FACEBOOK CENSURA STILUM CURIAE. MA L’ATTACCO È PIÙ VASTO…

11 Agosto 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

La prima censura non si scorda mai. E così con un po’ di emozione per l’importanza del momento, ho letto che Facebook, nel momento in cui ho aperto il mio profilo, mi ha annunciato la cancellazione del post sull’arcivescovo di Douala, che sosteneva di aver trovato non una medicina guarisci-Covid, ma di aver curato dolori e sintomi di migliaia di persone con una sua pozione a base di sostanze naturali. L’arcivescovo è un naturopata da oltre trent’anni, e ha una grande esperienza in medicina naturale.

Da quello che ho poi saputo – alcuni video su Facebook – il Ministero della Sanità del Camerun ha deciso di interessarsi del caso, e sta seguendo con una sua squadra di esperti l’attività dell’arcivescovo. Certo, loro non hanno Roberto Speranza, quindi possiamo essere fiduciosi per quanto riguarda la loro serietà.

Il post è comunque visibile, oltre che su www.marcotosatti.com, su VK, e su Telegram.

Motivo della censura era che il post avrebbe potuto mettere a rischio la sicurezza di altre persone. Ora, mi sembra improbabile che chiunque in Italia con il Covid 19 invece di farsi curare efficacemente, come oramai avviene in tutta la penisola, a dispetto delle diagnosi sbagliate all’inizio della crisi, grazie anche alla decisione – ma perché non c’è una risposta, su questa decisione? – di non praticare autopsie; un malato, dicevo, prenda un aereo e vada a Douala per chiedere il preparato di erbe dell’arcivescovo. Certo la gente crede qualunque cosa, e lo abbiamo visto – pensate a Burioni e compagnia in TV – e lo vediamo: c’è persino chi crede a Giuseppe Conte! Ma insomma…

Questo discorso però è introduttivo a un altro, più serio. Abbiamo ricevuto questa lettera che vi giriamo bella nostra traduzione:

Caro Marco,

Ho una notizia buona e una cattiva.

La buona notizia è che il patrocinio online di CitizenGO continua a crescere – giorno per giorno, settimana per settimana, mese per mese – grazie ai nostri impegnati sostenitori come te.

La cattiva notizia è che i potenti nemici se ne sono accorti e ora stanno cercando di mettere a tacere me e te su Facebook.

Vedi, quando i marxisti/liberisti progressisti/ progressisti radicali di sinistra come George Soros e Planned Parenthood perdono le battaglie politiche, si scatenano e cercano di mettere a tacere chiunque si opponga ai loro schemi.

Ecco perché spero che firmi la nostra petizione al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e lo incoraggiate a resistere agli sforzi della sinistra per censurare il discorso come il nostro su Facebook.

Facebook è uno dei più grandi e popolari social media del mondo.

Ed è uno degli strumenti di advocacy più efficaci di CitizenGO, con i nostri seguaci che condividono quotidianamente le nostre campagne.

CitizenGO e i nostri alleati hanno fatto leva su questo seguito come parte delle nostre campagne più efficaci e di impatto, tra cui:

Liberare Asia Bibi dalla persecuzione anticristiana in Pakistan

Esporre i lobbisti dell’ONU che hanno cercato di costringere i governi pro-vita a sostenere l’aborto o a perdere gli aiuti critici

Salvare la piccola Tafida da burocrati senza cuore che hanno cercato di negarle le cure mediche che le hanno salvato la vita

Difendere la nostra attivista britannica, Caroline Farrow, dalle azioni legali malevole e infondate che hanno cercato di imprigionarla per aver difeso i valori tradizionali della famiglia; e

Si oppone a colossi aziendali come Disney e Netflix che insistono nel promuovere l’ideologia anticristiana e LGBT anche a bambini molto piccoli

E queste campagne sono solo una piccola parte di ciò che la nostra presenza su Facebook ci ha aiutato a realizzare.

La tua firma è fondamentale per contrastare la pressione che Zuckerberg sta affrontando per sradicare completamente il nostro attivismo.

A febbraio, il noto miliardario radicale di sinistra George Soros ha detto che Zuckerberg dovrebbe essere “rimosso dal controllo” semplicemente per aver permesso a gruppi pro-famiglia (come CitizenGO) di operare su Facebook.

E ora, Facebook sta affrontando un boicottaggio pubblicitario da parte di grandi aziende nazionali e multinazionali per lo stesso motivo.

Il loro obiettivo è quello di colpire i profitti di Facebook, costringendoli a mettere a tacere i discorsi pro-Vita, pro-Famiglia, pro-Libertà.

Se ci riusciranno, la diffusione di CitizenGO su Facebook sarà paralizzata o eliminata del tutto.

Con nemici così potenti e ben finanziati, io e te abbiamo il nostro lavoro da fare.

In effetti, Facebook ha già collaborato in passato con un gruppo finanziato da Soros – l’Atlantic Partnership – per monitorare i contenuti della piattaforma.

Fortunatamente, Zuckerberg ha fatto alcune dichiarazioni incoraggianti e, finora, almeno in parte ha resistito ai loro sforzi.

Ma la pressione della Sinistra Radicale aumenta ogni giorno di più.

Questo è un momento critico per dimostrare a Facebook che le nostre opinioni NON devono essere censurate.

