomigliare sempre più a una organizzazione nella quale Gesù Cristo diventa sempre di più un inutile e ingombrante orpello.
      Ma per fare questo occorrerebbe un requisito: una spina dorsale. E gli adulatori “pro domo sua”, notoriamente, non ne possiedono.

  • Raffaella ha detto:

    Mons.ICS, come mai il mio arcivescovo ambrosiano, delpini (volutamente minuscolo), è rimasto ancora a bocca asciutta?
    Chissà come rosica…

  • Giuseppe ha detto:

    Per l’Amor di Dio ,definire Cantalamessa un sant ‘uomo mi sembra una grande sciocchezza. Non lo era con GP2, nè con BXVI non lo è adesso.Solo che ora il re è nudo .

  • Carlo Del Gaudio ha detto:

    Penso che dobbiamo incominciare a trovarci e selezionare delle guide spirituali solidamente coerenti con la tradizione. Specialmente in considerazione del progetto che è quello di avere il prossimo papa simile, se non peggio, di questo.
    Anzi, secondo me, sarebbe opportuno che fraternamente ci vengano suggeriti dei nomi (oltre a Viganò ovviamente).

  • nipass39 ha detto:

    E perchè dovrebbe rifiutare? Poverino, ha fatto tanto per ottenere un qualche riconoscimento! Ha persino rinunciato a ciò che da sempre è un distintivo per un francescano, la devozione speciale per l’Immacolata! Perciò, lasciategliela godere questa promozione!

  • Antonino Passalacqua ha detto:

    E perchè dovrebbe rifiutare? Poverino, ha fatto tanto per ottenere un qualche riconoscimento! Ha persino rinunciato a ciò che da sempre è un distintivo per un francescano, la devozione speciale per l’Immacolata! Perciò, lasciategliela godere questa promozione!

  • Lacrima ha detto:

    anch’io conosco p. R. Cantalamessa, un grande santo catechista, un grande studioso.
    a tale nomina, però, tra uno stupore ed un altro, mi sono
    domandato, “a quale compromesso ha dovuto scendere p. Cantalamessa?”
    Una antica scritta delle cabine elettriche che si trovavano alla periferia, e non, di paesi nostri, citava così “chi tocca fili muore”, bene vale lo stesso pericolo BERGOGLIO CHI TOCCA MUORE

    Vieni Signore a liberarci

    • Ferri Rossella ha detto:

      Chi tocca i fili muore; la scelta di toccarli o meno è del tutto personale, non sono obbligata a toccarli

  • Maria Michela Petti ha detto:

    A mio parere, senza alcuna pretesa di infallibilità, nessuna trasformazione dell’uomo – dotato di intelligenza – si realizza in mancanza della sua predisposizione al camaleontismo, o quanto meno di una certa disponibilità a lasciarsi plasmare, alla stregua di una plastilina.
    Si è mai registrato il rifiuto di un “nominato” al cardinalato? Quand’anche ciò fosse vero, sospetto che non sia da attendersi una decisione in tal senso da padre Cantalamessa proprio a motivo del suo essersi lasciato trasformare. Senza piena avvertenza e deliberato consenso – poste le sue spiccate e riconosciute doti per le quali si era fatto apprezzare – avrebbe, almeno negli ultimi cinque anni, rassegnato le dimissioni da predicatore della Casa Pontificia, per raggiunti limiti di età.
    La situazione attuale esige di intensificare le preghiere affinché cessi l’arruolamento volontario all’esercito dei sofisticatori di materie teologiche.

    • Milli ha detto:

      Sono d’accordo. Un uomo, dalla solida preparazione e dalla “presunta” solida fede, non si lascia mutare su questioni così importanti.
      Non “cosa ha dovuto accettare”, ma “cosa ha VOLUTO accettare.
      A 85 anni, verso il termine della vita terrena, si può rinnegare la Madre per una carica terrena effimera?
      Probabilmente Cantalamessa non prega usualmente il Santo Rosario, altrimenti saprebbe che Maria SS.è stata assunta in Cielo in anima e corpo ed è Regina di tutti gli angeli e Santi.
      Cantalamessa voluto abbracciare la causa dell’ecumenismo, diventando protestante. Il medico invece di curare è diventato un malato.

