VIGANÒ, INTERVISTA ESCLUSIVA. IL PAPA E I SODOMITI NELLA CHIESA.

25 Luglio 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, nell’agosto di due anni fa l’arcivescovo Caro Maria Viganò rendeva pubblica una dichiarazione su il cardinale McCarrick, già arcivescovo di Washington, e delle complicità e coperture che gli avevano permesso di compiere una brillante carriera piena di soldi e potere, fino a quando Benedetto XVI non gli impose delle misure disciplinari. La denuncia dell’ex Nunzio negli Stati Uniti tirava in ballo direttamente papa Bergoglio, a cui aveva rivelato – su richiesta del Pontefice stesso – le malefatte del cardinale, senza nessun esito. Anzi, McCarrick aveva ripreso a viaggiare come rappresentante non ufficiale di papa Francesco. Da allora l’impegno dell’Arcivescovo nel denunciare il velo di omertà e gli insabbiamenti nella gestione dei casi di abusi da parte di membri del Clero è continuato. E questa è cosa nota. È altrettanto nota la risposta piccata e infastidita da parte delle autorità vaticane – e in particolare di alcuni Prelati – alle argomentate confutazioni del combattivo Prelato. In questa intervista approfondiamo con Sua Eccellenza gli sviluppi del caso dell’ex Cardinale McCarrick, alla luce anche di un recente articolo apparso su Church Militant, dal titolo McCarrick Bombshell.[1]

A mons. Viganò abbiamo posto tutta una serie di domande, relative a questi problemi; e in particolare al caso McCarrick, nei suoi sviluppi vaticani. Ma prima di affrontare i contenuti di questo articolo, facciamo un breve passo indietro. Dal 21 al 24 Febbraio 2019 si è svolto a Roma un incontro dei Presidenti delle Conferenze Episcopali di tutto il mondo, avente per tema La protezione dei minori nella Chiesa[2]. Pochi giorni prima, il 16 Febbraio, la Congregazione per la Dottrina della Fede dava comunicazione della dimissione dallo stato clericale di Theodore McCarrick, accusato di abusi ed altri gravi delitti, e vi si aggiungeva: «Il Santo Padre ha riconosciuto la natura definitiva, a norma di legge, di questa decisione, la quale rende il caso res iudicata, cioè non soggetta ad ulteriore ricorso»[3].

 

Eccellenza, ci può dire quali sono ad oggi le novità sul caso McCarrick?

Temo che non vi sia alcuna novità, ed è proprio questa la notizia. Con la riduzione allo stato laicale di McCarrick si è voluto porre fine ad una annosa vicenda venuta alla luce con la mia testimonianza[4] solo nel 2018, ma si è fatto tutto il possibile affinché non emergessero i risultati e i dettagli del processo. L’inganno perpetrato attraverso la strategia di procedere per via amministrativa e non per via giudiziale, e la decisione di Bergoglio di confermarne autoritativamente la sentenza, ha di fatto impedito che venissero alla luce, assieme alle colpe oggettive di McCarrick, anche le responsabilità di quanti per anni hanno contribuito ad occultare la natura e l’estensione dei delitti da lui commessi, a proteggere i suoi complici e quanti, con il loro silenzio, hanno coperto i suoi crimini. In questo modo la condanna del colpevole non ha chiarito i punti oscuri. Come semplice laico egli gode ormai di una totale libertà di movimento e di azione, ed è ancora in grado di intervenire a tutti i livelli: a livello ecclesiale – anche con coloro che lo hanno coperto e sostenuto, in Vaticano ed altrove; a livello politico, sociale e finanziario, tramite le persone che sono rimaste in rapporto con lui e che da lui hanno ricevuto favori. La riduzione allo stato laicale non costituisce in alcun modo una pena medicinale (essendo solo la sua necessaria premessa, a causa della dimostrata indegnità del reo), essa non comporta alcuna forma di penitenza riparatrice, né rende giustizia alle vittime, ma consente al signor McCarrick di proseguire indisturbato le proprie attività criminali, comprese quelle di predatore sessuale.

 

La procedura amministrativa ha inoltre impedito l’audizione delle vittime, mentre le testimonianze raccolte solo di recente dall’avvocato Lena, il legale della Santa Sede, sembrano scritte sotto dettatura: chi ha subito molestie giunge a scusare le lentezze nella pubblicazione del Rapporto attribuendole alla mole di testimonianze[5], con toni indulgenti e giustificatori che mal si conciliano con la gravità estrema dei crimini contestati all’imputato. Viene da pensare che alcune vittime, protette da pseudonimo, si siano prestate ad un’operazione volta ad alleggerire le responsabilità della Santa Sede e a convalidare la narrazione che essa sostiene dinanzi all’opinione pubblica. Nasce anche il sospetto che queste testimonianze anonime siano una pura finzione. In ogni caso si tratta di un inganno che va denunciato con forza, perché se la corruzione del singolo Prelato è di scandalo, a maggior ragione lo è l’omertà colpevole di chi rappresenta la Chiesa. Se questi episodi si fossero verificati sotto il Pontificato di Benedetto XVI, essi avrebbero scatenato la furia dei media: tanta compunta comprensione nei riguardi di Jorge Mario è rivelatrice dell’atteggiamento complice dell’informazione mainstream.

 

La convocazione dell’incontro in Vaticano era stata annunciata come occasione per dare risposte ferme e determinate sugli scandali sessuali del Clero. Nel suo discorso introduttivo, papa Francesco aveva affermato: «Grava sul nostro incontro il peso della responsabilità pastorale ed ecclesiale che ci obbliga a discutere insieme, in maniera sinodale, sincera e approfondita su come affrontare questo male che affligge la Chiesa e l’umanità. Il santo Popolo di Dio ci guarda e attende da noi non semplici e scontate condanne, ma misure concrete ed efficaci da predisporre. Ci vuole concretezza»[6].

I solenni proclami che hanno preceduto, accompagnato e seguito questo incontro non hanno assolutamente dato luogo ad alcuna concreta azione pratica, come invece auspicato.[7] Così come durante l’incontro non hanno avuto risposta le legittime ed insistenti domande dei giornalisti poste a Bergoglio il 26 Agosto 2018 dopo la mia denuncia.[8]

 

Quanto al contenuto degli interventi, sembra che anche gli scandali sessuali del Clero siano serviti, più che ad inasprire le pene e a rendere più incisivi gli interventi, a ribadire quasi ossessivamente il nuovo assetto “sinodale” della Chiesa, che risponde ad un preciso intento di mutarne la costituzione in chiave democratica. Lo stesso Arcivescovo di Chicago Blaise Cupich – amico di Theodore McCarrick e Presidente dell’incontro in Vaticano – ha focalizzato il proprio intervento al convegno sulla “sinodalità”, quale necessario passaggio di «riforma strutturale, legale e istituzionale»[9]dell’azione nominalmente intesa ad arginare gli abusi.

 

In quale modo la “sinodalità” può aiutare i Vescovi a risolvere il problema degli abusi del Clero?

La proposta di istituire una commissione di laici indipendente che avrebbe giudicato l’operato dei Vescovi, formulata durante l’Assemblea plenaria della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti a Novembre 2018, è stata bloccata dal Cardinale Marc Ouellet, Prefetto della Congregazione per i Vescovi[10]. Questo intervento del Vaticano sconfessa i proclami sulla “sinodalità”, non appena le decisioni delle Conferenze Episcopali non coincidono con quanto si vuole a Roma. Ritengo comunque Sua Eminenza Ouellet mero esecutore di manovre che gli sono state imposte da più in alto.

 

Non è un bene che il Vaticano rivendichi a sé le decisioni che coinvolgono questioni dottrinali e morali?

L’autorità del Romano Pontefice, che si esplicita anche attraverso le Congregazioni Romane, non può ovviamente essere delegata ad organismi meramente consultivi che non hanno alcuna giurisdizione e che non fanno parte della struttura gerarchica della Chiesa così come Cristo l’ha istituita: su questo occorre essere chiari. Tuttavia, è significativo che il “synodal path” auspicato dai vertici romani non incontri alcun ostacolo, se non nel momento in cui rischia di diventare mediaticamente imbarazzante, come nel caso di una commissione speciale deputata a ricevere le denunce contro i Vescovi.

Questo richiamo alla “sinodalità” è un tema caro alla corrente teologica progressista che vuole snaturare la struttura gerarchica della Chiesa. Sono molto chiarificatori a tal proposito i recenti articoli di Massimo Fagggioli, docente presso la Villanova University dove l’11 Ottobre 2013 l’allora Card. McCarrick affermò d’aver favorito l’elezione del Card. Bergoglio durante le Congregazioni Generali previe al Conclave tenutesi pochi mesi prima, e di averne parlato con «a very influential Italian gentleman»[11] che gli avrebbe confidato che nell’arco di cinque anni il nuovo Papa avrebbe riformato la Chiesa.

Dovrebbe destare allarme che dallo stesso ateneo giungano oggi inquietanti segnali di insoddisfazione per l’operato di Bergoglio, il cui pontificato è definito «in crisi» da «persone deluse»[12]: forse perché i cinque anni cui alludeva McCarrick non hanno dato i risultati da loro auspicati.

 

Nella sua Relazione tenuta all’incontro in Vaticano, il Card. Reinhard Marx ha detto: «Le corrette procedure giuridiche servono a stabilire la verità e costituiscono la base per comminare una punizione proporzionata all’offesa. Le persone devono vedere come il giudice arriva ad una sentenza; nella maggior parte dei casi questo non avviene e penso che per la nostra situazione questa non sia una cosa buona. Inoltre, stabiliscono fiducia nell’organizzazione e nella sua leadership. Il persistere di dubbi su una condotta appropriata delle procedure processuali non fa altro che danneggiare la reputazione e il funzionamento di un’istituzione. Questo principio si applica anche alla Chiesa».[13]

La pubblicazione degli atti processuali dovrebbe essere uno dei capisaldi di una operazione di trasparenza e di onestà nei confronti delle vittime degli abusi da parte di membri del Clero. Mi pare evidente che le parole del Card. Marx siano state disattese, ad iniziare dal caso McCarrick, proprio per iniziativa di Bergoglio.

Ricordo inoltre che il Cardinale Daniel DiNardo, Presidente della Conferenza Episcopale americana, è stato con poco riguardo sconfessato dall’intervento vaticano, che all’incontro a Roma del successivo Febbraio 2019 gli sostituì i Cardinali Blaise Cupich e Joseph William Tobin, peraltro non esenti da sospetti sul loro stesso conto. Queste interferenze, chiaramente volute dall’alto, hanno creato un’immagine mediatica non corrispondente alla realtà, in cui Bergoglio è presentato come artefice di una riforma inesistente per meri scopi di propaganda. Anche la richiesta di dimissioni fatta da Francesco all’intero Episcopato cileno rientra in un’operazione di facciata smentita palesemente dai fatti.

Penso sia emblematico la duplice misura riservata alla Conferenza Episcopale americana e a quella francese: sul versante statunitense l’interventismo bergogliano ha impedito d’autorità un’operazione di trasparenza; mentre sul versante transalpino, consente palesi violazioni della legge canonica e civile, permettendo che le indagini del foro ecclesiastico siano affidate ad un magistrato massone nonché favorevole all’eutanasia. Lo spirito giacobino nel perseguire chierici francesi accusati di molestie su minori omette tuttavia di riconoscere le responsabilità degli Ordinari e dei Superiori Religiosi, colpevoli di quegli stessi insabbiamenti che vanno consolidandosi in prassi anche a Roma.

