RUSSO: QUANDO LA VERGINE SPIEGA PASSI OSCURI DELL’APOCALISSE.

2 Agosto 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, Sergio Russo, l’artigiano scrittore che ormai conoscete bene, per la sua presenza su questo sito, ci ha inviato una riflessione nel suo stile su la lettura dell’Apocalisse, la realtà che stiamo vivendo e le manifestazioni che legano la nostra esistenza al sovrannaturale. Buona lettura. 

 

§§§

QUELLA VOLTA CHE A SPIEGARE UN PASSO OSCURO DEL LIBRO DELL’APOCALISSE… FU LA SANTA VERGINE IN PERSONA!

 

Il Movimento Sacerdotale Mariano è un movimento ecclesiale cattolico oramai diffuso nei cinque continenti. Esso fu fondato da un carismatico sacerdote, don Stefano Gobbi, il 13 Ottobre 1972. Ed il suo testo di riferimento è il noto “libro azzurro” (Ai Sacerdoti figli prediletti della Madonna), giunto anch’esso ormai alla 26ª edizione, ciascuna di queste sempre corredata da “imprimatur” vescovile: tale testo contiene infatti le locuzioni interiori che don Stefano ha ricevuto dalla Santa Vergine, a partire dall’anno 1973 sino al 1997.

Non pochi credenti cattolici sono a conoscenza di quell’enigmatico versetto, presente nell’altrettanto enigmatico Libro dell’Apocalisse, in cui l’evangelista san Giovanni ad un certo punto vede “salire dalla terra un’altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago. (Ap 13,11)”, e di come su tale versetto appunto, Padri della Chiesa ed illustri Teologi, abbiano versato fiumi d’inchiostro durante ben due millenni di storia ecclesiastica, nel tentativo – purtroppo rivelatosi sino ad oggi infruttuoso – per cercare d’individuare questa misteriosa “bestia che sale dalla terra”, altresì conosciuta come il “Falso Profeta”.

Ed allora, proprio il giorno 13 giugno 1989 sarà la Madonna stessa a “scendere in campo”, fornendo appunto, su tale sibillino versetto, la sua particolare spiegazione la quale – essendo Ella, l’insuperata Maestra e Guida dell’Esegesi cristiana – ovviamente, io personalmente, la ritengo attendibile e definitivamente chiarificatrice.

E dunque, la Madonna inizia con queste parole:

«Figli prediletti, oggi ricordate la mia seconda apparizione, avvenuta nella povera Cova da Iria in Fatima, il 13 giugno 1917.

Già da allora Io vi ho predetto quanto voi state vivendo in questi tempi.

Vi ho annunziato la grande lotta fra Me, Donna vestita di sole, e l’enorme Drago rosso, che ha portato l’umanità a vivere senza Dio.

Vi ho anche predetto il subdolo e tenebroso lavoro, compiuto dalla Massoneria, per allontanarvi dalla osservanza della Legge di Dio e rendervi così vittime dei peccati e dei vizi.

Soprattutto, come Mamma, vi ho voluto avvertire del grande pericolo che minaccia oggi la Chiesa, a causa dei molti e diabolici attacchi che si compiono contro di Lei per distruggerla.»

Ma eccoci adesso a quel “fatidico” versetto:

«Per raggiungere questo scopo, alla bestia nera che sale dal mare, viene in aiuto dalla terra, una bestia che ha due corna, simili a quelle di un agnello.»

E quindi, è ancora Lei ad esporci questa illuminante interpretazione:

«L’agnello, nella divina Scrittura, è stato sempre il simbolo del sacrificio. Nella notte dell’Esodo, viene sacrificato l’agnello e, con il suo sangue, sono aspersi gli stipiti delle case degli ebrei, per sottrarle al castigo che invece colpisce tutti gli egiziani.

La Pasqua ebraica ricorda questo fatto ogni anno, con la immolazione di un agnello, che viene sacrificato e consumato.

Sul Calvario Gesù Cristo si immola per la redenzione dell’umanità, si fa Lui stesso nostra Pasqua e diventa il vero Agnello di Dio che toglie tutti i peccati del mondo.