  • Francesco ha detto:

    … Insomma, quest’uomo, che afferma di essere un seguace di san Francesco (povero santo, chissà come si rivolterà nella tomba …), dopo aver sostenuto per una vita una certa idea (della Madonna), ad ottanta anni suonati la rinnega radicalmente, senza alcun problema! Come si può definire uno che per una vita sostiene e combatte per una cosa e poi la rinnega? Quale epiteto è idoneo a rendere l’idea di un simile uomo?
    Fino a quando, fino a quando riuscirò a resistere nel rimanere nella Chiesa cattolica, per avere come compagni di viaggio, anzi, come “superiori gerarchici” nella battaglia della vita, questa gente? E capisco che nelle alte sfere sono tutti, ma proprio tutti così! Davvero non ne posso più! Non riesco più a contenere lo schifo!

  • Valentina ha detto:

    Come sono d’accordo con Mons. ICS!!! Mons. Vicente Ojea (a capo della CEI argentina) era un prete di grande valore, cultura e umiltà. Ora questo “diventato” monsignore è un lacchè che ha fatto carriera, ma ha perso per strada la sua vocazione.
    Pensavo (o speravo), che fosse un mi abbaglio immaginare che Bergoglio avesse tutto questo potere sulle persone, ma invece ora ho la conferma che non è così; Bergoglio è il pifferaio con seguito di topi incluso.
    Mi chiedo, quindi, quanto salda fosse la loro fede se sono riusciti a barattare, con così tanta facilità, Nostro Signore Gesù Cristo, con la gloria terrena.

    • Zuzz ha detto:

      I gesuiti hanno molta cura del sacramento della confessione. E se possono, cercano di diventare psicoterapeuti, psicologi etc. per ascoltare i segreti più inconfessabili del prossimo. Anche se non cattolico.
      La mole di segreti di cui vengono in tal modo a conoscenza è tale che potrebbero, in ogni momento, essere in grado di ricattare il malcapitato che si è messo nelle loro mani.
      È solo un sospetto, ma forse potrebbe spiegare il fascino esercitato dal Vescovo emerito di Buenos Aires su alcuni di quelli che lo circondano oggi o che l’hanno circondato in passato.

      • Valentina ha detto:

        Sa, ci sarebbe comunque ancora quel piccolo particolare che si chiama Sigillo Sacramentale, che non può essere violato in nessun caso. Quindi anche se fosse venuto a conoscenza della più nefasta delle porcherie, non potrebbe parlare.

        • Zuzz ha detto:

          Immaginiamo che padre Raniero fosse appunto stato vicino agli autori di quella truffa a cui si accennava in precedenza. Ne aveva parlato la televisione. Spesso, se si volesse ricattare una persona non è necessario violare il sigillo sacramentale. Basta ricordare qualche cosa, fare riferimento al tempo che fu…
          Se il malcapitato pensa di essere in pace con la propria coscienza si potrebbe rifiutare di cedere al ricatto. Ma allora diventerebbe una persona non gradita a chi sta cercando di ricattarlo…

    • Milli ha detto:

      Come dice lei, questi sono topi, non uomini.

    • newman ha detto:

      Basta conoscere un pó la biografia del Bergoglio per sapere che giá da giovane maestro dei novizi e provinciale dei gesuiti in Argentina era un grande manipolatore di persone nel suo entourage, che appiccicava a se stesso, non come via a Cristo come sarebbe stato normale per un sacerdote. Coloro che avessero rifiutato quest’abbraccio asfissiante furono da lui allontanati dall’Ordine man mano, per una ragione o per l’altra, e molti lasciarono per decisione propria a causa del fattore Bergoglio. Quante vocazioni perdute! L’Ordine dovette trasferirlo “mille miglia” da Buenos Aires per ristabilire la normalitá e la calma nella comunitá gesuita di Buenos Aires.
      Ci si dovrebbe concentrare di piú su questo ed altri tratti della personalitá di Bergoglio, giá evidenti nella sua gioventú. Il Preposito Generale dei Gesuiti, il Padre Kolvenbach, diede parere chiaramente negativo alla Sacra Congregazione dei Vescovi quando si trattó di elevare il Bergoglio alla dignità vescovile. Purtroppo il giudizio di Kolvenbach non ebbe alcun effetto sui funzionari vaticani di allora, e su un papa distratto da tante altre cose, e la catastrofe ebbe il suo corso.