 

Eppure abbiamo anche sentito il Pontefice richiamare, nel discorso finale, le parole già pronunciate alla Curia Romana nel 2018: «La Chiesa non cercherà mai di insabbiare o sottovalutare nessun caso».

Questa solenne affermazione è sconfessata dal caso più emblematico, quello di Theodore McCarrick, e fa pensare che altri interessi abbiano portato alla decisione di liquidare la questione per via amministrativa e, cosa ancor più grave, senza la pubblicazione degli atti giudiziari.

 

Quali sono gli interessi, a Suo parere?

Si vuole focalizzare l’attenzione sugli abusi su minori, deviandola dalla contestuale condanna chiara e doverosa dei comportamenti omosessuali che di quegli abusi sono spesso causa. Per Bergoglio e il suo entourage la sodomia non è un peccato che grida vendetta al cospetto di Dio, come insegna il Catechismo. Le parole del Papa su questo tema – ed ancor più le azioni e le parole delle persone di cui si circonda – confermano purtroppo che sull’omosessualità è in corso un’opera di legittimazione, e che a portare avanti questo discorso sono Prelati e teologi che hanno manifestato senza equivoci di non essere fedeli all’insegnamento cattolico.

Proprio il Cardinal Tobin – i cui imbarazzanti messaggi sul cellulare parlano da soli [14] – ha chiaramente dichiarato di non condividere la condanna della sodomia presente nel Catechismo, rifiutandosi di definire gli atti omosessuali come «intrinsecamente disordinati»[15]. E queste affermazioni seguono l’appoggio del Cardinale al libro Building a bridge di padre James Martin s.j., che ha lo stesso contenuto. Ritroviamo quindi un Cardinale amico di McCarrick schierato in favore dei movimenti LGBT e il gesuita che Bergoglio ha nominato Consultore della Segreteria per le Comunicazioni della Santa Sede, invitandolo addirittura a parlare all’Incontro Mondiale delle Famiglie di Dublino del 2018 e ricevendolo in udienza[16]. Anche il Cardinale Cupich si è espresso più volte a favore degli omosessuali e nel corso del Sinodo dei Giovani – cui egli è stato invitato a partecipare dal Papa senza essere stato votato dai Vescovi americani – è stato inserito nell’Instrumentum laboris il controverso tema delle relazioni omosessuali senza che alcun gruppo di giovani lo avesse chiesto. Ricordo, en passant, che Cupich fu imposto alla sede di Chicago da Bergoglio, contro il parere della Nunziatura.

Gli interessi sono quindi, palesemente, quelli della “lobby gay” che si è infiltrata nella Chiesa e che ha letteralmente il terrore che i buoni Pastori facciano luce sull’influenza che essa esercita nella Segreteria di Stato, nelle Congregazioni, nelle Diocesi e su tutta la Chiesa. L’osceno, anzi sacrilego affresco omoeretico che mons. Paglia ha commissionato per la Cattedrale di Terni[17] è un arrogante manifesto ideologico che nessuna Autorità ha mai censurato né deplorato; i troppi affari finanziari del Sostituto della Segreteria di Stato mons. Edgar Peña Parra[18], legato al Card. Maradiaga, (coinvolto nello scandalo del suo vescovo ausiliare, Pineda, senza che ci sia notizia di un’iniziativa ecclesiastica verso di lui), e le gravissime accuse de Sexto che gravano su di lui[19] e che ho ampiamente denunziato[20] non ne hanno in alcun modo interrotto il cursus honorum in Vaticano; lo stesso dicasi per mons. Gustavo Óscar Zanchetta, che Bergoglio ha promosso e, in attesa di giudizio penale, ha recentemente rinominato Assessore dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica[21]. Dopo l’ordine di far confluire tutti i conti correnti delle Diocesi e delle Congregazioni religiose del mondo all’APSA, Zanchetta si trova a gestire le finanze della Chiesa (potendo vantare nel proprio curriculum l’autorevole diploma di meccanico elettricista) ed essendo allo stesso tempo facile oggetto di ricatti interni ed esterni[22]. E non dimentichiamo l’opera di mons. Ilson de Jesus Montanari, Arcivescovo, Segretario della Congregazione dei Vescovi, Segretario del Sacro Collegio e Vicecamerlengo di Santa Romana Chiesa, a nome e per conto di chi poi l’ha elevato ai massimi ranghi della Curia Romana come premio per la sua fedeltà.

Credo sia indispensabile chiarire una volta per tutte lo stretto legame che vi è tra l’omosessualità e la pedofilia confermato anche dalle stesse statistiche: un legame che l’incontro in Vaticano ha scrupolosamente taciuto per non urtare la mentalità corrente diffusa anche tra molti Presuli. Ma sarebbe ipocrita e colpevole condannare la pedofilia sulla scia della vigente legislazione civile, senza condannare parimenti la sodomia, che il pensiero unico non ritiene penalmente rilevante ma che la Chiesa indica tra i peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio.

Ma vi è anche un altro interesse, di natura politica, che non va minimamente sottovalutato…

 

A cosa si riferisce?

Parlo del ruolo politico di McCarrick, cui accenna anche l’ultimo articolo di Church Militant: «Fu McCarrick a elaborare l’accordo Vaticano-Cina, una missione che gli fu data personalmente da papa Francesco. Francesco sospese le restrizioni imposte da Benedetto poche settimane dopo essere diventato Papa – un fatto confermato dall’Arcivescovo Viganò. Allo stesso modo, fonti in Cina […] mostrano che McCarrick potrebbe essere stato determinante per elaborare i pagamenti segreti in corso, per miliardi di dollari, inviati dai comunisti cinesi al Vaticano di Francesco. Se questo è vero (e sembra plausibile, visti i legami comunisti e la cordialità di McCarrick con Pechino), ciò potrebbe essere determinante nello spiegare perché il rapporto rimane fermo sulla scrivania del papa, non pubblicato».

Proprio in questi giorni è stata divulgata su Christian Today la notizia secondo la quale «China has ordered Christian villagers to renounce their faith and worship the nation’s Communist Party leaders instead»[23]. Dinanzi a questa persecuzione dei Cristiani – e dei Cattolici fedeli alla Sede Apostolica – da parte della dittatura comunista, il silenzio di Santa Marta è letteralmente assordante, così come lo è stato pochi giorni fa, quando al messaggio dell’AngelusBergoglio ha omesso l’appello per Hong Kong che pure era stato diffuso alla stampa[24]. Lo stesso Accordo segreto stipulato tra la Santa Sede e Pechino e denunciato pubblicamente dal Card. Zen dimostra la sudditanza della chiesa bergogliana ai diktat della dittatura comunista, consegnando la Gerarchia locale nelle mani dei suoi persecutori e tacendo sulle violazioni dei diritti umani perpetrate ad opera del regime.

Ricordo che nella primavera del 2014 scrissi al Segretario di Stato Parolin chiedendogli se i provvedimenti presi da Benedetto XVI nei confronti di McCarrick fossero ancora validi o meno, a seguito di un articolo apparso su Washington Time in cui veniva data notizia di un suo viaggio nella Repubblica Centroafricana per conto del Dipartimento di Stato americano[25]. Il Cardinale Parolin non mi rispose mai, ma le notizie che emergono in questi giorni sembrano chiarire anche questi aspetti. La libertà di movimento accordata a McCarrick era peraltro nota[26], e ne scrisse egli stesso nel 2012: «I was in Doha last week and go to Ireland… and following that… I begin one of my longest trips – Beirut, Jordan, Egypt, Thailand, Myanmar, Cambodia and Hong Kong… before I start again in the Holy Land and Belarus»[27]. E nel 2014: «I leave for China on Thursday the 27th… I am sure that [Secretary of State] Cardinal Parolin would see me since he is involved with my China trip[28]

Tra l’altro, la cooperazione della Compagnia di Gesù alle mosse diplomatiche del Vaticano con la dittatura di Pechino – ad iniziare dall’edizione speciale in cinese della Civiltà Cattolica – conferma la volontà della Santa Sede di prestare un endorsement alla Cina, proprio mentre si concretizzano i sospetti circa una sua responsabilità nella diffusione del Covid per destabilizzare gli equilibri geopolitici internazionali. Il ruolo di Antonio Spadaro e di altri Gesuiti – tutti assidui frequentatori della Villanova University – è emblematico e dimostra il filo rosso che lega il progressismo dottrinale alla perversione morale e alla corruzione politica. D’altra parte, questi tre elementi – eresia, sodomia, corruzione – sono talmente ricorrenti da risultare quasi un marchio di fabbrica del deep state e della deep church.

Parlando di deep state, non stupisce che l’OMS si sia resa complice di questa operazione di ingegneria sociale per compiacere la Cina, né che il Presidente Trump abbia deciso di revocarle i finanziamenti di cui beneficiava fino ad oggi. Quello che stupisce e scandalizza è invece il silenzio complice del Vaticano, dinanzi ad una sorta di colpo di stato che mira a rendere la chiesa bergogliana il braccio spirituale del Governo Mondiale, sotto l’egida della tirannide comunista e con la complicità dei partiti globalisti. L’Italia, con il suo governo non eletto e la maggioranza in gravissima crisi politica, pare seguire l’agenda e non sembra voler rivedere le proprie posizioni nei confronti di Pechino: le continue minacce di un ritorno all’emergenza Covid e al lockdown sono chiaramente strumentali al mantenimento di un potere che, in presenza di elezioni democraticamente convocate, dimostrerebbe la propria inconsistenza. Certo è che un’opposizione un po’ più incisiva e meno allineata alla narrazione mainstream potrebbe esser vista positivamente tanto dall’elettorato quanto dai partner internazionali dell’Italia.

 

Torniamo alla questione degli scandali del Clero. Proprio il 19 Febbraio, due giorni prima dell’inizio dell’incontro presieduto dal Card. Cupich, era stata pubblicata una Lettera Aperta dei Cardinali Raymond Burke e Walter Brandmüller ai Presidenti delle Conferenze Episcopali: «Di fronte alla deriva in atto nella Chiesa, sembra che il problema si riduca a quello degli abusi dei minori, che è solo parte di una crisi ben più vasta. Si accusa il clericalismo per gli abusi sessuali, ma la prima responsabilità del clero non sta nell’abuso di potere, ma nell’essersi allontanato dalla verità del Vangelo. Di fronte a questa situazione, cardinali e vescovi tacciono. Tacerete anche voi? Ai nostri Dubia non c’è stata risposta del Papa; vi incoraggiamo ad alzar la voce per salvaguardare l’integrità della dottrina della Chiesa»[29]. Quale esito ha avuto questo appello di eminenti Prelati?

I Cardinali Burke e Brandmüller, come altri Presuli, non hanno fatto che riaffermare lodevolmente la dottrina cattolica: la cosa inaudita è che siano loro ad essere considerati “strani” nella compagine ecclesiale, mentre viene data voce a personaggi che per le loro frequentazioni, per i loro “endorsement” all’agenda LGBT e in taluni casi anche per le ombre che gravano sulla loro condotta dovrebbero essere allontanati dalla Chiesa e severamente censurati.

Benedetto XVI nell’Aprile 2019 pubblicò un forte intervento su Klerusblatt, poi ripreso in Italia dal Corriere della Sera[30] che venne ferocemente censurato da Marco Politi su il Fatto Quotidiano[31]. Quell’articolo era in realtà destinato all’incontro di Roma per il tramite della Segreteria di Stato, ma venne boicottato confermando l’intervento della “lavender mafia” per impedire al Santo Padre di far conoscere ai Vescovi la propria posizione sull’argomento.