“La bestia porta sul capo due corna simili a quelle di un agnello”.

Al simbolo del sacrificio è intimamente unito quello del Sacerdozio: le due corna.

Un copricapo con due corna portava il Sommo Sacerdote nel Vecchio Testamento.

La mitria – con due corna – portano i Vescovi nella Chiesa, per indicare la pienezza del loro Sacerdozio.

La bestia nera [quella descritta in Ap 13,1-10: la “bestia che sale dal mare”, che ha dieci corna e sette teste…] simile a una pantera, indica la Massoneria; la bestia con due corna [invece], simile a un agnello, indica la Massoneria infiltrata all’interno della Chiesa, cioè la Massoneria ecclesiastica, che si è diffusa soprattutto fra i membri della Gerarchia.

Questa infiltrazione massonica, all’interno della Chiesa, vi è già stata da Me predetta in Fatima,quando vi ho annunciato che Satana si sarebbe introdotto fino al vertice della Chiesa.»

E qui apro una parentesi, specialmente per coloro che trovassero “eccessiva” una tale – e tuttavia, comprensibilmente – incredibile affermazione…

In una conversazione privata col Professor Baumgartner a Salisburgo – e questa testimonianza non è mai stata smentita da nessuno, né dentro né fuori la Chiesa! – il Cardinale Mario Luigi Ciappi, che fu teologo personale dei Papi Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II, rivelò che: «Nel Terzo Segreto di Fatima si profetizza, tra le altre cose, che la grande apostasia nella Chiesa partirà dalla sua sommità

Ed infine la Madonna conclude:

«Se compito della massoneria è quello di condurre le anime alla perdizione, portandole al culto di false divinità, lo scopo della Massoneria ecclesiastica è invece quello di distruggere Cristo e la sua Chiesa, costruendo un nuovo idolo, cioè un falso Cristo ed una falsa Chiesa.»

In conclusione: ecco mostrato un ulteriore “tassello” in grado di diradare la nebbia o, ancor meglio, quel famoso “fumo di satana” che, secondo l’allarme lanciato dal pontefice Paolo VI, si sarebbe insinuato, malefico e disorientante, proprio nella nostra epoca, nel sacro Tempio del Signore. E non si può che consapevolmente immedesimarci – noi, credenti contemporanei del terzo millennio – con papa Montini, quando egli, desolato e angosciato, era costretto a prendere atto di «… ciò che mi colpisce, quando considero il mondo cattolico, è che all’interno del Cattolicesimo sembra talvolta predominare un pensiero di tipo non cattolico, e può avvenire che questo pensiero non cattolico all’interno del cattolicesimo diventi domani il più forte [e questo è puntualmente avvenuto!]. Ma esso non rappresenterà mai il pensiero della Chiesa [sì… della Chiesa, quella vera, che fa capo al Santo Padre Benedetto]. Bisogna che sussista un piccolo gregge, per quanto piccolo esso sia [che farà come da baluardo, tenendo coraggiosamente in alto il vessillo della Fede, contro quell’altra Chiesa, quella falsa, che fa capo al Vescovo vestito di bianco]

(tratto dal libro:“Sei tu quello, o dobbiamo aspettarne un altro?” di Sergio Russo)

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

29 commenti

  • Boanerghes ha detto:

    Don Stefano Gobbi aveva dato delle date per il compimento di determinate profezie.
    Che poi non si sono verificate.
    Ora io in genere diffido di chi dà delle date, perché ” nessuno sa il giorno né l’ora” .
    Oltretutto di rischia di abusare della buona fede dei fedeli.
    Ora io ho conosciuto il Movimento Sacerdotale Mariano, e non contesto il contenuto, ma le date fornite.
    Se uno sa che in quel momento ed in quel giorno ci sarà quel tal terribile evento per l’umanità, come non prepararsi nella preghiera lasciando perdere il resto?
    Per me è ovvio fare così, ma poi l’evento non si verifica e allora uno si interroga, e pensa ad esempio ai testimoni di Geova ed alle loro profezie mai avverate.
    Ma si può fare l’esempio di Medugorie, dove pur sapendo dei terribili segreti, i veggenti conducono una vita tranquilla ed agiata.
    E quindi, che dire?
    Per me resta centrale Fatima, come pure altre classiche precedenti, Le tre Fontane, Civitavecchia.