  • Sherden ha detto:

    Mons. ICS, rifiutare?
    Dopo che ha eseguito il lavoro commissionatogli dal capomandamento?
    Ma quando mai! Le pare che un ladro, a furto perfettamente eseguito, rifiuti dal mandante la parte che gli spetta del bottino?
    Accetterà eccome. E ne sarà ben contento. E immagino perfino che se avrà altri “incarichi” (diaconato/sacerdozio alle donne? comunione ai protestanti?…), li eseguirà senza indugio, come ogni prezzolato che si rispetti.

  • Defensor Ianuae ha detto:

    Avresti mai pensato che la Madonna potesse diventare un ingombro per noi cattolici?
    Signore Gesù, figlio di Dio, abbi pietà di noi peccatori!

  • Boanerghes ha detto:

    No, Bergoglio non ha trasformato un santo in qualcos’altro. Cantalamessa ci ha messo del suo.
    Ed è la conferma che la via dello spirito, ed in specie quello del movimento carismatico, può talora prendere una via un poco spiritica.
    Detto da chi è stato cappuccino ed ha frequentato il rinnovamento dello spirito, oggi veramente deteriorato e scaduto.
    È necessario approfondire meglio la vita nello Spirito tracciata da S. Paolo.

    • DON ETTORE BARBIERI ha detto:

      Ho seguito due anni fa un corso di esercizi spirituali predicati da lui, fatto molto bene.
      Per quanto riguarda il problema del suo rapporto con il papa penso che agisca non per interesse personale – non sarebbe davvero assurdo a 85 anni suonati? -, ma in buona fede: il che è ancora peggio, in un certo senso.

  • Alfredo ha detto:

    Ascoltai padre Cantalamessa il venerdì Santo di quest’anno parlare del Covid e mi piacque moltissimo. Penso che le sue parole sul tema non furono condivise da mons. Ics. Anche quelle frutto di traviamento e contaminazione? O di speranza nella misericordia di Dio? Grazie

  • Enrico Nippo ha detto:

    Nel Vangelo di Matteo si legge un passo che, indubbiamente, si attaglia perfettamente ai tempi attuali:

    “Non crediate che io sia venuto a portare la pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera, e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa”.

    Ora, questo passo, che è VERO come tutti gli altri, non sembra godere di simpatia fra i cattolici moderni, indottrinati secondo lo spirito post-conciliare volto a creare non un gregge di pecore al seguito del Buon Pastore, bensì una mansueta mandria – non si sa di quale strano animale – disposta a subire il dispotismo pacifista ecumenico mondialista che la gerarchia imperante esercita da vari decenni nel perseguire un’impossibile pace mondana, riguardo alla quale il Signore ha avvertito:

    “Vi lascio la pace, vi do la mia pace, non come la dà il mondo, io la do a voi”.

    Più chiaro di così? La pace ecumenica massonico-mondialista NON è la pace di Cristo.

    Difficile, anzi impossibile sentire un prete contemporaneo, fatta forse eccezione per i vituperati tradizionalisti, ricordare e commentare il passo evangelico della spada separatrice, che dovrebbe far sorgere seri dubbi sulla pastorale pseudo-misericordiosa che viene regolarmente somministrata alla stregua di una pozione soporifera, un po’ come l’ipnotizzante bombardamento mediatico del “lockdown” (orribile inglesismo) che sta provocando un pericoloso cedimento psicologico nella popolazione, anche se segnali d’insofferenza cominciano a manifestarsi.

    Stando alla VERITÀ del passo citato, Gesù è il SELEZIONATORE, e per di più Egli porta la separazione non solo nella società ma addirittura nella famiglia. Di più, la “casa” può, o forse deve, essere intesa anche come Chiesa, e non sarà necessario dimostrare come la separazione sia un dato di fatto – drammatico – anche nella Chiesa, appunto la Casa di Dio.

    Ci troviamo quindi di fronte ad un paradosso: la Chiesa che persegue la pace universale del mondo è divisa in se stessa. E, ancor più paradossalmente, ciascuna delle parti divise tra loro proclama: “CREDO la Chiesa UNA …”. Quindi qualcosa non va.

    Dato quanto sopra, nasce l’enigma circa l’identità di coloro che, separati dalla spada di Cristo, vengono disposti alla Sua destra (le pecore) e alla Sua sinistra (i capri).

    Chi sono le pecore e chi sono i capri? E’ questa domanda, affilata come una lama, che dovrebbe indurre alla moderazione e perfino alla messa in dubbio del proprio punto di vista ancorché puntellato da ridondanti citazioni della Scrittura.