 

Ci può ricordare in cosa consisteva quell’intervento di Benedetto XVI?

Il punto focale dell’articolo di Ratzinger che fece infuriare i sostenitori di Bergoglio fu proprio l’aver evidenziato il nesso tra omosessualità e pedofilia, così come tra rilassamento della morale seguito al Concilio e il diffondersi della piaga degli abusi.

Ostinandosi a chiudere gli occhi dinanzi all’evidenza, il progressista Politi scriveva: «Cosa c’entra l’abbandono da parte della Chiesa di un’etica basata sul diritto naturale con la pedofilia? Cosa c’entrano i mutamenti della teologia morale cattolica, cosa c’entrano le combriccole gay nei seminari, cosa c’entrano i filmini porno, cosa c’entra la relativizzazione dei valori e del giudizio morale?»[32] Eppure è evidente che dove la formazione dei candidati al sacerdozio e alla vita religiosa cancella la disciplina e la vita interiore, si moltiplicano i vizi e i peccati che poi degenerano anche in gravissimi crimini sui minori, ma non solo.

La causa di questo cambiamento risiede proprio nello “spirito del Concilio”, a cui Benedetto XVI volle appena accennare ma che non mancò d’essere immediatamente colto da chi vedeva messo in discussione il superdogma: «Addirittura grottesco [sic] è il tentativo dell’ex pontefice di addossare allo spirito “conciliare” il garantismo estremo dei processi ecclesiastici, volto alla tutela ad oltranza dell’accusato “al punto da escludere praticamente – è scritto nel saggio – la condanna del colpevole”. Dunque sarebbe colpa dei fautori del Concilio, detto in parole povere colpa dei riformatori, se la rete degli insabbiatori e dei legulei, che in ogni modo hanno cercato e cercano tuttora di impedire processo e condanna dei chierici predatori, si è rivelata sempre così tracotante e potente?»[33]

 

Ritiene che Marco Politi abbia ragione?

 Io credo che la risposta a questa domanda retorica del vaticanista Politi possa essere indiscutibilmente affermativa: vi è un rapporto strettissimo tra la crisi dottrinale della Chiesa e l’immoralità del Clero, che scandalosamente giunge a salire i più alti gradi della Gerarchia. Ma è altresì evidente che questa crisi viene utilizzata dall’ala ultraprogressista non solo per imporre una falsa morale assieme ad una falsa dottrina, ma anche per screditare irrimediabilmente la Santa Chiesa e il Papato dinanzi ai fedeli e al mondo, ad opera dei suoi stessi vertici.

 

Non crede che alla fine il Rapporto che tutti attendono verrà pubblicato?

 Se si riuscirà a far luce su questa vicenda, ciò avverrà nonostante il Vaticano: gli interessi in gioco sono enormi e toccano direttamente il vertice della Chiesa, e non solo per questioni di natura dottrinale, morale o canonica, ma per aspetti politici e diplomatici che hanno visto la Santa Sede oggetto di un colpo di stato con la complicità di chi invece avrebbe dovuto difenderla nella sua sovranità e indipendenza. Ciò che non era riuscito durante il Pontificato di Benedetto XVI è stato portato a compimento dopo le sue dimissioni. Come possiamo sperare che chi è in debito, anche per la propria elezione, verso McCarrick – che dell’Accordo segreto con la Cina fu uno dei principali fautori – possa far chiarezza su una serie di eventi che lo coinvolgerebbero in prima persona, dimostrando le connivenze con la dittatura cinese ai danni dei Cattolici fedeli alla Sede Apostolica e forse anche le responsabilità di quel regime nelle dimissioni di Papa Benedetto? Come possiamo immaginare che si chiariscano le torbide vicende di San Gallo, quando fu proprio lì che i congiurati organizzarono l’elezione di Bergoglio? E come possiamo credere che si purifichi la Chiesa dalla corruzione e dal vizio dei suoi chierici e Prelati, quando sono proprio costoro che hanno preso il potere e che vengono promossi ai massimi livelli, in un intreccio di complicità tra eretici, pervertiti e traditori?

Chi deve indagare sugli scandali è pesantemente coinvolto nella nomina, nella promozione e nella protezione dei colpevoli: Bergoglio si è circondato di personaggi compromessi e perciò ricattabili, dei quali non ha scrupolo a liberarsi non appena rischiano di comprometterlo nella sua immagine mediatica.

Non dimentichiamo che la legittimazione dell’omosessualità fa parte dell’agenda del Nuovo Ordine – a cui la chiesa bergogliana aderisce apertamente ed incondizionatamente – non solo per la sua valenza destabilizzante nel corpo sociale, ma anche perché la sodomia è lo strumento principale con cui il Nemico intende distruggere il Sacerdozio cattolico corrompendo nell’anima i Ministri di Dio.

Per questo, almeno per quanto sarà nelle sue possibilità, tutta la verità su McCarrick non verrà mai ufficialmente alla luce.

 

Come possiamo rispondere a questa corruzione?

Ciò che è oggi indifferibile è un’azione congiunta dei buoni – quelli che nella Lettera Aperta al Presidente Trump definivo biblicamente «i figli della Luce» – perché siano portate alla luce le complicità e i crimini di chi muove guerra al Bene per instaurare il Nuovo Ordine Mondiale. In questa operazione di verità e di trasparenza, il ruolo degli Stati Uniti può essere decisivo, soprattutto quando chi dovrebbe e potrebbe contribuire da parte vaticana tace omertosamente. Come ha detto il Signore, «io vi dico che se taceranno costoro, grideranno le pietre»[34].

Ma vi è un aspetto più importante, di natura spirituale. Dobbiamo comprendere che la crisi ecclesiale è stata causata dall’aver voluto togliere la corona al suo Re, Nostro Signore: occorre che Egli torni a regnare non solo nei nostri cuori e nelle nostre famiglie, ma anche nella società civile e massimamente nella Chiesa. Oportet illum regnare. E con il Re dei re, deve regnare anche la Nostra Signora, Regina e Madre della Chiesa, cui colpevolmente si è disubbidito non consacrando al Suo Cuore Immacolato la Russia. Questo è il mio auspicio più sincero, al quale chiedo di unirsi tutte le persone di buona volontà.

 

 

Note

[1] https://www.churchmilitant.com/video/episode/vortex-mccarrick-bombshell

[2] http://www.vatican.va/resources/index_it.htm

[3]https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2019-02/ex-cardinale-theodore-mccarrick-dimesso-stato-clericale.html

[4] https://www.marcotosatti.com/2018/09/05/la-testimonianza-di-mons-vigano-i-documenti-dellex-nunzio-fino-al-4-settembre-2018/

[5] https://essayforthefaithful.com/

[6]http://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2019/february/documents/papa-francesco_20190221_incontro-protezioneminori-apertura.html

[7] Cfr. ad esempio https://www.ilpost.it/2019/02/25/incontro-abusi-sessuali-vaticano/

[8]http://www.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2018/august/documents/papa-francesco_20180826_irlanda-voloritorno.html

[9]http://www.vatican.va/resources/resources_card-cupich-protezioneminori_20190222_it.html

[10] https://www.lastampa.it/vatican-insider/it/2018/11/13/news/le-ragioni-del-rinvio-del-voto-sulle-norme-anti-abusi-negli-usa-1.34060080

[11] https://youtu.be/b3iaBLqt8vg

[12] https://international.la-croix.com/news/the-limits-of-a-pontificate-part-i/12170

[13]http://www.vatican.va/resources/resources_card-marx-protezioneminori_20190223_it.html

[14] https://www.churchmilitant.com/news/article/tobin-tarmac-tweet-raises-eyebrows

[15] https://www.today.com/video/how-cardinal-joseph-tobin-found-his-calling-in-the-catholic-church-1496688707952

[16]http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2019/09/30/0755/01540.html

[17] https://lanuovabq.it/it/e-paglia-ando-in-cielo-con-trans-e-gay

[18]https://www.repubblica.it/cronaca/2020/06/07/news/vaticano_il_verbale_di_mos_carlino_pena_parra_mi_disse_come_procedere_su_torzi_-258667074/

[19]https://espresso.repubblica.it/attualita/2018/10/12/news/le-condotte-immorali-del-nuovo-braccio-destro-del-papa-spunta-un-dossier-che-fa-tremare-il-vaticano-1.327763

[20]https://www.marcotosatti.com/2019/08/01/accuse-di-vigano-a-pena-parra-conferme-da-maracaibo-vigano-accuses-pena-parra-confirmations-from-maracaibo/

[21] http://www.korazym.org/44412/lo-strano-caso-del-presunto-abusatore-zanchetta-riapparso-e-il-processo-promesso-dal-papa-a-carico-del-suo-amico/

[22] http://www.korazym.org/44391/saga-60sa-inchiesta-della-magistratura-vaticana-per-scandalo-finanziario-in-segreteria-di-stato-riflettore-sulle-normative-vaticane-vigenti/

[23]https://www.christiantoday.com/article/china-tells-christians-renounce-faith-in-jesus-worship-president-xi-jinping/135221.htm

[24] https://www.lanuovabq.it/it/hong-kong-la-santa-sede-si-inchina-al-regime-cinese e https://www.liberoquotidiano.it/news/italia/23616123/papa-francesco-socci-hong-kong-cina-angelus-passaggio-sparito.html

[25] McCarrick, nella sua corrispondenza con il suo segretario mons. Figuereido, si qualifica come: «an adjunct member of the foreign service».

cfr.https://www.cbsnews.com/news/cardinal-theodore-edgar-mccarrick-vatican-restrictions-anthony-figueiredo-letters-report-2019-05-28/

[26] Così scrive Catholic News Agency: «In a 2009 visit to China, then-Speaker of the House Nancy Pelosi conveyed McCarrick’s greetings to Bishop Aloysius Jin of Shanghai, a priest who was a leading Chinese Jesuit, then spent decades in prison on charges of aiding counterrevolution before his release in 1982. He was ordained an auxiliary bishop without Vatican approval in 1985, though he received Vatican recognition in 2005. The bishop said he and Cardinal McCarrick had exchanged visits “beginning when the latter was Bishop of Newark (sic).” Pelosi said she would convey the bishop’s greetings back to Cardinals McCarrick and William Keeler, then an Archbishop emeritus of Baltimore».

Cfr.https://www.catholicnewsagency.com/news/despite-mccarrick-abuse-claims-state-department-leaves-questions-unanswered-70448

[27]https://www.cbsnews.com/news/cardinal-theodore-edgar-mccarrick-vatican-restrictions-anthony-figueiredo-letters-report-2019-05-28/

[28] Ibidem

[29]http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2019/02/19/anche-il-summit-sugli-abusi-crea-seri-%e2%80%9cdubia%e2%80%9d-la-lettera-aperta-di-due-cardinali/

[30]https://www.corriere.it/cronache/19_aprile_11/papa-ratzinger-chiesa-scandalo-abusi-sessuali-3847450a-5b9f-11e9-ba57-a3df5eacbd16.shtml

[31]https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/12/pedofilia-qualcosa-non-torna-nel-contromanifesto-di-papa-ratzinger/5104990/

[32] Ibidem

[33] Ibidem

[34] Lc 19, 39

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , , ,

Categoria:

90 commenti

  • Rosa Rita La Marca ha detto:

    San Benedetto da Norcia
    Dom Prosper Guéranger, L’anno liturgico. – vol. I, Avvento – Natale – Quaresima – Passione.