  • KERIGMA ha detto:

    Qualcuno riesce a farmi un riassunto su cosa intendesse dire il santo padre Benedetto XV in questo scritto ufficiale?
    La questione e’ uno dei documenti cristiani più antichi (Ratzinger), in cui aggiungo si rimarca SULLA PAROLA DEL SIGNORE.
    La bibbia di Gerusalemme, mi pare, dice che Paolo si metteva tra i viventi per ipotesi.

    https://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/pcb_documents/rc_con_cfaith_doc_19150618_parusia-paolo_it.html

    • Kerigma (integrazione) ha detto:

      Augurando lunga vita a Benedetto XVI…e pure che arrivi la fine del mondo! apprendo ora dai media di un suo possibile aggravamento. Prego per tutti. Minutella incluso. E chiedo preghiera, per me.

      Uno dei brani di Paolo.

      http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=1Tessalonicesi+4%2C15-17&versioni%5B%5D=C.E.I.

    • Kerigma? ha detto:

      1Tessalonicesi 4,15-17
      15 Poiché questo vi diciamo mediante la parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati; 16 perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d’arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; 17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre con il Signore.

  • : ha detto:

    Perdonatemi il Fuori Tema.

    Finora l’illegittimità dei DPCM con cui Conte ha segregato il popolo italiano, a parte altre indebite direttive con essi emanate, è stata sostenuta da persone autorevoli, anche giudici e costituzionalisti. Però senza che venissero fatte denunce formali. O se sono state fatte, non si ha notizia di conseguenti sentenze di tribunale.

    Ora invece la Nuova Bussola Quotidiana riporta una sentenza con la quale, in una causa intentata da un cittadino, vengono dichiarati illegittimi i DPCM emanati in tempo di Covid. Si tratta di un Giudice di Pace, grado – credo – inferiore ad altre tipologie di cause giudiziarie, tuttavia facente sempre parte del sistema giudiziario nazionale. E con la sentenza, molto articolata nei suoi riferimenti ad articoli della Costituzione e pronunciamenti della Corte Costituzionale, il giudice – dice la NBQ – impartisce «una lezione di diritto costituzionale di altissimo livello».

    La domanda (a qualcuno “del mestiere”) è: potrà servire questo ad almeno evitare di continuare a farci tiranneggiare, e danneggiare (per es. riguardo all’economia nazionale) come in passato a botte di futuri DPCM, visto che non sono più le chiacchiere (per modo di dire), ma una sentenza di Tribunale a stabilire l’illegalità di questo strumento per le circostanze in cui viene utilizzato?

    Il collegamento con l’articolo della NBQ è:

    https://www.lanuovabq.it/it/un-giudice-batte-conte-dpcm-un-insulto-al-diritto

  • Alessandro ds ha detto:

    Comunque, anche se non sono d’accordo con voi, voglio aiutarvi dandovi alcune chiavi di lettura della bibbia.
    Nella bibbiq ci sono dei simboli e dei segni che hanno significato ben precisi per chi ha studiato e per il vero magistero della chiesa.
    1) il mare della bestia significa = diversi popoli, lingue e nazioni, un falso profeta/anticristo che è legate a diversi popoli che parlano diverse lingue.
    2) la terra significa il contrario del mare = un popolo grande, che parla un unica lingua, un unico popolo e un unica nazione ( come gli USA, ad esempio. Quindi uno dei due falsi profeti potrebbe venire dagli USA )
    3) la donna significa = la chiesa
    4 la luna significa = la chiesa
    5) il sole significa = Gesu Cristo
    6) l’agnello checché se ne dica significa = Gesù Cristo, il Salvatore.
    7) la bestia con 2 corna simile a un agnello significa = un falso Salvatore, uno dei due falsi profeti sembrerà simile un salvatore. ( il motivo per il quale sembrerà simile a un salvatore è ignoto, potrebbe sembrararlo in quanto Papa , quindi vicario di Cristo e simile a lui, oppure in quanto sembrerà un salcatore della chiesa, ma non lo sarà, sarà solo una facciata, cone Mons. Viganò ad esempio.