Firma oggi stesso la vostra petizione a Mark Zuckerberg, esortandolo a rifiutare la correttezza politica e a fermare l’espansione della censura su Facebook.

Gli organizzatori del boicottaggio hanno etichettato la loro campagna “Stop all’odio per il profitto”.

Il loro obiettivo principale è quello di combattere il razzismo e le molestie.

Ma io e te sappiamo quali sono i loro veri obiettivi: ammanettare la nostra difesa dei valori non nati, della libertà di parola, della famiglia e dei valori cristiani.

Se i membri di CitizenGO come voi rimangono in disparte, potrebbero avere successo. Troppo spesso, solo la sinistra fa rumore.

Ecco perché la nostra petizione a Mark Zuckerberg e Facebook li esorta a sostenere gli ideali di Facebook come una piazza pubblica libera e aperta che lascia spazio alla discussione e al dissenso.

In questo momento, CitizenGO e i nostri attivisti stanno combattendo contro l’indottrinamento LGBT dei bambini a Disney e Sesame Street.

Stiamo combattendo per difendere l’Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite per aver abbracciato la Cina comunista…

… E per difendere i nascituri e difendere i valori cristiani in tutto il mondo.

La nostra presenza su Facebook è una parte fondamentale di ciascuna di queste campagne.

Hai agito molte volte per sostenere ciò che facciamo a CitizenGO.

Ora, ti chiedo di agire per difendere COME facciamo ciò che facciamo.

Cliccate qui per firmare la vostra petizione a Mark Zuckerberg e Facebook. Incoraggiateli a prevenire un’ulteriore censura del discorso e dell’attivismo pro-vita, pro-famiglia e pro-libertà sulla loro piattaforma.

Grazie per tutto quello che fai,

Ignacio Arsuaga e tutto il team di CitizenGO

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

18 commenti

    • Irene ha detto:

      .nòn dimentichiamoci che , esattamente come Mario Draghi, anche Mario Monti è un ex alunno dei gesuiti…

  • Ateo Devoto ha detto:

    Bisognerebbe cominciare a fare a meno di Facebook, come ho fatto io già da diversi anni.
    Se ne accorgerà poi Zuckerberg, quando i suoi utili cominceranno a calare…

  • Iginio ha detto:

    L’unica, come vado ripetendo da sempre, è combatterli con le loro stesse armi: accusarli di odio, di essere divisivi eccetera.
    Accusarli di essere agenti di Satana fa il loro gioco. Mostrare invece la loro incoerenza è molto più efficace.

    • Ateo Devoto ha detto:

      Colpirli dove sono più sensibili: direttamente al portafoglio.
      Cancellazioni di massa causerebbero un crollo dei loro profitti e del valore delle loro azioni.

  • Alessandro ds ha detto:

    Le promesse di Conte VS Cetto Laqualunque
    Sono uguali 😂😂😂

    https://youtu.be/sfBnWX1AG6Ep

  • Luca Monforte ha detto:

    E santa Marta ancora non ha provveduto a censurare il suo Vescovo dando manforte a Bill Gates? Ma in Africa le Chiese rispettano le norme anti Covid?

  • Boanerghes ha detto:

    Il fatto è molto grave, nel suo piccolo episodio.
    Basti pensare cosa potrà accadere se viene approvata la legge Scalfarotto, nella situazione politica attuale. Un disastro immane. Rischio denuncia penale e carcere.
    Bisognerà ricominciare dalle catacombe e prepararsi alla persecuzione anche in Italia dei cristiani.
    Persecuzione anche da una parte del clero.
    Ci fosse il conforto del proprio vescovo e del Papa… niente.

  • Antonella ha detto:

    Tutta la solidarietà per questa vergognosa censura, giustificata senza criterio da norme che contraddicono ogni ragione e offendono il senso morale di un’informazione che si rispetti.
    Siamo come in trincea, non si arretra ma studiando costantemente l’avversario dai piedi di argilla, fiduciosi che la Luce farà strada indicando le svolte.
    FIRMATO!

  • Borghese pasciuto ha detto:

    Ci mancava anche che il post sul beverone dell’arcivescovo africano potesse circolare liberamente…
    Speriamo che Facebook si occupi presto anche del paradiso terrestre di De Mattei.

    • Marco Tosatti ha detto:

      Non si smentiscono mai. Questa gente sta alla libertà di pensiero come i maiali alle ghiande. Comunisti sempre, illiberali sempre.

  • andrea ha detto:

    Ma come,chiedere aiuto all’Ebreo Zuckerberg contro le manovre dell’Ebreo Soros,?

    • Ester ha detto:

      Non è assolutamente detto che gli ebrei costituiscano un popolo omogeneo.
      I filoisraeliani che gestiscono informazionecorretta.com. non amano Gad Lerner , né Moni Ovadia, né Soros.
      Se , come dice oggi Soros nella sua intervista a Repubblica, il suo obiettivo è la costruzione di una società aperta, è evidente che non può accettare Israele come stato ebraico o l’Europa come un un’insieme di nazioni che hanno l’eredità giudaico cristiana come radici.

      • Alessandro2 ha detto:

        Ho l’impressione netta, guardando alle leggi dello Stato di Israele, che gli ebrei facciano i globalisti con le nazioni degli altri…