    Vita

    San Benedetto nacque a Norcia, verso l’anno 480. Ancora giovane, abbandonò il mondo e gli studi, vivendo per molti anni nel romitaggio di Subiaco. La fama della santità gli procurò innumerevoli discepoli, per i quali costruì diversi monasteri. Gli ultimi suoi anni li trascorse in quello di Monte Cassino, ove scrisse una Regola universalmente adottata dai monaci d’Occidente. Celebre per i miracoli, per il dono della profezia ed una mirabile sapienza, s’addormentò nel Signore verso il 547. La sua vita fu scritta da san Gregorio Magno. Dal 703 il suo corpo riposa nella chiesa di Fleury-sur-Loire, presso Orléans, in Francia.

    Copio dal sito dell’Istituto Cristo Re in lingua italiana.

    Abbiamo bisogno di Santi. Non dottoroni, anche elettricisti, ma virtuosi.

  • Antonella ha detto:

    Viganò rivendica giustamente uno stato di diritto che si eserciti in conformità alla giurisdizione di cui è investita l’autorità papale e la sua gerarchia, l’occultamento di certi fatti a protezione di personaggi che nonostante errori e sentenze continuano indisturbati a ricoprire cariche importanti, scorrazzando liberi da un paese all’altro, denuncia tutto l’orrore annidato tra le mura vaticane e il potere di lobbies che per ragioni a noi oscure hanno ottenuto il proprio insediamento. La sodomia per questa banda di trafficanti non può essere considerata un peccato e la pedofilia non sarà più configurata come una patologia, non discriminandola si elevera’ al grado di un nuovo stile sessuale, libero finalmente di esprimersi nel “supermercato dei bambini”, creato per sfamare le voglie più mostruose, dove è lecito anche l’infanticidio.
    Se guardiamo alla pista di indagine intrapresa su “pizzagate “, oggi per molti siti una “fake news “, scopriamo che certi vizi non impegnano solo autorevoli cariche dello stato e vip dello spettacolo, ma travolgono anche prelati di alto grado, chiamati a presiedere miserevolmente rituali degni di ogni profanazione sulle carni degli innocenti.
    Pare che un certo “cannibalismo” sia strettamente congiunto con l’esoterismo che lo celebra, per molti di questi scellerati senza più un briciolo di ragione è l’elisir di lunga vita a rappresentare il traguardo scientifico del prossimo futuro.
    Se questa è la perversione che legittima il delitto, mi chiedo quale confronto si possa ancora auspicare da figure di questo taglio, implicate in traffici più grandi di loro, inserite al posto giusto, come direbbe Aldo Maria Valli, ed in contesti sempre diversi per poi essere manovrati come burrattini. E se questi sono gli esecutori del nuovo reich, ai veri rappresentanti della Chiesa rimane l’arduo compito di riunire le proprie forze, iniziando dalle basi, contando sulla scialuppa di salvataggio prima che questa barca scordata trascini altri alla rovina.

  • X ha detto:

    Il 23.6.2013 il Papa non era in Sarta Marta con Viganò ma nel palazzo apostolico in udienza con l’associazione SS Pietro e Paolo. Ciao.

    • Marco Tosatti ha detto:

      Perché diffondere bugie? Piccoli troll stupidi, il Pontefice ha riconosciuto di aver visto Viganò in udienza. Ha detto di non ricordare se gli avesse parlato di McCarrick…Questo troll fa il paio con quell’altra che mi accusa di non aver parlato del caso McCarrick anni fa, quando non ne sapevo nulla, e continua a insistere con accuse imbecilli a Benedetto…

      • Maria Cristina ha detto:

        Caro Tosatti, lo scatenarsi dei troll sul questo sito dimostra solo che Vigano’ ha messo il dito nella piaga. Se si fosse parlato della pioggia e del bel tempo, non ci sarebbero stati tanti interventi la maggior parte di disturbo e di demenziale tentativo di inquinare le acque.
        E invece bisogna battere il ferro fin che e’ caldo: continuare a ricordare a Bergoglio e ai bergogliatri lo scandalo Mc Carrick.
        Bisognerebbe fare uno striscione con scritto “ Ricordati di Mc Carrick” davanti a San Pietro , che il Papa lo veda ad ogni Angelus,

  • Marco Matteucci ha detto:

    “CONVERTITEVI PRIMA CHE ARRIVI IL BUIO!”

    Se vuoi leggere tutto:
    https://reginadelcielo.wordpress.com/2020/07/25/convertitevi-prima-che-arrivi-il-buio/

  • Xemu ha detto:

    La salvezza viene dall’America.

    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Xenu

  • Francesco ha detto:

    Grati a mons. Viganò per tutto quello che ha fatto per amore della Chiesa e di Cristo, ha aperto il vaso di Pandora con i suoi miasmi. Benedetto XVI ha combattuto da eroe ma i vescovi gli hanno remato contro, una lotta contro i mulini a vento. Bergoglio e i suoi sodali risponderanno a Dio delle loro empietà, faranno la fine di Elagabalo e papa Formoso.

  • Iginio ha detto:

    Il problema è che Viganò ha una certa età mentre Faggioli è più giovane. Quindi sul lungo termine le balle di Faggioli e soci avranno più successo e saranno più diffuse. A meno che non intervenga un qualcosa o qualcuno che muti radicalmente la situazione.
    L’atteggiamento di Bergoglio in questa vicenda è stato giustamente riassunto da Rod Dreher tempo fa con la parola “autocommiserazione”. E chi siamo noi per far diventare triste il povero Bergoglio vittima dei cattivoni che lo criticano e che in passato è dovuto andare dalla psicologa?
    In ogni caso, come ho già scritto più volte, Faggioli e simili (Melloni, Spadaro, i professorucoli della Gregoriana, i furbetti dell’Archivio Vaticano, i salami dell’Università salesiana…) vanno letteralmente buttati fuori impedendo loro di fare ulteriori danni con la loro posa di atteggiarsi a portavoce della Chiesa. Ma per buttarli fuori occorre serietà e preparazione culturale, non invettive o sparate da fuori di testa.
    P.S. La consacrazione della Russia a Maria è stata già fatta. Ne conseguirono gli eventi di fine anni Ottanta e il crollo dell’Urss.Il problema è che non basta recitare consacrazioni se poi dentro la Chiesa non si cambia vita e non ci si crede. Nel 1959 l’Italia fu consacrata a Maria. Dieci anni dopo si era in pieno marasma. Oggi stiamo come stiamo.

    • newman ha detto:

      Faggioli é un accademico ed intellettuale la cui mediocritá viene esaltata in tutti i blog un pó seri del cattolicesimo americano. Insegna in un’universitá cattolica di terz’ordine degli Stati Uniti, conosciuta piú per i suoi corsi di studio nel campo dell’economia che per il suo dipartimento di teologia, in cui – udite, udite – Faggioli ha raggiunto il livello di “professor of theology”.
      Il grande George Weigel, se non erro, vede nel gran parlare
      sui tweet di Faggioli (in pessimo inglese, oltretutto) un sintomo della decadenza del pensiero teologico e filosofico nel cattolicesimo americano.
      Il suo essere citato a destra e manca anche in Italia dovrebbe far sorgere lo stesso dubbio sul livello intellettuale del cattolicesimo italiano.

      • oldman ha detto:

        esatto Newman, i Faggioli ,Melloni, Zamagni , Becchetti, Bruni, ecc. son intellettuali che potrebbero entrare deputati con i 5stelle , a meglio. Ma poichè Grillo conosce i buffoni di professione meglio di chiunque altro ,, li lascia alla Pontificia Accademia di Sanchez CìSorondo

      • Iginio ha detto:

        Siamo d’accordo.
        Ma vogliamo cominciare a dimostrare la loro pochezza?
        Io ho cercato di farlo ogni volta che mi è capitato di parlare con qualche papaverino o monsignorotto vaticano sedicente storiografo che appunto cadeva in deliquio davanti a Faggioli (una chicca: pare che egli vada dicendo che va a messa e fa la comunione tutti i giorni, garantendosi così una patente di ortodossia).
        Sarebbe opportuno che si impegnassero nella critica anche altri. Nelle sedi appropriate.

  • Alessandro ds ha detto:

    Dott. Tosatti, potrei chiedere a lei e a qualcuno dei suoi ( come PG ) di approfondire la questione che voglio sollevare, come servizio alla verità, ” solo per capire se si tratta di strane e fortuite coincidenze o se c’è qualcosa di più dietro “. Grazie.

    Esiste una lobby molto potente in america, che sta cercando di distruggere il potere politico della chiesa, perché fino a quando la chiesa è unita e credibile nessun paese per quanto potente sia potrai mai prendere il controllo politico mondiale senza fare prima i conti con la chiesa.
    Sapendo bene questo, i vari Trump , Pompeo, massoni, infiltrati in lobby associazione ultra cattoliche americane, e vari infiltrati di ogni dove ( anche vescovi ) hanno incominciato da 2 anni a questa parte un attacco frontale alla cristianità nel mondo.
    Ai cristiani che custodiscono i dogmi di fede e che hanno un vero potere e i dluenza mondiale per indebolire il potere politico della chiesa. ( cattolici e ortodossi )
    Gli ortodossi li hanno distrutti creando lo scisma più grande che la cristianità abbia vissuto negli ultimi 1000 anni ( mosca e costantinopoli ) e i cattolici li hanno portati sull’orlo dello scisma, anche non riuscendoci hanno distrutto la loro credibilità.
    Tutto questo attacco ai cristiani è partito da suolo americano, tutto da americani e persone ricollegabili alla massoneria e lobby americane e tutto partito da suolo americano, tutto nell’arco di 40 giorni, ortodossi distrutti e scisma, e cattolici sull’orlo dello scisma. Tutto in 40 giorni e tutto partito da suolo americano.
    Da Trump, Pompeo, lobby ultracattoliche americane, massoneria e vescovi infiltrati che sono usciti fuori in maniera coordinata agli altri per sferrare l’attacco mortale alla cristianità.
    Settembre 2018 scisma chiesa ortodossa promosso e creato da Trump e Pompeo a scopo economico e politico per indebolire la Russia.
    Il grande paladino della cristianità Trump, il figlio della luce, nelle tenebre ha creato il più grande scisma cristiano che l’umanità ha visto negli ultimi 1000 anni. Per motici politici , per togliere potere alla russia nelka loro “qiestione economica e guerra”, cosa è Trump un figlio della luce o un anticristo?
    Nello stesso periodo, quasi in modo coordinato invece Mons. Viganò sferra un attacco micidiale alla chiesa cattolica con le accuse a Bergoglio e la richiesta di dimissioni.
    E perché Viganò proprio in quei giorni e in maniera coordinata con gli attacchi agli ortodossi ha lanciato l’attacco ai cattolici?
    È stato un caso che le 2 più grandi chiese del mondo siano state attaccate in manieta micidiale nei stessi giorni? E che questi attacchi siano partiti entrambi da suolo americano? Attacchi partiti dallo stesso luogo, negli stessi giorni, e con lo stesso obbiettivo ( spaccare le chiese cristiane potenti politicamente )
    Se fossi un malizioso mi verrebbe quasi da pensare che era tutto organizzato e che erano d’accordo e coordinati….ma io sono ingenuo e non voglio accussare.. sarà un caso!!!
    Però vedo che le stesse lobby di associazioni americane che hanno appoggiato Trump… continuano ad attaccare i cattolici insieme a Viganò. Che conicidenze, boh!