    Studiate gente, studiate! Prima di dire cosa che poi scoprite in seguito essere sciocche…. le interpretazioni le da’ la chiesa, non i veggenti.
    I veggenti hanno il compito di comunicarle, ma l’interpretazione spetta alla chiesa con il supporto dello spirito santo e dei significati biblici. E la chiesa quando dà interpretazioni è infallibile.

    • Sergio Russo ha detto:

      Bene, signor Alessandro, se le interpretazioni le dà soltanto la Chiesa, e nemmeno i veggenti sono all’altezza di darle, allora, quanto più e a maggior ragione, vanno evitate le sue proprie interpretazioni, che sembrano alquanto strampalate e puerili!
      I ragionamenti inplicano logica e immediata attuazione…

  • Antonella ha detto:

    È capitato anche a me, alcuni anni fa, di ricevere tra le mani un piccoli libro col messaggio di Don Stefano Gobbi, al momento forse non gli prestai molta attenzione ma ne valorizzai comunque il messaggio che profetizzava della Chiesa proprio quello che oggi riscontriamo nella sua attuazione, una lotta apocalittica da cui sorgerà in una nuova veste e nel trionfo del Cuore Immacolato di Maria, come ci ricorda spesso il nostro Padre Luis.
    Da Fatima potremmo dire che inizia un tempo di preparazione ad eventi decisivi per la nostra storia di fede rispetto ai pericoli che si sarebbero nascosti nella stessa Chiesa, alle scelte da compiere ma anche per quanto attiene alla prassi da preservare della vita sacramentale con i fondamenti dottrinali.
    Maria diventa a pieno titolo Maestra di Sapienza proprio quando nei momenti più critici ci illumina sentieri da percorrere, un’alternativa di vita che nella nostra visione riduttiva delle cose non avremmo nemmeno lontanamente pensato di considerare, concentrati come siamo su noi stessi e sulle ragioni che privilegiamo a difesa del proprio orgoglio.
    Maternamente conduce e prepara a cogliere di un Tempo il suo Avvento, nella Profezia il compimento di un Disegno Salvifico che umanamente ci interpella coinvolgendoci di persona.
    SentirLa interpretare l’Apocalisse è un qualcosa di unico, si chiariscono tanti aspetti diversamente soggetti alle più sconsiderate interpretazioni, la verità non è più oscurata dalle nostre categorie e sovrastrutture o favoleggiata dal mito, ma si schiude alla luce della Sapienza di cui è sede la Donna vestita di Sole, Corredentrice dell’umanità.

    • Sergio Russo ha detto:

      Considerazione eccezionale, carissima Antonella!
      La Madre di Dio, alle Tre Fontane, ha svelato di essere (e ciò non è mai stato contestato da chicchessia) la Madre della Rivelazione: “Io sono Colei che è, nella Trinità Divina…”
      Cosa può esserci di più alto in grazia? Soltanto Iddio, che lo è per natura!

  • Catholicus ha detto:

    Ecco chi dice la verità sui falsi profughi (veri invasori musulmani sponsorizzati dalle sinistre e da Bergoglio) non certo i politici od i preti che fanno sit in contro Salvini ( anime perdute asservite alla massoneria adoratrice di Satana!)

    https://gloria.tv/post/xsV8puQpLQaq1SpobDUDSTth9

  • Marco Matteucci ha detto:

  • Giorgio ha detto:

    Fuori tema.
    Egr. Dott. Tosatti, la “pubblicità” all’interno di questo Sito, che seguo quotidianamente, certamente è utile economicamente parlando, ma a me (mi scusi se mi permetto) sembra stridente con tutto quello che si dice e si ospita la presenza di una pubblicità per seguire il “medium agatha” che, oltretutto, propone di seguire gli angeli/diavoli del suo mondo diabolico, presentandoli in modo mellifluo/suadente! Il medium, comunque la si giri, è un tale al servizio del diavolo, e non può essere ospitato all’interno di un consesso di persone che si sforzano di servire Dio!
    Non si tratta, anche qui, del fumo di satana che è entrato o cerca di entrare …?