    Chiunque, prete o laico che sia, può esporre il proprio punto di vista impugnando la Scrittura, o addirittura citando la sola Scrittura, ma un punto di vista è uno dei tanti e quindi ristretto alla sua limitata prospettiva. Mai da alcun punto di vista potrà osservarsi l’intero, vero panorama.

    In “Paesaggi sublimi” di Remo Bodei troviamo al riguardo un passo illuminante:

    «Lo sguardo non è mai innocente: noi non vediamo solo con gli occhi, sia perché – come sosteneva Wittgenstein – “in ogni percezione echeggia un pensiero”, sia perché l’occhio “è sempre antico, ossessionato dal proprio passato e dalle suggestioni vecchie e nuove che gli vengono dall’orecchio, dal naso, dalla lingua, dalle dita, dal cuore e dal cervello”, ossia dai bisogni e aspettative dell’individuo e dai parametri culturali trasmessigli dalla società in cui vive. In “Paesaggio e memoria” Simom Shama nota: “Prima di essere riposo dei sensi, il paesaggio è opera della mente. Un panorama è formato da stratificazioni della memoria almeno quanto da sedimentazioni di rocce”».

    In altri termini, la citazione della Scrittura non è garanzia assoluta di essere nella Verità, e ciò per la semplice ragione che nell’essere umano impera l’identità posticcia dell’EGO, ossia della struttura psichica aggiunta (quindi non indispensabile) e accumulata sin dalla nascita, che con le sue pressoché innumerevoli sfaccettature, non cessa di intromettersi tra l’Anima soggettiva e la Scrittura oggettiva, e, in definitiva, tra l’Anima e Dio.

    Ignorare l’esistenza dell’EGO è l’errore più grave che, da sempre, precipita gli uomini nella discordia e nel conflitto. Il voler far trionfare il proprio punto di vista, fatalmente limitato, come se fosse l’unico è la sciagura suprema.

    D’altra parte, i primi ad essere indotti a far valere il proprio punto di vista furono i Progenitori: il Serpente dell’Ego si mise di mezzo fra loro e Dio e la frittata fu bell’e pronta. “I loro occhi si aprirono”. Quali occhi si aprirono se non quello dell’EGO, cioè i medesimi del Serpente? Ed il retaggio di quella frittata ce lo portiamo dietro tutti. Pure i Santi.

  • Bastian contrario ha detto:

    Monsignore illustrissimo, dimentica che, anni fa, (non sono in grado di quantificare l’anno) padre Raniero Cantalamessa fu coinvolto in uno scandaletto di tipo economico. Non ricordo bene come fosse rimasto coinvolto, ma mi sembra che avesse appoggiato o forse protetto un gruppo di persone o forse un associazione che aveva per scopo quello di truffare il prossimo vendendo oggetti perfettamente inutili. Certo trattasi di piccole colpe, ma , unitamente al relativismo recente (da Lei così ben denunciato) farebbero auspicare come cosa buona e santa che il buon padre si astenesse dal frequentare il sacro collegio cardinalizio.

  • Gian ha detto:

    Se le cose stanno così allora al Cantalamessa il Bergoglio gli ha fatto una fattura. E’ sconcertante vedere come questa corte di ruffiani si bea nel compiacere il caprone argentino per ingraziarselo. Vedi il frate guardiano di Assisi, per non dire del maltese Grech e dell’amichetto Gregory.
    Non ci sono più i cardinali come Fulton Sheen.

    • newman ha detto:

      @GIAN
      Purtroppo Fulton Sheen non ricevette mai la porpora, per quanto ne sarebbe stato degnissimo. Fu Arcivescovo.

      • Gian ha detto:

        Grazie per la correzione. Sarebbe certamente stato più degno di tutti i cardinali attualmente sulla piazza, compreso il Bergoglio. Ora addirittura ne hanno bloccato con un pretesto la beatificazione.

  • Natan ha detto:

    Non lo farà. Si è troppo compromesso. Ho molti testi del buon padre Cantalamessa. Francamente devo ammettere che è scaduta la sua predicazione. Forse , perché ha dovuto adattarla ai desideri del Vescovo di Roma.

  • Enrico Nippo ha detto:

    Cantalamessa, semplicemente, sta coi frati e zappa l’orto.

    https://www.tuttafirenze.it/sto-co-frati-e-zappo-lorto/