    Il segretario di stato USA, braccio destro di Trump invoca lo scisma della chiesa ortosossa e chiede il riconoscimento della chiesa di Ucraina ( grave intromissione in affari di chiesa che mon li riguardano , questo eil vero anticristo, Trump! )
    https://www.google.com/amp/s/it.sputniknews.com/amp/mondo/201810206655733-Pompeo-religione-ingerenza-Chiesa-Ortodossa-Ucraina-Russia-Patriarcato-Costantinopoli-Russia-russofobia/

    Il numero 2 della chiesa russa accusa apertamente Trump e gli Usa di aver conplottato nelle tenevre per portare la chiesa ortosossa allo scisma per questioni politiche di guerra fra Trump e putin.
    https://www.google.com/amp/s/www.ilmessaggero.it/AMP/vaticano/metropolita_hilarion_usa_dietro_scisma_chiesa-4048818.html

    40 giorni prima dell’attacco mortale alla chiesa ortodossa, Mons. Viganò sferra l’attacco mortale alla chiesa cattolica e da quel giorno siamo sull’orlo dello scisma anche noi.
    https://www.google.com/amp/s/www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/26/pedofilia-monsignor-vigano-papa-francesco-si-dimetta-ha-seguito-consigli-dei-perversi-e-operato-il-male/4582449/amp/

    Ora a distanza di tempo si iniziano a ricollegare alcune conoscenze in comune fra Trump e altri… conoscenze che li ricollegano e fanno da collante, e in più si difendono anche a vicenda.
    A pensare male si fa peccato, ma quadi sempre ci si indovina.

    • Claudius ha detto:

      Ma basta con sti pistolotti chilometrici….

      • Alessandro ds ha detto:

        Puoi scorrere senza leggere, ne ho visti di più lunghi, anche poco più in basso .
        Avevo piacere di condividere con le persone non ancora lobotomizate delle coincidenze che lasciano riflettere non poco.
        Sicuramente ho scritto malissimo, molti errori di scrittura e concetti confusi. Ho scritto in velocita sul telefonino mentre ero distratto in altre faccende. Ma il concetto di fondo si capisce.
        A lei non sembrq inquietante che la stessa persona che ha lavorato nelle tenebre per far scattare il più grande scisma degli ultimi 1000 anni, per motivi economici e politici, venga esaltato co.e difensore di Cristo? Quando in realtà è un anticristo?
        E che Mons. Viganò nello stesso momento quasi coordinato con loro ha compiuto lo stesso gesto verso i cattolici, non la fa riflettere?
        Forse Mons. Viganò deve scegliere meglio con chi si accompagna….

      • Enrico ha detto:

        In effetti, Alessandro DS usa riempire i suoi interventi con montagne di parole che finiscono per ricoprire gli argomenti trattati di una corazza impenetrabile. Il suo metodo (per la verità non solo il suo( comporta r una complicazione degli argomenti anziché una loro chiarificazione.

        Com’è possibile cavare un ragno dal buco a mezzo di sfilze infinite di particolari. Può sembrare che più si scende nell’analisi e più ci si avvicina al nocciolo ma molto probabilmente non è così.

        E poi guardiamo al Vangelo: dove sono i trattati, i saggi, le analisi con tanto di minuziosi riferimenti di Gesù? Ma davvero per essere buoni Cristiani bisogna perdersi in un oceano di parole e di “cultura”?

        • Claudius ha detto:

          Tutti questi qui che credono di essere molto importanti, e scrivono commenti chilometrici, a volte anche piu’ lunghi degli articoli stessi non si rendono nemmeno conto che non fanno altro che mettere in piazza il loro narcisismo infantile. Da non leggere per principio.

      • newman ha detto:

        @ la mia risposta del 27.07/00: … ad Alessandro DS – correzzione e precisazioni:
        E’ stato il Patriarca Bartolomeo I, non Atenagora, a riconoscere con decreto (“Tomos”) del 6 gennaio 2019 l’indipendenza (autocefalia) della “Chiesa Ortodossa di Ucraina”, fondata nel dicembre del 2018. Dovrá seguire il riconoscimento da parte delle altre 14 chiese ortodosse autocefale. Allo stato attuale delle cose in Ucraina ci sono, pertano, due chiese ortodosse: la sopra menzionata e la
        “Chiesa russo-ortodossa”. Dal punto di vista canonico, con il riconoscimento canonico da parte del “primus inter pares” costantinopolitano, non si puó assolutamente parlare di scisma nell’ortodossia.

    • newman ha detto:

      @Alessandro DS Quanta confusione nel Suo posting…
      (1) E’ normalissimo che una parte considerevole degli ortodossi di Ucraina vogliano, dopo il raggiungimento dell’indipendenza politica di questo paese dall’Unione Sovietica, l’autocefalia, di cui godono le chiese ortodosse delle altre nazioni. Il raggiungimento dell’autocefalia combacia con il raggiungimento dell’indipendenza politica.
      (2) Per quanto riguarda gli Stati Uniti, Lei stá attribuendo all’amministrazione Trump, repubblicana, il bagaglio ideologico del partito democratico. E’ uno sbaglio madornale attribuire a Trump ció che dev’essere detto del partito democratico, della Clinton, di Obama, della Pelosi e del loro erede Biden, il “cattolico” che difende il “diritto all’aborto”, i ” matrimoni” gay, l’agenda LGBTQetc. e sia la cultura che l’azione politica e sociale nel paese ispirata a questi principi, negazione della morale cattolica. E’ stato il partito democratico che ha combattuto ferocemente Benedetto XVI, auspicando una “primavera cattolica”, cioé una ribellione aperta dei “cattolici illuminati” contro la dottrina e la morale della chiesa cattolica. Tutto da chiarire
      é il ruolo dell’amministrazione Obama nelle dimissioni di
      papa Benedetto XVI.

      • G.gervasi ha detto:

        Invece Alessandro DS ci ha azzeccato. Trump vuole dividere per comandare, regola base dell’imperialismo. Bannon è uno dei suoi strumenti per dividere l’Europa e i cattolici europei. Sovranismo è l’ideologia.

        • newman ha detto:

          Mah, signorina Gervasi, omonima di una cara amica deceduta due anni fá, non vedo una risposta alle mie osservazioni sulle prospettive apocalittiche del Signor Alessandro, e, pensando all’Arcivescovo Viganó, vedo tutto tranne la persona che stá sferrando un attacco frontale contro il cattolicesimo, togliendo cosí al Bergoglioso il titolo di picconatore princeps di Santa Romana Chiesa. Come, pensando al presidente Trump, vedo tutto tranne colui che stá conducendo un’armata di democratici atei e pervertiti in battaglia contro il cristianesimo mondiale. E tutto ció, per di piú, negli ultimi quaranta giorni! Ma suvvia, c’é un limite anche ai vaneggiamenti ed alla pazzia.

          • Alessandro ds ha detto:

            Vedi molto male allora fratello.
            O lei non legge gli articoli dei giornali che ho postato, oppure è in malafede.
            Come può non aver letto gli articoli che tutto il mondo conosce dove senza nemmeno nascondersi e senza vergogna Pompeo e Trump hanno invocato, cercato e trovato lo scisma della chiesa ortodossa, per futili motivi economici e politici, influggendo il più grande scisma dei cristiani negli ultimi 1000 anni. Lo hanno appoggiato e creato sia economicamente che politicamente, per indebolire Putin e la Russia. ( lo sa tutto il mondo meno che lei )
            Trump cosa deve fare più di questo ? Deve scendere in strada e sparare conteo tutti per dimostrare che dei criatiani e di Dio non gli importa nulla? Poi sa quante volte è divorziato e rispisato Trump?
            Io non credo che siete ciechi, siete semplicemente pieni di ideologia fino al midollo e dovete agire in maniere intellettualmente disonesta, allo stesso livello dei Trollw che cercano di accusare Benedetto sul caso McCarrick.
            Di Viganò io sono stato grande sostenitore inizialmente, lo acclamavo quando tutti nennemo gli davano ascolto, poi ho visto che ha incominciato ad accompagnarsi con gente poco raccomandabile….lo sto ancora scrutando per capire se ha solo sbagliato gli alleati oppure no.

          • A Alessandro ds ha detto:

            Su certe cose e’ lampante: pieni di ideologia fino alidollo. Senza misericordia se non per se stessi. E mi verrebbe da dire…ridicoli, non fosse tragico….farsi guidare da gente a cui non darei da amministrare il portafoglio di un bambino, mentitori seriali. Peggio che la nipote di Mubarak per intenderci. E questo e’ il parlamento che lo avvalla.

          • newman ha detto:

            @ Alessandro DS (26.07/20:56)
            1. Lei confonde l’autocefalia con lo scisma. Il Patriarca Atenagora di Costantinopoli ha riconosciuto l’autocefalia
            della chiesa (indipendentista) ucraina. Quindi, canonicamente é tutto a posto. E’ chiaro che l’amministrazione Trump per ragioni politiche sostenga l’indipendenza dell’ortodossia ucraina da quella russa, molto politicizzata.
            2. Il presidente Trump sostiene i movimenti per la vita, al contrario dei democratici: ha posto il veto ad una risoluzione dell’ONU che avrebbe finanziato movimenti abortisti in paesi del terzo mondo; combatte l’ideologia omosex e LGBTQetc. Egregio Alessandro, questi sono i fatti.
            E “contra factum non valet argumentum”. D’accord?

          • Alessandro ds ha detto:

            Infatti il patriarca russo e tutti i metropoliti accusano apertamente Costantinopoli di aver ricevuto ingenti somme di denaro degli USA in cambio di “benedire lo scisma” e i servizi segreti russi e Putin hanno dimostrato che Gli USA hanno dato i genti somme di denaro al presidente Ucraino e finanziato lo scisma dando soldi anche alla muova gerarchia ecclesiale ucraina.
            Come vede siamo ben al di fuori di quello che afferma lei, in discorso è “appoggiare moralmente dall’esterno” e un discorso è dare soldi a tutti per corromperli e crearlo.
            Omtretutto Costantinopoli non aveva nemmeno autorità sulla chiesa di Ucraina, era sotto la giurisdizione di Russia.
            In quanto tutte le chiese in Ucraina sono stata fatte con soldi di Mosca, non di Costantinopoli. C’era un accordo vecchissimo che metteva nero su bianco che era Mosca ad avere giurisdizione sull’Ucraina.
            Lei continui a difendere l’anticristo…continui continui….
            La sodomia è piccola cosa in confronto a quello che ha fatto Trump contro i cristiani.
            E si ricordi, l’anticristo si presenterà come una brava persona, non si presenterà con le corna e forcone. Ingannera’ tutti proprio perché sembrerà uno pulito.

  • anonimo ha detto:

    Signor parroco,
    credo ci sa un errore nello smistamento della posta.
    Ho ricevuto infatti tre bollettini parrocchiali con titoli come “Rispettiamo la natura”, “Il problema dell’acqua”, “Perdita della biodiversità”. Si tratta certo di uno scambio involontario con i bollettini dell’ETRA (*) . E sono altrettanto certo che i “veri” bollettini parrocchiali titolavano invece “Rispettiamo Dio”, Il problema della fede”, “Perdita della purezza”. Le sarei grato se volesse controllare.
    SLGC
    Franco Damiani

    (*) Etra : Energia Territorio Risorse Ambientali è una multiutility a totale proprietà pubblica, cioè una società soggetta alla direzione e al coordinamento dei Comuni soci in base all’art. 30 del TUEL (Conferenza dei Servizi), che svolge una serie di servizi di rilevanza pubblica

  • alessio ha detto:

    Come non ringraziare la nostra Santa
    Baviera che nella strenua
    resistenza al nazismo ha offerto
    prova di carità cristiana come nel
    caso del fondatore dell’Adidas che
    ha fornito materiale atletico
    a Jessie Owens ,vincitore alle
    olimpiadi di Berlino , le tre
    strisce rappresentano la
    Trinità , mi sa che
    rifornire l’unione sovietica
    ha aiutato per la
    consacrazione della Santa
    Russia . E come non
    pensare a San Raffaele
    che penso si stia dando
    da fare in Iran , perché
    nell’ora sesta stà scritto:
    tu accendi il cielo di fuochi.
    ( non se è pubblicabile
    Tosatti , ma per
    l’adidas mi risulta essere
    vero).
    Sull’etica della mercedes
    è meglio stare zitti.