    • Marco Tosatti ha detto:

      Carissimo Giorgio, l’agenzia che si occupa di SAC ha messo filtri e controlla…pure, ogni tanto, da qualche pertugio, qualcosa si infila. Ma garantisco che si fa il possibile!

  • Iginio ha detto:

    Credo che sia meglio restare ai fatti, ossia alla Parola di Dio. Le interpretazioni private lasciano il tempo che trovano.
    Se fate tanto (sbagliando) gli ipercritici su Medjugorje, a maggior ragione dovete farlo con cose come questa.
    Poi, più semplicemente, possiamo dare credito a messaggi di questo tipo:
    https://cenacolimariapellegrina.blogspot.com/2020/07/messaggio-della-madonna-di-zaro-del_29.html?m=1

  • Dino Brighenti ha detto:

    La repulsione e il disgusto che provo solo a guardarlo e sentire la voce mi conferma chi è.

  • Enrico ha detto:

    Mi sembra che l’Apocalisse – o Rivelazione – concerna ciò che DEVE accadere. E tutto quello che umanamente si mette in atto non possa non condurre nella direzione di tale accadere. Quindi, in fondo, perché preoccuparsene troppo?

    In uno dei suoi Pensieri, Marco Aurelio dice:

    «”Tutto ciò che accade, accade giustamente”. Troverai che è vero, se rifletterai con attenzione. E non dico solo secondo un rapporto di conseguenza, ma secondo giustizia e come se qualcuno distribuisse le sorti secondo il merito individuale. Osserva quindi come hai iniziato, e qualunque cosa tu faccia, falla così, con la volontà di essere buono nel senso specifico in cui s’intende che un uomo è buono. Osserva questa regola in ogni tua azione».

    Quindi, anche ammesso che ciascuno osservi la regola facendo del suo meglio, cioè “con la volontà di essere buono”, ciò che DEVE accadere inevitabilmente accadrà, ciò trascendendo completamente tanto il merito individuale quanto il merito di gruppo.

    Il qualcuno che, secondo giustizia, distribuisce le sorti secondo il merito individuale è, verosimilmente, lo stesso che distribuisce la sorte generale secondo l’Apocalisse.

    E allora, se ciò che DEVE accadere accadrà senz’altro, perché preoccuparsene troppo? Forse che l’umano preoccuparsi può influire anche minimamente sul Fato?

    • Sergio Russo ha detto:

      Carissimo Enrico, tuttavia il Fato non rientra nella Dottrina Cattolica… Il Dio, vivo e vero, che regge l’universo (fortuna per noi!) si lascia condizionare… dalle preghiere, dai sacrifici, dalle intercessioni… e ciò lo fa ben volentieri. Egli non sottostà a un Destino immodificabile: Lui è l’onnipotente e fa in primis ciò che vuole ed in secundis ciò che è meglio per la nostra eterna salvezza…

      • Enrico ha detto:

        Grazie, Sergio, per il Tuo riscontro.

        Permettimi di precisare che, almeno per come mi vien d’intenderlo, il Qualcuno che distribuisce le sorti secondo il merito individuale è proprio il Dio vivo e vero che Tu giustamente richiami, e che facendo ciò che vuole secondo suprema giustizia non può sottostare ad un Destino immodificabile essendo proprio Lui che ne tira i fili. In questo senso, Fato e Divina Provvidenza coincidono.

        In quanto al lasciarsi condizionare dalle preghiere, dai sacrifici e dalle intercessioni da parte di Dio, non sarei così “dogmatico”. Non tutte le preghiere, non tutti i sacrifici e non tutte le intercessioni condizionano Dio, bensì solo una minima parte, ciò potendo far aprire un discorso assai impervio.

        Un cordiale saluto e grazie ancora.