  • Sergio Russo ha detto:

    Carissimo Mons. Viganò, che Dio la benedica, che san Michele Arcangelo la protegga, che il dolce Signore lo tenga sempre vicino al suo adorabile Cuore, che la santa Madre di Dio lo abbia teneramente tra i suoi figli più cari e devoti…
    Ed ancora, un grazie particolare da un piccolo membro, militante, del Piccoolo Gregge di Gesù.
    Sergio Russo.

  • Gianfranco ha detto:

    Continuano le formidabili bordate sparate da mons. Viganò contro la cittadella della Menzogna, e in soccorso della conculcata Verità. A proposito, conviene ricordare l’introduzione di Tosatti all’articolo di ieri: “torniamo a parlare dell’ex cardinale Theodore McCarrick, mentre siamo sempre in attesa – un’attesa che forse non verrà mai soddisfatta – del rapporto che il Vaticano ha promesso di rendere pubblico nell’ottobre 2018 sui documenti esistenti alla Santa Sede sulle attività predatorie di McCarrick. Non vi sembra straordinario che siano passati quasi due anni senza che quella promessa sia stata mantenuta?”.
    Ormai sono innumerevoli e incontrovertibili le prove della sfrontata, totale malafede e sistematica mistificazione del gesuita in bianco e dei suoi ben selezionati scherani.
    Ma inutile illudersi: il bravo bergogliano DOC, sempre fedele al suo motto “MAI RAGIONARE” è tetragono ad ogni evidenza: è a prova di prove!

  • Gene ha detto:

    Sminuire il ruolo di Viganò nello scoperchiare il caso Mackarric non toglie gravità ai fatti imputabili a quel prelato, perciò coloro che ne vogliono sminuire l’importanza sono in malafede. come Cotd, Alessandro DS…
    Ciò che conta è il ruolo del pampero che si circonda di persone ambigue, irriverenti verso la figura del Gesù che loro hanno giurato di seguire e di rispettare. Nel mondo romano e greco la sodomia era presente, ma non come stile di vita né tsntomeno come stile religioso.

  • Donna ha detto:

    Lobby gay, massoneria, pedofilia,eresia,pachamama, connivenze, omertà, sincretismo, relativismo,panteismo,divisione,confusione. …e la macedonia di questa devastata chiesa bergogliana potrebbe purtroppo essere arricchita di altri “ismi” e aggettivi….
    Alla luce di questa “situazione infernale”la domanda però che mi pongo da semplice fedele è: come, sia ancora possibile accettare, come viene pronunciato durante la celebrazione della S. Messa , di essere “in unione con papa Francesco” , …,e per un credente questo è un caso di coscienza non indifferente. .

    • Raffaella ha detto:

      @Donna poni un problema serio che anch’io sento molto e cioè, alla luce di tutto quello che sappiamo, vediamo e ci diciamo su questo blog, accettare di essere “in comunione col nostro Papa Francesco” ad ogni celebrazione eucaristica.
      È possibile portare questo tema all’attenzione dei sacerdoti che collaborano a SC?

  • Marco Matteucci ha detto:

    Fino a quando non si troverà il coraggio di prendere una posizione netta di rifiuto contro questo (chiamiamolo) papa e contro tutti gli errori dottrinali che sparge a gesto continuo con parole e azioni di indubbia provenienza satanica del tipo:
    Gesù fa un po’ lo scemo, perché non era un pulito, la Madonna non è nata santa, dentro la Trinità litigano a porte chiuse, un Dio cattolico non esiste, etc. etc.
    Da questa eresia non se ne esce… NON C’È SANTO CHE TENGA!

  • DTOC ha detto:

    caro Tosatti, mi riferisco allo scambio di commenti con questo COTD troppo interessato a denigrare Viganò e zero interessato ai fatti che dimostra di conoscere fin troppo bene fin dall’inizio. Mi gioco un dollaro che costui nutre risentimenti contro Viganò per avere realmente portato alla luce quello la vicenda McKarrick ., che noi conosciamo grazie a Viganò , perchè ,come dice COTD i giornalisti dormivano . Ma come mai dormivano ? Non li ha svegliati Viganò, Lei COTD si tradisce con il suo stile pieno di racori verso Vigano, dicendo pure una sciocchezza ,quando scrive riferendosi a Viganò : ” la berretta cardinalizia già tolta ” .Si è tradito caro COTD lei appartiene alla corte di Bertone che odia Viganò.

    • Cotd ha detto:

      Inutili attacchi personali. Non ho screditato nessuno ma solo detto che la vicenda McCarrick era nota da almeno 10 anni e che dopo la notizia dello sberrettamento i giornali americani avevano già detto quasi tutto ciò che ha poi scritto Viganò a metà agosto.
      Come ha visto ho messo dei link a notizie del 2008.
      Se lei ha saputo di McCarrick solo il 18 agosto e non già da luglio significa che limita le sue informazioni al sito di Marco Tosatti. Nulla di male, ma eviti di dire sciocchezze su di me. Anche perché per me Bertone può andare a quel paese come Viganò e anche lei.

      • Marco Tosatti ha detto:

        Sicuramente – per dirne una – i giornali americani non hanno parlato della copertura di papa Bergoglio, del silenzio di Parolin,delle misure di BXVI..mi sembra che lei spari cose generiche imprecise e non attendibili. Il perché lo faccia, lo ignoro.

      • lucienne ha detto:

        sciocchezze su di lei CODT ? , con una sigla che sembra quella del virus COVID ? Ma va! lei è un raccoglitore di sciocchezze che vuole solo denigrare mons. Viganò ,Esattamente come ha fatto e fa Bertone . Ha ragione TDOC lei , senza far capire nulla di ciò che dice ,ha manifestamante solo l’obiettivo di denigrare uno dei vescovi più coraggiosi e leali che c’è oggi nella nostra povera chiesa .

    • Giusy ha detto:

      I giornalisti non dormivano, sapevano tutto ma tacevano. Soprattutto i vaticanisti dell’era Ratzinger.

      • Marco Tosatti ha detto:

        Posso rispondere solo per, ovviamente, ma le assicuro che io non ne sapevo nulla. E credo sia lo stesso per alcuni altri che conosco bene.

        • Giusy ha detto:

          Va bene. Allora ai giornalisti complici affianchiamo i giornalisti disinformati. Ma lei non lo sapeva che gli attacchi a Benedetto provenienti dall’America riguardavano proprio la sua non gestione del caso McCarrick? Davvero non lo sapeva?

          • Marco Tosatti ha detto:

            La sua affermazione è una stupidaggine. Gli attacchi – fasulli – Benedetto riguardavano altri casi. Perché cercare disinformare? Insisto, ed è già stato detto e ridetto che PRIMA della denuncia relativa ai monori BXVI ha preso misure contro McCarrick – e non solo: circa 90 vescovi e 400 preti sono stati rimossi – che Wuerl ha trascurato di applicare e Bergoglio ha cancellato. Questa è la realtà dei fatti. I deliri sono altro.

          • Judit ha detto:

            che sciocchezza madornale ! ma lei dove trova le info ? sul sito di Blondet ? Gli attacchi dagli USA a B XVI avevano tutt’altre origini . Stia buona.

    • I peccato che gridano? ha detto:

      Insomma quante categorie vanno licenziare o ridotte allo stato laicale?
      Per amore della “berita”‘”.

      https://www.corriere.it/padiglione-italia-grasso/18_novembre_18/quella-predica-pulpito-sbagliato-b6bba894-ea9e-11e8-8cc4-9792426ad1f5.shtml

  • alessio ha detto:

    Scusi Tosatti , non conosce nessuno
    che si possa prendere incarico
    legale di me visto che sono
    invalido civile e i carabinieri
    mi minacciano di portarmi in
    psichiatria tenuto conto che
    in due mesi il mio amico
    Luciano ex dipendente del comune
    di Scarperia c’è rimasto secco.
    Alessio Bianchi nato a
    Firenze 8/5/68 via
    Forese da Rabatta 55/ 12.
    Purtroppo mia moglie
    crede ai carabinieri.
    Sono amico dell’ ufficiale
    della guardia di finanza di
    Firenze Bartolo Sorrentino
    che io stimo integerrimo
    e di Antonio Massaro della
    Digos di Firenze che a
    calcetto mi regalava i
    calzini usati di Batistuta.

  • Leguleio ha detto:

    Che poi al di la’ delle condanne giudiziali terrene, la verita’ la sa’ Dio.

    Quali altre ingiustizie si commettono contro i beni del prossimo? Col fargli perdere ingiustamente ciò che ha, col danneggiarlo nelle possessioni, non lavorare conforme al dovere, non pagare per malizia i debiti e le dovute mercedi, col ferire od uccidere animali che gli appartengono, col mandare a male le cose avute in custodia, con l’impedire ad alcuno di fare un giusto guadagno, col tenere mano ai ladri, col ricevere, nascondere o comprare la roba rubata. La tassazione iniqua ed immorale (Cf. Papa Leone XIII,Rerum novarum del 15 maggio 1891; Papa Pio XI, Quadragesimo anno del 15 maggio 1931; Papa Pio XII, Discorso ai partecipanti al Congresso dell’Istituto internazionale delle finanze pubbliche, 2 ottobre 1948; Papa Pio XII, Allocuzione al Congresso del’Associazione fiscale internazionale sula natura e i limiti delle tasse, 2 ottobre 1956 – qui approfondimento), in quanto tale, non vincola moralmente il suddito, il quale potrà pagare secondo le sue possibilità e nella misura moralmente accettabile, premurandosi di non provocarsi ancor maggior danno, agendo in questo modo. Rimando alle indicazioni dei Santi moralisti come sant’Alfonso. Ne parleremo in futuro.

    Castighi di Dio. I terribili castighi che ci hanno colpiti negli ultimi decenni con due guerre mondiali e innumerevoli stragi, sono indubbiamente il castigo di questo peccato, del peccato impuro contro natura e dei delitti contro la persona e la dignità umana (afferma Padre Dragone).

    Dio castiga anche a causa di altri gravi peccati. Lo vedremo nei prossimi articoli.