        • stilumcuriale emerito ha detto:

          Per la dottrina cattolica, e la teologia biblica cattolica, la “retribuzione” o “remunerazione” è differita all’aldilà. La preghiera di supplica, di intercessione, può ottenere ai fedeli interventi divini anche in questa vita, ma in casi particolari e a giudizio insindacabile di Dio. Le teorie della Predestinazione e della Retribuzione dei giusti già in questa vita puzzano molto di protestantesimo e, in particolare , di Calvinismo.

      • Elia ha detto:

        👍

      • Marcolino ha detto:

        Il vero cristiano attende il ritorno di Cristo e la fine del mondo. Non che questo mondo duri. So’ bene che nella storia la “tradizione” ha girato Apocalkise che e’ rivelazione in castigo e al contrario.

        Aspetto la resurrezione…

        Magari quando sarò morto 🤣 si va a ripetere il credo. Cose in cui non si crede. L importante e’ se in ginocchio o in piedi.

  • Bruno PD ha detto:

    Cara Elisa,
    solo in un messaggio del Libro azzurro, “La pupilla dei miei occhi”, Nostra Signora parla della data del 2000.
    In moltissimi altri ripete:”non badate alle date, anche se dovessi essere Io stessa a rivelarle. Tutto può essere cambiato dalla preghiera….”.
    La data del 2000 è servita: ha purificato il Movimento Sacerdotale Mariano. Alcuni si sono fermati, altri hanno continuato e continuano. Ma, come spesso ci ripeteva Don Stefano, “anche nel Movimento rimarrà un “piccolo resto”!
    La prova è grande, per tutti! Ma il Trionfo è imminente!
    Bruno PD

    • Sergio Russo ha detto:

      Ottima ed opportuna precisazione… la ringrazio, Bruno!
      ( Non sapevo della frase di don Stefano sul piccolo resto che sarebbe rimasto anche nel MSM, e ciò mi fa capire molte cose… Comunque lei sembra essere ben informato sul movimento, mi scriva personalmente a info@pergamene.net )

  • Raffaele Vargetto ha detto:

    Sono al corrente dei messaggi ricevuti da don Stefano Gobbi, uno dei quali lo ricevette durante un cenacolo cui io partecipai nel lontano Maggio 1989. Sui messaggi interpretativi del Libro dell’Apocalisse dove si sottolineano l’azione e le trame diaboliche della setta massonica, alla luce della Fede cattolica, si può assentire. Tuttavia, vi sono altre interpretazioni provenienti da mistiche che possono completare e approfondire la comprensione del testo dell’Apocalisse, ad esempio ciò che Maria Valtorta scrive nei suoi “Quaderni del 1943-44-45-50”, là dove è spiegato che la prima Bestia che sale dal mare è la “Potenza umana” sposata a Satana e la seconda Bestia che sale dalla Terra è la “Scienza umana” priva della Sapienza Divina.

    • Sergio Russo ha detto:

      Carissimo Raffaele, concordo pienamente! L’accostamento delle profezie deve essere sempre comparativo… ed in questo caso la Valtorta è un gigante profetico e letterario senza pari!

  • Elisa ha detto:

    Il libro di don Gobbi l’ho letto è molto bello e ricco di spunti. Ma ciò che mette in dubbio la sua autenticità, o meglio l’autenticità delle locuzioni, sono la rivelazione di date in cui dovevano compiersi le profezie, e il trionfo del Cuore Immacolato di Maria, ma che alla fine non si è realizzato nulla. Comunque il libro di per sè è molto interessante.

    • Sergio Russo ha detto:

      Carissima Elisa, quando compaiono date su messaggi celesti, di comprovata origine divina, a me personalmente nulla cambia sulla credibilità che rivolgo ai medesimi… E ciò perché sono ben allenato dalla Scrittura, subito mi viene in mente la predicazione del profeta Giona sulla città di Ninive, ed altri passi similari…
      E meno male che non è avvenuto nulla nel 2000! Personalmente parlando, mi sarei ritrovato molto, ma di molto impreparato!!!