    A cura di CdP Ricciotti. Rielaborazione ed approfondimento partendo da: Catechismo di san Pio X commentato da Padre Dragone, CLS, Verrua Savoia, 2009, pag. 238 ss.

    aborto, Carlo Di Pietro, Casti Connubii, castighi di Dio, comunismo, contraccettivi, contraccezione, contro natura, debiti, disoccupazione, Dragone, furto, immigrazionismo, leggi, legislazione, marxismo, non fornicare, non rubare, non uccidere, omicidio, peccati, san pio x, socialismo, sodomia, tasse, usura, vendetta di Dio

    Perché Dio ci castiga? Quali sono i peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio? di guelfonero on 14 Gennaio 2016
    Vedi altro di guelfonero →

    Condividi o invia per email
    E-mailStampa
    Mi piace:
    da TaboolaContenuti Sponsorizzati
    Dei sub trovano una vecchia macchina fotografica sul fondo dell’oceano e scoprono delle foto impressionanti
    BIBA
    Personaggi famosi che sono deceduti senza che tu lo sapessi
    Healthy George
    Un uomo lancia una gigantesca bomba effervescente nella piscina e questo è il risultato
    WorldRazor
    14 anni fa, una donna partorisce una bambina a 66 anni. Che aspetto avrà la piccola adesso?
    Story-King
    Le ultime foto di Kate e William confermano quello che tutti noi temevamo
    Trendscatchers
    Facciamo la pace fiscale? Verifica come ridurre i tuoi debiti
    Pace Fiscale
    da TaboolaPotrebbe Interessarti Anche
    La fine del padre spirituale dei “veggenti” di Medjugorje
    Quando il demonio fa pregare: le 11 regole per discernere segni, locuzioni e fatti straordinari
    Anche don Minutella riconosce: “Se confermate dichiarazioni, Ratzinger ci inganna”
    Correlati

    La gravità dei peccati contro il VI comandamento.
    27 Settembre 2019

    In “Cattolicesimo romano”

    Poche parole sulla morte di Marco Pannella
    19 Maggio 2016

    In “Attualità”

    Gli errori di padre Cantalamessa nell’omelia del Venerdì Santo
    13 Aprile 2020

    In “Apologetica e polemica”

    7 Commenti a “Perché Dio ci castiga? Quali sono i peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio?”

    #AICI
    18 Gennaio 2016 at 6:55 pm
    Nel fare gli esempi, affianchiamo al comunismo il nazismo ed assieme a ‘totalitarismi socialisti’ aggiungiamo i ‘totalitarismi fascisti’& simili….

    Rispondi

    #ricciotti
    18 Gennaio 2016 at 7:02 pm
    Grazie per la precisazione.
    La dottrina sociale di nazismo e fascismo comunque ordinariamente non opprimeva la privata proprietà.
    Quelle dittature avevano altri difetti.
    Un caro saluto.

    Rispondi

    #Alessio
    19 Gennaio 2016 at 4:51 am
    Io personalmente NON ringrazio per la precisazione, tralaltro del tutto fuori luogo. A quanto pare c’è ancora gente che se non mette di mezzo il “fascista cattivo” non si sente a posto.

    Rispondi
    Pingback: Il trans Efe Bal si traveste da suora e lo cacciano dal Family Day. Poi si lamenta con i giornali! | Radio Spada

    #Maria
    5 Febbraio 2016 at 2:10 pm
    Ci sono i cristiani e……tutti gli altri sono a parte.

    Rispondi
    Pingback: Unioni civili e adozioni gay? Misure contro Dio, contro la legge naturale, contro la società | Radio Spada

    #Martino Mora
    25 Settembre 2016 at 9:58 pm
    Ne manca uno grave quanto e più della lussuria e della superbia: la cupidigia di denaro o più impropriamente avarizia. L’idolatria dellea merce. la servitù a Mammona, che si manifesta dal consumismo di massa al dominio della finanza internazionale, sono peccato gravissimo agi occhi di Dio.

    Rispondi
    Lascia un commento
    L’indirizzo email non verrà pubblicato.

    Il tuo commento è in attesa di moderazione

    Nome
    Notifiche
    Sito web
    Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

    Acconsento all’iscrizione alla newsletter (Informativa sulla Privacy).

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Gli ultimi articoli
    Pio II a Maometto II. Alcuni stralci della “Epistola ad Mahometem”
    [DIFUNDE TU FE CATOLICA] LAS TRES MÁRTIRES CARMELITAS, fieles Esposas de Cristo Rey
    Avvenire senza pudore. Non si commetterà reato se le “opinioni” sono pronte a “fecondarsi”?
    Democristianate: tutti gli ingredienti del pasticcio Zan. E (verosimilmente) come uscirà dal forno
    [DIFUNDE TU FE CATOLICA] COMPLACIENTES CORTESANOS: de la CARTA DEL OBISPO GUERRA CAMPOS al entonces Rey Juan Carlos después que éste sancionara con su firma la Ley del Aborto
    Betlemme, l’esercito israeliano sequestra un fonte battesimale del V secolo
    Gli ultimi commenti
    Claudio su Finalmente liberi. E contenti?
    Massimo Micaletti su Finalmente liberi. E contenti?
    Mara Iapoce su Finalmente liberi. E contenti?
    Mara Iapoce su Zan-Scalfarotto ridimensionato: verso il pasticcio all’italiana che fa contenti (quasi) tutti
    bbruno su Betlemme, l’esercito israeliano sequestra un fonte battesimale del V secolo
    Anton su Zan-Scalfarotto ridimensionato: verso il pasticcio all’italiana che fa contenti (quasi) tutti

    TESSERAMENTO ABOUT LA CASA EDITRICE CHE ASPETTAVI RS-ENCYCLOPÆDIA PRIVACY COOKIE
    © 2020, ↑ Radio SpadaAccedi –

    • MaxFortis ha detto:

      Caro avvocaticchio, prova a sintetizzare il tutto in due righe . Così dimostri di sapere cosa mandi a SC . Il sabato mattina consacralo allo sport che è meglio.

      • Leguleio ha detto:

        Tra i peccati che gridano verso il cielo o verso Dio c e ne sono anche molti “finanziari”. Soprattutto sulle persone deboli.

        https://informarexresistere.fr/vigano-vaticano-papa-condannato/

      • Leguleio ha detto:

        Che rubare ai disgraziati grida vendetta a Dio tale e quale la sodomia. Ma non solo non vanno allo stato laicale. Pontificano.
        Comunque che non venga pagato per le rime, con la sua stessa moneta, può essere una astuta mossa di Bergoglio. Non scherzo. Si dimena come un topo nella rete. L incensurato.

  • Maria Michela Petti ha detto:

    Senza alcun intento di depotenziare la coraggiosa testimonianza di mons. Viganò, più che reiterare commenti a notizie di cui ormai – nonostante il Vaticano (con tutto l’ “esercito” di giornalisti a libro paga) e la stampa mainstream – la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica ha piena consapevolezza , vale la pena rileggere le pesanti dichiarazioni rilasciate da mons. John Joseph Kennedy, capo ufficio della Sezione disciplinare della Dottrina della Fede, all’ indomani della pubblicazione dell’Istruzione (il 17 dicembre scorso) “Sulla riservatezza delle cause”. Il rescritto con il quale – come enfatizzato sugli organi di informazione nell’immediatezza dell’atto – si è deciso di abolire il segreto pontificio nei casi di abusi sui minori, di violenza sessuale e di pedopornografia.
    Dati e cifre impressionanti, con la denuncia di un organico in estrema difficoltà – sia per la carenza di personale che per il livello di competenze non propriamente all’altezza della materia da trattare – ad affrontare lo “tsunami” di un fenomeno drammatico per la Chiesa e nella Chiesa che ha toccato l’apice proprio nello scorso anno. Il tutto con l’amara considerazione personale di mons. Kennedy: «Suppongo che se non fossi un prete e se avessi un bambino maltrattato, probabilmente smetterei di andare a messa».
    Cos’altro aggiungere? La crisi ormai acclarata, e non solo a motivo degli abusi di varia natura, esigerebbe che almeno la si smettesse di invocare “creatività” – genericamente – e di «aprirsi a nuove forme di presenza ecclesiale» per superare lo smarrimento che – stando alla Lettera ai vescovi della presidenza CEI del 23 luglio – sarebbe stato determinato dall’ «allentamento delle relazioni» dovuto al covid-19 e al conseguente lockdown.
    Si rilegga la lucida testimonianza di mons. Kennedy, peraltro riportata con completezza di dettagli da un giornale impegnato strenuamente nella difesa del “nuovo” corso ecclesiale.
    https://www.pressreader.com/italy/il-fatto-quotidiano/20191221/282196537855609

  • Alessandro ds ha detto:

    Certo che oggi ha vita facile Viganò parlando degli abusi di McCarrick, ovviamente nessuno può contraddirlo o dire qualcosa contro di lui in questa argomento ( nessuno attaccherebbe mai Viganò, sembrerebbe come prendere le difese di McCarrick, sarebbe un suicidio )
    Tuttavia, io che ho avuto il dono da Dio di avere un cervello umano standard ( cosa che credevo fosse scontata per tutti, invece mi sono accorto che un cervello standard è un lusso di questi tempi )
    Vorrei una domanda semplice semplice: ” Mons. Viganò, le parla di lobby gay potenti, cosa molto vera e sotto gli occhi di tutti. Ma cosa ci sa dire riguardo alle – lobby americane di massoni – che stanno cercando di distruggere il grande potere politico delle chiese cristiane più influenti di tutto il mondo, facendo anche finta di passare per buoni e bravi, e magari vengono indicati anche cone palasini cristiani.
    Cosa ci sa dire delle lobby americane di massoni ultra cattoliche?
    Cosa ci sa dire del presidente Trump e del segretario Pompeo?
    Cosa ci sa dire del piano americano per distruggere il potere delle chiese cristiane politicamente più influenti nel mondo?
    Co.e mai queste lobby massoniche americane cercano di distruggere solamente la chiesa cattolica e ortodossa, ma la protestante non la toccano?

    • Maria Cristina ha detto:

      I suoi commenti Alessandro DS peccano di “benaltrismo”.
      Che e’un modo sofistico e molto furbo di sviare l’attenzione dall’argomento in oggetto per deviarla verso qualcosa d’altro.
      Certo, si sta parlando del cardinale MC Carrick e il cervello umano standard Alessandro DS vuole che parliamo di “ben altro”
      Dei massoni, del presidente Trump ecc. ecc..
      Sempre piu’mi convinco che il cervello umano standard Alessandro DS sia un infiltrato in questo blog per seminare confusione mentale. Se poi e’un seminarista come afferma, Dio ce ne scampi da futuri preti di questo tipo.

      • Judit ha detto:

        ADS , non è pericoloso, troppo sciocco per esserlo

      • Suor maria ha detto:

        Ma il cardinale Grier, così per sapere, e’ prescritto? O assolto?

        Sembra che tutti non sapessero nulla. Mac carrick ha avuto rapporti con seminaristi? Altri con donne, suore, han figli….siete un po’..strani. Ricordo il numero due della Cei anni fa 🤣

      • Suor Maria ha detto:

        Si però i vostri di MC carrickismo. Ora e’ pure ridotto allo stato laicale. In mano al braccio secolare. Deve attivarsi il nunzio, un altro, per far ingerenze suo giudici?

  • Marcolino ha detto:

    Non basta dire che l omosessualita’ e’ legata alla pedofilia. Bisogna riportare almeno uno studio. Ci sara’ uno psicologo o psichiatra non legato al NWO? O ci si basa su esperienze personali? Maciel violentava i figli maschi, non le figlie.

  • donZ ha detto:

    Caro Tosatti anticipo che sto ironizzando e provocando. Non vorrei che qualche anima candida credesse a quello che segue .
    Io credo, come dice mons.Viganò, che “tutta la verità su McCarrick non verrà mai ufficialmente alla luce.” ma non solo per ragioni di ricatto,connivenza ed altro, ma anche per una ragione superiore , questi reati alla McKarrick ,NON sono affatto reati.
    Per capirlo è necessario seguire questo processo logico :
    – gli individui che credono nel libero arbitri sono i più manipolabili proprio perche si ritengono liberi da condizionamenti religiosi .( i Comandamenti, i Precetti ..)
    – gli individui che hanno una fede religiosa non sanno osservare e capire la REALTA’ perchè credono sia una conseguenza del peccato ,E ciò NON è vero.
    – la realtà va accettata per quello che è anche se in contraddizione con la educazione ricevuta e la fede.
    – la realtà non può essere peccato.
    – la realtà evidenzia l’errore di credere che ci siano atteggiamanti naturali e innaturali .Non esiste un comportamanto innaturale, E’ impossibile andare contro leggi di natura .Se qualcosa esiste è naturale.
    – L’evoluzione della civiltà,cultura,scienza,tecnica , coscienza , spiega che un comandamento divino che andava bene 3000 o 2000 anni fa , andava bene allora ,ma non più oggi, La morale deve evolvere necessariamente , secondo la realtà.
    -ciò conferma che il concetto di castità deve evolvere ,non solo per un laico ma anche per un religioso . E ciò conferma che se l’attitudine sessuale è omo ,non è affatto contro natura.
    – ne consegue come coclusione che McKarrick non ha compiuto alcun reato , seguendo la sua reale natura di prete , che è comprensibile grazie alla evoluzione dei costumi .
    -forse ha compiuto solo un azzardo, ha fatto proselitismo sessuale. Forse usando coercizione . Ed in questo è riprovevole . Una confessione e via…

  • Fabio ha detto:

    In gioventù ho frequentato oratorio e parrocchia, mai avuto problemi da parte di sacerdoti né atteggiamenti ambigui per cui mi sono domandato come mai invece molti vescovi fossero gay friendly. Mi sono detto che evidentemente quella tendenza fosse importante per l’ordinazione : alla luce dei fatti sembra proprio così

  • donZ ha detto:

    leggo :
    «La Chiesa non cercherà mai di insabbiare o sottovalutare nessun caso».
    E’ vero. Perchè la chiesa di Bergoglio giustifica , scusa, e persino apprezza . tutti questi casi .

    • Marcolino ha detto:

      E’ indubbio che si arrivi pure ad uccidere, nella chiesa. Anzi a sputtanarti come don orione o padre pio. E certo chi ha avuto determinate frequentazioni e’ pericoloso. Ma per chi e’ attaccato a questa vita. Ora il papa non emerito o ha misericordia di certe persone non scomunicandolo o ridurle a stato laicale o e’ veramente luciferino e lì non c e organizzazione segreta che tenga..i personaggi fanno figure barbine.

  • donZ ha detto:

    leggo :
    “La procedura amministrativa ha inoltre impedito l’audizione delle vittime, mentre le testimonianze raccolte solo di recente dall’avvocato Lena, il legale della Santa Sede, sembrano scritte sotto dettatura: chi ha subito molestie giunge a scusare , ecc.”

    domando : si tratta per caso dell’avv. Jeffry Lena ? una specie di agente segreto corresponsabile dell’ “affaire” Vatileaks I e dello stato di polizia conseguente che ha permesso a Bertone di far isolare e arrivare a estromettere Benedetto XVI nel 2012 ? Ma mons,Viganò sa chi è costui ?

  • Agostino ha detto:

    Secondo me la risposta all’ultima domanda è il condensato dell’intervista. Il richiamo ai “figli della luce” ripreso dallo scritto profetico sugli ultimi tempi rinvenuto fra i “Rotoli del Mar Morto” e fatto proprio nella clamorosa lettera al bistrattato, odiato e mai sopportato Presidente degli Usa, Donald Trump; il richiamo accorato alla “verità e trasparenza” affermato nel Vangelo da N.S. Gesù Cristo; il disegno massonico del Nuovo Ordine Mondiale, ispirato da Satana che ha ormai esaurito il tempo concessogli da Dio per distruggere la Chiesa di Cristo; il richiamo esplicito a Fatima e alla richieste accorate della Madre di Dio e infine il riferimento ultimo alla Russia e la mancata Consacrazione al suo Cuore Immacolato che prelude all’imminente punizione del Mondo proprio per mezzo della Russia stessa. Il Vescovo Viganò forse non è soltanto un attento testimone del nostro tempo, ma per la sua alta autorità morale e spirituale come Vescovo autentico della vera Chiesa Cattolica romana, qualcosa di più: un Testimone con “t” maiuscola e per questo prego e pregherò per lui affinché Dio lo conservi in vita per compiere la sua missione.

    • Marcolino ha detto:

      I figli di Alessandro Volta, l inventore della pila.

      L altra sera c era Carla del Ponte in TV. Quella che doveva saltare in aria con Falcone. E ha fatto nomi. Non c entrano con la chiesa. PEGGIO.

  • Enrico ha detto:

    Anche l’Occidente ha avuto (ha avuto, ora non più) i suoi Samurai.

    Circa 60 anni addietro ne veniva assassinato uno che così esortava.

    «Il Paese va in rovina per mancanza di uomini, non per mancanza di programmi. È questa la nostra convinzione. Dobbiamo quindi non elaborare nuovi programmi ma allevare uomini, uomini nuovi.

    Parla poco. Parla quando occorre. Di quanto occorre. La tua oratoria è oratoria dell’azione. Tu opera, lascia che siano gli altri a parlare.

    Cammina soltanto sulle strade che ti sono indicate dall’onore. Lotta e non essere mai vile. Lascia agli altri le vie dell’infamia. È meglio morire combattendo sulle vie dell’onore che vincere per mezzo dell’infamia».

    Corneliu Zelea Codreanu (1899-1938), fondatore della Legione dell’Arcangelo Michele.

    Qui sotto, sette minuti e mezzo di vera sostanza, che si concludono con queste possenti parole di un’attualità stupefacente:

    «MANCANZA, ALMENO DA NOI, DI UNA CASTA SACERDOTALE CHE POSSA CONSERVARE IL SACRO FUOCO DEGLI ANTICHI CRISTIANI, MANCANZA DI UNA SCUOLA DI GRANDE ELEVATEZZA E DI GRANDE RIGORE CRISTIANO».
    https://www.youtube.com/watch?v=P91-YjYyjnU

    Nell’intervista figurano molti nominativi di uomini vecchi asserviti ed anzi sponsorizzatori dell’omosessualità. Diceva bene Codreanu: «non nuovi programmi ma uomini nuovi».

    Fermo rimanendo il dilemma: come fare perché uomini nuovi sostituiscano gli uomini vecchi.

    • Adriana ha detto:

      Enrico ,
      Codreanu ,il martire dalla triste figura…come l’hidalgo Don Chisciotte .
      Uomini nuovi ? Vedo solo quelli dominati dalla Matrix .

      • . ha detto:

        Capperi! Dopo mishima e Francisco Franco, adesso Codreanu. Goebbels e Brasillach a quando?

        • Enrico ha detto:

          Un testo spero non sospetto come l’Imitazione di Cristo così esorta: “Non cercar di sapere chi ha detto una cosa, ma bada a ciò che è stato detto”.

          Per me che fortemente claudicando cerco di imitare Cristo può bastare. Per Lei non so.

          Brasillach? Democraticamente fucilato non per crimini compiuti ma per lo proprie idee? E Lei che fa? tifa per il DDL Zan?

          Ma poi: ha letto bene ciò che è scritto o è bastato il nome di chi l’ha scritto a farLa chiudere a riccio?

          • @ enrico ha detto:

            Un testo spero non sospetto come l’Imitazione di Cristo così esorta: “Non cercar di sapere chi ha detto una cosa, ma bada a ciò che è stato detto”.

            Sa’ come verificano l attendibilita’ dei testimoni? Se non so contraddicono, se non vengono smentiti. Ora anche Pinocchio può dire una verita’ in mezzo a 1000 bugie, ma e’ perfettamente inutile. O per dirla al nuovo ordine mondiale: e’ un TRAGEDIATORE.

        • Enrico ha detto:

          “Non basta sottomettere più o meno pacificamente le masse al nostro regime, inducendole ad assumere una posizione di neutralità nei confronti del regime. Vogliamo operare affinché dipendano da noi come da una droga”.

          Non corrisponde perfettamente allo stato penoso, ecclesiastico e sociale, in cui ci troviamo? O siccome lo ha detto Goebbels rappresenta uno scandalo per i buonisti benpensanti misericordiosi e con le tasche piene di soldi?

  • alessio ha detto:

    Siracide 38,15.
    Chi pecca contro il Signore cada
    nelle mani del medico.

  • Cotd ha detto:

    Buongiorno Tosatti perdoni l’intromissione.

    Ho appena iniziato a leggere l’intervista e mi sono fermato a subito a questa frase

    Temo che non vi sia alcuna novità, ed è proprio questa la notizia. Con la riduzione allo stato laicale di McCarrick si è voluto porre fine ad una annosa vicenda venuta alla luce con la mia testimonianza[4] solo nel 2018

    Ma stiamo scherzando? L’a testimonianza di Viganò è arrivata dopo tre settimane dalla notizia della denuncia e ne parlavano tutti i giornali americani.
    La vicenda che ha portato alla condanna di McCarrick NON È VENUTA ALLA LUCE grazie a lui. Perché mentire?

    • Marco Tosatti ha detto:

      Credo che il significato sia diverso. La vicenda di cui parla l’arcivescovo non è la denuncia penale, ma il coinvolgimento delle autorità vaticane in complicità e coperture. Mentire è una parola grossa, sig. Cotd, va usata con precauzione.

      • Corrado Bassanese ha detto:

        Si svegliano presto i troll

      • Cotd ha detto:

        Ok sig. Tosatti. Ma se si riferisce non al caso specifico ma più in generale alle malefatte di McCarrick, la sua affermazione è un po’ grottesca perché di queste e della sua rete di coperture se ne parla pubblicamente da più di dieci anni, senza bisogno di Viganò.
        Guardi qui, ad esempio:
        http://awrsipe.com/Comments/2008-04-21-McCarrick_Syndrome.html

        La verità è che tutti i siti che si occupano di abusi parlano di lui da anni. Il caso è diventato mediatico due anni fa perché finalmente è arrivata la denuncia formale di un ex minore. Solo allora è intervenuto Viganò. Sicuramente ha dato un contributo, ma presentarsi come se fosse merito suo è francamente un’esagerazione. Il processo era già avviato, la berretta cardinalizia già tolta e l’esito era da subito scontato.

        • Marco Tosatti ha detto:

          Non dimentichi però che Viganò aveva provato avfarlo punire sin da quando era Delegato, e di McCarrick non si parlava. E ci ha riprovato da nunzio con papa Bergoglio e Parolin…senza successo. Un piccolo merito nel combatterlo quando Mc era al massimo dello splendore glielo vogliamo dare? O le sta proprio antipatico!? 🤣

          • Cotd ha detto:

            Attenzione. Sarà certamente vero che Viganò ha inoltrato delle denunce. Ma anche in questo caso erano di dominio pubblico.
            Quella di Richard Sipe (lo Statement) ad esempio è del 2008 ed è online da quell’anno. Qui in italiano:

            https://www.ildialogo.org/Ratzinger/crisichiese/dich17042008.htm

            Ora, se Viganò vuol rivendicare il merito di aver amplificato una questione di cui stavano già parlando tutti i giornali e di averla resa ancora più urgente, ok. Se cerca di dire, come sembra, che il pentolone è stato scoperchiato grazie a lui, allora esagera.
            Tenga conto Tosatti che quasi tutto quel che c’è da sapere su McCarrick è online da anni, anche le vicende relative a queste ultime denunce. Sono i giornalisti che hanno dormito fino a che non ci è scappato il minorenne.
            La storia che racconta Viganò assomiglia molto ad un resoconto pubblicato da un giornalista pochi giorni prima (Sipe, Ramsey ecc) Questi racconta di essersi dovuto tenere il dossier nel cassetto per quasi 10 anni perché nessun giornale voleva pubblicarlo… Se ritrovo il link glielo posto.